Board logo

Il Forum di Cicloweb

Non hai fatto il login | Login Pagina principale > Dite la vostra sul ciclismo! > Le imprese più belle di Pantani
Nuovo Thread  Nuova risposta  Nuovo sondaggio
< Ultimo thread   Prossimo thread >  |  Versione stampabile
<<  1    2  >>
Autore: Oggetto: Le imprese più belle di Pantani

Livello Fausto Coppi




Posts: 9090
Registrato: Nov 2005

  postato il 18/11/2005 alle 12:39
Adesso tutti mi prenderete per Pantanista sfegatato (cosa che in effetti è vera) ma io ciclisticamente parlando ho amato tanto quell'omino e ogni volta che esco in bicicletta (unica mia passione e devo ringraziare il pirata se è così) sento che un qualche cosa di marco mi rimane nel cuore... mi piacerebbe discutere un po con voi delle più grandi imprese di Marco dalle prime apparizioni (se qualcuno se ne ricorda qualcuna anche del dilettantismo è ben accetta) fino alle imprese più note che mai si cancelleranno nella storia del ciclismo... Io ne ho alcune preferite (anche se devo dire che poche, anzi nessuna ,non mi sono piaciute), ma mi piacerebbe sentire i vostri ricordi e le vostre memorie

 

[Modificato il 18/11/2005 alle 13:17 by robby]

____________________
EROE DEL GAVIA

A 2 Km dalla vetta mi sono detto "Vai Marco o salti tu o salta lui...E' saltato lui.
Marco Pantani.Montecampione 1998

27/28/29 giugno 2008...son stato pure randonneur

!platonicamente innamorato di admin!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Moderatore
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 6025
Registrato: Oct 2005

  postato il 18/11/2005 alle 22:45
tra le tante imprese del pirata quella che mi ha emozionato fino a farmi quasi esplodere il cuore è stata la meravigliosa cavalcata nella tappa del galibier, l'ultima vera impresa da ciclismo eroico, solo a ripensarci mi vengono i brividi, è stata la più grande impresa a cui abbia assistito da quando seguo il ciclismo (circa 20 anni).
è stata l'unica cosa in grado di farmi gioire in un periodo poco felice della mia vita, anche x questo porterò sempre con me questo ricordo.


 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 6314
Registrato: Jun 2005

  postato il 18/11/2005 alle 22:48
Aprica. Induarain in croce e lui che va via sul Santa Cristina.
L'unica volta che ho visto Indurain cosi'!!!!1

 

[Modificato il 18/11/2005 alle 23:00 by stress]

____________________
"MEGLIO NON ESSERE RICONOSCIUTO PER STRADA CHE ESSERLO ALL'OBITORIO.
IL CASCO SALVA LA VITA, LA CHIOMA VA BENE PER LA FOTO SULLA TOMBA"!!!


Articolo 27 della costituzione Italiana

La responsabilità penale è personale.
L'IMPUTATO NON E' CONSIDERATO COLPEVOLE SINO ALLA CONDANNA DEFINITIVA.
Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato.
Non è ammessa la pena di morte.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 5156
Registrato: Apr 2005

  postato il 18/11/2005 alle 22:57
Aprica,Aprica.
Anche se a Courchevel 2000 ho pianto di gioia. L'ha staccato e se il giorno dopo la Telekom non faceva l'errore di inseguire insieme all'U.S Postal, il Tour l'avrebbe vinto Ullrich e non il guappo.

 

____________________
nino58

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Tour




Posts: 268
Registrato: Oct 2005

  postato il 19/11/2005 alle 11:45
La mia classifica è basata più sulle mie emozioni che sui gesti tecnico-atletici in sè..

1 Courchevel 2000
2 Oropa 1999
3 Alpe d'Huez 1997
4 Les Deux Alpes 1998
5 Plan di Montecampione 1998
6 Aprica 1994

 

____________________

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Gastone Nencini




Posts: 497
Registrato: Aug 2005

  postato il 19/11/2005 alle 13:56
sicuramente rimarrà nella storia...Alpe d'Huez 1997

 

____________________
Demetrio Vilardi

sta firma la devo cambiare

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Claudio Chiappucci




Posts: 335
Registrato: Oct 2005

  postato il 19/11/2005 alle 14:18
A Oropa, quando ebbe un problema alla catena che gli fece peredere dei minuti, ma ugualmente ripartì e surclassò tutti.

 

____________________
The famous Sbrindolin hasta luego

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Alfredo Binda




Posts: 1134
Registrato: Nov 2003

  postato il 19/11/2005 alle 17:41
Secondo me Les Deux Alpes 1998 è stata la migliore... non ho seguito i primi anni della carriera del Pirata, ma non credo ci sia stata un'impresa altrettanto spettacolare!

 

____________________

 
Edit Post Reply With Quote

Moderatore




Posts: 3235
Registrato: Sep 2005

  postato il 19/11/2005 alle 18:25
1 Oropa e una prova di forza pazzesca
2 Plan di monte campione
3 courchevel
4 l'alpe d'huez
5 les deux alpes
6 aprica

 

____________________
Se si è ritirato Bewolcic si possono ritirare tutti...


Gianni



 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3579
Registrato: May 2005

  postato il 19/11/2005 alle 18:58
Originariamente inviato da sbrindolin

A Oropa, quando ebbe un problema alla catena che gli fece peredere dei minuti, ma ugualmente ripartì e surclassò tutti.

Sono d'accordo... quella vittoria fu l'emblema della classe e soprattutto della strapotenza che il Pirata aveva in salita nei confronti dei suoi avversari: mai visto nessun altro gareggiare in quella maniera!

 

____________________
Lo stupido sa molto, l'intelligente sa poco, il saggio non sa nulla... MA EL MONA EL SA TUTO!!! (copyright sconosciuto)

ADOTTA ANCHE TU UNA AMY WINEHOUSE!!! Mangia poco, non sporca... e aspira tutta la polvere che hai in casa!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 2490
Registrato: Dec 2004

  postato il 19/11/2005 alle 22:57
anche per me è il 97 cn l'alpe e il suo urlo, quasi volesse liberarsi di tutte le disgrazie e gli incidenti subiti!

 

____________________
http://ilmiociclismo.blog.excite.it

"La vita e la morte.La pace e la guerra.La repubblica e la monarchia.Infine Bartali e Coppi e la progressiva identificazione di un popolo, che ripartiva da zero, in una coppia di campioni."Leo Turrini

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 2797
Registrato: Apr 2005

  postato il 20/11/2005 alle 00:00
Io vado controtendenza ma sono convinto che la più grande impresa di Pantani sia stata la vittoria sul Ventoux nel Tour del 2000.
Marco veniva dalla squalifica del Giro 99, aveva corso un Giro in cui aveva rimediato batoste su tutte le salite (meno che nella tappa di Briancon) e era andato abbastanza piano nelle prime salite del Tour di quell'anno. Inoltre è molto probabile che facesse già uso della sostanza che lo ha portato alla morte.
Nonostante tutto questo, in una delle salite più dure del mondo, in condizioni climatiche terribili, riusciva a rientrare non so quante volte sul gruppetto di testa, per poi staccare tutti meno il super americano, che tentò di staccarlo ma non ci riuscì.
Non sono convinto del tutto che Armstrong lo abbia lasciato vincere, ma se anche fosse così quello che fece Pantani quel giorno per me vale più dei trionfi sull'Aprica o sull'Alp d'Huez.
Dopo quella vittoria ero convinto che Pantani sarebbe tornato quello di prima, purtroppo così non è stato.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Moreno Argentin




Posts: 375
Registrato: Nov 2005

  postato il 20/11/2005 alle 11:45
Sono tante le imprese dell'amato PIRATA:
Su tutte dico Monte Campione 1998(in piedi sul divano ad applaudire)
Les Deux Alpes 1998(in piedi sul divano ad applaudire)
Alpe d'Huez 1997(in piedi sul divano ad applaudire)
Ma anche attacchi orgogliosi non andati a buon fine:
L'attacco ad Armstrong nel 2000 a tre salite dalla fine(in piedi sul divano a sperare...)
L'ultimo attacco alla Cascata del Toce(dal vivo, correndogli dietro e incitandolo per un km, dai -2 ai -1 dall'arrivo)

Grazie per tutte queste grandi emozioni, indimenticabile PIRATA

 

____________________
La bùca l'è mea straca
se la sà mea ad vaca(detto Ornavassese)
...ecco il pirata che getta via la bandana e scatta...(A.De Zan)
Un giorno senza sangue è come un giorno senza sole...(full metal jacket)

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Raymond Poulidor




Posts: 352
Registrato: Oct 2005

  postato il 20/11/2005 alle 14:37
Originariamente inviato da thepirate87

L'ultimo attacco alla Cascata del Toce(dal vivo, correndogli dietro e incitandolo per un km, dai -2 ai -1 dall'arrivo)


Anche se non ha vinto,per me aver vissuto quell'esperianza dal vivo è stato fantastico...poi ricordo che il giorno prima era caduto con Garzelli...appena è successo ho telefonato a thepirate per dirgli dell'accaduto...E il giorno dopo siamo partiti nel dubbio atroce per la partecipazione o meno del pirata...le voci li in formazza si susseguivano...Uno diceva:"non è andato a casa",ma subito dopo qualcun'altro smentiva...e alla fine abbiamo avuto la conferma che c'era,ho chiamato mia sorella alle 3 per chiederglielo e lei mi ha risposto che il pirata c'era...Poco dopo squilla di nuovo il telefono...era un mio amico,mi dice:"pantani è scattato!"...in quel momento mi sono passate per la testa tante di quelle cose...e poi,insieme a thepirate,carichi piu che mai,siamo scesi verso il km 2 sperando di vedere uscire dalla galleria per primo Marco,ma non fu cosi...C'erano Pellizzotti e Simoni in testa...poco dopo però ci sfilò il pirata...
Che emozione per quell'ennessima impesa di Marco Pantani!

 

____________________
Gabriele Pella
Sito ufficiale Omar Sottocornola:
http://xoomer.virgilio.it/omarsottocornola-site/
Forum sul calcio nel VCO:
http://phpbb.forumgratis.com/?mforum=calciolocale

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Giro di Lombardia




Posts: 109
Registrato: Oct 2005

  postato il 20/11/2005 alle 21:42
1 Les deux alpes 98 : urlavo come un pazzo dal galibier
2 Oropa 99 : tanto di cappello
3 Alpe d'Huez 97 : la rinascita
4 Plan di Montecampione 98 : avevo la pelle d'oca

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Giro di Lombardia




Posts: 109
Registrato: Oct 2005

  postato il 20/11/2005 alle 21:43
Originariamente inviato da tacc88

Originariamente inviato da thepirate87

L'ultimo attacco alla Cascata del Toce(dal vivo, correndogli dietro e incitandolo per un km, dai -2 ai -1 dall'arrivo)


Anche se non ha vinto,per me aver vissuto quell'esperianza dal vivo è stato fantastico...poi ricordo che il giorno prima era caduto con Garzelli...appena è successo ho telefonato a thepirate per dirgli dell'accaduto...E il giorno dopo siamo partiti nel dubbio atroce per la partecipazione o meno del pirata...le voci li in formazza si susseguivano...Uno diceva:"non è andato a casa",ma subito dopo qualcun'altro smentiva...e alla fine abbiamo avuto la conferma che c'era,ho chiamato mia sorella alle 3 per chiederglielo e lei mi ha risposto che il pirata c'era...Poco dopo squilla di nuovo il telefono...era un mio amico,mi dice:"pantani è scattato!"...in quel momento mi sono passate per la testa tante di quelle cose...e poi,insieme a thepirate,carichi piu che mai,siamo scesi verso il km 2 sperando di vedere uscire dalla galleria per primo Marco,ma non fu cosi...C'erano Pellizzotti e Simoni in testa...poco dopo però ci sfilò il pirata...
Che emozione per quell'ennessima impesa di Marco Pantani!


non posso dimenticare neanche io quel giorno: è stata la prima e l'unica volta in cui ho visto dal vivo il pirata

 

[Modificato il 20/11/2005 alle 22:21 by Bucaniere]


 
Edit Post Reply With Quote

Livello Octave Lapize




Posts: 471
Registrato: Dec 2004

  postato il 21/11/2005 alle 09:54
Dal punto di vista tecnico senza dubbio Oropa 1999.
Dal punto di vista emotivo Montecampione 1998 (grazie a Tonkov).
Dal punto di vista spettacolare Aprica 1994.
Dal punto di vista della resa finale Les Deux Alpes 1998.

 

____________________
Pedivella rovente

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Hugo Koblet




Posts: 401
Registrato: Oct 2005

  postato il 21/11/2005 alle 13:32
difficle fare una classifica delle 16 vittorie tra giro e tour o anche delle imprese sfiorate. per valore tecnico ed emotivo metto al primo posto les deux alpes 98: tappa che gli ha consegnato il tour ed in più ero presente nella discesa del lautaret infreddolito e felice. poi direi a pari merito aprica 94, monte campione 98, oropa 99, alpe d'huez 97. ma altre meriterebbero.
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Moreno Argentin




Posts: 375
Registrato: Nov 2005

  postato il 21/11/2005 alle 16:06
Per Tacc88
Ti ricordi il boato della gente quando la radio del direttore di corsa ha detto che Pantani era scattato ancora?

 

____________________
La bùca l'è mea straca
se la sà mea ad vaca(detto Ornavassese)
...ecco il pirata che getta via la bandana e scatta...(A.De Zan)
Un giorno senza sangue è come un giorno senza sole...(full metal jacket)

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Raymond Poulidor




Posts: 352
Registrato: Oct 2005

  postato il 21/11/2005 alle 21:15
certo...come potrei dimenticare quella giornata e tutti i suoi particolari...speriamo di poterci divertire anche solo la metà al Sempione quest'anno...

 

____________________
Gabriele Pella
Sito ufficiale Omar Sottocornola:
http://xoomer.virgilio.it/omarsottocornola-site/
Forum sul calcio nel VCO:
http://phpbb.forumgratis.com/?mforum=calciolocale

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 9090
Registrato: Nov 2005

  postato il 22/11/2005 alle 11:30
Io ho idee personali in riferimento alle imprese più belle di Marco. In assoluto la più bella per me rimane sicuramente quella di les Deux alpes anche perchè mi lega fortissimo a dei ricordi con una cara persona che ora non c'è più. Quel 27 luglio 1998 è stato uno dei giorni più belli della mia vita. Quante lacrime di gioia!!!!!
Poi sicuramente ci metto la vittoria dell' Aprica 94, io ero lì sull'ultimo km del Mortirolo e quando marco è passato (e per me era ancora quasi uno sconosciuto ho gridato a mio padre "guarda papi e quel pazzo di ieri che scendeva con la pancia sul sellino!!! un emozione indimenticabile ho ancora la pelle d'oca mentre scrivo queste cose.
Poi in successione. Montecampione 98 (mi è mancata la voce per 3 giorni per tutte quelle urla fatte in que 2 km finali)Oropa 99 Alpe d'huez 97 e via via.
A me fanno impazzire anche altre imprese tra cui Guzet Neige 95 dove a 50 km dall'arrivo se ne andò da solo tra nebbia e gelo e arrivo con 2e30 su sua maesta Miguelon e poi mitica al Tour del 94 L'arrivo in salita a ValTourenche (si scrive così?) in mattianta era caduto e rischiava di ritirarsi per la forte botta presa al ginocchioe sull'ultima salita scattò come un forsennato e non riuscì a vincere solo perchè c'erano in fuga Ugrumov e Cacaito. Che spettacolo Marco. Quante emozioni e quanti ricordi. Mi sta scendendo una lacrimuccia...

 

____________________
EROE DEL GAVIA

A 2 Km dalla vetta mi sono detto "Vai Marco o salti tu o salta lui...E' saltato lui.
Marco Pantani.Montecampione 1998

27/28/29 giugno 2008...son stato pure randonneur

!platonicamente innamorato di admin!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 9090
Registrato: Nov 2005

  postato il 22/11/2005 alle 11:41
e come dimenticare il primo acuto di Marco nella tappa di Merano 94 scatto secco ad 1 km dalla vetta del Giovo quando c'era in fuga un ormai esausto Pascal Richard.. se lo mangiò in dicesa ed arrivò a Merano tutto solo con un gruppo scatenato alle sue spalle e considerate che da S.Leonardo in Passiria a Merano ci sono 15KM di pianura tendente a scendere e un gruppo che ti segue e ti mangia in un attimo...e lui arrivò solo. E la tentata fuga sempre allo stesso giro sull'Agnello a + di 100 km dal traguardo?? Li se non c'era Argentin che guidava Berzin sul Lautaret a rientrare, col piffero che il russo vinceva il Giro!!!.

 

____________________
EROE DEL GAVIA

A 2 Km dalla vetta mi sono detto "Vai Marco o salti tu o salta lui...E' saltato lui.
Marco Pantani.Montecampione 1998

27/28/29 giugno 2008...son stato pure randonneur

!platonicamente innamorato di admin!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Tirreno-Adriatico




Posts: 56
Registrato: Sep 2005

  postato il 27/11/2005 alle 00:05
E' vero....la giornata di Val Thorense al Tour nel 1994 fu, nel suo piccolo (nel suo piccolo perchè non portò una vittoria) indimenticabile.
Si passò dalla quasi disperazione per un probabile ritiro che avrebbe voluto dire addio al podio ormai quasi certo, alla gioia per un nuovo attacco ad Indurain e agli altri favoriti. Fantastico!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 9090
Registrato: Nov 2005

  postato il 01/02/2006 alle 08:44
oggi è il primo del mese e credo che come al solito sarò abbastanza sommerso di lavoro e non se se riuscirò a stare tanto collegato con voi, ma vado a rispolverare questo 3dper un semplice motivo.
Ieri sera per la prima volta nella mia vita ho visto l'intera tappa del 1994 Merano Aprica dove nacque il mito Pantani!!!!!
Sì, proprio ieri per la prima volta, infatti fino a ieri non avevo visto altro che piccoli servizi e ascoltato vaghi commenti su una delle imprese più spettacolari che il ciclismo ricordi, perchè io quel giorno ero proprio sul Mortirolo con papà e mamma e per un malaugurato causa della vita il videeoregistratore fece le bizze e non riuscii a registrare la tappa.
Sono riuscito a trovarla , e ieri sera per 4 ore e 10 minuti sono stato attaccato al televisore con il mio babbo a vederla tutto!!!!
Mai visto niente del genere!!!!!!!
uno spettacolo vedere Marco sul Mortirolo con quella pedalata di una facilità irriisoria nei confronti di tutti gli altri e vederlo ripartire con cattiveria di nuovo sul Santa Cristina dove ha inflitto al Signo Miguel indurain una delle più sonore scoppole della sua vita ciclistica!!!!!!!!
Ripeto: MAI VISTO NIENTE DI SIMILE!!!
UNA MERAVIGLIA

P.S.: e non vi nascondo che ogni tanto sia sul mio viso che su quello di mio padre scendeva una lacrima a ricordo di quella giornata!!!

 

____________________
EROE DEL GAVIA

A 2 Km dalla vetta mi sono detto "Vai Marco o salti tu o salta lui...E' saltato lui.
Marco Pantani.Montecampione 1998

27/28/29 giugno 2008...son stato pure randonneur

!platonicamente innamorato di admin!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 9090
Registrato: Nov 2005

  postato il 01/02/2006 alle 09:47
Uffi, ma a nessuno interessa il commento della Merano Aprica!?!

 

____________________
EROE DEL GAVIA

A 2 Km dalla vetta mi sono detto "Vai Marco o salti tu o salta lui...E' saltato lui.
Marco Pantani.Montecampione 1998

27/28/29 giugno 2008...son stato pure randonneur

!platonicamente innamorato di admin!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 9090
Registrato: Nov 2005

  postato il 01/02/2006 alle 09:47
p.s.: di lavoro ce n'è tanto, ma non ce la faccio a non entrare in cicloweb!!!!!!

 

____________________
EROE DEL GAVIA

A 2 Km dalla vetta mi sono detto "Vai Marco o salti tu o salta lui...E' saltato lui.
Marco Pantani.Montecampione 1998

27/28/29 giugno 2008...son stato pure randonneur

!platonicamente innamorato di admin!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6314
Registrato: Jun 2005

  postato il 01/02/2006 alle 09:50
Originariamente inviato da stress

Aprica. Induarain in croce e lui che va via sul Santa Cristina.
L'unica volta che ho visto Indurain cosi'!!!!

Interessa interessa, eccome se interessa.

 

____________________
"MEGLIO NON ESSERE RICONOSCIUTO PER STRADA CHE ESSERLO ALL'OBITORIO.
IL CASCO SALVA LA VITA, LA CHIOMA VA BENE PER LA FOTO SULLA TOMBA"!!!


Articolo 27 della costituzione Italiana

La responsabilità penale è personale.
L'IMPUTATO NON E' CONSIDERATO COLPEVOLE SINO ALLA CONDANNA DEFINITIVA.
Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato.
Non è ammessa la pena di morte.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Giuseppe Saronni




Posts: 685
Registrato: Jun 2005

  postato il 01/02/2006 alle 10:11
Anch'io scelgo la vittoria sul Mont Ventoux, e non per via del mio nick.
Se è vero che quella è stata forse l'unica vittoria di Marco non in solitaria, è vero pure che quando Pantani arrivava da solo, era per via di una capacità di andare forte in salita, nettamente maggiore degli altri, quasi imbarazzante, basta pensare alle 4 tappe vinte al Giro 1999.
Quel Pantani lì, pur compiendo dei magnifici gesti atletici, non faceva in realtà, nulla di straordinario, considerando le sue doti di fortissimo arrampicatore.
Valgono da questo punto di vista, molto di più le vittorie di Aprica nel 1994, delle Deux Alpes nel 1998, e la stessa fuga con Guerini nella tappa di Selva che gli consegnò la prima maglia rosa nel 1998, della stessa vittoria incredibile ad Oropa, perchè in quelle 3 occasioni, Pantani seppe aggiungere alle sue innate doti da grimpeur, la capacità di vincere tappe molto lunghe, al termine di attacchi portati lontano dal traguardo dimostrando quindi pure un grande capacità di resistenza allo sforzo.
Comunque, in tutte queste occasioni, vinceva chiaramente il più forte, si compiva cioè un atto di giustizia sportiva. Sul Ventoux nel 2000 invece, la vittoria di Pantani, fu la vittoria innanzitutto dell'orgoglio, molto prima della forza o della classe, perchè la sua condizione era appena buona, il gruppetto dei migliori lo staccò nel tratto più duro, Ullrich tirava per sfiancare Armstrong imponendo un passo sostenuto, ma nonostante questo, Pantani rientrò da solo ai 6 km dall'arrivo, e subito produsse una raffica di scatti e accelerazioni come se fosse partito in quel momento, facendo quasi dimenticare che nellla prima parte della salita avava penato per contenere il distacco intorno ai 20 secondi. All'ennesima accelerata, solo Armstrong da dietro, si riportò su di lui, anche perchè lui fino ad allora "aveva giocato", aveva solo controllato il forcing di Ullrich con grande facilità. Quella vittoria di Pantani fu, dal mio punto di vista, la più vera perchè la più sofferta, perchè in quella occasione a vincere non fu il Pantani stratosferico, ma il Pantani uomo, con tutta la sua classe, ma soprattutto con i suoi nervi e la sua tempra di uomo orgoglioso, che già combatteva la sua battaglia con la cocaina che ne minava inevitabilmente le prestazioni, e nonostante questo, faceva violenza alla sua condizione atletica appena accettabile, per i suoi standard abituali, ponendo infine con un colpo di reni finale la sua ruota davanti a quella di Armstrong, al termine dell'ora più intensa e sofferta, che Pantani ha secondo me lasciato allo sport.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Parigi-Nizza




Posts: 46
Registrato: Jan 2006

  postato il 01/02/2006 alle 10:33
Sul Panta voglio proprio dire la mia.
Il Pirata ha compiuto una serie di imprese, e voi le avete elencate e descritte benissimo.
Ho seguito Pantani (sulle strade) dal 1994 sul Mortirolo, aspettandolo con trepidazione sulle salite.
VOGLIO RICORDARE IL PANTANI DEL GIRO 2003.
Anche se atleticamente gli mancava molto per tornare il Pirata (se fosse andato al Tour con il Giro nelle gambe, chissà.....) si e' battuto con una dignita'ed una grinta da fuoriclasse vero.
In particolare ero sulla salita dell'Alpe di Pampeago, non una delle sue migliori prestazioni in quel giro, ebbene lo sguardo e la grinta erano quelli dei tempi belli.
Passò oltre la decima posizione con un bel distacco da Simoni che era in testa..... ma il Re restava lui!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 9090
Registrato: Nov 2005

  postato il 01/02/2006 alle 10:47
EH SI', IL RE ERA PROPRIO LUI, me lo ricordo anche io a Pampeago nel 2003.
C'ero anche io!!!

 

____________________
EROE DEL GAVIA

A 2 Km dalla vetta mi sono detto "Vai Marco o salti tu o salta lui...E' saltato lui.
Marco Pantani.Montecampione 1998

27/28/29 giugno 2008...son stato pure randonneur

!platonicamente innamorato di admin!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Moderatore




Posts: 21608
Registrato: Oct 2004

  postato il 01/02/2006 alle 11:13
C'è un Poeta su questi lidi che ogni volta si sbatte per far capire che una delle più grosse imprese di Marco Pantani, se non veramente la più grande, fu durante la tappa che finiva sul Monte Zoncolan al Giro d'Italia 2003.

Anche lui, a fine tappa, disse a Vicennati che quella tappa sarebbe potuta essere il "giro di boa".
Purtroppo, non è andata come Marco - e come tutti - si aspettava.

 

____________________
Mario Casaldi - Cicloweb.it

CICLISTI
Si sta come
d'autunno
sugli alberi
le foglie

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 9090
Registrato: Nov 2005

  postato il 01/02/2006 alle 11:23
POTEVA PROPRIO ESSERE IL GIRO DI BOA, peccato...
Cmq mi manca tantissimo quell'omino pelato

 

____________________
EROE DEL GAVIA

A 2 Km dalla vetta mi sono detto "Vai Marco o salti tu o salta lui...E' saltato lui.
Marco Pantani.Montecampione 1998

27/28/29 giugno 2008...son stato pure randonneur

!platonicamente innamorato di admin!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani
Utente del mese Febbraio 2009
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 2093
Registrato: Sep 2004

  postato il 01/02/2006 alle 12:37
E' vero Robby, anch'io ogni tanto metto una cassetta qualsiasi su pantani e mi commuovo e mi esalto ancora a vederlo correre come solo lui sapeva fare.
e ogni volta penso che quella che sto vedendo è la più grande.
Forse ha ragione Morris, l'impresa più pantaniana fu allo Zoncolan 2003, eppure a me piace tantissimo ( come espressione pura della pantanata sublime) quella di Morzine 2000, quella incompita, il folle volo del Pirata a cui non importa arrivare sul posio se gli viene in mente di far saltare il banco. Già nel 2000, però, era in condizioni precarie di preparazione e di testa.
E poi quella che ha segnato la sua morte, quella che, forse, avrebbe fatto nella tappa dellAprica 1999......

 

____________________
Verità e giustizia per Marco Pantani: una battaglia di civiltà.

Arcana loggia per il ripristino della civiltà dell'ordalia.

IO NON L'HO VOTATO.

IO CORRO DOPATO COME TUTTI.

"E' tutto alla conoscenza di tutti" Marco Pantani,1997 ( tempi non sospetti),parlando di doping in un'intervista televisiva con Gianni Minà.

Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping.

Hypocrisy free.

CAREFUL WITH THAT AXE, EUGENIO.



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Gino Bartali




Posts: 1312
Registrato: Feb 2005

  postato il 01/02/2006 alle 12:44
A panpaeago c'ero anchio....eccome se me lo ricordo il panta,gli applausi erano tutti per lui.

Ma il momento più magico è stato quando è sceso come tutti gli altri corridori,una umiltà che non si vedeva da tanto!!!Fù una vera e proria ovazione,tutti i cori erano per marco....vai marco!!!forza panta,continua così....

 

____________________
DAvide

"Cause tramps like us,baby we were born to run" (Bruce Springsteen)

C.S.N.P.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Parigi-Nizza




Posts: 46
Registrato: Jan 2006

  postato il 01/02/2006 alle 13:55
E' vero..... la discesa del Panta dall'Alpe di Pampeago in mezzo a tutti gli altri ciclisti e cicloamatori che scendevano è stato un momento bellissimo.
Ricordo che il Pirata portava una mantellina blu sopra la maglia della Mercatone Uno - Scanavino eppure tutti lo riconoscevano ed osannavano.
E' l'ultimo ricordo che ho del Panta in bici (TV a parte).
Roba da magone!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Classica San Sebastian




Posts: 72
Registrato: May 2005

  postato il 01/02/2006 alle 13:56
donchisciotte ha accennato l'impresa incompita di Morzine che alla fine è andata male, ma io mi ricordo ancora perfettamente quel giorno:
stavo a casa sulla poltrona a guardarmi la tappa, non potevo perderla visto quel che ha fatto il Panta a Courchevel. Era un periodo poco felice per me, stavo attraversando un periodo buio. Ma quelle giornate del Tour mi hanno dato una grande gioia. per me sono stati gli unici giorni memorabili di quell'estate molto brutta per me.
Poi quando Pantani scattò sul primo colle sembrava qualcosa di assurdo. all'inizio tutti non ci credevano ai loro occhi. sembrava un compagno di Marco. ma invece era proprio lui. il folletto!
che ricordi ragazzi, grazie Panta!!!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 9090
Registrato: Nov 2005

  postato il 01/02/2006 alle 14:05
hO ANCORA LA PELLE D'OCA!!!
GRAZIE MARCO

 

____________________
EROE DEL GAVIA

A 2 Km dalla vetta mi sono detto "Vai Marco o salti tu o salta lui...E' saltato lui.
Marco Pantani.Montecampione 1998

27/28/29 giugno 2008...son stato pure randonneur

!platonicamente innamorato di admin!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Luison Bobet




Posts: 786
Registrato: Jan 2006

  postato il 01/02/2006 alle 14:20
Complimenti a Robby per lo splendido thread!! Io ho nel cuore tutte le imprese di Marco, ritengo che la più bella sia stata la tappa del Galibier al Tour anche perchè fruttò la maglia gialla. Direi che ogni impresa porta impresso a fuoco il marchio del Panta, io ricordo volentieri anche una sua impresa non riuscita: parlo della tappa al Giro '94, quella del Colle dell'Agnello. Incollo il testo di un racconto che ho inserito, a suo tempo, nel forum FMP, quel giorno andò male, purtroppo, ma era già un grandissimo.

Nei giorni scorsi ho pensato a ciò che ha scritto passion, al Pantani del '94. Il Pantani di Merano, di Aprica, quello che staccava tutti in salita e che si buttava a capofitto in discesa, con quella posizione 'a uovo' che faceva tremare i polsi al solo pensarci. Premetto che per me tutte le imprese di Pantani sono qualcosa di impareggiabile, anche quella dello Zoncolan, anche lo scatto a Cascate del Toce nel 2003, anche la volata persa da Ivanov alla Coppi e Bartali 2003. Ma c'è un'impresa mancata, che avrebbe potuto valere la vittoria del Giro proprio nel '94: la tappa arrivava a Les Deux Alpes, traguardo che nella storia del Panta, di lì a qualche anno, sarebbe diventato l'espressione massima della sua superiorità e contemporaneamente simbolo della vittoria al Tour, quella che per gli italiani mancava dal 1965. Vado per ordine, chiudo gli occhi e torno indietro negli anni: dopo la splendida cavalcata di Aprica, il Giro è riaperto, Pantani fa paura a tutti. La maglia rosa Berzin, che si è salvata per un soffio ad Aprica, ha incrementato il suo vantaggio nella cronoscalata di Passo del Bocco (molto crono e poco scalata...): il suo vantaggio su Marco sembra rassicurante, è aumentato di 1'37” portandosi a 2' e 55”. Il 10 giugno la tappa parte da Cuneo alla volta di Les Deux Alpes, il menù è per palati forti: Colle dell'Agnello, Izoard, Lautaret ed arrivo in salita. Il Panta si sente bene, come da sua natura non si accontenta del secondo posto: è il suo momento e vuole far saltare il banco. Questa, dai racconti del'epoca, la tattica: sull'Agnello partirà Poulnikov o Chiappucci, prenderanno vantaggio e poi partirà il Panta. Il compagno davanti lo attende, fanno coppia e puntano l'arrivo solitario al traguardo, obiettivo la maglia rosa. Accade però che sull'Agnello ci sia già un gruppetto in avanscoperta, ma nessuno della Carrera: Poulnikov dice di non averne, così Marco parte come una freccia. Sale veloce, fa il vuoto e scollina con tre minuti. Poi giù a capofitto, quindi sull'Izoard il vantaggio aumenta, con lui il colombiano Buenahora. Berzin va in panico, Argentin lo prende per mano e lo trascina fuori da quel turbinio di paura che gli costerebbe inevitabilmente il Giro. Scesi dall'Izoard, una lunga pianura deve essere percorsa prima del Lautaret: il vento è forte, contrario ovviamente, Buenahora non gli dà un cambio. Dietro Argentin e la Gewiss fanno uno sforzo enorme e la fuga naufraga. Il Panta viene ripreso ma, a riprova del fatto che ne aveva da vendere, lui non si stacca, arriva con il gruppo dei migliori. Chi vince la tappa? Poulnikov, proprio lui, quello che non ne aveva!! E' andata male, sostanzialmente per tre motivi:

1)nessun compagno si è sacrificato, Poulnikov ha poi addirittura vinto la tappa (ed a fine anno ha cambiato squadra....). Se fosse andato in avanscoperta, la fuga sarebbe arrivata e quel Giro l'avrebbe vinto Pantani, vi immaginate? Roba da leggenda.

2)Argentin ha salvato Berzin, che stava andando alla deriva preso dalla paura e dallo sconforto. Argentin invece lo ha scrollato di brutto, ha tirato per 100 km ed ha guidato la rincorsa. Lo sforzo sarà così grande che alla fine di quel Giro, in anticipo sui programmi, decide di concludere la sua carriera.

3)Buenahora non ha mai collaborato, gli avesse dato una mano magari cambiava tutto.

Ora riapro gli occhi e penso a tante cose. Quella fuga ha fatto scuola, pensiamo al Giro 2004: la Saeco manda Mazzoleni e Tonti in avanscoperta, sul Furcia parte Cunego. Loro lo aspettano, lo portano sino all'ultima salita dove lui riparte e vince tappa e Giro. La tattica è la stessa, con questo non intendo sminuire quella vittoria, solo pensare a come sarebbe andata quel giorno al Giro del '94 se la squadra avesse avuto fiducia in Marco (tra l'altro, il diesse è lo stesso). Ma è inevitabile ripensare a cos'è accaduto qualche anno dopo. Campiglio, la persecuzione, le accuse maligne. C'è stato chi, da quel giorno, ha messo in dubbio l'intera carriera di Marco, da quando aveva 16 anni in poi.. e lui ne soffriva terribilmente. Per qualcuno tutto ciò che faceva Marco era frutto di artifizio. Ma non c'è bomba che ti dia il coraggio di fare certe imprese. Se ne sono accorti un'anno dopo, nel '95, quando Rominger vinse il Giro più noioso della storia recente davanti a Berzin, ultimo acuto per un corridore che poi non combinò più nulla e finì (presto) la sua carriera nell'anonimato. In quel '94 alcuni giornalisti lo chiamavano 'l'Eugenio' italianizzando il suo nome: c'era Pantani che sbocciava, che esplodeva, eppure si inneggiava a Eugenio... si può essere più ciechi? No, le imprese di Marco rimangono autentiche e sono lì a testimoniare la differenza che passa tra un campionissimo e corridori magari forti, ma non campioni. Restano a testimoniare il coraggio dell'omino di Cesenatico che non fa calcoli, parte e getta il cuore oltre l'ostacolo, si mette in gioco ben sapendo che puiò perdere tutto. 'O salto io, o salta lui'. Questo il suo credo, il credo che ha poi ispirato Montecampione al Giro e quella straordinaria fuga sul Galibier in quel '98 che pare così lontano da oggi. Quello che ha ispirato anche la fuga pazza di Morzine nel 2000, quella fuga che di fatto poteva far saltare il Tour: purtroppo mancava un po' di fondo, arrivò anche la dissenteria ed anche allora i vari Escartin ed Hervè non gli diedero un cambio... non ha mai avuto tanti amici in gruppo, il povero Marco. Era troppo forte, l'invidia è una brutta bestia. Anche per chi, dalle colonne di un giornale, andò ad insinuare quel dubbio relativo alle sue imprese, 'fu vera gloria?'. Ecco perchè è bello ricordare queste imprese di Marco, del nostro Capitano, per ricordare la sua statura di gigante. Ma il suo ricordo non si può fermare qui: troppo comodo. Va ricordato anche il suo calvario, va ricordata la costanza con cui è stato insultato, dileggiato, con cui è stata annientata la sua personalità attraverso la sistematica demolizione delle sue certezze e della sua autostima, che sul suo essere campione amato ed ammirato trovava le fondamenta anche del suo essere uomo. 'Per costruire un uomo ci vuole una vita, per distruggerlo basta un attimo', questo disse al suo funerale il sindaco di Cesenatico, signor Zoffoli. No, non è bastato un attimo, ci sono voluti cinque intensi anni ma la distruzione è avvenuta. Chi ha colpe, materiali o morali che siano, non può avere la coscienza tranquilla. Non ne ha alcun diritto, nostro dovere è fare il possibile per ricordarglielo. Scusate la lunghezza, ma non sempre si può essere brevi.... per il Panta, poi, non basterebbero mille libri. Un abbraccio a tutti Luke

 

[Modificato il 01/02/2006 alle 14:23 by luke]


 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3579
Registrato: May 2005

  postato il 01/02/2006 alle 14:28
Caro Luke... sinceri e meritatissimi complimenti per questo tuo scritto che, riguardo soprattutto alla tappa di Les Deux Alpes del Giro '94 (non vista nel migliore dei modi, per ragioni anagrafiche...), ha riportato particolari che non conoscevo!

PS: forse l'ultimo acuto di Berzin è stata la maglia gialla indossata, seppur per un solo giorno, dopo la tappa di Les Arcs del Tour '96, nota ai più come quella della prima vera grande crisi di Miguelon Indurain... che infatti a fine stagione si ritirò.
Ma questi sono dettagli, di fronte alla splendida e naturale grandezza dell'amatissimo Pirata!

 

____________________
Lo stupido sa molto, l'intelligente sa poco, il saggio non sa nulla... MA EL MONA EL SA TUTO!!! (copyright sconosciuto)

ADOTTA ANCHE TU UNA AMY WINEHOUSE!!! Mangia poco, non sporca... e aspira tutta la polvere che hai in casa!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 9090
Registrato: Nov 2005

  postato il 01/02/2006 alle 14:50
COMPLIMENTONI LUKE..
è bello sentire queste parole e tramandarsi questi racconti!!

 

____________________
EROE DEL GAVIA

A 2 Km dalla vetta mi sono detto "Vai Marco o salti tu o salta lui...E' saltato lui.
Marco Pantani.Montecampione 1998

27/28/29 giugno 2008...son stato pure randonneur

!platonicamente innamorato di admin!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Luison Bobet




Posts: 786
Registrato: Jan 2006

  postato il 01/02/2006 alle 15:15
Grazie ragazzi, troppo buoni! In realtà questa è solo una piccolissima ma significativa dimostrazione di quello che chiamerei 'il miracolo Pantani': nonostante anni di fango gettato su di lui e sulle sue vittorie, il mito resiste ed anzi si rafforza. Marco, immagino che tu ricordi poco di quel giorno (dal tuo nick desumo che tu sia del 1983), io sono un pò più... stagionato, sono del '65.... ma la mia speranza è che, prima o poi, qualcuno si decida a creare una collana Dvd che raccolga la storia di Marco e le sue imprese: credo che sarebbe gradita da tantissimi appassionati. A presto Luke
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 9090
Registrato: Nov 2005

  postato il 01/02/2006 alle 17:25
sarebbe una bella proposta da lanciare a qualche editore...anche se io in realtà ho praticamente tutte le vittorie di marco registrate in vhs...mi manca solo Lienz Merano 94 Montecampione 98 (sto ancora bestemmiando in turco contro un mio amico che me l'ha persa) Platea de Beille 98 la vittoria a Flumsberg (o come cacchio si scrive)al giro di svizzera e la vittoria in solitaria alla Vuelta Murcia del 99...poi mi sa che non mi manca proprio niente......
è l'unica collezione che ho fatto in tutta la mia vita (mai fatto figurine o robe del genere) e ci tengo tantissimo!!!!!!!!!!!!!
Per non parlare poi della gazzetta del 28 luglio 98 (quella della vittoria a Les deux Alpes) autografata da lui

 

____________________
EROE DEL GAVIA

A 2 Km dalla vetta mi sono detto "Vai Marco o salti tu o salta lui...E' saltato lui.
Marco Pantani.Montecampione 1998

27/28/29 giugno 2008...son stato pure randonneur

!platonicamente innamorato di admin!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 5641
Registrato: Nov 2005

  postato il 01/02/2006 alle 17:57
due precisazioni su Luke:
effettivamente a Les Deux Alpes, nel 1994, la tattica da attuare sarebbe stata quella che hai descritto tu, ma credo che non potè essere messa in atto perchè in fin dei conti era un pò troppo prevedibile: secondo me una fuga ad inizio tappa, con Chiappucci o Pulnikov dentro, non avrebbe avuto nessuna possibilità di prendere il largo; Indurain e Berzin, non appena si fossero accorti della presenza di un uomo Carrera importante in fuga, avrebbero messo le squadre a tirare e la fuga sarebbe rientrata in breve tempo;
riguardo a Buenahora, non credo fosse in grado di aiutare seriamente Pantani, e anche se gli avesse dato qualche cambio non si sarebbe mai spremuto del tutto, ma avrebbe sempre tenuto una scorta di energie per non restare con le gambe in croce ai piedi dell'ultima salita: ci voleva ben altro per andare all'arrivo, e cioè il Chiappucci o il Pulnikov che tu hai citato.

precisazione su Robby
anch'io ho parecchie registrazioni, ma riguardano solo le vittorie a Giro e Tour; anche per me il grande rimpianto è Montecampione 1998, non registrata per scaramanzia: avevo registrato l'arrivo del giorno precedente a Pampeago dove Marco aveva perso da Tonkov, e così decisi di non registrare Montecampione sperando in un risultato diverso; la scaramanzia ha funzionato, però adesso quella registrazione mi manca da morire.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Gino Bartali




Posts: 1312
Registrato: Feb 2005

  postato il 01/02/2006 alle 18:02
Scusate ma quel giorno pantani non poteva aspettare un pò prima di scattare,chiappucci probabilmente l'avrebbero ripreso,la gara si sarebbe fatta più dura e pantani sarebbe potuto scattare magari alla penultima se non all'ultima salita...in fondo in 6-7 km è possibile rifilare anche più di un apio di minuti.

 

____________________
DAvide

"Cause tramps like us,baby we were born to run" (Bruce Springsteen)

C.S.N.P.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Claudio Chiappucci




Posts: 336
Registrato: Jan 2006

  postato il 01/02/2006 alle 18:10
Auro Bulbarelli definì Marco il più grande scalatore degli ultimi vent'anni, ma a mio parere il Panta è stato il più grande scalatore di tutti i tempi. Se guardiamo i numeri non ci sono paragoni con certi miti del passato (Nella sua carriera Merckx ha vinto in media una gara su tre a cui ha partecipato) ma a livello di emozioni il Pirata aveva la capacità innata di saper esaltare le folle come nessun altro.
Quando partiva sembrava un proiettile, era di una superiorità imbarazzante..e scomoda. Questo erano i suoi stessi avversari ad ammetterlo
Jalabert: <>
Gotti: <>
Simoni: <>
Chepe Gonzales: <>
Teteriuk: <>
E se ne potrebbero sggiungere tante altre..
Non avrei nemmeno potuto immaginare cosa sarebbe stato capace di fare se dal 1995 la sfiga non avesse iniziato a perseguitarlo (n.b. dopo il '94 il '98 è stato l'unico anno senza problemi fisici e avete visto cosa ha combinato..)
Probabilmente nel '99 avrebbe abbassato il record della scalata del Mortirolo di un altro minuto e mezzo, ma quel 5 giugno 1999 non andò proprio così...



 

____________________


"La grinta non si può comprare: o ce l'hai o non ce l'hai. Puoi avere il tecnico migliore, lo stipendio più alto e tutti gli stimoli di questo mondo, ma quando sei al limite della fatica sono solo le tue doti ad aiutarti" Marco Pantani

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote
<<  1    2  >> Nuovo Thread  Nuova risposta   Nuovo sondaggio
 
Powered by Lux sulla base di XMB
Lux Forum vers. 1.6
2.4846952