Board logo

Il Forum di Cicloweb

Non hai fatto il login | Login Pagina principale > Dite la vostra sul ciclismo! > In quarant'anni di tour solo due volte un italiano lo ha vinto...
Nuovo Thread  Nuova risposta  Nuovo sondaggio
< Ultimo thread   Prossimo thread >  |  Versione stampabile
Autore: Oggetto: In quarant'anni di tour solo due volte un italiano lo ha vinto...

Livello Fausto Coppi




Posts: 3270
Registrato: Jul 2005

  postato il 20/07/2005 alle 12:10
... e già si comincia a dire che il prossimo tour sarà una lotta tra Cunego e Basso, ma il realismo degli italiani dov'è finito?
Ma vi ricordate che dopo Lemond ci doveva essere una battaglia tra Bugno e Chiappucci?
Chi dice che Basso e Cunego vinceranno al tour, secondo me, è lo stesso che dice che il giro è molto meglio del tour..

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Tour




Posts: 169
Registrato: Jun 2005

  postato il 20/07/2005 alle 13:29
ehhh lo fanno... lo fanno...

 

____________________
"Il Giro è grande ma ci manca Casagrande"

"Lotito comprace Hincapie"

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Tour




Posts: 169
Registrato: Jun 2005

  postato il 20/07/2005 alle 13:29
post doppio

 

____________________
"Il Giro è grande ma ci manca Casagrande"

"Lotito comprace Hincapie"

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Moderatore




Posts: 21608
Registrato: Oct 2004

  postato il 20/07/2005 alle 13:47
Originariamente inviato da riddler

Chi dice che Basso e Cunego vinceranno al tour, secondo me, è lo stesso che dice che il giro è molto meglio del tour..


Mamma mia che boomerang che hai lanciato, caro riddler.

E se Cunego e Basso vincessero da ora in avanti SOLO il Tour e MAI PIU' (o MAI) il Giro, tu che diresti?
Che in quel caso il Giro è meglio del Tour?

Buona fortuna...

 

____________________
Mario Casaldi - Cicloweb.it

CICLISTI
Si sta come
d'autunno
sugli alberi
le foglie

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Alfredo Binda




Posts: 1101
Registrato: May 2004

  postato il 20/07/2005 alle 14:13
Riddler esprime un concetto sul quale non sono pienamente d'accordo, ma una parte di verità in quello che dice c'è: Bugno e Chiappucci si sono beccati Indurain trai i piedi, la cui ascesa è coincisa esattamente con la fine dell'era Lemond. Anche Ullrich ha iniziato ad andar forte nella stessa stagione in cui Indurain è calato e, tempo un paio di anni, ci siamo cuccati Armstrong. I domini di questi tre atleti da che cosa sono stati provocati? Essenzialmente da una supremazia nelle prove contro il tempo. Gli italiani che in questi anni hanno lottato per la maglia gialla hanno sempre dovuto colmare dei gap pesantissimo a cronometro: Chiappucci, Pantani e Basso sono sempre stati nettamente al di sotto degli altri a cronometro e pure Bugno che era corridore molto completo prendeva dei minuti nelle prime crono contro Indurain.
Oggi Ullrich è meno forte di 8 anni fa e Armstrong non c'è più.

Per l'anno prossimo Ivan Basso apparirebbe il logico favorito, tuttavia metterei dieci mani avanti prima di cantar vittoria, vuoi perchè la sfiga è sempre in agguato (non sapete quanto mi rode che Basso abbia perso il Giro 2005 in questa maniera).
La Discovery Channel negli ultimi anni ha fatto vincere molti suoi atleti e non solo Armstrong: Savoldelli ha vinto il Giro dopo anni di buio, Heras ha vinto la Vuelta, Hamilton era diventato fortissimo, Ekimov ha vinto le olimpiadi, Hincapie da corridore da classiche è diventato quasi uomo di classifica, un signor nessuno come Azevedo è entrato l'anno scorso nei quartieri alti della classifica del Tour, Landis è andato fortissimo l'anno passato.
Sembra che tutti gli atleti che passano alla discovery diventino dei campioni: insomma io credo che l'anno prossimo la Discovery punterà tutto su Popovych al Tour, un altro fortissimo cronomen che in questa stagione ha già vinto il giro di Catalgogna e che l'anno prossimo farà il capitano. Possibile che la Discovery l'anno prossimo senza Lance non sia competitiva?

 

____________________
"Un uomo solo è al comando; la sua maglia è bianco-celeste; il suo nome è Fausto Coppi", Mario Ferretti, Radiocronista Rai

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Ottavio Bottecchia




Posts: 548
Registrato: Mar 2004

  postato il 20/07/2005 alle 14:33
Però anche alla Csc i corridori vanno più forte di quanto andrebbero in altre squadre, per cui credo che Basso sia comunque il favorito del tour 2006, più di Ullrich
Un exploit di qualche giovane? Difficile. L'unico potrebbe essere Valverde, mentre per Contador e Cunego (ammesso che corra il Tour)è ancora presto e di Popovych non mi fido (penso che la Discovery punterà su Savoldelli).
Altri corridori invece, come il Dekker più piccolo, sono ancora troppo giovani.

 

____________________
Via i dopati dal ciclismo.

Non è che mi sono staccato, è che il gruppo è andato in fuga!


 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 1771
Registrato: Jan 2005

  postato il 20/07/2005 alle 14:53
basso e il candidato numero 1 ma vino se lascia i tedeschi e popo saranno avversari tosti, valverde nn ha dimostrato la continuita di ivan nelle grandi corse(scusate gli accenti ma la tastiera e inglese e loro nn li usano)

 

____________________
http://www.controcopertina.it

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Miguel Poblet




Posts: 524
Registrato: Jun 2005

  postato il 20/07/2005 alle 15:52
Che il tour e' piu' importante del giro e' oggettivo e in tutto il mondo, a parte qualche italiano, nessuno mette questo in discussione, che Cunego e Basso possano giocarsi il prossimo tour e' delle tante possibilita' per il futuro dato che sono tra i piu' forti nelle corse a tappe attualmente, soprattutto Basso direi, ma non si possono avere certezze su questo.
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 1635
Registrato: Apr 2005

  postato il 20/07/2005 alle 17:55
Si favoriti di quest'altr'anno vedremo fra un annetto.
Prima del giro di Itralia, oltre a Cunego, Basso e Simoni, chi era pronosticato?..Nessuno.
E' assolutamente prematuro anticipare il futuro del tour.
Basso sarà a lottare per vincere. Ma lottare è lottare. Vincere è più fatica.....

 

____________________
pedala che fa bene.....

 
Edit Post Reply With Quote

Elite




Posts: 24
Registrato: Jul 2005

  postato il 20/07/2005 alle 18:08
Originariamente inviato da gregorio

Però anche alla Csc i corridori vanno più forte di quanto andrebbero in altre squadre, per cui credo che Basso sia comunque il favorito del tour 2006, più di Ullrich
Un exploit di qualche giovane? Difficile. L'unico potrebbe essere Valverde, mentre per Contador e Cunego (ammesso che corra il Tour)è ancora presto e di Popovych non mi fido (penso che la Discovery punterà su Savoldelli).
Altri corridori invece, come il Dekker più piccolo, sono ancora troppo giovani.


Noin conosco molto Valverde ma da quello che ho visto non mi sembra più forte di Cunego.

 
Edit Post Reply With Quote

Elite




Posts: 24
Registrato: Jul 2005

  postato il 20/07/2005 alle 18:09
Originariamente inviato da superalvi

basso e il candidato numero 1 ma vino se lascia i tedeschi e popo saranno avversari tosti, valverde nn ha dimostrato la continuita di ivan nelle grandi corse(scusate gli accenti ma la tastiera e inglese e loro nn li usano)


Infatti, piano a dire che Basso ha già vinto il Tour 2006 anche perchè non si sa mai che il tedescone faccia il serio per un anno e allora lì non c'è ne più per nessuno.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6314
Registrato: Jun 2005

  postato il 20/07/2005 alle 18:10
Originariamente inviato da Gianmario

Originariamente inviato da superalvi

basso e il candidato numero 1 ma vino se lascia i tedeschi e popo saranno avversari tosti, valverde nn ha dimostrato la continuita di ivan nelle grandi corse(scusate gli accenti ma la tastiera e inglese e loro nn li usano)


Infatti, piano a dire che Basso ha già vinto il Tour 2006 anche perchè non si sa mai che il tedescone faccia il serio per un anno e allora lì non c'è ne più per nessuno.

Ma tu ci credi che la salsiccia della sassonia mette la testa a posto????

 

____________________
"MEGLIO NON ESSERE RICONOSCIUTO PER STRADA CHE ESSERLO ALL'OBITORIO.
IL CASCO SALVA LA VITA, LA CHIOMA VA BENE PER LA FOTO SULLA TOMBA"!!!


Articolo 27 della costituzione Italiana

La responsabilità penale è personale.
L'IMPUTATO NON E' CONSIDERATO COLPEVOLE SINO ALLA CONDANNA DEFINITIVA.
Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato.
Non è ammessa la pena di morte.

 
Edit Post Reply With Quote

Elite




Posts: 24
Registrato: Jul 2005

  postato il 20/07/2005 alle 18:30
Originariamente inviato da stress

Originariamente inviato da Gianmario

Originariamente inviato da superalvi

basso e il candidato numero 1 ma vino se lascia i tedeschi e popo saranno avversari tosti, valverde nn ha dimostrato la continuita di ivan nelle grandi corse(scusate gli accenti ma la tastiera e inglese e loro nn li usano)


Infatti, piano a dire che Basso ha già vinto il Tour 2006 anche perchè non si sa mai che il tedescone faccia il serio per un anno e allora lì non c'è ne più per nessuno.

Ma tu ci credi che la salsiccia della sassonia mette la testa a posto????


Non si può mai sapere, magari la possibilità di tornare a vincere potrebbe stuzzicarlo.
E cmq non credo che ci sia bisogno dell'Ullrich del 1997 per battere Basso, penso che basti molto meno!

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6314
Registrato: Jun 2005

  postato il 20/07/2005 alle 18:35
Originariamente inviato da Gianmario

Originariamente inviato da stress

Originariamente inviato da Gianmario

Originariamente inviato da superalvi

basso e il candidato numero 1 ma vino se lascia i tedeschi e popo saranno avversari tosti, valverde nn ha dimostrato la continuita di ivan nelle grandi corse(scusate gli accenti ma la tastiera e inglese e loro nn li usano)


Infatti, piano a dire che Basso ha già vinto il Tour 2006 anche perchè non si sa mai che il tedescone faccia il serio per un anno e allora lì non c'è ne più per nessuno.

Ma tu ci credi che la salsiccia della sassonia mette la testa a posto????


Non si può mai sapere, magari la possibilità di tornare a vincere potrebbe stuzzicarlo.
E cmq non credo che ci sia bisogno dell'Ullrich del 1997 per battere Basso, penso che basti molto meno!


per lo stuzzico l'unica cvosa che lo stuzzica è il mangiare.
per battere basso, bo mi sa che l'hai detta grossa.
Gli anni passano per tutti, figurati per le salsicce.....

 

____________________
"MEGLIO NON ESSERE RICONOSCIUTO PER STRADA CHE ESSERLO ALL'OBITORIO.
IL CASCO SALVA LA VITA, LA CHIOMA VA BENE PER LA FOTO SULLA TOMBA"!!!


Articolo 27 della costituzione Italiana

La responsabilità penale è personale.
L'IMPUTATO NON E' CONSIDERATO COLPEVOLE SINO ALLA CONDANNA DEFINITIVA.
Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato.
Non è ammessa la pena di morte.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Giuseppe Saronni




Posts: 685
Registrato: Jun 2005

  postato il 20/07/2005 alle 19:06
C'è da dire che abbiamo perso 15 ani fra la metà degli anni 70 fino al 1990, nei quali gli Italiani si sono completamente disinteressati del Tour, tanti anni non ci andava nessuno, soprattutto lo hanno snobbato Moser e Saronni molto colpevolmente credo. Grazie a Chiappucci e anche a Bugno, siamo tornati a essere protagonisti in Francia. Entrambi l'avrebbero vinto un Tour se non ci fosse stato Indurain...Chiappucci poi il Tour del 1990 non l'ha voluto vincere lui si può dire...comunque hanno fatto ritornare l'interesse sul Tour delle squadre Italiane, spianando in qualche modo la strada al Pantani del 1998, che di Tour ne avrebbe vinti almeno altri due, anche contro Armstrong, se non fosse successo quello che sappiamo...e poi il Tour a differenza del Giro o della Vuelta, dagli anni 80 ha trovato dei padroni che si sono dati il cambio quasi ininterrottamente vincendo quasi tutti i Tour: Armstrong quasi 7, Hinault 5, Indurain 5, Lemond 3...Basso un Tour non può non vincerlo, visto che a questa corsa a deciso di consacrarsi, e poi gli manca giusto un gradino da scalare sul podio anche se il più difficile...anche Cunego negli anni a venire potrebbe benissimo vincerlo ma prima deve fare esperienza. Sono sicuro che i Francesi ci invidiano molto...
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3270
Registrato: Jul 2005

  postato il 20/07/2005 alle 19:51
Ma magari fosse la verità, ma Cunego a parte il giro non lo ho mai visto, anche Berzin un anno vinse e poi...



Mamma mia che boomerang che hai lanciato, caro riddler.

E se Cunego e Basso vincessero da ora in avanti SOLO il Tour e MAI PIU (o MAI) il Giro, tu che diresti?
Che in quel caso il Giro è meglio del Tour?

Buona fortuna...

 

[Modificato il 20/07/2005 alle 21:11 by Admin]


 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3270
Registrato: Jul 2005

  postato il 20/07/2005 alle 20:00
Per emiliano ma Indurain in salita non si staccava mai, e soprattutto non ha mai attaccato, quindi in salita andava forte, ma non si sa se attaccava se riusciva a staccare tutti (per me si) stesso discorso dicasi per Armstrong... quello che voglio dire io, è che Indurain e Armstrong erano fortissimi in salita, non solo fortissimi a cronometro...

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Amstel Gold Race




Posts: 99
Registrato: Jun 2005

  postato il 21/07/2005 alle 02:43
Originariamente inviato da riddler

Per emiliano ma Indurain in salita non si staccava mai, e soprattutto non ha mai attaccato, quindi in salita andava forte, ma non si sa se attaccava se riusciva a staccare tutti (per me si) stesso discorso dicasi per Armstrong... quello che voglio dire io, è che Indurain e Armstrong erano fortissimi in salita, non solo fortissimi a cronometro...


Infatti!
Per restare all'attuale Tour: Conti alla mano, Armostrog sarebbe primo anche senza le cronometro.
Quindi quoto perchè: Armstrong è definito "corridore da crono". A me sembra che possa essere definito tranquillamente:
Il miglior passista
Il miglior cronomen
Il miglior scalatore
Piaccia o non piaccia ma è così.

E ha chi vanta grande sicurezza per i futuri Tour di Basso e Cunego che dovrebbero vincere in carrozza: Andiamoci piano, ma molto piano! Specie su Cunego che deve ancora dimostrare...

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Miguel Poblet




Posts: 524
Registrato: Jun 2005

  postato il 21/07/2005 alle 09:24
Sulle salite del tour Armstrong, a parte il 2003, e' sempre stato superiore in salita agli avversari, nelle annate migliori 2000-01-02 lo era quanto a cronometro, lo stesso Rjis nel 96 era il piu' forte in salita o al limite poteva batterlo solo Ullrich, il quale nel 97 era secondo solo a Pantani che pero' ebbe un giorno di crisi, Indurain ha sempre dato la sensazione di controllare il vantaggio accumulato a crono risparmiandosi un po, ma a La Plagne aveva staccato tutti nettamente all'inseguimento di Zulle.
Questi corridori da cronometro avrebbero quasi sempre vinto anche senza 1 km di crono, secondo me il percorso del tour e' congeniale alle loro caratteristiche in quanto le salite salite sono mediamente piu' adatte ai passisti che agli scalatori puri.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Octave Lapize




Posts: 471
Registrato: Dec 2004

  postato il 21/07/2005 alle 11:50
secondo me Basso l'anno prossimo puo' vincere il tour, a patto che lo prepari scrupolosamente e non faccia anche il giro al top...
lo dico per la sua carriera, visto che il prossimo anno avra' 29 anni e raggiungera' probabilmente l'apice delle sue possibilita' (non puo' crescere all'infinito!). Percio' vista la concorrenza che c'e' in giro doppiare giro e tour due o piu' anni di fila e' molto logorante (un tritasassi come indurain se ricordate lo ha fatto per tre anni e alla fine e' rimasto scottato...). Fossi in lui ne sceglierei uno dei due ogni anno e mi giocherei tutto su quello.
Anche perche' ora e' il caso che cominci a vincere qualcosa, o no?

 

____________________
Pedivella rovente

 
Edit Post Reply With Quote

Moderatore




Posts: 21608
Registrato: Oct 2004

  postato il 21/07/2005 alle 13:29
Originariamente inviato da riddler

Ma magari fosse la verità, ma Cunego a parte il giro non lo ho mai visto, anche Berzin un anno vinse e poi...


Originariamente inviato da orsoold

E ha chi vanta grande sicurezza per i futuri Tour di Basso e Cunego che dovrebbero vincere in carrozza: Andiamoci piano, ma molto piano! Specie su Cunego che deve ancora dimostrare...


Ragazzi (chi più, chi meno)... vi ricordo che l'anno scorso Damiano Cunego vinse il Giro di Larciano, il Giro del Trentino, il Giro dell'Appennino e il Giro d'Italia (più 4 tappe), in più possiamo aggiungere il 16° posto alla Vuelta (con un 3° posto di tappa), il 9° posto al Mondiale e il 1° al Giro di Lombardia.

Direi che averlo visto solo al Giro è un po' limitativo...

Su Cunego che deve dimostrare: può darsi.
Ma quest'anno ha fatto 9° al Giro dei Paesi Baschi e alla Liegi-Bastogne-Liegi, 2° al Giro di Romandia con una vittoria di tappa, 2° alla Klasika di Primavera, e due secondi posti al Giro d'Italia prima di patire i sintomi della mononucleosi.

Damiano Cunego è un grosso corridore, un attuale campioncino che potrebbe divenire campionissimo.
A patto che capisca (e con lui i suoi tecnici) che è (ancora) troppo giovane per voler stravolgere le sue attitudini e lavorare perciò più sulle crono. Questo sì potrebbe ridimensionarlo.

Giro d'Italia e classiche a tutto spiano per altri due-tre anni.
Poi il Tour... c'è tempo.

CIAO!

 

____________________
Mario Casaldi - Cicloweb.it

CICLISTI
Si sta come
d'autunno
sugli alberi
le foglie

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 3270
Registrato: Jul 2005

  postato il 21/07/2005 alle 18:35
Mi sta bene Monsieur quello che dici tu, ha un futuro davanti, ma non etichettiamolo come sicuro vincitore, è troppo presto!

 

____________________
Il procuratore aggiunto di Catania Renato Papa: Nel 2003 è stato abrogato un comma della legge che permetteva l'arresto dei diffidati recidivi, e di chi non si presentava alla firma. E questo è stato un grave gesto di debolezza.
Uno nessuno centomila! Un libro di Pirandello? No! I castelli di Kessler secondo Bulba...
All'ombra del cavaliere oscuro (la biografia di G. Fini)
La regola del fallo di mani nel calcio? Superata, oramai si gioca con 11 portieri come la lotteria istantanea - ponzi ponzi po po po
Baci riddler/Massimo

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Alfredo Binda




Posts: 1101
Registrato: May 2004

  postato il 21/07/2005 alle 20:34
A Riddler: Indurain se attaccava in salita probabilmente avrebe staccato tutti meno Pantani e meno il miglior Rominger: si è visto chiaramente nel 1995, l'unico anno i cui il navarro attaccava in salita, anno in cui a crono andava meno bene, ma dove staccò tutti a Liegi. Ricordo anche una fantastica ascesa all'Alpe d'Huez: Indurain si disinteressò di Pantani, ma gli altri furono messi dietro. Il Tour del 1995 è stato il Tour della verità che ci ha fatto capire il potenziale di Indurain; solo Pantani poteva staccarlo con decisione, ma non sempre: ricordo che ad Hautacham nel 1994 il tandem Indurain-Leblanc (ecco un'altra occasione in cui il navarro attaccò) riprese e staccò il Pirata.
C'è inoltre da aggiungere, in nome della verità dei fatti, che Pantani si beccava nei primi Tour così tanti minuti da Miguelon a crono da non rappresentare nelle salite un reale pericolo per la classifica generale: Indurain, pertanto, sapendo di non essere uno scattista ma un regolarista fortissimo sul passo, lasciava andare il Pirata senza opporre resistenza...
Un rammarico è quindi questo: il Pantani della giovinezza, quello precedente all'incidente della Milano Torino correva quindi in una sorta di mondo parallelo ad Indurain e quindi non ci fu mai reale scontro. I minuti di gap a cronometro erano troppo ampi. Un'eccezione fu il Giro del 1994, che rappresenterà un'eccezione straordinaria nella storia del ciclismo moderno, il cui unico neo è stata la meteora Berzin.

Alla fine quindi credo che Indurain fosse competitivo in salita come tutti i suoi pretendenti. Chiappucci non era normalmente in grado di staccarlo (ci riuscì una volta sola attaccando da lontano) e neppure Bugno che era fantastico, ma irregolare perchè corridore inadatto ai Grandi Giri. Rominger poteva essere l'uomo in grado di batterlo a crono e in salita, ma lo vedemmo al meglio in altri obiettivi (la Vuelta e il Giro). Pantani era più forte di ogni altro uomo in salita, ma era sempre fuori classifica.
Tutti gli altri erano due gradini sotto.

 

____________________
"Un uomo solo è al comando; la sua maglia è bianco-celeste; il suo nome è Fausto Coppi", Mario Ferretti, Radiocronista Rai

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Elite




Posts: 24
Registrato: Jul 2005

  postato il 22/07/2005 alle 02:34
Originariamente inviato da stress per lo stuzzico l'unica cvosa che lo stuzzica è il mangiare.
per battere basso, bo mi sa che l'hai detta grossa.
Gli anni passano per tutti, figurati per le salsicce.....


Bah, secondo me Basso in salita va ma non è poi sto fenomeno.
Se controlliamo i tempi di ascesa non mi pare che Basso abbia fatto dei gran record, anche l'altro giorno dove pure è stato l'unico ad attaccare seriamente Armstrong si è andati più piano di quasi 2 minuti rispetto la volta prima (dove vinse Armstrong).
Credo che Basso sia battibile da molti corridori, ad esempio Heras adesso non considera nessuno ma se azzecca l'anno buono in salita con per Basso proprio non c'è ne! E questo potrebbe valere anche per altri (vedi Mayo).

Secondo voi Basso in salita avrebbe potuto tenere testa ai Pantani e ai Tonkov del Giro '98? O anche solo a Simoni dell'ultimo giro vinto? Io credo proprio di no.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3270
Registrato: Jul 2005

  postato il 22/07/2005 alle 11:28
Ok per Pantani mi sta benissimo un discorso del genere, è chiaro che è stato il miglior scalatore degli ultimi 15 anni e su questo non ci sono dubbi... però come hai detto tu, il discorso con Chiappucci e Basso (lo dico io) non regge...

Originariamente inviato da Emiliano

A Riddler: Indurain se attaccava in salita probabilmente avrebe staccato tutti meno Pantani e meno il miglior Rominger: si è visto chiaramente nel 1995, l unico anno i cui il navarro attaccava in salita, anno in cui a crono andava meno bene, ma dove staccò tutti a Liegi. Ricordo anche una fantastica ascesa all Alpe d Huez: Indurain si disinteressò di Pantani, ma gli altri furono messi dietro. Il Tour del 1995 è stato il Tour della verità che ci ha fatto capire il potenziale di Indurain; solo Pantani poteva staccarlo con decisione, ma non sempre: ricordo che ad Hautacham nel 1994 il tandem Indurain-Leblanc (ecco un altra occasione in cui il navarro attaccò) riprese e staccò il Pirata.
C è inoltre da aggiungere, in nome della verità dei fatti, che Pantani si beccava nei primi Tour così tanti minuti da Miguelon a crono da non rappresentare nelle salite un reale pericolo per la classifica generale: Indurain, pertanto, sapendo di non essere uno scattista ma un regolarista fortissimo sul passo, lasciava andare il Pirata senza opporre resistenza...

 

[Modificato il 23/07/2005 alle 01:35 by Admin]

____________________
Il procuratore aggiunto di Catania Renato Papa: Nel 2003 è stato abrogato un comma della legge che permetteva l'arresto dei diffidati recidivi, e di chi non si presentava alla firma. E questo è stato un grave gesto di debolezza.
Uno nessuno centomila! Un libro di Pirandello? No! I castelli di Kessler secondo Bulba...
All'ombra del cavaliere oscuro (la biografia di G. Fini)
La regola del fallo di mani nel calcio? Superata, oramai si gioca con 11 portieri come la lotteria istantanea - ponzi ponzi po po po
Baci riddler/Massimo

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Milano-Sanremo




Posts: 120
Registrato: May 2005

  postato il 22/07/2005 alle 12:55
a Basso manca lo scatto, la frustata del vero scalatore che non permetterebbe ad armstrong di reagire, quando Basso scatta Armstrong almeno personalmente non mi pare faccia nessuna fatica. Bulbarelli dice che faceva fatica a tenere il passo di Basso ma secondo me avrebbe potuto anche staccarlo. voi che ne pensate?
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Elite




Posts: 24
Registrato: Jul 2005

  postato il 23/07/2005 alle 17:20
Originariamente inviato da Ryo

a Basso manca lo scatto, la frustata del vero scalatore che non permetterebbe ad armstrong di reagire, quando Basso scatta Armstrong almeno personalmente non mi pare faccia nessuna fatica. Bulbarelli dice che faceva fatica a tenere il passo di Basso ma secondo me avrebbe potuto anche staccarlo. voi che ne pensate?


Lo penso anch'io

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 1635
Registrato: Apr 2005

  postato il 23/07/2005 alle 17:54

Armstrong non ha mai fatto sconti. La bagarre l'ha sempre evitata se poteva. Con la bagarre si può andare in rosso e pagare poi. Coi "penso", "avrebbe potuto", non si va lontano. Un corridore in una corsa a tappe se può staccare un avversario per la classifica generale non lo evita, mai.

 

____________________
pedala che fa bene.....

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3270
Registrato: Jul 2005

  postato il 23/07/2005 alle 19:11
Si se è per questo io non sono mai riuscito a capire la tattica di Bugno al tour del '91... nella prima tappa un gruppo va in fuga tra i quali Lemond e Breukink che guadagnano 1'44"... poi ci fu l'attacco di Chiappucci e Indurain e perse un minuto e mezzo... ma se avesse seguito entrambe le fughe poteva anche giocarsela sul filo dei secondi con Indurain, perchè s'è fatto fregare in entrambi i casi?

 

____________________
Il procuratore aggiunto di Catania Renato Papa: Nel 2003 è stato abrogato un comma della legge che permetteva l'arresto dei diffidati recidivi, e di chi non si presentava alla firma. E questo è stato un grave gesto di debolezza.
Uno nessuno centomila! Un libro di Pirandello? No! I castelli di Kessler secondo Bulba...
All'ombra del cavaliere oscuro (la biografia di G. Fini)
La regola del fallo di mani nel calcio? Superata, oramai si gioca con 11 portieri come la lotteria istantanea - ponzi ponzi po po po
Baci riddler/Massimo

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Parigi-Nizza




Posts: 48
Registrato: Jun 2005

  postato il 23/07/2005 alle 19:13
Sono d'accordo nel dire che non bisogna dare Basso già come vincitore del Tour 2006, in effetti ci sarà ancora il kaiser (salsiccia o meno) e non vedo Basso molto adatto a poterlo staccare in salita, sarà certo più forte, ma se non è riuscito a scrollarsi Savoldelli dubito che potra' infliggere ad un Ullrich in forma* tanti minuti

*=con forma s'intende un chiletto meno di quest'anno, neanche poi cosittanto

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3270
Registrato: Jul 2005

  postato il 23/07/2005 alle 19:16
Ci sarà anche Vinokourov l'anno prossimo e Popovich!

 

____________________
Il procuratore aggiunto di Catania Renato Papa: Nel 2003 è stato abrogato un comma della legge che permetteva l'arresto dei diffidati recidivi, e di chi non si presentava alla firma. E questo è stato un grave gesto di debolezza.
Uno nessuno centomila! Un libro di Pirandello? No! I castelli di Kessler secondo Bulba...
All'ombra del cavaliere oscuro (la biografia di G. Fini)
La regola del fallo di mani nel calcio? Superata, oramai si gioca con 11 portieri come la lotteria istantanea - ponzi ponzi po po po
Baci riddler/Massimo

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3579
Registrato: May 2005

  postato il 23/07/2005 alle 19:27
Originariamente inviato da rocker biker

Sono d'accordo nel dire che non bisogna dare Basso già come vincitore del Tour 2006, in effetti ci sarà ancora il kaiser (salsiccia o meno) e non vedo Basso molto adatto a poterlo staccare in salita, sarà certo più forte, ma se non è riuscito a scrollarsi Savoldelli dubito che potra' infliggere ad un Ullrich in forma* tanti minuti

*=con forma s'intende un chiletto meno di quest'anno, neanche poi cosittanto

Sono d'accordo quando dici che Basso non è il sicuro vincitore del prossimo Tour, però senza dubbio è il candidato principale alla vittoria... dopo le ultime prestazioni, non glielo si può negare!

E poi, a voler essere proprio pignoli (ma nemmeno troppo, in fondo...), se ti riferisci alla tappa di Zoldo Alto dell'ultimo Giro, non va dimenticato che Savo iniziò l'ultima salita con 25" di vantaggio su Basso (guadagnati nella discesa del Duran), e Ivan poi lo andò a riprendere!

In quanto a Ullrich, spero che il chiletto in meno sia preso come paragone all'Ullrich degli ultimi 5-10 giorni... quello di inizio Tour era veramente una grossa salsiccia!

 

____________________
Lo stupido sa molto, l'intelligente sa poco, il saggio non sa nulla... MA EL MONA EL SA TUTO!!! (copyright sconosciuto)

ADOTTA ANCHE TU UNA AMY WINEHOUSE!!! Mangia poco, non sporca... e aspira tutta la polvere che hai in casa!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage
Nuovo Thread  Nuova risposta   Nuovo sondaggio
 
Powered by Lux sulla base di XMB
Lux Forum vers. 1.6
1.7057729