Board logo

Il Forum di Cicloweb

Non hai fatto il login | Login Pagina principale > OT > Colonna Sonora & Gusti Musicali
Nuovo Thread  Nuova risposta  Nuovo sondaggio
< Ultimo thread    |  Versione stampabile
<<  12    13    14    15    16    17    18  >>
Autore: Oggetto: Colonna Sonora & Gusti Musicali

Livello Fausto Coppi




Posts: 1743
Registrato: May 2006

  postato il 03/12/2007 alle 17:39
Originariamente inviato da desmoblu

Mah, oddio, Cavaliere non è che mi piaccia troppo, visti i precedenti....facciamo così: il ducaconte desmoblu ci sta pensando attentamente..


Ducaconte è un titolo fantozziano e feudale, che cozza contro la modernità dei Suoi pensieri... facciamo Dott. Desmoblu e non se ne parli più (che fa anche rima...)

 

____________________
"...Ogni volta che vedo un adulto in bicicletta, penso che per la razza umana ci sia ancora speranza..." (H.G. Wells)

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Moderatore




Posts: 3577
Registrato: Oct 2006

  postato il 03/12/2007 alle 17:50
Mah, il mio concetto di laurea è vicino a quello del grande Fenoglio...vedremo, vedremo

 

[Modificato il 03/12/2007 alle 18:04 by desmoblu]


 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3025
Registrato: Feb 2006

  postato il 03/12/2007 alle 20:00
primo ascolto di "in rainbows", acquisito secondo le modalità standard
Bello, mi piace: decisamente intimista, mi pare, il che non guasta. All I need e House of cards i miei brani preferiti, al momento

 
Edit Post Reply With Quote

Moderatore




Posts: 3577
Registrato: Oct 2006

  postato il 03/12/2007 alle 20:34
Ma aspetta...vuoi dire che l'hai preso per posta, con tutti i crismi? E com'è?
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3025
Registrato: Feb 2006

  postato il 03/12/2007 alle 20:39
Originariamente inviato da desmoblu

Ma aspetta...vuoi dire che l'hai preso per posta, con tutti i crismi? E com'è?


sì, con la posta del mulo!

 
Edit Post Reply With Quote

Moderatore




Posts: 3577
Registrato: Oct 2006

  postato il 03/12/2007 alle 20:48
Ma cac.chio! Non avevo fatto caso alla faccina!
(chiedevo perchè credo che la versione "postale" sarà ben diversa dall'album dal sito, o magicamente arrivato a dorso di mulo .. soprattutto brani in più, forse i migliori, o i più appariscenti. Per ora l'album mi sembra un "Ok computer" dimezzato e allungato con acqua. Per carità, è già tanto, ma mancano almeno due singoli che rimangano in testa...mancano i nuovi Paranoid A. e Karma Police, mentre volendo insistere sulla via un accenno di "no surprises" c'è, in non mi ricodo quale pezzo..)

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 03/12/2007 alle 21:21
Mi aspettavo di più da questo album, forse mi aspettavo troppo...non sempre a tanta inattività corrisponde altrettanta qualità (come fu per Kid A/amnesiac).
Davvero, hanno preso quella strada minimalista che aveva preso Yorke per l'esordio individuale, con una batteria però sempre abbastanza potente. Davvero, mancano gli eccessi sonori a cui i Radiohead mi/ci avevano abituato.
E vabbè che Kid A ho cominciato ad apprezzarlo dal 10° (credo) ascolto, e sarò pure di parte, ma mi stanno dando più soddisfazioni adesso i Subbi, che potrebbero chiudere benissimo adesso la carriera con "L'eclissi" (i Pink Floyd non c'entrano niente :Od.
A fine anno una bella classifichetta dei migliori 10. Sto facendo interessanti scoperte nel rock italico, ma anche fuori ci sono gli Einsturzende Neubaten: Halber Mensch è uno degli album più compatti e innovativi che ho mai sentito, peccato che l'innovazione l'abbiano colta in pochi

 

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Moderatore




Posts: 3577
Registrato: Oct 2006

  postato il 03/12/2007 alle 21:36
Mah, a me non aveva convinto nemmeno dopo il 10mo ascolto. Kid A è un album che, nessuno me ne voglia, proprio non mi ha convinto (e dire che le influenze jazz non avrebbero dovuto dispiacermi). Dopo P. Honey e Ok Computer, ho ricominciato a respirare con Hail to the thief..

Quest'anno non faccio classifiche, ho ascoltato davvero troppo poco. Ho riscoperto una sessione di Chet Baker con un'improvvisazione su But not for me, ho rispolverato uno dei miei album rok prefriti di sempre (Superunknown, 1994) che avevo colpevolmente perso in camera mia, ho riascoltato il vecchio e il nuovo Capossela, i primi Marlene, Bill Evans (pianista, ovvio), Gaetano (ma, me ne vanto, ben prima di fiction e porcherie sparse), poi l'Iggy Pop di Lust for life. Poche novità, e quasi tutte dimenticate.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3025
Registrato: Feb 2006

  postato il 03/12/2007 alle 23:37
io quest'anno ho una classifichetta incredibile: spazio dall'elettronica più oscura al pop più spensierato.
Tutto sommato una buona annata in quanto ad uscite, migliore del pessimo 2006.

 
Edit Post Reply With Quote

Moderatore




Posts: 3577
Registrato: Oct 2006

  postato il 04/12/2007 alle 11:49
Bell'intervista pubblicata su repubblica:
La sfida dei Radiohead. Il leader del gruppo inglese spiega
l successo della vendita in rete del nuovo disco a offerta libera

Yorke: "Abbiamo dimostrato
che l'industria non ci serve"



Thom Yorke, il cantante dei Radiohead


LONDRA - Thom Yorke, il leader dei Radiohead, è un artista così puro, che si fa scrupolo persino di andare in tournée per paura di... inquinare. "A Firenze, la mia meta preferita, vado sempre in treno con mia moglie e i bambini. Gli aerei avvelenano l'aria", dice l'artista, 39 anni, addentando il suo veggie burger in un pub londinese dove nessuna rockstar metterebbe mai piede. Come avrebbe potuto, uno come lui, continuare a far dischi senza porsi domande?

Il cantante che si è rifiutato d'incontrare Blair nella famosa tavola rotonda sul riscaldamento globale e ha detto di no a Paul McCartney che l'aveva invitato a suonare, ha fatto tremare l'industria discografica e il mondo del rock: lo scorso 10 ottobre i Radiohead hanno deciso di vendere on line le canzoni di In rainbows, il loro settimo album, accettando qualsiasi offerta (anche zero euro) per il download. Molti colleghi (Lily Allen, Pearl Jam) li hanno definiti arroganti; altri (Courtney Love, la cantante lirica Barbara Hendricks) stanno seguendo le loro orme.

Il disco (in cd e vinile) uscirà per un'etichetta indipendente (XL Recordings) il 28 dicembre, dopo Natale, contro ogni regola di mercato ("Solo perché molti non si accontentano delle canzoni scaricate, vogliono l'oggetto. Anch'io adoro il vinile"). Gli editorialisti inglesi li hanno quasi unanimemente condannati. E gli organizzatori dei Brit Awards non li hanno neppure presi in considerazione per un eventuale premio. I loro fan italiani avranno comunque modo di applaudirli il 18 giugno: unico concerto a Milano.

"Ma non è vera la notizia secondo la quale il 70% non ha pagato", protesta Thom "I dati li conosciamo solo noi. La prima settimana ci sono stati 1,2 milioni di download, a una media di 6 euro ognuno (circa il 50% ha pagato zero). Hanno detto che è stata una scelta radicale, ma date le circostanze era l'unica possibile. Quando hai finito di registrare un disco, se vuoi farlo arrivare subito all'ascoltatore, non hai altro mezzo che la rete. È un esperimento che i Radiohead si sono trovati in condizione di fare per una serie di circostanze fortunate. Tre in particolare: la scadenza del contratto discografico, il privilegio di avere uno zoccolo duro che li conosce e li apprezza, il fatto che la maggior parte dei loro fan ha familiarità con Internet".

La vostra decisione ha scatenato un putiferio. Qual era il vostro scopo?

"Dimostrare che non c'è bisogno di tutte queste infrastrutture per far arrivare la musica alla gente. Il processo industriale serve solo a sottrarre guadagni agli artisti e a rendere il disco sempre più costoso. Un tempo l'industria lavorava per far conoscere i giovani artisti, oggi invece le major tendono a eliminare chi non ha un riscontro commerciale immediato. Poco importa il talento, gli artisti vengono continuamente mortificati, umiliati".

Prima si diceva: l'industria sta uccidendo la musica. Oggi la stessa accusa è rivolta ai Radiohead.

"Nessuno sarà mai in grado di uccidere la buona musica, che troverà sempre un canale, magari sotterraneo, per esprimersi. Ma certamente il lungo processo che precede la pubblicazione di un disco, la politica che ci gira intorno e l'ego di alcuni artisti non giovano alla riuscita - artistica ed economica - del prodotto. Per questo, dalla nostra posizione privilegiata, non ce la siamo sentita di confrontarci di nuovo con l'industria".

Non deve essere stato facile farlo per quindici anni e sei album.

"A essere del tutto onesto, con la Emi non abbiamo mai avuto grossi problemi. Ci hanno sempre lasciato ampia libertà. Il nostro non è un gesto contro le persone con cui abbiamo lavorato, ma contro un sistema di acquisti e fusioni che ha portato alla creazione di queste maledette multinazionali. E nessuno si è preoccupato di venirci a raccontare quel che è successo, come se la cosa non riguardasse anche noi. Non siamo fottute scatole di biscotti!".

Ora è tutto sulle vostre spalle, il peso della creatività e quello del marketing.

"Le sembrerà sacrilego, ma io il marketing lo trovo quasi affascinante. Le questioni pubblicitarie sono di per sé così odiose che cercare di risolverle in maniera creativa è una sfida per un artista. Se riesci a non farti mettere soggezione dalla parola - marketing, bruttissima - puoi fregartene delle loro regole, e il gioco diventa divertente. Tutte quelle piccole pazzie che si possono cucire intorno alle canzoni, come il testo di Paranoid android scritto su un gigantesco poster".

Coerenza e onestà, prima di tutto. È questo il motivo per cui ha detto di no a McCartney?

"Paul mi ha chiesto di suonare il piano in una delle sue canzoni, ma non sono in grado di farlo, io so solo strimpellare. È stata sua figlia Stella, che è una nostra fan, a insistere: "Dai papà, chiamalo..."".

Ha mai rimpianto di non essere un protagonista de periodo aureo del rock, fine anni 60 primi anni 70, quando l'industria tollerava l'incoscienza degli artisti pur di non limitarne la creatività?

"È un'idea romantica, affascinante, ma ognuno è figlio del suo tempo. Al contrario di tanti musicisti dell'epoca, che sono stati letteralmente frodati dalle case discografiche, noi siamo entrati nel music business in maniera consapevole. Per questo ci teniamo stretta la nostra musica e siamo arrivati a questo punto prima di altri".

(3 dicembre 2007)

ps: lancio virtuale di uova altrettanto virtuali ai pearl jam....

 

[Modificato il 04/12/2007 alle 11:51 by desmoblu]


 
Edit Post Reply With Quote

Moderatore




Posts: 3577
Registrato: Oct 2006

  postato il 06/12/2007 alle 23:22
Ah, dimenticavo: nella lista dei 'rispolverati' è presente anche E.Smith, autore di alcuni pezzi niente male.
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Federico Bahamontes




Posts: 380
Registrato: May 2007

  postato il 07/12/2007 alle 14:56
Per le mie uscite di allenamento:Bruce Springsteen e Level 42!
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Ottavio Bottecchia




Posts: 559
Registrato: Oct 2007

  postato il 07/12/2007 alle 15:06
Originariamente inviato da Kristian

Per le mie uscite di allenamento:Bruce Springsteen e Level 42!


In più ascolti anche le Anime Salve.Vero?

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Federico Bahamontes




Posts: 380
Registrato: May 2007

  postato il 07/12/2007 alle 15:09
Originariamente inviato da Tallo

Originariamente inviato da Kristian

Per le mie uscite di allenamento:Bruce Springsteen e Level 42!


In più ascolti anche le Anime Salve.Vero?


Beh sì,sono molto bravi anche loro come cover band ufficiale di De Andrè,però the Boss e i Level 42 sono unici

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Ottavio Bottecchia




Posts: 559
Registrato: Oct 2007

  postato il 07/12/2007 alle 15:12
Originariamente inviato da Kristian

Originariamente inviato da Tallo

Originariamente inviato da Kristian

Per le mie uscite di allenamento:Bruce Springsteen e Level 42!


In più ascolti anche le Anime Salve.Vero?


Beh sì,sono molto bravi anche loro come cover band ufficiale di De Andrè,però the Boss e i Level 42 sono unici


Meglio le Anime Salve secondo me.Il chitarrista poi è molto bravo!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Non registrato



  postato il 11/12/2007 alle 10:07
All'Arena 02 la band di nuovo sul palco. Si parte con "Good Times bad times"
fino a "Stairway to Heaven". E con il passare dei minuti torna l'antica gloria
Trent'anni dopo sulla scala per il paradiso
A Londra è la gran notte dei Led Zeppelin

LONDRA - Sono stati brillanti, luminosi, e perfino discretamente potenti, a dispetto dei quasi trent'anni passati dal loro ultimo vero concerto. Ma l'età, o meglio la disabitudine a "essere" i Led Zeppelin, ha preteso il suo prezzo. Per scaldarsi e dare il massimo ci hanno messo il tempo di qualche brano, dopo un inizio non entusiasmante, e certi acuti forsennati di un tempo sono rimasti nel cassetto dei ricordi.

Ieri i giornali di tutto il mondo titolavano: "Ce la faranno i Led Zeppelin ha ritrovare i loro giorni di gloria?". Era quello che si chiedevano tutti. L'attesa era spasmodica e la corsa ai biglietti per la gran notte dell'Arena 02 aveva raggiunto livelli imbarazzanti. Pare che un biglietto sia stato venduto a più di centomila Euro, ma devoluti in beneficienza, ha specificato il generoso compratore, per ingentilire l'enormità del fatto.

Alle nove in punto hanno acceso gli amplificatori e il sogno di milioni di fan è partito con "Good times bad times", il primo pezzo del loro primo album, come se avessero voluto dire che sì, bisognava ripartire da zero, dal punto in cui tutto è cominciato. L'inizio dunque è stato tiepido, l'amplificazione ancora incerta restituiva suoni poco chiari, smorzando la forza dei due classici successivi, "Ramble On", e poi la monumentale "Black Dog".

Poteva essere l'inizio di una morbida passerella celebrativa ma a poco a poco l'antica gloria si è riaffacciata. Il tempo ha fatto finalmente emergere il magnifico suono della chitarra di Jimmy Page, la voce rabbiosa di Robert Plant, il basso tuonante di John Paul Jones e la ruvida, martellante batteria di Jason Bonham, figlio di John, il mitico Bonzo, la cui tragica scomparsa alla fine del 1980 (soffocato dal suo stesso vomito) aveva di fatto chiuso l'avventura della band.

Erano passati ventisette anni dall'ultimo concerto e un po' di ruggine andava scrostata, ma col passare dei minuti, dopo "In my time of dying", e dopo che un emozionato Plant ha presentato la quasi inedita "For your life", una canzone che non avevano mai eseguito dal vivo, l'aria si è caricata dell'energia perduta, l'aura luciferina di Jimmy Page ha cominciato a splendere e i quattro sono "ridiventati" i Led Zeppelin, brutali, misteriosi, autorevoli, immergendosi nelle nebbie blues di "No quarter" e "Since I've been loving you", nell'acida e straziante "Dazed and confused", crescendo su "Stairway to heaven" che, come la scala esoterica evocata dal testo, li ha guidati verso una brillante e nervosa "The song remains the same", e poi ancora più su fino a una versione di Kashmir ("Mi dicono che tra il pubblico c'è gente che viene da cinquanta diversi paesi, e allora questo è il cinquantunesimo" ha detto Plant presentandola) che aveva poco da invidiare a quelle immortalate nell'epoca d'oro.

E tutto questo per ricordare la figura del discografico di origine turca Ahmet Ertegun, fondatore dell'etichetta Atlantic, in un tributo che nel pomeriggio aveva visto altri ospiti: la band dell'ex Rolling Stones Bill Wyman, Paolo Nutini, Paul Rodgers, Keith Emerson, i Foreigner, tutti spazzati via nell'interesse generale da un ciclone che da ieri si chiama di nuovo Led Zeppelin.

www.repubblica.it

 

____________________

 
Edit Post Reply With Quote

Moderatore




Posts: 3577
Registrato: Oct 2006

  postato il 11/12/2007 alle 12:18
Si parla di biglietti a 1800 euro..
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 1743
Registrato: May 2006

  postato il 11/12/2007 alle 12:34
Originariamente inviato da desmoblu

Si parla di biglietti a 1800 euro..

Mica male per dei pensionati...

Ma all'ospizio si saranno accorti della loro fuga?

 

____________________
"...Ogni volta che vedo un adulto in bicicletta, penso che per la razza umana ci sia ancora speranza..." (H.G. Wells)

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Ottavio Bottecchia




Posts: 559
Registrato: Oct 2007

  postato il 11/12/2007 alle 14:02
Mitici Led Zeppelin!Sono contento che Bonzo sia stato sostituito degnamente alla batteria dal figlio,non era facile riprodurre quel suono martellante e ruvido che lo ha reso famoso.
Lunga vita ai Led Zeppelin!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 11/12/2007 alle 14:49
Originariamente inviato da desmoblu

Si parla di biglietti a 1800 euro..


Io preferisco spendere 10 euro per giovani che qualcosa da dire ancora ce l'hanno...

 

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Moderatore




Posts: 3577
Registrato: Oct 2006

  postato il 11/12/2007 alle 16:02
Può essere...ma se i giovani sono i Negramaro, Centomo, Moro, Finley o tutti i cloni di James Blunt e Nutini, allora preferisco vedermi dei vecchi dinosauri che suonano insieme dopo decenni, autori tra l'altro di pezzi magnifici.
Poi certo, il problema non si pone: 1800 euris per un concerto non ce li ho...

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 11/12/2007 alle 16:04
Originariamente inviato da desmoblu

Può essere...ma se i giovani sono i Negramaro, Centomo, Moro, Finley o tutti i cloni di James Blunt e Nutini, allora preferisco vedermi dei vecchi dinosauri che suonano insieme dopo decenni, autori tra l'altro di pezzi magnifici.
Poi certo, il problema non si pone: 1800 euris per un concerto non ce li ho...


I Negramaro si son fatti pagare 35 euro la tournèe nei teatri: no, il problema proprio non si pone

Poi scusa, i cloni di James Blunt e Nutini devono essere proprio una cosa orrida: già gli originali...

 

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Ottavio Bottecchia




Posts: 559
Registrato: Oct 2007

  postato il 11/12/2007 alle 19:44
Originariamente inviato da desmoblu

Può essere...ma se i giovani sono i Negramaro, Centomo, Moro, Finley o tutti i cloni di James Blunt e Nutini, allora preferisco vedermi dei vecchi dinosauri che suonano insieme dopo decenni, autori tra l'altro di pezzi magnifici.



 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Moderatore
Utente del mese Gennaio 2009




Posts: 3948
Registrato: Apr 2005

  postato il 12/12/2007 alle 00:07
Originariamente inviato da Bitossi

Originariamente inviato da desmoblu

Si parla di biglietti a 1800 euro..

Mica male per dei pensionati...

Ma all'ospizio si saranno accorti della loro fuga?


E chissa' se si sono almeno accorti della fuga dei fans di un tempo

 

____________________

"Non esistono montagne impossibili, esistono uomini che non sono capaci di salirle", Cesare Maestri

"Non chiederci la parola che mondi possa aprirti, si` qualche storta sillaba e secca come un ramo...
codesto solo oggi possiamo dirti: cio` che non siamo, cio` che non vogliamo.", Eugenio Montale.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3025
Registrato: Feb 2006

  postato il 17/12/2007 alle 22:47
Dicembre è tempo di classifiche.....


DISCHI (con un brano indicativo del disco):
1) Cease to begin - BAND OF HORSES (cigarettes, wedding bands)
2) untrue - BURIAL (raver)
3) Neon bible - ARCADE FIRE (Keep the car running)
4) Night falls over Kortedala - JENS LEKMAN (a postcard to nina)
5) In rainbows - RADIOHEAD (All I need)
6) Armchair apocrypha - ANDREW BIRD (heretics)
7) Our ill wills - SHOUT OUT LOUDS (impossible)
8) cross - JUSTICE (D.A.N.C.E.)
9) God save the clientele - THE CLIENTELE (bookshop casanova)
10) An end has a start - THE EDITORS (an end has a start)

mi dispiace lasciare fuori The good, the bad and the queen: però gli ultimi tre mesi sono stati parecchio ricchi di ottima musica.

MIGLIOR SINGOLO:
Trust - GRAVENHURST

MIGLIOR FILM (anche se non c'entra nulla :Od
Guida per riconoscere i tuoi santi - Dito Montiel



 

[Modificato il 17/12/2007 alle 23:16 by Carrefour de l arbre]


 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 17/12/2007 alle 23:40
Oggi non dico ancora niente...dico solo: 1 in comune, indovina quale?

 

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 3025
Registrato: Feb 2006

  postato il 17/12/2007 alle 23:52
i Justice?
 
Edit Post Reply With Quote

Moderatore




Posts: 3577
Registrato: Oct 2006

  postato il 18/12/2007 alle 14:38
Io ho sentito il nuovo di Tom Waits....lo ascolterò e poi dirò. Probabile che rientri nella mia classifica.
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 18/12/2007 alle 16:49
10. posto



Einsturzende Neubauten - Alles Wieder Offen


Ho quasi imparato a scrivere il nome di questo gruppo tedesco che ho conosciuto quest'anno, tramite l'ascolto di questo album e di Halber Mensch, album di 20 anni fa, ma ancora attualissimo nel suono, cupo e originale come pochi. Il gruppo è decisamente cambiato, è meno nevrotico e più pragmatico, ma le qualità industrial-dadaiste affiorano in continuazione. Lo stile poi, si nota ascoltando l'apertura "Die Wellen" e la chiusura "Ich Warte".

Una canzone a caso : Let's do it a Dada

Da far ascoltare a : Chi ama la musica fatta in casa

 

[Modificato il 18/12/2007 alle 17:13 by Subsonico]

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 18/12/2007 alle 17:00
9° posto

Arcade Fire - Neon Bible



Qui, invece, una parziale delusione. "Funeral" era davvero un album cazzuto, pieno di canzoni forti che dal vivo spaccano parecchio, specialmente se suonate da un ensemble così eterogeneo (2 chitarre, voce, tastiera, batteria, 2 archi, percussionista e 2 fiati), mentre "Neon Bible" vira verso un pop sì gradevole, ma...che non ha lo stesso mordente. A partire dal cantato, molto più canonico, per arrivare al sound che non fa breccia come il basso di "Power out". E va bè.

Una canzone a caso : Black Mirror

Consigliato a: Chi ama il canadà

 

[Modificato il 18/12/2007 alle 17:12 by Subsonico]

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 18/12/2007 alle 17:11
° posto
Radiohead - In Rainbows


E qui fu che ricevetti un sacco di bestemmie.....

Insomma si, è un album gradevole ma...non ha colpi di genio. Sono i Radiohead che riciclano i Radiohead. E sarà pure normale, al 7° album, ma io dopo 4 anni di attesa mi attendevo di più . E' un album ben peggiore di Hail to the Thief, è pop senza sfociare nell'elettronica, dunque qualcosa manca. Sembra che i Radiohead, alla fine, abbiano preso la stessa strada che ha preso Thom Yorke l'anno scorso: smettere di suonare e fare canzoni. Con le conseguenze del caso.

Una canzone a caso : All I Need (Inizia uguale uguale a Where I end and You Begin...)

Consigliato a : chi vuole ascoltare un album da 'compagnia'

 

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 19/12/2007 alle 00:59
7° posto


Subsonica - L'eclissi




Rilassatevi: nessuna volontà dei torinesi di citare i Pink Floyd, ci mancherebbe, anche se le citazioni si sprecano. Quest'album, che potrebbe essere l'ultimo dell'ensemble torinese (non sarebbe male: secondo me non riusciranno più a fare meglio), sintetizza le ultime esperienze fuori dal gruppo: La drum'n'bass sfrenata del batterista ninja e l'house di boosta e samuel, mettendo a segno pezzi notevoli in questo senso, come "La glaciazione", "il centro della fiamma" e riuscendo anche a stupire i fan di vecchia data con pezzi inusuali come "stagno" e "corpo celeste". Stupisce anche che l'album alla fine sia compatto: tutte le canzoni hanno quel sapore acido che ricorda il colore della copertina.

Consigliato: A chi vuole ballare senza essere tamarro

Un pezzo a caso : "Il centro della fiamma"

 

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Moderatore




Posts: 3577
Registrato: Oct 2006

  postato il 19/12/2007 alle 01:18
Beh, dire che i subsonica non sono tamarri è un po' una forzatura...
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 19/12/2007 alle 14:01
Originariamente inviato da desmoblu

Beh, dire che i subsonica non sono tamarri è un po' una forzatura...


esagerato, se sono tamarri loro gigi d'agostino cosa è??

 

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Ottavio Bottecchia




Posts: 559
Registrato: Oct 2007

  postato il 19/12/2007 alle 14:07
Originariamente inviato da Subsonico

Originariamente inviato da desmoblu

Beh, dire che i subsonica non sono tamarri è un po' una forzatura...


esagerato, se sono tamarri loro gigi d'agostino cosa è??



 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Moderatore




Posts: 3577
Registrato: Oct 2006

  postato il 19/12/2007 alle 14:20
Originariamente inviato da Subsonico

Originariamente inviato da desmoblu

Beh, dire che i subsonica non sono tamarri è un po' una forzatura...


esagerato, se sono tamarri loro gigi d'agostino cosa è??

[cit.]Ossignur, il Gran Visir di tutti i tamarri!!!!

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 19/12/2007 alle 23:30
6° posto
Carpacho - La fuga dei Cervelli



Questo è un gruppo sconosciuto, un po' fighettino, che suona poco dal vivo, ma che è cazzaro come pochi. Testi pseudo-esistenziali sulla perdita della giovinezza, canzoni che si rassomigliano più o meno tutte fino al lungo finale nosense. Un bel gruppettino che piace a tutti e non dà fastidio a nessuno, a meno che un giorno non diventi famoso: allora sarà il contrario.

Consigliato a : i trentenni
Un pezzo a caso : Bossa Draga/i]

 

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 19/12/2007 alle 23:49
5° posto

Tre allegri ragazzi morti - La seconda rivoluzione sessuale



Questo gruppo è una delle scoperte più piacevoli che ho fatto quest'anno: ogni canzone è una perla di saggezza, ogni pensiero merita di essere ascoltato.
Il gruppo di Davide Toffolo, andato ormai ben oltre i 40, continua a fare quello che ha sempre fatto: parlare degli adolescenti, di storie d'amore e di anarchia. Il linguaggio è sempre quello, un pochino più complicato dal genio musicale, ma fino a un certo punto: se prima erano 3 accordi, power trio e via, adesso gli accordi sono 6 e magari si chiama qualche amico a suonare la tastiera.
E a maggior ragione, ora che il gruppo è ormai storico e rodato, si può permettere di fare da educatore agli adolescenti, con canzoni come "La poesia e la merce": <>; la liberta sessuale viene espressa e incentivata a chiare lettere in "Tutti in amore con tutti" (<>).
Rispetto al precedente "il sogno del gorilla bianco", 2 parole messe su musica tendente al tribale e ripetitiva, la musica lascia spazio alle parole con un certo equilibrio: insomma, gli allegri ragazzi morti sono vicini al cantautorato.
infine, una cover tradotta letteralmente dagli Art Brut: "Mio fratellino ha scoperto il rock'n roll" (<>) ripresa come riflessione su quanto si tenda a ritardare la crescita, anche a livello musicale.


Consigliato: Ai quindicenni
Un pezzo a caso: Il mondo prima

 

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Moderatore




Posts: 3577
Registrato: Oct 2006

  postato il 20/12/2007 alle 00:06
i t.a.r.m! Erano anni che non li seguivo..
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 20/12/2007 alle 00:06
4° posto

White Stripes - Icky Thump



Gli White Stripes sono un incitamento a qualunque scartina a suonare. Perchè sentire Meg White che dopo dieci anni non ha ancora imparato a suonare la batteria, ti fa pensare: Minchia, posso partecipare anch'io ad un capolavoro!
Eppure il segreto dei fratelli/divorziati/chicazlosa Zebrini sta proprio nell'essere il Bello e la Bestia, un mago della musica come Jack White (che l'anno scorso coi Raconteurs aveva coniato un album davvero fantastico come Broken Boy soldiers) capace di suonare divinamente chitarra e tastiera, e un disastro come Meg, crea quell'amalgama che rende ogni loro canzone speciale e perciò degna di essere ascoltata. Badate bene, anche in quest'album, decisamente migliore di "Get behind me satan", non c'è niente da buttare.
La folle "Icky Thump" comincia come un punto di domanda: un esclamazione senza significato, una storia nosense in messico da raccontare e una musica senza schema preciso, a voler dire: "Guardate, io con la chitarra così non so creare più nulla di nuovo, vedete come gigioneggio?"
E allora si rifugia nel caro vecchio blues in 2-3 canzoni davvero belle, a pensare, finchè non viene l'ispirazione: le trombe ispaniche di "Coquest"; ma è ancora troppo poco, ci vuole qualcosa di più forte. Ed allora ecco la cornamusa in "prickly Thorn, but sweetly worn", e della sua folle coda "St andrew", nella quale meg sembra davvero una batterista e la voce di Jack sa di elio. E' l'acume, e l'album prosegue con altre canzoni carine, e anche col freakkissimo "Rag and bone" mezzo parlato, mezzo cantato, completamente suonato, come loro.

Consigliato : agli amanti del blues
Un pezzo a caso : St andrew

 

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Moderatore




Posts: 3577
Registrato: Oct 2006

  postato il 20/12/2007 alle 00:10
invece i white stripes non li ho più ascoltati dopo la storiella "siamo fratelli, no, in realtà ervamo marito e moglie...però così i critici parlano meglio di noi!".
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 20/12/2007 alle 00:15
Originariamente inviato da desmoblu

invece i white stripes non li ho più ascoltati dopo la storiella "siamo fratelli, no, in realtà ervamo marito e moglie...però così i critici parlano meglio di noi!".


Ed hai fatto malissimo

 

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Moderatore




Posts: 3577
Registrato: Oct 2006

  postato il 20/12/2007 alle 08:49
Originariamente inviato da Subsonico

Originariamente inviato da desmoblu

invece i white stripes non li ho più ascoltati dopo la storiella "siamo fratelli, no, in realtà ervamo marito e moglie...però così i critici parlano meglio di noi!".


Ed hai fatto malissimo

Eh, lo so. Ma spesso sono testardo oltre misura, e le pagliacciate mi vesto di rosso/e io di bianco e siam due piccoli fratellin m'avevano stancato. Cioè..nulla di male, se sei Zappa...altrimenti rema.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 1624
Registrato: Mar 2007

  postato il 23/12/2007 alle 00:10
Un po' di Rossini, ma particolare... Ascoltate e guardate

 

____________________
..vince, trionfa! Alza le braccia al cielo!!
---
Asso di quadri
---
Che cos'è la CKC-Memorial janjanssen?
2006 http://www.cicloweb.it/forum/viewthread.php?tid=3901
2007 http://www.cicloweb.it/forum/viewthread.php?tid=5719
2008 http://www.cicloweb.it/forum/viewthread.php?tid=6951
2009 http://www.cicloweb.it/forum/viewthread.php?tid=8330
2010 http://forum.cicloweb.it/viewthread.php?tid=9102
Decalogo http://www.cicloweb.it/forum/viewthread.php?tid=7799

---
"caffè, solo caffè..."
---
ex-stiloso (2008)
---
davanti a Bitossi, nelle occasioni che contano! :-D

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Amministratore




Posts: 5978
Registrato: Aug 2002

  postato il 23/12/2007 alle 10:53
Originariamente inviato da Subsonico

e la voce di Jack sa di elio


Nel senso delle Storie Tese o di particolarmente alta?

 

____________________

Amarti m'affatica, mi svuota dentro
qualcosa che assomiglia a ridere nel pianto
Amarti m'affatica, mi dà malinconia
che vuoi farci, è la vita... è la vita, la mia

(Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping)

 
Edit Post Reply With Quote
<<  12    13    14    15    16    17    18  >> Nuovo Thread  Nuova risposta   Nuovo sondaggio
 
Powered by Lux sulla base di XMB
Lux Forum vers. 1.6
1.7151830