Board logo

Il Forum di Cicloweb

Non hai fatto il login | Login Pagina principale > OT > Fuori tema: Piccola storia delle religioni
Nuovo Thread  Nuova risposta  Nuovo sondaggio
< Ultimo thread   Prossimo thread >  |  Versione stampabile
<<  7    8    9    10    11  >>
Autore: Oggetto: Fuori tema: Piccola storia delle religioni

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 16/02/2010 alle 08:42
Grazie Lorenzo

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 16/02/2010 alle 15:44
Nera luce, parte Decima (VII)

Vantaggi delle religioni etiche



Sgombrando il cielo da Personaggi e distinguendo la terra da ... suggeriscono ipotesi di valorizzazione delle mente e, cercando risultati verificabili, si accordano all'epistemologia scientifica moderna e al realismo. Inoltre non fanno per loro le *guerre di religione*.

Svantaggi


Offrono poco o nulla a chi ha bisogno dell' Al di là e per ciò stesso non dànno grandi speranze nemmeno nell' Al di qua. Purtroppo anch'esse resistono difficilmente alla tentatazione di clericalizzazione, pur tipiche dall'altro tipo.

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 17/02/2010 alle 13:48
Nera luce, parte Decima (VIII)

Possiamo esaminare anche possibili incroci e scambi di ruoli ed allora vediamo che talvolta le religioni dogmatiche-assertive riescono ad imporre la propria mistica anche sul piano dell' Al di qua, perché, detto in altre parole, i monoteismi sodisfano più riccamente gli aneliti religiosi dell'animo umano. (Nota mia: il tavor combatte molto meglio l'ansia, in genere, che ad es. il c.d. "training autogeno).
Come ho già scritto in precedenza, solo le religioni esperienziali non dogmatiche sono integralmente esperienziali ed in questo senso il c.d. ateismo buddista mi è sembrato da interpretare non come negazione di dio (simmetrica al teismo), ma solo come negazione dell'utilità ultima o, se vogliamo, come precetto di non far dipendere l'ascesi suprema e decisiva dalla previa soluzione (teista o atea) del problema di dio.
L'intervento dell'apofatismo come dovere della ragione controbilancia i ricchi doni psicologici (tavor? ) delle religioni del dogma in termini di speranze ultraterrene ed altre senzazioni terrene forti (mistica e c.d. valori religiosi).

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 18/02/2010 alle 14:19
Nera Luce, parte Decima (IX)

Non posso nascondere che una mistica fideistica è per me un ossimoro. Il mistico vuole "toccare con mano", esige il certo. Non rifiuta il remoto, ma deve trattarsi di un remoto accertato; non rifiuta il dubbio, anzi è per definizione colui che preferisce il dubbio certo alla certezza dubbia. Non rifiuta il vuoto, ma non concepisce i riempitivi fasulli. Ergo, forse mistica e fede si autoscludono, almeno nel caso di quella mistica che chiamo realismo realizzante. L'ambiente più inviso al mistico è rappresentato dalle caverne platoniche.
A chi accetta il principio del primato dell'esperienza si aprono tante vie sapienziali quanti gli stati di coscienza: ad. es. l'emozione di fronte alla poesia o all'arte, l'orgasmo o il trasporto amoroso nella coscienza erotica o sentimentale etc.
(nota mia: chi volesse conoscerle meglio, può ascoltare il sito in calce.
Non vedo perché non si dovrebbe attribuire la qualifica di religiose anche a queste vie sapienziali e magari preferirle a quelle istituzionali. Ed in effetti queste para-religioni esistono e nei paesi più civilizzati sono sempre più spesso preferite alla confessioni vere e proprie.

http://www.radio.rai.it/radio3/terzo_anello/meditare_occidente/puntate.cfm

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 20/02/2010 alle 14:26
Nera luce, parte Decima (X)

Forse, piuttosto che parlare di religioni e di para-religioni, è più appropriato sostenere che il passaggio dalle religioni dogmatiche a quelle esperenziali difficilmente può non essere seguito dall'alltro: quello dalla religione alla non religione. Infatti per il realista diventa possibile ricercare quegli stessi stati, liberandoli dagli involucri religiosi e senza incorostare loro nuove religioni.
Un esempio: carmelitana o clarissa cattolica che crede di trarre la sua esperienza spirituale dai contenuti delle preghiere che pronuncia, in realtà è nutrita dal suo ordinamento monastico di vita, in cui quelle preghiere sono supporti asemantici di assorbimenti mistici universalmente umani.
Altro esempio: gli eroi dell'arte "cristiana" in realtà motivati non tanto dal cristianesimo quanto dalloarte in sé ed oggi rivivibili e apprezabili come grandezze umane, anche da non cristiani.

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 20/02/2010 alle 14:28
Nera luce, parte Decima (XI)

Avremmo allora una storia ideale in tre tempi: religione dogmatica, r. esperenziali ed esperienze senza r. L'uomo dell'ultimo tempo potrebbe rimanere grato alla storia come un retaggio dei primi stadi culturali, dai quali potrebbe arrivare alle sorelle maggiori dell'anima: le cose vere.
Oggi bisogna credere (o credere di credere) nei dogmi per avere diritto alla vita monastica: alzarsi alle quattro del mattino, fare silenzio, rinunciare alla famiglia, mangiare poco, lavarsi con l'acqua fredda, cioè cose assai ragionevoli che un uomo può amare. Domani potrebbe rimanere questo genere di vita, senza più il supporto creduto della trinità o della mariologia.
Quando qualcuno mi chiede se sono buddista, rispondo: non lo so, faccio meditazione.
La fase adulta della mente dovrebbe portare a meditare senza essere buddista, così come interessarsi a Gesù senza essere cattolici, o, peggio, "gesuisti".
Purtroppo la storia, così spesso nemica dell'intelligenza, sembra andare verso i neo-fondamentalismi ed io, apofatico convinto, assisto al successo dell' Opus Dei o di Comunione e Liberazione, al magmetismo mediatico di un certo papa (da poco defunto) e all'autoritatismo "etico-politico" di vescovi e prelati!

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 21/02/2010 alle 13:52
Nera luce, parte Decima (XII)

Purtroppo anche i mistici supremi "vedono" solo entità raccontate dalla propria religione; nessun indiano o cinese ha mai "visto" (credo) San Giuseppe e viceversa ...
Per terminare questa parte, vorrei rispondere qual è, secondo me, la radice dell'etica. E' il rispetto dell'ontologia delle entità in questione. Se l'uomo è fatto in un certo modo merita un certo tipo di rispetto e di sviluppo; se l'animale ... merita un altro tipo ...
L'etica dunque non ha nulla a che fare con un'autorità, ogni tesi etica vale quanto i suoi argomenti. La religione è come l'etica della mamma, ma poi Ella, pur rimanendo tale, è sostituita dagli argomenti, a prescindere da ogni promessa di immortalità.
Alle mamme e ai papi che ti hanno incantato e terrorizzato nella prima fase della tua vita puoi dire grazie, ma anche "vade retro" quando "rompono" un po' troppo!

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 22/02/2010 alle 14:26
Nera luce, parte Undicesima (I)

Un'etica ed una mistica laiche (iste)



Questa parte dovrebbe proporre un'etica ed una mistica indipendenti da "ismi" religiosi o ideologici precostituiti (nota mia: ogni riferimento a Pino è casuale ), come lo sono la matematica e la ginnastica, la psicologia e l'alpinismo.
Un'etica fatta non di autorità asserite, ma di argomenti; una mistica che si nutre non di trascendenze asserite, ma di esperienze.
L'etica è intesa nel significato esteso, comprensivo anche del diritto e della politica e la mistica ha anch'essa un significato molto comprensivo e sarà riassunta in quello che chiamo "Brevetesto".

(segue)

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 23/02/2010 alle 12:38
Nera luce, parte Undicesima (II)

Brevetesto



Ripartiamo dall'apofatismo. Ci siamo accorti che l'esercizio strenuo dell'intelligenza sui tre aspetti che costituiscono le coordinate di ogni possibile esperienza: il soggetto dell'e. l'oggetto dell'e. e l'origine del soggetto e dell'oggetto dell'e. approda all'irrappresentabile.
Concepire lo spazio-tempo come finito fa nascere aporie e concepirlo come infinito, altrettante. Spiegare l'universo senza ricorrere ad un assoluto (ossia come esistente da sé o come scaturito dal nulla) fa nascere difficoltà, ma spiegarlo ricorrendo ad un assoluto non è una spiegazione, perché poi come si arriva a quest'ultimo?
L'intelligenza si trova di fronte a dei koan, il che significa che la condizione umana è "crepuscolare" e forsa mai splenderà sull'uomo un sole allo zenit.
Nel crepuscolo (per sempre?) è tuttavia possibile condurre una vita all'altezza dell'ontologia straordinaria toccataci in sorte: nel mettere al mondo un figlio suscitiamo un vivere avvolto nel mistero, un vivere che giustifica esaltazione e sgomento.

(segue)

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 24/02/2010 alle 14:05
Nera luce, parte Undicesima (III)

Vivere il mistero dell'essere e farlo vivere dando la vita alle generazioni future è l'inaugurazione di un mondo adulto di uomini stretti dalla solidarietà di con-vivere esaltazione e sgomento. Solidarietà ontologica tale che ogni rivalità che conosciamo (politica o religiosa che sia) appaia infantilismo percettivo ed etico, non meno micidiale per il fatto di essere indotto.

[Nota mia, confronta Gaber
Se ci fosse un uomo
di Gaber - Luporini



1999 © P. A.





Se ci fosse un uomo
un uomo nuovo e forte
forte nel guardare sorridente
la sua oscura realtà del presente.

Se ci fosse un uomo…

Forte di una tendenza senza nome
se non quella di umana elevazione
forte come una vita che è in attesa
di una rinascita improvvisa.

Se ci fosse un uomo.

Se ci fosse un uomo generoso e forte
forte nel gestire ciò che ha intorno
senza intaccare il suo equilibrio interno
forte nell'odiare l'arroganza
di chi esibisce una falsa coscienza
forte nel custodire con impegno
la parte più viva del suo sogno
se ci fosse un uomo.

Se ci fosse un uomo.

Questo nostro mondo ormai è impazzito
e diventa sempre più volgare
popolato da un assurdo mito
che è il potere.
Questo nostro mondo è avido e incapace
sempre in corsa e sempre più infelice
popolato da un bisogno estremo
e da una smania vuota che sarebbe vita
se ci fosse un uomo.

Se ci fosse un uomo.
Se ci fosse un uomo.

Allora si potrebbe immaginare
un umanesimo nuovo
con la speranza di veder morire
questo nostro medioevo
col desiderio che in una terra sconosciuta
ci sia di nuovo l'uomo al centro della vita.

Allora si potrebbe immaginare un neo rinascimento
un individuo tutto da inventare
in continuo movimento.
Con la certezza
che in un futuro non lontano
al centro della vita ci sia di nuovo l’uomo.

[parlato] Un uomo affascinato da uno spazio vuoto che va ancora popolato.
Popolato da corpi e da anime gioiose che sanno entrare di slancio nel cuore delle cose
popolato di fervore e di gente innamorata ma che crede all'amore come una cosa concreta
popolato da un uomo che ha scelto il suo cammino senza gesti clamorosi per sentirsi qualcuno
popolato da chi vive senza alcuna ipocrisia col rispetto di se stesso e della propria pulizia.
Uno spazio vuoto che va ancora popolato.
Popolato da un uomo talmente vero che non ha la presunzione di abbracciare il mondo intero
popolato da chi crede nell'individualismo ma combatte con forza qualsiasi forma di egoismo
popolato da chi odia il potere e i suoi eccessi ma che apprezza un potere esercitato su se stessi
popolato da chi ignora il passato e il futuro e che inizia la sua storia dal punto zero.
Uno spazio vuoto che va ancora popolato.
Popolato da chi è certo che la donna e l'uomo siano il grande motore del cammino umano
popolato da un bisogno che diventa l'espressione
di un gran senso religioso ma non di religione
popolato da chi crede in una fede sconosciuta dov'è la morte che scompare quando appare la vita
popolato da un uomo cui non basta il crocefisso ma che cerca di trovare un Dio dentro se stesso.

Allora si potrebbe immaginare
un umanesimo nuovo
con la speranza di veder morire
questo nostro medioevo
col desiderio
che in una terra sconosciuta
ci sia di nuovo l'uomo
al centro della vita.

Con la certezza
che in un futuro non lontano
al centro della vita
ci sia di nuovo l'uomo. ]




 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 25/02/2010 alle 14:08
Nera luce, parte Undicesima (IV)

Io penso che valga la pena vivere e procreare una vita che sia indirizzata alla fraternità creativa nel con-ricercato e condiviso risveglio al mistero dell'essere. Se anche l'orrenda morte del corpo è l'estinzione di ogni esperienza, non sarà stata cosa da poco la partecipazione ad una "koinonia" tra uomini.
Lo scenario sapienziale è prendere sul serio la scienza e il realismo realizzante, accettando l'apofatismo e quelle forme di coscienza che abbiamo chiamate "le sorelle maggiori dell'anima". Non si può discettare del senso della vita così a tavolino, perché se c'è un senso, esso è di tipo esperito e non asserito. Il senso della vita non può valutarsi che da dentro il lavoro alla proprio trasformazione, non può essere oggetto di giudizi, ripeto, esterni ed oziosi. A chi dice che: "La vita non ha senso", non bisogna rispondere che ce l'à, occorre invece domandare qual è il livello di esperienza dal quale costui dice quel che dice, se è sicuro di dirlo dal luogo più strategico di osservazione concesso alla mente umana? In altre parole in-oltrati nelle esperienze mistiche-alte, nelle trascendenze-immanenti e solo dall'effettivo in-oltramento valùta e parla.

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 26/02/2010 alle 14:12
Nera luce, parte Undicesima (V)

Il significato ultimo si presenta all'uomo come un orizzonte di luce con al centro un cerchio di tenebra (nota mia: Nera Luce). Della luce non possiamo dubitare, è la luce dell'essere che ha vinto (esiste ), ma se cerchiamo di vedere la scaturigine della luce, ecco che incontriamo la tenebra e la somma altro non è che l'immagine simbolica della mistica apofatica.
Un tempo la interpretavo come simbolo della fede, ma poi mi sono accorto che non è così, è la realtà stessa quale si presenta alla conoscenza sapienziale.
L'opposto del simbolo apofatico è il cerchio tutto disegnato e illuminato, con intorno un orizzonte di tenebra: simbolo appunto della credenza, quella "fede" per cui il mio sistema è chiaro e distinto e spiega tutto, mentre fuori esiste solo la tenebra-errore.
Il simbolo apofatico porta benefici a chi a lungo, in silenzio, lo guarda, perché nulla toglie alla certezza della luce, suggerisce solo che non la si debba vedere come luce dominabile in ogni suo aspetto. Immerge la mente in una tacita, calda, sicura pace: la pace di un, non esprimibile in formule, accordo con la realtà.

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 27/02/2010 alle 14:07
Nera luce, parte Undicesima (VI)

E FINE DEL LIBRO



Se dall'estremo orizzonte, lo sguardo ritorna a ciò che lo circonda, l'uomo non può che intravedere il sole basso del crepuscolo, ma sarà ancora e ancora possibile, come da millenni è possibile, accendere fuochi di intelligenza, di amicizia, di condivisa ricerca sapienziale, ma anche (ed è importante) fuochi di di consapevolizzata ordinarietà, nell'ultimamente non decifrabile.
Ed allora per terminare, iscrivo, quasi come un mantra, il seguente aforisma, che riassume il nostro percorso.


M'inchino a te, gioiello che risplendi nel fiore di loto

Un orizzonte di luce con al centro un cerchio di tenebra

Nel crepuscolo per sempre, accenderò fuochi veri

Camminare con le sorelle maggio dell'anima





 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 14/03/2010 alle 11:32
La Verità dei Vangeli. (I) Lista di passi brevemente commentati

La "Verità" dei Vangeli

Dove non spiegato altrimenti il testo italiano utilizzato e' quello della
*Bibbia Interconfessionale * approvatissima dalla chiesa cattolica, ed anche dalle chiese
protestanti italiane.


IL NUOVO TESTAMENTO:

* *
Dal Vangelo secondo Matteo



*-- Matteo 10:34* "Non pensate che io sia venuto a portare pace nel mondo:
Io sono venuto a portare non la pace ma la discordia. Infatti io sono venuto
a separare il figlio dal padre, la figlia dalla madre, la nuora dalla
suocera.


*-- Matteo 10: 35-36* "E ognuno avrà nemici anche nella propria
famiglia. Perche' chi ama suo padre o sua madre più di quanto ama me non
è degno di me, chi ama suo figlio o sua figlia più di me non è degno
di me."

1] (Al solito la traduzione della Bibbia interconfessionale è addomesticata.
Quella parolina << anche >> è aggiunta solo per ammorbidire un
po' il senso. Una traduzione più aderente al testo di Matteo 10: 35
secondo me ed altri critici potrebbe essere:

<< E i nemici di un uomo saranno i sui stessi familiari.>>........ )


2] (Gesù spontaneamente - non in base ad una domanda specifica - ma per
dare un esempio del lassismo dei farisei - riafferma il comandamento di
uccidere i figli che "insultino i genitori.")

*--**Matteo 15: 3 - 6 ** *" Gesù rispose loro: E voi perche' non
rispettate i comandamenti di Dio per seguire la vostra tradizione ? Dio ha
detto : Onora il padre e la madre. Eppoi: Chi parla male di suo padre e di
sua madre deve essere condannato a morte. Voi invece insegnate che uno non
ha piu' il dovere di onorare suo padre e sua madre se dice ad essi che ha
offerto a Dio quei beni che doveva usare per loro. Cosi' per mezzo della
vostra tradizione voi fate diventare inutile la parola di Dio. "

3] (Cosi' Gesù rafforza il comandamento Divino stabilito in Esodo 21:17, e
nel Levitico 20:9,

e soprattutto nel Deuteronomio 21:18-21, che specifica l'obbligo che i
genitori conducano i figli testardi alle porte della citta' perche' siano
colà giustiziati mediante lapidazione.

4] Inoltre Gesù denuncia gli sforzi umanitari dei Farisei che avevano
lottato per secoli per ridurre l'impatto di questo brutale comandamento per
renderlo praticamente inapplicabile o quasi. )

5] (parla Gesù ed ordina di non pregare né nelle chiese, né in pubblico.

6] Figuriamoci che cosa penserebbe Gesu' di Giubilei, processioni ecc.,
anche se la Bibbia in altri punti e' contraddittoria )

*--Matteo 6 : 5*. "E quando pregate, non fate come gli ipocriti che si
mettono a pregare nelle sinagoghe o agli angoli delle piazze per farsi
vedere dalla gente. Vi assicuro che questa è l'unica loro ricompensa.

Tu invece, quando vuoi pregare, entra in camera tua e chiudi la porta. Poi
prega Dio presente anche in quel luogo nascosto. E Dio tuo Padre che vede
anche ciò che è nascosto, darà la ricompensa."

7] (Ammirare le forme di una donna e' eguale all'adulterio)

-- Matteo 5:27-30 "Sapete che nella Bibbia e' stato detto <commettere adulterio>>:

Ma io vi dico se uno guarda la donna di un altro perché la vuole, nel suo
cuore egli ha già peccato di adulterio con lei.

Se il tuo occhio destro ti fa compiere il male, strappalo e gettalo via: ti
conviene perdere soltanto una parte del tuo corpo piuttosto che essere
gettato tutto intero all'inferno.

Se la tua mano destra ti fa compiere il male, strappala e gettala via:
ti conviene perdere soltanto una parte del tuo corpo piuttosto che essere
gettato tutto intero all'inferno".

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 15/03/2010 alle 10:55
La Verità dei Vangeli. (II) Lista di passi brevemente commentati



Divorzio si' divorzio no



- Matteo - 5:31-32

" Nella Bibbia e' stato detto: Chi vuole abbandonare la propria moglie deve
darle una dichiarazione scritta di divorzio.

Ma io vi dico: Chi manda via la propria donna, salvo il caso di relazione
illegale, la mette in pericolo di diventare adultera. E chi sposa una donna
abbandonata dal marito commette adulterio anche lui."



8] Dunque secondo Gesu' e contrariamente alla legge mosaica un uomo può
divorziare solo in caso di "relazione illegale".

9] Qui può esistere il dubbio se la cosa debba significare relazione
illecita propria riferentesi dunque all'uomo, e cioe' se si voglia ammette
solo di lasciare le concubine non sposate legamente, come preferisce il
testo della Bibbia Interconfessionale probabilmente per iper antidivorzismo,
oppure [10] se la cosa debba significare che in caso di adulterio altrui,
ovvero della propria moglie, il marito abbia il diritto di divorziare.

11] Questa interpretazione è data come possibile ("alcuni sostengono..")
nella nota della Bibbia interconfessionale.

12] Siamo in presenza di una situazione veramente un pochino incerta, in
cui il traduttore approvato ovverossia la CEI sceglie a piacer suo fra due
possibilità più o meno possibili.

13] Se non altro non si tratta di un falso clamoroso come in altri casi.

14] Probabilmente la scelta più giusta sarebbe comunque la seconda ma non è la preferita della Bibbia interconfessionale perché incrinerebbe l'assoluta indissolubilita' del vincolo del matrimonio propugnata finora dalla chiesa cattolica.

15] La conclusione corretta in tema matrimoniale può essere che
probabilmente, almeno in alcuni casi di "relazione illegale" il Vangelo
stesso (come gia' stabiliva l'antico testamento) ammetterebbe il divorzio.

16] Ma a parte tutto questo argomento "di diritto di famiglia" si possono
fare quattro importanti considerazioni piu' generali:

1) Il Vangelo quando vuole si permette di predicare chiaramente in modo
difforme dal Vecchio Testamento, DUNQUE il Vecchio Testamento NON e'
l'immutabile parola di Dio.

2) Questo e' clamorosamente in contrasto con la definizione stessa di
Bibbia e specificatamente con le disposizioni del Vecchio Testamento in
materia di innovazioni: *Deuteronomio 4 : 2* "Non aggiungete e non togliete
nulla a quello che dico" e *Deuteronomio 28 : 45 - 46* " Tutte queste
maledizioni si abbatteranno su di voi e vi perseguiteranno fino a
distruggervi perche' non avete ubbidito al Signore, vostro Dio, e non avete
messo in pratica i suoi comandamenti e le sue norme, come io vi ho ordinato.
Tutto questo sarà per voi e per i vostri discendenti, per sempre, un
ammonimento solenne".

3) Queste innovazioni attribuite a Gesù sarebbero anche in clamoroso
in contrasto di senso con il precedente della riaffermazione delle peggiori
rigidità antico testamentarie da parte di Gesù nel caso della punizione
con condanna a morte dei figli ribelli, che era già stata superata dalla
tradizione dei farisei. Da una parte Gesù è piu' integralista e
letteralista, da altre parti appare anti formalista e liberalizzatore
generoso.

4) Se col Nuovo Testamento cambiano alcune leggi divine, non solo
relative al culto, bensì relative alla morale, allora ciò equivale al
relativismo morale, sempre condannato dalla chiesa cattolica (e non solo
da essa, ma da tutte le altre chiese

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 16/03/2010 alle 10:32
La Verità dei Vangeli. (III) Lista di passi brevemente commentati



* -- Matteo - 19:12*

17] Castratevi per Gesù! Anche se il testo della Bibbia
interconfessionale elenca in modo anodino - soporifero - oscuro:

-- Matteo - 19:12 "Vi sono diversi motivi per cui certe persone non si
sposano: per alcuni vi e' una impossibilita' fisica, fin dalla nascita,
altri
sono incapaci di sposarsi perche' gli uomini li hanno fatti diventare così;
altri ancora non si sposano per servire meglio il regno di Dio. Chi può
capire cerchi di capire",

18] io sostengo che una traduzione piu' fedele all'originale sarebbe
quella che menzionasse che si sta parlando di castrazione subita e di
castrazione volontaria, e non solo di astinenza dal matrimonio.

19] Il finale del versetto 12 suona quasi una beffa

"Chi puo' capire cerchi di capire".


* - - Matteo - 22:24 e 22: 30*

20] Spiegazione della legge del Levirato:

-- Matteo - 22:24 "Gli domandarono: - Mose' ha stabilito questa legge: Se
uno muore senza figli, suo fratello deve sposare la vedova e cercare di
avere dei figli per quello che e' morto".

21] Gesù non apporta variazioni dirette ma precisa che:

"Dopo la resurrezione gli uomini e le donne non si sposeranno più ma
saranno come gli angeli del cielo.

22] Ciò può anche non essere considerato come variazione dell'antica
norma, ma si puo' anche pensare che la sminuisca, alludendo ad una sua
prossima perdita di importanza.


*-- Matteo - 24:19* " Saranno giorni tristi per le donne incinte e quelle
che allattano".

23] (Ma non doveva essere onnipotente ed infinitamente buono almeno il
Dio del Vangelo ?

24] Qui risulterebbe solo onnisciente e preveggente.

25] Se fosse molto potente e piuttosto buono non dovrebbe alleviare almeno
un po' i guai predetti ?

26] O li prevede perche' li mandera' lui come sostiene l'antico testamento?
Vedasi :

--- *Isaia 45:7* "Io procuro il bene ed il male."

--- *Lamentazioni 3: 38* "Non è forse la parola dell'altissimo che provoca
benessere e sventure?

--- *Amos 3: 6* Puo' abbattersi una sciagura in citta' se il Signore
non l'ha provocata ? )

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 17/03/2010 alle 12:32
La Verità dei Vangeli. (IV) Lista di passi brevemente commentati


*Dal Vangelo secondo Luca*



27] (Gesù è causa di divisione fra gli uomini )

-- Luca 12 : 51-53 "Pensate che io sia venuto a portare la pace nel mondo?

No, ve l'assicuro, non la pace, ma la divisione*.

D'ora in poi se in famiglia ci sono cinque persone, si divideranno fino a
mettersi tre contro gli altri due e due contro gli altri tre.

Il padre contro il figlio e il figlio contro il padre, la madre contro la
figlia e la figlia contro la madre, la suocera contro la nuora e la nuora
contro la suocera".

28] * non "la pace, ma la Spada" (secondo altre versioni egualmente
accettate dalla chiesa.)



29] (L"odio dei parenti è fra le condizione per seguire Gesù)

-- Luca 14:26 "Se qualcuno viene con me e non ama me più del padre e
della madre, della moglie e dei figli, dei fratelli e delle sorelle, anzi
se non mi ama più di sé stesso, non può essere mio discepolo.

30 ] Questa e' la versione dal greco riportata dalla "Bibbia
Interconfessionale".

31] Una seconda versione dal greco e' accennata dalla nota a pie' di
pagina della stessa "Bibbia Interconfessionale": di cui riporto le precise
parole:

<< Non ama me più del ....: >>

32] L'espressione si puo' tradurre anche

<< - e non odia suo padre....>>;

33] Invece Matteo in 10, 37 attenua il tono radicale di Luca.

34] L'amore che Gesù richiede, per Matteo è prioritario, per Luca
esclusivo.>>

35] La distorsione della traduzione riportata nel testo della Bibbia
Interconfessionale è evidente.

36] La lingua greca è più precisa tanto da non consentire
simili equivoci fra due concetti ben diversi.

37] Un conto è *amare di piu'*, un altro è *amare *soltanto,
mentre un terzo ancora è *odiare*.

38] Matteo dirà amare di più e si parlerà allora di amore prioritario,

39] ma Luca parla chiaramente di ODIARE, non di amare esclusivamente,

40] e la castigatissima Bibbia Interconfessionale pur controvoglia, dopo
aver nascosto la verità dal testo, cita questa realtà fra le note anche
se solo per tentare di distorcerla. C'e' riuscita con voi ?

41] Considerate che se in Matteo la lingua greca riesce ad esprimere
chiaramente il concetto della priorità (e non altro come esclusività o
riferimento all'odio), questo significherà anche che

42] se invece in Luca si legge odio nel testo greco, allora vorrà dire
che Luca aveva in mente proprio odio, e non esclusività d'amore per altri.

43] La sola traduzione aderente al testo originale è dunque la seguente:

Luca 14:26 "Se qualcuno viene con me e non odia suo padre e sua madre, sua
moglie e sua figlia, e fratelli e sorelle, sì, ed anche la sua stessa vita,
egli non può essere mio discepolo.

44] E si puo' anche legittimamente affermare relativamente al testo della
Bibbia interconfessionale che ci troviamo di fronte ad uno dei casi
dimostrati con chiarezza di una precisa intenzione di distorcere il testo
originale << ispirato da Dio >> per adattarlo alla sensibilita' moderna dei
lettori.



 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 17/03/2010 alle 12:39
ma solo a me fa un po' ridere il titolo del thread?

 

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 17/03/2010 alle 12:44
Originariamente inviato da Subsonico

ma solo a me fa un po' ridere il titolo del thread?


Non so, ma se ne suggerisci uno "migliore", credo che si possa sempre cambiare.

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 17/03/2010 alle 18:30
Originariamente inviato da lemond

Originariamente inviato da Subsonico

ma solo a me fa un po' ridere il titolo del thread?


Non so, ma se ne suggerisci uno "migliore", credo che si possa sempre cambiare.


vabbè, non l'hai capita, pace.

 

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 18/03/2010 alle 13:46
La Verità dei Vangeli. (V) Lista di passi brevemente commentati



44] (La parabola dei 10 servi)

-- Luca 19:27 " Ed ora portate qui i miei nemici, quelli che non mi
volevano come loro re.

Una volta qui uccideteli alla mia presenza.."

45] E' un resto delle storie originali sul Gesù guerrigliero (forse
Giovanni di Gamala) insorto contro Erode ed anti Romano, poi quasi tutte
distorte o sostituite con favolette sul Gesù principe della pace.

*-**- Luca 6: 36- 38 "Non giudicate e non condannate... ... Perdonate e
sarete perdonati"*

46] * * contraddice totalmente il
Deuteronomio 43: 7-10 Uccidi subito .........
La storia e L'archeologia NON hanno trovato conferma a quanto scritto nel
libro di Giosuè e nell'Esodo.
Si tratta di INVENZIONI DI SANA PIANTA
Leggansi Cascioli Donnini e molti altri studiosi della Bibbia prima di loro
in altre lingue.

DOPO essere stati conquistai dai Babilonesi e liberati dai
Persiani gli ebrei SI INVENTARONO DI SANA PIANTA una precedente storia
bellicista e grondante del sangue di stragi e vittorie mai compiute.

A scopo di propaganda le classi sacerdotali- nobiliari degli ebrei si
inventarono tutto ciò ed un dio unico mai prima trattato come unico né come creatore.

----------------------

47] ( Maria è impura dopo al nascita di Gesù - Presentazione di Gesu' al
Tempio)

*-- Luca - 2:22 * "Venne poi per la madre e per il bambino il momento della
loro purificazione..."

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 20/03/2010 alle 13:18
La Verità dei Vangeli. (VI) Lista di passi brevemente commentati



Dal Vangelo secondo Giovanni



Giovanni 15:6

" Se uno non rimane unito a me è gettato via come i tralci che diventano
secchi e che la gente raccoglie per bruciare.

48] Al solito la Bibbia interconfessionale addolcisce una espressione più
cruda. Piu' aderente al testo sarebbe:

" Se uno non rimane unito a me è gettato via come i tralci, ed è
disseccato, e la gente li raccoglie per bruciarli.

49] (Questo passo, una citazione di Gesù, è stato usato per secoli non
per bruciare simbolicamente rami secchi, bensì per giustificare i roghi di
decine di migliaia esseri umani, per essersi rifiutati di credere.)

50] Contraddizione

--* Giovanni 10: 30 * "Io ed il padre siamo una cosa sola"

appare in contraddizione con

*Giovanni 14: 28* "Io vado dal padre perche' il padre e' piu' grande
di me".


*Dal Vangelo secondo Marco * il più antico ed il piu' breve dei 3
sinottici


51] Ragionevolezza e mitezza

(Gesù maledice un fico perché fuori stagione non ha frutti e il fico si
secca. )

Marco 11: 12 (Ed nche Marco 11:20 nonche' Marco 13: 20)

52] Ragionevolezza e mitezza bis

(Gli omosessuali sono degni di morte anche se le passioni omosessuali
risultano da Dio)

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 21/03/2010 alle 12:04
La Verità dei Vangeli. (VII) Lista di passi brevemente commentati

Lettera di San Paolo ai Romani

*Romani 1:26 -27 e 1: 32*
"*Dio li ha abbandonati lasciandoli* *travolgere *da passioni vergognose:
Le loro donne hanno avuto rapporti sessuali contro natura, invece di seguire
quelli naturali. Anche gli uomini, invece di avere rapporti con le donne si
sono infiammati di passione gli uni per gli altri. Uomini con uomini
commettono azioni turpi e ricevono così loro stessi il giusto castigo per
questo traviamento.
Eppure sanno benissimo come Dio giudica quelli che commettono queste colpe:
sono degni di morte".
---------

53] ( La legge e' peccato ? No, pero' Secondo San Paolo il Vecchio
Testamento era quasi un libro porno, tentatore.)
*--Romani - 7: 7-11*

"Dobbiamo forse concludere che la legge è peccato ? No di certo! La legge
però mi ha fatto conoscere che cos'è il peccato. Per esempio io ho saputo
che era possibile desiderare cose cattive, percheé la legge ha detto: Non
desiderarle. Il peccato allora, da quel comandamento ha preso l'occasione
per far nascere in me malvagi desideri di ogni specie. Invece, dove non c'è
legge, il peccato è senza vita e io prima vivevo senza la legge, ma quando
venne il comandamento, allora il peccato prese vita ed io morii. .... Il
peccato infatti ha colto l'occasione offerta dal comandamento, mi ha
sedotto e mi ha fatto morire per mezzo dello stesso comandamento".


54] (L'uomo dominato dal peccato)
*-- Romani - 7: 14-18*

"Noi certo sappiamo che la legge è spirituale. Ma io sono un essere debole,
schiavo del peccato. Difatti non riesco neppure a capire quel che faccio:
non faccio quel che voglio, ma quel che odio........In me c'è il desiderio
del bene, ma non c'è la capacita' di compierlo".


55] (Obbedite ai vostri capi -

e se fossero Hitler o Stalin o Pol Pot ?)

*-- Romani - 13:1-6***


56] (Vivere per la gloria di Dio significa astenersi dal sesso)

Prima Lettera di San Paolo ai Corinzi

- *1 Corinzi - 6:18-20*


57] ( Per essere ancora più santi astenersi totalmente dal sesso).

57] Hai una migliore possibilita' di andare in paradiso se non ti sposi

58] il che costituisce una affermazione in contrasto logico con la
proclamazione della famiglia come base della società e

59] con la persecuzione o discriminazione degli omosessuali basata sulla
gravità della deviazione dal modello familiare eterosessuale

60] nonche' dall'imperativo demografico crescete e moltiplicatevi

61] che peraltro e' il SOLO imperativo biblico che l'umanità possa dire di
avere compiuto a dovere - e stracompiuto pure, tanto che forse sarebbe il
caso di dichiararlo compiuto e di passare ad altro per esempio ad estirpare
il furto e l'omicidio.


 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 22/03/2010 alle 11:14
La Verità dei Vangeli. (VIII) Lista di passi brevemente commentati



*1 Corinzi - 7:1-40*

62] NON sposatevi!
*--1 Corinzi - 7:1-2*

"..Io vi dico è meglio per l'uomo non sposarsi; tuttavia, per non cadere
nell'immoralità, ogni uomo abbia la propria moglie".


63] ( L'uomo è il capo della moglie; Solo l'uomo è l'immagine e gloria
di Dio)
*--1 Corinzi 11:3-15 * "...Tuttavia desidero che sappiate questo: Cristo
è il capo di ogni uomo, il marito è il capo della moglie ...
... la donna si copra anche il capo con un velo. L'uomo non ha bisogno di
coprirsi il capo perché è immagine e gloria di Dio. Infatti l'uomo non è
stato tratto dalla donna, ma la donna è stata tratta dall'uomo. []
E inoltre l'uomo non è stato creato per la donna, ma la donna è stata creata per
l'uomo. Per tutte queste ragioni ed anche a motivo degli angeli la donna
deve portare sul capo un segno della sua appartenenza all'uomo".

[e poi ... il burqa ]



64] ( Le donne tacciano: possono imparare solo dai mariti. Dio
infatti non vuole il disordine, ma la pace:

65] Come in tutte le comunita' di credenti alle donne non è permesso
parlare durante l'assemblea.

66] Facciano silenzio e stiano sottomesse come dice anche la legge di Mosè.


67] Se vogliono spiegazioni le chiedano ai loro mariti a casa perché non
sta bene che una donna parli in assemblea).
.

*--1 Corinzi 14:33-35*

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 23/03/2010 alle 14:10
La Verità dei Vangeli. (IX) Lista di passi brevemente commentati


Lettera di San Paolo agli Efesini

68] ( Mogli sottomettetevi ai mariti )
*-- Efesini 5:22-23 e 5-24*. "Le mogli ubbidiscano al marito come al
Signore perché il marito è capo della moglie come Cristo è capo della
Chiesa; ......... Le mogli ubbidiscano in tutto al loro marito".
69] (La Bibbia Interconfessionale ammorbidisce un po' l'espressione
originale che era Sottomettetevi!)

Lettera di San Paolo ai Colossesi
70] ( Altro Mogli sottomettetevi ai mariti.)

-- *Colossesi 3:18* " Voi mogli siate sottomesse ai vostri mariti, cosi'
com'e' giusto di fronte al Signore" .

Prima Lettera a Timoteo

71] ( Donne adornatevi di modestia!)
*-- 1 Timoteo -- 2:9* "E così preghino anche le donne : ... con modestia
e semplicità. I loro ornamenti non siano complicate pettinature, gioielli
d'oro, perle e vestiti lussuosi".

72] (Adamo non ha avuto colpa, solo Eva peccò, per cui si deduce che le
donne sono inferiori agli uomini e tanti saluti alla "eguale dignità....")

*-- 1Timoteo -- 2:11-14* Durante le riunioni le donne restino in silenzio,
senza pretese Non permetto alle donne di insegnare né di comandare agli
uomini. Devono starsene tranquille*. perché Adamo è stato creato per
primo, eppoi Eva, ed inoltre non fu Adamo che si lascio' ingannare: fu la
donna a lasciarsi ingannare e a disubbidire agli ordini di Dio

73] * (Il testo greco sarebbe anche traducibile con sottomesse)



74] -- (Ma almeno non moriranno di parto).

--* 1Timoteo 2:15*

"Tuttavia anche la donna si salverà, nella sua vita di madre se conserva
la fede, l'amore e la santità nella modestia".

75] Cosi' traduce la Bibbia interconfessionale.

76] In altre traduzioni piu' antiche la Bibbia o Dio che dir si voglia, si
limitava a promettere alle donne che esse non sarebbero morte di parto,

77] (L'accenno era solo allo scansare la morte per parto e non la morte in
generale).

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 24/03/2010 alle 10:28
Differenza fra uomini e donne secondo certe religioni (I)

Carattere e creazione



L'uomo è stato creato dalla terra e la donna è stata creata dalla costola

Allah ha decretato il ciclo mestruale per la donna e non per l'uomo

Agli uomini cresce la barba e alle donne no, ma se [la donna] ce l'ha [la barba] è permesso per lei raderla

Le donne sono difettose nel loro intelletto e nella religione, ovvero la testimonianza della donna è uguale a metà di quella dell'uomo e durante le mestruazioni non prega e non digiuna

Agli uomini è stata data forza sulle donne

Lo sperma dell'uomo è bianco e quello della donna è giallo

E' un obbligo circoncidere l'uomo ed è una sunnah circoncidere la donna

Il piercing all'orecchio è consentito alle donne e non agli uomini


 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 24/03/2010 alle 10:44
La Verità dei Vangeli. (X) Lista di passi brevemente commentati

78] (Se si è vescovi o diaconi non si deve avere più di una moglie!

79] Se ne puo' anche concludere che se invece non si è vescovi o diaconi
la poligamia è ammissibile per il cristianesimo.

80] Ma ovviamente tutta la storia si perde nella traduzione della Bibbia
interconfessionale):

*-- 1Timoteo - 3:2,12*

"Un Pastore deve essere un uomo buono, fedele alla propria moglie, capace
di controllarsi, prudente, dignitoso".


81] ( *La schiavitù è accettata. Allontanatevi da chiunque insegni altrimenti*).

-- *1Timoteo 6:1-5*

"Quelli che si trovano ad essere schiavi siano molto rispettosi verso i loro
padroni perche' nessuno possa bestemmiare il nome di Dio e parlar male della
nostra fede. E se i padroni sono cristiani, non possono loro mancare di
rispetto, per il semplice fatto che sono fratelli nella fede. Anzi, devono
servirli ancor meglio, proprio perche' compiono un servizio verso persone
credenti ed amate da Dio. Sono queste le cose che tu devi insegnare e
raccomandare.

*Se qualcuno insegna diversamente, se non segue le sane parole di Gesù
Cristo nostro signore e l'insegnamento della nostra religione, è un superbo
e un ignorante, un malato che va in cerca di discussioni e vuol litigare
sulle parole*. ....Chi fa così è gente squilibrata lontana dalla verita'.
"


Prima lettera di Pietro

82] (Le donne dovrebbero parlare ai loro mariti con timore).

*1 Pietro 3:1-7* "Anche voi mogli, siate sottomesse ai vostri mariti..."

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 25/03/2010 alle 13:02
La Verità dei Vangeli. (XI) Lista di passi brevemente commentati



Apocalisse di San Giovanni (o Rivelazioni di S. Giovanni)


(*Apocalisse 17:1-6*

83] Una prostituta è spogliata bruciata e mangiata

84] (ma se non altro l'Apocalisse è un libro allegorico e non è da
interpretare come un libro che presenta una regola "morale" a cui si
è obbligati a conformarsi come il resto dei Vangeli.

85] Resta la crudeltà dell"immagine tutt'altro che educativa o morale,

86] e resta la possibilità che pur sbagliando qualcuno presuma che la
crudeltà verso la prostituzione abbia una sanzione divina) .


Fine


 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 26/03/2010 alle 13:15
Differenza fra uomini e donne secondo certe religioni (II)


Purificazione



L'urina della donna è più forte e più sporca di quella dell'uomo

E' legiferato per l'uomo rifare il wudù se ha intenzione di avere relazioni in un secondo tempo durante la stessa situazione
Nota: non so di preciso che significhi rifare wudù, ma così è scritto nel testo originale; in ogni mopo se qualcuno lo sapesse ...


 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 27/03/2010 alle 12:09
Differenza fra uomini e donne secondo certe religioni (III)


Preghiera




Una donna prega dietro un uomo, anche se è da sola. Tuttavia se un uomo prega dietro un altro uomo da solo, la sua preghiera non è corretta

Una donna non può guidare un uomo in preghiera

Se una donna conduce la preghiera per altre donne, deve stare nel mezzo. Quando un uomo guida la preghiera, sta da solo di fronte a tutte le fila

La preghiera congregazionale è un dovere per gli uomini e non per le donne

La migliore fila per le donne in congregazione è l'ultima e la migliore fila per gli uomini è la prima

Camminare verso la preghiera di notte, è raccomandato per gli uomini ma non per le donne

Se l'Imam commette un errore durante la preghiera, le donne battono la mano mentre gli uomini dicono subhana Allah

La preghiera non è valida quando una donna passa davanti ad un uomo. E se un uomo passa di fronte ad un altro uomo durante la preghiera, essa è ancora valida

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 28/03/2010 alle 11:20
Differenza fra uomini e donne secondo certe religioni (IV)


Le donne sono incoraggiate più degli uomini a dare l'elemosina

Una donna può pagare per conto dei suoi figli e di suo marito, ma un uomo non può pagare per conto dei suoi figli e della sua moglie

Il riscatto è un dovere per l'uomo e non per la donna. Questo può succedere se un uomo ha avuto intenzionalmente relazioni con sua moglie durante il giorno

Una donna non può digiunare volontariamente a meno che abbia il permesso di suo marito. Un uomo non ha bisogno del permesso di sua moglie per digiunare volontariamente


 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 07/04/2010 alle 12:32
* A Dio spiacendo * di Shalom Auslander (Ed.Guanda, trad. di Elettra Caporello, pp. 182, euro 15,00).


E se, una volta abbandonato il mondo dei vivi, scoprissimo che Dio è un gran pallone gonfiato, insoddisfatto cronico, che si diverte a scorrazzare per le vie della Grande Mela, freddando poveri malcapitati che avrebbero dovuto tirare le cuoia tempo addietro e che invece si divertono a gabbare il destino ostinandosi a sopravvivere alla volontà celeste? E se fosse semplicemente un impiegato demiurgo, esilarante nei suoi difetti e nel suo tedio cosmico? Auslander, cresciuto in una famiglia di ebrei ortodossi e impegnato da sempre in una sua personalissima guerra logica ai fondamenti della tradizione religiosa, tratteggia in modo dissacratorio e cinico il rapporto tra essere umano e Dio, invitando i suoi lettori a prendere meno seriamente quell'appuntamento infausto a cui tutti prima o poi saremo invitati.

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 07/04/2010 alle 14:54
LETTERA - Se il diritto diventa peccato, lo Stato diventa Chiesa


. da Europa del 6 aprile 2010


di Federico Orlando
Cara Europa, vorrei qualche riflessione al commento di Massimo Cacciari
sulla prima bravata clerico-leghista: il tentativo di Cota e di Zaia di
sdebitarsi con Bagnasco per il suo gentile anatema contro le loro
concorrenti Bonino e Bresso. Può darsi che l`intervento del ministro della
salute abbia riportato la legalità, ma il desiderio della vandea di
rimandare le donne ad abortire in clandestinità è stato svergognatamente
svelato. Del resto, contro la legalità dell`aborto s`è scatenata da anni
l`offensiva
clerico-teodem, dall`America puritana dell`eterna \"Lettera scarlatta\"
all`Italia delle liste \"perla vita\" di Ferrara Ruini e Binetti. Esperimenti
falliti. A sua volta, Berlusconi tra giustizia e Quirinale ha altro da
pensare. Ed ecco farsi avanti il partito della Lega, che, crescendo, passa
dalla cultura del dio Po a quella delle radici. Non le radici dei padri
della Chiesa, semmai quelle di un cristianesimo da crociata (vedi guerra ai
barconi carichi di clandestini inermi).
MIRELLA GIUSTI, MILANO

FEDERICO ORLANDO RISPONDE
Cara signora, il professor Cacciari propone che altri interlocutori più
credibili della Lega provino a dialogare con la Chiesa, ancora una volta
presa alla gola tra cultura moderna e vizi vecchi del clero, mai sradicati.
Una chiesa bisognosa di ciambelle di salvataggio, si tratti della cultura di
Pera o del fanatismo di Roccella o dell`utilitarismo conciliatorista della
Lega. Vecchi espedienti, come sa chi di noi è vissuto nel Novecento. Ma, col
dovuto rispetto per Cacciari, la sua proposta, a cui Europa ha dato il
massimo risalto, ci lascia perplessi. In primo luogo: perché la Chiesa possa
avere altri e più credibili interlocutori, occorrerebbe che ci fosse in
Italia almeno un interlocutore laico e non disposto a transigere sui propri
valori non negoziabili. Tali furono i liberali prima e dopo Porta Pia. La
storia ci dice che con quegli interlocutori la Chiesa non dialoga: preferì
aspettare settant\'anni il fascismo e la conciliazione piuttosto che le
\"guarantigie\" che lo stato nazionale le aveva offerto, garantendo a se
stesso e alla Chiesa sovranità e indipendenza \"nel proprio ordine\" (cioè,
senza invasioni di campo). Mi sembra difficile che dove fallì lo stato
liberale (e perfino De Gasperi) possa farcela il P

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 12/04/2010 alle 09:29
Flores d’Arcais: Perché Ratzinger e Wojtyla sono responsabili per la peste pedofila
Cinque anni fa, durante la solenne Via Crucis del venerdì santo al Colosseo, Joseph Ratzinger esclamava: “Quanta sporcizia c’è nella Chiesa, e proprio anche tra coloro che, nel sacerdozio, dovrebbero appartenere completamente a Cristo!”. In questi giorni ci è stato ripetuto che la “sporcizia” di cui si scandalizzava Ratzinger era proprio quella dei sacerdoti pedofili, a dimostrazione che la Chiesa gerarchica già allora (solo cinque anni fa, comunque) non aveva alcuna intenzione di “insabbiare”. Ma quanta di tale “sporcizia” è stata da Ratzinger realmente denunciata? Denunciata, vogliamo dire, nell’unico modo in cui si denuncia un crimine, perché sia fermato e non possa essere reiterato: ai magistrati dei diversi paesi. Quanti di quei sacerdoti pedofili? Nessuno e mai.

Nota mia: Gli ultimi due pontefici hanno sempre urlato ed imposto alla politica italiana che i peccati venissero impediti, vedi testamento biologicono "non sa da fare" o trattati da crimini, l'aborto come l'olocausto, per quanto riguarda invece la pedofilia, si è operato sempre al contrario e cioè solo peccati e mai reati.

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 15/04/2010 alle 14:37
LE IDEE
Benedetto XVI ha fallito
i cattolici perdono la fiducia
di HANS KÜNG

Benedetto XVI ha fallito i cattolici perdono la fiducia
Negli anni 1962-1965 Joseph Ratzinger - oggi Benedetto XVI - ed io eravamo i due più giovani teologi del Concilio. Oggi siamo i più anziani, e i soli ancora in piena attività. Ho sempre inteso il mio impegno teologico come un servizio alla Chiesa. Per questo, mosso da preoccupazione per la crisi di fiducia in cui versa questa nostra Chiesa, la più profonda che si ricordi dai tempi della Riforma ad oggi, mi rivolgo a voi, in occasione del quinto anniversario dell\'elezione di papa Benedetto al soglio pontificio, con una lettera aperta. È questo infatti l\'unico mezzo di cui dispongo per mettermi in contatto con voi.

Avevo apprezzato molto a suo tempo l\'invito di papa Benedetto, che malgrado la mia posizione critica nei suoi riguardi mi accordò, poco dopo l\'inizio del suo pontificato, un colloquio di quattro ore, che si svolse in modo amichevole. Ne avevo tratto la speranza che Joseph Ratzinger, già mio collega all\'università di Tübingen, avrebbe trovato comunque la via verso un ulteriore rinnovamento della Chiesa e un\'intesa ecumenica, nello spirito del Concilio Vaticano II. Purtroppo le mie speranze, così come quelle di tante e tanti credenti che vivono con impegno la fede cattolica, non si sono avverate; ho avuto modo di farlo sapere più di una volta a papa Benedetto nella corrispondenza che ho avuto con lui.

Indubbiamente egli non ha mai mancato di adempiere con scrupolo agli impegni quotidiani del papato, e inoltre ci ha fatto dono di tre giovevoli encicliche sulla fede, la speranza e l\'amore. Ma a fronte della maggiore sfida del nostro tempo il suo pontificato si dimostra ogni giorno di più come un\'ulteriore occasione perduta, per non aver saputo cogliere una serie di opportunità:

- È mancato il ravvicinamento alle Chiese evangeliche, non considerate neppure come Chiese nel senso proprio del termine: da qui l\'impossiblità di un riconoscimento delle sue autorità e della celebrazione comune dell\'Eucaristia.
- È mancata la continuità del dialogo con gli ebrei: il papa ha reintrodotto l\'uso preconciliare della preghiera per l\'illuminazione degli ebrei; ha accolto nella Chiesa alcuni vescovi notoriamente scismatici e antisemiti; sostiene la beatificazione di Pio XII; e prende in seria considerazione l\'ebraismo solo in quanto radice storica del cristianesimo, e non già come comunità di fede che tuttora persegue il proprio cammino di salvezza. In tutto il mondo gli ebrei hanno espresso sdeg

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 16/04/2010 alle 08:44
Risoluzione del Contratto d'Intermediazione con Dio
Dalla notte dei tempi l'Uomo si è sempre posto delle domande relative
ai fenomeni che sfuggivano al suo controllo "qual è l'origine dei
temporali?", "perché il sole attraversa il cielo e poi scompare?" e
soprattutto "per quale motivo la vita s'interrompe?". Inizialmente
ognuno elaborava delle risposte, utilizzando quella stessa Logica che
permette di correlare le cause agli effetti "se lascio cadere un sasso
su di un piede, sentirò dolore". Pertanto se cade acqua dal Cielo,
necessariamente vi sarà qualcuno che la versa dall'alto e se il sole
sorge e tramonta evidentemente qualcuno lo spinge. Le Entità che
sovrintendevano a queste mansioni dovevano essere molto potenti e
quindi era necessario far loro dei regali per ingraziarsele, anche
perché a qualcuno venne l'idea che al termine della vita si sarebbe
andati presso di loro (il ragionamento non aveva molte giustificazioni
ma piacque subito). Dal momento che lanciarli direttamente in Cielo
era impossibile e gli oggetti bruciati scompaiono, mentre le fiamme ed
il fumo si dirigono verso l'alto, si dedusse che questo era il modo
più diretto per consegnare i regali, bruciarli. Questa mansione venne
delegata ad alcuni soggetti, probabilmente quelli che per difetti
fisici o mentali non potevano svolgere compiti più utili. Consegnare
regali alle "Entità Invisibili" non era però un compito molto
gratificante e pertanto questi individui iniziarono a sostenere di
essere in contatto diretto con queste ultime e la prima indicazione
che ricevettero da loro fu "una parte dei regali spetta a noi". Al
giorno d'oggi gli eredi di questi "fuochisti" trattengono per intero i
regali che ricevono e li utilizzano, oltre che per il loro
mantenimento, per trasmetterci l'opinione delle "Entità Invisibili"
sui più svariati argomenti d'attualità. Dal momento che i recenti
fatti di cronaca stanno facendo insorgere qualche dubbio
sull'effettivo rapporto esistente tra queste Entità ed i loro
"portavoce", potrebbe essere giunta l'ora per tutti i "credenti" di
ritornare al passato.
Risolvete questo onerosissimo contratto d'intermediazione e
rivolgetevi direttamente alla vostra "Entità Invisibile" di
riferimento, se ascoltate attentamente sentirete le risposte a
qualunque domanda e, miracolo, saranno esattamente quelle che vi
attendete di ricevere!

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 16/04/2010 alle 11:26
Giulio GIORELLO, Lussuria. La passione della conoscenza

"Solo per colpa di cristiani impostori la lussuria è stata classificata tra i crimini".

Così si esprime Sade sul finire del Settecento, quando i "lumi" della Ragione stanno cedendo il posto alle "lanterne" del Terrore. Si potrà concordare o meno con il Divin Marchese, ma la lussuria, più che un peccato, appare una forza debordante della natura. Sarà anche un vizio, ma sappiamo come da vizi privati nascano pubbliche virtù. La lussuria non è solo manifestazione di eros, creatività artistica, piacere della scoperta scientifica. E' anche e soprattutto passione del conoscere, nel senso più ampio della parola. E per ciò può costituire il nucleo di una società aperta e libertaria, insofferente di qualsiasi costellazione di dogmi stabiliti. Così, in queste pagine, come complici della lussuria possono comparire i tipi più inaspettati: Dante, Shakespeare, Bruno, Mozart, Bunuel... Ma l'indiscusso protagonista resta sempre lui: Don Giovanni, che ancora una volta ripropone l'eterno viaggio attraverso la lussuria come potere, come piacere, come inganno e soprattutto come libertà.

Giulio Giorello insegna Filosofia della Scienza all'Università degli Studi di Milano. Tra le sue pubblicazioni: "Di nessuna chiesa" (Raffaello Cortina, 2005), "Introduzione alla filosofia della scienza" (Bompiani, 2006), "Libertà. Un manifesto per credenti e non credenti" (con D. Antiseri, Bompiani, 2008), "Lo scimmione intelligente" (con E. Boncinelli, Rizzoli, 2009).

Collana "Intersezioni", Bologna, il Mulino, pp. 220, euro 15.



 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi
UTENTE DELL'ANNO 2009
Utente del mese Luglio, Novembre e Dicembre 2009




Posts: 15932
Registrato: Jul 2007

  postato il 22/04/2010 alle 00:57

In un certo senso, col topic c'entra: http://minimamoralia.blog.lastampa.it/minima_moralia/2010/04/berlusconi-la-comunione-ed-il-pubblico-scandalo.html

Leggi della Chiesa. Ommamma...

 

____________________

« La superstizione porta sfortuna »
(Raymond Merrill Smullyan, 5000 B.C. and other philosophical fantasies, 1.3.8)


Fantaciclismo Cicloweb 2010

Piazzamenti sul podio:


Omloop Het Nieuwsblad Élite: 3°
E3 Prijs Vlaanderen - GP Harelbeke: 2°
GP Miguel Indurain: 1°
Ronde van Vlaanderen / Tour des Flandres: 3°
Rund um Köln: 1°
Liège-Bastogne-Liège: 1°
Giro d'Italia: Carrara - Montalcino: 2°
Tour de France: Sisteron - Bourg-lès-Valence: 1°
Tour de France: Longjumeau - Paris Champs-Élysées: 1°
Tour de France - classifica finale: 3°
Gran Premio Città di Peccioli - Coppa G. Sabatini: 1°

---

Asso di Fiori

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 06/05/2010 alle 12:22
\"Agorà\" di Alejandro Amenabar: Ipazia, scienziata, radicale e martire


di Gianfranco Cercone
Benedetto Croce, come si ricorda spesso, riteneva che la Storia fosse sempre
storia contemporanea. E cioè: chi scrive di Storia è necessariamente
dominato dai problemi e dal modo di pensare del suo tempo. E\' un\'osservazione
che vale certamente anche per i film storici, tanto più che a loro
abitualmente non si richiede un rispetto rigoroso della verità; e tra
invenzioni romanzesche che colmano le lacune dei documenti e licenze
poetiche, si possono infiltrare nel racconto con particolare evidenza
aspetti della realtà dei nostri giorni.

\"Agorà\", dello spagnolo Alejandro Amenabar, è un film storico, che racconta
la tragica vicenda della filosofa e scienziata del IV secolo dopo Cristo,
Ipazia, di Alessandria d\'Egitto. Tragica perché come è noto - anzi, in
effetti, come è poco noto, dal momento che la sua storia non si studia a
scuola, e non mi risulta che siano stati fatti in precedenza film su di
lei - insomma, Ipazia è stata trucidata dai cristiani, su istigazione del
vescovo Cirillo (che fu fatto santo). Ipazia era figlia del direttore della
celebre biblioteca di Alessandria; di famiglia pagana; dedita all\'insegnamento
e alla ricerca filosofica e astronomica. Per la sua laicità, si ritrovò
bersaglio della persecuzione dei cristiani; e una loro setta particolarmente
fanatica, i parabolani, la fece letteralmente a pezzi. Perchè l\'autore del
film, Amenabar, ha voluto raccontarci la sua storia?

In primo luogo, certo, per un lodevole intento divulgativo. Intentio tutt\'altro
che stravagante, dal momento che i problemi del presente che echeggiano in
questa storia del passato sono numerosi. Il più evidente fra tutti: il
conflitto tra la ricerca scientifica, e i dogmi religiosi, patrocinati e
imposti dalle autorità ecclesiastiche. (Nel film Ipazia viene immaginata
scoprire argomenti a sostegno della concezione eliocentrica dell\'universo.
Teoria che, sappiamo, sarà oggetto della violenta censura della Chiesa, in
effetti parecchi secolo dopo, con Galileo Galilei.)

(segue)

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 06/05/2010 alle 12:23
E poi ci si ritrova il tema dei diritti e dell'indipendenza delle donne.
Ipazia, anche se nella città di Alessandria non aveva alcuna carica
politica, perché le donne non potevano averne, non rinunciava a dire la sua
sulle vicende pubbliche; stimata per la sua saggezza, era consultata nelle
riunioni istituzionali. E per non tradire la propria vocazione filosofica e
scientifica, non si sposò, malgrado avesse ottimi pretendenti. (Perché un
marito le avrebbe chiesto di rinunciare alla sua professione.) Tutte ragioni
che fomentarono l'odio dei cristiani contro di lei.

Della questione femminile, nel film viene evidenziata l'attualità attraverso
il modo con cui viene realizzato il martirio di Ipazia: non attraverso lo
smembramento del corpo, come raccontano gli storici, ma attraverso la
lapidazione: che per uno spettatore di oggi è una chiara allusione a certi
paesi islamici.

C'è poi nel film un altro richiamo al presente, forse più sottile. Il
prefetto di Alessandria - dunque, l'autorità laica della città - nato ed
istruito come pagano, si converte al Cristianesimo, probabilmente per
ragioni di opportunità politica.

Quando nella città scoppiano le sommosse dei cristiani - che, fra l'altro,
saccheggiano la biblioteca di Alessandria, organizzano un linciaggio contro
gli ebrei e altre aggressioni contro i pagani - Ipazia, che non vuole che si
risponda all'intolleranza con l'intolleranza, come pure accade, consiglia
però il prefetto di far rispettare la legge, e dunque di arrestare i
responsabili delle violenze. Ma il prefetto, che cerca una conciliazione con
i cristiani, non le dà ascolto.

E come si conclude il suo percorso? Di cedimento in cedimento, si ritrova a
prosternarsi in ginocchio davanti al vescovo di Cirene, Sinesio: formalmente
come atto di sottomissione a Cristo, ma in effetti sottomettendosi alla
Chiesa cattolica. Così il vescovo Cirillo conquista il potere ad
Alessandria; e la sua vittoria viene sancita dal martirio di Ipazia.

Cosa ha voluto dirci con questo Amenabar? Che con il fondamentalismo
religioso non si devono fare compromessi. Perché, tentando di ammansire il
mostro, si finisce per esserne sbranati. Insomma, "Agorà" vale allo stesso
tempo come lezione di Storia e come monito per il presente. E se i
personaggi e i fondali storici restano a volte schematici, non sempre
prendono vita, è perché valgono soprattutto come esempi, come punti di
appoggio, di una perorazione molto seria e appassionata.

Versione audio:
http://www.radioradicale.it/scheda/302596

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 09/05/2010 alle 11:12
LA CHIESA E LA PROCREAZIONE: *
*FA MOLTI PIÙ DANNI DI QUANTO SEMBRI*

*Di Flavia Zucco (*)*

Sarebbe ora che la Chiesa facesse il suo mestiere e ripiegasse, per
difendere la vita, sulle argomentazioni che le sono proprie. È sorprendente
come la parola anima non sia stata mai pronunciata nel dibattito sulla
natura/vita umana da chi ne rivendica la titolarità e come, in uno slancio
di modernità riduzionista, abbia piuttosto puntato sull'unione dei due DNA
come momento dell'identificazione della nuova persona (per inciso, ciò
avviene non al momento della fecondazione bensì due-tre giorni dopo). Abbia il coraggio, la Chiesa, di parlare di acquisizione dell'anima, ci spieghi, nel caso di una successiva divisione gemellare del pre-embrione, cosa succede a questa anima già insediata: si sdoppia? anche l'anima ha una *divisione cellulare*?
Ma questo dell'anima è forse un concetto antiquato, che
richiederebbe alla Chiesa di fondare le sue argomentazioni su dogmi non
facilmente riconoscibili nella società secolare in cui viviamo.

(segue)

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 09/05/2010 alle 11:14
Ciò che sto dicendo può sembrare una provocazione, in realtà vuole
richiamare la Chiesa a svolgere il proprio ruolo, a difendere con chiarezza
i dogmi per i credenti e per conquistarne altri, se ne è capace, ma a non
misurarsi sul terreno della scienza e a sostenere, contro ogni evidenza
scientifica e, mi si lasci dire, anche contro ogni senso comune, che
l'embrione è persona umana. E, proposito del continuum che unisce l'embrione
al feto e questo al neonato e così via, perché allora identifichiamo diverse
età della vita e le denominiamo con termini precisi? Forse che chiamiamo un
vecchio "bambino"?

Assimilare la cellula fecondata a una persona non aiuta l'embrione a esserlo
nell'immaginario comune, ma declassa il corpo a supporto di un'identità
biologica immutabile e incompleta. In realtà, il corpo è il tramite col
mondo (si diceva, infatti, "venire al mondo" o "venire alla luce"): è con il
corpo, in tutta la sua complessità e ricchezza di funzioni, che si
costruisce l'identità di persona, mediante le relazioni fisiche e mentali
con l'ambiente naturale e culturale in cui esso si trova. Se una cellula con
un dato DNA è persona, allora dovrebbe esserlo anche ogni cellula del mio
organismo, visto che il DNA è generalmente presente in ogni cellula.

(segue)

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 09/05/2010 alle 11:17
Affrontare gli argomenti sommariamente enunciati in precedenza sarebbe
essenziale e pregiudiziale a qualunque dibattito; ma, a mio avviso, la
riflessione si deve spingere più in là. Infatti, le posizioni prese
recentemente dalla Chiesa hanno delle implicazioni molto gravi nella
proposizione di principi fondativi del vivere comune e nell'elaborazione di
una cultura adeguata alla complessità delle sfide sociali, scientifiche ed
etiche che il futuro ci pone.

*La prima è l'adozione di un riduzionismo esasperato, supportando coloro che
sposano un'idea meccanicistica dell'essere umano, in un'epoca dove le
semplificazioni trionfano e fanno piazza pulita della complessità del mondo
in cui viviamo e degli esseri che lo abitano*.

L'identità della persona, ridotta a una molecola o, al massimo, a una
cellula, non aiuta a valorizzare la vita umana, bensì ne propone una
concezione generica che assolve da approfondimenti più seri e rilevanti su
quello che è poi la vita reale degli esseri nati. La sacralità della vita
umana, a prescindere dalla corporeità, risulta facilmente contrabbandabile
come principio etico. È un modo riduttivo di porre il problema, ma
indubbiamente efficace, perché aiuta ad astrarre dalla realtà le vite
realmente vissute, per ricondurle a un immaginario semplificato, ai margini
dell'ovvietà. Ci dica la Chiesa quale è il suo rapporto con la scienza e la
tecnica: va bene per salvare i neonati prematuri, per mantenere in vita
malati terminali, ma non va più bene per prevenire maternità e paternità non
volute, per studiare sugli embrioni i meccanismi dello sviluppo umano, la
cui conoscenza ci aiuterebbe a non "sperimentare" su esseri non ancora
compiuti come i prematuri?

(segue)

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 09/05/2010 alle 11:17
*Un'altra implicazione è quella della promozione della sofferenza a elemento
essenziale alla vita stessa. Anche questo è uno atteggiamento pericoloso che
può consolidare quel pensiero, oggi così diffuso, per cui aggiungere
sofferenze a quelle già date non cambia di molto il contesto del mondo.
L'azione dell'uomo tesa a diminuire o prevenire sofferenze appare di valore
secondario rispetto a quei principi che invece la valorizzano. Laddove ci
dovrebbero essere condanne forti per chi produce dolore (e non solo fisico)
ci troviamo di fronte a flebili richiami.*

Una volta la Chiesa sosteneva che la sofferenza era una prova mandata da
Dio, da affrontare con la fede. Ma ora, con i suoi dettami, la Chiesa si fa
essa stessa promotrice/produttrice di sofferenza, per esempio col sostenere
l'uso di tecnologie avanzate per fare vivere neonati prematuri, destinati al
75% a un'invalidità neurale o a tenere artificialmente in vita malati
terminali. Il sesso stesso dei nati prematuri potrebbe non essere pienamente
sviluppato, producendo così delle situazioni di indeterminatezza
identitaria, dal punto di vista del genere, destinata poi dalla Chiesa
stessa a essere bandita e colpevolizzata. Lo stesso destino corporeo
dell'embrione viene ignorato: le sofferenze che possono derivargli da una
malattia genetica grave o da una nascita prematura vengono liquidate in
fretta dicendo che si risolve con l'amore per la vita (la madre se ne
prenderà cura). Importa poco che questa figura di mediazione non sia eterna.

*La più esplicita delle implicazioni è la cancellazione della donna come
soggetto autonomo e corporeità vulnerabile: operazione pericolosissima in
un'epoca in cui questa è sottoposto ad aggressioni e violenze di ogni tipo,
che aiuta a rimuovere la gravità delle azioni compiute, ad assolvere da
colpe innominabili*.

Quasi sempre ci si dimentica che alla base di qualunque pensiero o azione
che riguardi la procreazione ci sono una donna e il suo corpo: la si
cancella del tutto, per esempio, quando si parla di ovociti, uteri e così
via, come se fossero entità autonome da un corpo dato, salvo poi caricarla
di tutte le colpe nei confronti della gravidanza. La donna, infatti va
ancora posta sotto tutela giuridica, come se fosse un soggetto non in grado
di esercitare pienamente la sua libertà di scelta. "Le si assegna così poco
credito e così poco potere che diventa necessario proteggerla indirettamente
da un potenziale cattivo uso del suo corpo" - afferma R. Pollack, un biologo
non riduzionista, ma animato da principi etici chiari. Le deve essere
prescritto per legge cosa deve (o non deve) fare, perché altrimenti, anche
se credente, la sua testa e la sua coscienza non sarebbero all'altezza di
operare scelte coerenti con i principi della comunità.

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 09/05/2010 alle 11:21
*Grave appare anche il fatto che la Chiesa rafforzi la messa in ombra (tanto
comoda!) del ruolo degli uomini nella sessualità, nella fecondazione, nella
paternità*.

Si vogliono spendere due parole sul loro ruolo? Si vogliono rendere
espliciti i fantasmi che agitano la sessualità maschile a questo proposito?
Se fosse vero che gli uomini hanno un ruolo collaterale, sarebbe bene che
stessero zitti e a legiferare fossero le donne. Se così non fosse, allora si
parli chiaramente delle loro responsabilità nei confronti di donne e figli,
si mettano a fuoco anche i loro desideri e coinvolgimento, perché la
discussione sia a tutto campo. In questo caso, anche single e coppie
omosessuali dicano chiaramente la loro, perché se non solo di famiglia
biologica tradizionale vogliamo parlare, dobbiamo investire tutta la società
di questo problema e enunciare ad alta voce i principi di affetto,
solidarietà e responsabilità che devono legare le persone tra loro.

*Gravissima, infine, è la mancanza di coerenza nelle argomentazioni che,
invece di aiutare a identificare dei valori di riferimento, promuove un
disorientamento pericoloso delle coscienze, contribuendo così alla
solitudine degli individui nelle scelte di vita, già dilagante nella nostra
epoca*.

La scelta di sposarsi per avere figli è quella che la Chiesa riconosce come
sola rispondente al sacramento del matrimonio. Perché, dunque, volere un
figlio a tutti i costi dovrebbe essere una colpa anche penalmente
perseguibile? Quale senso, allora, dovrebbe avere la vita di una coppia, se
non può realizzare un progetto di genitorialità solo per motivi legislativi?
Escludendo la fecondazione in vitro cosiddetta eterologa, si impoverisce
anche il significato stesso dell'adozione, (nonostante questa venga, poi
proposta, con spregio della coerenza, come alternativa alla stessa). Si
afferma l'importanza delle due figure genitoriali e si vietano, per legge,
maternità e paternità ai singoli; ma non si condannano con altrettanto
rigore l'invio di giovani padri in guerra e si santificano donne che
accettano di sacrificare la vita per dare alla luce un figlio, rendendolo
orfano insieme a quelli precedentemente nati.

Si parla di revisione della 194, per migliorare la prevenzione: perché
allora non educazione sessuale nelle scuole? Perché non l'adozione di
contraccettivi?

(segue)

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote
<<  7    8    9    10    11  >> Nuovo Thread  Nuova risposta   Nuovo sondaggio
 
Powered by Lux sulla base di XMB
Lux Forum vers. 1.6
1.8151760