Board logo

Il Forum di Cicloweb

Non hai fatto il login | Login Pagina principale > Dite la vostra sul ciclismo! > Un ladro, le vacanze e... Cicloweb!
Nuovo Thread  Nuova risposta  Nuovo sondaggio
< Ultimo thread   Prossimo thread >  |  Versione stampabile
<<  1    2  >>
Autore: Oggetto: Un ladro, le vacanze e... Cicloweb!

Livello Marco Pantani




Posts: 1409
Registrato: Nov 2004

  postato il 23/10/2007 alle 22:49
Fine ottobre. Un ciclowebbista torna dalle vacanze. Quindici stupendi giorni passati al sole dei tropici. Splendido mare, spiagge immacolate, palme e noci di cocco. Vacanze di sogno, insomma. Come di sogno era quella stupenda ragazza seduta in aereo proprio accanto a lui. Certo, lui è fidanzato, non avrebbe dovuto, però… E poi questa volta la sua ragazza non aveva potuto andare con lui, e lui era solo…

Sogna e fantastica il nostro ciclowebbista. E sognando e fantasticando arriva davanti all’uscio di casa. La mano scivola nella tasca alla ricerca delle chiavi. Il solito, automatico movimento di sempre, la chiave che cerca la serratura… Ops,. qualcosa di strano… la porta è socchiusa! Vuoi vedere che… No! Fai che non sia così!
Spalanca la porta: ma come! Non è possibile! Le nude pareti, il pavimento… Ma dove sono finiti i suoi mobili, dove sono finite tutte le sue cose? Come hanno potuto fare una cosa del genere? Sono forse venuti con un camion?

Si precipita giù dalle scale. Per fortuna il commissariato non è lontano. Entra sparato:
- Mi hanno rubato tutto! Tutto si sono portati via!
- Si calmi, si calmi, la prego. Si accomodi e mi spieghi cosa succede.
- Torno ora dalle vacanze. I ladri sono entrati in casa mia. Si sono portati via tutto…
- Sapesse quante volte succede! Ad ogni modo, stendiamo un verbale. Mi raccomando, mi risponda nel modo più preciso e dettagliato possibile.
Nome? Cognome? Nato a? Il? Abitante in via? Numero civico? Quando è avvenuto il fatto? Cosa le hanno portato via esattamente? Ah, tutto? Tutto vuol dire tutto e niente, bisogna stendere una lista precisa. Mi racconti anche i minimi particolari. Mi raccomando, ogni indizio può essere importante....
Bla, bla, bla…

Più di un’ora dopo, il gendarme, visibilmente soddisfatto:
- Ecco fatto, tutto è a posto. Firmi qui e poi può pure andare.
Il ciclowebbista, mentre sta firmando:
- Mi raccomando, brigadiere, mi tenga al corrente…
- Di che cosa?
- Dello svolgimento delle indagini. Dei progressi che farete nella ricerca del ladro.
- Ma guardi che noi il ladro non lo cercheremo mica.
- Come sarebbe a dire che non lo cercherete?
- Non lo cercheremo. Tutto qui. Cosa vuole che lo cerchiamo a fare? Sarà un povero padre di famiglia…
- Ma è un ladro!
- Ma è pure un padre di famiglia! E poi, supponga che noi lo si trovi per davvero il suo ladro. Lo sa cosa succederebbe?
- Immagino che gli sarà inflitta la pena prevista dalla legge. Ma me lo dica pure lei cosa succederebbe…
- Succederebbe che dovremmo sbatterlo dentro il suo ladro! Dentro! Se ne rende conto?
- E allora? Uno ruba, viene scoperto e finisce in prigione. Cosa c’è di strano in tutto questo? Perché si scandalizza tanto?
- Ma lei, lei, mi dica, lei alla Costituzione non ci pensa?
- Alla Costituzione? Cosa c’entra?
- C’entra, eccome. La Costituzione sancisce in sacrosanto diritto al lavoro. Quando uno viene messo dentro non può più esercitare la propria professione: vengono quindi violati i suoi diritti fondamentali.
- Professione? Vuole scherzare? Lavoro? Non vorrà mica dirmi che rubare è un lavoro.
- Certo che lo é. Ci pensi bene, e vedrà che ci arriverà pure lei. Rifletta: mi ha detto che le hanno vuotato la casa non è vero?
- Esatto.
- Le hanno portato via tutto, letto, divano, frigorifero…
- Esatto.
- E nessuno si è accorto di niente.
- Esatto.
- E lei come la definirebbe una cosa del genere?
- Un lavoro da professionisti.
- Bravo! Ha visto che c’è arrivato? Quindi lo riconosce anche lei che si tratta di un lavoro. Ed ha anche capito quello che il mio intuito di poliziotto mi ha dettato fin dall’inizio: il suo ladro ha anche una buona professionalità.
- Ma che lavoro d’Egitto! La gente onesta si spacca la schiena in cantiere, altro che andare a rubare!
- Quelli che si spaccano la schiena in cantiere lo fanno solo perché non hanno una professionalità sviluppata. Il suo ladro questa professionalità ce l’ha. Mandarlo a lavorare in cantiere sarebbe un vero peccato: un talento sprecato!
- Basta! Non ne posso più! E’ inammissibile! Mi faccia parlare con il suo superiore!
- Si accomodi pure. Il commissario è là in quell’ufficio. E’ una persona gentilissima, la riceverà con piacere…

- Commissario?
- Sono io. Si accomodi. In cosa posso esserle utile?
- Mi hanno svaligiato la casa e il brigadiere mi ha appena detto che voi non farete nulla per scoprire il ladro.
- Il brigadiere le ha detto il vero. Vuole forse mettere in dubbio la parola di un mio sottoposto?
- No! No! Ma cerchi di capirmi: mi hanno portato via tutto! Cercate almeno di recuperare la refurtiva!
- E’ proprio impossibile!
- E perché mai?
- Intanto perché recuperare la refurtiva sarebbe sottrarre ad un lavoratore il frutto del suo lavoro. E poi se recuperassimo la refurtiva, troveremmo quasi certamente anche il ladro e questo non possiamo proprio farlo! Se lo immagina? Lo metteremmo in prigione lasciando magari un’intera famiglia senza sostentamento! E’ questo che vorrebbe? Ma ce l’ha un cuore lei oppure no? E poi…
- Perché c’è pure un poi?!
- Certo che c’è. Mi dica, lei ritiene di essere una persona ragionevole?
- Certo? Ma dove vuole arrivare? Me lo dica allora che sono un idiota, se è questo che pensa. Così oltre ad essere capitato in un Commissariato pieno di fannulloni e buoni a niente, finisco pure per essere insultato!
- Si calmi. Nessuno la vuole insultare. Capisco che sia un po’ scosso, ma moderi i termini e faccia attenzione a quello che dice: immagino che sappia che non si può ingiuriare un pubblico ufficiale…
- Va bene, va bene, mi calmo. Sì sono una persona ragionevole.
- E allora mi dica: quanti pensa siano i ladri in questo paese?
- Tanti certamente.
- Tantissimi, glielo posso assicurare io. E, visto che sono tantissimi, lei può ragionevolmente credere che noi li si possa scovare tutti?
- Certamente no! Ma quelli che trovate li potete sbattere dentro così non se ne parla più.
- E la giustizia? Non ce l’ha lei il senso della giustizia? Non le sembra profondamente ingiusto punire quei quattro gatti che potremmo trovare mentre tutti gli altri se la spassano indisturbati?
- Beh sì, è ingiusto, ma cosa ci si può fare? La legge…
- La legge… la legge! Se servisse almeno a qualcosa! Ha mai sentito parlare di Hammurabi?
- Hammurabi? Certo che ne ho sentito parlare! Mica sono un ignorante! Ma dove vuole arrivare? Siamo in un commissariato di polizia o a scuola a lezione di storia?
- Se ha sentito parlare di Hammurabi allora saprà senza dubbio che già ai suoi tempi il furto veniva punito. E con che orribili pene! Ebbene, è forse servito a qualcosa? Forse che non ci sono più furti? Sono passati diversi millenni e si è arrivati ad un qualche risultato? Niente di niente! Sa cosa le dico? Secondo me il furto bisognerebbe legalizzarlo. Tanto rubano tutti. Se lo fanno tutti qualcosa di buono ci sarà, non le pare?
- Ma qui sono capitato in una gabbia di matti! Un brigadiere che invece di cercare il ladro mi piglia per i fondelli ed un commissario di polizia che propone la legalizzazione del furto! Ma non finisce qui, appena posso vado a protestare dal Prefetto…
- Guardi, se vuole parlare con il Prefetto lo può fare anche subito. Per pura combinazione è in visita nel nostro commissariato. Salga al primo piano, il Prefetto sta esaminando alcuni incartamenti nel primo ufficio a destra in cima alla scala. Magari dovrà attendere qualche minuto, ma le darà senz’altro udienza…

- Buongiorno Signor Prefetto.
- Buongiorno. Ha chiesto di parlarmi a quanto pare…
- E’ così. Mi aiuti lei, la prego. Mi hanno svaligiato la casa e nessuno vuol fare qualcosa…
- E lei cosa vorrebbe esattamente?
- Che faceste delle ricerche, che trovaste il ladro e che recuperaste le mie cose.
- Uhm… Si sieda, intanto. Le va di discuterne tranquillamente?
- Tranquillamente? E’ più facile a dirsi che a farsi, lei mi capirà. Ma discutiamone pure…

- Lei mi sembra una persona intelligente e anche dotata di una buona cultura. Senza dubbio si tiene al corrente di quanto accade nel paese e nel mondo.
- Beh, faccio quello che posso…
- Non sia modesto. Mi dica, lei che è un attento osservatore della vita politica italiana: ha mai scorto, nell’azione del Governo, un segnale deciso della volontà reale di lottare contro il furto?
- Un segnale? Non direi… Se poi devo giudicare da quanto visto in questo commissariato…
- Lasci perdere il commissariato. Non lo ha visto, dunque. In effetti non ce ne sono stati.
- Mi dica ora: fra coloro che siedono fra i banchi del Parlamento, quanti pensa che siano quelli che, in un modo o nell’altro, hanno rubato?
- Mah, non saprei… E poi, ad esser sincero, non so se posso parlare di queste cose ad un Prefetto di Polizia.
- Non tema. Se proprio non si vuole sbilanciare glielo dico io: un mucchio. Sul come abbiano rubato ha solo l’imbarazzo della scelta: si va dalle tangenti alla collusione con la mafia.
- Se lo dice lei…
- Certo che lo dico io. E aprendo un po’ più l’orizzonte, cosa pensa dello scandalo dei subprimes? Non è un furto su scala planetaria?
- In effetti…
- Ecco, vede dunque, mio caro signore, qual’è l’origine di tutti i mali. Il malgoverno e la corruzione, a livello dello Stato ed anche oltre. Lei capirà che finché a tutto questo non viene posto rimedio, non ha senso alcuno andare a perseguitare un povero padre di famiglia che ruba per sfamare la moglie e i pargoli…
- Capisco il suo punto di vista. Non posso dire che lei abbia torto, ma anche lei faccia uno sforzo e cerchi di mettersi nei panni miei. La mia casa è vuota, capisce? Vuota! Questa notte dovrò dormire sdraiato per terra. Quel ladro…
- La smetta di chiamare ladro quel padre di famiglia. E si ricordi che lo ruota prima o poi gira…
- Come sarebbe a dire “la ruota gira”? Vorrei sperarlo che una ruota prima o poi giri, visto che è stata inventata per questo!
- Non faccia lo spiritoso o il finto tonto. Piuttosto, mi risponda francamente: lei ha mai rubato?
- Io? No! Cosa le salta in mente?
- Ne è sicuro? Ci pensi bene…
- Se glielo dico…
- Che mestiere fa?
- Sono impiegato in un ufficio del Comune.
- Non ha mai portato a casa dal suo ufficio un pacco di fogli bianchi, qualche biro, una cartuccia d’inchiostro per la sua stampante?
- Certo, di tanto in tanto l’ho fatto. Lo fanno tutti…
- Ecco, vede? Appropriazione indebita di beni pubblici. Lei è un ladro. Come tutti. Siete tutti sulla stessa barca…
- Io neanche ce l’ho la barca…
- La smetta di contraddirmi sempre. Se le dico che lei è in barca, lei è in barca. Punto.
- Ammettiamolo pure. Ma io, al più posso essere su una barchino per andare a pesca la domenica. Altri sono su motoscafi, panfili e magari transatlantici.
- E cosa vuole che me ne importi? Ladri siete e ladri restate. Se lei preferisce rubare le cartucce d’inchiostro invece che speculare sui subprimes, sono fatti suoi. Al più mostra quanto poco talento lei abbia per queste cose. Mi dica piuttosto, lei le tasse le paga?
- Certo, cosa crede?
- Sempre tutto in regola? Per davvero? Scommetto che quei fannulloni dei colleghi della Finanza non l’hanno mai controllata. E invece, sono proprio i santerellini come lei che dovrebbero essere controllati da capo a fondo… Ma stia tranquillo, ci penso io a mandarle una bella verifica nei prossimi giorni…
- Ed ora mi dica: da che pasticciere si serve di solito?
- Da quello sotto a casa mia. Perché?
- Le domande le faccio io. In che quartiere mi ha detto che abita? Ah, ecco. Non ci sono buone pasticcerie in quel quartiere.
- Se lo dice lei… La mia non mi sembra tanto male.
- Mi faccia vedere la foto di sua moglie.
- Non sono sposato.
- Quella della sua convivente.
- Non convivo con nessuna.
- Ah è gay. Avrei dovuto immaginarlo…
- Ma cosa ha capito! Sono fidanzato, ma non abbiamo ancora deciso di vivere insieme. E poi cosa c’entra?
- Non mi faccia perdere tempo, mi mostri la foto. Uhm… bruttina la sua fidanzata!
- Ma come si permette!
- Beh, bisogna dire pane al pane e vino al vino. La sua fidanzata è francamente brutta.
- Diciamo magari che non è di suo gusto. Non sono mica obbligato ad avere gli stessi gusti che ha lei.
- Certo, mettiamola pure così se preferisce. Però le cose, piano, piano, stanno diventando chiare. C’è una sola cosa che non quadra…
- Che cosa?
- Il viaggio ai tropici. Quanto le è costato?
- Non un granché. Ho approfittato del fatto che era un’offerta fuori stagione…
- Ecco, ora tutto è chiaro. La causa di tutti i suoi guai è il pasticciere. Lei dovrebbe cambiare pasticciere.
- Ma è diventato matto?
- E’ lei che non vede al di là del suo naso. Lo sa o non lo sa che non tutte le ciambelle escono col buco?
- Certo. E allora?
- E allora, si guardi: le rubano in casa, fidanzata bruttina, squattrinato a prescindere, lei è proprio tale quale ad una ciambella senza buco. Cambi pasticciere, non c’è altra soluzione.
- Le spiace se torniamo a parlare del ladro? Non si può fare qualcosa?
- E ridagli con ‘sto ladro. Ma se gliel’ho detto e ripetuto che tutti sono ladri. Così è sempre stato, così è e così sempre sarà.
- Non le sembra di esagerare?
- Non esagero affatto. Prendiamo il caso suo. Che mestiere faceva suo nonno? Mio nonno? Era contadino. Si spaccava la schiena nei campi dalla mattina alla sera.
- Suo nonno aveva degli animali, immagino?
- Aveva delle galline. E anche dei conigli. Ma cosa c’entra?
- Abbia pazienza, mi lasci finire. Come si scaldava durante d’inverno? Scommetto con una stufa a legna.
- Esatto.
- E suo nonno non andava a cercare l’erba nei campi per i suoi conigli e non portava forse a casa delle fascine di legna?
- Certo. E allora?
- E i campi dove coglieva l’erba e i boschi dove faceva le fascine, gli appartenevano?
- Ma no che non gli appartenevano.
- E allora suo nonno era un ladro! Lei è un ladro, figlio e nipote di ladri e viene qui a farmi perdere tempo chiedendomi di perseguitare un povero padre di famiglia! Se ne vada, perché qui finisce male! Se ne vada e si ricordi che la finanza verrà a casa sua nei prossimi giorni. Se ha imbrogliato, le conviene anticipare i tempi e patteggiare la pena. Stia attento soprattutto alla ruota, quella può cominciare a girare quando meno lei se lo aspetta. Ah, mi raccomando, non dimentichi di cambiare pasticciere!


 
Edit Post Reply With Quote

Utente del mese Aprile 2010




Posts: 2752
Registrato: Mar 2006

  postato il 23/10/2007 alle 23:22
Ironico elogio del perfezionismo o ho capito male?

 

____________________

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Marco Pantani




Posts: 1476
Registrato: Mar 2005

  postato il 23/10/2007 alle 23:26
Felice, sei uno che spacca, bellalì.

 

____________________
“…..oh, ghè riàt Dancelli!....”


 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Ottobre 2009




Posts: 6093
Registrato: Jul 2005

  postato il 23/10/2007 alle 23:26
Ahahahah! Fantastico!
Anche se non condivido affatto la tua posizione.

Rizz, elogio del perfezionismo? Figurati, a me sembra che lo sfotta alla grande!


Se ha sentito parlare di Hammurabi allora saprà senza dubbio che già ai suoi tempi il furto veniva punito. E con che orribili pene! Ebbene, è forse servito a qualcosa? Forse che non ci sono più furti? Sono passati diversi millenni e si è arrivati ad un qualche risultato? Niente di niente! Sa cosa le dico? Secondo me il furto bisognerebbe legalizzarlo. Tanto rubano tutti. Se lo fanno tutti qualcosa di buono ci sarà, non le pare?


Ecco perchè mi fischiavano le orecchie.

 

____________________

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 23/10/2007 alle 23:31
Felice, se la prima barzelleta era magnifica, questa è pessima.
Pessima perchè non può essere punito e valutato allo stesso modo un reato oggettivo contro gli altri (il furto) con un reato contro sè stessi qual è il doping.
Fuori dal vaso, sorry.

 

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 1671
Registrato: Dec 2004

  postato il 23/10/2007 alle 23:31
enorme felice

rimango cerchiobottista con tendenza incrementalista

mesty

ps: Subsonico il paragone è tra gli atteggiamenti e ci sta tutto
ed inoltre il doping non è affatto solo contro se stessi
se ti dopi e mi batti , mi danneggi

 

[Modificato il 23/10/2007 alle 23:34 by mestatore]


 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Ottobre 2009




Posts: 6093
Registrato: Jul 2005

  postato il 23/10/2007 alle 23:33
Originariamente inviato da Subsonico

Felice, se la prima barzelleta era magnifica, questa è pessima.
Pessima perchè non può essere punito e valutato allo stesso modo un reato oggettivo contro gli altri (il furto) con un reato contro sè stessi qual è il doping.
Fuori dal vaso, sorry.


Il doping non è un reato che danneggia anche gli altri? Questa la scopro ora.

 

____________________

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3025
Registrato: Feb 2006

  postato il 23/10/2007 alle 23:33
ironica ode all'incrementalismo, altrochè!
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 24/10/2007 alle 00:00
Originariamente inviato da Lore_88

Originariamente inviato da Subsonico

Felice, se la prima barzelleta era magnifica, questa è pessima.
Pessima perchè non può essere punito e valutato allo stesso modo un reato oggettivo contro gli altri (il furto) con un reato contro sè stessi qual è il doping.
Fuori dal vaso, sorry.


Il doping non è un reato che danneggia anche gli altri? Questa la scopro ora.

Mi aspettavo questa domanda.
affatto: e non solo perchè orientativamente il 90% dei ciclisti si dopa, ma specialmente perchè il 100% dei ciclisti è un potenziale dopato.
Mi spiego meglio.
Quando accetti di praticare uno sport, e specialmente uno sport deleterio come il ciclismo, la pratica della farmacia è quasi d'obbligo. Le eccezioni sono pochissime, l'unico di cui so è l'eroico Zimmermann che al tour de france non prendeva nemmeno le vitamine ed arrivo 3°.
Un uomo che accetta di farsi centinaia di siringhe, di prendere pasticche ecc...è un uomo che si sta già rovinando la salute, ed il fatto che non prenda sostanze proibite da un regolamento ufficiale può anche non implicare che esso non stia "barando": esempio se nel '93 un corridore prendeva epo e l'epo non era ancora stata riconosciuta come sostanza proibita (ho fatto un esempio, non so in che anno l'epo è stata inserita) tecnicamente non è un dopato, ma è un baro, forse anche in buonafede: quanti conoscevano i reali effetti dell'EPO allora? credo non più del 10%. E allora
Moser nell'85 non è un dopato, ma è comunque un baro allora, se volessimo pensarla come Felice, come lo stesso Vinokourov.
Cannavaro con la flebo al braccio non è un dopato, ma resta un baro, se volessimo pensarla sempre come Felice.
Come il Ciclowebbista che ha prelevato dei fogli dalla sua azienda, che a questo punto è un ladro come quello che gli ha ripulito la casa.
E allora, sono o non sono tutti potenziali disonesti? se sono tutti bari, o ladri, inconsapevolmente, dov è il reato?



Per questo, sostengo e continuerò a sostenere che il problema dello sport intero è l'abuso che si fa della farmacia: quando quest'ultimo diventa sistema, o scegli di abbandonare i tuoi sogni, e di andare a fare l'operaio o scegli di continuare a cavalcare l'onda e fare il ladro, rischiando di essere beccato. E o non è un problema di Massimi Sistemi, allora, caro Felice? Distruggiamo tutto e basta, e ci lasciamo uccidere, oppure si fa almeno il tentativo di levare il trombo dell'arteria, per costi altissimi e atroci dolori?

 

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 5641
Registrato: Nov 2005

  postato il 24/10/2007 alle 01:13
Felice val sempre la pena di leggerlo: è un peccato che scriva così poco!

 

____________________
"L'uomo da battere è Gianni Bugno, e quasi certamente non riusciremo a batterlo" (Greg Lemond, Stoccarda, 24 agosto 1991)

"Il rock è jazz ignorante" (Thelonious Monk)

 
Edit Post Reply With Quote

Utente del mese Aprile 2010




Posts: 2752
Registrato: Mar 2006

  postato il 24/10/2007 alle 01:29
Originariamente inviato da Lore_88
Rizz, elogio del perfezionismo? Figurati, a me sembra che lo sfotta alla grande!


Appunto... ironico elogio, quindi presa in giro...

x Sub: e fattela na risata!

 

____________________

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Moderatore
Utente del mese Gennaio 2009




Posts: 3948
Registrato: Apr 2005

  postato il 24/10/2007 alle 01:33
gran bella storia.

 

____________________

"Non esistono montagne impossibili, esistono uomini che non sono capaci di salirle", Cesare Maestri

"Non chiederci la parola che mondi possa aprirti, si` qualche storta sillaba e secca come un ramo...
codesto solo oggi possiamo dirti: cio` che non siamo, cio` che non vogliamo.", Eugenio Montale.

 
Edit Post Reply With Quote

Moderatore




Posts: 21608
Registrato: Oct 2004

  postato il 24/10/2007 alle 03:15
La storia è sicuramente piacevole da leggere, ma credo che Felice sia andato un pochino fuori tema.

Ci sono delle cose che non quadrano.

Ma ora ho troppo sonno per rispondere, ci penso domani...

 

____________________
Mario Casaldi - Cicloweb.it

CICLISTI
Si sta come
d'autunno
sugli alberi
le foglie

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Miguel Indurain




Posts: 676
Registrato: Jun 2005

  postato il 24/10/2007 alle 08:56
....metafisica e ironoca... ....direi quasi da amarcorde...specialmente il finale.

 

____________________


Tutto dipende...!


 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani
Utente del mese Febbraio 2009
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 2093
Registrato: Sep 2004

  postato il 24/10/2007 alle 10:22
Mi spiace, Felice, ma il voto è basso: banale e ripetitivo 8 e il gelato e il ladro e basta!).
Come dice il bravo insegnante: sei intelligente, puoi fare di meglio.
Anche perchè tutto questo dispiegarsi di creatività ( sia pure banale, in questo caso) solo per sostenere una posizione ( come la chiamate? ricordo bene? preferista).
Ad ogni modo , nel caso del gelato ( ma si estende anche a questa del ladro) solo chi, da perfezionista, tende a migliorare le condizioni di lavoro del cameriere,può sperare di ridurre gli incidenti come quello descritto. Chi lo prende a calci e ne assume un altro al posto suo senza modificare, magari, i turni troppo lunghi, la carenza di organico, l'ansia suggerita per abbreviare i tempi e guadagnare di più, non migliora affatto il numero degli incidenti possibili.
Infatti le galere sono strapiene di drogati, piccoli spacciatori e extracomunitari. si è minimamente intaccato il problema che rappresentano? No, per ogni drogato in carcere si moltiplicano i drogati fuori.
Perché forse il problema è più complicato.
ma va beh... tanto la prossima favoletta sarà il drogato o il corrotto o l'immigrato. Tutti aspetti della realtà in cui l'incrementalismo non ha prodotto un fico secco.

 

____________________
Verità e giustizia per Marco Pantani: una battaglia di civiltà.

Arcana loggia per il ripristino della civiltà dell'ordalia.

IO NON L'HO VOTATO.

IO CORRO DOPATO COME TUTTI.

"E' tutto alla conoscenza di tutti" Marco Pantani,1997 ( tempi non sospetti),parlando di doping in un'intervista televisiva con Gianni Minà.

Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping.

Hypocrisy free.

CAREFUL WITH THAT AXE, EUGENIO.



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 3579
Registrato: May 2005

  postato il 24/10/2007 alle 14:30
Felice, se scrivere poco ti fa così bene, beh... scrivi sempre così poco.
Questa tua storiella, oltre ad essere molto simpatica, è soprattutto ESEMPLARE. Esemplare per chi come noi cerchiobottisti si batte contro il "tutti colpevoli, nessun colpevole" e le liberalizzazioni - o pseudo-tali - che stanno prendendo sempre più il largo in ampie fette della nostra società (e, dunque, non stupiamoci se l'etica sociale è pressochè inesistente se simili posizioni prendono il largo).
Orgoglioso di sentirmi sempre più cerchiobottista, ti faccio il mio più sincero applauso!
PS: ma alla fine il ciclowebbista che fa? Cioè... vorrei già un seguito!

 

____________________
Lo stupido sa molto, l'intelligente sa poco, il saggio non sa nulla... MA EL MONA EL SA TUTO!!! (copyright sconosciuto)

ADOTTA ANCHE TU UNA AMY WINEHOUSE!!! Mangia poco, non sporca... e aspira tutta la polvere che hai in casa!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Moderatore
Utente del mese Gennaio 2009




Posts: 3948
Registrato: Apr 2005

  postato il 24/10/2007 alle 17:48
Originariamente inviato da Donchisciotte
Infatti le galere sono strapiene di drogati, piccoli spacciatori e extracomunitari. si è minimamente intaccato il problema che rappresentano?

sapere in galera lo spacciatore che staziona davanti alla scuola di mio
figlio e' un enorme risoluzione del problema.
Mi dirai, ne arriva un'altro.... vero, ma mettere anche lui in gattabuia
sara' un'altra enorme soluzione del problema.
Poi magari c'e' il problema delle galere troppo piene mai io come
soluzione aumenterei il numero di persone per cella, cosi' aumenterebbe
anche il deterrente per chi rischia di finirci.

 

____________________

"Non esistono montagne impossibili, esistono uomini che non sono capaci di salirle", Cesare Maestri

"Non chiederci la parola che mondi possa aprirti, si` qualche storta sillaba e secca come un ramo...
codesto solo oggi possiamo dirti: cio` che non siamo, cio` che non vogliamo.", Eugenio Montale.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani
Utente del mese Febbraio 2009
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 2093
Registrato: Sep 2004

  postato il 24/10/2007 alle 19:44
La galera non è un deterrente per nessuno, semmai è un incentivo a non farsi beccare.
Comunque mi sembrano impropri i paragoni con il furto o lo spacciatore per bambini ( la famiglia italiana.....).
Infatti il furto o l'omicidio o l'approfittarsi di chi è in stato di minorità ( anche il bambino) è punito praticamente in tutte le legislazioni del mondo, da sempre.
Anche prima dell'esistenza di codici questi fatti erano puniti, la legge del taglione fu una forma di regolamentazione e mitigazione della vendetta, per esempio.
Il doping ( da sempre praticato, come la droga che procurava l'estasi e il contatto con gli dei) è diventato una ( finta) emergenza sociale da pochi anni a questa parte. E solo da pochi anni a questa parte e non in tutti i paesi c'è la punibilità penale dell'atleta e, addirittura,in alcuni paesi non c'è neppure una semplice legge sul doping.
Il doping è diventato emergenza sociale praticamente solo per il ciclismo ( basta paragonare il clamore per il doping dei ciclisti professionisti e il poco clamore per il doping delle palestre, dove viene diffuso anche ai ragazzini), per motivi che nulla hanno a che fare con l'etica dello sport.
L'emergenza sociale non ha prodotto risultato alcuno nella pratica ma ha costruito una massa di posseduti dal giustizialismo contro il dopato ciclista, ha permesso alcune carriere, ha sistemato alcuni rapporti di potere e ha creato un altro business.
Sono le emergenze sociali artificialmente create, mediaticamente create.
In Italia pare muoiano ogni anno 307 ciclisti di incidente stradale. C'è un'emergenza isterica pari a quella del doping? no, perchè per risolvere quell'emergenza ( vera) bisognerebbe ripensare il nostro modo di circolare, la mistica dell'automobile ecc. Per cui non gliene frega un cavolo a nessuno.
E noi da anni ( io dal 1999) stiamo a giocare il gioco che , come sempre, ci costringono a giocare.
poi quando tutto questo discorso è fatto solo per i motivi per cui è nato questo thread e altre storielline come questa, francamente fa pure un po' sorridere.

 

____________________
Verità e giustizia per Marco Pantani: una battaglia di civiltà.

Arcana loggia per il ripristino della civiltà dell'ordalia.

IO NON L'HO VOTATO.

IO CORRO DOPATO COME TUTTI.

"E' tutto alla conoscenza di tutti" Marco Pantani,1997 ( tempi non sospetti),parlando di doping in un'intervista televisiva con Gianni Minà.

Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping.

Hypocrisy free.

CAREFUL WITH THAT AXE, EUGENIO.



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 24/10/2007 alle 19:54
Originariamente inviato da rizz23

Originariamente inviato da Lore_88
Rizz, elogio del perfezionismo? Figurati, a me sembra che lo sfotta alla grande!


Appunto... ironico elogio, quindi presa in giro...

x Sub: e fattela na risata!


Oh, non era una barzelletta, era ironica...non faceva ride, che te devo dì...

 

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Moderatore




Posts: 3577
Registrato: Oct 2006

  postato il 24/10/2007 alle 19:55
Ma, Donchisciotte, le leggi esistono. Se c'è un reato, c'è anche la pena. E' una delle basi del diritto, ed è una cosa che esiste da millenni.. per cui un po' meno di supponenza non guasterebbe nemmeno.

In quanto a Felice, slo grandi applausi

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani
Utente del mese Febbraio 2009
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 2093
Registrato: Sep 2004

  postato il 24/10/2007 alle 20:26
Sì, se c'è un reato c'è una pena. Se il doping per secoli e fino a pochi anni fa non è stato considerato un reato, mentre il furto sì, ci sarà un motivo, magari.
Poi in una società complessa le leggi sono tante e quelle che regolano l'antidoping dei soli ciclisti ne violano parecchie, solo perchè i ciclisti sono dei minus habens ricattabili le subiscono e stanno zitti.
Quanto alla supponenza: hai presente la pagliuzza e la trave?

 

____________________
Verità e giustizia per Marco Pantani: una battaglia di civiltà.

Arcana loggia per il ripristino della civiltà dell'ordalia.

IO NON L'HO VOTATO.

IO CORRO DOPATO COME TUTTI.

"E' tutto alla conoscenza di tutti" Marco Pantani,1997 ( tempi non sospetti),parlando di doping in un'intervista televisiva con Gianni Minà.

Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping.

Hypocrisy free.

CAREFUL WITH THAT AXE, EUGENIO.



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Moderatore




Posts: 3577
Registrato: Oct 2006

  postato il 24/10/2007 alle 21:03
Ma cosa c'entrano gli altri? E' la vecchia storia dei due bambini che si prendono a pugni e uno dice: "ma MAESTRA..l'ha fatto ANCHE LUI!!". Il fatto che anche altri si dopino non è certo una scusante o un merito. Chiediamo allora regole uguali e ugualmente applicate, ma non nascondiamoci dietro il dito delle "regole".

L'altra settimana Marion jones ha dovuto restituire le medaglie olimpiche, conquistate con l'aiuto (notare) del doping. Vale ancora il solito "ma MAESTRA!"? Un velista di Alinghi è stato squalificato per POSITIVITA' ALLA CANNABIS (tracce). Non è un accanimento contro il ciclismo, è una lotta contro il doping. Non è seria perchè non è condotta allo stesso modo: calciatori e affini ne escono all'acqua di rose, ma non può e non deve essere una scusante. Chiediamo la stessa serietà, sono d'accordo al 110%.
Ma se devo sentire che gli atleti (atleti, bada, non ciclisti) positivi non devono subire conseguenze perchè in altri sport se la passerebbero molto meglio, allora non sono affatto d'accordo.


Per il discorso supponenza...guarda, inizio col dirti che ti stimo (per una serie di motivi, a partire dall'affetto per Marco) e ho apprezzato molti tuoi interventi (molti, non tutti...), per cui non ho la minima intenzione nell'aprire o portare avanti polemiche. Tutt'altro. Però se piombi qui e inizi a dare i voti a una storiella divertente e "RAGIONATA" (e cioè divertente, acuta, argomentata), a massacrarla perchè in disaccordo, a mo' di professoressa (e quindi mettendoti su un gradino più alto..o meglio su una cattedra), o se accosti il pensiero di chi non condivide il tuo a personaggi e concetti discutibili (riservando per te il "meglio")...posso dirtelo (o meglio scriverlo)?
Non l'ho fatto con la minima intenzione di superiorità, quindi mi sembra che la citazione evangelica sia parecchio ingiusta. Ma se vuoi decidere tu cosa è giusto e cosa è sbagliato, fai pure. Dài voti, critica, fai pure.. se vuoi argomentare fallo, altrimenti fai come con Felice (storiella banale, qualunquista, da insufficienza piena etc).

Senza la minima intenzione di offendere, finisco qui.
E per me l'intera vicenda si chiude qui, e sarebbe stata chiusa ben prima.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani
Utente del mese Febbraio 2009
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 2093
Registrato: Sep 2004

  postato il 24/10/2007 alle 21:18
Sì la chiudo anch'io qua ( e pure io dico che ho apprezzato molti tuoi interventi sulla politica).
Prendo atto che , secondo la strana logica della non supponenza, quando qualcuno scrive una storiella come questa si può solo applaudire e gridare al miracolo dell'intelligenza dispiegata.
Anche se la storiellina è banale, ripetitiva ( già l'aveva detto con quell'altra del gelato), chiaramente polemica e a presa per il c... verso chi la pensa come me.
Prendo atto che il dalai lama può essere criticato, il Papa , se non parla ex cathedra, può avere torto.
le storielline su cicloweb, invece, possono esere solo applaudite, altrimenti si è supponenti, professoressine e pesanti da morire, non leggeri come chi scrive cose come questa.

 

____________________
Verità e giustizia per Marco Pantani: una battaglia di civiltà.

Arcana loggia per il ripristino della civiltà dell'ordalia.

IO NON L'HO VOTATO.

IO CORRO DOPATO COME TUTTI.

"E' tutto alla conoscenza di tutti" Marco Pantani,1997 ( tempi non sospetti),parlando di doping in un'intervista televisiva con Gianni Minà.

Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping.

Hypocrisy free.

CAREFUL WITH THAT AXE, EUGENIO.



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Moderatore




Posts: 3577
Registrato: Oct 2006

  postato il 24/10/2007 alle 21:30
Alla faccia del chiudere!
Il fatto è questo: la storiella era divertente e intelligente al di là delle mie opinioni, per cui l'ho applaudita e ho fatto i complimenti. L'avrei fatto anche se non condividessi l'idea di fondo: anche se non condivido il pensiero di Dante Alighieri, la sua visione teocentrica e medievale, non dico "mah, la Commedia.. è scritta malino eh...e quelle terzine...mah, no, niente di che". O i libri/film di Don Camillo: Guareschi era di destra, ma le sue storie mi divertono e lo dico (a parte le ultimissime, quelle di propaganda pura).
Come ascoltando un concerto di Brahms posso dire "non è il mio genere", ma non per questo nego il fatto che possa essere musica valida e anzi bella.
Questo per me. Se invece neghi che un qualcosa possa avere una sua logica e un suo ddiritto d'esistere solo perchè non condividi l'idea...beh, non so.

Per il resto, spero di farmi apprezzare anche oltre la politica!
(à propos: occhio al nuovo post)

 
Edit Post Reply With Quote

Moderatore
Utente del mese Gennaio 2009




Posts: 3948
Registrato: Apr 2005

  postato il 24/10/2007 alle 22:23
mah io nella storiella di Felice piu' che vedere un paragone
doping-reati (che neanche io ho fatto) ho visto molta
ironia verso coloro che, a torto o a ragione, sono buonisti
e poco concreti.

Mi direte "ma proprio tu, cerchiobottista dichiarato, vieni a
parlarci di fatti concreti?".
Si' io vorrei che il ladro fosse cercato, la refurtiva restituita
ed i figli del ladro mandati ad aiutare il pasticcere.
Cosi' possono mangiare e magari le ciambelle vengono col buco

 

____________________

"Non esistono montagne impossibili, esistono uomini che non sono capaci di salirle", Cesare Maestri

"Non chiederci la parola che mondi possa aprirti, si` qualche storta sillaba e secca come un ramo...
codesto solo oggi possiamo dirti: cio` che non siamo, cio` che non vogliamo.", Eugenio Montale.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 5641
Registrato: Nov 2005

  postato il 24/10/2007 alle 23:10
Originariamente inviato da desmoblu

Come ascoltando un concerto di Brahms posso dire "non è il mio genere", ma non per questo nego il fatto che possa essere musica valida e anzi bella.


altrochè se lo è.
Consiglio a tutti il concerto per violino ed il secondo concerto per pianoforte, che sono capolavori assoluti.

 

____________________
"L'uomo da battere è Gianni Bugno, e quasi certamente non riusciremo a batterlo" (Greg Lemond, Stoccarda, 24 agosto 1991)

"Il rock è jazz ignorante" (Thelonious Monk)

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 5641
Registrato: Nov 2005

  postato il 24/10/2007 alle 23:24
Originariamente inviato da Donchisciotte
Il doping è diventato emergenza sociale praticamente solo per il ciclismo ( basta paragonare il clamore per il doping dei ciclisti professionisti e il poco clamore per il doping delle palestre, dove viene diffuso anche ai ragazzini), per motivi che nulla hanno a che fare con l'etica dello sport.


penso siano due cose diverse.
Se il palestrato vuole imbottirsi di anabolizzanti (per diventare più bello, per aver successo con le ragazze o per altri cavoli suoi) che lo faccia pure, chissenefrega: al massimo rovinerà la propria salute, ma in nessun modo può causare un danno a terzi.
Idem per il cicloamatore che si carica di pasticche per migliorare i propri tempi sulle salite più famose: se lo fa son fatti suoi e nessuno ha il diritto di metterci bocca.
Se invece si dopa per vincere una gara la questione è differente: in una gara ci sono anche altri concorrenti e se io uso mezzi illeciti danneggio chi questi mezzi non li usa, altrochè.
Quindi secondo me è più che giusto che qualsiasi pratica agonistica venga trattata in modo differente rispetto ad altre situazioni dove la competizione non c'entra.

L'emergenza sociale del doping nelle palestre è alla stessa stregua dell'alcolismo o del consumo di eroina: non ha niente a che vedere con lo sport.

 

____________________
"L'uomo da battere è Gianni Bugno, e quasi certamente non riusciremo a batterlo" (Greg Lemond, Stoccarda, 24 agosto 1991)

"Il rock è jazz ignorante" (Thelonious Monk)

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani




Posts: 1409
Registrato: Nov 2004

  postato il 24/10/2007 alle 23:34
Caro Subsonico,

a me capita invece spesso di essere d'accordo con quanto scrivi. Però é vero che una cosa é essere d'accordo su qualche punto qua e là e altra cosa é concordare sulla visione generale.

Risponderò in dettaglio ai vari punti che tu hai sollevato. Però, prima di farlo, vorrei riproporre a te quello che che avevo scritto un po' più di un mese fa (il 17/9) in un post indirizzato in particolare a Donchisciotte (é a pagina 81 del thread sul doping e ti riporto qui di sotto la parte rilevante). In quel post discutevo parte dei punti che tu hai sollevato. Dimmi cosa ne pensi, così mi eviti di ripetermi, e poi io completerò la risposta discutendo gli altri punti che in quel post non sono trattati.

Ciao

********************************************************************
Carissima Donchisciotte,

c’è una cosa che mi dà particolarmente fastidio quando tu scrivi di queste cose: la tua volontà di appiattire le differenze, di mettere tutto sullo stesso piano, di fare di tutta l’erba un fascio. “Ieri” e “oggi” per te è uguale. Leggendoti sembra che Binda e Girardengo siano la stessa cosa che Hamilton e Santi Perez. Non sono d’accordo. E, a mio parere, tutto quello che fai quando scrivi queste cose – e qui riprendo un’espressione che ti è cara – è buttare mer.da a palate sul ventilatore, ottenendo il lodevole risultato di coprire di escrementi il ciclismo tutto ed in particolare la sua Storia. Proprio quella Storia che per alcuni di noi (i più anziani?) è ormai l’unico saldo anello che ancora ci lega al mondo del ciclismo.

Ma veniamo al punto. Avevi per caso letto il post col quale, molto tempo fa, avevo aperto il thread “Profumo di letteratura”? In quel post riportavo un brano tratto da “La prima volta”, di Franco Bernini. Vi si racconta che (vero o falso che sia, poco importa) agli albori del calcio, a qualcuno era venuta l’idea di far indossare ai calciatori dei guanti bianchi, per poter accertare in modo inconfutabile se qualcuno toccava il pallone con la mano. L’idea venne finalmente abbandonata, perché si riteneva che il calcio fosse praticato da gentlemen e che un gentleman senza dubbio si sarebbe autodenunciato se avesse commesso una scorrettezza. In pratica, secondo la morale di allora, un Maradona che segna il gol con la mano avrebbe dovuto dire all’arbitro: “Guardi che il gol è da annullare. Anzi, ad essere giusti, dovrebbe pure fischiarci una punizione contro…” Ciò non toglie che, allora come adesso, i “furbi” c’erano e si comportavano di conseguenza. Che cosa facciamo noi allora? Forse, ripensando alle partite di quei tempi diciamo: “Che vergogna, facevano pure della simulazione!” ? No, non lo diciamo perché la morale è cambiata e noi giudichiamo con la morale di oggi, non con quella di ieri.

Si son sempre “aiutati” tutti, con i mezzi del loro tempo – dici tu. E’ vero, non te lo contesto. Ma ci sono (almeno) due differenze, una di ordine pratico, l’altro – a mio parere la più importante – di principio.

Dunque si aiutavano tutti. Chi prendeva il decotto preparato dalla nonna, chi mangiava otto uova, chi beveva mezzo litro di caffè. Chi chiedeva magari al medico di famiglia, o provava qualche strano beverone. Con quale effetto sui risultati, all’epoca in cui le tappe del Giro cominciavano al mattino quando era ancora buio e finivano a sera, quando le biciclette pesavano mezza tonnellata, quando tante strade erano sterrate e si vinceva la Sanremo staccando gli avversari sul Turchino? I beveroni? Meglio fare un tratto di percorso attaccati ad un camion o prendere di nascosto una scorciatoia…
No, se Binda era più forte di Guerra, era più forte e basta. Ai tempi nostri se Tizio è più forte di Caio, non siamo in misura di sapere se ciò sia opera di Madre Natura o del medico di turno.

E poi c’è la differenza di principio. Si aiutavano tutti, certo. Anche chi è andato a stabilire dei record di velocità a città del Messico, si è aiutato. Anche chi ha cominciato ad usare ruote lenticolari o caschi spaziali si è aiutato nei confronti di chi non ne disponeva. Per questo ci sono delle istanze che sono preposte a stabilire quello che è lecito e quello che non lo è. Che stabiliscono “le regole”, ovvero fissano i contorni entro i quali un atleta che pratica una certa disciplina DEVE muoversi. Anche se i contorni di queste regole possono sembrarci troppo netti. Ad esempio: un record nel salto in lungo è omologato se il vento a favore non supera una certa velocità (2 m/sec, se ricordo bene). Se il vento a favore è 1,95 il record vale, se è 2,05 allora no. Anche se questa differenza è insignificante rispetto ad averci il vento contro.
In materia di doping, le regole si traducono in una lista di sostanze e di pratiche vietate. Chi ne fa uso si dopa, chi non lo fa, no. Anche se usa altre sostanze o altre pratiche (lecite, in quanto non vietate). Dire: “Nessuno va a pane e acqua” non ha alcun senso. Chi usa sostanze non illecite, si muove dentro le regole, non c’è nessuna ragione di farne oggetto di critica, tanto meno in una società altamente medicalizzata come la società contemporanea.
Dire “Anche tu ti dopi. La mattina, quando prendi un’aspirina prima di andare al lavoro per farti passare il mal di testa”, come è già stato scritto, è solo voler banalizzare il problema, cosa che può essere utile solo se si perseguono scopi faziosi.
Per tornare al confronto tra “altri tempi” e “giorni nostri”, in altri tempi la regolamentazione antidoping non c’era, quindi ciascuno faceva quello che gli pareva. Al più violava un “gentlemen agreement”. Ma, ai giorni nostri abbiamo capito da un pezzo che i gentlemen non esistono. O meglio: quando si mette insieme un gruppo anche non troppo numeroso di persone, è da escludersi che si tratti solo di gentlemen. E questa sarebbe la sola situazione che renderebbe possibile la realizzazione dell’ “agreement”.

Ecco, questo era il punto che più mi stava a cuore, gli altri sono per me secondari.



 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 24/10/2007 alle 23:49
Beh Felice, bella risposta. Alla fine, è la stessa faccia della stessa medaglia, guardata da due punti diversi.
Bada bene, non sono affatto contrario all'antidoping, anzi: senza sarebbe impossibile avere un ciclismo regolare. E non sono nemmeno contrario alle squalifiche (purchè siano proporzionate all'infrazione ed essa sia verificata), per rispetto verso quel 10% di corridori che viaggiano con sostanze non proibite.
Ma mi rendo conto che ciò non risolverà mai il problema, perchè l'antidoping può essere eluso: certo, potremmo renderlo più efficace, ma a costi enormi per la vita sociale dei corridori, e questo è inaccettabile, per qualsiasi uomo.
E allora sì, torniamo indietro ai tempi di Binda e Guerra: facevano più chilometri dei corridori di oggi, ma più piano, e l'unico medico che li seguiva era il medico di famiglia. E si limitava a curare la loro salute: se volevano potenziarsi, 'zi loro. Ma anche ai tempi di Merckx, tutto sommato, il doping poteva essere denunciato all'uso molto meglio del doping di oggi: non sono un dottore, ma non credo proprio che anfetamine e correlati servissero a qualcosa, fuori dalle corse.

Per questo ho proposto la soluzione più utopistica, assurda ed alla fine, la più efficace: salvare il ciclismo dalla farmacia. Mi rendo conto che ciò è utopia almeno quanto il Comunismo, ma almeno ciò non fa di me un preferista .

 

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Moderatore




Posts: 21608
Registrato: Oct 2004

  postato il 25/10/2007 alle 04:09
Quoto dall'altro thread:

Originariamente inviato da Felice

Io aggiungerei la probabile adesione di qualche incrementalista in potenza o di fatto al partito dei MENEFREGHISTI, con conseguente rinuncia a portare avanti il dibattito sull'argomento nel forum e al diritto di voto in questo sondaggio. Uno di questi sono io, anche se figuro nella lista degli "esponenti di spicco" degli incrementalisti.


E meno male che non ti fregava, sennò che facevi?

Detto questo, a me sembra si stia perdendo un po' il focus di quello di cui vogliamo discutere, e sinceramente adesso neanche mi sembra il caso di usare il pretesto di questa favoletta romanzata di Felice per dire al nostro ambasciatore in terra francese che il paragone - ovviamente secondo me - non calza affatto. Per tanti perché. Ma ripeto, non è questo il punto.

Il punto è che qui nessuno è per l'impunità di chi sbaglia.
Nessuno vuole che il ciclista X (Basso? Cunego? Di Luca? Claudiodance? fate voi!) esca impunito da un acclarato fatto di colpevolezza.
Mi sembra di tornare indietro a qualche tempo fa, a quando si discuteva se era giusto o meno dare il DNA all'UCI.

E non è un buon segnale, secondo me, essere di nuovo (sempre) a questo punto.

Il Perfezionista non vuole la liberalizzazione del doping. È disposto a chiederla, è vero, nel caso in cui l'ipocrisia dell'antidoping continuasse a livelli simili (solo in alcuni sport, solo in alcuni Paesi, con tempi assurdi, etc.).
Il Perfezionista non vuole l'impunità del "colpevole". Vuole però che il suo grado di colpevolezza sia accertato, prima di definirlo tale (evitare dunque le sospensioni preventive tipo Tour 2006).

Il Perfezionista non lascia un ladro libero di svaligiare le case di chi va in vacanza (ripeto: il paragone non regge, ma può essere utile per focalizzare). Il Perfezionista, una volta accertato che il ladro è colpevole, lo sanziona (con dei periodi certi: non è che uno prende 1 anno per furto di caramella e un altro 1 anno per furto di macchine).
Poi però non passa al pubblico ludibrio, né alla gogna mediatica.
In fondo è "solo" un ladro.

Quello da perseguire, quello da far vergognare, quello a cui "rovinare la carriera", non è il ladro - per il Perfezionista - bensì il mandante.
Sia questo un delinquente di grado superiore (ds, tm, dottore, preparatore, etc.), sia questo uno status quo (il cosidetto "sistema", e cioè la mancanza di stipendi in parecchie squadre Continental, e diciamo anche Professional; e cioè il discorso: "Se vinci domenica ti faccio il contratto per l'anno prossimo, sennò rimani a spasso"; e cioè il fatto che il passaporto biologico, o il DNA, lo si chieda solo ai corridori Pro Tour, come se gli altri potessero barare, come se gli altri fossero feccia; e cioè l'impossibilità per un "colpevole" di tornare a correre con chi vuole, dopo la squalifica, perché nella squadre Pro Tour, quelle "linde e pinte", non ci può stare, mentre tra "gli appestati" Professional e Continental sì, ci può stare eccome; etc.).

È quello l'obiettivo del Perfezionista.

Far sì che il ladro non abbia motivi per rubare.
Quella è (sarebbe) la vittoria "maxima" del Perfezionista.

 

____________________
Mario Casaldi - Cicloweb.it

CICLISTI
Si sta come
d'autunno
sugli alberi
le foglie

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Marco Pantani
Utente del mese Febbraio 2009
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 2093
Registrato: Sep 2004

  postato il 25/10/2007 alle 12:26
1)Desmoblu: lascerei perdere Dante e la Divina Commedia . Su Luttazzi ti rispondo qua perché sto a un computer senza adsl e per sportarmi da un thread all’altro mi ci vuole tempo. Non mi piace, non mi fa ridere, lo trovo di pessimo gusto e i processi in televisione non mi piacciono nemmeno quando l’oggetto è Berlusconi o Previti. Quindi, per me, potrebbe anche andare a fare un qualsiasi altro lavoro.
2) Felice.
Che da sempre nel mondo dello sport professionistico ( senza voler andare fino all’antica Grecia), tutti si dopino non lo dico io , lo dicono gli atleti stessi.
Coppi, Gimondi, Taccone, MeckX,un calciatore famosissimo degli anni sessanta interrogato da Guariniello. A distanza di circa dieci anni dall’epoca di cui si tratta, quasi sorridendo, si dice: sì, allora ci si dopava tutti ( adesso è la volta degli anni novanta). Anzi, fa quasi ridere. Taccone raccontava in televisione di maglie da ciclista stese ad asciugare nell’aia della nonna, le pasticchette che uscivano dalle tasche e i polli che impazzivano. Era anfetamina, non proprio robetta.
Tutta questa gente ( ho citato solo quelli che mi vengono in mente al volo) butta m…. con il ventilatore sullo sport? No. Dice la verità e le dà il valore relativo che ha: dopati ma poi Coppi era Coppi.
Moralmente sono sullo stesso piano di quelli di oggi: tutti fanno quello che è possibile fare dato il livello di sviluppo della scienza. Se Coppi avesse avuto l’epo, l’avrebbe presa, come tutti quando l’epo è arrivata.
Che il doping di oggi sia enormemente più potente di quello di una volta, è logico, il salto nello sviluppo della scienza negli ultimi decenni è stato incredibile.
Ma la trasformazione potente riguarda tutti, perché nessuno resta indietro se ha i mezzi economici per non restare indietro.
Come sarebbe lo sport pulito è una cosa che non sappiamo né tu né io. Io posso pensare che con lo sport pulito ci sarebbero imprese meno sfavillanti ma le gerarchie sarebbero le stesse, tu puoi pensare che sarebbero stravolte e che quelli che oggi appaiono campioni potrebbero essere Ronzinanti. E’ come discutere del sesso degli angeli, ognuno può dire quello che vuole, la realtà è questa, lo sport professionistico è dopato e i campioni sono questi.
E partono tutti ad armi pari, soprattttutto gli atleti di vertice. Sugli effetti del doping su di loro ( a chi fa meglio ecc.) si può discutere all’infinito tanto la controprova ( lo sport pulito) non c’è.
Il punto, però, purtroppo, è che tu non discuti di questo. Tu vuoi dimostrare che alcuni atleti di vertice sono sul motoscafo del doping, usano il meglio e il di più , mentre UN atleta di vertice è sulla zatterona ad un livello inferiore.
Anche se quell’atleta di vertice va esattamente dallo stesso preparatore da cui andavano quelli dell’odiata ( data la presenza di Basso) O.P.
Quello che tu vuoi dimostrare è che chi veniva inviato da Fuentes passava a un livello superiore di doping ( l’autoemotrasfusione degli anni 80, ma dai!), l’altro, invece, rimaneva a un livello inferiore.
E queste assurdità ( un atleta di vertice sta ad armi pari con gli altri, si va da certi preparatori , a certi livelli, per essere messi in grado di vincere il Tour, certe trasformazioni richiedono tempo e non per tutti gli stessi trattamenti, ma trattamenti, comunque, di pari livello e potenza) io me le aspetto da mamma Gabri, non da te, se permetti. Per cui tutte queste favolette, apologhi brillanti ( per me ripetivi ma va beh…. Non lo posso dire altrimenti sono supponente), lasciano il tempo che trovano.

 

____________________
Verità e giustizia per Marco Pantani: una battaglia di civiltà.

Arcana loggia per il ripristino della civiltà dell'ordalia.

IO NON L'HO VOTATO.

IO CORRO DOPATO COME TUTTI.

"E' tutto alla conoscenza di tutti" Marco Pantani,1997 ( tempi non sospetti),parlando di doping in un'intervista televisiva con Gianni Minà.

Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping.

Hypocrisy free.

CAREFUL WITH THAT AXE, EUGENIO.



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Moderatore




Posts: 3577
Registrato: Oct 2006

  postato il 25/10/2007 alle 13:19
Originariamente inviato da Donchisciotte

1)Desmoblu: lascerei perdere Dante e la Divina Commedia . Su Luttazzi ti rispondo qua perché sto a un computer senza adsl e per sportarmi da un thread all’altro mi ci vuole tempo. Non mi piace, non mi fa ridere, lo trovo di pessimo gusto e i processi in televisione non mi piacciono nemmeno quando l’oggetto è Berlusconi o Previti. Quindi, per me, potrebbe anche andare a fare un qualsiasi altro lavoro.(...)


Beh, il discorso è questo: se qualcosa è fatta bene, con una sua logica e un suo pensiero, non ha senso cestinarla perchè NON E' il mio pensiero (la storiella del gelato, che tu hai cestinato allo stesso modo, era immediata e ben fatta, se la prendeva bonariamente un po' con tutti noi. E difatti tutti ne hanno riso, accettando anche le critiche).
E lo è anche per Luttazzi: ho scritto a tutti gli utenti del forum (o meglio, agli interessati- di qualsiasi colore politico) dicendo: se vi piace e volete vederlo in un altro orario mandate un'email. Se volete, sottolineato due volte e con un sorriso. Punto. Non ti piace? Non mandare nulla, non guardarlo, non è che me lo devi venire a dire spiegandomi anche perchè Luttazzi sia un cretino volgare e giustizialista (riassumendo).
Se proprio ti devo rispondere, ti consiglerei di riguardare la lezione di Lenny Bruce (la cui influenza Luttazzi non ha mai rinnegato), e cioè il più grande satirist americano nell'era televisiva (prima forse c'era Twain, ma altri tempi). Sul fatto che sia volgare...è vero, e lo dice anche, volutamente..ma forse è più volgare un Pippo Franco sul palco con la Yespica seminuda. E visto che uno lo guardiamo (o lo lasciamo guardare) senza dire nulla, non capisco perchè il primo non abbia nemmeno il diritto di esistere. Poi magari sono gnucco io, eh, per carità.
Sul giustizionalismo e i processi...boh, i fatti su Previti, Dell'Utri e Berlusconi erano ormai accertati nei vari processi, non si era in campagna elettorale (non ancora, ufficialmente.. perchè in Italia siamo SEMPRE in campagna elettorale) e soprattutto NESSUNO ne parlava. Come se non fossero cose importanti. I processi non si fanno in tv, bene. Non si devono fare in tribunale, ottimo. Non si devono fare nella testa della gente, perfetto.
Allora non ha senso il pensare critico.

In Italia la "comicità/satira" è rappresentata dal Bagaglino, da Crozza con una camicia simil-Grillo, da Striscia, dalla Littizzetto che parla delle croste dei piedi e da Grillo che tira sciabolate e martellate (basta far casino). Il mio pensiero è che la satira (questa sì) e l'umorismo di Luttazzi possano far bene, bilanciare un po' la situazione, ampliare l'orizzonte. Per questo ho scritto "se v'interessa, potete anche mandare etc etc". Non interessa? Va bene, non facciamone un caso.

Mi sembra davvero che stiamo portando avanti (e mi metto nel numero, attenzione) delle polemiche inutili e stucchevoli e per cose ininfluenti (una storia, un post, un comico).



 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2863
Registrato: Oct 2005

  postato il 26/10/2007 alle 23:35
Quello da perseguire, quello da far vergognare, quello a cui "rovinare la carriera", non è il ladro - per il Perfezionista - bensì il mandante.
Sia questo un delinquente di grado superiore (ds, tm, dottore, preparatore, etc.), sia questo uno status quo (il cosidetto "sistema", e cioè la mancanza di stipendi in parecchie squadre Continental, e diciamo anche Professional; e cioè il discorso: "Se vinci domenica ti faccio il contratto per l'anno prossimo, sennò rimani a spasso"; e cioè il fatto che il passaporto biologico, o il DNA, lo si chieda solo ai corridori Pro Tour, come se gli altri potessero barare, come se gli altri fossero feccia; e cioè l'impossibilità per un "colpevole" di tornare a correre con chi vuole, dopo la squalifica, perché nella squadre Pro Tour, quelle "linde e pinte", non ci può stare, mentre tra "gli appestati" Professional e Continental sì, ci può stare eccome; etc.).


Un corridore che:
- capisce come funziona l'Ambiente;
- lo accetta, e fa quel che deve fare "un vero professionista": cercandosi il preparatore migliore, pagandolo il giusto, etc. ...

... è ladro o mandante?

 

____________________

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 5641
Registrato: Nov 2005

  postato il 27/10/2007 alle 00:34
Originariamente inviato da ProfRoubaix
Un corridore che:
- capisce come funziona l'Ambiente;
- lo accetta, e fa quel che deve fare "un vero professionista": cercandosi il preparatore migliore, pagandolo il giusto, etc. ...

... è ladro o mandante?


tutt'è due

 

____________________
"L'uomo da battere è Gianni Bugno, e quasi certamente non riusciremo a batterlo" (Greg Lemond, Stoccarda, 24 agosto 1991)

"Il rock è jazz ignorante" (Thelonious Monk)

 
Edit Post Reply With Quote

Moderatore




Posts: 21608
Registrato: Oct 2004

  postato il 27/10/2007 alle 03:27
Originariamente inviato da ProfRoubaix

Quello da perseguire, quello da far vergognare, quello a cui "rovinare la carriera", non è il ladro - per il Perfezionista - bensì il mandante.
Sia questo un delinquente di grado superiore (ds, tm, dottore, preparatore, etc.), sia questo uno status quo (il cosidetto "sistema", e cioè la mancanza di stipendi in parecchie squadre Continental, e diciamo anche Professional; e cioè il discorso: "Se vinci domenica ti faccio il contratto per l'anno prossimo, sennò rimani a spasso"; e cioè il fatto che il passaporto biologico, o il DNA, lo si chieda solo ai corridori Pro Tour, come se gli altri potessero barare, come se gli altri fossero feccia; e cioè l'impossibilità per un "colpevole" di tornare a correre con chi vuole, dopo la squalifica, perché nella squadre Pro Tour, quelle "linde e pinte", non ci può stare, mentre tra "gli appestati" Professional e Continental sì, ci può stare eccome; etc.).


Un corridore che:
- capisce come funziona l'Ambiente;
- lo accetta, e fa quel che deve fare "un vero professionista": cercandosi il preparatore migliore, pagandolo il giusto, etc. ...

... è ladro o mandante?


Secondo il mio parere un corridore non è mai mandante.
Certo, poi ci sono anche i "corridori-pusher" (che le squadre, soprattutto piccole, prendono perché hanno "buoni agganci" e poi dopo un anno scaricano) che hanno tutti i crismi dei mandanti.
Tutti, tranne uno: cioè vanno ancora in bicicletta.

 

____________________
Mario Casaldi - Cicloweb.it

CICLISTI
Si sta come
d'autunno
sugli alberi
le foglie

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Moderatore




Posts: 3577
Registrato: Oct 2006

  postato il 27/10/2007 alle 10:00
Beh, non so se sia ladro o mandante, sicuramente è colpevole. Non da colpevolizzare, ma da "punire" secondo la legge.

E questo paragone mi fa venire in mente il metodo cosiddetto "incrementalista": per risolvere un caso con ladri e mandanti, si fanno indagini (e arresti, e interrogatori) innanzitutto su chi, sul ladro o sui vertici?

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 5641
Registrato: Nov 2005

  postato il 27/10/2007 alle 10:32
Il corridore può essere mandante, eccome.
Bettini l'anno fu molto chiaro sull'argomento: è sempre il corridore a fare la prima telefonata.
Non credo proprio che i vari Ferrari, Santuccione etc. vadano a cercarsi i clienti, ma sono loro ad essere cercati.

 

____________________
"L'uomo da battere è Gianni Bugno, e quasi certamente non riusciremo a batterlo" (Greg Lemond, Stoccarda, 24 agosto 1991)

"Il rock è jazz ignorante" (Thelonious Monk)

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani




Posts: 1409
Registrato: Nov 2004

  postato il 27/10/2007 alle 10:40
Ciao sub,

completo la risposta con qualche giorno di ritardo. Ma ho avuto un tantinello da fare...

Originariamente inviato da Subsonico

Per questo ho proposto la soluzione più utopistica, assurda ed alla fine, la più efficace: salvare il ciclismo dalla farmacia.


Sai, non sono mica d’accordo sul fatto che si debba salvare il ciclismo (e lo sport in generale) dalla farmacia. Almeno non detto così, in modo generico.

Negli ultimi decenni la medicina (e la conseguente farmacia) ha fatto passi da gigante e ha contribuito non poco a guarirci dai nostri mali, alleviare le nostre sofferenze ed anche (perché no?) aiutarci nella nostra vita quotidiana. Non si vede perché bisognerebbe sputarci sopra e rifiutare questi benefici. Quando uno prende un’aspirina per farsi passare il mal di testa, un anti-dolorifico perché ha mal di schiena, o magari semplicemente delle vitamine perché ha passato una notte in bianco e lo attende una dura giornata di lavoro, costui non si “dopa”, come a volte si vuole sostenere qui, si semplifica la vita. Tutto qui. Banalizzare il doping con generalizzazioni inopportune è sbagliato e controproducente.

Il doping è strettamente legato alla COMPETIZIONE. La competizione deve essere leale, inquadrata da regole ben precise che ne definiscono i contorni. Se fai della boxe, puoi mandare al tappeto il tuo avversario con un gancio al mento, non con un calcio nelle p.lle . Il risultato è lo stesso (avversario a terra) e nei due casi gli hai fatto male. Ma nel primo hai fatto della boxe, nel secondo no.

Quindi, poiché lo sport è competizione, l’uso della farmacia deve essere (ed è) regolamentato. Un modo di regolamentarlo potrebbe anche essere di non stabilire regole, lavarsene le mani, come Ponzio Pilato. Fate quello che vi pare, così siete tutti sullo stesso piano…
In questo modo la competizione sarebbe leale. L’inconveniente di questo è che porterebbe gli atleti a prendere rischi sempre maggiori, con inevitabile rischio per la loro salute, e, in fin dei conti, non vincerebbe il più bravo, ma colui che ha osato andare più lontano nella manipolazione del proprio corpo. Ed in ogni caso si tratterebbe di una competizione leale sì, ma tra tanti novelli Frankestein.

Di qui la necessità di regolamentare l’uso dei farmaci e, più in generale, delle pratiche mediche accettabili. Ci deve essere un organismo che stabilisce cosa è possibile fare e cosa no. E questo avendo in mente essenzialmente un criterio: gli atleti devono potersi curare, devono anche potere alleviare le immani fatiche a cui si sottopongono, ma questo con mezzi che non presentino il benché minimo rischio per la loro salute. Nel dubbio si vieta. Nessuno deve essere obbligato, per poter essere competitivo, a sottoporsi a pratiche o a assorbire farmaci che potrebbero essergli nocivi.
Ad ogni modo, una volta la regolamentazione stabilita, questa deve essere fatta rispettare con il massimo rigore. Non ci sono né se, né ma. Non serve a nulla perdersi in disquisizioni del tipo: “sì ha usato una sostanza proibita, ma cosa importa? Ce ne sono tante altre permesse che hanno lo stesso effetto…” Appunto, doveva usare il farmaco permesso. Oppure: “Sì la sostanza era proibita, però se guardate bene i suoi effetti sono quasi nulli sulle prestazioni…” La risposta è “Ecchissenefrega! Era proibita e tanto basta”. E via di questo passo.

Non sono quindi d’accordo con te quando dici che atleti di quel livello, a causa degli sforzi immani, ingurgitano tanti di quei farmaci che sono dei bari comunque. No, se fanno uso di farmaci e pratiche non vietate, non sono bari affatto, anche se fanno uso della “farmacia”.
Questo è il mio punto di vista, che spero di aver chiarito a sufficienza.

Un ultimo punto. Va da sé che non sono d’accordo con te quando dici che con il doping uno nuoce solamente a sé stesso.
Non dimentichiamo che stiamo parlando di atleti professionisti, che hanno fatto dello sport il loro mestiere. Che praticano lo sport per passione certo, ma anche, se non soprattutto, per lucro.
Gli emolumenti che un atleta riceve sono strettamente legati ai risultati che ottiene. Alterare i risultati di una gara facendo uso di mezzi illeciti non è equiparabile al furto, su questo hai ragione. E’ piuttosto equiparabile alla truffa. Ad ogni modo, anche senza entrare in un dibattito su quest’ultimo punto, ci sono diverse categorie di “danneggiati” dal doping.
C’è quel 10% a cui tu fai credito di non farne uso (e già questi da soli bastano e avanzano per controbattere la tua affermazione). Ma ci sono pure tutti quelli che non avrebbero voluto far uso di doping, ma si sono trovati obbligati a farlo per poter sopravvivere in un ambiente in cui il doping è largamente diffuso. E ci sono poi quelli che non si sono piegati e che, piuttosto che accettare di trasformarsi in cavie, hanno deciso di cambiare mestiere. E costoro non sono necessariamente tutti gente che non aveva mezzi (naturali) per riuscire. No, a mio parere, la categoria dei danneggiati è piuttosto vasta…

Ciao

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani




Posts: 1409
Registrato: Nov 2004

  postato il 27/10/2007 alle 11:17
Originariamente inviato da Monsieur 40%

Quoto dall'altro thread:

Originariamente inviato da Felice

Io aggiungerei la probabile adesione di qualche incrementalista in potenza o di fatto al partito dei MENEFREGHISTI, con conseguente rinuncia a portare avanti il dibattito sull'argomento nel forum e al diritto di voto in questo sondaggio. Uno di questi sono io, anche se figuro nella lista degli "esponenti di spicco" degli incrementalisti.


E meno male che non ti fregava, sennò che facevi?



Beh Mario, il fatto certo che io nel sondaggio non abbia votato é un dato di fatto. Ignoro se avete modo di verificarlo, ma potete fidarvi della mia parola.
Ed é un fatto altrettanto acclarato che per un certo tempo mi sia astenuto dall'intervenire, esattamente come ho detto.
Questo però non significa che mi sia auto-condannato al silenzio perenne, non ti pare?
Ad ogni modo, non interverrò più come prima. Lo farò più di rado e, soprattutto, cercherò di evitare come la peste le discussioni che si annunciano essere un "muro contro muro": sono solo delle perdite di tempo.

Mi hai spiegato cosa debba intendersi per "perfezionista". Mah... alcune delle cose che dici le diceva pure desmoblu a proposito degli incrementalisti nell'altro thread. Forse se si mettessero in avanti i punti in comune piuttosto che i dissensi, si andrebbe avanti più spediti nell'analisi di situazioni e cose.

C'é però anche da dire che una cosa sono le dichiarazioni di intenti e un'altra é poi la pratica. Dire "Tizio vuole una data cosa" é di scarsa rilevanza se poi Tizio vuole pure che nulla sia fatto perché quella cosa si realizzi. Comunque, lasciamo pure perdere questo punto, porterebbe a polemiche inutili.

Ciao

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 7360
Registrato: Jun 2005

  postato il 27/10/2007 alle 11:25
Originariamente inviato da Felice

Ciao sub,

completo la risposta con qualche giorno di ritardo. Ma ho avuto un tantinello da fare...

Originariamente inviato da Subsonico

Per questo ho proposto la soluzione più utopistica, assurda ed alla fine, la più efficace: salvare il ciclismo dalla farmacia.


Sai, non sono mica d’accordo sul fatto che si debba salvare il ciclismo (e lo sport in generale) dalla farmacia. Almeno non detto così, in modo generico.

Negli ultimi decenni la medicina (e la conseguente farmacia) ha fatto passi da gigante e ha contribuito non poco a guarirci dai nostri mali, alleviare le nostre sofferenze ed anche (perché no?) aiutarci nella nostra vita quotidiana. Non si vede perché bisognerebbe sputarci sopra e rifiutare questi benefici. Quando uno prende un’aspirina per farsi passare il mal di testa, un anti-dolorifico perché ha mal di schiena, o magari semplicemente delle vitamine perché ha passato una notte in bianco e lo attende una dura giornata di lavoro, costui non si “dopa”, come a volte si vuole sostenere qui, si semplifica la vita. Tutto qui. Banalizzare il doping con generalizzazioni inopportune è sbagliato e controproducente.

Il doping è strettamente legato alla COMPETIZIONE.


Scusami se prendo spunti poco personali da diverse parti, ma:
Negli anni '60, ovvero ai tempi di mio padre, c'era gente che prendeva gli stessi medicinali che prendevano gli atleti (Simpamina) per rendere al meglio....AGLI ESAMI DI STATO (!!!!!) e per riuscire a studiare di più credo.
Poco tempo fa Morris postò un articolo riguardante la provincia di Mantova nel quale c'era scritto che un'importante percentuale di muratori (non ignegnieri, eh!) sniffava per sopperire allo stress del lavoro.

Insomma, questa non è medicina, questa è farmacia, questo è doping. Ci arriva la gente comune, partendo sempre dal caffè e dall'aspirina. A ogni singolo individuo, poi, spetta la scelta di fermarsi, prima o poi, o anche mai.
Insomma, il medicinale ci sta se sei malato, ma se prendi un'aspirina per ogni giramento di testa, è sudditanza psicologica, è farmacia, è doping nell'accezione prettamente medica del termine.


PS: Per me L'aspirina è solo una grande truffa, troppo lieve come analgesico e senza alcun uso specifico. Insomma, inutile e troppo facile da prendere. Mi chiedo sempre perchè la gente la compri, come mi chiedo perchè certe persone bevono 4 caffè al giorno e alla fine non ne sentono nemmeno l'effetto.

 

____________________
...E' il giudizio che c'indebolisce.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Marco Pantani




Posts: 1409
Registrato: Nov 2004

  postato il 27/10/2007 alle 11:30
Originariamente inviato da Donchisciotte

Il punto, però, purtroppo, è che tu non discuti di questo. Tu vuoi dimostrare che...
Quello che tu vuoi dimostrare è che ...


Erano giorni, infatti, cha mi arrovellavo per capire quali reconditi pensieri potessero avermi spinto a scrivere quello che ho scritto. E' tranquillizante sapere che c'é sempre qualcuno che può spiegarti il perché e il percome hai fatto certe cose...

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani
Utente del mese Febbraio 2009
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 2093
Registrato: Sep 2004

  postato il 27/10/2007 alle 11:39
Sempre a disposizione, Felice,lo sai.

 

____________________
Verità e giustizia per Marco Pantani: una battaglia di civiltà.

Arcana loggia per il ripristino della civiltà dell'ordalia.

IO NON L'HO VOTATO.

IO CORRO DOPATO COME TUTTI.

"E' tutto alla conoscenza di tutti" Marco Pantani,1997 ( tempi non sospetti),parlando di doping in un'intervista televisiva con Gianni Minà.

Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping.

Hypocrisy free.

CAREFUL WITH THAT AXE, EUGENIO.



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Moderatore




Posts: 3577
Registrato: Oct 2006

  postato il 27/10/2007 alle 11:44
Originariamente inviato da antonello64

Il corridore può essere mandante, eccome.
Bettini l'anno fu molto chiaro sull'argomento: è sempre il corridore a fare la prima telefonata.
Non credo proprio che i vari Ferrari, Santuccione etc. vadano a cercarsi i clienti, ma sono loro ad essere cercati.


Certo, però se fin da ragazzini sono abituati ad "aiutarsi", grazie a società e medici senza il minimo scrupolo, sono automaticamente instradati nel sistema-doping. Lo stato attuae delle cose incoraggia il doping fin da subito, e lo sanno benissimo i ds, le società, i medci sociali e chi dovrebbe controllarli. Successivamente, il meccanismo del rendimento assoluto facilita le pratiche illecite.
In Germania proprio in questi giorni gli inquirenti (seguiti con enorme attenzione dall'opinione pubblica) ipotizzano una sorta di "doping di squadra" per la T-mobile in base alle dichiarazioni di corridori ed ex-corridori. Io non credo che un ciclista si svegli la mattina e si dica "toh, devo procurarmi dell'epo e del testosterone...vediamo un po'...chi posso chiamare?" Sicuramente c'è una rete, dietro di lui, e il corridore è l'ultimo anello. Se vuoi, è come un pattino a rotelle: i corridori sono quelli che si muovono davvero, che stnno sotto, che permettono alla baracca di andare avanti...ma oltre alle rotelle c'è lo stivaletto, c'è tutto il pattino..ed è la parte che pesa di più.
Per cui io direi che la responsabiltà di chi si dopa è al 50%, l'altro 50 lo mette chi lo incoraggia, lo spinge e gli fornisce il materiale. Certo che poi, visto che ci sono tanti non-puliti, il 50% di [medici-ds-società-preparatori-farmacisti etc etc] vale per moltissimi casi....e quindi su 10 casi, la colpa di questi sarà 10 volte maggiore di quella deicorridori.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani




Posts: 1409
Registrato: Nov 2004

  postato il 27/10/2007 alle 12:08
Originariamente inviato da Subsonico

Scusami se prendo spunti poco personali da diverse parti, ma:
Negli anni '60, ovvero ai tempi di mio padre, c'era gente che prendeva gli stessi medicinali che prendevano gli atleti (Simpamina) per rendere al meglio....AGLI ESAMI DI STATO (!!!!!) e per riuscire a studiare di più credo.
Poco tempo fa Morris postò un articolo riguardante la provincia di Mantova nel quale c'era scritto che un'importante percentuale di muratori (non ignegnieri, eh!) sniffava per sopperire allo stress del lavoro.

Insomma, questa non è medicina, questa è farmacia, questo è doping. Ci arriva la gente comune, partendo sempre dal caffè e dall'aspirina. A ogni singolo individuo, poi, spetta la scelta di fermarsi, prima o poi, o anche mai.
Insomma, il medicinale ci sta se sei malato, ma se prendi un'aspirina per ogni giramento di testa, è sudditanza psicologica, è farmacia, è doping nell'accezione prettamente medica del termine.


PS: Per me L'aspirina è solo una grande truffa, troppo lieve come analgesico e senza alcun uso specifico. Insomma, inutile e troppo facile da prendere. Mi chiedo sempre perchè la gente la compri, come mi chiedo perchè certe persone bevono 4 caffè al giorno e alla fine non ne sentono nemmeno l'effetto.


Guarda, se sei d'accordo, io lascerei stare coloro che fanno uso di droga, siano essi muratori o ingegneri, calciatori o ciclisti. Andare a indagare perché lo fanno é complesso e le conclusioni a cui si arriva vanno sempre bene perché tanto non c'é modo di contraddirle. Dire che i muratori sniffano per sopperire allo stress del lavoro é una soluzione passe-partout. Un po' come quando si dice che i problemi di un bambino vengono dalla famiglia.

L'esempio dell'esame di stato é più calzante, ma solo fino ad un certo punto. L'esame di stato é, in fondo, qualcosa di personale. Il fatto che tu abbia passato l'esame di stato non ha nessuna conseguenza sulla riuscito del mio esame. Si può non concordare, si può dire alla persona "guarda che non ti fa mica bene", ma, alla fin fine, sono fatti suoi. Se vuoi chiamarlo "doping", lo si può fare. Ma si rientra allora in quella categia che citavi tu: il doping che fa male solo a chi lo assume.
Per fare un altro esempio: se Johnny Halliday va in Engadina a farsi trattare il sangue, sono in fin dei conti affari suoi. Più o meno come fare ricorso alla chirurgia estetica. Se in Engadina ci va invece il suo amico Zidane, allora la cosa é diversa, per i motivi che ho già spiegato nel mio post precedente.
Un esempio più calzante sarebbe usare stimolanti per meglio preparare un concorso. In questo caso, in effetti, Tizio può avere un posto a scapito di Caio. Caso ti devo dire...
Viviamo in una società altamente medicalizzata, non ci possiamo fare nulla e, come dicevo precedentemente, dovremmo piuttosto esserne contenti. In una società altamente medicalizzata, fintanto che l'uso di determinato prodotto non é proibito, non si può dire un gran ché se questo prodotto viene usato. Diventa una questione di scelta personale di cui ognuno di noi é responsabile. Quello che a me sembra sbagliato é assimilare questo uso ad un illecito.
Insomma, se tu vuoi fumare, fuma pure, anche se ti fa male. A condizione che il tuo fumare non obblighi a fumare pure me.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani




Posts: 1409
Registrato: Nov 2004

  postato il 27/10/2007 alle 12:21
Originariamente inviato da Subsonico

PS: Per me L'aspirina è solo una grande truffa, troppo lieve come analgesico e senza alcun uso specifico. Insomma, inutile e troppo facile da prendere. Mi chiedo sempre perchè la gente la compri, come mi chiedo perchè certe persone bevono 4 caffè al giorno e alla fine non ne sentono nemmeno l'effetto.


Ah, dimenticavo. Sono secoli che non prendo l'aspirina. Mal di testa c'é l'ho molto di rado, e quando ce l'ho, in genere non é poi troppo fastidioso e aspetto che mi passi. Se proprio non se ne va, allora prendo un paracetamol.
L'aspirina non credo sia proprio da buttare via. Non ricordo bene, ma mi sembra possa avere un ruolo preventivo per l'infarto. Ma magari qualche medico ce ne dirà di più...

Il caffé? Beh, il caffé é buono...

 
Edit Post Reply With Quote
<<  1    2  >> Nuovo Thread  Nuova risposta   Nuovo sondaggio
 
Powered by Lux sulla base di XMB
Lux Forum vers. 1.6
5.4496951