Board logo

Il Forum di Cicloweb

Non hai fatto il login | Login Pagina principale > Dite la vostra sul ciclismo! > Giro D'Italia 2011, percorso...
Nuovo Thread  Nuova risposta  Nuovo sondaggio
< Ultimo thread   Prossimo thread >  |  Versione stampabile
<<  11    12    13    14    15    16  >>
Autore: Oggetto: Giro D'Italia 2011, percorso...

Livello Fausto Coppi




Posts: 1518
Registrato: Oct 2008

  postato il 23/10/2010 alle 19:01
Ah, dimenticavo. Delle tre regioni che il percorso non tangerà, una è proprio la mia Puglia!

 

____________________

RISULTATI DI PRESTIGIO FANTACICLISMO 2009 (Decimo assoluto)
2o in una tappa al Giro (Lido di Camaiore Firenze)
Medaglia di bronzo campionato italiano a cronometro
3o in una tappa al Tour (Monaco)
2o GP Ouest-France Plouay
Una vittoria (Rivas Vacia Madrid-Madrid)un secondo (Alziro-Alto de Aitana) e un terzo posto (Xativa) alla Vuelta + due quarti posti.
Terzo in classifica finale e miglior sprinter alla Vuelta!
Vincitore del Giro di Romagna
FANTACICLISMO 2010: Vincitore del Giro del Friuli
3o al Giro dell Fiandre
2o in una tappa al Giro (Ferrara-Asolo)
3o alla Tre Valli Varesine
2o Giro del Veneto/ 3o ad una tappa della Vuelta (Marbella-Malaga)
Che bello, sono fantalleato! ^_^

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Tour




Posts: 218
Registrato: Apr 2007

  postato il 23/10/2010 alle 19:26
peccato che nn ci fossero le consuete ricognizioni di cassani
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Campionato di Zurigo




Posts: 67
Registrato: May 2005

  postato il 23/10/2010 alle 20:00
Ma non hanno messo ancora nulla on-line??????

Niente altimetrie o planimetrie.........

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Freddy Maertens




Posts: 873
Registrato: Sep 2005

  postato il 23/10/2010 alle 20:02
Originariamente inviato da Maìno della Spinetta

1)
L'audio era degno della tappa del Gavia.

L'apertura della Home di ciclismo della Gazza è dedicata a Matt Demon e Lance Armstrong.

Grottesco...

PS Dopo la tappa interamente in Calabria (?!?!) Pancani sottolinea:
"Arrivo all'Etna per una tappa che sarà tutta quanta in Sicilia". Perché, ci sono mai state tappe per metà in Sicilia? La tappa marittima? Zome, non ci avevi pensato nemmeno tu....





Maino sei da applausi,anche se poi uno ci pensa e il riso diventa amaro

 

____________________
W Bartali!voglio tornare al ciclismo fatto di polvere, di mangiate, bevute di vin rosso ,respiri di sofferenza vera e viaggi di avventura e di sana follia

"Felix qui potuit rerum cognoscere causas"

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Freddy Maertens




Posts: 873
Registrato: Sep 2005

  postato il 23/10/2010 alle 20:10
Passo di Ganda!ecco quello si è una vera sorpresa.l'ultimo km è al 13 %.ottimo per una bella imboscata anche se di fagiani da impallinare dopo il trittico tirolese carnico ladino ce ne saranno ben pochi.
Zomegnan è un ottimo sperimentatore ma bisognera portare scalatori veri.
Finestre un po sprecato.
Certo chi vince il giro sarà bello che vuoto altro che tour.a porposito Basso c'era?

 

____________________
W Bartali!voglio tornare al ciclismo fatto di polvere, di mangiate, bevute di vin rosso ,respiri di sofferenza vera e viaggi di avventura e di sana follia

"Felix qui potuit rerum cognoscere causas"

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Freddy Maertens




Posts: 873
Registrato: Sep 2005

  postato il 23/10/2010 alle 20:13
ma anche il Mottarone???
Pollicino pensaci tu

 

____________________
W Bartali!voglio tornare al ciclismo fatto di polvere, di mangiate, bevute di vin rosso ,respiri di sofferenza vera e viaggi di avventura e di sana follia

"Felix qui potuit rerum cognoscere causas"

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Tour




Posts: 225
Registrato: Jan 2009

  postato il 23/10/2010 alle 20:26
Almeno sulla carta è un percorso bellissimo: l'unica speranza è che i tanti tapponi non scoraggino le azioni anziché propiziarle; secondo me saranno molto belle le tappe miste, disegnate molto bene. I difetti: troppi trasferimenti, in alcuni casi assurdi (anche se ci sono per fortuna almeno due località sia di partenza che d'arrivo), poca cronometro, e credo la tappa dello Zoncolan, bellissima, ma forse fin troppo dura: avrei fatto affrontare almeno una delle due ascese al Crostis o allo Zoncolan dal versante più morbido, così mi pare troppo. Ma in definitiva, tracciato promosso.
 
Edit Post Reply With Quote

Moderatore




Posts: 21608
Registrato: Oct 2004

  postato il 23/10/2010 alle 20:29
Originariamente inviato da haranbanjo

Ma non hanno messo ancora nulla on-line??????

Niente altimetrie o planimetrie.........


http://www.cicloweb.it/corsa/2011/giro-d-italia-2011.html

 

____________________
Mario Casaldi - Cicloweb.it

CICLISTI
Si sta come
d'autunno
sugli alberi
le foglie

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Agosto 2010




Posts: 559
Registrato: Sep 2006

  postato il 23/10/2010 alle 20:29
Originariamente inviato da mattewhawk23

a porposito Basso c'era?

No.

Non sono entusiata del percorso in quanto nel penultimo fine settimana c'è troppa salita. C'è il rischio che la Lienz-Zoncolan si trasformi in una processione fino ai piedi dell'ultima ascesa.

Per ora il mio giudizio è 6+

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Agosto 2010




Posts: 559
Registrato: Sep 2006

  postato il 23/10/2010 alle 20:39
Originariamente inviato da Maìno della Spinetta

1)
L'apertura della Home di ciclismo della Gazza è dedicata a Matt Demon e Lance Armstrong.

Grottesco...

Penso che la gestione del sito internet sia il più garnde limite promozionale di RCS. L'home page del Giro d'Italia è una sotto-pagina della sezione ciclismo del sito gazzetta.it, dunque al terzo livello del sito: home - ciclismo - Giro d'Italia.

Il bello è che se si digita www.giroditalia.it si entra direttamente nella pagina del giro con questo indirizzo:
http://www.gazzetta.it/Speciali/Giroditalia/2010/it/

Se si digita www.letour.fr si entra direttamente nella home page del sito.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2390
Registrato: Sep 2006

  postato il 23/10/2010 alle 23:01
come ho gia' avuto modo di osservare,e' un giro molto squilibrato,non so se sara' pari alle attese che un percorso cosi' duro alimenta (la tappa dell'Aquila ha certamente spettacolirizzato quello passato).
avevamo inquadrato bene le tappe importanti da alcuni giorni,la sorpresa e' la tappa di Bergamo con un gp molto interessante nel finale,la tappa di Sondrio(attenti a quel dentino finale,una salita di 2 km con lunghi tratti al 10%)ed in parte la tappa di Orvieto nella quale bisognera' pedalare con le antenne ben ritte.del resto credo che i punti chiave saranno 3:Crostis-Zoncolan, Fedaia,Finestre.in questi punti c'e' la possibilita' di far saltare il banco.pesantemente.
manca,mi devo ripetere,almeno una ulteriore trentina di km di crono piatta.
Zomegnan dovrebbe capire che chi vince il GIro,deve essere un corridore completo,non uno scalatore e basta..

 

[Modificato il 23/10/2010 alle 23:39 by barrylyndon]

____________________
non li senti?...questo e' il mio mondo..devo andare.

M.Rourke.THE WRESTLER.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3025
Registrato: Feb 2006

  postato il 23/10/2010 alle 23:58
Originariamente inviato da roberto79

Nibali misembrava un Po allibito per il percorso durissimo o era una mia impressione!?


ci credo, non è assolutamente alla sua portata e con un rientrante Pelizzotti, se in LIqui dovessero stabilire le gerarchie sulla strada, credo che faranno abbastanza presto a decidersi.
In apparenza scoppiettante ma con tappe del genere non attaccherà mai nessuno, come nella migliore tradizione degli ultimi tempi.

Ho l'impressione che tentino di contrastare la grandeur del tour con percorsi all'apparenza spettacolari ma nella realtà un pò coatti e poco funzionali allo spettacolo; spero di sbagliarmi

 

____________________
Gaudium magnum. E'tornato! (cit. Frank VDB)

Anti-Zerbinegnan club - Iscritto n°1

Anti Armstrong n°2

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Eddy Merckx




Posts: 1243
Registrato: Jul 2006

  postato il 24/10/2010 alle 00:47
quasi svengo, passa di qui :
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond




Posts: 839
Registrato: Dec 2009

  postato il 24/10/2010 alle 03:10
Originariamente inviato da Lore_88
Troppi trasferimenti, troppa poca cronometro.
Mi piacciono le numerose tappe insidiose.


quoto, quoto.
quoto.

 

____________________
Fantaciclismo 2010: Tre Giorni di La Panne, Gand - Wevelgem, Scheldeprijs - GP Escaut, GP Larciano, Amgen Tour of California, Tour de Suisse, Tour de France: 2 giorni in maglia gialla, 3 tappe (Bruxelles - Spa, Bourg de Peage - Mende, Revel - Ax 3 Domaines), decimo posto finale ... e Campione del Mondo!...

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Greg Lemond




Posts: 839
Registrato: Dec 2009

  postato il 24/10/2010 alle 03:13
Originariamente inviato da Carrefour de l arbre
ci credo, non è assolutamente alla sua portata e con un rientrante Pelizzotti, se in LIqui dovessero stabilire le gerarchie sulla strada, credo che faranno abbastanza presto a decidersi.


dimentichi basso, uno che e' riuscito ad avere la meglio sia del bufalo gutierrez che di ivan arroyo!...


ps- la pseudo-presentatrice oggi dava la colpa a mcquaid per il fatto che ci siano corridori che privilegiano il giro della california al giro d'italy...

 

____________________
Fantaciclismo 2010: Tre Giorni di La Panne, Gand - Wevelgem, Scheldeprijs - GP Escaut, GP Larciano, Amgen Tour of California, Tour de Suisse, Tour de France: 2 giorni in maglia gialla, 3 tappe (Bruxelles - Spa, Bourg de Peage - Mende, Revel - Ax 3 Domaines), decimo posto finale ... e Campione del Mondo!...

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 2142
Registrato: Jun 2005

  postato il 24/10/2010 alle 08:02
il trittico Grossglockner, Zoncolan e Gardeccia è - a memoria d'uomo ( che poi è la mia ) il più duro di sempre.
facendo appello ai ricordi( e a qualche carta) per trovare tre arrivi in salita consecutivi bisogna risalire al 91( Aprica, selva di val gardena e Pordoi,e forse l'Aprica neppure era considerato arrivo in salita) e, addirittura al 65 ( Saas fee, Madesimo e Stelvio).


 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2950
Registrato: Dec 2004

  postato il 24/10/2010 alle 09:00
Originariamente inviato da piccolo san bernardo

Ah, dimenticavo. Delle tre regioni che il percorso non tangerà, una è proprio la mia Puglia!

Una delle altre due è la mia

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Professionista




Posts: 40
Registrato: Nov 2007

  postato il 24/10/2010 alle 10:09
Bellissimo percorso...
Adesso però ci vuole che appioppino una quindicina di minuti abbondanti di ritardo al leader della squadra più forte in favore di un corridore medio buono
Da quanto visto lo scorso anno è l'unico modo perchè ci sia battaglia su tutte le salite e non penose processioni che, considerata la durezza del percorso e il trend degli ultimi anni, sono altamente probabili

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Tour




Posts: 202
Registrato: Sep 2009

  postato il 24/10/2010 alle 11:05
Ho dato un occhio alla tappa di casa ( la seconda). Il GPM non è un cavalcavia ( a memoria ci sono dei tratti anche al 7-8% se non di più) ma c'è tanto recupero. A seconda di dove vorranno entrare a Noceto c'è anche la possibilità che passino davanti a casa mia. Il giorno dopo si passa anche per il paese dove abita Malori.
 
Edit Post Reply With Quote

Professionista




Posts: 40
Registrato: Nov 2007

  postato il 24/10/2010 alle 11:22
La gazzetta cartacea di oggi svela il "mistero" dello sterrato a Gardeccia: saranno sterrati gli ultimi 200m. Giusto così; si evita di asfaltare il piazzale davanti al rifugio
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Miguel Indurain




Posts: 675
Registrato: Jan 2009

  postato il 24/10/2010 alle 11:36
7 tappe mosse mi esaltano:
Le migliori:
la doppietto Orvieto-Fiuggi: saranno prima che la classifica abbia una fisionomia, si rischiano dei veri faccia a faccia già lì.
Il Passo di Ganda potrà dare emozioni anche tra i big, perché la salita è così isolata che se qualcuno vede l'altro in difficoltà ci scappa l'attacco di sicuro.

Un gradino sotto Castelfidardo:
A Castelfidardo verranno fuori fugone, fughette e attaccuzzi, terreno nervosissimo, i big staranno insieme ma il finale Morrovalle-Recanati-Loreto-Castelfidardo le mie gambe se lo ricordano per bene.

Tappe pseudo inutili:
A Sondrio arriverà una fugona, e non succederà niente.
Macugnaga è spettacolare ma quel Mottarone sprecato lì in mezzo c'ha scritto F U G A in fronte grosso così.


Cosa fare per renderlo più bello?
Ci fosse una maxi crono prima delle montagne mi divertirei di più.
Ci fosse Vino mi divertirò tantissimo.
Ci fosse una fuga bidone che regala tanti minuti a uomini classifica le tappe non saranno mai affrontate blandamente (e si ritorna a Vino)

I km finali del Crostis,
la salita alle Torri del Vajolet,
il Finestre
Vincono il premio suggestione.

PS Perché partono da Spilimbergo e non da Conegliano per andare in Austria? Perché dopo lo Zoncolan ripartono da Conegliano e non da Spilimbergo? Questa mi sembra una sciocchezza completamente immotivata... irrazionale... Si aggiungono km di trasferimenti inutili.
E poi sarei salito da Sutrio, e non da Ovaro, per lo Zoncolan finale.

 

[Modificato il 24/10/2010 alle 11:43 by Maìno della Spinetta]


 
Edit Post Reply With Quote

Amministratore




Posts: 5978
Registrato: Aug 2002

  postato il 24/10/2010 alle 12:58
Originariamente inviato da Maìno della Spinetta

Il Passo di Ganda potrà dare emozioni anche tra i big, perché la salita è così isolata che se qualcuno vede l'altro in difficoltà ci scappa l'attacco di sicuro.


Dovessi giocare un soldino su una salita che salterà, lo punterei sul Ganda.
Mi pare improbabile che da Ravenna a Milano ci siano ben 9 tappe (quasi metà Giro!) senza uno straccio d'arrivo per velocisti, secondo me il Ganda salterà.

 

____________________

Amarti m'affatica, mi svuota dentro
qualcosa che assomiglia a ridere nel pianto
Amarti m'affatica, mi dà malinconia
che vuoi farci, è la vita... è la vita, la mia

(Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping)

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Eddy Merckx




Posts: 1243
Registrato: Jul 2006

  postato il 24/10/2010 alle 13:49
Originariamente inviato da Admin

Originariamente inviato da Maìno della Spinetta

Il Passo di Ganda potrà dare emozioni anche tra i big, perché la salita è così isolata che se qualcuno vede l'altro in difficoltà ci scappa l'attacco di sicuro.


Dovessi giocare un soldino su una salita che salterà, lo punterei sul Ganda.
Mi pare improbabile che da Ravenna a Milano ci siano ben 9 tappe (quasi metà Giro!) senza uno straccio d'arrivo per velocisti, secondo me il Ganda salterà.

Ma speriamo che si faccia il Ganda!
Ci potrebbero essere attacchi per il motivo che riporta Maìno della Spinetta e quindi potrebbe essere una salita significativa per la classifica.
Comunque gli attacchi nella parte alta della salita potrebbero essere con pochissimo pubblico perchè la strada è assai stretta e spesso non c'è possibilità di posizionamento fuori dalla strada. Questa ultima parte della salita ha anche la caratteristica di essere buia e umida persino con il bel tempo.
Potrebbe essere la salita di Nibali per poi piombare volando in Val Brembana.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Eddy Merckx




Posts: 1243
Registrato: Jul 2006

  postato il 24/10/2010 alle 14:13
Savoldelli commentatore Rai: fruiremo di ottimi commenti e argute interpretazioni degli aspetti agonistici.
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Freddy Maertens




Posts: 872
Registrato: Feb 2010

  postato il 24/10/2010 alle 14:23
Non so... a me non piace granchè questo percorso. Troppe troppe salite, pochi arrivi per velocisti e, soprattutto, pochissima cronometro! Un grande giro deve avere una sua cronometro individuale di 50 km, qua invece di crono vere e proprie c'è solo quella finale di 32 km. E si sa che l'ultima crono è sempre una prova particolare...

 

____________________
IVAN IL TERRIBILE




Tutto è possibile. Possono dirti che hai il 90 per cento di possibilità, o il 50 per cento, oppure l'1 per cento, ma ci devi credere. E devi lottare. Lance Armstrong

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 1771
Registrato: Jan 2005

  postato il 24/10/2010 alle 14:30
secondo me Nibali farebbe bene a rimanere a casa... per carità tante salite e buon per noi tifosi che abbiamo + occasioni x andarli a vedere, ma la crono non può essere trascurata così tanto dal giro: fra poco alla tirreno fanno + km a crono che al giro e poi i trasferimenti sono criminali (quello di conegliano soprattutto)

 

____________________
http://www.controcopertina.it

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Freddy Maertens




Posts: 872
Registrato: Feb 2010

  postato il 24/10/2010 alle 14:39
domanda per tutti: la tappa con Colle delle finestre e sestriere potrebbe essere un po come quella dell'anno scorso con Mortirolo e Aprica? con il "finestre" a tagliare le gambe e il sestriere a fare i distacchi?

 

____________________
IVAN IL TERRIBILE




Tutto è possibile. Possono dirti che hai il 90 per cento di possibilità, o il 50 per cento, oppure l'1 per cento, ma ci devi credere. E devi lottare. Lance Armstrong

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Francesco Moser




Posts: 718
Registrato: Jul 2008

  postato il 24/10/2010 alle 14:45
Originariamente inviato da superalvi

secondo me Nibali farebbe bene a rimanere a casa... per carità tante salite e buon per noi tifosi che abbiamo + occasioni x andarli a vedere, ma la crono non può essere trascurata così tanto dal giro: fra poco alla tirreno fanno + km a crono che al giro e poi i trasferimenti sono criminali (quello di conegliano soprattutto)

io sono dell'idea che Vincenzo cercherà in tutti i modi di allenarsi molto per migliorare ulteriormente in salita e quindi essere competitivo anche in un giro così duro...

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani




Posts: 1420
Registrato: Jun 2005

  postato il 24/10/2010 alle 15:43
Originariamente inviato da Basso90

domanda per tutti: la tappa con Colle delle finestre e sestriere potrebbe essere un po come quella dell'anno scorso con Mortirolo e Aprica? con il "finestre" a tagliare le gambe e il sestriere a fare i distacchi?


Potrebbe essere. La salita è talmente dura che chi esagera la pagherà da Pragelato al Sestriere. Di Luca nel 2005, dopo aver forzato sul Colle delle Finestre si ritrovò con i crampi e non riuscì a seguire Rujano e Simoni.
Penso comunque che il Giro si deciderà nel trittico del fine settimana precedente. Se in Piemonte saranno ancora in due a lottare per la classifica saremo fortunati.

 

____________________
Medaglia di Legno Kobram 2010

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 1671
Registrato: Dec 2004

  postato il 24/10/2010 alle 16:50
giro durissimo, non ne ricordo un altro così.
pieno di tappe adatte ad essere teatro di imprese epiche. gli attori ahimè' ,non sembrano all' altezza
spesso l' eccesso di difficoltà spaventa, con selezione da dietro per usura.
dipenderà molto dallo svolgimento della corsa, ma temo molte processioni fino agli ultimi km.
insomma un giro squilibrato e affascinante, piu' che bello. crostis +zoncolan, giau+fedaia+torri del vajolet, insomma anche troppi ingredienti nel menu per digerirli tutti.
sarà gran godere o gran delusione.

quanto al finestre sprecato, non sono d' accordo.
il finestre è durissimo e bellissimo. richiede grande sforzo, l' attacco è micidiale per pendenze severe, poi salita costante e infine la parte sterrata richiede grande concentrazione anche nella guida del mezzo, per non fare troppa fatica. insomma non c'è mai respiro. la discesa è veloce e breve e poi per salire a sestriere devi spingere molto per fare velocità, in quanto la salita per lunghi tratti non è dura. li se non hai conservato potenza muscolare accumuli grande ritardo. non ti salvi con il rapportino, lì bisogna spingere e in quella valle si puo' trovare vento. puoi farti aiutare se sei in un gruppo,ma ci vuole gente in condizione e disposta al sacrificio..
poi, negli ultimi 2-3 km verso il colle c'è di nuovo pendenza maggiore e chi ne ha , se ne va.
insomma è una tappa bella e non deluderà.
sono contento perchè così rimetteranno a posto lo sterrato, che negli ultimi anni era andato a catafascio .

ciao

mesty

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Settembre 2009, Marzo 2010, Maggio 2010




Posts: 2421
Registrato: Oct 2007

  postato il 24/10/2010 alle 16:57
a me questo percorso piace molto.
La tappe decisive sono tappe di fondo con lungo chilometraggio e tanta salita, quindi difficilissime da "controllare" con una squadra sola, hanno finali che consentono di ribaltare anche situazioni compromesse e quindi infondono coraggio a chi sta bene, tappa da scalatori non da cronoscalatori.
Cosa molto positiva secondo il fatto che non ci sono salite importanti come arrivo in salita semplice, ma sempre preceduti da altre salite.
Ad esempio Montevergine preceduta dal Monte Taburno in una tappa breve è una trovata nuova e molto interessante. Anche l'Etna si è evitato di farlo come salita singola ed è buono secondo me.
La trovata del Passo di Ganda, per come è messa la tappa è una autentica perla. Anche io temo molto che venga cancellata, la strada è stretta e molto esposta, poi hanno continuato sulla "variante" di Trafficanti, una strada tutta curve e saliscendi, aggrappato al dorso della montagna. SPETTACOLARE e assolutamente non adatta ad insuguire con la squadra, molto molto molto favorevole a chi attaccasse su una delle salite più dure della zona.
Ad occhio, con gli sterrati, quella tappa di S. Pellegrino, la disces del Crostis, la discesa del Finestre, non molto adatto a Basso anche se sicuramente favorevole agli scalatori di grande fondo come lui.

 

[Modificato il 24/10/2010 alle 17:09 by elisamorbidona]

____________________
FANTACICLISMO CICLOWEB 2008

Terzo posto classifica finale
Vincitrice Memorial Pantani e tappa Alpe d'Huez al Tour

FANTACICLISMO CICLOWEB 2009

Vittorie: Tappa di Barcellona Tour de France e Giro del Veneto
7 TITOLI QUIZ DELLE SALITE

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 1671
Registrato: Dec 2004

  postato il 24/10/2010 alle 18:47
basso non credo verrà, se vuole fare il tour
il percorso è troppo, troppo duro.
la liquigas dovrà decidere. chi fa il giro con una settimana con grossglockner, giau, fedaia,gardeccia, crostis, zoncolan, e poi il finestre, al tour sarà scoppiato.
e anche chi viene al giro in scarsa condizione servirà a poco.
su salite così dure e lunghe e ripetute,difficile aiutare se non vai .
e difficile pure trovare la condizione, se vuoi aiutare quando serve.
se a basso serve szmyd , non possono portarlo al giro a fare ritmo per nibali. arriverebbe al tour cotto e inutile.
quindi la scelta del team deve essere chiara.
hanno forse il problema pelli,pure,. pelli che non puo' fare il lavoro di szmyd, secondo me.
che con basso non se la fila, con nibali neppure e che forse al tour non prendono per motivi "etici".
quindi nibali pelli agnoli al giro, basso smyd capecchi zaugg, forse nibali al tour, con agnoli e capecchi intercambiabili.
inoltre con un giro così, non possono portare chi non ha mai fatto 3 settimane, intendo i neopro e pure sagan e paterski. a meno che non vogliano cuocerli e distruggerli.
( a proposito, mi preoccupo anche per betancur -acqua e sapone).
vedrai che sagan fara' un programma classiche- tour. non partirei dal giro per capire come va sulle salite lunghe, cosa che non si sa ancora bene. si rischia di finirlo per l' intera stagione.

questo vale per tutti i team, non credo che verranno al giro molti corridori che puntano al tour, neppure i velocisti.
sean yates, il ds sky, ha definito il percorso "savage" su cyclingnews, lasciando intendere che chi punta al tour non deve nemmeno pensare al giro come allenamento.
quindi sky, che probabilmente verrà al giro, non ci porterà wiggins. gli restano lokvist e uran. per lo svedese il giro è troppo duro e per rigoberto uran, non so, non credo che l' abbiano preso per portarlo in italia.
gesink non verrà per certo, non è uno capace di correre al risparmio e neppure menchow, secondo me. geox lo terrà per il tour.
evans, dopo l' esperienza di quest' anno , non ci viene. lui vuole un tour, e lo preparerà a puntino.

insomma, un percorso così estremo, cara elisa, da un lato mi affascina, dall' altro mi preoccupa.
troppo duro per i giovani, troppo rischoso per chi pensa al tour.
percorso bellissimo, ma forse non adatto al ciclismo di oggi, purtroppo.


a meno, a meno che alberto contador non sia bannato dal tour per motivi etici e possa correre solo in italia.
ma magari , non puo' correre da nessuna parte, quindi....

sarà duello nibali-scarponi-ricco' ( che peraltro dal rientro su salite lunghe oppure dure non è che abbia fatto paura) ed io spero che ci possa essere anche un ruyano vero.
quello vero sarebbe un fattore.

ciao

mesty

 

[Modificato il 24/10/2010 alle 18:51 by mestatore]


 
Edit Post Reply With Quote

Moderatore




Posts: 21608
Registrato: Oct 2004

  postato il 24/10/2010 alle 20:17
Originariamente inviato da mestatore

sean yates, il ds sky, ha definito il percorso "savage" su cyclingnews, lasciando intendere che chi punta al tour non deve nemmeno pensare al giro come allenamento.


Riflettendo leggendoti, non mi stupirebbe se Zomegnan avesse ragionato proprio in tal senso: Giro durissimo per evitare di (continuare ad) essere un allenamento - di tanti - verso il Tour.
O vieni al 100% o stai a casa.

Un amico norvegese oggi mi faceva notare che questo Giro è disegnato per Pozzovivo. Aldilà dell'amicizia col lucano, mi piacerebbe vederlo lottare per le posizioni di rilievo della classifica.

 

____________________
Mario Casaldi - Cicloweb.it

CICLISTI
Si sta come
d'autunno
sugli alberi
le foglie

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Marzo 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 4706
Registrato: Apr 2005

  postato il 24/10/2010 alle 20:27
Onestamente giro troppo duro, un giro disegnato così nel ciclismo odierno non va bene, troppe salite dure che vanno a cozzare con lo scarso coraggio e forza dei vari corridori, ormai in un Gt le corse di montagna devono essere simili ad arrivi tipo Montalcino o tappe molto simili a classiche tipo, quella di Bergamo nel 2007 o quelle delle prime tappe della Vuelta.

p.s. forse a Gibo piace questo tracciato

 

[Modificato il 24/10/2010 alle 20:34 by GiboSimoni]

____________________
"Qui devi spingere con le tue gambe vecio" Davide Cassani a Gilberto Simoni alla ricognizione di Plan De Corones

"Signori non c'è ne sono più" Gilberto Simoni ad Aprica 2006

Il mio nome è Roberto che fa rima (guarda un pò che caso) con Gilberto

30 maggio 2007 ultima vittoria al giro sullo Zoncolan. 30 Maggio 2010 la fine di un lungo sogno duranto 15 anni fatto di tante gioie e tante delusioni, grazie di tutto Gibo!



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Francesco Moser




Posts: 718
Registrato: Jul 2008

  postato il 24/10/2010 alle 20:54
Se torna quello della Vuelta 2010, e non vedo motivo per cui non dovrebbe, con un giro così disegnato vedo tra i favoriti anche Igor Anton!!!
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2475
Registrato: Sep 2004

  postato il 24/10/2010 alle 20:57
Originariamente inviato da Monsieur 40%
Un amico norvegese oggi mi faceva notare che questo Giro è disegnato per Pozzovivo. Aldilà dell'amicizia col lucano, mi piacerebbe vederlo lottare per le posizioni di rilievo della classifica.


sempre che rimanga sano viste le tante discese, i tratti di sterrato e in generale i percorsi nervosi che ci sono

Originariamente inviato da LO SQUALO DELLO STRETTO

Se torna quello della Vuelta 2010, e non vedo motivo per cui non dovrebbe, con un giro così disegnato vedo tra i favoriti anche Igor Anton!!!


idem come sopra

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 4030
Registrato: Oct 2007

  postato il 24/10/2010 alle 21:04
Originariamente inviato da Monsieur 40%

Originariamente inviato da mestatore

sean yates, il ds sky, ha definito il percorso "savage" su cyclingnews, lasciando intendere che chi punta al tour non deve nemmeno pensare al giro come allenamento.


Riflettendo leggendoti, non mi stupirebbe se Zomegnan avesse ragionato proprio in tal senso: Giro durissimo per evitare di (continuare ad) essere un allenamento - di tanti - verso il Tour.
O vieni al 100% o stai a casa.


Bè, non sarebbe un ragionamento stupido, visto che non stiamo parlando del Giro-del-mio-giardino-di-casa.
Nel 2010 si è visto che chi è venuto in Italia a preparare la Grand Boucle in realtà poi ha fatto meglio al Giro che in Francia. Mi riferisco a Brad Wiggins che ha vinto il cronoprologo di Amsterdam, vestendo la maglia rosa, mentre poi al Tour è stato praticamente un desaparecido.

 

____________________
L'opzione antifascista resistenziale è l'unica via maestra.
Ovunque. (nino58)

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2142
Registrato: Jun 2005

  postato il 24/10/2010 alle 21:11
Originariamente inviato da mestatore
anche troppi ingredienti nel menu per digerirli tutti.


a Genova si usa un'espressione tipica per indicare la tendenza a fare più del dovuto.
Non vorrei che la si dovesse riferire a Zomegnan il quale, nel timore di lasciare fuori qualcosa, ha messo dentro di tutto e di più.
Nel rivedere con più calma i profili delle tappe, direi che fino a Ravenna il giro ( trasferimenti a parte) è veramente ben disegnato, con tappe per velocisti, tappe mosse e due frazioni in salita non banali.
Montevergine non mi ha mai entusiasmato ma stavolta potrebbe riservare qualche novità. Forse una crono di una quarantina di chilmetri non ci stava male.
La tre giorni più dura di sempre è una scommessa. Io , in quel contesto, non avrei inserito lo Zoncolan e neppure la cronoscalata del nevegal.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2142
Registrato: Jun 2005

  postato il 24/10/2010 alle 21:15
Originariamente inviato da mestatore
quanto al finestre sprecato, non sono d' accordo.
il finestre è durissimo e bellissimo. richiede grande sforzo, l' attacco è micidiale per pendenze severe, poi salita costante e infine la parte sterrata richiede grande concentrazione anche nella guida del mezzo, per non fare troppa fatica. insomma non c'è mai respiro. la discesa è veloce e breve e poi per salire a sestriere devi spingere molto per fare velocità, in quanto la salita per lunghi tratti non è dura. li se non hai conservato potenza muscolare accumuli grande ritardo. non ti salvi con il rapportino, lì bisogna spingere e in quella valle si puo' trovare vento. puoi farti aiutare se sei in un gruppo,ma ci vuole gente in condizione e disposta al sacrificio..
poi, negli ultimi 2-3 km verso il colle c'è di nuovo pendenza maggiore e chi ne ha , se ne va.
insomma è una tappa bella e non deluderà.

mesty



 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Francesco Moser




Posts: 718
Registrato: Jul 2008

  postato il 24/10/2010 alle 22:06
Quello che è sicuro è chiunque ambisca a fare classifica al giro non potrà fare lo stesso al tour...
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2390
Registrato: Sep 2006

  postato il 24/10/2010 alle 22:25
Originariamente inviato da Admin

Originariamente inviato da Maìno della Spinetta

Il Passo di Ganda potrà dare emozioni anche tra i big, perché la salita è così isolata che se qualcuno vede l'altro in difficoltà ci scappa l'attacco di sicuro.


Dovessi giocare un soldino su una salita che salterà, lo punterei sul Ganda.
Mi pare improbabile che da Ravenna a Milano ci siano ben 9 tappe (quasi metà Giro!) senza uno straccio d'arrivo per velocisti, secondo me il Ganda salterà.


un quasi precedente c'e'..e risale al Giro 98,quello vinto da Marco.
dopo la tappa di Carpi,dove peraltro causa la pioggia non si arrivo' a ranghi compatti ci furono nell'ordine:
SChio con il Passo di Zovo nel finale, che escludeva (ed infatti escluse,complice pure la discesa sul bagnato)da ogni discorso i velocisti
Piancavallo,arrivo tipo Alpe D'huez
Trieste,cronometro
Asiago per cacciatori di tappe,fuga fiume Fontanelli su un giovane Bettini
e poi il trittico di fuoco
Selva di Val Gardena,con Duran,Staulanza,Fedaia,Sella
Pampeago con S.Floriano,Lavaze' ed arrivo all'Alpe.
Montecampione con il Croce Domini ed appunto l'interminabile ultima ascesa finale(alla fine distacchi d'altri tempi tra un corridore e l'altro al traguardo)
poi tappa da fughe da lontano a Mendrisio,con Fagnini vincitore
e la crono di Lugano.
alla fine la sospirata tappa di Milano adatta ai pochi,anzi pochissimi velocisti rimasti.molti di loro terminarono le loro fatiche a Selva di Val Gardena fuori tempo massimo.insieme ad un febbricitante Bartoli.
Fu un giro combattuto dall'inizio,ricordo un attacco sul Berta di Bartoli e Pantani,che replicarono nella tappa del Monte Argentario,mi pare, sul Poggio Fondoni.A Frascati ci fu battaglia poiche' Bartoli voleva andare in rosa.e ci riusci'.ma a lago Laceno ci fu la menata di Zulle che rimise le gerarchie a posto.dopo un tre tappe tranquille ci fu l'arrivo in cima a San Marino,altra battaglia,la pioggia di Carpi,l'attacco in salita di Pantani e Tonkov sullo Zovo a SChio,con la rovinosa caduta di Zulle e la vittoria di Bartoli,l'assolo al Piancavallo di Pantani,la cavalcata dello svizzero nella crono di Trieste.e poi l'imboscata di Asiago..
chiaro che nella prima tappa dolomitica una quarantina ci rimisero le penne.
e' un giro questo che assomiglia a quello del 98 per le 3 tappe consecutive d'alta montagna,successive a frazioni non certamente facili.e seguite da tappe se non dure,almeno delicate...questo per dire che se si ripetesse tale andamento di corsa,nella crono di Milano non ne arriverebbero piu' di 70..tenendo presente che comunque questo giro e' piu' duro che non quello del 98..
tutta questa pappardella per dire che il precedente c'e'..e non e' detto che tolgano questa salita..

 

____________________
non li senti?...questo e' il mio mondo..devo andare.

M.Rourke.THE WRESTLER.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani




Posts: 1420
Registrato: Jun 2005

  postato il 24/10/2010 alle 22:40
Originariamente inviato da Monsieur 40%

Riflettendo leggendoti, non mi stupirebbe se Zomegnan avesse ragionato proprio in tal senso: Giro durissimo per evitare di (continuare ad) essere un allenamento - di tanti - verso il Tour.
O vieni al 100% o stai a casa.



Concordo ed il mio discreto amor patrio mi porta pensare che sia giusto così. Purtroppo per lui (e per noi) forse questo è l'anno sbagliato. Se squalificano Contador (e secondo me un annetto, a patteggiar il più grave materiale plastico e l'insignificante clenbuterolo, glielo comminano) tutti quanti cercheranno l'assalto alla carovana-Tour, saltando un Giro così duro, inadatto come "allenamento".
Detto questo rimangono tre italiani gioco forza legati al Giro: Nibali, Scarponi e Riccò. A questi si aggiungeranno giovani emergenti (Porte, Martin, Kreuziger e qualche new entry tipo Andy Schleck versione 2007) dirottati dalle proprie squadre a far esperienza di leadership.
Ecco perché continuo a sostenere che sul "nostro" Colle delle Finestre, caro mesty, ne rimarranno due (speriamo) a giocarsi la maglia rosa. Chi è già andato in crisi sulle Alpi dell'Est la settimana precedente, difficilmente ritroverà il ritmo giusto sui primi severi tornanti dopo Meana. Difficilmente potrà fare la differenza sulla terra battuta e se dovrà recuperare minuti sarà obbligato ad allungare appena fuori da Pragelato, come fece Rujano, ma difficilmente ne avrà ancora la lucidità.

 

[Modificato il 24/10/2010 alle 22:48 by Bob Fats]

____________________
Medaglia di Legno Kobram 2010

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 1518
Registrato: Oct 2008

  postato il 24/10/2010 alle 22:44
Originariamente inviato da cancel58

il trittico Grossglockner, Zoncolan e Gardeccia è - a memoria d'uomo ( che poi è la mia ) il più duro di sempre.
facendo appello ai ricordi[...] addirittura al 65 ( Saas fee, Madesimo e Stelvio).



Nel 1965 Madesimo non era arrivo in salita, perché si arrivava dopo una piccola discesa dallo Spluga, affrontato dal versante elvetico

 

____________________

RISULTATI DI PRESTIGIO FANTACICLISMO 2009 (Decimo assoluto)
2o in una tappa al Giro (Lido di Camaiore Firenze)
Medaglia di bronzo campionato italiano a cronometro
3o in una tappa al Tour (Monaco)
2o GP Ouest-France Plouay
Una vittoria (Rivas Vacia Madrid-Madrid)un secondo (Alziro-Alto de Aitana) e un terzo posto (Xativa) alla Vuelta + due quarti posti.
Terzo in classifica finale e miglior sprinter alla Vuelta!
Vincitore del Giro di Romagna
FANTACICLISMO 2010: Vincitore del Giro del Friuli
3o al Giro dell Fiandre
2o in una tappa al Giro (Ferrara-Asolo)
3o alla Tre Valli Varesine
2o Giro del Veneto/ 3o ad una tappa della Vuelta (Marbella-Malaga)
Che bello, sono fantalleato! ^_^

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi
UTENTE DELL'ANNO 2009
Utente del mese Luglio, Novembre e Dicembre 2009




Posts: 15932
Registrato: Jul 2007

  postato il 25/10/2010 alle 00:41

Giro bellissimo. Bellissimo! Se è vero che, stando alle affermazioni di molti, il Tour 2011 è stato disegnato bene, allora in una scala decimale al tracciato del Giro andrebbe 12 o 13. Io mi conformo al giudizio unanime che leggo in home page: voto: 9.
Mi trovo davvero ad andare a cercare il classico pelo nell'uovo per giustificare quel poco che manca all'eccellenza.
La gran parte delle tappe che, ad una prima occhiata, possono sembrare di facile premeditazione, sono in realtà tutt'altro che banali: l'arrivo a Tropea, ad esempio, dovrebbe essere il medesimo di quello che vide affermarsi Bettini, per la prima volta al Giro, e ricordo un ultimo chilometro aperto da un'impennata di alcune centinaia di metri che raggiungono pendenze importanti (in doppia cifra).
La tappa di Castelfidardo sarà impegnativa e particolarmente stressante (tante salite e altrettante discese, in molti sgomiteranno per occupare le prime venti-trenta posizioni in gruppo).
La cronoscalata al Nevegal è piazzata ad hoc, in un momento propedeutico a vivacizzare e valorizzare il Tonale dell'indomani e perfino il Ganda da percorrere due giorni dopo.
Sul trittico Grossglöckner-Zoncolan-Gardeccia (lo feci in macchina anni fa, fra l'altro anticipato proprio da Giau - in cima al quale ci si fermò a pranzare - e Fedaia, percorrendo di fatto gli ultimi cento chilometri della tappa in argomento: la Val di Fassa propone paesaggi inimitabili! Vabbè, passiamo avanti) si sarà senz'altro detto molto su queste pagine virtuali (non ho ancora letto quanto è stato scritto - provvederò alla mancanza, ragion per cui può darsi ch'io ripeta giudizi da qualcun altro già ampiamente espressi). Io dico che, a mia memoria, è il tris di arrivi in salita più impegnativo che ricordi, quindi da quindici anni a questa parte, direi.
Pure la frazione con arrivo a San Pellegrino Terme è ben pensata e strizza l'occhio a qualche impavido che abbia voglia, testa ed energie per cimentarsi in discesa dopo l'ascesa al Ganda, e perfino la formula da tutto-in-cento-chilometri a corollario di una tappa bella e diversa dal tradizionale piattume a precedere l'ascesa al santuario trova il mio compiacimento.
Dov'è, dunque, che giustifico il punto decimale sottratto? Avrei visto bene un'altra tappa con chilometraggio oltre il paio di centinaia di chilometri, e penso a quella di Castelfidardo che, con un chilometraggio simile a quello della frazione aquilana '10, avrebbe promesso di essere un passaggio tra i più snervanti ed esigenti nell'arco delle tre settimane; qualche chilometro in meno a cavaliere tra fine discesa del Mottarone e inizio salita verso Macugnaga sarebbero stati bene accetti; i quasi duecento chilometri da biliardo che anticipano il magnifico Colle delle Finestre sono tanti: avrei preferito una versione più sadica, con "qualcosina" che spezzasse il ritmo.
Quisquilie o quasi, di fronte a cotanta buona ponderatezza nel disegno del percorso! Sperando, mai come questa volta, che tagli e potature non ci saranno...

Chiudo palesando il mio giubilo, anticipato da un prolungato strabuzzare degli occhi, alla lettura di Tortoreto Lido come sede di partenza di una tappa, con passaggio a Tortoreto Alto, davanti casa(!).
Nell'economia di quel giorno conterà zero, ma le strade che dal livello del mare conducono al paesino in collina sono tutte, per quanto brevi e irregolari, durissime. Verrà senz'altro percorsa la soluzione con sede stradale più larga, quindi imboccando la Panoramica, e pure in quel caso sarà da affrontare un tratto di un chilometro e mezzo circa con tratti oltre il 20% (ci vinse in solitaria un giovane Di Luca, tanto per dire).

Che altro dire, se non che le premesse sono ottime.

 

____________________

« La superstizione porta sfortuna »
(Raymond Merrill Smullyan, 5000 B.C. and other philosophical fantasies, 1.3.8)


Fantaciclismo Cicloweb 2010

Piazzamenti sul podio:


Omloop Het Nieuwsblad Élite: 3°
E3 Prijs Vlaanderen - GP Harelbeke: 2°
GP Miguel Indurain: 1°
Ronde van Vlaanderen / Tour des Flandres: 3°
Rund um Köln: 1°
Liège-Bastogne-Liège: 1°
Giro d'Italia: Carrara - Montalcino: 2°
Tour de France: Sisteron - Bourg-lès-Valence: 1°
Tour de France: Longjumeau - Paris Champs-Élysées: 1°
Tour de France - classifica finale: 3°
Gran Premio Città di Peccioli - Coppa G. Sabatini: 1°

---

Asso di Fiori

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Tour




Posts: 199
Registrato: Mar 2008

  postato il 25/10/2010 alle 01:15
Originariamente inviato da Abajia
qualche chilometro in meno a cavaliere tra fine discesa del Mottarone e inizio salita verso Macugnaga sarebbero stati bene accetti; i quasi duecento chilometri da biliardo che anticipano il magnifico Colle delle Finestre sono tanti: avrei preferito una versione più sadica, con "qualcosina" che spezzasse il ritmo.


La strada per arrivare a Macugnaga è quella, non è che possano volare o costruire una supermegastrada che tagli tutta la valle. Discorso simile per la tappa successiva perchè i 240km che collegano il Sestriere da Verbania sono il tragitto più corto possibile. Se poi vogliamo inserire difficoltà aggiuntive bypassando le lande piatte vercellesi e biellesi e seguire le Alpi arrivando a un chilometraggio minimo di 300km allora va bene...

E po la tappa di Macugnaga, come quella di Sondrio, sono adatte a fughe ed è giusto dare spazio anche agli attaccanti di giornata e permettere a team che magari non hanno lo scalatore o il velocista di punta di potersi giocare una tappa!

E come ho già detto in precedenza non si possono fare 10 tappe spettacolari sullo Zoncolan, sennò facciamo direttamente il campionato degli scalatori...

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote
<<  11    12    13    14    15    16  >> Nuovo Thread  Nuova risposta   Nuovo sondaggio
 
Powered by Lux sulla base di XMB
Lux Forum vers. 1.6
2.5475891