Board logo

Il Forum di Cicloweb

Non hai fatto il login | Login Pagina principale > OT > Parliamo di Sport invernali
Nuovo Thread  Nuova risposta  Nuovo sondaggio
< Ultimo thread   Prossimo thread >  |  Versione stampabile
<<  1    2    3    4    5    6  >>
Autore: Oggetto: Parliamo di Sport invernali

Livello Fausto Coppi




Posts: 1743
Registrato: May 2006

  postato il 06/12/2008 alle 15:17
Originariamente inviato da babeuf
Nelle donne a Lake Louise dominio di Marianne Vonn...

Quindi la Kildow, dopo il cognome, ha cambiato anche il nome? (e pure la località canadese, non è dedicata all'Armstrong musicista!)

Scherzi a parte, [la Vonn è nata il mio stesso giorno, il 18 ottobre - per inciso, restando sul musicale, come Wynton Marsalis, Chuck Berry e Anita O'Day (anche se alcuni siti erroneamente dicono l'8) - e quindi la tengo d'occhio... ], vorrei sollevare l'attenzione sull'incidente a Crazy Horse Miller.
Secondo me ha rischiato un incidente grave, per la voglia di stare dentro, sulla falsariga del povero Lanzinger dell'anno scorso... (riguardandolo, l'austriaco aveva fatto un numero da fuoriclasse).
Per fortuna le conseguenze sono state molto diverse...

 

____________________
"...Ogni volta che vedo un adulto in bicicletta, penso che per la razza umana ci sia ancora speranza..." (H.G. Wells)

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 4168
Registrato: Apr 2008

  postato il 06/12/2008 alle 15:36
Originariamente inviato da Bitossi

Originariamente inviato da babeuf
Nelle donne a Lake Louise dominio di Marianne Vonn...

Quindi la Kildow, dopo il cognome, ha cambiato anche il nome? (e pure la località canadese, non è dedicata all'Armstrong musicista!)


ma guarda un po', con tutte queste grandi dello sport mi confondo... la VOS si chiama Marianne, la VONN si chiama Linsdey!!!

grandi campionesse entrambe comunque, delle vere dominatrici nei rispettivi sport

 

____________________

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2950
Registrato: Dec 2004

  postato il 06/12/2008 alle 17:26
Originariamente inviato da Salvatore77

Kjus
Alphand
Maier
Kius
Maier
Maier
Stephan Eberharter
Stephan Eberharter
Maier
Miller
Raich
Svindal
Miller

Ditemi un pò voi questa gente dove ha raccolto i punti necessari per vincere? Nelle discipline veloci. Alcuni di questi non hanno mai fatto slalom e in gigante raccoglievano meno punti che in super-g e in discesa. E' questo che dico. Sapere che l'anno scorso Grange, Ligety hanno fatto centinaia e centinaia di punti non significa che avevano possibilità di vincere la coppa del mondo generale. Tant'è vero che Moelegg ha cominciato a fare anche altre discipline oltre al gigante e slalom.
Questo è ciò che volevo dire. Ormai la coppa del mondo favorisce gli sciatori veloci e quindi vinceranno le CdM chi raccoglierà bei punti in discesa che è una disciplina regina e in super-g che è un clone della discesa. Poi se in Austria hanno nel dna di iniziare con la discesa, che poi gli Austriaci domina le gare veloci (un tempo ora un pò meno) che poi comandano tutti gli Austriaci che fanno tutto a loro comondo questo è un altro discorso. Ma i poteri forti ci sono in tutti gli sport e non possiamo farci niente.
Sui materiali non è opinione mia ma è certo, cioè scientifico che certi sci fruttano un secondo sugli altri. Tempo fà, quando avevo più tempo, su invito di M. Cotelli, mi studiavo gli ordini di arrivo delle discese, soprattutto cercavo quei siti dove c'era la divisione dei tempi per settori sia nelle prove ma soprattutto in gara. In certe discese, certi settori di pura scorrevolezza che a volte sono 20 secondi e a volte sono anche un minuto, alcuni sciatori davano 0.50 o anche 1 secondo agli altri, poi nei curvoni e in altri settori magari perdevano un pò. Quindi nelle discese, i materiali contano molto di più di quello che pensiamo noi, e non parlo solo di scioline o di sostanze messe prima della gara, parlo di ricerca, materiali innovativi ecc. cioè tanti soldi spesi per raggiungere questo risultato.
Nelle discipline tecniche questo divario non c'è o comunque è meno influente.

Non mi viene in mente altro.

Fino all'introduzione degli sci corti chi andava forte in slalom faceva quasi sempre altrettanto bene in gigante (vedi Stenmark , Tomba ecc)
Con l'introduzione degli sci corti , questo succede piu' raramente (lo slalom purtroppo si è iper specializzato)
Per quello che salvo Raich (lui i punti li ha fatti essenzialmente nelle discipline tecniche) , negli ultimi anni il vincitore della coppa è stato quasi sempre un supergigantista (piu' che un discesista)
Le discese sono state rese sempre piu' tecniche (una volta seguivano solo il pendio , adesso invece le porte son sempre piu' angolate) e i giganti piu' veloci

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3791
Registrato: Sep 2007

  postato il 06/12/2008 alle 19:04
Sono pienamente daccordo con forzainter. Inoltre aggiungo che la specializzazione nelle discipline tecniche è diventata ormai l'arma in più. E' molto raro vedere sciatori che stanno nel mini gruppo in slalom e gigante.
Questo fi fa venire in mente un'altra situazione molto diffusa in Italia, cioè la scarsa attitudine alla polivalenza. Blardone e qualche altro italiano fanno solo il gigante, gli slalomisti fanno solo quello e i discesisti non riescono a fare punti in Gigante, tranne Fill che però ne fa pochi. Mi piacerebbe avere un polivalente in grado di fare la classifica generale. Magari Fill se matura può essere uno, ma Svindal mi sembra ancora un gradino al di sopra di tutti.

 

____________________
FANTACICLISMO 2008 Campione Olimpico in linea - S. Sebastian - Parigi Bruxelles - Vincitore classifica generale grandi giri (10° Giro - 10° Tour - 4° Vuelta) 1 tappa al Tour - 4 tappe alla Vuelta 9° classifica finale.
FANTACICLISMO 2009 Liegi-Bastogne-Liegi 2° classifica finale Giro d'Italia - 2 tappe - 1 giorno in maglia rosa - Best Belgio - 5° classifica finale

66 punti (nel 2008) + 115 punti (nel 2009) di vantaggio su Frejus: la mia nemesi!

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 5641
Registrato: Nov 2005

  postato il 06/12/2008 alle 19:13
Originariamente inviato da Salvatore77
Caro Antonello64, ho la vaga impressione che tu ti stai prendendo gioco di me.
Io ho scritto parecchio di sci, ma su tutto ciò che ho scritto hai sempre una opinione contraria, sforzandoti anche di riempire i tuoi posts di analisi statistiche quando si parla di opinioni soggettive e viceversa opinioni soggettive quando parlano i numeri. Sono molto deluso dal tuo comportamento.


se hai avuto questa impressione mi dispiace veramente tanto: non era certo nelle mie intenzioni prendere in giro nessuno, tantomeno te che hai più volte di essere una persona competente.


Mi piacerebbe scindere le opinioni soggettive dai numeri almeno parliamo la stessa lingua e così ogni opinione personale resta tale e quindi possono essere diverse fra loro, mentre i numeri devono essere una cosa univoca e oggettiva.
Grazie.


Non sono d'accordo sul fatto che i numeri siano una cosa univoca e oggettiva: i numeri vanno interpretati ed è sulla base di queste interpretazioni che si formano le opinioni.
Come diceva il grande Dan Peterson, ci sono le verità, le bugie e le statistiche.


SECONDO ME il siper-g è molto più affine alla discesa


il super-G è nato per dare una seconda prova ai discesisti, che fino a metà degli anni 80 erano parecchio penalizzati nei confronti degli slalomisti-gigantisti nella classifica assoluta di Coppa.
Si è sempre discusso riguardo al tracciato, che, almeno nei primi anni, aveva degli sbalzi enormi, tanto che talvolta era un vero gigante e qualche altra una quasi discesa.
Poi ci si è abbastanza uniformati, anche perchè sono venuti fuori sciatori più completi, capaci di andar forte sia nei tratti veloci che nei tratti tecnici.
Inoltre è cambiata la concezione della discesa: le piste per i cosiddetti "slittoni", che una volta erano la norma, oggi non si vedono praticamente più, e anche le piste storiche di scorrimento puro, come Valgardena e Val d'Isere, si tende a renderle il più tecniche possibile.
In definitiva una volta il discesista doveva essere molto forte sulla scorrevolezza e meno sulle curve, oggi è tutto il contrario.


Sulla questione della velocità, io sono ancora convinto che un atleta veloce ha più gare a cui può partecipare con possibilità di vittoria. Sono molto rari i casi di slalomisti che vincono i giganti e molto rari i gigantisti che vincono in slalom mentre chi vinve in discesa può sicuramente vincere un super-g e viceversa. Non ci sono santi: è così.


io invece sono convinto che il calendario sta lì, è neutro e dà a tutti le stesse possibilità.
Che poi tra i discesisti ci possano essere atleti più versatili e più bravi è un altro discorso.
D'altra abbiamo visto che atleti come Miller e Raich sono partiti dallo slalom e sono stati capaci di vincere la Coppa assoluta: se altri non ci riescono è colpa loro, non si può dare la colpa a chissà chi.


sul fatto che il super-g è un doppione della discesa e quindi questo agevola gli sciatori veloci ad aggiudicarsi gare e coppe del mondo.


il super-G è nato per quello: sarebbe assurdo se non fosse così.

Allora vediamo un pò chi ha vinti le ultime 13 coppe del mondo


tutta gente molto forte in almeno 3 specialità su 4 (a parte Alphand, che è un pò un'eccezione come lo fu Tomba).
A proposito, perchè 13 e non 14? Tomba non ci stava bene in questa lista?

Questo è ciò che volevo dire. Ormai la coppa del mondo favorisce gli sciatori veloci e quindi vinceranno le CdM chi raccoglierà bei punti in discesa che è una disciplina regina e in super-g che è un clone della discesa.


no, la Coppa non favorisce nessuno: le gare sono lì a disposizione di tutti ed aperte a tutti.
Evidentemente tra gli slalomisti o non ci sono poi veri fuoriclasse (è possibilissimo, visto che nelle nazioni guida lo slalom conta poco) oppure c'è gente che pur avendone le potenzialità non se la sente di rischiare in discesa (colpa loro, e titolo di merito invece per chi in discesa rischia l'osso del collo).
In ogni caso è troppo comodo rifugiarsi nel proprio orticello, senza prendere rischi di nessun tipo (sia fisici che sportivi) e poi lamentarsi se invece chi questi rischi le prende poi ti surclassa nella classifica generale.
Se non sei competitivo in almeno 3 specialità su quattro, oggi non vai da nessuna parte.

Poi se in Austria hanno nel dna di iniziare con la discesa, che poi gli Austriaci domina le gare veloci (un tempo ora un pò meno) che poi comandano tutti gli Austriaci che fanno tutto a loro comondo questo è un altro discorso. Ma i poteri forti ci sono in tutti gli sport e non possiamo farci niente.


non è questione di poteri forti, ma di scelte.
In Austria e in Svizzera si cercano di formare sciatori il più completi possibili, dalle altre parti magari no.

Sui materiali non è opinione mia ma è certo, cioè scientifico che certi sci fruttano un secondo sugli altri. Tempo fà, quando avevo più tempo, su invito di M. Cotelli, mi studiavo gli ordini di arrivo delle discese, soprattutto cercavo quei siti dove c'era la divisione dei tempi per settori sia nelle prove ma soprattutto in gara. In certe discese, certi settori di pura scorrevolezza che a volte sono 20 secondi e a volte sono anche un minuto, alcuni sciatori davano 0.50 o anche 1 secondo agli altri, poi nei curvoni e in altri settori magari perdevano un pò. Quindi nelle discese, i materiali contano molto di più di quello che pensiamo noi, e non parlo solo di scioline o di sostanze messe prima della gara, parlo di ricerca, materiali innovativi ecc. cioè tanti soldi spesi per raggiungere questo risultato.


scusa, tu mi stai dicendo che alcuni atleti gareggiano con determinati materiali già consapevoli che partiranno con un handicap pesante proprio a causa di quei materiali, e nonostante ciò non fanno nulla per avere a disposizione i materiali più competitivi?
Sarebbero dilettanti della peggior specie se fosse vera una cosa del genere.
Nel nuoto, quando si è visto che determinati costumi portavano grossi vantaggi, tutti quanti hanno fatto a gara per averli.
Risultato: alle Olimpiadi tutti avevano a disposizione i migliori costumi sul mercato.
Nello sci non è così? davvero gli atleti rischiano in discesa, ben sapendo di partire già penalizzati a causa dei materiali, e non fanno nulla per eliminare questo handicap?

Nelle discipline tecniche questo divario non c'è o comunque è meno influente.


eppure Mario Cotelli ogni volta che Tomba vinceva, rimarcava il fatto che i suoi sci erano i migliori e gli davano sensibili vantaggi.
Piccola domanda: gli avversari di Tomba erano coscienti del vantaggio che gli sci davano ad Alberto?
Se la risposta è no, sarebbe stato il caso di lasciar perdere lo sci e dedicarsi alla cura degli ortaggi; se la risposta è si, come mai non prendevano le giuste contromisure per dotarsi anche loro del materiale migliore? troppa fatica?
O forse esagerava Cotelli quando parlava dell'importanza dei materiali?

Altra considerazione: se davvero qualche marca di sci avesse dato dei vantaggi sensibili nei confronti di altre marche, allora avrebbero dovuto vincere sempre o quasi gli atleti che usavano quella marca lì.
Era sempre così? Davvero gli atleti di una determinata marca vincevano almeno l'80-90% delle gare?

 

____________________
"L'uomo da battere è Gianni Bugno, e quasi certamente non riusciremo a batterlo" (Greg Lemond, Stoccarda, 24 agosto 1991)

"Il rock è jazz ignorante" (Thelonious Monk)

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2950
Registrato: Dec 2004

  postato il 07/12/2008 alle 12:49
Originariamente inviato da antonello64

eppure Mario Cotelli ogni volta che Tomba vinceva, rimarcava il fatto che i suoi sci erano i migliori e gli davano sensibili vantaggi.
Piccola domanda: gli avversari di Tomba erano coscienti del vantaggio che gli sci davano ad Alberto?
Se la risposta è no, sarebbe stato il caso di lasciar perdere lo sci e dedicarsi alla cura degli ortaggi; se la risposta è si, come mai non prendevano le giuste contromisure per dotarsi anche loro del materiale migliore? troppa fatica?
O forse esagerava Cotelli quando parlava dell'importanza dei materiali?

Altra considerazione: se davvero qualche marca di sci avesse dato dei vantaggi sensibili nei confronti di altre marche, allora avrebbero dovuto vincere sempre o quasi gli atleti che usavano quella marca lì.
Era sempre così? Davvero gli atleti di una determinata marca vincevano almeno l'80-90% delle gare?

I Rossignol quando correva Tomba (o meglio dal 1988 al 1993) erano nettamente la miglior marca per le discipline tecniche
Perche' gli altri non cambiavano ? be c'erano dei contratti economic
L'80-90 % no pero' se guardi le classifiche di coppa fra il 1998 e il 2004 l'Atomic ha dominato in lungo in largo (per la 5 non so dirti ma in talune gare anche 5 su 5)
Oltre agli sci molto determinanti sono gli ski-man
Al ritiro di Eberharter , il suo skiman era senza contratto , a peso d'oro Miller se l'e' preso , nei tratti di scorrimento il suo livello da 7 è diventato 9

Coppa del Mondo 1999 (vado a memoria per le marche)

1 Kjus - Atomic
2 Aamodt - Dynastar
3 Maier - Atomic
4 Eberharter - Atomic
5 Knauss - Atomic

dal 1998 al 2007 la Coppa del Mondo è stata vinta da atleti della stessa marca (Atomic)

ps chiedo scusa se ho fatto pubblicità alle marche


 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 4168
Registrato: Apr 2008

  postato il 07/12/2008 alle 18:45
Ieri prestazioni SPAVENTOSE di Svindal e Maier che hanno davvero dato spettacolo, il norvegese sembra avere un marcia in più di tutti, ha una classe immensa e potrebbe anche essere il nuovo dominatore dello sci, anche se, ne sono sicuro, Miller (ieri sprecone), Raich e Albrecht non staranno a guardare.

Bravo Innerhofer, bravino Fill, stava andando bene pure Staudacher ma è saltato.

 

____________________

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 5641
Registrato: Nov 2005

  postato il 07/12/2008 alle 18:48
Originariamente inviato da forzainter
I Rossignol quando correva Tomba (o meglio dal 1988 al 1993) erano nettamente la miglior marca per le discipline tecniche
Perche' gli altri non cambiavano ? be c'erano dei contratti economici


mi dispiace ma non è accettabile una risposta del genere.
Anche nel nuoto c'erano dei contratti eppure Magnini & C. a Pechino sono riusciti ad avere i costumi migliori.

Delle due l'una: o gli staff tecnici, federazioni e avversari di Tomba erano un mucchio di dilettanti allo sbaraglio, oppure i Rossignol non facevano poi questa gran differenza di cui qualcuno favoleggiava.


L'80-90 % no pero' se guardi le classifiche di coppa fra il 1998 e il 2004 l'Atomic ha dominato in lungo in largo (per la 5 non so dirti ma in talune gare anche 5 su 5)


nel sito di Matteo Pacor ci sono anche le classifiche per marche degli ultimi anni.
L'Atomic vince più o meno il 26-28% delle gare mentre le altre marche stanno sotto il 20%: non mi sembrano cifre tali da poter dire che lo sci fa la differenza.
Se poi gli Atomic equipaggiano i team migliori, cioè quelli più ricchi, meglio organizzati e con i migliori atleti, allora una differenza del genere è assolutamente fisiologica.

Oltre agli sci molto determinanti sono gli ski-man


ecco, questo lo ritengo già più probabile, perchè mentre il materiale tecnico migliore possono averlo tutti, la stessa cosa non è possibile per il materiale umano.
Diciamo allora che assieme all'atleta vince anche il suo staff.

 

____________________
"L'uomo da battere è Gianni Bugno, e quasi certamente non riusciremo a batterlo" (Greg Lemond, Stoccarda, 24 agosto 1991)

"Il rock è jazz ignorante" (Thelonious Monk)

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 4168
Registrato: Apr 2008

  postato il 07/12/2008 alle 19:45
Nadia Fanchini, vittima delle follie del Coni la scorsa stagione, oggi si va a prendere una grandissima vittoria battendo addirittura la Vonn... una sciatrice dal grandissimo talento, speriamo che sia l'atleta buona per lo sci italiano per la classifica di coppa visto che è fortissima in discesa e competitiva in gigante.

 

____________________

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2950
Registrato: Dec 2004

  postato il 08/12/2008 alle 10:54
Originariamente inviato da antonello64

Originariamente inviato da forzainter
I Rossignol quando correva Tomba (o meglio dal 1988 al 1993) erano nettamente la miglior marca per le discipline tecniche
Perche' gli altri non cambiavano ? be c'erano dei contratti economici


mi dispiace ma non è accettabile una risposta del genere.
Anche nel nuoto c'erano dei contratti eppure Magnini & C. a Pechino sono riusciti ad avere i costumi migliori.

Delle due l'una: o gli staff tecnici, federazioni e avversari di Tomba erano un mucchio di dilettanti allo sbaraglio, oppure i Rossignol non facevano poi questa gran differenza di cui qualcuno favoleggiava.


L'80-90 % no pero' se guardi le classifiche di coppa fra il 1998 e il 2004 l'Atomic ha dominato in lungo in largo (per la 5 non so dirti ma in talune gare anche 5 su 5)


nel sito di Matteo Pacor ci sono anche le classifiche per marche degli ultimi anni.
L'Atomic vince più o meno il 26-28% delle gare mentre le altre marche stanno sotto il 20%: non mi sembrano cifre tali da poter dire che lo sci fa la differenza.
Se poi gli Atomic equipaggiano i team migliori, cioè quelli più ricchi, meglio organizzati e con i migliori atleti, allora una differenza del genere è assolutamente fisiologica.

Oltre agli sci molto determinanti sono gli ski-man


ecco, questo lo ritengo già più probabile, perchè mentre il materiale tecnico migliore possono averlo tutti, la stessa cosa non è possibile per il materiale umano.
Diciamo allora che assieme all'atleta vince anche il suo staff.

1) Economicamente lo sci , escludendo l'italia dei corpi militari , si basa essenzialmente su sponsor e marche da sci. Se hai un contratto con una determinata marca non puoi cambiarlo (se no ci sono penali)
La Svizzera per un certo periodo ha avuto grossi problemi con le tute , pare che nel primo tratto di scorrimento di Wengen (prima dell'Hunchof , spero si scriva cosi') , in 45 secondi tutto i suoi sciatori perdevano 7 decimi , nonostante quello c'era un contratto e non han cambiato le tute (i soldi evidentemente erano piu' importanti)
2) Non parlavo degli ultimi anni (Head ha fatto notevoli investimenti , Salomon fino a 2 anni fa idem) , il mio era un discorso piu' generale
Non voglio criticare le stat di Matteo Pacor ma :

Coppa del Mondo 2001 Uomini 33 gare Atomic vittorie 22 (2 su 3), coppa del mondo generale (primi 4) , discesa (primi 2) , superg (primi 3) , gigante (primo) , slalom (primi 2)

E di esempi ce ne possono essere altri
Quando c'erano determinate condizioni climatiche (freddo estremo) magari con le nevi giapponesi , fra 1985 e il 1995 i Fischer diventavano imbattibili

La Marca puo' aver una notevole influenza sulle gare , sicuramente piu' che nel ciclismo

Grande Nadia Fanchini

 

[Modificato il 08/12/2008 alle 10:59 by forzainter]


 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3791
Registrato: Sep 2007

  postato il 08/12/2008 alle 12:48
Sulla scelta dei materiali conta quanto denaro corrispondono allo sciatore, nel senso che una marca di sci paga lo sciatore per usare i propri materiali e se non finisce la stagione, credo che è molto difficile svincolarsi dal rapporto contrattuale. Per esempio l'anno scorso Fill ha subito un'annata di materiale non adatti e ha pagato con risultati modesti. Purtroppo ci si accorge di avere materiali non competitivi solo nelle gare e raffrontando i risultati con quelli degli altri atleti.
Io ritengo in discesa fondamentali i materiali che come ho detto in precedenze conferiscono anche un secondo a discesa. Credo che però sia difficile vedere per esempio un ordine d'arrivo in discesa dove i primi 10 scendono con la stessa marca di sci, anche perchè un secondo di bonus ad uno sciatore che non sa condurre lo sci in curva lo si brucia facilmente e non entra nemmeno in classifica. Diciamo che gli sci buoni a gente come Eberharter hanno fatto la differenza. Poi come diceva Antonello c'è il team fatto di persone che li cura. I campioni hanno una certa tendenza a staccarsi dalle proprie squadre nazionali e circondarsi di un team personale magari più qualificato (e quindi rientra la questione economica). Diciamo che si entra in una spirale virtuosa Sciatore Forte-Sponsors-migliori materiali-migliori risultati-altri sponsors ecc. ecc.
Paragonare al nuoto lo sci non credo si possa fare, perchè mentre nello sci l'alteta corre con se stesso verso il traguardo, impiega il proprio fisico al massimo senza interferire con la pista e con la tecnica nè tanto meno con l'ambiante climatico, diciamo che ognuno può valere un tempo con il costume normale e un tempo inferiore di x centesimi con il costume "speciale". E' più facile calcolare i benefici. Nello sci conta molto l'attitudine tecnica, in pratica occorre saper sciare.
Poi all'interno della singola marca ci sono vari tipi di sci. Come le bici, ognuno ha la propria (magari per la crono) anche per gli sci ognuno ha i propri sci sui quali si lavora per mesi. Ho visto Sciatori rompere i propri sci e piangere. Questo vale anche per gli scarponi.
Se dobbiamo analizzare se gli sci danno più vantaggio in discesa che nello slalom forse non basta analizzare il n. di vittorie o di piazzamenti, però ad occhio direi che nella discesa influisce di più.

 

____________________
FANTACICLISMO 2008 Campione Olimpico in linea - S. Sebastian - Parigi Bruxelles - Vincitore classifica generale grandi giri (10° Giro - 10° Tour - 4° Vuelta) 1 tappa al Tour - 4 tappe alla Vuelta 9° classifica finale.
FANTACICLISMO 2009 Liegi-Bastogne-Liegi 2° classifica finale Giro d'Italia - 2 tappe - 1 giorno in maglia rosa - Best Belgio - 5° classifica finale

66 punti (nel 2008) + 115 punti (nel 2009) di vantaggio su Frejus: la mia nemesi!

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 5641
Registrato: Nov 2005

  postato il 08/12/2008 alle 19:29
Originariamente inviato da forzainter

1) Economicamente lo sci , escludendo l'italia dei corpi militari , si basa essenzialmente su sponsor e marche da sci. Se hai un contratto con una determinata marca non puoi cambiarlo (se no ci sono penali)


ma scusa, pensi che la Federnuoto non ha dovuto pagare delle penali per aver cambiato la marca di costumi prima delle Olimpiadi?
E non credo che la Federazione Nuoto sia più ricca della FISI.
Le penali si pagano: anche perchè se non fai risultati gli sponsor per gli anni successivi te li puoi scordare.

La Svizzera per un certo periodo ha avuto grossi problemi con le tute , pare che nel primo tratto di scorrimento di Wengen (prima dell'Hunchof , spero si scriva cosi') , in 45 secondi tutto i suoi sciatori perdevano 7 decimi , nonostante quello c'era un contratto e non han cambiato le tute (i soldi evidentemente erano piu' importanti)


se questa storia è vera, e se cioè non è stata messa in giro ad arte per coprire qualche erroraccio, allora vuol dire che i dirigenti svizzeri sono davvero dei dilettanti allo sbaraglio.
Butti al vento un'intera stagione per non pagare una penale: e poi quando vai a batter cassa agli sponsor per gli anni successivi cosa pensi che ti risponderanno?

2) Non parlavo degli ultimi anni (Head ha fatto notevoli investimenti , Salomon fino a 2 anni fa idem) , il mio era un discorso piu' generale
Non voglio criticare le stat di Matteo Pacor ma :

Coppa del Mondo 2001 Uomini 33 gare Atomic vittorie 22 (2 su 3), coppa del mondo generale (primi 4) , discesa (primi 2) , superg (primi 3) , gigante (primo) , slalom (primi 2)


gli Atomic saranno stati certamente i migliori, ma è molto probabile che la squadra austriaca avrebbe ottenuto risultati simili o quasi con qualsiasi altra marca di sci.
Magari invece di 22 ne vincevano 19, ma la questione non sarebbe cambiata poi di molto.


Quando c'erano determinate condizioni climatiche (freddo estremo) magari con le nevi giapponesi , fra 1985 e il 1995 i Fischer diventavano imbattibili


questo lo trovo un discorso più plausibile.
Determinate marche vanno meglio con determinate condizioni climatiche, altre marche vanno meglio con condizioni opposte.
Alla fine però quando si tirano le somme, non credo che ci sia poi tutta 'sta gran differenza (nel totale) tra una marca e l'altra.

La Marca puo' aver una notevole influenza sulle gare , sicuramente piu' che nel ciclismo


e ci mancherebbe altro: tutto sta però a quantificare questa influenza.
Un conto è dire che una determinata marca di sci ti garantisce mediamente un vantaggio di 1-2 decimi (che potrebbero essere accettabili senza problemi), un altro è dire che mediamente parti con almeno mezzo secondo di ritardo a causa degli sci: in quest'ultimo caso se non sei cretino gli sci li cambi, penali o non penali.

 

____________________
"L'uomo da battere è Gianni Bugno, e quasi certamente non riusciremo a batterlo" (Greg Lemond, Stoccarda, 24 agosto 1991)

"Il rock è jazz ignorante" (Thelonious Monk)

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 5641
Registrato: Nov 2005

  postato il 08/12/2008 alle 19:55
Originariamente inviato da Salvatore77

Per esempio l'anno scorso Fill ha subito un'annata di materiale non adatti e ha pagato con risultati modesti.


un conto è dire materiale INADATTO, un altro è dire materiale PEGGIORE.
Se Fill va male con un determinato sci, può anche darsi che ciò sia dovuto al fatto che lo sciatore non riesce ad adattarsi alle caratteristiche tecniche dell'attrezzo.
In questo caso anche cambiando marca non è sicuro il miglioramento.
Magari gli stessi sci con qualche atleta sono scadentissimi e con qualche altro sono vere e proprie bombe.


Io ritengo in discesa fondamentali i materiali che come ho detto in precedenze conferiscono anche un secondo a discesa.


io a questo non ci credo.
Se davvero esistesse uno sci che sempre e comunque ti dà un secondo di vantaggio, tutti gli atleti dovrebbero fare a cazzotti per averlo, più o meno come è accaduto nel nuoto per i costumi.
Se invece una determinata marca ti dà un secondo di vantaggio in determinate condizioni, però poi te ne dà mezzo di svantaggio in talaltre condizioni, allora il discorso è diverso: tiri le somme e magari ti accorgi che nelle media i benefici o i danni non sono poi insopportabili, e allora non vale la pena darsi da fare oltre il lecito per cambiare attrezzi.


Paragonare al nuoto lo sci non credo si possa fare


il discorso del nuoto serve per far capire che quando ci sono vantaggi certi da parte di determinato materiale tecnico, allora nessun contratto è insormontabile, a meno di non comportarsi da stupidi.
Nel nuoto è più facile calcolare l'influenza del costume: nello sci è certamente più difficile ma non credo sia impossibile.

Però, come già detto, nello sci entra in ballo anche il fattore umano perchè lo sci va preparato, e nella preparazione contano sia la capacità dello skiman che la qualità e la sensibilità dell'atleta.
Se io guadagno un secondo grazie allo sci, quale percentuale è effettivamente merito dell'attrezzo in sè e quale invece è merito di skiman e atleta?
Sta tutto qui il succo del discorso.
Se Tomba era più bravo degli altri nel dare le giuste indicazioni al proprio skiman, ed il suo skiman era più bravo degli altri nel preparare l'attrezzo, è difficile sostenere che buona parte della sue vittorie è dovuta agli sci; probabilmente gli stessi risultati o quasi li avrebbe ottenuti con qualsiasi altra marca di sci.

 

____________________
"L'uomo da battere è Gianni Bugno, e quasi certamente non riusciremo a batterlo" (Greg Lemond, Stoccarda, 24 agosto 1991)

"Il rock è jazz ignorante" (Thelonious Monk)

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2950
Registrato: Dec 2004

  postato il 10/12/2008 alle 16:34
Originariamente inviato da antonello64

Originariamente inviato da forzainter

1) Economicamente lo sci , escludendo l'italia dei corpi militari , si basa essenzialmente su sponsor e marche da sci. Se hai un contratto con una determinata marca non puoi cambiarlo (se no ci sono penali)


ma scusa, pensi che la Federnuoto non ha dovuto pagare delle penali per aver cambiato la marca di costumi prima delle Olimpiadi?
E non credo che la Federazione Nuoto sia più ricca della FISI.
Le penali si pagano: anche perchè se non fai risultati gli sponsor per gli anni successivi te li puoi scordare.

La Svizzera per un certo periodo ha avuto grossi problemi con le tute , pare che nel primo tratto di scorrimento di Wengen (prima dell'Hunchof , spero si scriva cosi') , in 45 secondi tutto i suoi sciatori perdevano 7 decimi , nonostante quello c'era un contratto e non han cambiato le tute (i soldi evidentemente erano piu' importanti)


se questa storia è vera, e se cioè non è stata messa in giro ad arte per coprire qualche erroraccio, allora vuol dire che i dirigenti svizzeri sono davvero dei dilettanti allo sbaraglio.
Butti al vento un'intera stagione per non pagare una penale: e poi quando vai a batter cassa agli sponsor per gli anni successivi cosa pensi che ti risponderanno?

2) Non parlavo degli ultimi anni (Head ha fatto notevoli investimenti , Salomon fino a 2 anni fa idem) , il mio era un discorso piu' generale
Non voglio criticare le stat di Matteo Pacor ma :

Coppa del Mondo 2001 Uomini 33 gare Atomic vittorie 22 (2 su 3), coppa del mondo generale (primi 4) , discesa (primi 2) , superg (primi 3) , gigante (primo) , slalom (primi 2)


gli Atomic saranno stati certamente i migliori, ma è molto probabile che la squadra austriaca avrebbe ottenuto risultati simili o quasi con qualsiasi altra marca di sci.
Magari invece di 22 ne vincevano 19, ma la questione non sarebbe cambiata poi di molto.


Quando c'erano determinate condizioni climatiche (freddo estremo) magari con le nevi giapponesi , fra 1985 e il 1995 i Fischer diventavano imbattibili


questo lo trovo un discorso più plausibile.
Determinate marche vanno meglio con determinate condizioni climatiche, altre marche vanno meglio con condizioni opposte.
Alla fine però quando si tirano le somme, non credo che ci sia poi tutta 'sta gran differenza (nel totale) tra una marca e l'altra.

La Marca puo' aver una notevole influenza sulle gare , sicuramente piu' che nel ciclismo


e ci mancherebbe altro: tutto sta però a quantificare questa influenza.
Un conto è dire che una determinata marca di sci ti garantisce mediamente un vantaggio di 1-2 decimi (che potrebbero essere accettabili senza problemi), un altro è dire che mediamente parti con almeno mezzo secondo di ritardo a causa degli sci: in quest'ultimo caso se non sei cretino gli sci li cambi, penali o non penali.

Tu cerchi di veder delle similitudini tra nuoto e sci che io non vedo
Secondo me L'investimento di una marca di sci nello sci professionistico è molto superiore a quello delle marche di costumi
Ai tempi di Tomba uno sci su Due venduto era Rossignol..
Dubito che qualcuno compri un costume perche' è lo stesso di Phelps
Negli anni comunque tanti campioni hanno lasciato determinate marche per andar ad altre dopo risultati deludenti
Lo stesso Maier , per anni bandiera Atomic (la fabbrica è a 5 km da casa sua) , un paio di stagioni fa è passato alla Head (la stessa di Miller)
La Head voleva imporli pero' una marca di scarponi invece lui voleva restare con i vecchi (il vantaggio era probabilmente solo psicologico), nonostante il cambio di sci , i risultati non miglioravano
Quest'anno Maier corre con la sua vecchia marca di Scarponi..
Sulle tute della svizzera , la casa faceva parte del pool di sponsor della federazione (quelli che fanno vivere la federazione)
Dopo test in galleria del vento (che avevano dimostrato i problemi delle tute)la Federazione svizzera ottenne dallo sponsor la promessa di miglioraramenti per la stagione successiva se no avrebbe stracciato il contratto (e chiesto pure penali)
L'anno successivo non c'erano enormi differenze fra le tute austriache e quelle svizzere (Cuche e co tornarono nell'elite della discesa)


 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 5641
Registrato: Nov 2005

  postato il 10/12/2008 alle 22:18
Originariamente inviato da forzainter
Tu cerchi di veder delle similitudini tra nuoto e sci che io non vedo
Secondo me L'investimento di una marca di sci nello sci professionistico è molto superiore a quello delle marche di costumi
Ai tempi di Tomba uno sci su Due venduto era Rossignol..
Dubito che qualcuno compri un costume perche' è lo stesso di Phelps


le ricerche di marketing ci dicono che chiunque pratichi uno sport cerca di immedesimarsi con i grandi campioni tramite l'uso della stessa attrezzatura tecnica: non credo che il nuoto faccia eccezione, altrimenti non si spiegherebbero i soldi spesi per sponsorizzare talune squadre o talaltri campioni.
Se in Italia ci fosse stato un qualsiasi nuotatore in grado di avere lo stesso successo che Tomba ha avuto nello sci, mi ci giocherei non so che cosa che la stragrande maggioranza di coloro che praticano il nuoto si sarebbero presentati in piscina con lo stesso materiale tecnico dell'ipotetico campione.

Quel che è certo è che un costume costa meno di un paio di sci.

 

____________________
"L'uomo da battere è Gianni Bugno, e quasi certamente non riusciremo a batterlo" (Greg Lemond, Stoccarda, 24 agosto 1991)

"Il rock è jazz ignorante" (Thelonious Monk)

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Gino Bartali




Posts: 1388
Registrato: Jun 2008

  postato il 11/12/2008 alle 01:53
Durante la mia assenza per lutto c'è stata la bellissima vittoria della Nadia, complimenti davvero
Bene anche Innerhofer mentre ancora deve carburare Heel
Male i gigantisti ma non è una novità ormai

 

____________________
http://cicloblog.splinder.com/

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 3791
Registrato: Sep 2007

  postato il 13/12/2008 alle 12:56
Questo C. Janka è davvero un bello sciatore
Secondo me quest'anno la centra una vittoria in coppa del mondo.

 

____________________
FANTACICLISMO 2008 Campione Olimpico in linea - S. Sebastian - Parigi Bruxelles - Vincitore classifica generale grandi giri (10° Giro - 10° Tour - 4° Vuelta) 1 tappa al Tour - 4 tappe alla Vuelta 9° classifica finale.
FANTACICLISMO 2009 Liegi-Bastogne-Liegi 2° classifica finale Giro d'Italia - 2 tappe - 1 giorno in maglia rosa - Best Belgio - 5° classifica finale

66 punti (nel 2008) + 115 punti (nel 2009) di vantaggio su Frejus: la mia nemesi!

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi
UTENTE DELL'ANNO 2009
Utente del mese Luglio, Novembre e Dicembre 2009




Posts: 15932
Registrato: Jul 2007

  postato il 13/12/2008 alle 14:49
Salvatore, a quanto pare hai dovuto aspettare molto poco per vedere avverata la tua 'profezia'!
Janka ha vinto precedendo Blardone (terzo dopo la prima manche) di 20 centesimi, dopo che il gran deterioramento della pista aveva reso la gara incertissima.
O meglio, ad un certo punto di una cosa si poteva essere praticamente certi, ovvero che chi sarebbe partito di lì a poco sarebbe arrivato dietro il francese De Tesseries, terzo dopo un'incredibile rimonta dalla trentesima piazza (segno inequivocabile del fatto che la pista si sia rovinata eccessivamente, di solito tiene di più).
Sesto Moelgg, dopo una prima manche chiusa col miglior tempo.
Restando in famiglia, la sorella di Manfred, Manuela, ha conquistato un secondo posto (che sa tanto di vittoria sfumata) nel gigante di La Molina, a 2 miseri centesimi dalla Poutianen.

 

____________________

« La superstizione porta sfortuna »
(Raymond Merrill Smullyan, 5000 B.C. and other philosophical fantasies, 1.3.8)


Fantaciclismo Cicloweb 2010

Piazzamenti sul podio:


Omloop Het Nieuwsblad Élite: 3°
E3 Prijs Vlaanderen - GP Harelbeke: 2°
GP Miguel Indurain: 1°
Ronde van Vlaanderen / Tour des Flandres: 3°
Rund um Köln: 1°
Liège-Bastogne-Liège: 1°
Giro d'Italia: Carrara - Montalcino: 2°
Tour de France: Sisteron - Bourg-lès-Valence: 1°
Tour de France: Longjumeau - Paris Champs-Élysées: 1°
Tour de France - classifica finale: 3°
Gran Premio Città di Peccioli - Coppa G. Sabatini: 1°

---

Asso di Fiori

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Gino Bartali




Posts: 1388
Registrato: Jun 2008

  postato il 13/12/2008 alle 16:35
Mannaggia, la Karbon è in crisi

 

____________________
http://cicloblog.splinder.com/

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 3791
Registrato: Sep 2007

  postato il 19/12/2008 alle 15:37
L'Italia ha giocato il jolly

Heel vince il super g !

 

____________________
FANTACICLISMO 2008 Campione Olimpico in linea - S. Sebastian - Parigi Bruxelles - Vincitore classifica generale grandi giri (10° Giro - 10° Tour - 4° Vuelta) 1 tappa al Tour - 4 tappe alla Vuelta 9° classifica finale.
FANTACICLISMO 2009 Liegi-Bastogne-Liegi 2° classifica finale Giro d'Italia - 2 tappe - 1 giorno in maglia rosa - Best Belgio - 5° classifica finale

66 punti (nel 2008) + 115 punti (nel 2009) di vantaggio su Frejus: la mia nemesi!

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2950
Registrato: Dec 2004

  postato il 20/12/2008 alle 13:25
Grande Lara!
A neanche 18 anni , come la Figini

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 4168
Registrato: Apr 2008

  postato il 27/12/2008 alle 10:49
oggi parte il 3° Tour de Ski, la grande corsa a tappe di sci di fondo che tocca Oberhof, Praga, Nove Mesto e la Val di Fiemme.

Ecco le tappe in programma:

Oberhof (GER)
Saturday, 27th December Prologue
Women 3km
Men 3.3km
free technique, individual start
12:00 CET W
13:15 CET M

Oberhof (GER)
Sunday, 28th December Pursuit
Women 10km
Men 15km
classical technique, 'handicap' start
12:45 CET W
14:00 CET M

Prague (CZE)
Monday, 29th December Sprint
Women 1km
Men 1km
free technique, qualification and finals
13:00 CET Q
14:45 CET F

Nove Mesto (CZE)
Wednesday, 31st December Distance
Women 10km
Men 15km
classical technique, individual start
14:45 CET W
12:00 CET M

Nove Mesto (CZE)
Thursday, 1st January Sprint
Women 1.2km
Men 1.2km
free technique, qualification and finals
13:30 CET Q
15:30 CET F

Val di Fiemme (ITA)
Saturday, 3rd January Distance
Women 10km
Men 20km
classical technique, mass start
12:00 CET W
15:30 CET M

Val di Fiemme (ITA)
Sunday, 4th January Final Climb
Women 9km
Men 10km
free technique, 'handicap' start
13:00 CET W
15:30 CET M

(fonte: tourdeski.com)


che cosa ne pensate di questa manifestazione? a me ricorda molto una corsa ciclistica, e trovo molto suggestivo e spettacolare l'arrivo in salita in val di fiemme che decide la corsa. Le speranze italiane sono tutte affidate al grande Giorgio di Centa, l'anno scorso sul podio finale della gara, con possibile outsider Piller cottrer.

 

____________________

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3791
Registrato: Sep 2007

  postato il 27/12/2008 alle 20:39
Secondo me, domani sarà un grande giorno...

 

____________________
FANTACICLISMO 2008 Campione Olimpico in linea - S. Sebastian - Parigi Bruxelles - Vincitore classifica generale grandi giri (10° Giro - 10° Tour - 4° Vuelta) 1 tappa al Tour - 4 tappe alla Vuelta 9° classifica finale.
FANTACICLISMO 2009 Liegi-Bastogne-Liegi 2° classifica finale Giro d'Italia - 2 tappe - 1 giorno in maglia rosa - Best Belgio - 5° classifica finale

66 punti (nel 2008) + 115 punti (nel 2009) di vantaggio su Frejus: la mia nemesi!

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 4168
Registrato: Apr 2008

  postato il 28/12/2008 alle 14:39
Originariamente inviato da Salvatore77

Secondo me, domani sarà un grande giorno...


... e infatti, trionfo per Innerhofer nella discesa di Bormio, su un tracciato selettivo come nessun altro al mondo, dove molti atleti hanno concluso la prova a stento perdendo 2-3" nel tratto finale. Bravo anche Heel, anche se autore di una gara non perfetta, forse stanco per aver tirato troppo nelle prove.

 

____________________

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Giuseppe Saronni




Posts: 685
Registrato: Sep 2005

  postato il 29/12/2008 alle 20:48
Originariamente inviato da babeuf

oggi parte il 3° Tour de Ski, la grande corsa a tappe di sci di fondo che tocca Oberhof, Praga, Nove Mesto e la Val di Fiemme.

Ecco le tappe in programma:

Oberhof (GER)
Saturday, 27th December Prologue
Women 3km
Men 3.3km
free technique, individual start
12:00 CET W
13:15 CET M

Oberhof (GER)
Sunday, 28th December Pursuit
Women 10km
Men 15km
classical technique, 'handicap' start
12:45 CET W
14:00 CET M

Prague (CZE)
Monday, 29th December Sprint
Women 1km
Men 1km
free technique, qualification and finals
13:00 CET Q
14:45 CET F

Nove Mesto (CZE)
Wednesday, 31st December Distance
Women 10km
Men 15km
classical technique, individual start
14:45 CET W
12:00 CET M

Nove Mesto (CZE)
Thursday, 1st January Sprint
Women 1.2km
Men 1.2km
free technique, qualification and finals
13:30 CET Q
15:30 CET F

Val di Fiemme (ITA)
Saturday, 3rd January Distance
Women 10km
Men 20km
classical technique, mass start
12:00 CET W
15:30 CET M

Val di Fiemme (ITA)
Sunday, 4th January Final Climb
Women 9km
Men 10km
free technique, 'handicap' start
13:00 CET W
15:30 CET M

(fonte: tourdeski.com)


che cosa ne pensate di questa manifestazione? a me ricorda molto una corsa ciclistica, e trovo molto suggestivo e spettacolare l'arrivo in salita in val di fiemme che decide la corsa. Le speranze italiane sono tutte affidate al grande Giorgio di Centa, l'anno scorso sul podio finale della gara, con possibile outsider Piller cottrer.


Il Tour de ski è molto bello, ma le prove potevano essere distribuite meglio per premiare ancora di più i polivalenti.
Mi spiego: perchè 2 sprint a skating e zero in classica, perchè 3 prove lunghe in classica e una sola a skating? si poteva fare una sprint a classica e una a skating e mettere una prova "lunga" in più a skating (tipo una delle due prove da 15 km), perché in 50 km (35 per le donne) gli alternisti sono troppo premiati.
Gli abbuoni nelle sprint invece sono studiati abbastanza bene, ci sta che chi non si qualifica paghi 1' (che nel fondo moderno è una bella scoppola), come oggi clamorosamente è successo al leader Axel Teichmann.

E' interessante l'ultima tappa, la scalata al Cermis: si parte con l'handicap maturato in classifica generale (partenza "Gundersen"). In questo modo, chi arriva per primo in cima vince il Tour de Ski.
Sarebbe interessante mettere qualcosa di simile nel ciclismo, anche se sarebbe moooolto difficile!
La salita del Cermis è tremenda, lo Zoncolan dello sci di fondo: si sono già visti crolli incredibili, come l'anno scorso la Kuitunen - che era ampiamente in testa - superata a velocità doppia dalla ventenne Charlotte Kalla.

In generale però è una prova ben studiata: non può vincerla chi va forte solo sulla lunga distanza, perché l'handicap che accumulerebbe a sprint (fino a 2 minuti) è eccessivo; non può vincerla chi va forte solo a sprint, perché tutte queste prove una di seguito all'altra richiedono molta resistenza e recupero; non si può attaccare sempre e comunque ma bisogna gestirsi. Il difetto? Semplice: ogni vittoria di tappa vale mezza vittoria in CdM (50 punti), la classifica generale 400 punti...in poche parole le altre gare di CdM rischiano di diventare un contorno!

 

____________________
Il ciclismo è uno sport sano e alla portata di tutti,contro la vecchiaia e le malattie, ma soprattutto conferisce grande lucidità ed efficienza sul lavoro [...]
Voglio anche dire che mi fanno pena e schifo gli impiegati che vengono in ufficio in macchina
e che la sera corrono a rinchiudersi in quelle scatole di sardine invece di farsi una bella sgambata fuori città...
(Visconte Cobram, da "Fantozzi contro tutti")

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 4168
Registrato: Apr 2008

  postato il 30/12/2008 alle 13:06
Originariamente inviato da cassius

Il Tour de ski è molto bello, ma le prove potevano essere distribuite meglio per premiare ancora di più i polivalenti.
Mi spiego: perchè 2 sprint a skating e zero in classica, perchè 3 prove lunghe in classica e una sola a skating? si poteva fare una sprint a classica e una a skating e mettere una prova "lunga" in più a skating (tipo una delle due prove da 15 km), perché in 50 km (35 per le donne) gli alternisti sono troppo premiati.
Gli abbuoni nelle sprint invece sono studiati abbastanza bene, ci sta che chi non si qualifica paghi 1' (che nel fondo moderno è una bella scoppola), come oggi clamorosamente è successo al leader Axel Teichmann.


la distribuzione non perfetta delle gare nello sci di fondo non è solo un problema del tour de ski, ad esempio una cosa che non riesco a capire è per quale ragione la 50km alle olimpiadi è a tecnica libera, ai mondiali a tecnica classica, la 15km a cronometro alle olimpiadi è a tecnica classica, la sprint ai mondiali è a tecnica classica, alle olimpiadi a tecnica libera, e così via. Non potrebbero fare tutto nella stessa manifestazione?


E' interessante l'ultima tappa, la scalata al Cermis: si parte con l'handicap maturato in classifica generale (partenza "Gundersen"). In questo modo, chi arriva per primo in cima vince il Tour de Ski.
Sarebbe interessante mettere qualcosa di simile nel ciclismo, anche se sarebbe moooolto difficile!
La salita del Cermis è tremenda, lo Zoncolan dello sci di fondo: si sono già visti crolli incredibili, come l'anno scorso la Kuitunen - che era ampiamente in testa - superata a velocità doppia dalla ventenne Charlotte Kalla.


quella tappa è un trionfo dello sport, si vedono duelli stupendi, come la rimonta esaltante di Giorgio di Centa l'anno scorso. Penso proprio che questa manifestazione e questa salita possano diventare dei simboli dello sci di fondo, come tour de france/alpe d'huez oppure mortirolo/giro d'italia lo sono per il ciclismo.

In generale però è una prova ben studiata: non può vincerla chi va forte solo sulla lunga distanza, perché l'handicap che accumulerebbe a sprint (fino a 2 minuti) è eccessivo; non può vincerla chi va forte solo a sprint, perché tutte queste prove una di seguito all'altra richiedono molta resistenza e recupero; non si può attaccare sempre e comunque ma bisogna gestirsi.


condivido

Il difetto? Semplice: ogni vittoria di tappa vale mezza vittoria in CdM (50 punti), la classifica generale 400 punti...in poche parole le altre gare di CdM rischiano di diventare un contorno!


non è un difetto per me.

Il resto della coppa del mondo a mio avviso è davvero studiato male, tante gare e tanta confusione, per questo mi limito a seguire il Tour de ski, i mondiali e le olimpiadi. E penso che anche gli atleti considerino molto più importanti queste tre manifestazioni rispetto alle altre gare di coppa del mondo, cosa che per esempio non avviene nello sci alpino, dove una discesa di Kitzbuhel o di Wengen oppure un gigante di Adelboden può eguagliare (o quasi) per prestigio un mondiale.

 

____________________

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 4168
Registrato: Apr 2008

  postato il 01/01/2009 alle 22:36
Arianna Follis 2° vittoria di tappa al Tour de Ski... 2 sprint su 2 meglio di Petacchi!!! e adesso mancano 2 tappe, una mass start a tecnica classica e la scalata finale, Arianna non è lontanissima dalla maglia gialla ma deve assolutamente limitare i danni in tecnica classica, nella scalata finale ha già dimostrato l'anno scorso di essere valida.

Tra gli uomini piazzati benino Di Centa e Piller Cottrer, anche se a oltre un minuto dal leader... se riescono a contenere i danni sabato per il podio si può anche fare, anche se già l'anno scorso Piller cottrer dimostrò limiti evidenti in salita (fuori dai 30 nella classifica a tempi della scalata); più accreditato Di Centa invece, terzo l'anno scorso nella generale. Sottotono (per ora) Bauer, dominatore nel 2008.

 

____________________

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3791
Registrato: Sep 2007

  postato il 16/01/2009 alle 17:22
Oggi P. Fill ha colto un ottimo secondo posto nella super combinata che alla vigilia avremmo tutti giudicato come un ottimi risultato ma oggi, per come ha sciato e per gli avversari che aveva avanti dopo la discesa, mi ha quasi fatto sperare in una vittoria. Questo C. Janka ha vinto un'altra gara e sta facendo parecchi punti, in una stagione che secondo me cosegnerà la coppa del mondo generale con meno punti rispetto agli altri anni. Che voglia fare uno scherzetto questo giovane svizzero?

 

____________________
FANTACICLISMO 2008 Campione Olimpico in linea - S. Sebastian - Parigi Bruxelles - Vincitore classifica generale grandi giri (10° Giro - 10° Tour - 4° Vuelta) 1 tappa al Tour - 4 tappe alla Vuelta 9° classifica finale.
FANTACICLISMO 2009 Liegi-Bastogne-Liegi 2° classifica finale Giro d'Italia - 2 tappe - 1 giorno in maglia rosa - Best Belgio - 5° classifica finale

66 punti (nel 2008) + 115 punti (nel 2009) di vantaggio su Frejus: la mia nemesi!

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3791
Registrato: Sep 2007

  postato il 17/01/2009 alle 11:23
Oggi per i maschietti mi aspetto una bella prova della squadra italiana in discesa libera. Obiettivo minimo: un podio.

 

____________________
FANTACICLISMO 2008 Campione Olimpico in linea - S. Sebastian - Parigi Bruxelles - Vincitore classifica generale grandi giri (10° Giro - 10° Tour - 4° Vuelta) 1 tappa al Tour - 4 tappe alla Vuelta 9° classifica finale.
FANTACICLISMO 2009 Liegi-Bastogne-Liegi 2° classifica finale Giro d'Italia - 2 tappe - 1 giorno in maglia rosa - Best Belgio - 5° classifica finale

66 punti (nel 2008) + 115 punti (nel 2009) di vantaggio su Frejus: la mia nemesi!

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi
UTENTE DELL'ANNO 2009
Utente del mese Luglio, Novembre e Dicembre 2009




Posts: 15932
Registrato: Jul 2007

  postato il 25/01/2009 alle 13:36
Dopo una rimonta clamorosa nella seconda manche, Thaler ha chiuso il prestigiosissimo slalom di Kitzbuhel sul gradino più basso del podio, dietro la coppia transalpina Lizeroux-Grange.
L'italiano è riuscito a mettersi davanti ad uno scatenato Hirscher che nella seconda manche ha dato prova delle sue grandi qualità, specie sul ghiaccio verde, e ha visto uno dopo l'altro uscire molti dei grandi favoriti, da Matt fino a Herbst, con quest'ultimo che avevo più di un secondo e mezzo da amministrare su Lizeroux ma che è uscito di scena dopo poche porte.
Deludenti gli altri azzurri, con Moelgg e Deville che hanno chiuso rispettivamente 10mo e 11esimo la prima manche, non riuscendo a migliorare la situazione nella seconda.
Tra due giorni sarà la volta del bellissimo slalom di Schladming.

 

____________________

« La superstizione porta sfortuna »
(Raymond Merrill Smullyan, 5000 B.C. and other philosophical fantasies, 1.3.8)


Fantaciclismo Cicloweb 2010

Piazzamenti sul podio:


Omloop Het Nieuwsblad Élite: 3°
E3 Prijs Vlaanderen - GP Harelbeke: 2°
GP Miguel Indurain: 1°
Ronde van Vlaanderen / Tour des Flandres: 3°
Rund um Köln: 1°
Liège-Bastogne-Liège: 1°
Giro d'Italia: Carrara - Montalcino: 2°
Tour de France: Sisteron - Bourg-lès-Valence: 1°
Tour de France: Longjumeau - Paris Champs-Élysées: 1°
Tour de France - classifica finale: 3°
Gran Premio Città di Peccioli - Coppa G. Sabatini: 1°

---

Asso di Fiori

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 4168
Registrato: Apr 2008

  postato il 25/01/2009 alle 22:56
un grandissimo in bocca al lupo a Daniel Albrecht!



 

____________________

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Tour




Posts: 219
Registrato: May 2008

  postato il 28/01/2009 alle 16:30
Qualcuno sa già dove si potranno vedere i Mondiali di sci alpino in streaming?

 

____________________
La salita è l'essenza del ciclismo.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Francesco Moser




Posts: 730
Registrato: Jan 2005

  postato il 29/01/2009 alle 21:14
Originariamente inviato da babeuf

un grandissimo in bocca al lupo a Daniel Albrecht!





In due anni due ragazzi hanno rischiato la vita su quel salto.
Ripensare oggi a quello che ha fatto Ghedina nel 2004 si capisce quanto sia "matto".
Quel salto l'ha fatto entrare nella leggenda, più che se avesse vinto.

http://www.youtube.com/watch?v=stvbCuAHTU0

 

____________________
E' curioso come le discese, viste dal basso, somigliano tanto alle salite!
Pippo in "Topolino e la Stella dello Sceriffo", 1959

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 4168
Registrato: Apr 2008

  postato il 01/02/2009 alle 11:43
Avete notato anche voi che ultimamente la Rai non trasmette quasi più lo sci alpino su Raidue/raitre, ma lo manda sempre su raisportpiù?

Io mi lamento spesso per come la Rai tratta il ciclismo, ma devo riconoscere che gli sport invernali avrebbero molte più ragioni per lamentarsi.

 

____________________

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 5156
Registrato: Apr 2005

  postato il 01/02/2009 alle 12:21
Le reti generaliste vengono riempite dalle trasmissioni di "intrattenimento" ( alias telemierda )e tutto il resto viene buttato fuori (o via).

 

____________________
nino58

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 01/02/2009 alle 14:19
Doppietta azzurra a garmisch: Manfred Moelgg consegue la sua seconda vittoria in coppa del mondo, dopo il successo tra i paletti di Kraniska Gora l'anno scorso. Bel 2° posto di Giorgio Rocca, che ogni tanto esce fuori sprazzi della classe che lo caratterizzava, specialmente su una poco fisica come quella di oggi.
Mamma Rai, ovviamente, latitava...me lo son visto sulla tv Slovena.

 

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 3539
Registrato: Jan 2008

  postato il 03/02/2009 alle 14:20
Mondiali in Val d'Isere - Nel buio spunta la solita Lindsey Vonn
Eurosport - mar, 03 feb 14:16:00 2009

Primo oro iridato per la fuoriclasse statunitense nel SuperG di Val d'Isere, al termine di una gara viziata dalle difficili condizioni di visibilità. Alle spalle della Vonn la sorprendente francese Marchand-Arvier e l'austriaca Fischbacher


A Garmisch la Fanchini era stata 4a
La gara d'apertura dei Mondiali di Val d'Isere premia giustamente una fuoriclasse come la statunitense Lindsey Vonn, capace di conquistare finalmente il suo primo oro iridato dopo una gara davvero strana, in cui le primissime ragazze a partire sono state favorite da una miglior visibilità.

In avvio, infatti, la transalpina Marie Marchand-Arvier dimostra di conoscere benissimo la pista portandosi in testa con quasi un secondo di vantaggio su tutte le altre (1'21"07 il suo crono), mentre la prima azzurra - Daniela Merighetti - finisce fuori già alla terza porta, così come la statunitense Julia Mancuso e la leggendaria austriaca Renate Goetschl.

Le migliori, però, devono ancora arrivare, anche se le condizioni di visibilità nella parte alta del tracciato peggiorano via via che salgono i pettorali di partenza, mettendo le basi per un risultato a sorpresa ed escludendo un'altra 'grande' come Lara Gut, mentre l'austriaca Andrea Fischbacher finisce dietro di soli 6 centesimi, dimostrando che il tempo si può ancora fare.

Maria Riesch, Anja Paerson (la campionessa in carica) ed Elisabeth Goergl fanno brutta figura a loro volta, ma quando al cancelletto si presenta sua maestà Lindsey Vonn non ce n'è più per nessuno: 1'20"73 al buio e nuovo miglior tempo, ottenuto grazie alla sua grandissima grinta e a quella pazza voglia di non pensare, buttare giù le linee giuste e lasciar andare gli sci sui binari mentali della ricognizione.

L'Italia non sorride di certo. Un errore nella prima parte, infatti, complica la prova di Nadia Fanchini che non riesce mai a trovare il suo ritmo e chiude a più di due secondi dalla vetta, con le mani in faccia al traguardo. Anche Lucia Recchia, poi, finisce fuori, mentre Andy Siorpaes sbaglia troppo e chiude a quasi 5"...

Una disfatta azzurra, dunque, nella giornata del trionfo di Lindsey Vonn, capace di dimostrarsi più forte delle avversità atmosferiche in un pomeriggio di grande soddisfazione anche per la Francia padrone di casa, grazie all'argento totalmente inatteso della Marchand-Arvier (in carriera per lei solo 2 terzi posti in Coppa del Mondo).

LA CLASSIFICA FINALE: 1. Lindsey Vonn (1'20"73); 2. Marie Marchand-Arvier (1'21"07); 3. Andrea Fischbacher (1'21"13).

fonte (Luca Stacul / Eurosport)

 

____________________
Fabio

I walk these streets, a loaded six string on my back...

"L'unico sport che pratico è seguire, camminando, i funerali dei miei amici che avevano praticato sport" Bertrand Russell

http://platissimamente.blogspot.com/

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Moderatore




Posts: 3235
Registrato: Sep 2005

  postato il 04/02/2009 alle 14:52
argento di Peter Fill! bravissimo!!!

ecco il podio mondiale

1) Cuche
2) Fill
3) Svindal

buon 4 posto anche per Innerhofer

 

____________________
Se si è ritirato Bewolcic si possono ritirare tutti...


Gianni



 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3539
Registrato: Jan 2008

  postato il 04/02/2009 alle 14:57
Cuche ha fatto quasi il vuoto.. ottima prova per lui, 1 secondo a Fill che ha fatto cmq una buonissima prova, scendendo molto deciso

 

____________________
Fabio

I walk these streets, a loaded six string on my back...

"L'unico sport che pratico è seguire, camminando, i funerali dei miei amici che avevano praticato sport" Bertrand Russell

http://platissimamente.blogspot.com/

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 3791
Registrato: Sep 2007

  postato il 04/02/2009 alle 15:28
Il Cuche di oggi mi ha ricordato H. Maier dei giorni migliori. Si aveva l'impressione che lo svizzero andava dritto dove invece c'erano le curve, davvero una bella prova. Fill secondo è un ottimo risultato, secondo me Fill è più adatto a Supeg-G e a discese tecniche, quindi a questi mondiali può fare ancora bene.

 

____________________
FANTACICLISMO 2008 Campione Olimpico in linea - S. Sebastian - Parigi Bruxelles - Vincitore classifica generale grandi giri (10° Giro - 10° Tour - 4° Vuelta) 1 tappa al Tour - 4 tappe alla Vuelta 9° classifica finale.
FANTACICLISMO 2009 Liegi-Bastogne-Liegi 2° classifica finale Giro d'Italia - 2 tappe - 1 giorno in maglia rosa - Best Belgio - 5° classifica finale

66 punti (nel 2008) + 115 punti (nel 2009) di vantaggio su Frejus: la mia nemesi!

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3539
Registrato: Jan 2008

  postato il 04/02/2009 alle 15:52
Oggi, bisogna dirlo, è mancato (non fisicamente) Maier, che ha deciso di partecipare all'ultimo momento per via di un'influenza. Non c'era nemmeno Kostelic, in dubbio pure per la combinata, a causa dei problemi alla schiena che mi hanno subito riportato alla mente le sventure di sua sorella...

 

____________________
Fabio

I walk these streets, a loaded six string on my back...

"L'unico sport che pratico è seguire, camminando, i funerali dei miei amici che avevano praticato sport" Bertrand Russell

http://platissimamente.blogspot.com/

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 5641
Registrato: Nov 2005

  postato il 04/02/2009 alle 23:01
anch'io sono del parere che per battere il Cuche di oggi ci sarebbe voluto l'Hermann Maier dei tempi belli.
E l'argento di Fill brilla ancora di più perchè era francamente impossibile far meglio dello svizzero.

 

____________________
"L'uomo da battere è Gianni Bugno, e quasi certamente non riusciremo a batterlo" (Greg Lemond, Stoccarda, 24 agosto 1991)

"Il rock è jazz ignorante" (Thelonious Monk)

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Gino Bartali




Posts: 1388
Registrato: Jun 2008

  postato il 05/02/2009 alle 02:16
Peteroooooooooone :rulez
Anche se speravo di piu in Innerhofer
Cuche riscatta una stagione opaca con uno dei migliori superG di sempre
Prevedo SPET TA CO LO per sabato

 

____________________
http://cicloblog.splinder.com/

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 3791
Registrato: Sep 2007

  postato il 13/02/2009 alle 22:40
Carlo Janka ha vinto alla grande il campionato del mondo di Slalom Gigante. Secondo me l'anno prossimo sarà un serio candidato alla vittoria della coppa del mondo generale. Anzi, secondo me la svizzera può fare doppietta l'anno prossimo: fra gli uomini Janka e fra le donne Lara Gut. E pensare che la Svizzera era entrata in una super crisi.

 

____________________
FANTACICLISMO 2008 Campione Olimpico in linea - S. Sebastian - Parigi Bruxelles - Vincitore classifica generale grandi giri (10° Giro - 10° Tour - 4° Vuelta) 1 tappa al Tour - 4 tappe alla Vuelta 9° classifica finale.
FANTACICLISMO 2009 Liegi-Bastogne-Liegi 2° classifica finale Giro d'Italia - 2 tappe - 1 giorno in maglia rosa - Best Belgio - 5° classifica finale

66 punti (nel 2008) + 115 punti (nel 2009) di vantaggio su Frejus: la mia nemesi!

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3270
Registrato: Jul 2005

  postato il 13/02/2009 alle 23:33
Mah quest'anno davvero strano! Molro competitivi nelle discipline tecniche e finanche in supercombinata dove con un pò di fortuna il podio lo si aggrappava e poco competitivi nelle tecniche, fatta eccezione dell'ultimo slalom maschile... ma oggi in gigante, onestamente c'erano poche attese all'inizio e non siamo mai stati competitivi per un gran risultato nella seconda manche...
Comunque, chissà, dalla Karbon domani potremmo anche attenderci un podio, sulle azzurre faccio affidamento sulla classe...
In attesa di domenica...

 

____________________
Il procuratore aggiunto di Catania Renato Papa: Nel 2003 è stato abrogato un comma della legge che permetteva l'arresto dei diffidati recidivi, e di chi non si presentava alla firma. E questo è stato un grave gesto di debolezza.
Uno nessuno centomila! Un libro di Pirandello? No! I castelli di Kessler secondo Bulba...
All'ombra del cavaliere oscuro (la biografia di G. Fini)
La regola del fallo di mani nel calcio? Superata, oramai si gioca con 11 portieri come la lotteria istantanea - ponzi ponzi po po po
Baci riddler/Massimo

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote
<<  1    2    3    4    5    6  >> Nuovo Thread  Nuova risposta   Nuovo sondaggio
 
Powered by Lux sulla base di XMB
Lux Forum vers. 1.6
1.5224779