Board logo

Il Forum di Cicloweb

Non hai fatto il login | Login Pagina principale > OT > Film che parlano (anche) di ciclismo
Nuovo Thread  Nuova risposta  Nuovo sondaggio
< Ultimo thread   Prossimo thread >  |  Versione stampabile
<<  1    2    3    4    5  >>

Warning: mysql_result(): Unable to jump to row 0 on MySQL result index 124 in /var/www/html/functions.php on line 515
Autore: Oggetto: Film che parlano (anche) di ciclismo

Livello Francesco Moser




Posts: 730
Registrato: Jan 2005

  postato il 23/11/2005 alle 18:11
Originariamente inviato da Chiquinho79

A proposito di Coppa Cobram. una domanda per voi. Nella Milano-Sanremo del 1931 arrivò terzo Piemontesi, secondo Guerra e PRIMOOO?.

ueh, nessuno ha ancora risposto?
PRIMO... CARNERA

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Francesco Moser




Posts: 730
Registrato: Jan 2005

  postato il 23/11/2005 alle 18:34
Cipollini fa una comparsata nel film di Panariello Bagnomaria (mi sembra si chiamasse così). E' seduto ad un tavolino in maglia Saeco con un compagno e Panariello (che fa il personaggio dell'ubriacone ma 'un mi ricordo il nome) tenta di fregargli la bici.

Comunque Totò al giro d'Italia è spettacolare, testimonianza di un epoca in cui il ciclismo era veramente lo sport più seguito, almeno alla pari del calcio.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2142
Registrato: Jun 2005

  postato il 23/11/2005 alle 19:07
In "Sapore di mare", dopo una gita in bicicetta, i ragazzi ascoltano la radio che diffonde la notizia della vittoria di Gimondi al Tour de France.
(me lo ha ricordato mia moglie).
Gli anni sessanta........

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Tour




Posts: 171
Registrato: Dec 2004

  postato il 23/11/2005 alle 19:58
Non c'e discossione, il film piu bello ciclisticamente si chiama: " La bici de Gishlain Lambert". Non conosco il nome in italiano( così si scrive in spagnolo).

È un film belga bellisimo fatto 3 anni fa che parla di un gregario degli anni 70'. Si puo discargare nell' Emule.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 5092
Registrato: Apr 2004

  postato il 23/11/2005 alle 20:16
Originariamente inviato da cancel58

In "Sapore di mare", dopo una gita in bicicetta, i ragazzi ascoltano la radio che diffonde la notizia della vittoria di Gimondi al Tour de France.
(me lo ha ricordato mia moglie).
Gli anni sessanta........


Ricordo anch'io quella scena. Peccato che "Sapore di mare" sia ambientato nel 1964 e Gimondi abbia vinto il Tour solo l'anno dopo!!!

 

____________________
Mauro Facoltosi
www.ilciclismo.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Hugo Koblet




Posts: 401
Registrato: Oct 2005

  postato il 23/11/2005 alle 20:25
un altro bel film è agata e la tempesta di soldini, il legame col ciclismo è dovuto al fatto che il protagonista è un architetto che costruisce piste per velodromi. splendida la scena coi due pistard che fanno sourplace davanti agli amministratori spazientiti
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Tour




Posts: 165
Registrato: Nov 2005

  postato il 23/11/2005 alle 20:32
a me è piaciuto tantissimo il filmTV "Il Grande Fausto" sono diventato matto per trovare la versione divx....

inoltre il mitito "Totò al Giro d'italia"

nella memoria del mio testino ho anche delle scene di un film americanata dove un ragazzo si allenava dietro ad un camion in pianura da 80 all'ora....

 

____________________
www.funtosbike.it
Verbano-Cusio-Ossola

FUNTOS BIKE.... "NON SOGNARLO, ESSILO!"
"DON'T DREAM IT, BE IT"


 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 3270
Registrato: Jul 2005

  postato il 23/11/2005 alle 21:15
Sapete qual è davvero il + bel film sul ciclismo e soprattutto chi l'ha fatto?
E' stato quello di Cipollini che a pochi mesi dal mondiale di Zolder ha minacciato di ritirarsi e in parte l'ha anche fatto prima di ritrattare per protestare contro l'Uci e l'esclusione al tour!

 

____________________
Il procuratore aggiunto di Catania Renato Papa: Nel 2003 è stato abrogato un comma della legge che permetteva l'arresto dei diffidati recidivi, e di chi non si presentava alla firma. E questo è stato un grave gesto di debolezza.
Uno nessuno centomila! Un libro di Pirandello? No! I castelli di Kessler secondo Bulba...
All'ombra del cavaliere oscuro (la biografia di G. Fini)
La regola del fallo di mani nel calcio? Superata, oramai si gioca con 11 portieri come la lotteria istantanea - ponzi ponzi po po po
Baci riddler/Massimo

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2797
Registrato: Apr 2005

  postato il 23/11/2005 alle 23:30
Luca si tratta sempre di all-american boys.
 
Edit Post Reply With Quote

Juniores




Posts: 9
Registrato: Oct 2005

  postato il 23/11/2005 alle 23:33
Risposta esatta, Raf Benson.
Eh Trueba,Trueba, la pulce dei Pirenei!

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Tour




Posts: 171
Registrato: Dec 2004

  postato il 24/11/2005 alle 23:46
Scusa chiquinho, non ho capito bene, si parla in alcun film su Vicente Trueba? Conosco a la sua moglie, ancora viva.

Grazie, saluti.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Moderatore
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 6025
Registrato: Oct 2005

  postato il 19/03/2006 alle 10:43
Rispolvero questo thread ciclo/cinematografico per parlare del film in 2 puntate su Gino Bartali intitolato "L'Intramontabile" che andrà in onda su Rai1 il 26 e il 27 marzo.
Sul sito di Repubblica leggevo un'intervista al protagonista Pierfrancesco Favino il quale risponde ai dubbi legati alla sua scarsa somiglianza con il vero Bartali dicendo che il regista Alberto Negrin ha puntato soprattutto sulla credibilità dell'interprete, a tale scopo l'attore romano di è allenato in bici per circa 6 mesi percorrendo 5000 Km e perdendo 10 km, anche se dalle foto che ho visto appare ancora eccessivamente grosso per sembrare un ciclista.
Favino è sicuramente un bravo attore, lo ho visto nel film "romanzo criminale" e mi ha destato una buona impressione, spero però che sia riuscito ad eliminare la forte inflessione romanesca che caratterizza la sua dizione trasformandosi in un vero toscanaccio. La famiglia e le persone vicine al mitico Ginettaccio hanno già visto il film e dichiarano di essersi commosse, se è piaciuto a loro possiamo ben sperare che sia fatto bene e in grado di rendere almeno l'idea della grandezza del personaggio e della realtà in cui ha vissuto.
Sono proprio curioso di vederlo, poi commenteremo senza pregiudizi.

 

____________________
Vorrei morire in bici, in un giorno di sole, dopo aver scalato una di quelle montagne che sembrano protendersi verso il cielo, mi adagerei sull'erba fresca senza rimpianti, attendendo con serenità il compiersi del mio tempo. Non importa se sarà ...oggi o tra cent'anni, avrò in ogni caso trovato il mio giorno perfetto.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Claudio Chiappucci




Posts: 323
Registrato: Dec 2004

  postato il 19/03/2006 alle 12:32
Mi sono ricordato adesso di Laissez-passer, un film di qualche anno fa di Tavernier, il cui protagonista è un ex-ciclista, che si trova coinvolto nella resistenza francese e si produce in lunghe pedalate tra Parigi sotto le bombe e la campagna in cui è sfollata la famiglia.
Un bel film, sebbene non prettamente ciclistico.


Segnalo anch'io, inoltre, Appuntamento a Belleville: lentissimo, tristissimo e struggente, e con un protagonista dal profilo famoso.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Member





Posts: -1
Registrato: Aug 2006

  postato il 19/03/2006 alle 20:10
In attesa di vedere il film su Bartali, ricordo quello su Coppi
con protagonista Sergio Castellitto.

Riguardo Fantozzi, è bellissima la gag del direttore megagalattico
fissato col ciclismo.
Un colpo di genio.
Riguardo il ristorante "Il Curvone" esiste veramente.
Sta a una decina di km da casa mia, esattamente nella
discesona che porta dalla zona Rocca di Papa/Nemi a Velletri.
Dovrei ricontrollare le immagini per vedere se è proprio quello
del film di Villaggio.

Cmq....
a PINEROLOOOOOOOOOO!!!!!

ma son 1200 km!!!

e cosa sono 1200 km!!!!!!!!

 

[Modificato il 19/03/2006 alle 20:56 by ]

____________________

 
Edit Post Reply With Quote

Member






Posts: -1
Registrato: Aug 2006

  postato il 19/03/2006 alle 20:47
Originariamente inviato da maglianera

a proposito di sketch, c'era Enzo Iacchetti che, circa 15 anni fa, in una televisione privata, faceva scenette in cui interpretava un ciclista sfigato perennemente in fuga alla "Tirreno-Adriatica" (la chiamavano così); in una riceveva al rifornimento dei peperoni, in un'altra si lamentava perché lo sponsor, un mobiliere, lo pagava dandogli delle sedie, e ne aveva la casa piena.
Da ricordare anche Teo Teocoli che imitava Indurain, una volta affiancato dal vero Chiappucci.


ahaha
Ricordo perfettamente la gag di Mai dire Goal col vero Chiappucci
sulla canna della Pinarello del finto Indurain/Teocoli.
E rammento benissimo anche Iacchetti a TELEMENO , programma
umoristico in onda su ODEON TV, tra la fine degli '80 e l'inizio dei '90.
Vestito da corridore aveva il volto sconvolto dalla fatica.
Si fermava persino ai citofoni delle case e beccava la signora all'altro capo del citofono che voleva vendergli il folletto!!!
Quando gli dicevano:
"ma chi glielo fa fare di faticare così tanto in sella" rispondeva
"Orgogli caro, orgogli"
"E cosa sono?" rispondevano...
e lui:
"Quelle cose che stanno sotto di me e sopra la sella"

 

____________________

 
Edit Post Reply With Quote

Non registrato



  postato il 19/03/2006 alle 23:01
Nella coppa Kobram come non ricordare il pessimo tentativo di Fantozzi di spacciarsi per un medico svedese (Filini:" ma è sicuro di saper fare l'accento svedese?")e darsi malato per non correre la corsa e la "bomba" comprata da Fantozzi durante la fuga ("cocaina, anfetamina, caffeina......" ne avrà detti una decina di fila!).

Mia madre mi racconta spesso di uno sketch di Tognazzi, che diceva "Ciao mama, sono contento di essere arrivato UNO....", oppure, quando gli chiedevano come mai era andato così forte, rispondeva "eh, mi tirava il cavalo dei braghini!", imitando l'accento veneto.
dev'essere stato esilarante!

 
Edit Post Reply With Quote

Moderatore
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 6025
Registrato: Oct 2005

  postato il 19/03/2006 alle 23:07
Una scena leggendaria del film di Fantozzi è la sua salita in bici "alla bersagliera" con conseguente perdita della sella!!!

Divertentissima poi la scena dei vari corridori/impiegati che cadevano in discesa e si ritrovavano stesi sul tavolo del ristorante (citato prima da knightlake98), per poi finire a cantare "ma che ce frega, ma che ce m'porta"

 

____________________
Vorrei morire in bici, in un giorno di sole, dopo aver scalato una di quelle montagne che sembrano protendersi verso il cielo, mi adagerei sull'erba fresca senza rimpianti, attendendo con serenità il compiersi del mio tempo. Non importa se sarà ...oggi o tra cent'anni, avrò in ogni caso trovato il mio giorno perfetto.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Jaques Anquetil




Posts: 996
Registrato: Apr 2005

  postato il 20/03/2006 alle 00:00
Io mi ricordo di una vecchia Gag di Vianello che impersonava il Povero De Zan all'arrivo di una corsa faceva la domanda e mentre l'Altro (mi sembra Tognazzi) rispondeva lui continuava a chiamare altri corridori che transitavano sotto il palco con il risultato che si sporgeva troppo e l'altro che xcontinuare a rispondere nel microfono volava giu dal Palco.

 

____________________
esiste doping.... dove esiste
antidoping...

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Amstel Gold Race




Posts: 98
Registrato: Mar 2005

  postato il 20/03/2006 alle 01:03
Originariamente inviato da Knightlake98



Riguardo il ristorante "Il Curvone" esiste veramente.
Sta a una decina di km da casa mia, esattamente nella
discesona che porta dalla zona Rocca di Papa/Nemi a Velletri.
Dovrei ricontrollare le immagini per vedere se è proprio quello
del film di Villaggio.

Cmq....
a PINEROLOOOOOOOOOO!!!!!

ma son 1200 km!!!

e cosa sono 1200 km!!!!!!!!

Ciao hai scoperto poi se era quello il ristorante??, io circa un mese fa sono andato a velletri e ho fatto proprio quella strada, puoi immaginare le risate che mi sono fatto quando ho visto la mitica trattoria il curvone..pensavo nn esistesse nella realtà...

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Federico Bahamontes




Posts: 390
Registrato: Oct 2005

  postato il 20/03/2006 alle 08:42
Originariamente inviato da Lester

Originariamente inviato da Knightlake98



Riguardo il ristorante "Il Curvone" esiste veramente.
Sta a una decina di km da casa mia, esattamente nella
discesona che porta dalla zona Rocca di Papa/Nemi a Velletri.
Dovrei ricontrollare le immagini per vedere se è proprio quello
del film di Villaggio.

Cmq....
a PINEROLOOOOOOOOOO!!!!!

ma son 1200 km!!!

e cosa sono 1200 km!!!!!!!!

Ciao hai scoperto poi se era quello il ristorante??, io circa un mese fa sono andato a velletri e ho fatto proprio quella strada, puoi immaginare le risate che mi sono fatto quando ho visto la mitica trattoria il curvone..pensavo nn esistesse nella realtà...

Noooo, esiste davvero?! E si canta "ma checcefrega se ce l'ha storta..."? Devo fare un'uscita da quelle parti!

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Franco Ballerini




Posts: 308
Registrato: Oct 2005

  postato il 20/03/2006 alle 11:22
il megliore e:
the greatest show in the earth (giro
1974) resume di giro italia 1974,
le ultimi 20 minuti dedicati a tres cimas de lavaredo (pugna baronchelli merckx)

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Amministratore




Posts: 5978
Registrato: Aug 2002

  postato il 21/03/2006 alle 01:50
Originariamente inviato da Popo

Io mi ricordo di una vecchia Gag di Vianello che impersonava il Povero De Zan all'arrivo di una corsa faceva la domanda e mentre l'Altro (mi sembra Tognazzi) rispondeva lui continuava a chiamare altri corridori che transitavano sotto il palco con il risultato che si sporgeva troppo e l'altro che xcontinuare a rispondere nel microfono volava giu dal Palco.


No, in quella gag era Vianello che faceva il ciclista, intervistato da un attore che faceva da spalla. Lo sketch risale agli anni '70, quando il grandissimo Tognazzi era già da tempo uno dei più affermati interpreti della commedia all'italiana (e non solo), e non faceva più televisione, potendo vantare una carriera molto più significativa del suo simpatico ex-sodale Raimondo. Il quale, chissà perché (forse per mancanza di ambizione?) non volle mai approfondire seriamente il suo rapporto con il cinema, che restò limitato ad un pugno di "comicarelli". E sì che se ci avesse creduto sarebbe potuto diventare (si parva licet) il James Stewart italiano...

 
Edit Post Reply With Quote

Moderatore
Utente del mese Gennaio 2009




Posts: 3948
Registrato: Apr 2005

  postato il 21/03/2006 alle 09:25
Si' di Vianello se ne era gia' parlato un po' di post fa:

Originariamente inviato da pedalando
Io ricordo uno sketch in bianco e nero con Vianello che imitava
un ciclista in corsa.


Originariamente inviato da Vuelta Espana
Sì, Raimondo imitava un ciclista in salita che arrancava, e vicino c'era un telecronista fuori dalla macchina che lo intervistava in maniera abbastanza "fastidiosa e pressante"....che ridere

 

____________________

"Non esistono montagne impossibili, esistono uomini che non sono capaci di salirle", Cesare Maestri

"Non chiederci la parola che mondi possa aprirti, si` qualche storta sillaba e secca come un ramo...
codesto solo oggi possiamo dirti: cio` che non siamo, cio` che non vogliamo.", Eugenio Montale.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2863
Registrato: Oct 2005

  postato il 21/03/2006 alle 20:53
Non so se ne è parlato prima (non mi pare), e dire "bel film" non è appropriato, ma in "Tutta colpa del paradiso" Nuti è fantastico quando dice al bambino "Tu lo sai chi era Fausto Coppi?"

 

____________________

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Gino Bartali




Posts: 1312
Registrato: Feb 2005

  postato il 21/03/2006 alle 20:58
Non mi citare nuti..mi potrei emozionare,lo adoro in maniera smisurata,conosco tutti i suoi film a memoria.

Sempre in tutta colpa del paradiso,ti ricordi il poster che aveva in carcere....Coppi&Bartali,e quando se ne và via mi sembra che dica "non preoccuparti ti lascio Fausto"!!!

 

____________________
DAvide

"Cause tramps like us,baby we were born to run" (Bruce Springsteen)

C.S.N.P.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2863
Registrato: Oct 2005

  postato il 21/03/2006 alle 21:16
Originariamente inviato da DeLorean

Non mi citare nuti..mi potrei emozionare,lo adoro in maniera smisurata,conosco tutti i suoi film a memoria.

Sempre in tutta colpa del paradiso,ti ricordi il poster che aveva in carcere....Coppi&Bartali,e quando se ne và via mi sembra che dica "non preoccuparti ti lascio Fausto"!!!


E ha anche scritto "W Coppi" sul muro o ricordo male?

 

____________________

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Gino Bartali




Posts: 1312
Registrato: Feb 2005

  postato il 21/03/2006 alle 21:24
W Coppi

 

____________________
DAvide

"Cause tramps like us,baby we were born to run" (Bruce Springsteen)

C.S.N.P.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2142
Registrato: Jun 2005

  postato il 21/03/2006 alle 23:20
''Ci voleva un film su Bartali per rendere giustizia a mio padre''. Parla cosi', in un'intervista esclusiva a 'Tv Sorrisi e Canzoni', Faustino Coppi, il cinquantenne figlio del Campionissimo, commentando la fiction «Gino Bartali-L'intramontabile» con la regia di Alberto Negrin e con Pierfrancesco Favino (Bartali) e Simone Gandolfo (Coppi) che Raiuno mandera' in onda domenica 26 e lunedi' 27 marzo.
Commossi Adriana e Andrea Bartali: ''E' un film molto bello. Negrin e Favino hanno fatto un lavoro straordinario. L'attore non assomiglia molto a Gino - aggiunge Adriana - per esempio la cicatrice sul naso che si ruppe cadendo dalla bicicletta era diversa; ma lo ricorda tanto nel fisico, nel modo in cui si muove e anche nelle cose che dice e nella passione che ha messo sui pedali. Ci siamo incontrati un giorno sul set, mi e' piaciuto molto e visto cosi', vestito da ciclista degli Anni Trenta mi ha ricordato tanto Gino. Mi sono emozionata''.
''Questo si' che e' un film su un grande atleta, su un grande uomo che ha duellato lealmente con mio padre e che di mio padre ha sempre avuto un grande rispetto'', dice Faustino Coppi secondo il quale la fiction su Bartali riscatta quella che nel 1995 Alberto Sironi giro' su suo padre («Il Grande Fausto» con Sergio Castellitto su Raiuno). ''Quella - sottolinea - fu un'occasione persa. La cosa che non mi piacque affatto fu come descrissero il carattere di mio padre: troppo irascibile, tormentato, bizzoso, quasi schizofrenico''.
Quanto a Bartali, per il figlio di Coppi ''ne esce bene, come e' giusto che sia. Io ho conosciuto meglio Bartali di mio padre. Quando papa' mori', non avevo neppure 5 anni, e quello che mi e' rimasto nel cuore e nella mente sono solo delle sensazioni, dei sogni. Da questo film Gino esce come e' giusto che esca. Ma la cosa bella e' che hanno reso giustizia anche a mio padre''. E ancor piu' convinto Faustino Coppi e' dell'interpretazione che l'attore Simone Gandolfo da' del papa': ''L'ho trovato anche molto somigliante, e certo piu' gradevole di Sergio Castellitto che interpreto' papa' ne “Il Grande Fausto” e che aveva una sola
espressione: triste''.
Inevitabilmente il discorso cade sulla Dama Bianca, Giulia Occhini, sua madre, la donna che Coppi, gia' sposato, amo' attirandosi le critiche dell'Italia benpensante di allora: ''Posso comprendere - dice - lo sdegno dell'Italia degli anni Cinquanta ma francamente non capisco per quale ragione, ancora oggi, mia madre debba essere considerata una poco di buono''.
Resta irrisolto il dilemma che dal 1952 divide l'Italia ciclistica: fu Gino Bartali o Fausto Coppi a passare la borraccia, scena immortalata da una famosa fotografia scattata al Tour de France? Non ha dubbi Faustino: ''Fu papa' a passarla a Bartali. Ho la foto in casa, la vedo ogni giorno: papa' ha i portaborracce vuoti. Una borraccia e' nella sua mano sinistra e con la destra porge l'altra a Bartali. Nel film, invece, e' Bartali a passarla a Fausto''. Convinto anche Andrea Bartali: ''Fu papa' a passarla a Fausto, era una bottiglia che gli aveva allungato una donna lungo la strada. Ma non importa, sa quante se ne saranno passate in corsa. Sui pedali erano rivali, ma si rispettavano e giu' dalla bicicletta erano grandi amici''.




(fonte:tuttobiciweb.it)

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2142
Registrato: Jun 2005

  postato il 22/03/2006 alle 19:31
Sul sito della Rai(sezione fiction)c'è una video gallery di quasi cinque minuti sul film "Bartali l'intramontabile"
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Professionista




Posts: 34
Registrato: Jan 2006

  postato il 22/03/2006 alle 20:44
Oggi hanno presentato al festival di Malaga un film che si intitola 'La bicicleta', di Sigfrid Monleón. Dicono che racconti della vita di tre personaggi legati alla bici...mi sa che rientra nel genere 'bicisolidale'...stiamo a vedere.
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2258
Registrato: Feb 2005

  postato il 25/03/2006 alle 22:29
Originariamente inviato da Ivan il terribile in un thread monodedicato

Domenica e Lunedì in prima serata su RaiUno!
Per chi non lo sapesse...


 

____________________
"Se hai la fortuna clamorosa di diventare un cronista di ciclismo, non puoi fare a meno di essere coinvolto, trascinato in una passione infinita, irrinunciabile, che ti segna per sempre" - Pietro Cabras

"C'è una salita? Vai su, arriva in cima, e vedrai che sarai sempre vincitore" - Giordano Cottur

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 5547
Registrato: Nov 2004

  postato il 25/03/2006 alle 23:57
Originariamente inviato da maurofacoltosi

Originariamente inviato da cancel58

In "Sapore di mare", dopo una gita in bicicetta, i ragazzi ascoltano la radio che diffonde la notizia della vittoria di Gimondi al Tour de France.
(me lo ha ricordato mia moglie).
Gli anni sessanta........


Ricordo anch'io quella scena. Peccato che "Sapore di mare" sia ambientato nel 1964 e Gimondi abbia vinto il Tour solo l'anno dopo!!!


Pillicuso..era il tour de l'avenir...

 

____________________
www.vcoazzurratv.it
...- --- .-.. .-
.--. ..- .--. .. .-.. .-.. .-
...- --- .-.. .- !!!!

LA CAROVANA VA..CONFINI NON NE HA..E TUTTE LE DISTANZE ANNULLERA'!!
"..Dinnanzi a me non fuor cose create se non etterne.. Ed io in etterno duro!!
Lasciate ogni speranza voi ch'entrate...!!!

"C'è Bugno in testaaaa!!! è Bugnoooo!!! ed è campione del mondo Bugno su Jalabert!!!"

"...ma ti sollevero' tutte le volte che cadrai
e raccogliero' i tuoi fiori che per strada perderai
e seguiro' il tuo volo senza interferire mai
perche' quello che voglio e' stare insieme a te
senza catene stare insieme a te"...

"Cascata ha un pregio non da poco. ama il ciclismo e però lo riesce a guardare con l'occhio dello scienziato. informatissimo, sa sceglire personaggi sempre di levatira superiore, pur non "scadendo" nello scontato.
un bravo di cuore.
(post di Ilic JanJansen, nel Thread "Un ricordo: Pedro Delgado, il capitano di Indurain")

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Gino Bartali




Posts: 1312
Registrato: Feb 2005

  postato il 26/03/2006 alle 21:09
Fraun pò inizia il film su Bartali.........non vedo l'ora!!!

 

____________________
DAvide

"Cause tramps like us,baby we were born to run" (Bruce Springsteen)

C.S.N.P.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Moderatore
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 6025
Registrato: Oct 2005

  postato il 26/03/2006 alle 21:11
Ma quando cavolo inizia? stanno trasmettendo quello stupido quiz da 1/2 ora!

 

____________________
Vorrei morire in bici, in un giorno di sole, dopo aver scalato una di quelle montagne che sembrano protendersi verso il cielo, mi adagerei sull'erba fresca senza rimpianti, attendendo con serenità il compiersi del mio tempo. Non importa se sarà ...oggi o tra cent'anni, avrò in ogni caso trovato il mio giorno perfetto.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Gino Bartali




Posts: 1312
Registrato: Feb 2005

  postato il 26/03/2006 alle 21:13
Come vedo non sono l'unico a fremere!!!

 

____________________
DAvide

"Cause tramps like us,baby we were born to run" (Bruce Springsteen)

C.S.N.P.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Moderatore
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 6025
Registrato: Oct 2005

  postato il 26/03/2006 alle 21:17
Se non si sbrigano tra poco inizia direttamente la 2^ puntata!!!

 

____________________
Vorrei morire in bici, in un giorno di sole, dopo aver scalato una di quelle montagne che sembrano protendersi verso il cielo, mi adagerei sull'erba fresca senza rimpianti, attendendo con serenità il compiersi del mio tempo. Non importa se sarà ...oggi o tra cent'anni, avrò in ogni caso trovato il mio giorno perfetto.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Gino Bartali




Posts: 1312
Registrato: Feb 2005

  postato il 26/03/2006 alle 21:21
Olè hanno vonto 55000 euro...che felicità

Ma adesso dateci BARTALI!!!!

 

____________________
DAvide

"Cause tramps like us,baby we were born to run" (Bruce Springsteen)

C.S.N.P.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2863
Registrato: Oct 2005

  postato il 26/03/2006 alle 21:43
Ahi ahi ... per ora Binda e Bartali ricordano un po' Tognazzi e Vianello

 

____________________

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2258
Registrato: Feb 2005

  postato il 26/03/2006 alle 23:24
Ragazzi, non voglio sembrare esagerata, ma questo film è uno dei più belli che abbia mai visto. Non per niente ha convinto sia la famiglia di Bartali che quella di Coppi. Ragazzi, quanto ho pianto. Bellissimo. L'ho anche registrato per rivederlo, lo merita davvero

 

____________________
"Se hai la fortuna clamorosa di diventare un cronista di ciclismo, non puoi fare a meno di essere coinvolto, trascinato in una passione infinita, irrinunciabile, che ti segna per sempre" - Pietro Cabras

"C'è una salita? Vai su, arriva in cima, e vedrai che sarai sempre vincitore" - Giordano Cottur

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2432
Registrato: Jan 2005

  postato il 26/03/2006 alle 23:24
volevo chiedere ai più informati del forum, ed anche a chi può ricordare personalmente le vicende di bartali: dove finisce la realtà e dove inizia il romanzo nella fiction di rai uno?

per il resto davvero ben fatta, piena di sentimento ed emozionante.

 

____________________
Eugenio Vittone, EROE DEL GAVIA

E' famosa la risposta che George Leigh Mallory diede ai giornalisti che gli domandavano perchè volesse andare sull'Everest. "Perchè c'è", disse semplicemente.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Francesco Moser




Posts: 738
Registrato: Jun 2005

  postato il 26/03/2006 alle 23:26
Bello veramente...la seconda puntata è domani??

 

____________________

Carpe diem, quam minimum credula postero!! (Orazio)

Mattia

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Gino Bartali




Posts: 1312
Registrato: Feb 2005

  postato il 26/03/2006 alle 23:31
Su bartali mi considero un cultore.......

Direi che le vicende più o meno rispecchiano la realtà,ovviamente il tutto è al quanto romanzato,però la sostanza c'è...

Un piccolo appunto:le vicende ciclistiche vengono narrate poco,peccato essere caduti ancora nella solita fiction che gioca sui sentimenti(era prevedibile dovendo comunque puntare ad un target più ampio possibile).
Inoltre(come già successo con coppi)la storia mi appare troppo romanzata.

Nota positivissima:
Finalmente appare la vera statura di Gino,che parte della storia ci aveva tramandata come inferiore rispetto a quella di Coppi,ma soprattutto la giusta versione di quello che accadde al giro del 40,quando coppi vinse per merito di Gino e di un Cane.

Grande Bartali.....L'uomo di ferro(come lo soprannominarono in francia)

 

____________________
DAvide

"Cause tramps like us,baby we were born to run" (Bruce Springsteen)

C.S.N.P.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2258
Registrato: Feb 2005

  postato il 26/03/2006 alle 23:36
Originariamente inviato da EugeRambler

volevo chiedere ai più informati del forum, ed anche a chi può ricordare personalmente le vicende di bartali: dove finisce la realtà e dove inizia il romanzo nella fiction di rai uno?

Ho letto un'intervista a Faustino Coppi, ha detto che ci sono ovviamente alcune libertà artistiche sono state prese, come quando Bartali mette la testa di Coppi nella neve per convincerlo a ripartire al Giro del 1940, oppure quando (nella prossima puntata) Bruna, la prima moglie di Coppi, racconta quanto ha speso per il proprio vestito quando è all'udienza dal Papa. Inoltre mi pare di aver capito che anche le date di fidanzamento di Gino e Adriana siano sfalsate. Per non parlare della storia della borraccia: il figlio di Coppi ha detto che fu suo padre a passarla a Bartali, il figlio di Bartali ha detto il contrario...
Però è normale che in una trasposizione per la tv ci sia qualche libertà d'interpretazione. A parte queste che secondo me sono delle piccole sfumature, credo che questo film sia davvero molto veritiero soprattutto nella rappresentazione dei personaggi...

 

____________________
"Se hai la fortuna clamorosa di diventare un cronista di ciclismo, non puoi fare a meno di essere coinvolto, trascinato in una passione infinita, irrinunciabile, che ti segna per sempre" - Pietro Cabras

"C'è una salita? Vai su, arriva in cima, e vedrai che sarai sempre vincitore" - Giordano Cottur

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Gino Bartali




Posts: 1312
Registrato: Feb 2005

  postato il 26/03/2006 alle 23:39
credo che questo film sia davvero molto veritiero soprattutto nella rappresentazione dei personaggi...


Ma...,anche qui ho dei piccoli dubbi.Su bartali ho letto molto e visto molto,a dirti la verità avrei preferito una interpretazione più "Burbera",sappiamo tutti qual'era il carattere di Ginettaccio,buono come il pane ma estremamente duro e brontolone,forse quest'ultimo aspetto appare meno.

 

____________________
DAvide

"Cause tramps like us,baby we were born to run" (Bruce Springsteen)

C.S.N.P.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Moderatore
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 6025
Registrato: Oct 2005

  postato il 26/03/2006 alle 23:44
Anche a me la prima parte della fiction su Bartali è piaciuta molto, l'ho trovata efficace nel riuscire a mostrare la grandezza prima di tutto dell'uomo Bartali! devo complimentarmi con Pierfrancesco Favino, non pensavo riuscisse ad offrirci un Gino tanto intenso.
Le imprese sportive sono servite da contesto per descrivere gli aspetti più legati alla vita privata del campione senza però scadere nella soap-opera, credo questa sia stata una scelta voluta. probabilmente alcuni aspetti sono stati un po romanzati per esigenze cinematografici ma se la famiglia ha accolto con commozione il film ciò vuol dire la sceneggiatura è sicuramente credibile.
Non ne esce bene la figura di Coppi, rappresentato come un ragazzino isterico ben visto dal regime ma credo che nella seconda parte, quella che affonta l'epopea dei due rivali sarà sicuramente trattata in modo più approfondito.
Ho apprezzato molto invece il risalto che si è dato alla sua attività di corriere di documenti per gli ebrei, un aspetto di cui si è parlato solo di recente.
Non ci resta che attendere la seconda parte del film sperando che sia avvincente come la prima!

 

____________________
Vorrei morire in bici, in un giorno di sole, dopo aver scalato una di quelle montagne che sembrano protendersi verso il cielo, mi adagerei sull'erba fresca senza rimpianti, attendendo con serenità il compiersi del mio tempo. Non importa se sarà ...oggi o tra cent'anni, avrò in ogni caso trovato il mio giorno perfetto.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage
<<  1    2    3    4    5  >> Nuovo Thread  Nuova risposta   Nuovo sondaggio
 
Powered by Lux sulla base di XMB
Lux Forum vers. 1.6
1.9441669