Board logo

Il Forum di Cicloweb

Non hai fatto il login | Login Pagina principale > OT > Parliamo di Sport invernali
Nuovo Thread  Nuova risposta  Nuovo sondaggio
< Ultimo thread   Prossimo thread >  |  Versione stampabile
<<  4    5    6    7  >>
Autore: Oggetto: Parliamo di Sport invernali

Livello Fausto Coppi




Posts: 2950
Registrato: Dec 2004

  postato il 05/11/2010 alle 17:33
Originariamente inviato da Slegar

Ok, inizio io.

Sci alpino maschile: Svindal vs. Janka, con Raich che si può inserire se ci sta con la testa e non perde punti nelle specialità tecniche. Cuche non lo vedo in grado di impensierire i primi due in quanto troppo debole in slalom (pochi punti in combinata). Sorpresa Ted Ligety.

Sci alpino femminile: Vonn nome secco. Direi anche Maria Riesch ma quest'anno ci sono i campionati del Mondo in Germania a Garmish (gioca in casa due volte sia come nazione che come luogo dove abita) e presumo che quello sia l'obiettivo principale della stagione. Nomi caldi da tenere d'occhio per la classifica generale, soprattutto per le prossime stagioni, sono quelli di Viktoria Rebensburg e Lara Gut.

Per le coppe di specialità non mi sbilancio. Tutte le previsioni sono al netto degli infortuni, che nello sci alpino hanno un'incidenza molto pesante.

Per lo sci di fondo questa è una stagione particolare perché i Campionati del Mondo si svolgono ad Holmenkollen, la collina di Oslo, che per le discipline nordiche equivale, se non più importante, allo stadio Maracanà di Rio de Janeiro. Per la gran parte degli atleti sarà questo l'obiettivo principale della stagione.

Sci di fondo maschile: Northug se parteciperà a tutta la stagione altrimenti la sfida si allargherà a Cologna e Bauer. Dopo il Tour de Ski si saprà chi vincerà con ogni probabilità la coppa. La coppa di distanza probabilmente sarà una sfida tra i tre ed eventualmente Hellner e qualche tedesco (obiettivi mondiali permettendo). La coppa sprint sarà una lotta tra il detentore Joensson, Northug (mondiali permettendo), Petukhov e Dahl oltre a qualche nuovo nome che ogni anno spunta sempre.

Sci di fondo femminile: nome secco Kowalczyk; l'unica che può contrastare la polacca sarebbe Marit Bjørgen ma presumo che l'obiettivo unico della stagione siano i mondiali di Holmenkollen. Coppa di distanza: Kowalczyk. Coppa sprint: Kowalczyk vs. Majdic.

Salto con gli sci: questo è facile con lotta tra Amman, Schlierenzauer e Morgenstern i più forti saltatori in degli ultimi due anni. Per loro l'appuntamento clou della stagione, oltre ai Campionati del Mondo di Holmenkollen, sarà il Torneo dei Quattro Trampolini che nessuno dei tre, incredibilmente, ha mai vinto.

Mettiamo Solo i vincitori (in palio una birretta ?)
Sci Alpino Uomini : Svindal (NOR)
Sci Alpino Donne : Vonn (USA)
Sci di Fondo Uomini : Northug (NOR)
Sci di Fondo Donne : Kuitunen (FIN)
Biathlon Uomini : Svendsen (NOR)
Biathlon Donne : Neuner (GER)
Salto con gli Sci : Schlierenzauer (AUT)

Bello il tuo profilo su Bra , sciatore che non ho mai visto gareggiare
Se dovessi fare una classifica tra Wassberg , Mieto e Bra , chi metti in testa ? e secondo ?

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3791
Registrato: Sep 2007

  postato il 06/11/2010 alle 15:00
Io dico che Svindal farà sua la coppa del mondo generale aggiudicandosi le coppette di super-g e discesa.

 

____________________
FANTACICLISMO 2008 Campione Olimpico in linea - S. Sebastian - Parigi Bruxelles - Vincitore classifica generale grandi giri (10° Giro - 10° Tour - 4° Vuelta) 1 tappa al Tour - 4 tappe alla Vuelta 9° classifica finale.
FANTACICLISMO 2009 Liegi-Bastogne-Liegi 2° classifica finale Giro d'Italia - 2 tappe - 1 giorno in maglia rosa - Best Belgio - 5° classifica finale

66 punti (nel 2008) + 115 punti (nel 2009) di vantaggio su Frejus: la mia nemesi!

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Agosto 2010




Posts: 559
Registrato: Sep 2006

  postato il 06/11/2010 alle 23:00
Originariamente inviato da forzainter

Mettiamo Solo i vincitori (in palio una birretta ?)
Sci Alpino Uomini : Svindal (NOR)
Sci Alpino Donne : Vonn (USA)
Sci di Fondo Uomini : Northug (NOR)
Sci di Fondo Donne : Kuitunen (FIN)
Biathlon Uomini : Svendsen (NOR)
Biathlon Donne : Neuner (GER)
Salto con gli Sci : Schlierenzauer (AUT)

Ok:
Sci Alpino Uomini : Raich (AUT)
Sci Alpino Donne : Vonn (USA)
Sci di Fondo Uomini : Bauer (CZE)
Sci di Fondo Donne : Kowalczyk (POL)
Biathlon Uomini : Tcherezov (RUS)
Biathlon Donne : Neuner (GER)
Salto con gli Sci : Morgenstern (AUT)

Per il salto con gli sci tieni a mente questo nome: David Zauner (AUT) ex combinatista che l'anno scorso ha esordito in Coppa del Mondo, a stagione inoltrata, con un piazzamento a ridosso del podio.


Se dovessi fare una classifica tra Wassberg , Mieto e Bra , chi metti in testa ? e secondo ?

Wassberg stacca gli altri due di almeno una lunghezza, perché non esendo dotato di una gran tecnica (aveva un difetto nella sciata pazzesco) suppliva a tale mancanza con la disciplina nell'allenamento, la lucidità in gara ed era in possesso di una sensibilità nei piedi senza uguali (era l'uomo di riferimento per i test dello sci di fondo per conto della Fischer).

Brå lo metto al secondo posto. Era dotato di una eccellente tecnica e di un gran motore ma probabilmente il suo limite era nella testa, per cui nei momenti importanti c'era sempre qualcosa che non andava. Se riguardi l'arrivo della staffetta dei mondiali del 1982 vedi come Brå, con l'adrenalina che probabilmente gli usciva dalle orecchie, appena rimesso il bastoncino destro nella mano attacchi subito sulla breve salita. Ai -200 è già cotto e solamente uno sforzo sovraumano, abbinato alla benevolenza dei giudici, gli ha permeso di portare a casa un titolo praticamente perso.

Purtroppo per ultimo, perché è stato il primo fondista che ho ammirato, metto Juha Mieto. Era, ed è tuttora, una forza della natura accoppiata ad una ecellente tecnica ma il suo grande limite era comportamentale. Pensa che la sera prima di una gara alle ollimpiadi di Innsbruck (non mi ricordo se era la 30 km) un mio mio amico l'ha visto nel suo albergo ad ingozzarsi di savoiardi inzuppati nel marsala. Un maggiore rigore lo avrebbe messo tra i più grandi fondisti di ogni tempo (..... ma non sarebbe stato Juha Mieto).

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2950
Registrato: Dec 2004

  postato il 09/11/2010 alle 18:57
In realta' negli ultimi anni seguo di piu' il salto con gli sci che lo sci di fondo (non mi piace come viene disputata la coppa del mondo , troppa importanza alle gare sprint o alle gare con partenza in linea , preferivo la sfida al cronometro)
Zauner ha fatto un ottimo debutto (tre mesi sempre nei 10) , il problema è che in una squadra gia' iper completa
Schlierenzauer
Morgenstern
Kofler
Loitzl
Koch
hanno il posto assicurato
Lui deve lottare con Thurnbichler , Innauer , Eggenhofer , Hayboeck e Fettner per gli altri 2 posti..

La combinata nordica , invece la seguo meno
Le gare diventano belle solo quando il salto incide meno


 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Agosto 2010




Posts: 559
Registrato: Sep 2006

  postato il 09/11/2010 alle 19:48
La Coppa di sci di fondo la seguo poco anch'io ad esclusione di qualche appuntamento importante tipo il Nordic Open, il Tour de Ski, Davos e la chiusura al nord. In realtà la coppa interessa poco anche agli atleti se non per conquistare il "Gruppo Rosso" che da diritto alle migliori posizioni in partenza ed i rimborsi spese ad ogni prova di Coppa del mondo.

Per quanto riguarda la combinata nordica a me piace troppo, anche se negli ultimi anni si sono inventati troppe "macchinazioni", come nello sci di fondo. Secondo me il salto non incide troppo nella prestazione finale, anzi. Da quando le gare si svolgono con un unico formato, singolo salto con compensazione dovuta al vento e 10 km con gli sci, chi eccelle nel salto non riesce più a cavare un ragno dal buco ed è il motivo per cui, ad esempio, Zauner ha lasciato la combinata per dedicarsi al salto.

Dopo il Nordic Open di Kuusamo mi sbilancero in un pronostico per la coppa del mondo anche di combinata nordica.

P.S.: su Zauner mi sbilancio adesso. Lo vedo come uno dei possibili vincitori della Tournee dei Quattro Trampolini (sono pronto ad essere spernacchiato).

 

[Modificato il 09/11/2010 alle 19:50 by Slegar]


 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Agosto 2010




Posts: 559
Registrato: Sep 2006

  postato il 10/11/2010 alle 19:20
Prosegue a ritmo serrato il Gran Prix di pattinaggio di figura, manifestazione organizzata dall'ISU (la federazione internazionale del pattinaggio di figura e di velocità) che serve alle pattinatrici ed ai pattinatori come test di preparazione in vista degli appuntamenti importanti che si terranno da fine gennaio in poi (Campionati Europei, Four Continents e Campionati Mondiali). Le finali si svolgeranno a Pechinodal 9 al 12 dicembre.

Oltre all'NHK Trophy di Tokio, vinto da Carolina Kostner nella prova femminile, si sono svolti Skate Canada a Kingston ed il Samsung Anycall Cup of China 2010 a Pechino. Finora le competizioni fin qui disputate hanno detto poco in quanto questa è la stagione post olimpica e molti big rifiatano dopo quattro anni di preparazione intensa e magari monetizzano i titoli in varie esibizioni sparse in giro per il mondo.

Le prestazioni più interesanti, anche in prospettiva futuhra, si sono viste nel singolo uomini dove gli antagonisti di Lysacek e Plusenko (rispettivamente campione e vice-campione olimpico e che stanno girando il mondo in esibizioni varie) stanno mettendo in chiaro che per il futuro ci saranno anche loro a giocarsi i titoi importanti. A Skate Canada c'è stata la vittoria del canadese, non ancora ventenne, Patrick Chan vice campione del mondo in carica, mentre al terzo posto si è classificato il ventunenne statunitense Adam Rippon vincitore l'anno scorso dei Four Continents. A Pechino c'è stata la vittora del giapponese Kozuka. Le prestazioni sono state degne di nota in quanto tutti gli atleti hanno ottenuto risultati prossimi ai loro migliori punteggi; da segnalare la vittoria a Tokio del giapponese Takahashi campione del ondo in carica. Il prossimo fine settimana scontro diretto tra Takahashi e Rippon a Skate America la competizione del Gran Prix con più storia alle spalle. Brutta prova dell'italiano Contesti a Skate Canada, che sarà in pista anche a Mosca, mentre nell'ultima prova, il Trophée Eric Bompard di Parigi, esordirà il francese Brian Joubert.

In campo femminile oltre alla vittoria di Carolina Kostner a Tokio, con un risultato che la porterebbe sul podio europeo, bisogna registrare la clamorosa controprestazione della giapponese Mao Asada sempre a Tokio (vice campionessa olimpica e campionessa del mondo in carica). Nelle altre prove vittoria della statunitense Czisny a Skate Canada, dove bisaogna registrare la brutta prova di Valentina Marchei, e della giapponese Miki Ando a Pechino con risultati non eclatanti. Il prossimo fine settimana a Skate America sarà ancora in gara Carolina Kostner ed assieme a lei il podio dell'NHK Trophy con la statunitense Flatt e la giapponesina Kanako Murakami, campione del mondo Junior in carica, al primo anno nelle gare senior che si appresta a seguire le orme delle giapponesi terribili che si sono viste sulle piste internazionali negli ultimi anni. A mosca sarà nuovamente in pista Valentina Marchei mentre a Parigi la giapponese Mao Asada proverà a riscattare la pessima figura di Tokio, anche se la qualificazione per le finali del Gran Prix sembra oramai preclusa.

Per le altre specialità, coppie d'artistico e danza, scriverò un altro post successivamente, perché ora non ho tempo. Da segnalare che il prossimo fine settimana a Skate America saranno in pista tra le coppie di artistico il duo tedesco Savchenko/Szolkowy, la coppia europea più forte dell'ultimo quadriennio (pluricampioni modiali ed europei) che pare abbiano messo nel cassetto i propositi di ritiro espressi al termine dellas corsa stagione.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2950
Registrato: Dec 2004

  postato il 11/11/2010 alle 18:30
Originariamente inviato da Slegar

Dopo il Nordic Open di Kuusamo mi sbilancero in un pronostico per la coppa del mondo anche di combinata nordica.

P.S.: su Zauner mi sbilancio adesso. Lo vedo come uno dei possibili vincitori della Tournee dei Quattro Trampolini (sono pronto ad essere spernacchiato).

Secondo me sei troppo ottimista
Gia' una vittoria in coppa sarebbe un ottimo successo
Vero che nel Salto , da un anno all'altro puo' cambiare molto
Sulla Combinata Nordica avevo notato anche io che era cambiato qualcosa nel regolamento (pero' ci ho capito poco)
Guardo la gara di Fondo ma non so da dove escono i distacchi..
Quando fanno prima il fondo e poi il salto , invece non mi piace per niente
Che ne pensi del Finlandese Tande ? quasi sempre il miglior saltatore dei combinatisti

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Agosto 2010




Posts: 559
Registrato: Sep 2006

  postato il 11/11/2010 alle 19:38
Originariamente inviato da forzainter

Secondo me sei troppo ottimista
Gia' una vittoria in coppa sarebbe un ottimo successo
Vero che nel Salto , da un anno all'altro puo' cambiare molto
Sulla Combinata Nordica avevo notato anche io che era cambiato qualcosa nel regolamento (pero' ci ho capito poco)
Guardo la gara di Fondo ma non so da dove escono i distacchi..
Quando fanno prima il fondo e poi il salto , invece non mi piace per niente
Che ne pensi del Finlandese Tande ? quasi sempre il miglior saltatore dei combinatisti

Ottimista si, ma con cognizione di causa. C'è un precedente illustre, molto recente, dell'austriaco Wolfang Loitl vincitore della Tournee 2008/2009 che prima di allora non aveva vinto nessuna gara di Coppa del Mondo e che, dopo il secondo posto di Oberstdorf dietro Amman, con un filotto di tre vittorie consecutive si è portato a casa il trofeo. Perciò ....

Il regolamento della Combinata Nordica è relativamente semplice. La competizione è formata da un salto dal trampolino e da 10 km con gli sci con partenza ad handicap (metodo Gundersen, quello vero). Il punteggio del salto è formato da due parti: distanza e stile. Per la distanza si moltiplica la lunghezza del salto per un coefficiente correttivo che varia a seconda del punto K del trampolino (distanza topografica tra il punto di stacco ed il punto di diminuzione della pendenza del profilo di atterraggio). Di solito per le gare di Coppa del mondo il coefficiente è 1,5. Per lo stile ci sono 5 giudici che danno un punteggio che varia tra 0 e 20; si scarta il punteggio più alto e quello più basso e si sommano i tre punteggi che restano. La trasformazione del distacco da punti a secondi è data dall'equivalenza 15 p.ti = 1 min cioé 4 sec. = 1 p.to. Per la staffetta l'equivalenza è 45 p.ti = 1 min cioé 1,333 sec. = 1 p.to.

Nelle gare mass start l'equivalenza tra distacco espresso in secondi e punti è la stessa del metodo Gundersen, 4 sec. = 1 p.to, in cui al vincitore della gara di fondo vengono attribuiti 120 p.ti. Comunque questo tipo di gara non piace neanche a me. Di fatto è stata inventata per la Val di Fiemme prima dell'avvento del Tour de Ski quando nella stessa giornata si svolgevano nell'ordine la prova di fondo della combinata nordica, la prova femminile e la prova maschile di coppa del mondo di sci di fondo.

Il norvegese Petter Tande, come David Zauner, ha patito il cambio di formato delle gare, anche se bisogna dire che negli ultimi due anni, soprattutto la scorsa stagione, ha subito un calo di rendimento abbastanza preoccupante. Ha solamente 25 anni per cui dalla sua ha tutto il tempo per ritornare ai livelli della stagione 2007/2008.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2950
Registrato: Dec 2004

  postato il 11/11/2010 alle 20:14
1) Vero Norvegese! C'era anche un Finlandese che era sempre davanti nelle gare di salto (mi sfugge il nome) e poi dopo 4 km a fondo era sempre ripreso
2) Pero' lo stile di Loitzl è perfetto. Zauner deve ancora migliorare, Pero' d'accordo sul fatto che da un anno all'altro , con cambiamenti di posizione (qualche kg in piu' ecc). le sorprese son all'ordine del giorno
3) Grazie per la spiegazione della combinata (magari guardero' anche il salto)

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Agosto 2010




Posts: 559
Registrato: Sep 2006

  postato il 12/11/2010 alle 09:25
Originariamente inviato da forzainter

1) Vero Norvegese! C'era anche un Finlandese che era sempre davanti nelle gare di salto (mi sfugge il nome) e poi dopo 4 km a fondo era sempre ripreso

Probabilmente Jaakko Tallus.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2950
Registrato: Dec 2004

  postato il 15/11/2010 alle 18:18
Originariamente inviato da Slegar

Originariamente inviato da forzainter

1) Vero Norvegese! C'era anche un Finlandese che era sempre davanti nelle gare di salto (mi sfugge il nome) e poi dopo 4 km a fondo era sempre ripreso

Probabilmente Jaakko Tallus.

Esatto
Nella combinata oltre ovviamente ai nostri , non mi dispiaciono gli austriaci (Gottwald in particolare , non so se corra ancora quest'anno. Faceva sempre dei recuperi da paura)

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Agosto 2010




Posts: 559
Registrato: Sep 2006

  postato il 15/11/2010 alle 18:35
Originariamente inviato da forzainter

Nella combinata oltre ovviamente ai nostri , non mi dispiaciono gli austriaci (Gottwald in particolare , non so se corra ancora quest'anno. Faceva sempre dei recuperi da paura)

Venerdì sera ho fatto due chiacchere con lo ski-man dei combinatisti italiani e mi diceva che forse Gottwald si ritira ma che comunque si prende un periodo di pausa, come Ackermann e Manninen, mentre lo statunitense Spillane, doppia medaglia d'argento olimpica a Vancouver, dovrebbe essere infortunato. Per quanto riguarda l'Italia i posti a disposizione in Coppa del Mondo sono tre, però al Nordic Opening di Kuusamo saranno in quattro; Pittin, ovviamente, gareggerà entrambe le gare mentre tra Armin Bauer, Giuseppe Michielli e Lukas Runggaldier saranno scelti due per sabato ed il peggiore in classifica lascerà il posto all'escluso per la gara di domenica.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Agosto 2010




Posts: 559
Registrato: Sep 2006

  postato il 18/11/2010 alle 13:06
Il fine settimana appena trascorso non è stato entusiasmante per i pattini italiani. Ad Heerenveen in Olanda è iniziata la Coppa del Mondo ed i risultati sono in linea, al ribasso, con quelli ottenuti alle Olimpiadi di Vancouver. Il migliore risultato è stato il 7° posto ottenuto da Fabris nei 1.500 m a cui va aggiunto il 12° posto dello stesso atleta nei 5.000 m. probabilmente la cura Gianni Romme deve ancora dare i suoi frutti, sicuramente gli atleti sono ancora in fase di carico nella preparazione, certo che mettere ordine nelle macerie lasciate dal precedente tecnico ci vuole un po' di tempo.

A Skate America, prova di Gran Prix di pattinaggio di figura svolta a Portland, delusione per la prova di Carolina Kostner in testa dopo il corto e caduta durante il libero classificandosi al terzo posto. Peccato, perché era l'occasione per vincere una gara importante; certi difetti tecnici oramai si possono considerare consolidati e perciò penso che negli anni a venire vendremo ancora parecchi ruzzoloni da parte della Kostner (e mi dispiace un sacco dirlo). La vittoria è andata alla giovane giapponese Murakami, nuovo astro nascente del pattinaggio di figura femminile; la qualificazione alla finale del Gran prix non dovrebbe essere in pericolo per la Kostner.

Da segnalare la vittoria nelle coppie coppie di artistico dei tedeschi Savchenko/Szolkowy, con un punteggio finale elevato, al rientro in competizioni ufficiali dopo la fine della scorsa stagione; la classe non è acqua ed hanno dimosttrato di essere, per ora, gli unici che possono impensierire la coppi cinese Pang/Tong (in attesa dei russi Kawaguti/Smirnov campioni europei in carica).

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Eddy Merckx




Posts: 1243
Registrato: Jul 2006

  postato il 20/11/2010 alle 17:32
Già sul podio l'azzurra Adriana Follis nella prima gara di Coppa del Mondo svoltasi a Gaelliware, in Svezia, prova di dieci chilometri,dove è giunta terza, dietro a Marit Bjoergen (Nor)e a Charlotte Kalla. Brava anche Marianna Longa, quattordicesima.
La squadra italiana maschile invece non ha combinato nulla. Alla prossima.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Agosto 2010




Posts: 559
Registrato: Sep 2006

  postato il 22/11/2010 alle 12:30
Questo post dovrebbe andare nel thread "Doping ed antidoping 2010", ma visto che si parla solo di discipline della neve lo posto qui:

http://www.fis-ski.com/uk/news/pressreleases/press-releases-2010/anti-doping-20102011.html

Una cosa balza subito all'occhio: la maggior parte dei test viene eseguita sugli atleti dello sci di fondo e, in numero minore, della combinata nordica (sul numero dei test: gli atleti dello sci di fondo dovrebbero essere un po' meno del 10% dei ciclisti professionisti).

La cosa che mi ha sconcertato di più è stato leggere le statistiche, pubblicate sullo stesso articolo, relative ai bienni 2008/2009 e 2009/2010 ( http://www.fis-ski.com/data/document/statistics-08-09.pdf e http://www.fis-ski.com/data/document/number-doping-controls-2009-2010.pdf ). Per dirla alla Capodacqua: ci sono figli e figliastri. Nello sci alpino non si eseguono i testi antidoping per l'EPO.

In un post di qualche tempo fa, che non riesco a trovare, Morris scriveva che l'EPO serviva anche agli atleti della velocità allo scopo di aumentare i carichi di lavoro in allenamento ed in merito citava le confessioni di Marion Jones sull'assunzione di sostanze dopanti. Nello sci alpino lo sforzo può essere equiparato alla velocità prolungata/mezzofondo veloce (dai 500 ai 1.500 m), perciò è evidente la volontà da parte della FIS di chiudere entrambi gli occhi sulla possibilità che gli atleti possano assumere determinate sostanze dopanti (e qui si entrerebbe in un discorso lunghissimo che non comprende solamente lo sci agonistico ed in cui i sciatori sono trattati alla stregua di carne da macello).

Ma Rasmus Damsgaard, esperto di anti-doping per conto della FIS, è lo stesso che era nella squadra di Riis fino al 2008 (o 2009)?

 

[Modificato il 22/11/2010 alle 12:51 by Slegar]


 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Agosto 2010




Posts: 559
Registrato: Sep 2006

  postato il 22/11/2010 alle 12:48
Originariamente inviato da forzainter

Sci di Fondo Donne : Kuitunen (FIN)

Questo pronostico è meglio che lo cambi, perché la finlandese è fuori squadra (non so se si è ritirata).

E' iniziata la CdM di sci di fondo a Gallivare in Svezia, un centinaio di chilometri sopra il circolo polare artico (ho visto una ventina di minuti di gara ieri e a vedere le immagini mi è venuta una rabbia, perché qui l'inverno ritarda). Eccellente terzo posto della staffetta italiana femminile con la conferma di Silvia Rupil dopo le convincenti prove olimpiche. Per la squadra maschile l'unico aggettivo che mi sento di dare è: avvilente.

Ho notato un'evoluzione tecnica nelle atlete norvegesi in cui si privilegia, fino all'esasperazione, la frequenza nei movimenti a scapito della potenza. Vedrò successivamente se ho preso un abbaglio oppure no.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 1743
Registrato: May 2006

  postato il 22/11/2010 alle 14:18
Originariamente inviato da Slegar
Eccellente terzo posto della staffetta italiana femminile con la conferma di Silvia Rupil dopo le convincenti prove olimpiche. Per la squadra maschile l'unico aggettivo che mi sento di dare è: avvilente.

Il nostro sport femminile ormai ci sta tenendo a galla in quasi tutte le discipline, e quindi anche nel fondo, dove già da un paio d'anni "Adriana" Follis non è più sola (correggo amichevolmente Annasci: Arianna, non Adriana... )

Ieri ho visto la staffetta maschile, e sono anch'io avvilito.
Slegar, chiedo a te che sei un esperto: sbaglio o il declino del fondo maschile italiano è in corso già da diversi anni, ed è stato solo parzialmente "nascosto" dai successi nelle Olimpiadi casalinghe del 2006?
Mi chiedo se c'è qualche ragione di tipo tecnico, oltre all'evidentemente incompiuto ricambio generazionale...

 

____________________
"...Ogni volta che vedo un adulto in bicicletta, penso che per la razza umana ci sia ancora speranza..." (H.G. Wells)

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 5156
Registrato: Apr 2005

  postato il 22/11/2010 alle 14:56
Originariamente inviato da Bitossi

Originariamente inviato da Slegar
Eccellente terzo posto della staffetta italiana femminile con la conferma di Silvia Rupil dopo le convincenti prove olimpiche. Per la squadra maschile l'unico aggettivo che mi sento di dare è: avvilente.


Il nostro sport femminile ormai ci sta tenendo a galla in quasi tutte le discipline, e quindi anche nel fondo, dove già da un paio d'anni "Adriana" Follis non è più sola (correggo amichevolmente Annasci: Arianna, non Adriana... )

Ieri ho visto la staffetta maschile, e sono anch'io avvilito.
Slegar, chiedo a te che sei un esperto: sbaglio o il declino del fondo maschile italiano è in corso già da diversi anni, ed è stato solo parzialmente "nascosto" dai successi nelle Olimpiadi casalinghe del 2006?
Mi chiedo se c'è qualche ragione di tipo tecnico, oltre all'evidentemente incompiuto ricambio generazionale...


Alle quote delle piste da fondo (mai oltre i 1300 metri)l'innevamento è altalenante a seconda delle stagioni qui da noi.
Gli esempi della Bergamasca, della Val d'Intelvi, della Valsassina e del Varesotto sono emblematici: i Polvara, i May, i Carrara (biathlon ma è lo stesso)sciavano fin da bambini a casa loro.
Oggi i bambini delle stesse zone sciano sì e no due mesi l'anno lì in casa loro.
Infatti la Nazionale di fondo tende e tenderà sempre più ad essere formata solo da nati nella provincia di Bolzano.
L'anno scolastico dà due settimane di vacanza.
Il conto è fatto.

 

____________________
nino58

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Agosto 2010




Posts: 559
Registrato: Sep 2006

  postato il 22/11/2010 alle 17:28
(I)

Originariamente inviato da Bitossi

Ieri ho visto la staffetta maschile, e sono anch'io avvilito.
Slegar, chiedo a te che sei un esperto: sbaglio o il declino del fondo maschile italiano è in corso già da diversi anni, ed è stato solo parzialmente "nascosto" dai successi nelle Olimpiadi casalinghe del 2006?
Mi chiedo se c'è qualche ragione di tipo tecnico, oltre all'evidentemente incompiuto ricambio generazionale...

Il declino dello sci di fondo italiano, anche quello femminile purtroppo, è palese meno per chi ne è responsabile. L'inizio del declino è iniziato da quasi quindici anni quando, paradossalmente, eravamo al top e guardavamo dall'alto al basso le nazioni nordiche e la Russia.

Cercando di essere breve e di non fare nomi provo a spiegare, ricordando che la rapida ascesa dello sci di fondo italiano dal 1985 in poi avvenne sia per meriti di preparazione atletica/medica (la FISI fu una delle prime federazioni italiane che si appoggiò a Conconi nel 1981 - 1982) ma soprattutto per motivi tecnici. L'avvento della tecnica del passo di pattinaggio nella stagione 1984/85 permise di colmare in breve il gap che allora avevamo tecnico con le nazioni nordiche; la tecnica della sciata a skating, di fatto, è una invenzione tutta italiana. Quando dalla stagione 1986/87 è stata, di fatto, riammessa la tecnica classica nelle competizioni la direzione tecnica di allora ha proseguito nel perfezionamento della tecnica del passo di pattinaggio, mentre per quanto riguarda la tecnica classica si è cercato di rincorrere i nordici senza pensare a qualcosa di nuovo (come invece hanno fatto i tedeschi).

All'inizio degli anni '90, ai tempi di Lillehammer e di Thunder Bay, l'allora direzione tecnica decise di investire meno in tecnica e di più in campo prestazionale/farmacologico soprattutto a livello juniores (in quegli anni gli junior erano nati nel 1974/1975 circa). Con questo sistema, in campo giovanile, non si andava più alla ricerca dei più dotati ma dei più elaborati. Il risultato di questa politica scellerata lo trovi scritto nella classifica della 15 km a skating di sabato scorso in CdM:
http://www.fis-ski.com/uk/604/610.html?sector=CC&raceid=17435

Gli anni di nascita degli atleti italiani sono: 1972 - 1974 - 1980 - 1981 - 1982 - 1983 - 1988. Manca completamente la fascia di quelli nati nella seconda metà degli anni '70, atleti che hanno vinto titoli a grappoli nelle categorie juniores e che quando si sono affacciati in CdM alla fine degli anni '90, anche in maniera clamorosa con risultati nella Top 10, sia a livello internazionale che nazionale sono stati "invitati a rientrare nei ranghi" per evitare spiacevoli inconvenienti (gli anni sono tristemente quelli ...). Già alle olimpiadi del 2002 avevamo una squadra "vecchia" in cui i più giovani, e più bravi, erano Piller Cottrer e Zorzi.

I nati dal 1980 al 1983 provengono dall'unico tentativo di invertire la rotta qual'è stata la squadra "Torino 2006", uno dei pochi meriti della presidenza Coppi. Dopo le Olimpiadi di Salt Lake City del 2002 e sotto la direzione tecnica di Marco Albarello si è avviato questo progetto di valorizzazione dei migliori juniores, ma non solo, italiani per poterli preparare al meglio sia per le olimpiadi ma soprattutto per il dopo. Si è cercato di valutare le prestazioni "al netto" di aiuti farmacologici, ma soprattutto si è avviato un lavoro di perfezionamento sulla tecnica che ha dato i suoi frutti sugli atleti della nazionale, mentre a livello di comitati territoriali il dialogo era tra sordi (non entro nel merito, altrimenti dovrei scrivere per giorni).

… (segue) …

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Agosto 2010




Posts: 559
Registrato: Sep 2006

  postato il 22/11/2010 alle 17:28
(II)

Dopo Torino 2006 in federazione è arrivato alla presidenza Morzenti (un mio amico l'ha definito così: E' un delinquente che merita di stare dove sappiamo. Che esempio vogliamo dare ai giovani quando a capo della federazione c'è una persona del genere, che fa del delinquere il suo stile di vita?). Il presidente è un personaggio per cui chi non è con lui deve essere fatto fuori ed Albarello non era dalla sua parte. Poiché lo sci da fondo era uscito da Torino 2006 con eccellenti risultati, pareva brutto far fuori Albarello ed il suo entourage subito, perciò alla fine della stagione 2007, dopo aver eliminato la squadra sprint, dopo i mondiali in Giappone e su pressione dei “senatori” con Piller Cottrer in testa, Albarello era stato esautorato con tutto il suo staff tecnico per fare posto all’attuale direzione tecnica, la quale porta avanti il settore con sistemi pre-Albarello.

I risultati della gestione attuale sono evidenti. Dopo la stagione 2007/2008 le seconde linee hanno subito una involuzione tecnica e di risultati preoccupante e la parabola di Valerio Checchi ne è la dimostrazione.

Per fotografare la situazione dello sci di fondo italiano basta vedere com’è organizzata, almeno fino allo scorso anno, l’attività di vertice. Il calendario internazionale prevede metà gare in tecnica classica e metà gare in tecnica libera. Inoltre metà delle gare, circa, sono di distanza e l’altra metà sprint. In tecnica classica gli italiani stanno regredendo mentre la squadra sprint non c’era più, quindi gli italiani possono fare bene solo nel 25% delle gare (e Gallivare era in questo 25%).

Ulteriore considerazione. Nella gestione Albarello nello staff tecnico era inserito Giuseppe Chenetti, uno degli allenatori più quotati a livello internazionale. Quando è stato esautorato Albarello, ovviamente, anche per Chenetti la sorte era segnata e c’era già la fila delle nazionali straniere pronte a metterlo sotto contrattto. Fortunatamente l’idiozia delle persone non è illimitata, e a tutti non piace emigrare, e così Chenetti è stato “messo al confino” nella combinata nordica pur di non darlo alle squadre straniere. Il risultato è stato clamoroso; la medaglia olimpica di Pittin non è stata frutto del caso e la nazionale giovanile, pur con risorse economiche ed umane limitatissime, continua ad ottenere piazzamenti sul podio in Alpen Cup (l’equivalente della Coppa Europa di sci alpino).

Sui rapporti tra gestione tecnico/agonistica e comitati territoriali si potrebbe scrivere un libro. Basta guardare i thread del ciclismo che parlano della federazione e apportare gli opportuni correttivi e si è già detto tutto.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Eddy Merckx




Posts: 1243
Registrato: Jul 2006

  postato il 23/11/2010 alle 01:07
Originariamente inviato da Bitossi
correggo amichevolmente Annasci: Arianna, non Adriana... )
Ei tu, bello, non rimarcarmi troppo le sviste di scrittura! Con la Follis mi son trovata a gareggiare nello sci alpinismo quando lei era alle sue primissime esperienze; e con il fratello Leonardo, sempre nello sci alpinismo, ho condiviso podi nelle premiazioni m e f.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 1743
Registrato: May 2006

  postato il 23/11/2010 alle 14:07
Originariamente inviato da annasci

Originariamente inviato da Bitossi
correggo amichevolmente Annasci: Arianna, non Adriana... )
Ei tu, bello, non rimarcarmi troppo le sviste di scrittura! Con la Follis mi son trovata a gareggiare nello sci alpinismo quando lei era alle sue primissime esperienze; e con il fratello Leonardo, sempre nello sci alpinismo, ho condiviso podi nelle premiazioni m e f.

Non prendertela Anna, la mia è deformazione professionale...
Non sapevo di queste tue esperienze ad altissimo livello: complimenti!

PS: grazie per il "bello"...

 

____________________
"...Ogni volta che vedo un adulto in bicicletta, penso che per la razza umana ci sia ancora speranza..." (H.G. Wells)

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2950
Registrato: Dec 2004

  postato il 23/11/2010 alle 18:06
Originariamente inviato da Slegar

Originariamente inviato da forzainter

Sci di Fondo Donne : Kuitunen (FIN)

Questo pronostico è meglio che lo cambi, perché la finlandese è fuori squadra (non so se si è ritirata).

E' iniziata la CdM di sci di fondo a Gallivare in Svezia, un centinaio di chilometri sopra il circolo polare artico (ho visto una ventina di minuti di gara ieri e a vedere le immagini mi è venuta una rabbia, perché qui l'inverno ritarda). Eccellente terzo posto della staffetta italiana femminile con la conferma di Silvia Rupil dopo le convincenti prove olimpiche. Per la squadra maschile l'unico aggettivo che mi sento di dare è: avvilente.

Ho notato un'evoluzione tecnica nelle atlete norvegesi in cui si privilegia, fino all'esasperazione, la frequenza nei movimenti a scapito della potenza. Vedrò successivamente se ho preso un abbaglio oppure no.

gia le finlandesi ogni tanto spariscono..
Visto che mi dai una seconda chance metto la Kalla (la Bjorgen per me fara' meno della meta' delle gare di coppa)

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2950
Registrato: Dec 2004

  postato il 23/11/2010 alle 18:18
Originariamente inviato da Slegar

(II)

Dopo Torino 2006 in federazione è arrivato alla presidenza Morzenti (un mio amico l'ha definito così: E' un delinquente che merita di stare dove sappiamo. Che esempio vogliamo dare ai giovani quando a capo della federazione c'è una persona del genere, che fa del delinquere il suo stile di vita?). Il presidente è un personaggio per cui chi non è con lui deve essere fatto fuori ed Albarello non era dalla sua parte. Poiché lo sci da fondo era uscito da Torino 2006 con eccellenti risultati, pareva brutto far fuori Albarello ed il suo entourage subito, perciò alla fine della stagione 2007, dopo aver eliminato la squadra sprint, dopo i mondiali in Giappone e su pressione dei “senatori” con Piller Cottrer in testa, Albarello era stato esautorato con tutto il suo staff tecnico per fare posto all’attuale direzione tecnica, la quale porta avanti il settore con sistemi pre-Albarello.

I risultati della gestione attuale sono evidenti. Dopo la stagione 2007/2008 le seconde linee hanno subito una involuzione tecnica e di risultati preoccupante e la parabola di Valerio Checchi ne è la dimostrazione.

Per fotografare la situazione dello sci di fondo italiano basta vedere com’è organizzata, almeno fino allo scorso anno, l’attività di vertice. Il calendario internazionale prevede metà gare in tecnica classica e metà gare in tecnica libera. Inoltre metà delle gare, circa, sono di distanza e l’altra metà sprint. In tecnica classica gli italiani stanno regredendo mentre la squadra sprint non c’era più, quindi gli italiani possono fare bene solo nel 25% delle gare (e Gallivare era in questo 25%).

Ulteriore considerazione. Nella gestione Albarello nello staff tecnico era inserito Giuseppe Chenetti, uno degli allenatori più quotati a livello internazionale. Quando è stato esautorato Albarello, ovviamente, anche per Chenetti la sorte era segnata e c’era già la fila delle nazionali straniere pronte a metterlo sotto contrattto. Fortunatamente l’idiozia delle persone non è illimitata, e a tutti non piace emigrare, e così Chenetti è stato “messo al confino” nella combinata nordica pur di non darlo alle squadre straniere. Il risultato è stato clamoroso; la medaglia olimpica di Pittin non è stata frutto del caso e la nazionale giovanile, pur con risorse economiche ed umane limitatissime, continua ad ottenere piazzamenti sul podio in Alpen Cup (l’equivalente della Coppa Europa di sci alpino).

Sui rapporti tra gestione tecnico/agonistica e comitati territoriali si potrebbe scrivere un libro. Basta guardare i thread del ciclismo che parlano della federazione e apportare gli opportuni correttivi e si è già detto tutto.

In piu' il numero di praticanti Under 20 attuale è inferiore a quello degli anni 80.
Base meno importanti meno futuri talenti
E' un discorso simile a quello del ciclismo e dell'Atletica (mezzofondo e fondo)o per i lavori usuranti (lasciati agli stranieri)
Di far fatica non c'e' piu' tanta voglia



 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Agosto 2010




Posts: 559
Registrato: Sep 2006

  postato il 26/11/2010 alle 19:09
Originariamente inviato da Slegar

Dopo il Nordic Open di Kuusamo mi sbilancero in un pronostico per la coppa del mondo anche di combinata nordica.

La Coppa del Mondo inizia come era finita: vittoria del francese Jason Lamy Chappuis, per cui il mio favorito per la vittoria finale è lui. Disastrosa gara degli italiani nella prova di salto, tutti oltre il 40° posto finale.

Sempre a Kuusamo per lo sci di fondo gare sprint a tecnica classica. Nelle donne vittoria della norvegese Marit Bijoergen, autentica dominatrice di inizio stagione, ed eccellente 6ª posizione per Marianna Longa ed 8ª per Arianna Follis. Nei maschi altra vittoria norvegese con John Kristian Dahl, uno dei migliori interpreti delle sprint a tecnica classica, con eccellente 5ª posizione di Renato Pasini.

Domani inizia la coppa di salto speciale e la aspetto con impazienza.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Eddy Merckx




Posts: 1243
Registrato: Jul 2006

  postato il 27/11/2010 alle 00:23
Originariamente inviato da Slegar
.............. eccellente 6ª posizione per Marianna Longa ed 8ª per Arianna Follis. Nei maschi altra vittoria norvegese con John Kristian Dahl, uno dei migliori interpreti delle sprint a tecnica classica, con eccellente 5ª posizione di Renato Pasini.
Buona giornata per il fondo italiano anche perché ci sono piazzamenti dove la tecnica classica non è la preferita. Renato Pasini è in progress. Peccato per la rottura del bastoncino al fratello Fabio. Nelle sprint il rischio di piccoli incidenti è alto.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2950
Registrato: Dec 2004

  postato il 27/11/2010 alle 11:25
Originariamente inviato da Slegar
La Coppa del Mondo inizia come era finita: vittoria del francese Jason Lamy Chappuis, per cui il mio favorito per la vittoria finale è lui. Disastrosa gara degli italiani nella prova di salto, tutti oltre il 40° posto finale.


Domani inizia la coppa di salto speciale e la aspetto con impazienza.

1) Gottwald c'e' ancora , ovvia rimonta da 21 a 4..
3 Austriaci negli 8
2) Gia messo il Timer su Mysky
oggi Gara a squadre , una sconfitta dell'austria la vedo difficile

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Agosto 2010




Posts: 559
Registrato: Sep 2006

  postato il 27/11/2010 alle 20:10
Oggi l'Austria ha maramaldeggiato nella prova a squadre con il suo "Dream team" Schliri, Morgi, Loitzl e Kofler.
Capitolo Italia. Nel fondo femminile le italiane si sono difese benissimo in una tecnica, ed una neve, difficile (9ª Longa, 15ª Follis, 24ª Genuin) ed un posto sul podio nella gara ad inseguimento di domani non appare un miraggio. Vittoria della solita Bjoergen con la Kowalczyk in scia che inizia ad ingranare (ho scommesso la birra con forzainter, perciò non mi deve tradire).

Il fondo maschile continua il suo avvilente momento. Il migliore è stato il giovane Dietmar Noeckler (il cui posto è assicurato nella prima parte di stagione in quanto vincitore della Coppa Europa dello scorso anno, altrimenti col cavolo che Fauner lo convocava). Per il resto non voglio neanche commentare e perciò chi vuole guarda qua:
http://www.fis-ski.com/uk/604/610.html?sector=CC&raceid=17441

Nella Combinata Nordica già segnalata la vittoria di Gottwald con gli italiani un po' meglio di ieri (24° Pittin), ma ancora distanti dalle loro potenzialità.

C'è da dire, sia per il salto che per la combinata nordica, che le condizioni del vento erano molto difficili, per cui chi non è in possesso di una tecnica di primissimo livello si trova in difficoltà (vedi il combinatista Moan che in due gare ha collezionato un ritiro ed un 26° posto).

Ulteriore nota di cronaca: il combinatista finlandese Annsi Koivouranta è passato al salto ed oggi ha gareggiato in squadra assieme ad Ahonen (che è uno tosto ed uno dei miei saltatori preferiti).

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2950
Registrato: Dec 2004

  postato il 29/11/2010 alle 20:10
Slegar Ma Gottwald che risultati avrebbe potuto ottenere nello sci di fondo ? Per me nello skating era nei primi 20 al mondo

Bella doppietta austriaca nel salto (strano il secondo salta di Gregorio..)

Bella prova della Brignone nel Gigante

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote
<<  4    5    6    7  >> Nuovo Thread  Nuova risposta   Nuovo sondaggio
 
Powered by Lux sulla base di XMB
Lux Forum vers. 1.6
1.5049260