Board logo

Il Forum di Cicloweb

Non hai fatto il login | Login Pagina principale > Dite la vostra sul ciclismo! > Lotta al doping: sei Incrementalista, Cerchiobottista o Perfezionista?
Sondaggio: Lotta al doping: sei Incrementalista, Cerchiobottista o Perfezionista?
Benaltrista
Perfezionista
Cerchiobottista
Incrementalista
Preferista

Visualizza risultati
Nuovo Thread  Nuova risposta  Nuovo sondaggio
< Ultimo thread   Prossimo thread >  |  Versione stampabile
<<  1    2    3    4  >>
Autore: Oggetto: Lotta al doping: sei Incrementalista, Cerchiobottista o Perfezionista?

Amministratore




Posts: 5978
Registrato: Aug 2002

  postato il 19/10/2007 alle 17:02
Riprendo da altro thread la classificazione, arricchendola dei contributi di alcuni illuminati utenti.

La nomenclatura basica è stata proposta nei mesi scorsi dal geniale ProfRoubaix. Le integrazioni sono di Ottavio (benaltristi) e Lore88 (preferisti). Direi di limitare a queste 5 le correnti di pensiero in materia.

INCREMENTALISTI
Coloro che credono che la lotta al doping vada condotta passetto dopo passetto: intanto puniamo quelli che vengono beccati, poi a combattere contro i massimi sistemi penseremo in un secondo momento.
Pro: l'azione condotta secondo i loro dettami porta a far fuori dal sistema chi ha sbagliato, dando l'idea che il sistema stesso sia più pulito. Indubbio effetto deterrente (per quanto da quantificare).
Contro: sottovalutano pericolosamente il fatto che il doping è sistema, e che quindi lottare contro di esso in questo modo è un po' come affrontare un carro armato con le freccette.
Esponenti di spicco: Claudiodance, Felice, Maracaibo, Desmoblu, ForzaInter, Violetta.

PERFEZIONISTI
Coloro che credono che la lotta al doping vada condotta ai massimi livelli, mettendo in risalto le storture del sistema e sottolineando l'inutilità dell'attuale modo di combattere il doping stesso, un modo che è anzi strumento per faide politiche. Il loro fine ultimo è far luce sulla probabile inestirpabilità del fenomeno e promuovere un approccio culturalmente diverso al problema.
Pro: hanno un approccio inevitabilmente più realista alla questione, e non chiudono gli occhi sul fatto che anni di lotta al doping non ne hanno frenato il proliferare, ma al contrario hanno fatto sì che sui media e tra molto pubblico passasse l'equazione ciclismo=doping.
Contro: il fine che si prefiggono (uccidere il mostro dalla testa e non dalla coda) è probabilmente utopistico.
Esponenti di spicco: Morris, Donchisciotte, Monsieur40%, Luke, Miky70, Stress, Admin.

CERCHIOBOTTISTI
Coloro che non si riconoscono definitivamente in nessuna delle categorie sopraelencate, ma trovano spunti positivi nell'una e nell'altra, considerando evidentemente il fatto che né l'una né l'altra teoria porterà alla fine del fenomeno doping.
Pro: incarnano forse meglio degli altri l'attuale stato di confusione nel ciclismo: non si sa come finirà, e loro lo sanno bene.
Contro: la loro posizione è troppo comoda, paradossalmente potrebbero affermare una cosa e il suo contrario ed essere perfettamente coerenti con la loro corrente di pensiero.
Esponenti di spicco: ProfRoubaix, Mestatore, Pedalando, Cascata del Toce.

BENALTRISTI
Coloro che di fronte ad un qualsiasi provvedimento per risolvere un problema insorgono dicendo che il "problema è ben altro". Dunque, sono quelli che di fronte alla squalifica di un ciclista beccato con il sangue di un altro sostengono che il problema è ben altro e cioè la pessima amministrazione dell'UCI, oppure il giustizialismo opprimente degli organi di giustizia o il conformismo dei media od infine l'effetto serra.
Pro: ci ricordano quanto piccolo sia il nostro orticello e quanto spreco di energie profondiamo in queste discussioni.
Contro: in realtà non vanno mai a fondo della questione, rinviando a tempo indeterminato la risoluzione del problema.
Esponenti di spicco: Ottavio.

PREFERISTI
Coloro credono (spesso inconsciamente) che la lotta al doping vada condotta contro tutti i ciclisti tranne che contro i propri corridori preferiti. Una sottocategoria di essi sono i nazionalisti: coloro che tendono ad essere molto indulgenti e garantisti con i corridori della propria nazionalità e molto "giacobini" con i corridori di un altro Paese.
Pro: credono in un ciclismo idilliaco e purificabile dalle mele marce: un idealismo invidiabile.
Contro: a volte trascurano di porre l'accento su evidenze chiare che ne metterebbero in crisi la dottrina.
Esponenti di spicco: Gabri59, MagicBox.


Ps: se qualcuno dei citati non si riconosce nella corrente di pensiero a cui l'ho riferito, non si offenda ma smentisca tempestivamente l'eventuale errore, sì ch'io possa apportare le dovute correzioni!

 

____________________

Amarti m'affatica, mi svuota dentro
qualcosa che assomiglia a ridere nel pianto
Amarti m'affatica, mi dà malinconia
che vuoi farci, è la vita... è la vita, la mia

(Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping)

 
Edit Post Reply With Quote

Amministratore




Posts: 5978
Registrato: Aug 2002

  postato il 19/10/2007 alle 17:04
Suggerirei a tutti quelli che volessero autoriferirsi ad una delle 5 categorie di quotare l'elenco precedente degli esponenti aggiungendo in coda il proprio nick.

Secondo me (con la dovuta ironia, sempre!) ne verrà fuori un giochino interessante e divertente.

 

____________________

Amarti m'affatica, mi svuota dentro
qualcosa che assomiglia a ridere nel pianto
Amarti m'affatica, mi dà malinconia
che vuoi farci, è la vita... è la vita, la mia

(Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping)

 
Edit Post Reply With Quote

Moderatore
Utente del mese Aprile 2009, Febbraio 2010 e Luglio 2010




Posts: 8326
Registrato: Jun 2006

  postato il 19/10/2007 alle 17:05
Originariamente inviato da Admin

Riprendo da altro thread la classificazione, arricchendola dei contributi di alcuni illuminati utenti.

La nomenclatura basica è stata proposta nei mesi scorsi dal geniale ProfRoubaix. Le integrazioni sono di Ottavio (benaltristi) e Lore88 (preferisti). Direi di limitare a queste 5 le correnti di pensiero in materia.

INCREMENTALISTI
Coloro che credono che la lotta al doping vada condotta passetto dopo passetto: intanto puniamo quelli che vengono beccati, poi a combattere contro i massimi sistemi penseremo in un secondo momento.
Pro: l'azione condotta secondo i loro dettami porta a far fuori dal sistema chi ha sbagliato, dando l'idea che il sistema stesso sia più pulito. Indubbio effetto deterrente (per quanto da quantificare).
Contro: sottovalutano pericolosamente il fatto che il doping è sistema, e che quindi lottare contro di esso in questo modo è un po' come affrontare un carro armato con le freccette.
Esponenti di spicco: Claudiodance, Felice, Maracaibo, Desmoblu, ForzaInter, Violetta.

PERFEZIONISTI
Coloro che credono che la lotta al doping vada condotta ai massimi livelli, mettendo in risalto le storture del sistema e sottolineando l'inutilità dell'attuale modo di combattere il doping stesso, un modo che è anzi strumento per faide politiche. Il loro fine ultimo è far luce sulla probabile inestirpabilità del fenomeno e promuovere un approccio culturalmente diverso al problema.
Pro: hanno un approccio inevitabilmente più realista alla questione, e non chiudono gli occhi sul fatto che anni di lotta al doping non ne hanno frenato il proliferare, ma al contrario hanno fatto sì che sui media e tra molto pubblico passasse l'equazione ciclismo=doping.
Contro: il fine che si prefiggono (uccidere il mostro dalla testa e non dalla coda) è probabilmente utopistico.
Esponenti di spicco: Morris, Donchisciotte, Monsieur40%, Luke, Miky70, Stress, Admin.

CERCHIOBOTTISTI
Coloro che non si riconoscono definitivamente in nessuna delle categorie sopraelencate, ma trovano spunti positivi nell'una e nell'altra, considerando evidentemente il fatto che né l'una né l'altra teoria porterà alla fine del fenomeno doping.
Pro: incarnano forse meglio degli altri l'attuale stato di confusione nel ciclismo: non si sa come finirà, e loro lo sanno bene.
Contro: la loro posizione è troppo comoda, paradossalmente potrebbero affermare una cosa e il suo contrario ed essere perfettamente coerenti con la loro corrente di pensiero.
Esponenti di spicco: ProfRoubaix, Mestatore, Pedalando, Cascata del Toce.

BENALTRISTI
Coloro che di fronte ad un qualsiasi provvedimento per risolvere un problema insorgono dicendo che il "problema è ben altro". Dunque, sono quelli che di fronte alla squalifica di un ciclista beccato con il sangue di un altro sostengono che il problema è ben altro e cioè la pessima amministrazione dell'UCI, oppure il giustizialismo opprimente degli organi di giustizia o il conformismo dei media od infine l'effetto serra.
Pro: ci ricordano quanto piccolo sia il nostro orticello e quanto spreco di energie profondiamo in queste discussioni.
Contro: in realtà non vanno mai a fondo della questione, rinviando a tempo indeterminato la risoluzione del problema.
Esponenti di spicco: Ottavio, Laura Idril.

PREFERISTI
Coloro credono (spesso inconsciamente) che la lotta al doping vada condotta contro tutti i ciclisti tranne che contro i propri corridori preferiti. Una sottocategoria di essi sono i nazionalisti: coloro che tendono ad essere molto indulgenti e garantisti con i corridori della propria nazionalità e molto "giacobini" con i corridori di un altro Paese.
Pro: credono in un ciclismo idilliaco e purificabile dalle mele marce: un idealismo invidiabile.
Contro: a volte trascurano di porre l'accento su evidenze chiare che ne metterebbero in crisi la dottrina.
Esponenti di spicco: Gabri59, MagicBox.


Ps: se qualcuno dei citati non si riconosce nella corrente di pensiero a cui l'ho riferito, non si offenda ma smentisca tempestivamente l'eventuale errore, sì ch'io possa apportare le dovute correzioni!

 

____________________
Un uomo comincerà a comportarsi in modo ragionevole solamente quando avrà terminato ogni altra possibile soluzione.
Proverbio cinese

Jamais Carmen ne cédera,
libre elle est née et libre elle mourra.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Moderatore




Posts: 21608
Registrato: Oct 2004

  postato il 19/10/2007 alle 17:07
Posso essere "Perfezionista a scala"?

Cioè, solo assolutamente Perfezionista nei riguardi dei corridori; ma lo sono molto meno man mano che si scala "il palazzo".
Nei confronti dei ds sono meno Perfezionista che nei confronti dei corridori.
Nei confronti dei tm sono meno Perfezionista che nei confronti dei ds e dei corridori.

E così via.

 

____________________
Mario Casaldi - Cicloweb.it

CICLISTI
Si sta come
d'autunno
sugli alberi
le foglie

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Gastone Nencini




Posts: 483
Registrato: Sep 2005

  postato il 19/10/2007 alle 17:07
Decisamente perfezionista... Partire dal culmine della piramide.. per poi scendere di volta in volta..

 

____________________

 
Edit Post Reply With Quote

Moderatore
Utente del mese Aprile 2009, Febbraio 2010 e Luglio 2010




Posts: 8326
Registrato: Jun 2006

  postato il 19/10/2007 alle 17:08
Originariamente inviato da Monsieur 40%

Posso essere "Perfezionista a scala"?

Cioè, solo assolutamente Perfezionista nei riguardi dei corridori; ma lo sono molto meno man mano che si scala "il palazzo".
Nei confronti dei ds sono meno Perfezionista che nei confronti dei corridori.
Nei confronti dei tm sono meno Perfezionista che nei confronti dei ds e dei corridori.

E così via.


Un perfezionista scalatore!

 

____________________
Un uomo comincerà a comportarsi in modo ragionevole solamente quando avrà terminato ogni altra possibile soluzione.
Proverbio cinese

Jamais Carmen ne cédera,
libre elle est née et libre elle mourra.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Amministratore




Posts: 5978
Registrato: Aug 2002

  postato il 19/10/2007 alle 17:17
Intanto riporto qui tutta la discussione che si era sviluppata sul tema nel thread del caso Caneva.

Originariamente inviato da grilloparlante

A mio avviso, per quel che può valere la mia giovane esperienza, manca la categoria dei menefreghisti, che si spiega da sé.
E ci può anche stare, partendo magari dall'amara constatazione che tanto non cambierà mai nulla. In questo thread ne ho letti parecchi. Sono essenzialmente persone apatiche, cui tutto scorre sopra, incapaci di indignarsi e che, per spirito di contraddizione, sono pronte a recepire le assurde tesi di un direttore sportivo adddirittura radiato per complicità in un episodio di doping e sule cui tracce si muove nientemeno che la Guardia ddi Finanza.


Originariamente inviato da meriadoc

posso far parte della corrente dei cerchiobottisti?
pagherò la quota, lo prometto.


Originariamente inviato da Felice

Eccellente quadro tracciato con la solita lucidità da Admin.

Aggiungerei alla definizione di "incrementalisti" che sono pure coloro che credono che le leggi o le regole che una società / uno sport / uno stato si sono date, siano state fatte per essere poi rispettate. In alcun modo il fatto che il numero di coloro che violano tali leggi/regole sia cospicuo può essere considerata una giustificazione / attenuante della violazione stessa.

Fra i contro del partito "perfezionista" (via, qui sono di parte...) aggiungerei la perpetua necessità di cadere in contraddizioni palesi. Un esempio é fornito proprio da questo thread: quante volte é stato detto e ripetuto che era ingiusto che pagassero solo i ciclisti? Che dovevano pagare anche i medici ed i DS? Ebbene, ora che un DS viene beccato e punito di conseguenza, il campo perfezionista si trova costretto a prenderne le difese. Perché costretto? Ma perché per un DS che viene beccato ce ne sono altri 100 che non lo sono, perché il "sistema" non viene comunque intaccato, perché ai DS é giocoforza applicare tutte quelle attenuanti/giustificazioni che sono state sempre accampate per i ciclisti.
Lo sapeva bene RADIATO, che é venuto appunto a mettersi sotto l'ala protettrice dei "perfezionisti"...

Ciao a tutti


Originariamente inviato da Monsieur 40%

E io che sono "perfezionista" e che non ho preso le difese di radiato, allora, che sono?


Originariamente inviato da Laura Idril

Tu ormai sei un rugbista (OT) ehehehe


Originariamente inviato da Felice

Sei... in contraddizione con te stesso!

E il bello é che era inevitabile, qualunque scelta facessi: se lo difendevi eri in contraddizione perché dopo aver sostenuto che bisogna punire pure i DS, una volta tanto che ci sono gli elementi per toccarne uno, ti ritrovi a difenderlo; se invece non lo facevi, allora é l'aspetto "sì, se ne punisce uno, ma ce ne sono altri 100 che fanno le stesse cose e la fanno franca" che ti frega...

Che vuoi... problemi dell'ideologia perfezionista!

Ciao!


Originariamente inviato da pedalando

Felice!
Intanto ben ritrovato!

Ma ti rendi conto che hai appena scritto un'ode al Cerchiobottismo?


Originariamente inviato da Felice

Ciao Lando,

infatti volevo scrivere a Mario che, nel caso particolare, era temporaneamente passato nel campo cerchiobottista, ma poi me lo sono dimenticato...


Originariamente inviato da violetta

Guarda, admin, non per essere troppo puntigliosa, ma non ho mai detto che chi sbaglia deve essere buttato fuori, non so da dove salti fuori questo tipo di idea tua.
Sono sempre stata morbida con i giudizi nei confronti di chi ha "sbagliato" comunque penso sia OBBLIGATORIO che chi sbaglia paghi, pene tutte uguali ovviamente, senza nessuna simpatia o antipatia, senza sconti o aumenti di pena a priori.
Però, nel momento in cui i controlli antidoping dimostrano che ci sono I POSITIVI, beh allora significa che la colpa non è da attribuirsi SOLO ED ESCLUSIVAMENTE al direttore sportivo, al medico, al massaggiatore, ma in primis al corridore che, salvo casi estremi ed intricati, sa bene che cosa fa e che cosa gli altri fanno.
Non penso di lottare contro un mondo di Panzer giocando a freccette...la storia di piazza tien a men mi insegna che, sebbene con una semplice rosellina in mano, si può destabilizzare un mondo di carri armati. tutto qua.


Originariamente inviato da antonello64

Originariamente inviato da Felice

Aggiungerei alla definizione di "incrementalisti" che sono pure coloro che credono che le leggi o le regole che una società / uno sport / uno stato si sono date, siano state fatte per essere poi rispettate. In alcun modo il fatto che il numero di coloro che violano tali leggi/regole sia cospicuo può essere considerata una giustificazione / attenuante della violazione stessa.


questo è un aspetto dell'incrementalismo che condivido al 100%.


Originariamente inviato da Ottavio

Come fatto giustamente notare, nella classificazione di Admin mancano i MENEFREGHISTI, dei quali Claudiodance mi aveva nominato presidente onorario.
Io ho già risposto a quel vil fellone in un altro 3d e non mi ripeterò, semmai vorrei introdure un'altra categoria, che più che afferente al ciclismo si può applicare alla vita tutta e di cui molte volte, mio malgrado mi sento partecipe: la categoria dei BENALTRISTI (già teorizzata, mi sembra, da Michele Serra).

I Benaltristi sono quelli che di fronte ad un qualsiasi provvedimento per risolvere un problema insorgono dicendo che il "problema è ben altro".
Dunque, scendendo nella sentina del ciclismo, sono quelli che di fronte alla squalifica di un ciclista beccato con il sangue di un altro sostengono che il problema è ben altro e cioè la pessima amministrazione dell'UCI, oppure il giustizialismo opprimente degli organi di giustizia o il conformismo dei media od infine l'effetto serra.

Molto spesso mi scopro benaltrista, quando mi accorgo che vengono colpiti solo i ciclisti e mai i dirigenti.
Però in quel caso, pur sapendo di aver ragione e che il bersaglio è quello sbagliato, mi viene la voglia di appendere il ciclista beccato per i coglxxxxx, e sono contento se non torna a correre.
Cosa sono dunque un incrementalista con i piedi per terra, un perfezionista senza speranza, un menefreghista attento o un benaltrista ad oltranza?
Bo!

Vorrei tanto finire chiarendo una volta per tutte la mia posizione nei confronti del doping, ma non ci riesco.
Per la semplice ragione che io amo questo sport e non sono imparziale.
Percepisco la squalifica per doping di un corridore come un'ingiustizia e di un altro come un dovere.

L'unica cosa di cui sono certo è che i dirigenti del ciclismo (UCI e Federazione) son degli incompetenti e degli incapaci che dovrebbero essere spazzati via e che nelle squadre vige il dilettantismo e l'approssimazione.
Finché i dirigenti e direttori sportivi rimarrano questi non c'è speranza.


Originariamente inviato da Carrefour de l arbre

questa pagina 5 è un portento!
Io sono un fiero seguace della dottrina cerchiobottista.


Originariamente inviato da Laura Idril

La risposta di Ottavio si adatta a me! Sono una benaltrista!


Originariamente inviato da Admin

Ora non ho tempo, ma mi riservo di aprire un apposito thread in cui sviscerare le varie posizioni in campo e in cui TUTTI finalmente potranno prendere posizione e schierarsi in una delle varie correnti.
Mi sembra un gioco divertente per affrontare il disagio dato dalla fine della stagione ciclistica...


Originariamente inviato da fagot

Mi permetto di precisare il mio cerchiobottismo aggiungendo un elemento di complessità.
Mi pare opportuno distinguere tra un profilo sostanziale e uno lato sensu processuale.
Ogni sistema che si rispetti detta delle regole di sostanza (non rubare, non uccidere, non doparti) e delle regole di forma in base alle quali punire o non punire il soggetto, affidando la cura di entrambi gli apparati normativi a un terzo indipendente (diciamolo giusto processo, declinato in vari gradi di giustizia).
Ora, nella situazione attuale del ciclismo mi ritrovo perfettamente d'accordo sulla necessità di punire qualsivoglia ciclista o dirigente che venga beccato (incrementalista sostanziale).
Ma trovo contemporaneamente altrettanto necessario che lo stesso venga punito seguendo le procedure formali previste, che sono viceversa del tutto inadeguate, cosa che oggi non è.
Il problema (volgarmente) mi pare sia non tanto nella necessità di punire tutti o iniziare a punire qualcuno, quanto nella necessità che l'inquirente(/sitore?) (oltra ovviamente al giudice) sia imparziale nella scelta di chi perseguire.
Ossia, nell'impossibilità evidente di punire tutti, che si indaghi in base alle notizie giunte e si giudichi in base alle prove, in ossequio al sistema di regole processuali.
La discrezionalità dell'azione inquirente dovrebbe cioè declinarsi in base a principi di ragionevolezza, e non di favore o ossequio o clamor, di per sè ingiusti e tali da viziare la (pur necessaria in termini sostanziali) condanna anche del colpevole acclarato.
Questo è lo stato del ciclismo oggi: da un lato l'ambizione di giustizia che si concreta nella volontà di punire chi dolosamente viola le regole e dall'altro lato la necessità di lasciare impuniti coloro che, pur colti in fallo, scontano su di sè la parzialità del sistema che li giudica e delle regole processuali su cui è organizzato.
Dilemma amletico: ingiustizia qui (sostanza) o lì (forma)?
Potremmo anche riproporre il problema in relazione all'intero sistema penale italiano: si può trovare "ingiusto" che un soggetto colpevole di questo o quel reato benefici della prescrizione. Ma si deve tener conto della logica del sistema laddove ritiene che i 10 o 20 anni necessari al sistema per punire il soggetto siano sproporzionati rispetto al fatto, e quindi sanzionatori in sè.
Soluzioni? Mah. Uno spunto: saremmo tutti d'accordo (credo) nel preferire la sostanza qualora il difetto di forma venisse artificiosamente creato o sfruttato per garantire l'impunità. O saremmo tutti d'accordo nel parametrare il vizio di forma alla gravità della violazione: a parità di violazione formale, si è portati a preferire l'una o l'altra teoria a seconda della gravità (o della persuasività della prova) della violazione sostanziale.
Il che è sempre un giudizio di ragionevolezza, a ben vedere.


Originariamente inviato da pedalando

A questo punto non possiamo fare a meno di istituire anche
una classificazione per "quelli dell'ambiente".
OT pazzagliano: il livello e', ehm come dire,... basso.. (scusa Michy )

Butto li' una bozza sperando che le menti del forum me la perfezionino
(o cassino, se e'una schifezza).

- l'innamorato: colui che pratica questa disciplina per puro amore,
quando arriva lui gli altri smettono di parlare. Se e' un ds si compiace
quando un ciclista che con lui era solo una promessa improvvisamente
cambia squadra e diventa un vincente recidivo.
Ai tempi dei falo' in spiaggia lui suonava la chitarra mentre
gli altri se la spassavano con le ragazze.

- il politico: in vita sua non ha mai pagato neanche una camera d'aria.
Stare in bici od in ammiraglia e' solo una tappa del percorso verso
obiettivi piu' alti. Fra i suoi pregi il disinteresse verso metodi che
lo aiutino a vincere; a lui basta la massima evidenza, ad ogni costo.

- la vittima: qualunque cosa negativa gli capiti e' sempre dovuta agli
altri ai quali e' convinto vada comunque meglio.
Nelle officine gira la leggenda di quel tale che, portata la bici per
un controllo, venne messo in guardia per via del manubrio piegato e
la sua risposta fu:
"non hanno avvisato Hincapie alla Parigi-Roubaix e venite a menarlo a me?"

- il perverso: non conta vincere e non conta partecipare. Bisogna fottere
tutti: gli altri partecipanti, i giudici di gara e gli appassionati.
Anche se non necessario ed anche se pericoloso. Una sorta di cleptomania
su 2 ruote.

- l'azzeccagarbugli: conosce le regole meglio di chi le ha scritte
mantenendo sempre un basso profilo che gli permettono di eludere i
controlli senza farsi notare. Al momento la sua unica preoccupazione
proviene dalla potezione animali che lo sospetta, lo scorso anno,
di aver abbandonato in autostrada i suoi cani.

- il doppiogiochista: quando beccano qualcuno grida allo scandalo
e pretende pene severe. Sa benissimo che sopo la tempesta arriva
la calma e che anche gli inquisitori prendono respiro godendosi
l'attimo. E lui ci sguazza...

Ovviamente ci sono anche le persone serie ma dato l'oggetto della
classificazione queste restano fuori.

P.S.: chiedo scusa ad Admin perche' il post potrebbe stare
tranquillamente in "Doping ecc. ecc." ma sembra che i categorizzati
frequentino maggiormente questo 3D


Originariamente inviato da mestatore

cerchiobottista ma vicino agli incrementalisti.

o meglio confuso: incrementalista preso da momenti di scoraggiamento che portano alternativamente ad uno sdegno giustizialista seguito da acquiescenza menefreghista.

ma semplifichiamo:
ora e sempre con claudiodance, mio capitano e con proffroubaix, mio socio domestique.
tutto il resto è fuffa

mesty


Originariamente inviato da desmoblu

Hehe...Spiego qui la mia posizione, forse non l'avevo ancora fatto in modo unitario: non credo nei piccoli passi, come credo che ci vogliano pene severissime ma più di tutti verso medici e società (al momento i Grandi Esclusi).. e questo sulla base di quello che ho visto di persona. Credo che bisogni poi buttare via l'ipocrisia di chi dice "abbiamo ripulito tutto" (stile Tour de France) quando si sono allontanati 5 o 6 coridori, forse nemmeno i peggiori, forse nemmeno i più marci. Ma bisogna anche buttare l'altra ipocrisia, quella che spinge ad accusare uci e dirigenti più o MENO capaci: il fatto che siano inetti, dannosi, ipocriti (macchiati della PRIMA ipocrisia, sopracitata), il fatto che facciano la voce grossa con i pescati e decidano d'ignorare tutto il resto, speso per manovre politiche e d'interesse... beh, tutto questo non elimina il fatto che i pescati siano marci. E' inutile dire "non ho l'influenza perchè il medico è incapace e sbaglia anche le cure": il medico dovrebbe andare a fare altro- possibilmente dove non possa nuocere- ma questo non cambia il 38 e cinque sul termometro.
Per concludere a grandi linee il mio pensiero sull'affaire-doping, dico che non bisogna poi nascondersi dietro al "si, ma anche gli altri sport sono marci, solo noi ci puliamo in pubblico". E' vero, ma non dobbiamo usarlo come scusa. Perchè il fatto che anche gli altri hano la rogna non ci rende certo più sani. Trovo terribile e sbagliato il luogo comune (solo in parte vero) ciclismo=doping, però siamo noi i primi a doverci dare una bella ripulita. Non concordo nemmeno troppo con chi (credo Violetta) scriveva "solo quando saremo al 100% puliti potremo puntare il dito contro gli altri sport". No, questo possiamo (dobbiamo?) farlo già ora...però non dobbiamo usarlo come scusa. Altrimenti torniamo al puerile "ma maestra l'ha fatto anche lui!".
In definitiva credo che il problema doping sia da affronatre nel ciclismo come altrove, allo stesso modo. Credo che ci voglia grande conoscenza in materia, e il minor carico di superficialità possibile. Credo che nella lotta "dal basso" bisogna combattere soprattutto i medici e le società, che scaricano responsabilità su ciclisti, parenti, rondini nel cielo. Bisogna anche spingere i ciclisti a collaborare, a denunciare non solo dai 35 anni in su. Questo perchè non saranno certamente i controlli- soprattutto se strutturati come lo sono ora- a ripulire il marcio. Poi bisognerebbe rompere il clima omertoso che spesso vige nell'Ambiente (lo stesso ad esempio delle corna a Simeoni, per intenderci), un clima che suggerisce che l'unica via per pedalare nel gruppo sia il silenzio. E poi bisognerebbe, ad alti livelli, avere dei dirigenti che conoscano il ciclismo ma vogliano cambiarlo: che senso ha un Moser che, dall'alto delle sue passate pratiche, prima se la prende con un probabile emotrasfuso e poi dice "vabbè" alzando le spalle? E che senso ha, invece, un McQ che tutti conosciamo bene?
Questo sempre tenendo presente che ci devono essere regole certe e uniformi per tutti gli sport: tutti a lavarsi i panni, decidiamo se in casa o fuori, ma tutti allo stesso modo. E bisognerebbe cominciare a cambiare la mentalità dei giovani, ma anche quellla dei non addetti ai lavori e dei media: che senso ha avere la Gabanelli che dimostra come il doping sia OVUNQUE con ottimi servizi e senza toccare il ciclismo, quando poi Greggio sputtana tutta la categoria in primissima serata e davanti a 10 milion di persone?


Originariamente inviato da Leone delle Fiandre

Dopo tre giorni di assenza forzata, rientro nel Forum, apro un thread dove peraltro il sottoscritto non ha mai postato e con grande stupore vedo che il mio nome, o meglio il mio nickname, viene incluso in una categoria alla quale non ho mai dichiarato di aderire e conseguentemente a ciò mi vengono attribuite opinioni che non ho mai espresso.
Questo modo di procedere nel catalogare i forumisti in rigide caste mi sembra alquanto sbagliato: non vedo perchè un qualunque forumista non debba farsi un'idea sull'utente Leone delle Fiandre semplicemente leggendo i suoi posts piuttosto che dalle lapidarie sentenze di quesa grossolana classificazione.
Insomma, avrai capito che non mi va di passare per un ben pensante del ciclismo e che ho sempre avuto una certa repellenza per le etichette in generale, di qualunque natura esse siano. Per di più, per il modo con cui esponi la tua classificazione, appare chiaro come esista una serie A, una serie B e una serie C; e ciò diventa, quando tu associ ad esse dei nomi, ancor più inaccettabile...Inutile dire che tu ti sei messo nella TUA serie A. Senza rancore, ma se cancellassi quel post, o per lo meno i nomi, faresti cosa assai gradita.

P.S. Ma dove ho scritto le cose che mi attribuisci?


Originariamente inviato da Admin

Un minimo di ironia no, eh!


Originariamente inviato da Lore_88

Per come la vedo io manca una categoria: i preferisti.
Sono coloro che credono (spesso inconsciamente) che la lotta al doping vada condotta contro tutti i ciclisti tranne che contro i propri corridori preferiti (da qui il nome).
Una sottocategoria di essi sono i nazionalisti: coloro che tendono ad essere molto indulgenti e garantisti con i corridori della propria nazionalità e molto "giacobini" (per usare un termine venuto fuori spesso l'anno scorso) con i corridori di un altro Paese.


Originariamente inviato da luke

Innanzitutto un grande grazie ad Admin: nella cerchia dei 'perfezionisti' mi ci vedo benone, mi ci riconosco. Inoltre, la compagnia di grandi come Donki, Admin stesso, Morris, Miky70, Stress e Monsieur 40% devo dire che mi onora.
Con questo massimo rispetto, in ogni caso, per l'opinione di chiunque. Parto dall'intervento (immediatamente successivo a quello di Admin, ore 14:08 del 18/10) di Grilloparlante: no, non credo sia vero che qui dentro certi fatti scivolano addosso a molti, nè che ci sia una concentrazione di apatici. Credo semplicemente che ormai ci sia una certa disillusione di fondo, quando si parla di antidoping.

 

____________________

Amarti m'affatica, mi svuota dentro
qualcosa che assomiglia a ridere nel pianto
Amarti m'affatica, mi dà malinconia
che vuoi farci, è la vita... è la vita, la mia

(Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping)

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3579
Registrato: May 2005

  postato il 19/10/2007 alle 17:19
Quando una persona come me nei meandri del doping ci si infila molto a disagio, e con poca conoscenza, direi che la posizione cerchiobottista va più che benone!

 

____________________
Lo stupido sa molto, l'intelligente sa poco, il saggio non sa nulla... MA EL MONA EL SA TUTO!!! (copyright sconosciuto)

ADOTTA ANCHE TU UNA AMY WINEHOUSE!!! Mangia poco, non sporca... e aspira tutta la polvere che hai in casa!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 2534
Registrato: Oct 2006

  postato il 19/10/2007 alle 17:32

Riprendo da altro thread la classificazione, arricchendola dei contributi di alcuni illuminati utenti.

La nomenclatura basica è stata proposta nei mesi scorsi dal geniale ProfRoubaix. Le integrazioni sono di Ottavio (benaltristi) e Lore88 (preferisti). Direi di limitare a queste 5 le correnti di pensiero in materia.

INCREMENTALISTI
Coloro che credono che la lotta al doping vada condotta passetto dopo passetto: intanto puniamo quelli che vengono beccati, poi a combattere contro i massimi sistemi penseremo in un secondo momento.
Pro: l'azione condotta secondo i loro dettami porta a far fuori dal sistema chi ha sbagliato, dando l'idea che il sistema stesso sia più pulito. Indubbio effetto deterrente (per quanto da quantificare).
Contro: sottovalutano pericolosamente il fatto che il doping è sistema, e che quindi lottare contro di esso in questo modo è un po' come affrontare un carro armato con le freccette.
Esponenti di spicco: Claudiodance, Felice, Maracaibo, Desmoblu, ForzaInter, Violetta.

PERFEZIONISTI
Coloro che credono che la lotta al doping vada condotta ai massimi livelli, mettendo in risalto le storture del sistema e sottolineando l'inutilità dell'attuale modo di combattere il doping stesso, un modo che è anzi strumento per faide politiche. Il loro fine ultimo è far luce sulla probabile inestirpabilità del fenomeno e promuovere un approccio culturalmente diverso al problema.
Pro: hanno un approccio inevitabilmente più realista alla questione, e non chiudono gli occhi sul fatto che anni di lotta al doping non ne hanno frenato il proliferare, ma al contrario hanno fatto sì che sui media e tra molto pubblico passasse l'equazione ciclismo=doping.
Contro: il fine che si prefiggono (uccidere il mostro dalla testa e non dalla coda) è probabilmente utopistico.
Esponenti di spicco: Morris, Donchisciotte, Monsieur40%, Luke, Miky70, Stress, Admin.

CERCHIOBOTTISTI
Coloro che non si riconoscono definitivamente in nessuna delle categorie sopraelencate, ma trovano spunti positivi nell'una e nell'altra, considerando evidentemente il fatto che né l'una né l'altra teoria porterà alla fine del fenomeno doping.
Pro: incarnano forse meglio degli altri l'attuale stato di confusione nel ciclismo: non si sa come finirà, e loro lo sanno bene.
Contro: la loro posizione è troppo comoda, paradossalmente potrebbero affermare una cosa e il suo contrario ed essere perfettamente coerenti con la loro corrente di pensiero.
Esponenti di spicco: ProfRoubaix, Mestatore, Pedalando, Cascata del Toce, meriadoc, marco83.

BENALTRISTI
Coloro che di fronte ad un qualsiasi provvedimento per risolvere un problema insorgono dicendo che il "problema è ben altro". Dunque, sono quelli che di fronte alla squalifica di un ciclista beccato con il sangue di un altro sostengono che il problema è ben altro e cioè la pessima amministrazione dell'UCI, oppure il giustizialismo opprimente degli organi di giustizia o il conformismo dei media od infine l'effetto serra.
Pro: ci ricordano quanto piccolo sia il nostro orticello e quanto spreco di energie profondiamo in queste discussioni.
Contro: in realtà non vanno mai a fondo della questione, rinviando a tempo indeterminato la risoluzione del problema.
Esponenti di spicco: Ottavio, Laura Idril.

PREFERISTI
Coloro credono (spesso inconsciamente) che la lotta al doping vada condotta contro tutti i ciclisti tranne che contro i propri corridori preferiti. Una sottocategoria di essi sono i nazionalisti: coloro che tendono ad essere molto indulgenti e garantisti con i corridori della propria nazionalità e molto "giacobini" con i corridori di un altro Paese.
Pro: credono in un ciclismo idilliaco e purificabile dalle mele marce: un idealismo invidiabile.
Contro: a volte trascurano di porre l'accento su evidenze chiare che ne metterebbero in crisi la dottrina.
Esponenti di spicco: Gabri59, MagicBox.


Ps: se qualcuno dei citati non si riconosce nella corrente di pensiero a cui l'ho riferito, non si offenda ma smentisca tempestivamente l'eventuale errore, sì ch'io possa apportare le dovute correzioni!

 
Edit Post Reply With Quote

Moderatore




Posts: 3577
Registrato: Oct 2006

  postato il 19/10/2007 alle 17:55
Guardate, non lo so. Io sono per la guerriglia a tutto campo.
Non capisco se il mio posto tra gli Incrementalisti è ben speso, non lo so.

 
Edit Post Reply With Quote

Amministratore




Posts: 5978
Registrato: Aug 2002

  postato il 19/10/2007 alle 18:01
Originariamente inviato da desmoblu

Guardate, non lo so. Io sono per la guerriglia a tutto campo.
Non capisco se il mio posto tra gli Incrementalisti è ben speso, non lo so.


È un rovello tremendo, in effetti.
Prenditi qualche giorno per pensarci, e coraggio.

 

____________________

Amarti m'affatica, mi svuota dentro
qualcosa che assomiglia a ridere nel pianto
Amarti m'affatica, mi dà malinconia
che vuoi farci, è la vita... è la vita, la mia

(Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping)

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6314
Registrato: Jun 2005

  postato il 19/10/2007 alle 18:05
Sono in buona compagnia e la penso proprio così.

 

____________________
"MEGLIO NON ESSERE RICONOSCIUTO PER STRADA CHE ESSERLO ALL'OBITORIO.
IL CASCO SALVA LA VITA, LA CHIOMA VA BENE PER LA FOTO SULLA TOMBA"!!!


Articolo 27 della costituzione Italiana

La responsabilità penale è personale.
L'IMPUTATO NON E' CONSIDERATO COLPEVOLE SINO ALLA CONDANNA DEFINITIVA.
Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato.
Non è ammessa la pena di morte.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Miguel Poblet




Posts: 525
Registrato: Jun 2007

  postato il 19/10/2007 alle 18:18
mi sento tendenzialmente perfezionista, ma forse nella prima fase della lotta andrebbe bene anche incrementalista e in fondo la colpa è in larga parte esterna, quindi sono pure benaltrista. Insomma, a parte preferista, mi sento proprio cerchiobottista.

PS OT: essendo livello Giro di Lombardia, non scriverò più fino a domani sera, almeno.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Giro del Lazio




Posts: 60
Registrato: Oct 2007

  postato il 19/10/2007 alle 18:21
Cerchiobottista..

 

____________________
io non sono i miei pensieri ne le mie emozioni
ma lo spazio in cui passano
e poi si dissolvono

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 5641
Registrato: Nov 2005

  postato il 19/10/2007 alle 18:52
cerchiobottista, perchè trovo spunti interessanti in tutte le altre correnti di pensiero tranne che nei preferisti.

 

____________________
"L'uomo da battere è Gianni Bugno, e quasi certamente non riusciremo a batterlo" (Greg Lemond, Stoccarda, 24 agosto 1991)

"Il rock è jazz ignorante" (Thelonious Monk)

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Federico Bahamontes




Posts: 380
Registrato: May 2007

  postato il 19/10/2007 alle 19:05
Perfezionista!
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 19/10/2007 alle 19:11
Originariamente inviato da antonello64

cerchiobottista, perchè trovo spunti interessanti in tutte le altre correnti di pensiero tranne che nei preferisti.


eh, diciamo che questa è la definizione che più mi si adatta. Sinceramente mi sento troppo anarchico (cioè malato di mente) per poter rientrare in una categoria.

 

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Ottobre 2009




Posts: 6093
Registrato: Jul 2005

  postato il 19/10/2007 alle 19:18
Un anno fà mi sarei schierato fra gli incrementalisti ad occhi chiusi. Poi ho pian piano cambiato idea.

Da un lato la convinzione che la totalità (o quasi) del gruppo sia sulla stessa barca, dall'altro vedere Uci & Co. strumentalizzare il doping per i propri affaracci mi ha fatto avvicinare alla posizione pro-liberalizzazione del doping.

Quando una norma viene trasgredita dalla stragrande maggioranza delle persone (che sia il 94, il 96 o il 99% è ininfluente) non è il caso di chiedersi se quella norma è sbagliata? In fondo lo sport è lo specchio della nostra società, no? E allora perchè dobbiamo cercare di imporre un etica o una morale se questa società non la possiede?
Poi, sai, se l'imposizione di regole desse qualche frutto potrei capire ma la lotta contro il doping finora a cosa ha portato? Siamo in una situazione in cui c'è chi dispone del doping di serie A, chi quello di serie B, chi quello di serie C e chi probabilmente non si dopa. Dov'è l'uguaglianza? Continuando sulla strada del proibizionismo, c'è possibilità di migliorare questa condizione? Io non credo.
Siamo arrivati ad un punto in cui i corridori vivono in libertà vigilata; e neanche questo serve per sconfiggere il doping. La prossima tappa potrebbe essere farli seguire 24 ore al giorno da telecamere. E probabilmente neanche questo servirebbe.


Forse sembreranno discorsi sconfusionati o inconcepibili. Non lo so e neanche mi interessa saperlo.

 

[Modificato il 19/10/2007 alle 19:22 by Lore_88]

____________________

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Ottavio Bottecchia




Posts: 559
Registrato: Oct 2007

  postato il 19/10/2007 alle 19:39
Anche io perfezionista!
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi
UTENTE DELL'ANNO 2009
Utente del mese Luglio, Novembre e Dicembre 2009




Posts: 15932
Registrato: Jul 2007

  postato il 19/10/2007 alle 19:51
Direi che mi riconosco nella categoria dei "perfezionisti", in quanto quella che è la loro visione quasi utopistica del problema ben si sposa con quello che è il mio ragionamento... Condivido quella che è la volontà dei perfezionisti di promuovere una nuova cultura sportiva in quanto, stando all'odierna realtà, il problema del doping è, purtroppo, profondamente radicato nello sport agonistico...

 

____________________

« La superstizione porta sfortuna »
(Raymond Merrill Smullyan, 5000 B.C. and other philosophical fantasies, 1.3.8)


Fantaciclismo Cicloweb 2010

Piazzamenti sul podio:


Omloop Het Nieuwsblad Élite: 3°
E3 Prijs Vlaanderen - GP Harelbeke: 2°
GP Miguel Indurain: 1°
Ronde van Vlaanderen / Tour des Flandres: 3°
Rund um Köln: 1°
Liège-Bastogne-Liège: 1°
Giro d'Italia: Carrara - Montalcino: 2°
Tour de France: Sisteron - Bourg-lès-Valence: 1°
Tour de France: Longjumeau - Paris Champs-Élysées: 1°
Tour de France - classifica finale: 3°
Gran Premio Città di Peccioli - Coppa G. Sabatini: 1°

---

Asso di Fiori

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 3025
Registrato: Feb 2006

  postato il 19/10/2007 alle 20:00
integralista del cerchiobottismo
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Tour




Posts: 199
Registrato: Aug 2005

  postato il 19/10/2007 alle 20:14
Vedo che il mio suggerimento di giocare a carte scoperte è stato recepito e me ne compiaccio.

Quanto a me, i miei due anni e più di assidua lettura mi hanno dato una visione molto pragmatica del problema.

Da un lato credo che solo chi conosce e rispetta le regole possa predicare un cambiamento altrimenti si chiama ipocrisia e non va bene. Ciò mi porta a essere INCREMENTALISTA (chi sbaglia deve pagare anche se beccato solo tra tutti) ma dall'altra parte riconosco che chi applica le regole spesso è in aperta contraddizione con esse e così tutta la classe politica alle sue spalle (non c'è processo equo se il giudice è schierato, questo vale anche oltre il ciclismo) dunque auspicare uno stravolgimento della classe dirigente mi porta a essere PERFEZIONISTA.

Almeno adesso so come chiamare la mia linea di pensiero: sono INCREMENTALMENTE PERFEZIONISTA

 

____________________
Come si dice a Varese, questo è il momento in cui o si caga o si lascia libero il gabinetto.
Ivan Basso (ciclismo)

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Gianni Bugno




Posts: 584
Registrato: Jun 2006

  postato il 19/10/2007 alle 20:48
Originariamente inviato da Subsonico

Originariamente inviato da antonello64

cerchiobottista, perchè trovo spunti interessanti in tutte le altre correnti di pensiero tranne che nei preferisti.


eh, diciamo che questa è la definizione che più mi si adatta. Sinceramente mi sento troppo anarchico (cioè malato di mente) per poter rientrare in una categoria.


sono in questa categoria con sub ed antonello64, accidenti ma sub non vuol far parte di una categoria ......

 

____________________
oltre la cima

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Rik Van Looy




Posts: 802
Registrato: May 2005

  postato il 19/10/2007 alle 21:37
Perfezionista al 100%
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Elite




Posts: 29
Registrato: Sep 2007

  postato il 19/10/2007 alle 21:44
cerchiobottista!
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Luison Bobet




Posts: 786
Registrato: Jan 2006

  postato il 19/10/2007 alle 21:49
Originariamente inviato da Subsonico

Originariamente inviato da antonello64

cerchiobottista, perchè trovo spunti interessanti in tutte le altre correnti di pensiero tranne che nei preferisti.


eh, diciamo che questa è la definizione che più mi si adatta. Sinceramente mi sento troppo anarchico (cioè malato di mente) per poter rientrare in una categoria.


Non sei affatto malato di mente, anzi ti ritengo in gamba. Colgo questa occasione per dirti davanti a tutti che ti ho giudicato male, quando ti presi di petto nel thread dedicato a Cassani.
Ho sbagliato e faccio ammenda, pubblicamente: nel forum non scrivo molto, perchè ho sempre troppo poco tempo, ma leggo sempre ed i tuoi interventi spesso li condivido.
Però, secondo me, un pò perfezionista lo sei

Ciao Luca



PS: ovviamenmte io mi ritrovo benone nei Perfezionisti.

 

[Modificato il 19/10/2007 alle 21:52 by luke]

____________________
L'opzione antifascista resistenziale è l'unica via maestra.
Ovunque. (nino58)

Club anti Schleck, iscritto n. 1.

Verità e giustizia per Marco Pantani

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Eddy Merckx




Posts: 1243
Registrato: Jul 2006

  postato il 19/10/2007 alle 22:58
Tra le 5 categorie di pensiero presentate mi sento vicina a quella dei

perfezionisti.

Questo modo di concepire il problema della lotta al doping si avvicina ad un'analisi sociologica orientata alle teorie del conflitto.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 19/10/2007 alle 23:04
Originariamente inviato da luke

Originariamente inviato da Subsonico

Originariamente inviato da antonello64

cerchiobottista, perchè trovo spunti interessanti in tutte le altre correnti di pensiero tranne che nei preferisti.


eh, diciamo che questa è la definizione che più mi si adatta. Sinceramente mi sento troppo anarchico (cioè malato di mente) per poter rientrare in una categoria.


Non sei affatto malato di mente, anzi ti ritengo in gamba. Colgo questa occasione per dirti davanti a tutti che ti ho giudicato male, quando ti presi di petto nel thread dedicato a Cassani.
Ho sbagliato e faccio ammenda, pubblicamente: nel forum non scrivo molto, perchè ho sempre troppo poco tempo, ma leggo sempre ed i tuoi interventi spesso li condivido.
Però, secondo me, un pò perfezionista lo sei

Ciao Luca



PS: ovviamente io mi ritrovo benone nei Perfezionisti.


Mi fa molto piacere leggere questo, anche perchè difficilmente sarei capace di un gesto di umiltà così onorevole. A buon rendere

(Chiuso OT)

Continuo a essere molto indeciso, più delle primarie del Partito Democratico (e ce ne vuole ): ho messo cerchiobottista, cmq, perchè alla fine è la definizione che più mi si konfanna (come scriverebbe quel mariuolo di mario :hippy per le ragioni esposte di Antonello: difatti il buon cerchiobottista dev'essere un relativista estremo, ed io e Antonello, in fondo, lo siamo.

PS A quando le elezioni?

 

[Modificato il 19/10/2007 alle 23:07 by Subsonico]

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Moderatore




Posts: 3577
Registrato: Oct 2006

  postato il 19/10/2007 alle 23:48
Originariamente inviato da Abajia

Direi che mi riconosco nella categoria dei "perfezionisti", in quanto quella che è la loro visione quasi utopistica del problema ben si sposa con quello che è il mio ragionamento... Condivido quella che è la volontà dei perfezionisti di promuovere una nuova cultura sportiva in quanto, stando all'odierna realtà, il problema del doping è, purtroppo, profondamente radicato nello sport agonistico...

Se leggi bene gli interventi, in realtà il concetto principale dei Perfezionisti è che bisogna colpire in alto mentre spesso (vedi Admin) si mostrano più morbidi con i sommersi non salvati, i fantaccini. La loro utopia, se così la vuoi chiamare, è sperare in un'organizzazione giusta, corretta, non perfetta ma a buon punto. Non ne fanno un problema di cultura sportiva "dal basso", non solo e non principalmente almeno.
L'utopia cui fai riferimento è quella che accomuna tutti i presenti a parte i menefreghisti e i preferisti: è avere uno sport completamente pulito, senza tracce di doping e senza che questo sia sistema (come invece è).

Quello che penso io è questo, ed è una cosa che sanno 8 anziani- e 10 giocatori- su 10: quando giochi a briscola i carichi pesanti sono asso e tre, fanno 11 e 10 punti. Ma se snobbi le figure rischi di perdere, perchè fante donna e re, per quanto in apparenza insignificanti, fanno 9 punti. Se vuoi giocare bene non devi tralasciare nè l'asso e il tre nè i fantaccini e i piccoli ometti con la corona in testa. Se pensi a rincorrere l'asso a tutti i costi rischi di fare 42 punti e prenderne 78.
E' un esemppio forse stupido, ma calzante: non bisogna prendersela (solo) con i pesci piccoli, ma nemmeno solo con i capi e affini. Perchè un sistema presuppone che ci siano persone in ogni ordine d'importanza.
Poi è chiaro che se devi scegliere tra 2 punti e 10, meglio farne 10.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 1743
Registrato: May 2006

  postato il 20/10/2007 alle 00:14
Originariamente inviato da Admin

...Direi di limitare a queste 5 le correnti di pensiero in materia.



Tenendo nel dovuto conto un segnale sociologico proveniente anche dalle ultime consultazioni nazionali, mi sembra però manchi la seguente posizione:

ASTENSIONISTI
Credono che la verità stia "da un'altra parte", e che noi tutti stiamo vivendo grazie ad un tubo che ci alimenta alla base del cervelletto (citazione cinefila - facile - 5 pt. per la soluzione nel thread "Giochino cinematografico").
Pro: Nell'attesa di decidere se inghiottire la pastiglia rossa o quella blu, intanto si divertono in bicicletta, credono che il limite da superare sia unicamente quello personale, pensano che il doping migliore sia quello collegato ai principali piaceri della vita, e a volte ne abusano, ricavandone profondo godimento...
Contro: Rischiano (immeritatamente) di sembrare "snob".

Si distinguono dai BENALTRISTI in quanto pensano che, tutto sommato, il problema non stia da nessuna parte.... o forse da tutte le parti... insomma che il problema sia un non-problema, risolvibile magari con un motto di spirito collettivo.

Mi iscrivo abusivamente a questa categoria

 

____________________
"...Ogni volta che vedo un adulto in bicicletta, penso che per la razza umana ci sia ancora speranza..." (H.G. Wells)

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani
Utente del mese Febbraio 2009
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 2093
Registrato: Sep 2004

  postato il 20/10/2007 alle 00:24
Ovviamente ho votato perfezionista ( altro che fuffa, in ogni campo c'è sempre l'incrementalismo in azione, con risultati nulli in ogni campo,appunto).
ma non doveva esserci anche la categoria dei menefreghisti?

 

____________________
Verità e giustizia per Marco Pantani: una battaglia di civiltà.

Arcana loggia per il ripristino della civiltà dell'ordalia.

IO NON L'HO VOTATO.

IO CORRO DOPATO COME TUTTI.

"E' tutto alla conoscenza di tutti" Marco Pantani,1997 ( tempi non sospetti),parlando di doping in un'intervista televisiva con Gianni Minà.

Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping.

Hypocrisy free.

CAREFUL WITH THAT AXE, EUGENIO.



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Amministratore




Posts: 5978
Registrato: Aug 2002

  postato il 20/10/2007 alle 04:54
Diciamo che la categoria dei menefreghisti, ma anche quella degli astensionisti, possa essere ben rappresentata nell'ambito dei benaltristi. Altrimenti rischiamo di fare 20 partitini al 2%!

Detto ciò, chi ha 5 minuti per mettere insieme un censimento, con elenco e appartenenze di tutti quelli che si sono dichiarati finora?

 

____________________

Amarti m'affatica, mi svuota dentro
qualcosa che assomiglia a ridere nel pianto
Amarti m'affatica, mi dà malinconia
che vuoi farci, è la vita... è la vita, la mia

(Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping)

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 4674
Registrato: Jun 2006

  postato il 20/10/2007 alle 06:50
Originariamente inviato da stress

Sono in buona compagnia e la penso proprio così.


uelàààà!!!

l'utopia è sempre stata la mia "isola che non c'è"

Grande Marco, come sempre

 

____________________
Michela
"Stiamo Insieme, Vinciamo Insieme - Ivan Basso"


Vita in te ci credo le nebbie si diradano e oramai ti vedo non è stato facile uscire da un passato che mi ha lavato l'anima fino quasi a renderla un po' sdrucita. Anche gli angeli capita a volte sai si sporcano ma la sofferenza tocca il limite e cosi cancella tutto e rinasce un fiore sopra un fatto brutto



http://www.adidax.com/
resisterai 5 minuti senza sport?

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Tour




Posts: 200
Registrato: Sep 2005

  postato il 20/10/2007 alle 08:34
Direi di essere un perfezionista; qualche tempo fa si poteva evidenziare una vena di incrementalismo (spostando la "media aritmetica" verso il campo dei cerchiobottisti ), scomparsa da quando mi sono reso conto un po' meglio di come sta funzionando (non funzionando?) lo sport professionistico.

 

____________________
"L'allenamento è per il 90% fisico e per il 10% mentale; la gara è per il 90% una questione mentale e per il 10% fisica" [E. Burke]

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Moderatore




Posts: 977
Registrato: Apr 2006

  postato il 20/10/2007 alle 08:50
Perfezionista..

 

____________________
Giuseppe Cristiano

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Marco Pantani




Posts: 1409
Registrato: Nov 2004

  postato il 20/10/2007 alle 10:15
Un benaltrista, un perfezionista, un incrementalista, un cerchiobottista e un preferista decidono di mettere temporaneamente da parte i loro dissensi e di andare a prendere un gelato insieme. Si siedono ad un tavolo sulla terrazza di un noto locale. Siamo in riva mare, c'é uno splendido sole, comandano i gelati.

Eccoli che errivano, magnifici, enormi, portati con la solità abilità su un vassoio da un solerte cameriere...

Solita abilità? Siamo proprio sicuri? Il cameriere si avvicina e... accade l'irreparabile! Uno scivolone tanto brusco quanto inaspettato, il vassoio che vola per aria, e i gelati che finiscono democraticamente addosso ai cinque: sulla testa, sulla camicia, sulla gonna, sui pantaloni... un vero disastro! E i clienti seduti agli altri tavoli che se la ridono a più non posso...

L'incrementalista si rivolge al cameriere: "ma insomma, non potevi stare più attento? Guarda che guaio hai combinato!"
Interviene il perfezionista: "lascialo stare, lui non c'entra niente. Adesso ne vado a dire quattro al gestore del locale. Come si fa ad andare a cercare un cameriere così incapace?"
Il cerchibottista scuote la testa, si rivolge al cameriere e gli dice: "certo che tu hai le mani di marmellata. Però é pure vero che questo locale non é più quello che era..."
Non é l'opinione del benaltrista che, rivolgendosi agli altri dice: "amici miei, state dimenticando il problema della fame nel mondo. Questo pensiero ha senza dubbio attanagliato il cameriere alla vista di quegli enormi gelati, si é sicuramente detto che in questo mondo non c'é giustizia, e preso da un raptus incontenibile ci ha sbattuto i gelati in faccia.
Nel frattempo il preferista, contemplando con occhi assenti gli abiti pieni di gelato, borbotta tra sé: "lo sapevo io, quando mi hanno detto che non avevano il gelato al mango e alla papaya me lo ero subito immaginato che sarebbe finita male...

 
Edit Post Reply With Quote

Moderatore




Posts: 3577
Registrato: Oct 2006

  postato il 20/10/2007 alle 10:23
hahahaha
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Ottobre 2009




Posts: 6093
Registrato: Jul 2005

  postato il 20/10/2007 alle 10:42
Originariamente inviato da stress

Sono in buona compagnia e la penso proprio così.


Infatti, da buon perfezionista, pochi giorni prima del Mondiale, ti disperavi perchè il Tas si era schierato contro l'Uci.
Molto coerente... o forse no?

 

____________________

 
Edit Post Reply With Quote

Amministratore




Posts: 5978
Registrato: Aug 2002

  postato il 20/10/2007 alle 11:01
Felice!

 

____________________

Amarti m'affatica, mi svuota dentro
qualcosa che assomiglia a ridere nel pianto
Amarti m'affatica, mi dà malinconia
che vuoi farci, è la vita... è la vita, la mia

(Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping)

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 5641
Registrato: Nov 2005

  postato il 20/10/2007 alle 11:06
troppo forte!

 

____________________
"L'uomo da battere è Gianni Bugno, e quasi certamente non riusciremo a batterlo" (Greg Lemond, Stoccarda, 24 agosto 1991)

"Il rock è jazz ignorante" (Thelonious Monk)

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Laurent Fignon




Posts: 769
Registrato: Jun 2006

  postato il 20/10/2007 alle 12:31
Io sono un cerchiobottista!!!

I miei ardori rivoluzionari di gioventù si stanno già spegnendo alla soglia dei 25 anni!

Mi aggiungo in lista:

CERCHIOBOTTISTI
Coloro che non si riconoscono definitivamente in nessuna delle categorie sopraelencate, ma trovano spunti positivi nell'una e nell'altra, considerando evidentemente il fatto che né l'una né l'altra teoria porterà alla fine del fenomeno doping.
Pro: incarnano forse meglio degli altri l'attuale stato di confusione nel ciclismo: non si sa come finirà, e loro lo sanno bene.
Contro: la loro posizione è troppo comoda, paradossalmente potrebbero affermare una cosa e il suo contrario ed essere perfettamente coerenti con la loro corrente di pensiero.
Esponenti di spicco: ProfRoubaix, Mestatore, Pedalando, Cascata del Toce, meriadoc, marco83, magliarossa.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 20/10/2007 alle 12:38
Questa barzelletta è una delle cose più intelligenti e spassose che ho mai letto

 

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Moderatore
Utente del mese Aprile 2009, Febbraio 2010 e Luglio 2010




Posts: 8326
Registrato: Jun 2006

  postato il 20/10/2007 alle 12:46
Felice sei geniale! Meno male che sei tornato!

 

____________________
Un uomo comincerà a comportarsi in modo ragionevole solamente quando avrà terminato ogni altra possibile soluzione.
Proverbio cinese

Jamais Carmen ne cédera,
libre elle est née et libre elle mourra.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Luglio 2009




Posts: 4217
Registrato: Oct 2003

  postato il 20/10/2007 alle 14:06
Di fretta...
Perfezionista, fino alla fine dei miei giorni.

 

____________________
"Non discutere con gli stupidi, perchè scenderesti al loro livello e ti batterebbero per la loro esperienza".

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6314
Registrato: Jun 2005

  postato il 20/10/2007 alle 14:27
Originariamente inviato da Lore_88

Originariamente inviato da stress

Sono in buona compagnia e la penso proprio così.


Infatti, da buon perfezionista, pochi giorni prima del Mondiale, ti disperavi perchè il Tas si era schierato contro l'Uci.
Molto coerente... o forse no?

La cosa va vista dall'origine ovvero da 20 mesi prima con lo scandalo O. P.
Io ero contro l'insieme delle cose e non sul singolo episodio.

 

____________________
"MEGLIO NON ESSERE RICONOSCIUTO PER STRADA CHE ESSERLO ALL'OBITORIO.
IL CASCO SALVA LA VITA, LA CHIOMA VA BENE PER LA FOTO SULLA TOMBA"!!!


Articolo 27 della costituzione Italiana

La responsabilità penale è personale.
L'IMPUTATO NON E' CONSIDERATO COLPEVOLE SINO ALLA CONDANNA DEFINITIVA.
Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato.
Non è ammessa la pena di morte.

 
Edit Post Reply With Quote
<<  1    2    3    4  >> Nuovo Thread  Nuova risposta   Nuovo sondaggio
 
Powered by Lux sulla base di XMB
Lux Forum vers. 1.6
2.6265922