Board logo

Il Forum di Cicloweb

Non hai fatto il login | Login Pagina principale > OT > Colonna Sonora & Gusti Musicali
Nuovo Thread  Nuova risposta  Nuovo sondaggio
< Ultimo thread    |  Versione stampabile
<<  29    30    31    32    33    34  >>
Autore: Oggetto: Colonna Sonora & Gusti Musicali

Moderatore




Posts: 3577
Registrato: Oct 2006

  postato il 01/10/2009 alle 11:42
Ma l'avrà scelto lui...comunque anche il testo è imbarazzante. Ascolti i Radiohead e poi Rossi...e si accende un misto di incredulità, disgusto, ira etc etc
Guarda che lo so/ che gli occhi che hai/non son sinceri/ sinceri mai
già da quando ti svegli
nanana
tanto è lo stesso/ soffro anche spesso/ Ma sono qui/ amo dirtelo/ voglio restare insieme a te/ ad ogni costo

Rossi conferma di essere un pessimo pseudo-rocker che non sa suonare nemmeno un accordo. È l'equivalente di j-ax (quando voleva fare l'ultra-alternativo, v "domani smetto"), con pessima voce e pessimi testi (è tanto celebrato, ma...). Ad esempio, altra canzone che per radio proprio non riesco a sopportare, soprattutto per l'elementarità del testo e per i trucchetti sparsi:
Sarà colpa del whisky/O sarà colpa del caffè
Ma non mi ricordo più/ di te
Sarà che questa sera/Fa un freddo micidiale
Sarà che non ho neanche voglia/ Di parlare
Ma no non andartene adesso/ Non andartene rimani
Dimmi almeno/ Dimmi almeno come ti chiami
Ma dai scherzavo dai/ Ma cosa ti salta in mente
Ricordo il tuo nome/ Perfettamente
Ce l’ho stampato in testa/Fin da quando t’ho veduto etc etc

 
Edit Post Reply With Quote

Amministratore




Posts: 5978
Registrato: Aug 2002

  postato il 01/10/2009 alle 18:48
ooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo
ooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo
ooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo
ooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo
ooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo
ooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo
ooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo

 

____________________

Amarti m'affatica, mi svuota dentro
qualcosa che assomiglia a ridere nel pianto
Amarti m'affatica, mi dà malinconia
che vuoi farci, è la vita... è la vita, la mia

(Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping)

 
Edit Post Reply With Quote

Utente del mese Aprile 2010




Posts: 2754
Registrato: Mar 2006

  postato il 02/10/2009 alle 01:49
Originariamente inviato da Admin

ooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo
ooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo
ooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo
ooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo
ooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo
ooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo
ooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo

 

____________________

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Greg Lemond




Posts: 853
Registrato: Jun 2005

  postato il 02/10/2009 alle 19:24
Tra l'altro se ascoltate bene c'è anche una drammatica assonanza fra le parole del ritornello italiano e quelle dell'originale. Tutte le consonanti e le vocali che poteva le ha mantenute in posizione.

 

____________________
FANTACICLISMO CICLOWEB
-Tour 2009-
2a tappa (Brignoles) - 17a tappa (Le Grand Bornand) - 20a tappa (Mont Ventoux)
-Vuelta 2009-
15a tappa (Cordoba) - 18a tappa (Avila)
-Vuelta 2010-
6a tappa (Murcia) - 21a tappa (Madrid)

Grazie Vino

 
Edit Post Reply With Quote

Amministratore




Posts: 5978
Registrato: Aug 2002

  postato il 03/10/2009 alle 13:54
A questo punto devo proprio dire che Dolcenera batte Vasco 10-0



Proprio un'altra storia, dico io (anche se non amo le cover, anzi mi stanno parecchio sulle balle, e senza dubbio non c'è paragone con l'originale, ok): questo testo ricevette anche l'approvazione di Thom Yorke in persona, pensate che motivo d'orgoglio! Solo che se ha approvato pure quello del Blasco, mi perde 100 punti

Dài, vero che è bella questa versione? (Col cartone animato è proprio un'interazione riuscita, poi).

 

____________________

Amarti m'affatica, mi svuota dentro
qualcosa che assomiglia a ridere nel pianto
Amarti m'affatica, mi dà malinconia
che vuoi farci, è la vita... è la vita, la mia

(Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping)

 
Edit Post Reply With Quote

Amministratore




Posts: 5978
Registrato: Aug 2002

  postato il 03/10/2009 alle 14:19
Che poi la cosa che più mi dà noia è il pensare a quei 100mila giovani che gremiranno San Siro al prossimo concertone di Vasco Rossi e urleranno in coro quel "nanana", e molti di loro non sapranno nulla di quella canzone e del cortocircuito che generò nel cervello di Yorke e soci (spingendoli - per reazione - a scrivere le cose più belle degli ultimi 15 anni di musica rock)...

Ecco, mi urta la dozzinalità dell'intera faccenda, il prendere la meno-non-dozzinale (madonna che equilibrismo ) canzone dei Radiohead, appiccicarci un testo che sembra il bignami di una parte dell'intera opera rossiana e la rende di una banalità insostenibile, e darla in pasto alle bocche buonissime dei tanti che ancora considerano il rocker di Zocca dio in terra, e che magari scaricheranno la suoneria (possibilmente dopo aver risentito in tv la canzone in uno spot della Tim o della Vodafone).

Ecco, forse il mio problema è che Vasco Rossi è l'idolo di una parte di popolazione con cui mi pare di avere pochissimo da spartire... e dire che a 15 anni era l'idolo mio... dite che sto facendo discorsi scemi tipo "i giovani d'oggi bla bla bla, ai miei tempi bla bla bla"?

 

____________________

Amarti m'affatica, mi svuota dentro
qualcosa che assomiglia a ridere nel pianto
Amarti m'affatica, mi dà malinconia
che vuoi farci, è la vita... è la vita, la mia

(Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping)

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 03/10/2009 alle 18:12
Ma no, hai ragione. Io sono uno di quelli che pensa che Rino Gaetano, fosse ancora vivo oggi, avrebbe fatto più o meno la fine di Vasco Rossi (e dunque che tutto ciò che è stato fatto da Vasco Rossi nella prima parte degli anni '80 è meritevole di ascolto)

Per quanto riguarda il rocker di Zocca, la perdita di Massimo Riva ha segnato decisamente in negativo le sue composizioni. Massimo Riva, specialmente dal lato dei testi ha fatto moltissimo (si dice che canzoni tipo 'bollicine', 'fegato spappolato' e 'voglio andare al mare' siano opera sua).

D'altronde, sia Vasco Rossi, sia Rino Gaetano, dal punto di vista dei testi erano stati molto influenzati dall'onda demenziale del '77, come sottolinea Ondarock in una recente recensione. Se ci pensate bene, l'influenza degli Skiantos nei loro testi è notevole.

 

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Amministratore




Posts: 5978
Registrato: Aug 2002

  postato il 03/10/2009 alle 18:51
Originariamente inviato da Subsonico

Ma no, hai ragione. Io sono uno di quelli che pensa che Rino Gaetano, fosse ancora vivo oggi, avrebbe fatto più o meno la fine di Vasco Rossi (e dunque che tutto ciò che è stato fatto da Vasco Rossi nella prima parte degli anni '80 è meritevole di ascolto)

Per quanto riguarda il rocker di Zocca, la perdita di Massimo Riva ha segnato decisamente in negativo le sue composizioni. Massimo Riva, specialmente dal lato dei testi ha fatto moltissimo (si dice che canzoni tipo 'bollicine', 'fegato spappolato' e 'voglio andare al mare' siano opera sua).

D'altronde, sia Vasco Rossi, sia Rino Gaetano, dal punto di vista dei testi erano stati molto influenzati dall'onda demenziale del '77, come sottolinea Ondarock in una recente recensione. Se ci pensate bene, l'influenza degli Skiantos nei loro testi è notevole.


Sì, vero.
Ti piace il video di Dolcenera?

 

____________________

Amarti m'affatica, mi svuota dentro
qualcosa che assomiglia a ridere nel pianto
Amarti m'affatica, mi dà malinconia
che vuoi farci, è la vita... è la vita, la mia

(Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping)

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 1743
Registrato: May 2006

  postato il 03/10/2009 alle 19:08
Originariamente inviato da Subsonico

Ma no, hai ragione. Io sono uno di quelli che pensa che Rino Gaetano, fosse ancora vivo oggi, avrebbe fatto più o meno la fine di Vasco Rossi (e dunque che tutto ciò che è stato fatto da Vasco Rossi nella prima parte degli anni '80 è meritevole di ascolto)

Per quanto riguarda il rocker di Zocca, la perdita di Massimo Riva ha segnato decisamente in negativo le sue composizioni. Massimo Riva, specialmente dal lato dei testi ha fatto moltissimo (si dice che canzoni tipo 'bollicine', 'fegato spappolato' e 'voglio andare al mare' siano opera sua).

D'altronde, sia Vasco Rossi, sia Rino Gaetano, dal punto di vista dei testi erano stati molto influenzati dall'onda demenziale del '77, come sottolinea Ondarock in una recente recensione. Se ci pensate bene, l'influenza degli Skiantos nei loro testi è notevole.

Mah... posso essere d'accordo sul Rossi degli esordi, ma Rino Gaetano aveva già avuto un discreto successo prima del filone demenziale.

Gli Skiantos ad esempio cominciarono ad essere conosciuti nel 1977/78, ai tempi di "Monotono".
Andavamo a vederli anche 3/4 volte l'anno, portando ai concerti verdure da lanciargli addosso (esplicitamente richieste dal gruppo... ).

Invece "Mio fratello è figlio unico" è del 1976, mi pare, e "Ma il cielo è sempre più blu" ancora precedente.
Vedrei quindi Gaetano più accostabile a cantautori "ironici" alla Stefano Rosso (che comunque si rifaceva allo stile di alcuni stornellatori romani poco conosciuti), o al massimo, anche se Gaetano ebbe un discreto successo commerciale e fece scelte meno radicali, a quella stirpe un po' "maledetta" nella scia di Piero Ciampi (Franco Fanigliulo ad esempio... chi se lo ricorda?), che oggi può essere rappresentata da un Vinicio Capossela...

 

____________________
"...Ogni volta che vedo un adulto in bicicletta, penso che per la razza umana ci sia ancora speranza..." (H.G. Wells)

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 03/10/2009 alle 19:09
Si, non immaginavo fosse il video ufficiale (che tra l'altro non ricordo di aver visto da nessuna parte: troppo crudo?).

Sugli artisti leccesi sai come la penso, un grande potenziale molto male espresso una volta sbocciati sul mercato nazionale.

 

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Amministratore




Posts: 5978
Registrato: Aug 2002

  postato il 03/10/2009 alle 19:32
Originariamente inviato da Subsonico

Si, non immaginavo fosse il video ufficiale (che tra l'altro non ricordo di aver visto da nessuna parte: troppo crudo?).


No, non è il video ufficiale (che è un altro) ma un'elaborazione grafica - diciamo - realizzata con lei da un gruppo di studenti di un'accademia di non so dove (mi pare Pavia).


Sugli artisti leccesi sai come la penso, un grande potenziale molto male espresso una volta sbocciati sul mercato nazionale.


Anche prima di sbocciare sul mercato locale, in alcuni casi

No dài, i Negramaro per dire hanno avuto una grande risonanza anche a livello nazionale. E che dire dell'anno scorso, quando tutti canticchiavano Pop Porno?...

 

____________________

Amarti m'affatica, mi svuota dentro
qualcosa che assomiglia a ridere nel pianto
Amarti m'affatica, mi dà malinconia
che vuoi farci, è la vita... è la vita, la mia

(Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping)

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 03/10/2009 alle 21:56
Ennò Marco, lo sai che a me la risonanza non interessa, m'interessa la qualità, che non è scritto da nessuna parte sia per forza una cosa di nicchia.
I Negramaro facevano ottime cose prima d'incrociare caterina caselli;
Gli Apres La Classe, al contrario, sono grandissimo dal vivo ma a livello nazionale sembrano non sfondare mai, nonostante le loro canzoni così orecchiabili.
Il Genio li ho sentiti dal vivo prima che sfondassero col singolo e onestamente non hanno pathos, sono un duo da cameretta che si rifà a un tipo di pop che da noi non piace. Sentìi anche gli StudioDavoli tempo fa, il gruppo del ragazzo del duo, e non erano affatto male.
Dolcenera non mi ha mai detto granchè, tant è che di lei ho ascoltato con interesse solo le cover. Però ha un tipo di voce molto roca molto interessante.

Su Reggae e dintorni non mi esprimo perchè non è il mio genere. Resta il fatto che il salento è molto ma molto fertile.

 

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 3539
Registrato: Jan 2008

  postato il 10/10/2009 alle 14:27
Bene.. mi ritrovo Armstrong anche nel video del nuovo singolo dei Bon Jovi...

 

____________________
Fabio

I walk these streets, a loaded six string on my back...

"L'unico sport che pratico è seguire, camminando, i funerali dei miei amici che avevano praticato sport" Bertrand Russell

http://platissimamente.blogspot.com/

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Moreno Argentin




Posts: 361
Registrato: Jun 2005

  postato il 14/10/2009 alle 01:02
Originariamente inviato da Bitossi

Originariamente inviato da Subsonico

Franco Fanigliulo ad esempio... chi se lo ricorda?




a parte la mitica "a me mi piace vivere alla grande", per dirne un'altra dico "buffone". ma su tutto e su tutti i 5 minuti di recitazione in "berlinguer ti voglio bene".

 

____________________
"...and what exactly is a dream
and what eactly is a joke"
"...tired of lying in the sunshine..."

saluti a tutti
Vittorio

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Miguel Indurain




Posts: 650
Registrato: May 2009

  postato il 15/10/2009 alle 23:32
Originariamente inviato da dedalus

Originariamente inviato da Bitossi

Originariamente inviato da Subsonico

Franco Fanigliulo ad esempio... chi se lo ricorda?




a parte la mitica "a me mi piace vivere alla grande", per dirne un'altra dico "buffone". ma su tutto e su tutti i 5 minuti di recitazione in "berlinguer ti voglio bene".


Vedo che Fanigliulo, ha più estimatori di quel che pensavo; citerei anche la ballata de "Il guerriero".

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 26/10/2009 alle 14:47
qualcuno aveva mai visto questo video degli Style Council (con le maglie di Raileigh e Magniflex )

http://www.youtube.com/watch?v=mJeP3mipHQY

sicuramente uno dei gruppi preferiti di uffa

 

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Amministratore




Posts: 5978
Registrato: Aug 2002

  postato il 26/10/2009 alle 14:59
Hehehe buffissimi
Ma quanto stavano patendo il freddo quelle ragazze di pochi veli vestite?

 

____________________

Amarti m'affatica, mi svuota dentro
qualcosa che assomiglia a ridere nel pianto
Amarti m'affatica, mi dà malinconia
che vuoi farci, è la vita... è la vita, la mia

(Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping)

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 9090
Registrato: Nov 2005

  postato il 02/11/2009 alle 17:29
negli ultimi giorni della scorsa settimana son stato a casa in ferie e tra i miei bei giri in bici e il disbrigo di pratiche per il matrimonio (oh, credevo fosse più facile, insomma le soliti italiche lungaggini) ho anche fatto il buon uomo casalingo visto che lady Astana era a lavoro....devo dire che basta mettere su un buon CD dei Pink Floyd e riesco a dilettarmi bene pure nello stirare.....

 

____________________
EROE DEL GAVIA

A 2 Km dalla vetta mi sono detto "Vai Marco o salti tu o salta lui...E' saltato lui.
Marco Pantani.Montecampione 1998

27/28/29 giugno 2008...son stato pure randonneur

!platonicamente innamorato di admin!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 02/11/2009 alle 18:37
L'importante è non mettere i Motorhead quando stiri!

 

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 02/11/2009 alle 20:18
DISCO DEL MESE



NICK CAVE & THE BAD SEEDS - MURDER BALLADS

Ho aspettato il 2 novembre per proporvi questo album

"Murder Ballads" rappresenta l'espressione più alta del cantautorato anni '90, sfuggendo da classificazioni di generi e quant'altro. Nick Cave è l'artista maledetto per eccellenza, scaraventato dall'Australia a Berlino dove ha iniziato la sua carriera: il punto più fertile per la musica anni '80. Ma anche il porto franco dell'autodistruzione descritta negli album degli Einsturzende Neubauten.
Nick Cave viene dal "Let love In", album che fa spesso e volentieri riferimento a Paradise Lost e ad altre letture Miltoniane. E' un anticipo della vagonata di sangue descritta nei 58 minuti di Murder Ballads, durante i quali all'incirca muoiono 64 personaggi. E non per morte naturale. Un concept, come si usava fare una volta, che segnò nel 1995 il più grande successo commerciale di Nick Cave, arrivando a spaventare egli stesso (che rifiutò infatti una candidatura agli MTV Awards).
Nick Cave è l'erede spirituale di Leonard Cohen nonchè di una generazione di cantautori vissuti tra i '60 e i '70 (non a caso l'album si chiude con Death is Not The End di Dylan: ma ciò che rende la sua musica ancora più appetibile è l'essersi circondato di alcuni tra i più grandi artisti del suo tempo nel più grande gruppo di spalla che esista, i Bad Seeds:tra gli altri ci sono Blixia Bargeld (einsturzende neubauten) alla chitarra, Jim Sclavounos (Sonic Youth) alla batteria, Warren Ellis (Dirty Three) al violino. Un ensemble di generi che produce il tipico suono alla Bad Seeds, caratterizzato da pezzi ripetitivi anche per quattoridici minuti tanto da sembrare loop, resi vivaci dai francesismi musicali di tali talenti e dalla voce roca di grave che recita su le sue storie cattive.
L'album comincia con Songs of Joy, dove Joy è la moglie uccisa di un uomo alla ricerca dell'assassino di lei e delle sue 3 figlie, che in una notte d'inferno si rifugia nella baita raffigurata sulla copertina. L'atmosfera è cupa e tesa, e la canzone mantiene in sospeso l'identità dell'omicida. Ben più sboccata e cattiva è Stagger Lee, storia (vera) di un killer nero presente nelle canzoni del blues di inizio '900. Gyuardate a 4.13 cosa è capace di combinare Blixia!



Poi comincia un trittico che è poesia pura: Henry Lee-Lovely Creature-Where the Wild Roses Grow.



Non so se esiste un video più sensuale di questo, se esiste io certo non l'ho visto. Henry Lee racconta di un uomo che non vuole giacere con una donna, in questa canzone magnificamente interpretata da Pj Harvey, in ricordo dell'amata defunta. A rendere l'affiatamento pressochè perfetto è la relazione, anche piuttosto tormentata, che c'era all'epoca tra Pj Harvey e Nick Cave.
Lovely Creature esula un po' dagli standard musicali del resto dell'album, più legato al blues e al folk, ma anche nel testo è incredibilmente misurata per gli standard di Nick Cave. Racconta di un autostoppista fantasma in un atmosfera psichedelica.



In Where the Wild Roses Grow troviamo un angelo che corrisponde al nome di Kylie Minogue, all'epoca in crisi dopo il successo commerciale che l'aveva resa una popstar famosa a fine anni '80. Non so esattamente cosa l'abbia portata a collaborare con un artista così lontano da ciò che faceva lei, fatto sta che l'unione è pressochè perfetta. Il mito di Wild Rose sembra quasi una rivisitazione della canzone di Marinella, ancor più tragica visto che la morte della rosa selvaggia non è accidentale:
On the last day I took her where the wild roses grow


L'ultimo giorno la portai dove crescono le rose selvatiche

And she lay on the bank, the wind light as a thief


e lei si distese sull'argine, il vento leggero come un ladro

And I kissed her goodbye, said, "All beauty must die"

Il tutto raccontato con una delicatezza impressionante per il tema trattato.

La seconda parte dell'album è un po' meno interessante della prima, ma contiene comunque tracce di spessore. I Bad seeds si divertono su The Curse of Milhaven, dove la pazza di un paese immaginario si diverte a far fuori i concittadini (credo sia la canzone con più ammazzati), di tutt'altro tenore è The Kidness of Stangers, gentilezza che consiste nell'aiutare una donna sola in mezzo all'oceano a farla finita con la vita. A rendere la cosa ancor più commovente c'è il singhiozzare di Anita Lane, storica collaboratrice di Cave. Crow Jane è una ragazza violentata da 20 minatori che pensa bene di farsi giustizia da sola. Ad alzare la media di morti ammazzati al minuto ci pensa anche O'Malley's bar, pièce di 14.28 sicuramente godibile se si ha una buona conoscenza dell'inglese, altrimenti un po' noiosa.
Gli omicidi sono finiti (poi esistono anche delle ghost track, di cui qui non vi parlo perchè non le ho mai sentite), e l'album si chiude con un po' di ironia, o forse no: Death is not the end, nella quale partecipano tutte le voci maschili e femminili sentite nell'album, strofa per strofa, più Shane McGowan (The Pogues). Nella versione che vi propongo però c'è solo Kylie Minogue tra gli esterni ai Bad seeds.



Nick Cave è riuscito così a ridare auge alla tradizione delle murder ballads britanniche, rendendole musicalmente e poeticamente attuali come nessun altro ci sarebbe riuscito, coi migliori attori che si potessero trovare. Attori appunto, non musicisti, perchè sentendo "Murder Ballads" si può cogliere i personaggi muoversi, interagire, amarsi..e uccidere.
Un album molto sottovalutato e dimenticato, io lo consiglio vivamente.

 

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 3539
Registrato: Jan 2008

  postato il 16/11/2009 alle 10:35
STRANGER IN THIS TOWN
Richie Sambora



fonte www.images.uulyrics.com

Hai ancora in testa le tastiere pompate e i cori da stadio. Più in generale hair metal abbracciato, avvinghiato al glam che più glam non si può. In testa ancora tutto questo e succede che, un po’ per curiosità, un po’ per un qualcosa che ti attira senza sapere perché, e mi sono ritrovato a ascoltare Stranger in this town, primo disco solista del chitarrista dei Bon Jovi. Un album datato 1991, quando la band del New jersey si fermò dopo un tour ininterrotto di 4 anni, cavalcando l’onda del successo. Troppo però, tanto che alla fine all’interno del gruppo non si parlavano più.
È proprio in questo momento che Sambora pubblica l’album.

Già la copertina, con quest’uomo nell’ombra di un posto qualsiasi, fa il suo dovere. Orienta chi si appresta all’ascolto. Inserisci il cd, apri il booklet e trovi scritto “Listening instructions: Turn down the lights, Light a candle.. welcome..”. Basta ed avanza per far capire che questo disco non è come quelli della band, c’è da ascoltare altro qui.

La prima traccia è la più più azzeccata delle opentrack, Rest in Peace. C’è atmosfera, non è una canzone vera e propria, la voce potente e toccante è immersa tra il suono rauco e dolce di chitarra elettrica. L’antipasto, l’anticamera, si passa di qui, da qui si entra. Si capisce il senso di quella candela che dovevamo accendere. Se non ci è piaciuta questa, si può anche riprendere a fare altro.



Si continua invece, con Churh of desire, non si sente nemmeno il passaggio da una canzone all’altra. Qui si inizia a percepire il Sambora solista, tira aria di Blues.
“Now Now we dance with the devil down lonely
street, lonely street
Looking for a window in the house of tears
Living in hell, I pray the rain disappears
I'm headed for a breakdown
And the fever runs higher
As I kneel at the altar I can feel your fire
In the church of desire”
Church of desire”. Testo notevole e arrangiamento chitarristico non indifferente. La canzone sale e sale, si arriva in vetta. Cascata di emozioni.



Poi è il momento della titletrack, Stranger in this town. Un pezzo della madonna, complicato dal punto di vista musicale, un assolo tra i più belli usciti dal suo pentagramma, un testo perfetto per la canzone con la quale si è voluto rappresentare. E poi la voce… estensione vocale paurosa, potenza allo stato puro. Da brividi.



Mi fermo un attimo. Penso “cavolo, ma che razza di disco è?”. Sembra che quest’uomo non abbia nemmeno a che fare con il genere dei Bon Jovi. Quest’uomo è Blues, non è rock.

Poi riprendo. Ballad of youth. Il blues incontra il rock da vicino. Ritmo e voglia di alzare un attimo la pressione. Assolo trascinante, la voce pure. Che piacere sentirlo.
È la volta di One light burning. L’intro è tutto un programma, si ritorna nella stanza semibuia che abbiamo creato.
"All alone with my fears
No words are spoken
A story yet to be told
Locked in my mind
Hope is somewhere ahead
Shining brightly
But the past is always following close behind
See my life going by, each moment I am alive
I keep reaching out, holding on, hoping
Somewhere in my life
There's one light burning
I feel it like my heart beating inside
Somewhere in my life
There's one light burning"

Pezzo d’atmosfera terribilmente fatto bene, personalmente la mia preferita. Forse perché mi ci vedo troppo dentro sto pezzo, veramente troppo. Raffinato, dolce, malinconico e culmine emotivo che mi prende e non mi lascia.



Ma continuiamo, c’è un altro pezzo forte che attende: Mr Bluesman. Un omaggio a un grande come Clapton, che suona pure l’assole del pezzo. Un pezzo veramente notevole, con un solo favoloso scritto da Richie ma suonato da “Slowhand”. Come al solito, sarò anche ripetitivo ma la voce di Richie.. "particolare anatomico che, se rotto, simboleggia seccatura"! E poi il testo, uno scorcio d’anima del musicista…
"He's seen a thousand roads,
He's been a million miles
and when he'd bend a note
a tear would fill my eyes..
Where are you playin'..
Mr. Bluesman".



Si prende ritmo adesso, senza abbandonare la strada del sound di partenza: Rosie. Scarto dell’album New Jersey della band, Richie fa sua questa canzona, interpretandola e arrangiandola alla grande, dando ancora più spessore al pezzo. Canzone con un tiro trascinante, ma attenzione alle vostre corde vocali, non imitate il cantante perché 1) non ci riuscite, 2) perché vi strappate le corde vocali.



River of love mantiene alto il ritmo e il tiro del pezzo precedente. Bella song, ma per me è quella che mi prende meno. Non perché sia brutta, anzi, ma perché la voglia di arrivare alla canzone successiva trabocca da ogni poro.

Father time. L’apice. Massima interpretazione vocale (su disco) della sua discografia, arrangiamento favoloso con la collaborazione di Bryan (tastierista nei Bon Jovi che collabora con Richie nell’album, dimostrando che è anche un pianista e non solo l’uomo dei tastieroni strapompati in voga all’epoca, ps: collabora pure il batterista, Tico Torres) che dona al testo una melodia malinconica da pelle d’oca. Solo di chitarra che strappa applausi e, personalmente, brividi. Non parlo di capolavoro (ne per questa né per altro in generale), ma a fatica, davvero a fatica, perché meriterebbe davevro un’ aggettivo del genere.



Poi l’album si chiude con The answer, il pezzo più complesso e ricercato dell’album. Chitarra acustica dolcissima, un testo che dimostra quanto Sambora sia valido come songwriter. Qui l’atmosfera è lenta, da dipingersela dentro a occhi chiusi. Finezza assoluta.
And now my life is like a storm
Growing stronger every day
Like the unrelenting wind
That comes to blow our lives away
So I live each day like I know it's my last
If there is no future there must be no past

Now I know the answers never meant a thing
And with each instant that I breathe
I feel the joy that life can bring
Come along with me, come along with me
Seek the truth, you shall not find another lie
Come along with me, come along with me
Seek the truth, you shall not find another lie




 

____________________
Fabio

I walk these streets, a loaded six string on my back...

"L'unico sport che pratico è seguire, camminando, i funerali dei miei amici che avevano praticato sport" Bertrand Russell

http://platissimamente.blogspot.com/

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Eddy Merckx




Posts: 1231
Registrato: May 2006

  postato il 24/11/2009 alle 16:52
Vorrei omaggiare un grande artista che il 24 novembre del 1991 ci lasciò:

http://www.youtube.com/watch?v=GmHgdLKwU8U

Riposa in pace grande Freddie, sarai sempre il migliore.

 

____________________
Andrea Giorgini

a.giorgini@ilciclismo.it
http://www.ilciclismo.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Amministratore




Posts: 5978
Registrato: Aug 2002

  postato il 25/11/2009 alle 18:42
Un fantastico omaggio al grande Freddie!!!

http://www.youtube.com/watch?v=3H7fjQqlwVc

 

[Modificato il 19/02/2010 alle 13:36 by Admin]

____________________

Amarti m'affatica, mi svuota dentro
qualcosa che assomiglia a ridere nel pianto
Amarti m'affatica, mi dà malinconia
che vuoi farci, è la vita... è la vita, la mia

(Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping)

 
Edit Post Reply With Quote

Amministratore




Posts: 5978
Registrato: Aug 2002

  postato il 25/11/2009 alle 19:17
E guardate un po' al minuto 18.21 chi cita/omaggia Mercury?



(Naturalmente è solo una scusa per farvi fare un bel viaggetto di un'oretta nel pianeta In Rainbows... Grazissime a Rizz per la segnalazione!)

 

____________________

Amarti m'affatica, mi svuota dentro
qualcosa che assomiglia a ridere nel pianto
Amarti m'affatica, mi dà malinconia
che vuoi farci, è la vita... è la vita, la mia

(Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping)

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 26/11/2009 alle 13:09
maaaamma!!!!!!

ahaha...

Marco ma lo sai che "15 step" la ballano ad Amici?

A quanto pare per i babbani è molto fregna..una mia amica, ascoltandola per la prima volta, ha proferito: "Non sapevo che i Radiohead facessero canzoni così sensuali!"

 

[Modificato il 26/11/2009 alle 13:12 by Subsonico]

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 06/12/2009 alle 13:35
DISCO DEL MESE


L'indie Rock non ha un'esatta data di nascita. Il cosiddetto rock alternativo comincia ad apparire sulla bocca degli adetti ai lavori nei primi anni '90, quando MTV segna la divisione tra musica commerciale e musica di nicchia, divisione che prima era meno netta e ostentata. Alcuni 'teologi' fanno risalire la morte del rock e la conseguente diaspora nei sottogeneri, indie compreso, nel 1991, anno di uscita di Spiderland degli Slint, considerato il primo disco post-rock della storia.
Ma i generi musicali non nascono dal nulla, hanno dei punti di appoggio e dei segnali premonitori che avvisano di un cambiamento di rotta: uno di questi è un disco epocale, che a 21 anni di distanza dalla sua uscita suona ancora di una freschezza che i suoi contemporanei si sognano (segno che l'epoca che ha anticipato non è ancora finita): stiamo parlando di Surfer Rosa, disco d'esordio dei Pixes.



PIXIES - SURFER ROSA

L'influenza che i Pixies hanno avuto sulla generazione successiva è incalcolabile: il movimento garage rinasce con loro (rock grezzo e istintivo, registrato alla meglio) prendendo a piene mani da punk e hardcore, White Stripes e Artic Monkeys devono allo stesso modo tantissimo ai Pixies; i Jesus Lizard hanno preso gli stop'n'go e la voce isterica, oltre che lo stesso produttore (Steve Albini degli Shellac, altro bel personaggio) ma è soprattutto il Grunge a prendere a piene mani dal loro sound sporco e cattivo, aggiungendoci un pizzico di Heavy e distorsioni sparate a mille.

Ciò è dovuto a un album orecchiabilissimo,fatto di canzoni per lo più lunghe 2 minuti. I Pixies riuscivano avevano la ricerca magica per coniugare la freschezza alla semplicità: in questo erano decisamente punk.
A ciò, aggiungiamo le dinamiche interne del gruppo: i giochi di voce tra Black Francis e Kim Deal (una delle più talentuose donne della musica rock) sono frequenti e originalissimi; le tracce sono spesso condite di ironia e senso dell'assurdo. "Stridere" è il must dell'album
Un esempio di ciò viene dai primi due pezzi,Bone Machine e Break My Body. Something Against You è una frustata in faccia, Broken Face farebbe impallidire qualsiasi gruppo punk, e durano appena un minuto e mezzo.
Dal 5° pezzo si svolta : Gigantic è cantata da Kim Deal, retta da un basso più smorto che mai e da una batteria secca.



Poi è la volta del pezzo migliore dell'album, River Euprhates: gli echi della Palestina sembrano felici, con quei corellini da chiesa, ma subito i Pixies provvedono a rendere il ritornello una mazza da baseball sui denti.



E poi è il turno del loro pezzo più conosciuto: Where is my mind, ripreso dai Placebo e tornato di moda grazie a Fight Club. In effetti ci sta come il cacio sui maccheroni.



Cactus è straniante, mentre Tony's Theme è visibilmente caricaturale, visto che parla di un supereroe di nome Tony. Comincia poi la parte messicaneggiante dell'album: i Pixies si sono formati a Porto Rico e prima di tornare a Boston hanno portato con sè un po' di Spaninglish, una chitarra acustica che entra in un po' tutti i pezzi e la follia di Oh My Golly! e soprattutto Vamos!: un connubio di musica caraibica e follie hardcore alla Husker Du, in cui Joey Santiago (chitarra) dà il meglio di sè nella violenta ricerca del feedback perfetto.
Povero amplificatore...


I'm Amazed e Brick is red non aggiungono molto a ciò che è già stato detto sui pezzi. Nella versione europea dell'album finirà come traccia bonus la suggestiva Caribou, altra traccia molto influente per quello che sarà l'alt-rock.




 

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Giuseppe Saronni




Posts: 685
Registrato: Jun 2005

  postato il 08/12/2009 alle 11:26
Bellissimo il DVD dei Nephilim, "Live in Dusseldorf", pubblicizzato nella manchette della home page. Ma Visionary Head resta inarrivabile.
 
Edit Post Reply With Quote

Moderatore
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 6025
Registrato: Oct 2005

  postato il 10/01/2010 alle 22:00
Stavolta mi sono organizzato in tempo ed ho già prenotato i biglietti per il concerto degli U2 l'8 ottobre a Roma, non sono mai riuscito a vederli dal vivo così stavolta ho giocato d'anticipo (9 mesi!).
Se poi dovessi avere qualche contrattempo che anche stavolt mi impedirà di andarci c'è sempre Ebay

 

____________________
Vorrei morire in bici, in un giorno di sole, dopo aver scalato una di quelle montagne che sembrano protendersi verso il cielo, mi adagerei sull'erba fresca senza rimpianti, attendendo con serenità il compiersi del mio tempo. Non importa se sarà ...oggi o tra cent'anni, avrò in ogni caso trovato il mio giorno perfetto.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 3791
Registrato: Sep 2007

  postato il 11/01/2010 alle 06:51
Originariamente inviato da W00DST0CK76
Se poi dovessi avere qualche contrattempo che anche stavolt mi impedirà di andarci c'è sempre Ebay


No problem: me li accatto io!

 

____________________
FANTACICLISMO 2008 Campione Olimpico in linea - S. Sebastian - Parigi Bruxelles - Vincitore classifica generale grandi giri (10° Giro - 10° Tour - 4° Vuelta) 1 tappa al Tour - 4 tappe alla Vuelta 9° classifica finale.
FANTACICLISMO 2009 Liegi-Bastogne-Liegi 2° classifica finale Giro d'Italia - 2 tappe - 1 giorno in maglia rosa - Best Belgio - 5° classifica finale

66 punti (nel 2008) + 115 punti (nel 2009) di vantaggio su Frejus: la mia nemesi!

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Luglio 2009




Posts: 1607
Registrato: Mar 2005

  postato il 15/01/2010 alle 19:07
versione live di un gran pezzo dal testo estrememente attuale

http://www.youtube.com/watch?v=PlIlG_qYDeI

con parole annesse:
The offered me the office, offered me the shop
They said I'd better take anything they'd got
Do you wanna make tea at the BBC?
Do you wanna be, do you really wanna be a cop?

Career opportunities are the ones that never knock
Every job they offer you is to keep you out the dock
Career opportunity, the ones that never knock

I hate the army an' I hate the R.A.F.
I don't wanna go fighting in the tropical heat
I hate the civil service rules
And I won't open letter bombs for you

Bus driver....ambulance man....ticket inspector

They're gonna have to introduce conscription
They're gonna have to take away my prescription
If they wanna get me making toys
If they wanna get me, well, I got no choice

Ain't never gonna knock


ed un un bel pezzettino bello bello tirato,appena scoperto: http://www.youtube.com/watch?v=-CAD45XB5zo

 

____________________
I'm ipocrisy free

Io sto con Silvio che è
un gran furbacchione e con
la bellissima Oriana che ha
il coraggio di dire ciò che
tutti pensano ma nessuno dice
(si vocifera che la casalinga
di Voghera impallidisca
al suo cospetto).

---------------------------
Anti-Zerbinegnan club - Iscritto n°2

Anti Armstrong n°3
--------------------
Solo chi non ha paura di morire di mille ferite riuscirà a disarcionare l'imperatore

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 25/01/2010 alle 23:56
DISCO DEL MESE DI GENNAIO



LITFIBA - APRITE I VOSTRI OCCHI

I Litfiba condividono, insieme ai CCCP, il titolo di gruppo storico del rock italiano anni '80. Ma, a differenza degli Emiliani, a livello musicale non inventarono nulla: si limitarono a essere sè stessi, nelle loro (enormi) differenze, pendendo una volta da una parte, una volta dall'altra. Liriche sognanti e romanticistiche, su bassi new wave e chitarre alla led zeppelin. Dal vivo poteva essere un macello, e lo era, ma in senso buono: la follia studiata di Pelù sul palco stava bene con la precisione di Renzulli, il basso sparato a mille di Maroccolo, la rigidità di Aiazzi e la rabbia cupa di Ringo de Palma. Per questo, l'apogeo della carriera Litfiba, quei Litfiba degli anni '80 DIMENTICATISSIMI non è uno degli album della trilogia del potere (Desaparecido/17 re / Litfiba 3), chiamati così poichè in qualche modo erano espressione di dissenso verso i totalitarismi, bensì questo live al massimo della forma, chiusura del Tour invernale, al Tenax della loro Firenze, locale entrato nella storia per questo concerto (la squadra ciclistica verrà molto dopo).
Su Disco son finite solo 10 tracce, ma per fortuna il materiale video del concerto è pervenuto integro ai giorni nostri.

Il concerto si apre con Come un Dio, parte immancabile dei concerti dei Litfiba di quegli anni. Durante il concerto verrà ripetuta 3 volte(!!!), difficile non farsi suggestionare dalla linea di basso di Marok. Pelù si presenta con giubba rossa e gonnellino e comincia il suo show gesticolare (ancora controllato in questo inizio di concerto), mentre Ghigo e Marok fumano disinvolti. De Palma è immerso nella nebbia e non si vede, ma è già a torso nudo: fa parte della categoria dei batteristi 'porci', anche se la sua precisione non si discute. "Energia, corre via, l'energia si trasformerà"



Poi è la volta dell'adrenalina: Resta e La Preda sono due dei pezzi più tirati e 'hard-rock', lasciando presagire a quella che sarà la linea futura del gruppo senza Marok. La gente apprezza ancora tanto Eroi nel Vento, energica e malinconica apertura di Desaparecido. Il massimo del delirio sonico è Cane, probabilmente il pezzo che esalta più di tutti Ghigo e Pelù (purtroppo il video non è disponibile ma merita).
Univers e Apapaia son due classiconi che nei testi testimoniano il passaggio di Pelù dalle droghe pesanti alla dipendenza alcolica, non tanto per riferimenti espliciti ("il mio sogno è un mare acido/e dimmi se non è reale"), ma per il no-sense ricorrente e l'interpretazione sul palco.
Un'altra bella recitazione di Pelù in Ballata precede il momento più alto del concerto e uno dei migliori in assoluto per il gruppo, il duo Vendette/Luna, con uno stacco che lascia senza fiato.



Il Mariachi di vendette lascia lentamente il posto a Luna, lasciando spazio a un assolo perfetto di Ghigo. Pelù, non sapendo cosa fare in quei 2 min senza cantare, si diverte a coglionare Ghigo fingendo di suonare anche lui. Marok si diverte come un bambino, come durante tutto il concerto, praticamente. Ma poi si fa sul serio...



Luna si trasforma da rock'n'roll epico (si narra degli uomini alla conquista della Luna...con Pelù che interpreta il famoso occhio che indica il dito che guarda la Luna...ogni volta che lo vedo penso ad Aranciata Bottecchia!) in un sabba infernale, nel quale tutto il gruppo dà il meglio di sè, in continui crescendo e rallentando: il pezzo da solo prende più di 12 minuti, con Vendette si arriva a 17! Purtroppo il filmato si ferma a poco prima che Marok riprenda le redini del main theme e la chiusura sia fragorosa.
Nel sabba, Pelù si diverte a interpretare il folle dittatore ("vi schiaccerò..come delle merde!" e giù a schiacciare. Poi, complice De Palma alla batteria, "spara" sul pubblico tipo Joker nel primo Batman).

La cosa che rende questo concerto unico è che di questo sabba non esiste traccia in studio. E così come questo pezzo, molti altri sono stati rivisti e rivoltati: a differenza della tendenza di oggi, che vede spesso e volentieri i gruppi riprendere pedissequamente i pezzi salvo in rarissimi casi, pur di non essere bollati di esibizionismo. salvo qualche significativa eccezione (Teatro degli Orrori).

Notare anche come il pubblico sia appicicato al palco: sono ancora lontane tutte quelle transenne che renderanno sempre più difficile il contatto (ma d'altronde, deve ancora arrivare il grunge, il pogo è composto e solo ai concerti Punk/HC e di Iggy Pop la gente salta sul palco)

Ehm sì, il concerto continua. Quei 17 minuti portano un fiume di riflessioni, pensieri e parole, e non ti stancheresti mai di ascoltarli..

Onda Araba è uno dei pezzi più contaminati della band: con ingresso arabeggiante e stop'n'go punkettone. Da vedere.



Tziganata mantiene alta l'adrenalina e col ridicolo ballo di zorba finale inaugura una serie di accelerazioni alla fine dei pezzi. Pezzo da pogo matto, ma non come Ferito, chiusura di 17re che però dal vivo spacca molto, molto, molto di più. Qui chi era lì al Tenax non capiva più niente: il massimo dell'adrenalina. Una guerra tra Soldati Blu e Indiani. Renzulli intona la Fanfara, ma gli indiani sono forti..per attaccare! Molti morti e un ferito, prossimo a morire. Lunga coda con Marok protagonista.



Re Del silenzio è uno dei pezzi più amari nel del repertorio, e ti riporta coi piedi per terra. Di nuovo Come un Dio, stavolta più dilata e con Pelù molto più a briglia sciolta. L'energia corre sempre più via. Sta finendo. E' finita? No: Istanbul e le sue suggestioni da fumetto di Corto Maltese non potevano mancare.

La chiusura è affidata a un grande cavallo di battaglia, che insieme a Luna era presente nel primo EP del gruppo: Guerra.



La versione è molto fedele all'originale (la canzone è stata rivista più volte), quella con l'elegante basso in controtempo. Nel finale si cresce, si scappa ancora, si dà tutto: quel che resta è un frammento di memoria, una sigaretta post-coito. De Palma butta la Cassa a terra, ma è più un gesto liberatorio che rabbia. Pelù si mette ginocchioni per terra, spalle al pubbliico, cazzeggia coi suoi gutturali. Da sotto, quasi non te ne accorgi, c'è ancora lei, Come un Dio, ad libitum. UNa eco che piano piano svanisce, come maroccolo che 2 anni dopo se ne va dai Litfiba. Ogni tanto Ringo rientra e butta giù un altro pezzo: lui invece, ttra 3 anni, se ne andrà definitivamente, anche se la strada l'aveva già imboccata da parecchio.

Quel che resterà dei Litfiba sarà altro, completamente diverso a ciò che s'è visto finora. Potra piacere o no, ma sarà diverso. Sta di fatto che oggi c'è la reunion dei Litfiba. E Marok ha giòà detto: no, grazie.

pS: Non date a Pacho la possibilità di prendere per il culo anche me, grazie

 

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 3025
Registrato: Feb 2006

  postato il 28/01/2010 alle 21:41

sub mannaggia a te, prima mi commuovi con uno dei miei dischi preferiti dell'adolescenza e poi mi snobbi così il suo pezzo forte, quella cavlcata chiamata "louisiana"?

 

____________________
Gaudium magnum. E'tornato! (cit. Frank VDB)

Anti-Zerbinegnan club - Iscritto n°1

Anti Armstrong n°2

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 28/01/2010 alle 22:14
Originariamente inviato da Carrefour de l arbre


sub mannaggia a te, prima mi commuovi con uno dei miei dischi preferiti dell'adolescenza e poi mi snobbi così il suo pezzo forte, quella cavlcata chiamata "louisiana"?


hai i ricordi annebbiati, louisiana va a chiudere Pirata (altro disco che ha turbato la mia infanzia, seppur diversissimo da questo)

 

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Marzo 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 4706
Registrato: Apr 2005

  postato il 10/02/2010 alle 08:20
In questo periodo sto ascoltando molto spesso, ma è praticamente da quando avevo 5-6 anni che le ascolto due canzoni che per me sono bellissime, tra le migliori del pianeta (forse esagerò lo so ) per quanto riguarda lo stile rock, ma sopratutto i messaggi che esprimono. Queste canzoni sono I Still Haven't Found What i'm Looking For e Where The Streets Have No Name entrambi degli u2, canzoni che sembra come se li avesse scritto io, perchè sono canzoni che trapelano i miei stati d'animo, la prima come dice il titolo ancora non ho trovato ciò che sto cercando e dice tutto e la seconda poi mi da un senso di libertà unico, mi dà la forza di lottare contro tutto e tutti, ripeto canzoni meravigliosi, in quegli anni gli u2 avevano una vena quasi poetica, poi purtroppo si sono spenti, ripeto per me due canzoni assolutamente magnifich, so che esagero però le trovo bellissime

 

[Modificato il 10/02/2010 alle 08:22 by GiboSimoni]

____________________
"Qui devi spingere con le tue gambe vecio" Davide Cassani a Gilberto Simoni alla ricognizione di Plan De Corones

"Signori non c'è ne sono più" Gilberto Simoni ad Aprica 2006

Il mio nome è Roberto che fa rima (guarda un pò che caso) con Gilberto

30 maggio 2007 ultima vittoria al giro sullo Zoncolan. 30 Maggio 2010 la fine di un lungo sogno duranto 15 anni fatto di tante gioie e tante delusioni, grazie di tutto Gibo!



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Luglio 2009




Posts: 1607
Registrato: Mar 2005

  postato il 12/02/2010 alle 01:08
c'é qualcuno che ascolta/piacciono i bad brains?
(domanda dopo 18 ore di lavoro in questa nuova cittá di merda solo come un cane, mi sa che sto andando in depression. ad ogni modo adesso me li metto su.)

 

____________________
I'm ipocrisy free

Io sto con Silvio che è
un gran furbacchione e con
la bellissima Oriana che ha
il coraggio di dire ciò che
tutti pensano ma nessuno dice
(si vocifera che la casalinga
di Voghera impallidisca
al suo cospetto).

---------------------------
Anti-Zerbinegnan club - Iscritto n°2

Anti Armstrong n°3
--------------------
Solo chi non ha paura di morire di mille ferite riuscirà a disarcionare l'imperatore

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 5156
Registrato: Apr 2005

  postato il 12/02/2010 alle 08:24
Originariamente inviato da pacho

c'é qualcuno che ascolta/piacciono i bad brains?
(domanda dopo 18 ore di lavoro in questa nuova cittá di merda solo come un cane, mi sa che sto andando in depression. ad ogni modo adesso me li metto su.)


Se ascolti i cattivi pensieri per forza che la città (ma qual è ?) ti sembra di emme.

 

____________________
nino58

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 12/02/2010 alle 10:25
Originariamente inviato da pacho

c'é qualcuno che ascolta/piacciono i bad brains?
(domanda dopo 18 ore di lavoro in questa nuova cittá di merda solo come un cane, mi sa che sto andando in depression. ad ogni modo adesso me li metto su.)


ho the meek su un cd anni '80...carina pure per me che reggae e dub li digerisco fino a un certo punto

 

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Marzo 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 4706
Registrato: Apr 2005

  postato il 15/02/2010 alle 19:57
mi sa che lo postai già, però lo rifaccio, admin ti piace anche questo stile di questo cantante che ami molto http://www.youtube.com/watch?v=9a8aC1M89PE ??

 

____________________
"Qui devi spingere con le tue gambe vecio" Davide Cassani a Gilberto Simoni alla ricognizione di Plan De Corones

"Signori non c'è ne sono più" Gilberto Simoni ad Aprica 2006

Il mio nome è Roberto che fa rima (guarda un pò che caso) con Gilberto

30 maggio 2007 ultima vittoria al giro sullo Zoncolan. 30 Maggio 2010 la fine di un lungo sogno duranto 15 anni fatto di tante gioie e tante delusioni, grazie di tutto Gibo!



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Luglio 2009




Posts: 1607
Registrato: Mar 2005

  postato il 19/02/2010 alle 00:03
I bas brains non sono certo conosciuti per i pezzi dub.Nella mia vita ci sono 3 punti fissi: la violenza sovvertitrice, milly d'abbraccio e il punk-protopunk-new wave. quando dico bad brains intendo questo:

http://www.youtube.com/watch?v=fcspR0yCRLY
http://www.youtube.com/watch?v=kWE9kbecx5w
http://www.youtube.com/watch?v=aWWI2rGdda4&feature=related
http://www.youtube.com/watch?v=rqQtoMyi2xQ
http://www.youtube.com/watch?v=DsryxoX8r5I

comunuqe: ho sempre avuto lust for life di iggy popo masterizzato, dove mancava l'ultimo pezzo. ebbene, stamane mi é capitato per le mani l album originale...e per mia sfortuna ho scoperto che ho passato gli ultimi 10 anni della mia vita senza conoscere sta canzone. da paura.

http://www.youtube.com/watch?v=hdRfu0KTTH0

 

[Modificato il 19/02/2010 alle 00:16 by pacho]

____________________
I'm ipocrisy free

Io sto con Silvio che è
un gran furbacchione e con
la bellissima Oriana che ha
il coraggio di dire ciò che
tutti pensano ma nessuno dice
(si vocifera che la casalinga
di Voghera impallidisca
al suo cospetto).

---------------------------
Anti-Zerbinegnan club - Iscritto n°2

Anti Armstrong n°3
--------------------
Solo chi non ha paura di morire di mille ferite riuscirà a disarcionare l'imperatore

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Luglio 2009




Posts: 1607
Registrato: Mar 2005

  postato il 19/02/2010 alle 00:19
Originariamente inviato da Bitossi

Gli Skiantos ad esempio cominciarono ad essere conosciuti nel 1977/78, ai tempi di "Monotono".
Andavamo a vederli anche 3/4 volte l'anno, portando ai concerti verdure da lanciargli addosso (esplicitamente richieste dal gruppo... ).


e conoscendo il passato punk, mi rivaluto il bitossi

 

____________________
I'm ipocrisy free

Io sto con Silvio che è
un gran furbacchione e con
la bellissima Oriana che ha
il coraggio di dire ciò che
tutti pensano ma nessuno dice
(si vocifera che la casalinga
di Voghera impallidisca
al suo cospetto).

---------------------------
Anti-Zerbinegnan club - Iscritto n°2

Anti Armstrong n°3
--------------------
Solo chi non ha paura di morire di mille ferite riuscirà a disarcionare l'imperatore

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 1743
Registrato: May 2006

  postato il 19/02/2010 alle 12:13

e conoscendo il passato punk, mi rivaluto il bitossi

Io invece, che sono più cattivo, continuo a considerare orrendi i tuoi gusti musicali odierni!


...Admin, hai sentito l'ultimo di Gabriel con una soporifera cover di "Street spirit..."? (veramente il disco è tutto da flebo, Gabriel non penserà mica che basta rallentare i brani per renderli più intensi? )


PS: c'è qualcosa che non va nel caricamento di questa pagina, c'è uno script di un video che fa casino...

 

____________________
"...Ogni volta che vedo un adulto in bicicletta, penso che per la razza umana ci sia ancora speranza..." (H.G. Wells)

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Amministratore




Posts: 5978
Registrato: Aug 2002

  postato il 19/02/2010 alle 13:41
Originariamente inviato da Bitossi

...Admin, hai sentito l'ultimo di Gabriel con una soporifera cover di "Street spirit..."? (veramente il disco è tutto da flebo, Gabriel non penserà mica che basta rallentare i brani per renderli più intensi? )


PS: c'è qualcosa che non va nel caricamento di questa pagina, c'è uno script di un video che fa casino...


No, non ho sentito l'ultimo Gabriel... magari mi cerco la cover

(Ho tolto il video problematico, era quello dei Muppets. Ho sostituito con un link)

 

____________________

Amarti m'affatica, mi svuota dentro
qualcosa che assomiglia a ridere nel pianto
Amarti m'affatica, mi dà malinconia
che vuoi farci, è la vita... è la vita, la mia

(Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping)

 
Edit Post Reply With Quote

Amministratore




Posts: 5978
Registrato: Aug 2002

  postato il 19/02/2010 alle 13:41
Originariamente inviato da GiboSimoni

mi sa che lo postai già, però lo rifaccio, admin ti piace anche questo stile di questo cantante che ami molto http://www.youtube.com/watch?v=9a8aC1M89PE ??


 

____________________

Amarti m'affatica, mi svuota dentro
qualcosa che assomiglia a ridere nel pianto
Amarti m'affatica, mi dà malinconia
che vuoi farci, è la vita... è la vita, la mia

(Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping)

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 1743
Registrato: May 2006

  postato il 19/02/2010 alle 13:46
Originariamente inviato da Admin
No, non ho sentito l'ultimo Gabriel... magari mi cerco la cover


Eccola qui, credo sia legale, è già su un sito "ufficiale"...

 

____________________
"...Ogni volta che vedo un adulto in bicicletta, penso che per la razza umana ci sia ancora speranza..." (H.G. Wells)

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 19/02/2010 alle 14:07
Secondo voi che ci hanno lasciato di bello dal punto di vista musicale gli anni zero?

 

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage
<<  29    30    31    32    33    34  >> Nuovo Thread  Nuova risposta   Nuovo sondaggio
 
Powered by Lux sulla base di XMB
Lux Forum vers. 1.6
1.9868131