Board logo

Il Forum di Cicloweb

Non hai fatto il login | Login Pagina principale > Dite la vostra sul ciclismo! > Il reportage di Mariolino
Nuovo Thread  Nuova risposta  Nuovo sondaggio
< Ultimo thread   Prossimo thread >  |  Versione stampabile
Autore: Oggetto: Il reportage di Mariolino

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 28/02/2005 alle 15:44
Eccezionale Mariolino, bellissimo il reportage sulla lampre, me lo sono gustato dalla prima all’ultima riga e tu ci fai un figurone, Sardelli è un fuoriclasse ma tu sei sulla strada giusta.
Complimentissimi sinceri (del resto non so mentire).
Ma con il Gibo non c’è proprio stato verso?
Ciao!

 
Edit Post Reply With Quote

Non registrato



  postato il 28/02/2005 alle 15:56
Grazie Davide!!

Non sono capace di false modestie, ed ero consapevole di aver confezionato un buon servizio, ma la vostra opinione, cari amici miei, era molto importante per il sottoscritto: non tanto per l'autostima, quanto per il riscostro emozionale che un lavoro personale potesse suscitare in persone diverse dal sottoscritto.

Mi è costato molto tenervi "all'oscuro" di quella giornata per queste interminabili due settimane, ma la sorpresa doveva essere confezionata ad hoc, sennò che sorpresa sarebbe stata?!
L'unico che sapeva era Pirata_Giuseppe che, come postatore da record del Forum, ha contribuito ad alcune tra le più belle domande che io stesso ho rivolto ai vari protagonisti.

Mi chiedi di Gibo: era sotto assedio da parecchi giornalisti molto più navigati del sottoscritto, e piuttosto che stare un'ora a rincorrere lui, ho preferito tenere la rotta su altri corridori, comunque disponibilissimi come il trentino. Una volta terminata l'intervista con Cunego ho provato a cercarlo, ma era già "fuggito" sotto le coperte.

 
Edit Post Reply With Quote

Moderatore




Posts: 2848
Registrato: Nov 2004

  postato il 28/02/2005 alle 16:35
Complimenti davvero Mario e' bellissimo! Deve essere stato fantastico "vivere" una giornata a fianco di grandi campioni come quelli della Lampre, un po come la realizzazione di un sogno...
Ma alla fine Spezialetti non l'hai intervistato?
Spero anche che ti sia andato bene l'esame (anche se io dopo una giornata cosi' sarei ugualmente strafelice!).. Ciao

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Non registrato



  postato il 28/02/2005 alle 16:47
Questo è un pensiero per tutti Voi:



<>

 

[Modificato il 01/03/2005 alle 00:35 by Monsieur 40%]


 
Edit Post Reply With Quote

Non registrato



  postato il 28/02/2005 alle 17:24
Il reportage si trova in questa pagina:
http://www.cicloweb.it/art248.html

Ora vi metto altre foto che "raccontano" un po' quella magnifica giornata!!

P.S.: Seb, l'esame è andato benone!!!

 
Edit Post Reply With Quote

Non registrato



  postato il 28/02/2005 alle 17:26
La vestizione: ciclista o Village People?


 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2432
Registrato: Jan 2005

  postato il 28/02/2005 alle 17:30
spettacolare mario! ma come hai fatto a metterti in contatto con la lampre ed avere l'accredito?
perdonami un' altra domanda ma anche a me la professione del giornalista non dispiacerebbe.
che cosa studi?
io ho intenzione di iscrivermi a scienze della comunicazione il prossimo anno, sperando di passare il test di ammissione...

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Non registrato



  postato il 28/02/2005 alle 17:31
L'incontro con Franzoi (per la gioia di Eretico...)


 
Edit Post Reply With Quote

Non registrato



  postato il 28/02/2005 alle 17:48
Originariamente inviato da EugeRambler

spettacolare mario! ma come hai fatto a metterti in contatto con la lampre ed avere l'accredito?
perdonami un' altra domanda ma anche a me la professione del giornalista non dispiacerebbe.
che cosa studi?
io ho intenzione di iscrivermi a scienze della comunicazione il prossimo anno, sperando di passare il test di ammissione...


Ciao Euge,
per mettermi in contatto con Cortinovis, addetto stampa della Lampre, ho semplicemente usato l'indirizzo e-mail presente nel sito della squadra.
Siccome collaboro con un giornale locale del litorale romano, ho chiesto lumi su un eventuale incontro con tecnici e corridori.
Tutto qui.

Io studio Scienze della Comunicazione all'Universita di Roma3, sono al terzo (e ultimo) anno, e dovrei laurearmi in estate, o al massimo entro novembre. Dopodichè vorrei entrare in una Scuola di Giornalismo, ma lì la selezione sarà tosta, a meno che non hai qualcuno che "ti tiri la volata"...

Se ti serve qualche delucidazione sull'Università non esitare a contattarmi, magari per e-mail.

Ciao!

 
Edit Post Reply With Quote

Non registrato



  postato il 28/02/2005 alle 17:50
Griglia di partenza, con pullman della Lampre alle spalle


 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2432
Registrato: Jan 2005

  postato il 28/02/2005 alle 17:56
ok grazie mille mario, ti assillerò di domande più avanti allora e ancora complimenti per il pezzo. scrivere di sport e soprattutto di ciclismo è spettacolare!
anche a me piace molto scrivere, questa settimana ho scritto una pagina di pensieri sulla mia agenda la sera prima di andare a vedere il campo di concentramento di mauthausen. poi magari la metto nel forum così da poter fare un paio di chiacchiere extrasportive che piacciono molto a qualcuno!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 2432
Registrato: Jan 2005

  postato il 28/02/2005 alle 18:18
metto qui due pezzi. il primo è quello che c'è sul mio sito, il secondo è un frammento finale che non ha mai avuto un inizio, mi andava di scrivere quello e poi non ho più avuto tempo e ispirazione per iniziarlo, è riferito all'ultimo tratto del valparola (dal falzarego dove mi fermai per scattare una foto al passo valparola appunto). mi farebbe piacere il giudizio sincero (se faccio schifo avvertimi!) di un professionista della penna

16.08.2004
Eccoci qui! Le tanto attese salite si fanno improvvisamente vicine: tra poco sarà Passo Fedaia. A dir la verità mi spaventa un po', visto in tv sembra tosto. Non so come risponderanno le gambe, ma...basta cattivi pensieri, è ora di montare in sella, via! Un enorme cartello indica l'inizio della salita. Le prime rampe sono subito dure, meglio alleggerire di qualche dente la catena, andiamo su agili, 42x26 è perfetto. Poche pedalate e trovo un ottimo rimedio per la fatica: due compagni di avventura (che ci tengo a salutare, se mai leggessero queste mie righe). Si sale veloci scherzando e chiacchierando: la strada sembra addirittura meno all'insù! Ancora poco e poi ci siamo, sta per cominciare la salita vera, quella che ti svuota le gambe, piano piano, quella che sembra ti guardi con aria di sfida e dica "non mi vincerai mai!", quella che devi affrontare da solo con te stesso. Tu la bicicletta e la strada: qui, su queste strade stà l'essenza del ciclismo. Usciamo da una galleria e... buona fortuna ragazzi! In piedi sui pedali: è l'ora della verità. Le gambe ci sono, il rapporto forse è troppo duro. Proviamo con la corona da 30, dietro un 23 e su...mancano 7 km alla vetta. I primi due passano tranquilli 9-10 e arditamente anche 11 all'ora, fino alla Malga Ciapela. E qui c'è da ridere! La strada si drizza ancor di più. Neanche l'ombra di un tornante, una curva; niente: una spada (in salita!). Via il culo dalla sella è ora di scalare veramente. Su in piedi, fuori la grinta. Quando il rettilineo finalmete si interrompe non mi par vero, anche se ciò che deve arrivare è, se possibile, peggio. La fatica è immane, le mani basse sul manubrio, il cuore in gola, piegato in due: si riesce a stento a mandar dritta la bicicletta (forse era lei che stava portando me in quel momento, io mi limitavo a pedalare per seguirla): 7-8 all'ora, di più non si può. C'è chi va più piano e addirittura chi spinge le due ruote a piedi. Un "ciao" con il fiato strozzato in gola a ognuno di questi "colleghi di fatica" e poi di nuovo, a testa bassa. Appena la rialzo credo di avere un miraggio: "non è possibile dei tornanti!". Sempre in piedi, rilancio l'andatura, la fatica è indicibile, sto quasi piangendo. Un simpatico signore, con famiglia al seguito, mi incita da bordo strada (grazie!) e finalmente sono sul tornante. Più largo che posso, le gambe ricominciano a girare forte 15, 16, 17 all'ora, ma è un illusione che dura poco, la strada riprende come prima. Almeno 10 secondi di riposo li ho avuti, tra poche centinaia di metri altri tornanti. Un occhiata al contachilometri e...manca poco. Qualche minuto dopo è fatta: un cartello marrone: "passo Fedaia m. s.l.m. 2054". Stop al tempo. Responso del computerino: 15.6 km, 1:17'52" per una media di 12.020 km/h. Non male, pensavo peggio e poi dopo aver sganciato le pedaline e messo i piedi per terra la stanchezza va via, meglio così! Qualche foto ricordo e poi giù (finalmente un po' di discesa!), direzione Canazei e quindi: Passo Pordoi.



...Si balza prontamente in sella, ultimi 1.500 metri di queste fatiche dolomitiche, i più duri della giornata, pendenze rilevanti e 3 giorni di acido lattico ancora nelle gambe, ma in questo momento poco importa; mani sul manubrio, testa bassa e via... La cornice è da pelle d'oca, così come le scritte, "fresche" di Giro d'Italia, inneggianti a Cunego. Neanche una per me! peccato! ma bisogna pedalare. "Viva Cunego" "Vai Damiano", poi, lentamente, una dopo l'altra 6 magiche lettere, bianche, enormi, superate a fatica...un brivido: P I R A T A. Allora non l'hanno dimenticato;no! 6 lettere a caratteri cubitali, come cubitali erano i titoli ai tempi delle sue imprese. Ed è solo l'inizio: una stupenda serie di scritte e teschi con bandana decora il nero asfalto. L'occhio si fa lucido, le ultime pedalate e poi l'agognata linea bianca: finalmente GPM. Un dito sale al cielo: questa è per te...Marco.

Eugenio

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Non registrato



  postato il 28/02/2005 alle 18:32
Euge,
il primo pezzo l'avevo già letto nel tuo sito, e devo dire che è raccontato molto bene.
Putroppo i diari evidenziano soltanto una capacità descrittiva ed, ovviamente, una buona predisposizione alla scrittura, soltanto che per essere giornalisti (e questo vale sia per me che per te) pare che non sia sufficiente questa capacità, ma ce ne vogliano altre un po' aleatorie e passibili di critiche.
Euge, che dirti: mettiamocela tutta e proviamo a raggiungere i sogni cui aspiriamo. Come se la vita fosse una grande salita, in questa ci saranno le crisi, la gente che ti intralcia, ma anche chi ti darà un po' di refrigerio, chi una spinta, chi soltanto la forza morale di andare avanti a far fatica sui pedali.
La soddisfazione non sarà arrivare in cima, ma avere la consapevolezza di aver dato tutto per provarci e per arrivare in alto con i propri mezzi.

Incrociamo le dita e diamoci da fare... che 'sta salita è bella tosta

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 28/02/2005 alle 18:47
sei stato veramente grande mario!!!
un reportage favoloso,che cosi ricco,preciso ma allo stesso tempo tanto gradevole e gustoso NESSUN sito di ciclismo l'ha fatto....complimenti sinceri!
splendido poi quell'autografo....

certo io una domandina ad Eddy sulla bella Elisa,anche vista l'ora tarda,gliel'avrei fatta....

 

____________________
Giuseppe Matranga

www.cicloweb.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Non registrato



  postato il 28/02/2005 alle 19:28
Ciao Pirata,
e grazie anche a te (i ringraziamenti li estendo a tutti coloro che li faranno, se li faranno...) per i complimenti!!

Dato per scontato che "Eddy" è Mazzoleni, quando parli della "bella Elisa" a chi ti riferisci?!

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 28/02/2005 alle 19:34
ad elisa basso,ma cmq e'solo una battuta(che magari potevo anche evitare,scusate nn ci ho pensato)visto anche il difficile momento che la famglia di Ivan sta passando in questi giorni!

 

____________________
Giuseppe Matranga

www.cicloweb.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Non registrato



  postato il 28/02/2005 alle 19:42
Vabbè Pirata, non ti preoccupare.

Elisa Basso è una bella ragazza, questo è un dato di fatto. Il momento della famiglia è delicato, è vero, ma non mi pare tu abbia detto cose sconvenienti...
...ti sei limitato a fare una battuta!

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 1502
Registrato: May 2004

  postato il 28/02/2005 alle 20:14
Ciao ragazzi! Torno oggi da un posto in cui avrei preferito non andare (l'ospedale) e vedo questo bellissimo reportage di Mario... A dire il vero aveva accennato a qualcosa che avrebbe fatto a "fine febbraio", ma non si è tradito e ha fatto bene: questa è una piacevolissima e graditissima sorpresa (che provvederò a linkare anche dal mio sito). Che dire: complimenti a Mario!

P.S.:anche io avrei come sogno quello di fare il giornalista... Anche io sono all'ultimo anno di superiori... perciò caro Eugerambler dimmi tu cosa hai intenzione di fare, che ti "copio".

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Non registrato



  postato il 28/02/2005 alle 20:24
Immortalato con Elisa Marchesan de "IlCiclismo.it"


 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 28/02/2005 alle 21:10
Naaa Mario, dovevi portarti il berretto in pelle nera come Marlon Brando nel "Selvaggio", e con qualche borchia in più saresti stato un Village People perfetto!

L’intervista che mi è piaciuta di più è stata quella a Saronni, credo oltretutto che sarà rimasto positivamente sorpreso dalla qualità delle domande che gli hai posto.
Ma nel complesso sono tutte buone, personalmente ho apprezzato soprattutto quelle di personaggi "minori" che trovano meno spazio nelle grandi riviste da edicola.
Una domanda: nell’intervista Marzano cita Ermeti e "Belletti", presumo che sia un errore di battitura e volesse riferirsi a Bailetti della Androni che lo scorso anno correva tra i dilettanti.
Altra ipotesi è che si tratti di Francesco Bellotti della Crédit Agricole, non conosco alcun Belletti.
Ciao!

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 28/02/2005 alle 21:11
Ciao Zillo, che è successo? Stai bene?
Ciao!

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 1502
Registrato: May 2004

  postato il 28/02/2005 alle 21:34
Miente di grave... solo un piccolo trauma cranico rimediato Sabato... è che la Domenica non lavorano e mi hanno tenuto in ospedale fino a oggi...
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Tour




Posts: 171
Registrato: Dec 2004

  postato il 28/02/2005 alle 21:37
Ciao Mario, complimenti, bel articolo!
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Giro delle Fiandre




Posts: 101
Registrato: Dec 2004

  postato il 28/02/2005 alle 21:57
Bravo Mario! Sei stato eccezionale e soprattutto con il Tuo diario, sei riuscito a trascinare tutto il forum dentro le splendide emozioni che hai vissuto in quella invidiabile giornata. Credo inoltre che da questa esperienza ne sia uscito rinforzato anche cicloweb, in grado di trasmettere al di fuori un'ottima immagine all'insegna dell'originalità e della competenza. Credo che pianificando anche lavori e situazioni diverse, questa strada può essere interessante da percorrere anche in futuro.
cicloweb è un'autorevole e competente voce nel mondo del ciclismo e non deve starsene troppo in selenzio. Proprio per questo grido io:- Forza Mario e Forza Admin e forza a tutti gli altri che vorranno provarci!!!!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2258
Registrato: Feb 2005

  postato il 28/02/2005 alle 22:34
bravo bravo bravo.....e belle foto!!!

 

____________________
"Se hai la fortuna clamorosa di diventare un cronista di ciclismo, non puoi fare a meno di essere coinvolto, trascinato in una passione infinita, irrinunciabile, che ti segna per sempre" - Pietro Cabras

"C'è una salita? Vai su, arriva in cima, e vedrai che sarai sempre vincitore" - Giordano Cottur

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Non registrato



  postato il 28/02/2005 alle 23:41
Originariamente inviato da aranciata_bottecchia

Naaa Mario, dovevi portarti il berretto in pelle nera come Marlon Brando nel "Selvaggio", e con qualche borchia in più saresti stato un Village People perfetto!


Caro Davide,
non sapevo che l'abbigliamento avrebbe rasentato lo "show", altrimenti mi sarei contornato anche di una bella Harley, e magari un baffuto poliziotto!!


L’intervista che mi è piaciuta di più è stata quella a Saronni, credo oltretutto che sarà rimasto positivamente sorpreso dalla qualità delle domande che gli hai posto.


Le interviste a Saronni, Martinelli, Marzano, Bonomi e Pieri sono quelle che preferisco io. Soprattutto Giosuè Bonomi mi ha destato un'ottima impressione: molto sicuro di sè, spavaldo nelle risposte ed una faccia vispa ed attentissima. Marzoli invece è sembrato un po' timido, non buono per uno che vuole fare il velocista di mestiere, mentre da Bennati mi aspettavo qualcosa di più dalle domande sulla Phonak; ma in fondo non mi posso lamentare!

Ma nel complesso sono tutte buone, personalmente ho apprezzato soprattutto quelle di personaggi "minori" che trovano meno spazio nelle grandi riviste da edicola.
Una domanda: nell’intervista Marzano cita Ermeti e "Belletti", presumo che sia un errore di battitura e volesse riferirsi a Bailetti della Androni che lo scorso anno correva tra i dilettanti.
Altra ipotesi è che si tratti di Francesco Bellotti della Crédit Agricole, non conosco alcun Belletti.


Assolutamente si, da grandissimo conoscitore del mondo dilettantistico hai colto la sfumatura "Belletti-Bailetti", errore di cui mi sono accorto troppo tardi (dopo averlo inviato, ndr).
Come sempre puntualissimo e precisissimo!

Ciao!


Ciao Davide,
e grazie delle tue analisi dettagliate.

Suscitare interesse e critiche, nonchè i tanti complimenti, suscita un sentimento facilmente riconducibile ad un sorriso "paretico" sul viso...

 
Edit Post Reply With Quote

Non registrato



  postato il 28/02/2005 alle 23:44
Originariamente inviato da Vuelta Espana

bravo bravo bravo.....e belle foto!!!


Ragazzi, diamo un caloroso benvenuto alla bellissima e competentissima Elisa Marchesan de "IlCiclismo.it", che si è iscritta al nostro Forum con il nick <> (Elisa, attenta ad aranciata_bottecchia: con un nick così sarai sua carne da macello...)!!!

Ciao Elisa,
e grazie per i complimenti!!

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Luglio 2009




Posts: 4217
Registrato: Oct 2003

  postato il 01/03/2005 alle 00:02
Grande Mario!
E tu saresti un giornalista in erba? Mi chiedo cosa diverrai quando avrai la qualifica!
Un gran bel lavoro, un vero reportage!
Una giornata che ha prodotto tre capitoli di un libro che mi son letto d’un fiato.
Riuscire a far partecipi delle emozioni rappresenta il distinguo che divide il giornalista odierno, forgiato dall’imbarbarimento calcistico e da troppi giornali paparazzo, dalla figura un tempo propugnatrice di letteratura e cultura, sempre più rara. E’ fin troppo chiara la versione per la quale parteggio e vorrei sempre leggere. Il giovane Mario è decisamente ben collocato nella seconda, ma non dimentica o accantona, quel graffio peculiare per far capire opinioni e tendenze, spesso volutamente confuse o nascoste dall’intervistato.
La stellare Lampre-Caffita, nonostante l’emozione e l’esaltazione sublimate dalla passione del narratore, è stata ugualmente sottoposta ai "raggi x", ed abbiamo potuto vedere più da vicino personaggi di cui, spesso, si dimentica l’esistenza, ma che hanno un peso enorme nei successi e nelle risultanze di chi è oggetto di tante acclamazioni.
Caro Mario, leggendoti, mi son rivisto nelle vesti di chi doveva organizzare ed ospitare l’arrivo dei giornalisti, far scattare foto, alcune da costruirsi su un’immagine a mo’ di messaggio, quasi sempre contro quegli atleti spessissimo incapaci di capire il valore di quegli stress. E poi la ciliegina dei pedali e delle "tacchette"......quanti ricordi.......
Bravo, veramente bravo!
Ora Cicloweb ha coperto un altro segmento della propria traiettoria-sonda sull’orizzonte di questo sport: una verve nuova che si aggiunge alla mischia dei piloni (mi piace il rugby.....), Marco Grassi e Roberto Sardelli!

Morris

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Ferdy Kubler




Posts: 422
Registrato: Jan 2005

  postato il 01/03/2005 alle 00:30
Mario,chapeau(come direbbero i francesi)
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 01/03/2005 alle 01:44
beh entrando un po'piu'nello specifico da inguaribile innamorato del pirata come nn potevo apprezzare il dolce ricordo di marzano,che ci ha fatto capire quanto,nonostante i mass-media si affannino a coprire,il ricordo di marco e'tanto vivo quanto intenso nn solo nelle migliaia di persone che lo amano ma anche nei ciclisti,o almeno di quelli nn simili a ponzio pilato...


 

____________________
Giuseppe Matranga

www.cicloweb.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Elite




Posts: 21
Registrato: Jan 2005

  postato il 01/03/2005 alle 08:49
Grande, grande reportage ma che invidia.... W LA LAMPRE!!!
 
Edit Post Reply With Quote

Non registrato



  postato il 01/03/2005 alle 11:18
Mario,anchio ho letto il tuo reportage tutto in un fiato e sono rimasto piacevolmente colpito,soprattutto dalla competenza che hai dimostrato di avere e dalla qualità del pezzo,insomma da vero giornalista con anni di esperienza alle spalle.Ti devo confidare un'invidia quasi viscerale che mi ha percosso la spina dorsale mentre leggevo le tue gesta,pedalare al fianco di questi campioni e soprattutto di damiano deve essere stata un'esperienza indimenticabile,anche se io probabilmente non mi sarei staccato dopo 10km e almeno per metà percorso avrei tentato di seguirli,comunque posso capire il tuo non eccelso stato di forma(scherzo ovviamente).
Mi unisco al parere comune di tutto il forum,sei stato un grande!!!
A proposito per Euge Rambler,anchio studio scienze della comunicazione alla cattolica di milano ma ho un carissimo amico che la studia a torino.Se ti servono delle informazioni non esitare a chiederle,cercherò di aiutarti....

 
Edit Post Reply With Quote

Non registrato



  postato il 01/03/2005 alle 13:45
Mi sento in dovere di ringraziare Morris e frateroby/Sardelli, nonchè la redazione di questo magnifico sito che risponde al nome di Cicloweb.it!

Le parole di Morris, anche per l'ammirazione che merita da parte di tutti, hanno risuonato con una melodia speciale in me, spero che gli altri non si offenderanno se i suoi complimenti, soprattutto per la parte emozionale, valgono come una vittoria in volata davanti a Petacchi.

Roberto Sardelli, al quale ho carpito un po' lo stile nelle interviste e dal quale ho soltanto da imparare, ha evidenziato un altro aspetto importante della mia "iniziazione": non essendo io giornalista, ed essendo io soltanto un appassionato che come tutti voi coltiva competenze più o meno vaste nel mondo del ciclismo, dovrebbe farvi capire che i sentimenti d'invidia (pur con il sorriso sulle labbra) andrebbero sostituiti con un po' di intraprendenza e con la voglia di fare.

Questo mio incontro è stato possibile grazie ad un'e-mail mandata alla Lampre, non chissà grazie a quale stratagemma. Io che mi stacco dopo 10 km ho potuto pedalare con loro, non vedo perchè non possiate farlo, in un futuro spero prossimo, anche voi. Io ho solamente sfruttato la vicinanza geografica di Terracina con Nettuno, nulla vieta a qualcun'altro di sfruttare altre vicinanze.

La competenza degli abitanti di questo Forum farebbe fare un figurone al sito di Cicloweb.it se parte dei suoi scritti fossero postati in home-page piuttosto che nel Forum: basterebbe avere la voglia e la possibilità, senz'altro, di lanciarsi e di confezionare qualche bel servizio.

Grazie Morris, grazie Roberto, grazie Redazione! E complimentissimi per lo stupendo lavoro che svolgete, che serva da esempio a tutti coloro che, come me, vorrà far parte di <>, come voi fate da tempo.

Mario

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani




Posts: 1409
Registrato: Nov 2004

  postato il 01/03/2005 alle 14:22
Ciao Mario,

con colpevole ritardo mi aggiungo anch'io ai complimenti generali. Iniziativa e professionalità, ecco un paio di qualità che tu possiedi e che ti porteranno lontano...

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 1502
Registrato: May 2004

  postato il 01/03/2005 alle 14:34
Originariamente inviato da Felice
Iniziativa e professionalità, ecco un paio di qualità che tu possiedi


Quoto in pieno! Pensa che, da ultimo arrivato nel mio fantagioco, mi sta dando un indispensabile aiuto nel gestirlo..

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Non registrato



  postato il 01/03/2005 alle 17:16
Foto ricordo con Samuele Marzoli


 
Edit Post Reply With Quote

Non registrato



  postato il 01/03/2005 alle 17:17
Momento di relax durante la "pseudo-pedalata" con il Circeo sullo sfondo


 
Edit Post Reply With Quote

Non registrato



  postato il 01/03/2005 alle 17:19
In compagnia di Silla de "Il Corriere di Como" (registrato al Forum col nick <>) e Vesna de "IlCiclismo.it" (che sarebbe la ragazza slovena allenatissima che ha resistito più di tutti nel gruppo Lampre)

 

[Modificato il 01/03/2005 alle 17:22 by Monsieur 40%]


 
Edit Post Reply With Quote

Non registrato



  postato il 02/03/2005 alle 02:25
Inoltre, se proprio non ne avete abbastanza, qui potete trovare l'intervista a Martinelli tradotta in inglese:

http://www.cyclingpost.com/team/article_00186.shtml

 
Edit Post Reply With Quote

Non registrato



  postato il 02/03/2005 alle 02:31
Originariamente inviato da Felice

Ciao Mario,

con colpevole ritardo mi aggiungo anch'io ai complimenti generali. Iniziativa e professionalità, ecco un paio di qualità che tu possiedi e che ti porteranno lontano...


Felice,
non ti scusare del ritardo, i tuoi complimenti mi fanno comunque piacere
Ho finito le "frasi da ringraziamento", ma sappiate tutti che mi ha fatto molto piacere che il mio lavoro vi sia piaciuto!

Colgo anche l'occasione per dire a Zillo (ma lui già lo sa) che mi fa tremendamente piacere aiutare un ragazzo paziente e fantasioso come lui. Il suo FantaCiclismo rasenta la spettacolarità, non è affatto facile organizzare una cosa del genere. Impossibile se la si vuol fare con i tempi. Ma tu ci sei riuscito, e ti va dato il merito di questo.

Per Roberto: ti prego, non "come direbbero i francesi"...

 
Edit Post Reply With Quote

Non registrato



  postato il 03/03/2005 alle 21:55
Intervista a Cunego tradotta in inglese:

http://www.cyclingpost.com/giro/article_00225.shtml

 
Edit Post Reply With Quote
Nuovo Thread  Nuova risposta   Nuovo sondaggio
 
Powered by Lux sulla base di XMB
Lux Forum vers. 1.6
2.5428312