Board logo

Il Forum di Cicloweb

Non hai fatto il login | Login Pagina principale > Dite la vostra sul ciclismo! > ECCO IL GIRO D'ITLIA
Nuovo Thread  Nuova risposta  Nuovo sondaggio
< Ultimo thread   Prossimo thread >  |  Versione stampabile
<<  1    2  >>
Autore: Oggetto: ECCO IL GIRO D'ITLIA

Livello Gastone Nencini




Posts: 507
Registrato: Oct 2004

  postato il 22/01/2005 alle 18:34
Il Giro d'Italia 2005 (7-29 maggio)
Giorno Tappa Da/a km
Sabato 7 Prologo Reggio Calabria (cronometro) 1.150
Domenica 8 1ª tappa Reggio Calabria-Tropea 208
Lunedì 9 2ª tappa Catanzaro Lido-S. Maria del Cedro 177
Martedì 10 3ª tappa Diamante-Giffoni Valle Piana 210
Mercoledì 11 4ª tappa Giffoni Valle Piana-Frosinone 197
Giovedì 12 5ª tappa Celano-L'Aquila 215
Venerdì 13 6ª tappa Viterbo-Marina di Grosseto 154
Sabato 14 7ª tappa Grosseto-Pistoia 205
Domenica 15 8ª tappa Lamporecchio-Firenze (cronometro) 41.5
Lunedì 16 9ª tappa Firenze-Ravenna 139
Martedì 17 RIPOSO
Mercoledì 18 10ª tappa Ravenna-Rossano Veneto 212
Giovedì 19 11ª tappa Marostica-Zoldo Alto 150
Venerdì 20 12ª tappa Alleghe-Rovereto 178
Sabato 21 13ª tappa Mezzocorona-Ortisei 217
Domenica 22 14ª tappa Egna-Livigno 210
Lunedì 23 15ª tappa Livigno-Lissone 207
Martedì 24 RIPOSO
Mercoledì 25 16ª tappa Lissone-Varazze 207
Giovedì 26 17ª tappa Varazze-Limone Piemonte 194
Venerdì 27 18ª tappa Chieri-Torino (cronometro) 31
Sabato 28 19ª tappa Savigliano-Sestriere 190
Domenica 29 20ª tappa Albese con Cassano-Milano 121


Totale: 3464. 650 km

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 22/01/2005 alle 18:56
diciamo subito che la presentazione poteva senza dubbio essere migliore,saro'un nostalgico ma mi mancano e molto il servizio di cassani che ci presetava il giro tappa per tappa(magari anche con la splendida voce fuoricampo di fioravanti)!
dato inoltre ormai per appurato che di pantani nn si parla a prescidere,per evidente linea mediatica,neanche per ricordare della sua scomparsa,visto che e'la prima presentazione in cui il fuoriclasse romagnolo ci guarda dall'alto!
ribadite queste premesse che dire,piu'o meno era tutto quello che noi avevamo anticipato,per di piu'le tappe meno"sviscerate"nn sono neanche state presentate nel dettaglio(ma sicuramente ci pensera'il nostro sito)per il resto e'cmq un percorso molto interessante,intrigante e come ogni giro sempre affascinante!
posso dire che zomegnan e'sicuramente meglio quando scrive....vista l'eccessiva ufficialita'con cui ha fatto il suo discorso,che damiano era molto emozionato,basso e garzelli molto determinati,roata infreddolito e sgarbozza perfetto per i monologhi di teatro....

 

____________________
Giuseppe Matranga

www.cicloweb.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 22/01/2005 alle 19:01
ah dimenticavo unica,ma bellissima novita',in attesa del conoscere il percorso nei minimi dettagli(cronometro in particolare)e'la presenza di monsieur sanremo erik zabel e questa e'una gran bella notizia,anche per lui visto che a differenza dei piattissimi finali del tour,cui nn riusciva piu'ad esprimere le sue potenzialita'ormai nn piu'di velocista puro,le tappe di questo giro sono sempre caratterizzate da strappetti nel finale in cui potra'esaltarsi e cercare di eliminare petacchi dalla lotta finale in molte volate!!!

 

____________________
Giuseppe Matranga

www.cicloweb.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Tour




Posts: 225
Registrato: Jan 2005

  postato il 22/01/2005 alle 19:51
Sul sito della gazzetta si è parlato di tre arrivi in salita anziché 4, manca quello di ortisei. Allora l'arrivo di ortisei non è in salita? A proposito della tappa di ortisei, è stato leggermente modificato il percorso rispetto alle ultime anticipazioni, si passerà attraverso pordoi e campolongo e non dal sella e gardena. Hanno detto che la montagna Pantani sarà il passo delle Erbe. Secondo me sarebbe stato più giusto il Pordoi.
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 22/01/2005 alle 20:10
caro andrea ti assicuro che l'arrivo di ortisei e'in salita eccome,tra l'altro si vede nelle altimetrie generali proprio della gazzetta riguardanti tra le altre(ma nn tutte purtroppo)il tappone dolomitico che partira'da mezzocorona...si parla di tre arrivi in salita semplicemente perche'nn e'considerato un g.p.m.e nn e'l'unico in questo giro dalle tante salite(per esempio nella stessa tappa la salita di nova ponente),anche perche'senno'i g.p.m.sarebbero stati piu'di 40,basti pensare che il dislivello e'di 5000mt in piu'di questi ultimi due anni(e cioe'22500)!!!
riguardo la cima pantani nn capisco perche'nn e'stata assegnata al delle finestre,ma tra pordoi e delle erbe ti assicuro che,storia a parte,nn c'e'paragone per durezza e per l'eventuale spettacolo che si scatenera'sulla salita che,tratto in discesa a parte,prevede la pendenza media piu'alta di tutto il giro(circa9.5%)e che forse proprio in ragione di cio'e'stata dedicata al piu'grande scalatore del ciclismo moderno...

 

[Modificato il 22/01/2005 alle 20:13 by Pirata x sempre]

____________________
Giuseppe Matranga

www.cicloweb.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 22/01/2005 alle 21:30
guardando i profili delle tappe evidenziati dalla gazzetta(anche perche'quelli del nostro sito a me nn si vedono!)e'interessante notare come anche la prima cronometro lunga ben 41.5km,tra lamporecchio e firenze(con tafi suggeritore del percorso),che sara'fondamentale per il prosieguo del giro presenta dopo vinci una salita di circa 5-6km,con pendenze pero'(a differenza della salita di superga)di circa il 4-5%,molto pedalabili quindi e che avvantaggeranno piu'gli specialisti che aiutare a difendere i nostri scalatori!

 

____________________
Giuseppe Matranga

www.cicloweb.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Luglio 2009




Posts: 4217
Registrato: Oct 2003

  postato il 22/01/2005 alle 21:43
Di fretta. Poi ritornerò, perché credo di avere un mare di risposte....

Sulla presentazione condivido gran parte delle critiche mosse dal nostro Pirata. Aldilà di alcuni momenti spettacolari come il balletto ad esempio (davvero ottime le coreografie e di spessore i ballerini) e le riprese dall’elicottero che ci hanno presentato un’altra poesia della montagna, tecnicamente è stato un vernissage mediocre.
Dice bene Giuseppe, ci dovrà pensare il sito ad arricchire l’attesa nostra e di quei tanti che ci vengono a leggere, per capire bene la morfologia del Giro. Il dato eclatante che balza agli occhi è, comunque, l’assoluta assenza nel palinsesto di questo primo sipario, del ricordo di Marco Pantani. Questo straordinario protagonista della storia del Giro, anche perché era la prima presentazione della "corsa rosa" dopo la sua scomparsa, meritava uno spazio e, soprattutto, quando le immagini dipingevano i teismi montani del ciclismo, la sua assenza nei richiami, ha giocato un ruolo sinistro. Nessuna giustificazione può attenuare il crudo e vergognoso fatto a cui abbiamo assistito. Il resto verrà se, come pare, la "sua cima" sarà posta su altra ascesa che non sia il Colle delle Finestre. Qui è stato menzionato il Pordoi, aldilà della storia che ci riporta all’era Coppi, oggi questa salita è un’autostrada in grado di non fare selezione e sulla quale lo stesso Marco difficilmente avrebbe attaccato. Il passo delle Erbe, è un’ascesa difficilissima e meritevole di essere accostata al mito di Marco, ma ha una pecca che è decisiva al cospetto del vero colle da intitolare alla memoria di Pantani: quei 2,5 chilometri di discesa che consentono di respirare e ritemprarsi, soprattutto per quelli che non hanno il completo sangue blu dei camosci. Se poi andiamo al dettaglio del confronto fra i due colli, scopriamo che il paragone è nettamente a vantaggio della salita piemontese. Il "Finestre", ha una lunghezza di oltre tre chilometri superiore al versante più duro delle "Erbe" (quello da Piccolino, in Val Badia, ovvero il tracciato che mi pare sia stato scelto per il Giro 2005), è più alto di quasi duecento metri sul livello del mare (e quando si superano i duemila metri, ciò incide); ha una pendenza media del 9,1% contro l’ 8,6%; è un’ascesa che non da un attimo di respiro e poi ha gli ultimi sei chilometri "sterrati", un aspetto decisivo, sia per il pathos ad essi siamese e sia per le difficoltà tecniche conseguenti. Ora, non legare il Colle delle Finestre a Marco Pantani, fresco nel ricordo di tutti e rappresentante massimo degli scalatori moderni, di fronte ad una montagna che mi auguro possa significare la nuova ricerca di processi simpatetici del ciclismo del nuovo millennio, rappresenta una topica o una bestemmia enorme. Mi spiace, ma chi, anche fra gli intimi di Marco, ha sempre pensato che vi fosse un’antipatia dei grandi organizzatori di Giro e Tour, verso il grande ciclista di Cesenatico, oggi ha un ulteriore motivo per togliere un altro pezzetto al dubbio che, ragionevolmente, voleva imporsi. Come all’indomani della morte di Gilles Villeneuve, il "monumento" che aveva incrinato il mito Ferrari, molti si prodigarono per cancellarlo, anche per Pantani, che, da solo, ha retto le punte massime della popolarità ciclistica di questi ultimi dieci anni fino a scambiare sui suoi voli l’interesse per l’istituzione Giro o Tour, temo stia succedendo la stessa cosa. Dell’aspetto giornalistico non me ne frega un tubo, vista l’incapacità odierna di troppi narratori sui generis di fare cultura, mi fa incazzare invece, l’ingratitudine vergognosa e cinica di taluni personaggi che non menziono, ma che non è difficile capire chi sono. Ed ora, in attesa di Cunego (il mio favorito) ed i vari Basso, Simoni, Garzelli, Beloki ecc. la Gazzetta faccia la cosa più obbligata e giusta: rimedi all’assurdità giornalistica e culturale di oggi, dando a Marco Pantani ciò che è suo per diritto di poesia, nell’idioma che unisce passato e presente del grande romanzo del ciclismo, il Colle delle Finestre. Ho le lacrime mentre scrivo, perché risuona in me, ancora una volta, il ricordo della sua voce....quel giorno non tanto lontano in cui mi disse: "Sai quanti ingrati ci sono qua......?!"

Morris

 

[Modificato il 23/01/2005 alle 00:31 by Morris]


 
Edit Post Reply With Quote

Elite




Posts: 20
Registrato: Jan 2005

  postato il 22/01/2005 alle 22:35
Dunque,riguardo alla presentazione concordo anche io che poteva essere migliore: almeno potevano fare un analisi un pochino piu dettagliata.
Riguardo al percorso invece,a parte che conferma le anticipazioni che si avevano,devo dire che mi piace:tante grandi salite ma anche il giusto spazio alle cronometro. E poi qualcuna delle 10 tappe "pianeggianti" potrebbe riservare qualche sorpresa,visto che non tutte son proprio piatte (x fortuna...).
L'arrivo di Ortisei non e' incluso tra quelli in salita perche a vedere l'altimetria generale sul sito ufficiale,han messo il GPM qualche KM prima,dove finisce il tratto duro della salita,ma in pratica e' a tutti gli effetti il quarto arrivo in salita.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 23/01/2005 alle 02:04
eh carissimo morris cio'che dici e'un manifesto di verita',ma e'forse la prova piu'evidente di una linea seguita dalla rai,con l'avvallo della rcs,dal quel famoso 5 giugno'99!
per mesi mi son chiesto il perche',poi ragionandoci sopra col doveroso distacco che l'adolesceza mi portava ha nn avere ho purtroppo capito che era un mero discorso d'immagine e quindi indirettamete economico,consolandomi in parte el leggere che in questo forum e'un po'opinione di tutti,o meglio che tutti conoscono la verita'!
magari la rcs e'un po'meno giustificata,ma d'altronde la gazzetta ha sempe distrutto marco e cannavo'ne e'il primo,ipocrita,carnefice,nn e'quindi difficile arrivare ad un tacito accordo comune che miri a salvare uno sport da loro stessi assasinato,distruggendo,uccidendo ed artatamente dimenticando un uomo,un campione,un fuoriclasse che per anni li aveva fatti mangiare,prima di accorgersi purtroppo che erano solo dei giuda!
ma d'altronde quando mi si chiedera'quale e'stata la piu'grande ingiustizia fatta nei confronti di uno sportivo nn esitero'a rispondere"quella fatta a marco pantani,il piu'grande scalatore del ciclismo moderno",e quella di oggi nn e'altro che l'ennesima,deprimente,conferma.....


p.ssul delle erbe io mi riferivo al tratto dopo la discesa ragionando pero'nella loro ottica di crearsi una scusante tecnica per giustificare l'emarginazione forzata del pirata!in effetti da piccolino la pendenza del delle finestre e'sicuramente superiore,o e'meglio dire il delle finestre e'superiore in tutto al cmq durissimo delle erbe,ed era degna montagna pantani,a maggior ragione dopo il"furto"del fauniera!
o magari ci diranno che e'stato scelto in quanto nella sua prima vittoria a merano marco infiammo'la corsa proprio li(come gia'leggo in giro),omettendo pero'che fu chiappucci a scattare e che pantani invece dimostro'il suo esser fenomeno sul giovo...
ma si potrebbe anche citare il fatto che nonostante si riposasse a ravenna nessuno ha sottolineato,data la vicinanza con le terre di marco,l'intrinseco omaggio fatto all'indimenticabile campione romagnolo,cosa che invece sul sito della gazzetta(letto quindi solo da intenditori che sanno bene com'e'andata la vicenda e nn cambiano idea per una linea mediatica)si sono affrettati(forse per salvare la faccia)ad evidenziare!

 

[Modificato il 23/01/2005 alle 02:46 by Pirata x sempre]

____________________
Giuseppe Matranga

www.cicloweb.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Amministratore




Posts: 5978
Registrato: Aug 2002

  postato il 23/01/2005 alle 03:34
Come la Rai, anche noi abbiamo avuto i nostri bravi problemi tecnici. Ma ora le immagini sono tutte al loro posto e ben visualizzabili. Meglio così
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Tour




Posts: 225
Registrato: Jan 2005

  postato il 23/01/2005 alle 09:43
Leggendo sul sito della gazzetta, il passo Erbe è stato scelto come Cima Pantani per ricordare un’impresa del pirata, credo ci si riferisca dalla tappa di Merano del 94, se non mi sbaglio era quella che precedeva quella dello Stelvio e Mortirolo. A questo punto posso concordare pienamente la scelta degli organizzatori, anche se come notorietà il Pordoi è certamente molto più conosciuto. Sarebbe stato poco significativo scegliere il Finestre, visto che è una salita inedita.
Confermo quanto mi ha detto PirataXSempre, l’arrivo di Ortisei è in salita, ma osservando bene l’altimetria si nota che le ultime centinaia di metri sono in leggera discesa.
Noto poi che anche la crono di Firenze non è piatta come si pensava, ma presenta nel tratto centrale una leggera ma lunga salita, niente di impossibile, naturalmente, ma costringerà gli specialisti a forzare sui pedali in quel tratto.
Un percorso, cmq, che secondo me è il migliore realizzato negli ultimi anni.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Tour




Posts: 179
Registrato: Oct 2004

  postato il 23/01/2005 alle 10:00
c'è un modo per sapere quali saranno le strade esatte del giro
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Giro di Svizzera




Posts: 91
Registrato: Jan 2005

  postato il 23/01/2005 alle 10:16
La presentazione del giro d'italia quest'anno è stata più all'insegna del varietà che dello sport (devo dire che la coreografia, i balletti e le ballerine non erano male), certo Castellano, o chi per lui, poteva spiegare più nel dettaglio le singole tappe di montagna. Nessuno ha detto i nomi delle salite del tappone dello Stelvio, se uno non fosse bravo in geografia o non avesse internet (cosa molto difficile) non vedo come possa capire il percorso.
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 23/01/2005 alle 12:19
fortunatamente ci ha pensato il nostro admin ad arricchire il gia'gustosissimo pezzo di grassi che commenta i protagonisti della presentazione del giro con un'analisi dettagliata delle tappe piu'dure(tranne forse giusto quella di pistoia col sammome')!
cosi la situazione e'un po'piu'chiara,anche se c'e'da aggiungere che anche gli arrivi in teoria per velocisti nn sono esattamente tali ed i migliori dovrano guardarsi da chi,come cunego o garzelli potrebbero conquistare decine di secondi,per nn dire minuti di abbuoni in volate piu'ristrette(zabel e bettini permettendo),visto che ci dovrebbero essere degli strappetti nel finale negli arrivi di tropea,s.maria del cedro,frosinone e dovrebbero essere molto nervose le tappe di marina di grosseto e varazze!
sull'arrivo di ortisei nn individuo guardando l'arrivo discesa nel finale,anche se e'vero che negli ultimi 3-4km.la salita diventa poco piu'che un falsopiano al 3-4%....ma in effetti se tu,andrea,lo sai con certezza potrebbe pure essere cosi'visto che,come al solito,sono molto grossolani sia i valori e le caratteristiche delle salite riportate nella tabella ufficiale della gazzetta,e purtroppo con essi anche alcuni particolari dei tracciati,penso alla tappa di l'aquila dove posso assicurare(per averla fatta in macchina)che il valico,di monte urano,e'circa 2km prima di goriano sicoli a 840mt.di altezza dopo 4km terribili al 10%(e nn al 7%come riportato),quindi una salitella durissima,degna della liegi,anche se purtroppo troppo lontana dal traguardo e soprattutto nn seguita da un percorso adeguato(con la forcella diventava una tappa molto insidiosa)!

 

[Modificato il 23/01/2005 alle 12:43 by Pirata x sempre]

____________________
Giuseppe Matranga

www.cicloweb.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 5547
Registrato: Nov 2004

  postato il 23/01/2005 alle 12:40
Resta il fatto che penso sia un bel Giro...Sono d'accordo che la presentazione sia stata non perfetta, per esempio la presentazione delle moto PS e Rai, nonchè della vettuta ufficiale Mazda 3 poteva essere risparmiata. Zomegnan mi ha fatto una impressione un po così; troppo pomposo direi. Castellano, al passo d'addio avrebbe meritato almeno un tributo maggiore. Il percorso mi piace, nonostante i vari tagli è selettivo e merita la partecipazione che avrà!!! Il servizio di Cassani che fa le rilevazioni non è stato fatto perchè le decisioni dell'ultim'ora su arrivi e partenze non lo hanno permesso...

 

____________________
www.vcoazzurratv.it
...- --- .-.. .-
.--. ..- .--. .. .-.. .-.. .-
...- --- .-.. .- !!!!

LA CAROVANA VA..CONFINI NON NE HA..E TUTTE LE DISTANZE ANNULLERA'!!
"..Dinnanzi a me non fuor cose create se non etterne.. Ed io in etterno duro!!
Lasciate ogni speranza voi ch'entrate...!!!

"C'è Bugno in testaaaa!!! è Bugnoooo!!! ed è campione del mondo Bugno su Jalabert!!!"

"...ma ti sollevero' tutte le volte che cadrai
e raccogliero' i tuoi fiori che per strada perderai
e seguiro' il tuo volo senza interferire mai
perche' quello che voglio e' stare insieme a te
senza catene stare insieme a te"...

"Cascata ha un pregio non da poco. ama il ciclismo e però lo riesce a guardare con l'occhio dello scienziato. informatissimo, sa sceglire personaggi sempre di levatira superiore, pur non "scadendo" nello scontato.
un bravo di cuore.
(post di Ilic JanJansen, nel Thread "Un ricordo: Pedro Delgado, il capitano di Indurain")

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 23/01/2005 alle 12:53
sicuramente si,il giro e'molto interessante,forse avrei giusto ritoccato proprio la tappa di l'aquila con l'aggiunta della forcella,visto che propone salite troppo lontane dal traguarde,ma per il resto ci si puo'stare,soprattutto perche'mi intrigano e molto quei percorsi misti dove vedremo con bettini,di luca,rebellin,zabel e gli altri fenomenali cacciatori di tappe dei finali di corsa molto spettacolari dove anche i big potranno tendersi qualche piccolo tranello!
insomma nn e'scontato come l'anno scorso,e soprattutto quello che in teoria puo'sembrare un difetto come la lontananza della salite piu'dure dall'arrivo(a parte il duran,il sammome'ed il delle finestre),potrebbe rivelarsi invece un incentivo allo spettacolo,ultimamente troppo circoscritto agli ultimi km.di corsa,grazie anche a percorsi che dopo questi mostri(penso allo stelvio ed al delle erbe)propongono un tracciato che nn permette di recuperare!
a maggior ragione pensando al fatto che con 70km.a cronometri i nostri straordinari camosci dovranno recuperare dai passisti-scalatori come cioni,beloki e vinoukourov(se in forma)anche fino a 3-5min.!

insomma un Giro piu'che duro spettacolare....e nn e'poco!!!

 

____________________
Giuseppe Matranga

www.cicloweb.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 5547
Registrato: Nov 2004

  postato il 23/01/2005 alle 12:56
Sicuro, Pirata, che la presenza di tanti Big sia un bene...poi...con le previsioni tutto sommato siamo stati bravi...

 

____________________
www.vcoazzurratv.it
...- --- .-.. .-
.--. ..- .--. .. .-.. .-.. .-
...- --- .-.. .- !!!!

LA CAROVANA VA..CONFINI NON NE HA..E TUTTE LE DISTANZE ANNULLERA'!!
"..Dinnanzi a me non fuor cose create se non etterne.. Ed io in etterno duro!!
Lasciate ogni speranza voi ch'entrate...!!!

"C'è Bugno in testaaaa!!! è Bugnoooo!!! ed è campione del mondo Bugno su Jalabert!!!"

"...ma ti sollevero' tutte le volte che cadrai
e raccogliero' i tuoi fiori che per strada perderai
e seguiro' il tuo volo senza interferire mai
perche' quello che voglio e' stare insieme a te
senza catene stare insieme a te"...

"Cascata ha un pregio non da poco. ama il ciclismo e però lo riesce a guardare con l'occhio dello scienziato. informatissimo, sa sceglire personaggi sempre di levatira superiore, pur non "scadendo" nello scontato.
un bravo di cuore.
(post di Ilic JanJansen, nel Thread "Un ricordo: Pedro Delgado, il capitano di Indurain")

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 23/01/2005 alle 13:00
tu in particolare...complimenti carissimo cascata,alla faccia di chi anche in altri siti nn credeva all'attendibilita'delle tue indiscrezioni!

 

____________________
Giuseppe Matranga

www.cicloweb.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 5547
Registrato: Nov 2004

  postato il 23/01/2005 alle 13:04
...zzzzi loro!!!!!
Ho scelto questo forum perchè oltre che completo è anche frequentato da gente che ne sa di due ruote...
(Admin sarà contento...)

 

____________________
www.vcoazzurratv.it
...- --- .-.. .-
.--. ..- .--. .. .-.. .-.. .-
...- --- .-.. .- !!!!

LA CAROVANA VA..CONFINI NON NE HA..E TUTTE LE DISTANZE ANNULLERA'!!
"..Dinnanzi a me non fuor cose create se non etterne.. Ed io in etterno duro!!
Lasciate ogni speranza voi ch'entrate...!!!

"C'è Bugno in testaaaa!!! è Bugnoooo!!! ed è campione del mondo Bugno su Jalabert!!!"

"...ma ti sollevero' tutte le volte che cadrai
e raccogliero' i tuoi fiori che per strada perderai
e seguiro' il tuo volo senza interferire mai
perche' quello che voglio e' stare insieme a te
senza catene stare insieme a te"...

"Cascata ha un pregio non da poco. ama il ciclismo e però lo riesce a guardare con l'occhio dello scienziato. informatissimo, sa sceglire personaggi sempre di levatira superiore, pur non "scadendo" nello scontato.
un bravo di cuore.
(post di Ilic JanJansen, nel Thread "Un ricordo: Pedro Delgado, il capitano di Indurain")

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Amministratore




Posts: 5978
Registrato: Aug 2002

  postato il 23/01/2005 alle 13:33
Cascata, sei stato grande
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2432
Registrato: Jan 2005

  postato il 23/01/2005 alle 17:25
salve a tutti sono nuovo di qui!
volevo dire due parole sulla crono chieri-torino che prevede (credo,smentitemi se sbaglio)più o meno lo stesso percorso della milano-torino. la salita di superga da pavarolo presenta dei tratti abbastanza pendenti verso baldissero. poi la panoramica quasi tutta discesa da pedalare e per niente tecnica a parte due curve e l'unica difficoltà uno strappetto facile da 4-500 metri e un km di falsopiano a salire alla fine. poi la discesa del pino vecchio questa molto più tecnica almeno nella prima parte fino a reaglie per intenderci e da corso casale saranno 3-4 km di pianura fino in piazza castello. diciamo che i cronoman puri non avranno vita facile quest'anno. io per la crono di torino vedrei favorito un passista che tiene bene la salita per esempio gonchar, ma anche un buon discesista potrebbe essere la sorpresa di giornata, visti i quasi 15 km di discesa perchè non savoldelli?
ciao a tutti

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 23/01/2005 alle 18:24
sicuramente gontchar sarebbe stato tra i favoriti di questa cronoche cmq in quanto a fine giro potrebbe riservare molte sorprese(io vedrei bene anche cioni e basso)ma stanga sembra aver convinto l'ucraino a partecipare al tur,per la verita'a lui piu'adatto!
temo la domina si presenti al giro con velleita'di classifica da parte del solo,eterno,belli...

 

____________________
Giuseppe Matranga

www.cicloweb.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 2475
Registrato: Sep 2004

  postato il 23/01/2005 alle 19:31
eccolo qui dunque il Giro 2005,per me molto bello,sicuramente il migliore dal 1999 ad oggi.innanzitutto la lunghezza delle tappe,con quelle di montagna che eccetto una si aggirano intorno ai 200 km a differenza dell'anno scorso,anche se le due tappe di Bormio e Presolana sono state molto emozionanti essendo corte forse non hanno espresso in pieno i valori tecnici.le tappe davvero per velocisti sono assai meno dell'anno scorso,almeno 6 o 7,e ce ne sono molte di piu' con percorsi nervosi,a partire gia' da quella di Tropea per proseguire con quella di Giffoni Valle Piana,quella di Pistoia dove il Sammomme' puo' creare anche distacchi tra gli uomini di classifica e per finire quella di Varazze.veniamo ora alle tappe di montagna,che sono alla 5°,11°,13°,14°,17° e 19° tappa,diciamo che in tutto sono dunque 6 e mezza includendo quella con il Sammomme' e ben distribuite nell'arco delle tre settimane.mi piace l'idea che i due giorni di riposo siano fatti prima di tappe pianeggianti e non di tappe di montagna,e mi piace anche l'idea di mettere la seconda cronometro,che non e' pianeggiante ma nel complesso resta per specialisti,inframezzata tra due tappe di montagna invece di prima o dopo le stesse.tornando alle tappe di montagna in generale hanno un pregio e un difetto:il difetto e' che l'ultima salita spesso non e' la piu' dura,come a Zoldo Alto,Ortisei e al Sestriere,e il pregio e' che quasi sempre c'e' solo discesa e pochi km di pianura tra una salita e l'altra,cosa che incoraggia gli attacchi da lontano anche senza bisogno di gregari come Mazzoleni e Tonti per Cunego a Falzes,ad esempio uno scalatore dotato di coraggio potrebbe tentare l'impresa partendo sullo Stelvio visto che dopo non c'e' molto spazio per recuperare,a differenza della tappa di Bormio dell'anno scorso dove il tratto di pianura dopo la discesa del Gavia ha consentito alla Saeco di riprendere Garzelli.c'e' da aggiungere che se le salite finali non sono durissime quelle che le precedono lo sono,parlo del Colle Fenestre ma anche del Duran,e cio' favorira' lo spettacolo perche' i piu' forti scalatori temendo di non riuscire a fare la differenza sull'ultima salita andranno all'attacco prima.nel complesso un bel Giro dunque.
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 1771
Registrato: Jan 2005

  postato il 23/01/2005 alle 19:34
Tolti tutti gli orpelli e i vari spettacoli della presentazione salvo solo il parterre de roi, sono mancate le ricognizioni, le altimetrie e non si sono capiti i chilometraggi.
Il percorso è il più duro dal 2000 ad oggi.Le prime tappe sembrano facili ma ci sono tanti strappi che si addicono ad un fantastico duello bettini-Zabel per la rosa, attenzione alle tappe dell'aquila e di pistoia soprattutto adattissime a imboscate.
Per quanto riguarda le montagne finalmente ci sono chilometraggi un po più significativi e tapponi veri e propri.Non bisognerà sottovalutare la tappa di Zoldo(Il cereda è molto duro, il duran pure).Perfetti i tapponi di Ortisei e livigno(lo stelvio finalmente)nelle alpi orientali e quelli finali.C'è anche spazio per i cronomen con due tappe molto nervose. Insomma ci aspetta un bel giro.Oltre ai protagonisti annunciati, qualora ci fossero anche Vinokurov ed Heras diventerebbe uno spettacolo imperdibile.
PS CONCORDO CON TUTTI VOI PANTANI ANDAVA RICORDATO ED ONORATO MEGLIO IN UN OCCASIONE COME QUELLA DI IERI

 

____________________
http://www.controcopertina.it

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2432
Registrato: Jan 2005

  postato il 23/01/2005 alle 20:06
qualcuno sa quando davide cassani farà le sue solite ricognizioni ciclistiche sullle strade rosa?

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Tour




Posts: 225
Registrato: Jan 2005

  postato il 23/01/2005 alle 20:10
Posso confermarti caro PirataXSempre che l'arrivo di Ortisei è in leggera discesa, puoi controllare sul sito www.gazzetta.it, seguendo i vari link e cercando sui dettagli delle altimetrie (si parla degli ultimi 300-400 metri, non so nemmeno se il punto di arrivo è stato confermato).
X EugeRambler: non so se il buon Cassani farà ancora la ricognizione delle tappe, già lo scorso anno, se non mi sbaglio, aveva lasciato il compito ad alcuni corridori professionisti.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 2432
Registrato: Jan 2005

  postato il 23/01/2005 alle 20:14
grazie per l'info.
c'è qualcuno di torino nel forum?
si potrebbe organizzare un giretto sul percorso della crono un giorno

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 1553
Registrato: Jan 2005

  postato il 23/01/2005 alle 20:47
sono proprio contento che si arrivi al colle di Tenda,sarà sicuramente un gran bell'incontro per gli appassionati e motivo di incontro per gli appassionati che andranno su la sera prima...io ci sarò!!!
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Tour




Posts: 179
Registrato: Oct 2004

  postato il 23/01/2005 alle 20:49
la presentazione ha fatto schifo e poi quelle ballerine nn erano poi sta grande bellezzain giro per la tv sene vedono di meglio sono rimasto colpito sopratutto per aver visto i ballerini magri di solito sono robusti le ballerine erano normali niente di che
ma veniamo a noi si è psrlato tanto del giro ma nessuno sa quali strade percorreranno non basta dire andranno da questa citta a quella cià passando per quel paese nessuno a mai mensionato le strade precise che percorrerano che credo sia inportante perche in bici anche una leggera pendenza o una curva di troppo fanno la differenza

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2432
Registrato: Jan 2005

  postato il 23/01/2005 alle 20:51
a me sembra a dir poco scandaloso che si pubblicizzi in questo modo un posto come limone piemonte. uno scempio totale, un luogo disgustoso, una speculazione edilizia scandalosa, dei palazzoni che fanno rabbrividire, proprio sotto le montagne. la montagna vera non è quella. positivo che la carovana prosegua dritta da limone per finire al tenda e non si fermi lì!
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Tour




Posts: 179
Registrato: Oct 2004

  postato il 23/01/2005 alle 20:57
ma che bisogna aspettare per avere il percorso dettagliato io vorrei provar qualchr percorso ma non voglio correre il rischio di sbagliare stada
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 5547
Registrato: Nov 2004

  postato il 23/01/2005 alle 21:03
Grazie Admin...un vero piacere...Per quel che riguarda le rilevazioni di Cassani, credo che non le farà più...lui le faceva giusto per la presentazione....
Comunque quando il giro viene presentato non si conoscono ancora le vie che sono percorse, partenza ed arrivo, con il tracciato a a grandi linee bastano...Questo si decide dalle rilevazioni che Vegni e Castellano faranno da ora... Euge...vallo a dire a quelli che abitano li.....

 

____________________
www.vcoazzurratv.it
...- --- .-.. .-
.--. ..- .--. .. .-.. .-.. .-
...- --- .-.. .- !!!!

LA CAROVANA VA..CONFINI NON NE HA..E TUTTE LE DISTANZE ANNULLERA'!!
"..Dinnanzi a me non fuor cose create se non etterne.. Ed io in etterno duro!!
Lasciate ogni speranza voi ch'entrate...!!!

"C'è Bugno in testaaaa!!! è Bugnoooo!!! ed è campione del mondo Bugno su Jalabert!!!"

"...ma ti sollevero' tutte le volte che cadrai
e raccogliero' i tuoi fiori che per strada perderai
e seguiro' il tuo volo senza interferire mai
perche' quello che voglio e' stare insieme a te
senza catene stare insieme a te"...

"Cascata ha un pregio non da poco. ama il ciclismo e però lo riesce a guardare con l'occhio dello scienziato. informatissimo, sa sceglire personaggi sempre di levatira superiore, pur non "scadendo" nello scontato.
un bravo di cuore.
(post di Ilic JanJansen, nel Thread "Un ricordo: Pedro Delgado, il capitano di Indurain")

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 2432
Registrato: Jan 2005

  postato il 23/01/2005 alle 21:07
dire che? che limone è un insulto alla dea montagna?!
cmq il percorso praticamente preciso di alcune tappe si può facilmente desumere guardando le altimetrie di alcune tappe che ha messo sul sito la gazzetta. ci sono i nomi dei paesi e con un atlante stradale alla mano si va facili.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Tour




Posts: 179
Registrato: Oct 2004

  postato il 23/01/2005 alle 21:08
e quando si sapranno?

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Tour




Posts: 179
Registrato: Oct 2004

  postato il 23/01/2005 alle 21:10
si ma dove non ci sono le altrimetrie come si fa almeno metterssro le altimetrie di tutti i percorsi
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 1553
Registrato: Jan 2005

  postato il 23/01/2005 alle 21:23
per EugeRambler,se ti sembra Limone un paese disgustoso,cosa dici di Sestriere?
niente?????
penso proprio ke Limone sia decisamente meglio di sestriere,ha sicuramente dei palazzi che non si abbinano molto alla montagna ma da li a definirlo disgustoso cambia qualcosa,i tottioni di sestriere ti sembrano belli?
(dico sestriere perchè è il primo esempio che mi è venuto in mente)


cambiano argomento,per quanto riguarda la presentazione del giro, a me sinceramente non è piaciuta,mi è spiaciuto molto che Cassani non sia più andato a provare le tappa.
penso ke dal prossimo anno,o questa primavera,le faccia per proporcele a Tgiro la sera prima;quest'anno non ha potuto provare le tappa xkè il giro è stato rifinito tardi e non si avevano molte anticipazioni.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2432
Registrato: Jan 2005

  postato il 23/01/2005 alle 21:29
per le tappe in cui non c'è l'altimetria mi sa che ci dobbiamo attaccare per il momento.
cmq ora che ci penso anche i piselloni del sestriere fanno parecchio impressione! anke io spero che cassani faccia i soliti giri che fanno vedere alla tele la sera prima. io quelle intendevo, mi piacerebbe andare a farmi un giro con lui, gli ho anche scritto per chiedergli se fa qualcosa

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Bernard Hinault




Posts: 1191
Registrato: Jul 2004

  postato il 24/01/2005 alle 00:00
EH CHE DIRE SU QUESTA PRESENTAZIONE...
TROPPA ROBA INUTILE..
PENSO CARO PIRATA CHE SARAI DACCORDO CON ME NEL DIRE CHE ERANO MEGLIO LE VECCHIE PRESENTAZIONI, SICURAMENTE PIU CORTE MA PIU INTERESSANTI. BASATE SOLO SUL DETTAGLIO DELLE TAPPE.
MANCANO MOLTO ANCHE A ME I SERVIZI DI CASSANI,LE MUSICHE E LA VOCE INCONFONDILE DI UN GENIO COME FIORAVANTI...

LA LINEA DELLA RAI A VOLTE NON LA CONDIVIDO...
COME QUELLA DELLA GAZZETTA..

COME SI FA A NON PARLARE IN UN ORA E MEZZA NEANCHE UNA VOLTA DI PANTANI.
SARA' VERO CHE E' STATO DECISO COSI PERO NON LO CONDIVIDO. MI SAREI ASPETTATO UN SERVIZIO FINALE IMPRONTATO SU MARCO...

A VOLTE MI VENGONO STRANI PENSIERI.
MI SEMBRA CHE CASSANI E BULBARELLI SIANO GIOSTRATI COME MARIONETTE; VENGONO LIMITATI NEI DISCORSI PICCANTI E DELICATI..
MOLTE VOLTE GUARDO CASSANI, E VEDO UN UOMO NON FELICE. COME SE VOLESSE DIRE QUALCOSA CHE HA DENTRO, MA CHE NON PUO PER MOTIVI "SUPERIORI" SVELARE ALL'OPINIONE PUBBLICA...MAHHHH

DISCORSO PASSO DELLE ERBE, SI ALLA FINE NON E' STATA UNA DECISIONE SCANDALOSA INTITOLARLA A MARCO. LA MONTAGNA PANTANI E' DI SOLITO LA PIU DURA DEL GIRO, PERCIO' SAREBBE STATO IL COLLE DELLE FINESTRE PERO DEVE ANCHE ESSERE UNA DI QUELLE MONTAGNE SIMBOLO DELLA INCREDIBILE CARRIERA DEL ROMAGNOLO...
IL PASSO DELLE ERBE E' MOLTO DURO, ANCHE SE NON HA IL NOME.
PENSIAMO AL PORDOI, E' LA SALITA PER ECCELLENZA DOPO LO STELVIO DEGLI APPASSIONATO ITALIANI.
PERO E' MOLTO FACILE, PENSARE CHE UNO COME ME CHE VA IN BICI SOLO D'ESTATE LA FA A VELOCITA DI PUNTA DI 14/16 KM/H..
LORO SE LA BEVONO A UNA MEDIA DI 25 KM/H


ECCO QUA TRE ALTIMETRIE DELLE TAPPE DEL GIRO 94 DOVE CI SONO PASSO DELLE ERBE E STELVIO.
TRE ALTIMETRIE DI 3 TAPPE CHE MI RIMARRANNO SEMPRE NEL CUORE PERCHE' UN PERSONAGGIO COME TORRIANI SARA' DIFFICILE TROVARLO

LIENZ-MERANO


MERANO-APRICA


CUNEO-LES DEUX ALPES


BELLE VERO? INDIMENTICABILI...

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 24/01/2005 alle 00:48
ALCUNE CONSIDERAZIONI IN MERITO AL TRACCIATO

Premetto che scrivo questo post solamente per sfizio personale, giacchè quello scritto da Guglielmo Tell non ha bisogno di correzioni anzi è condivisibilissimo e ne prendo spunto per alcune considerazioni, tappa dopo tappa.


1° Reggio Calabria - Tropea: ha ragione Guglielmo Tell, questa tappa non è smaccatamente per velocisti anzi, la lunghezza di 208 Km unita alla zona leggermente collinare non molto distante dal traguardo si prestano benissimo all’azione di un gruppetto misto di finisseurs e passisti veloci.

2° Catanzaro - S.Maria del Cedro: sarebbe stato più ragionevole partire da Tropea, ma per non scontentare gli amici di Catanzaro si affronta la strada Lamezia Catanzaro, all’andata in macchina e al ritorno in bicicletta, piegando poi a destra lungo la costa tirrenica fino a S.Maria del Cedro / Diamante.
Dovrebbe essere la prima tappa apertamente propizia ai velocisti.

3° Diamante - Giffoni Valle Piana: gran bella tappa per finisseurs e scalatori passisti che i 210 Km di lunghezza e il profilo molto vallonato fanno somigliare ad una classica (decisamente più bella di una Hew Cyclassics).
Se nessuno avesse il coraggio o la forza di condurre a termine una fuga (ma a mio avviso qualcuno ci riuscirà) ci penserà il trampolino di Montecorvino a rendere impossibile la vittoria attraverso uno sprint a ranghi serrati.

4° Giffoni Valle Piana - Frosinone: a meno che ci siano brevi rampe nascoste nel finale (ma ne dubito) dovrebbe trattarsi della seconda tappa apertamente propizia ai velocisti.

5° Celano - L’Aquila: altra tappa che mi piace parecchio, il Passo del Diavolo ma soprattutto il Valico del Monte Godi , seguito da una lunga discesa, possono invogliare delle fughe pazzesche.
E neppure mancano strappi più o meno consistenti al finale di questa bellissima tappa di 215 Km, a suo modo un’altra "classica" all’interno del Giro.

6° Viterbo - Marina di Grosseto: penso di non sbagliare affermando che sarà una tappa apertamente propizia ai velocisti, la terza del Giro.

7° Grosseto - Pistoia: col San Baronto e soprattutto il Sammommè questa tappa è un altro gioiellino del Giro, ha ragione Guglielmo quando dice che potrebbe dare luogo ai primi distacchi tra gli uomini di classifica, forse in apparenza non decisivi ma non bisogna dimenticare che le grandi corse a tappe si possono vincere o perdere anche per soli otto secondi.
E un tipetto come Cunego potrebbe decidere di sfruttarla per ammortizzare il debito di secondi che, probabilmente, pagherà il giorno successivo.

8° Lamporecchio - Firenze: le cronometro che vogliono favorire smaccatamente i passisti devono essere piatte oppure caratterizzate da salite pedalabili ma soprattutto costanti fino all’arrivo, quindi il panettone piazzato nel mezzo della tappa, seguito dalla discesa, potrebbe rivelarsi un’incognita per i passistoni: il rischio di perdere il ritmo di pedalata è dietro l’angolo.
E’ vero che le salite pedalabili possono favorire i passisti, ma la pianura li favorisce ancora di più.

9° Firenze - Ravenna: se il gruppo scollinerà compatto sul Passo del Muragione credo che sempre compatto arriverà anche al traguardo di Ravenna.
Ci sarà qualche pazzo coraggioso che cercherà di piazzare una fuga bidone, sfruttando il Passo come trampolino di lancio e affrontando temerariamente i quasi sessanta kilometri che separano la fine della discesa dall’arrivo?
Chissà, ci saranno tanti corridori stranieri poco avvezzi al "protocollo comportamentale non scritto" del Giro, c’è il giorno successivo dedicato al riposo che suggerisce di dare fondo a tutte le energie...
Tuttavia penso che le squadre con i velocisti avranno modo di ricucire ogni eventuale strappo, seppure con un po’ di fatica, e questa, seppur non apertamente, sarà la quarta tappa propizia ai velocisti.

10° Ravenna - Rossano Veneto: che storia, si arriva praticamente a casa della Selle Italia ma la sua squadra quasi sicuramente non ci sarà.
Dovrebbe essere la quinta tappa apertamente propizia ai velocisti.

11° Marostica - Zoldo Alto: decisamente bella è la prima tappa di vera montagna, dove il gioco si farà duro e i duri dovranno cominciare a giocare.
Il Passo Cereda, ma soprattutto il Duran potranno fare una bella selezione in vista del traguardo in salita di Zoldo Alto e, come ha acutamente sottolineato Guglielmo, non ci saranno kilometri di pianura tra una cima e l’altra, non ci sarà bisogno di capolavori tattici per mandare in porto l’azione solitaria.
Altra osservazione di Guglielmo assai veritiera: tutte le tappe di montagna del Giro 2005 possiedono kilometraggi degni di una grande corsa a tappe.

12° Alleghe - Rovereto: vorrei dire che, affaticati dalla tappa di Zoldo e intimoriti dalla tappa di Ortisei che avrà luogo il giorno successivo, pochi avranno voglia di recitare la parte dell’eroe.
Ma la novità dei corridori stranieri giunti in massa potrebbe offrirci lo spettacolo di qualche cavallo pazzo in cerca di gloria, incurante del rischio di saltare il giorno e dopo e di dover fare poi la valigia.
Secondo me si tratta della tappa giusta per qualche temerario scalatore passista fuori classifica e, se nulla vieta che il gruppo possa arrivare compatto, non la giudico a priori una tappa favorevole ai velocisti.

13° Mezzocorona - Ortisei: 217 kilometri di autentica maratona dolomitica con tanto di Passo Pordoi, le salite per dare il via ad azioni di forza non mancano e la lunga e ripida discesa dopo il Passo delle Erbe secondo me aggiungerà spettacolo allo spettacolo e per non rovinare la tappa l’arrivo sarà comunque in salita.
Tappa molto bella.

14° Egna - Livigno: si passa sulle Alpi e c’è lo Stelvio, si potrebbe non aggiungere altro.
Chi avesse ambizioni di podio, e si trovasse con un vuoto in classifica da colmare, potrebbe addirittura attaccare sulla salita che porta a Frassineto dal momento che sullo Stelvio sarebbe decisamente più marcato da chi comanda in classifica, senza trascurare che,dopo la discesa, da Merano si sale dolcemente ma progressivamente per oltre cinquanta kilometri prima di arrivare alle rampe dello Stelvio: il terreno favorevole al colpo di mano non manca.
La cima Coppi farà la sua selezione naturale e il Passo di Foscagno darà il colpo di grazia.
I sette o otto kilometri finali in discesa saranno ininfluenti sui distacchi in classifica, al limite potrebbero agevolare il più veloce se la fuga fosse condotta a termine da più di un uomo.
Tappa bellissima.

15° Livigno - Lissone: presumo che si scenderà lungo la Valtellina e poichè non mi pare che il circuito attorno a Lissone comprenda il Lissolo, come invece accade nella coppa Agostoni, credo che sarà la sesta tappa apertamente propizia ai velocisti.

16° Lissone - Varazze: dopo il giorno di riposo il plotone arriva in riviera.
Sinceramente non conosco bene l’ubicazione e le caratteristiche del Bric Berton, ma poichè inevitabilmente non sarà lontanissimo da Varazze, direi che si tratta di una tappa per finisseurs alla Bettini, sempre che abbiano recuperato energie.

17° Varazze - Colle di Tenda: gli uomini di classifica vorrano controllare il più possibile la corsa per arrivare tutti insieme almeno fino alla Madonna del Colletto, ma anche in precedenza la tappa è molto nervosa e l’impresa non sarà facile.
Madonna del Colletto, Colletto del Moro e la salita da Limone Piemonte al Colle di Tenda possono rendere questa tappa, soprattutto se affrontata con cattiveria, assai più dura di quello che le altimetrie suggeriscono.
Per me è una bellissima tappa.

18° Chieri - Torino: altra cronometro originalissima perchè i 31 kilometri della tappa sono interrotti non da un panettone ma da un bello strappo come il colle di Superga e, per lo scorno dei super passisti, la crono è inserita non a margine delle tappe di montagna ma nel mezzo di due tappe dure, come ha ben sottolineato Guglielmo e come aveva sottolineato anche quel gran poeta del Bulbarelli, che la definì come la fetta di prosciutto nel sandwich.
Anche qui vale la regola secondo la quale, se i 31 Kilometri fossero stati pianeggianti, i passisti sarebbero stati ben più avvantaggiati sugli scalatori.

19° Savigliano - Sestriere: tappone finale prima della passerella di Milano.
Un tour de force micidiale con il Sestriere, il micidiale Colle delle finestre e poi ancora un "piccolo" strappo per tornare in cima al sestriere.
Dovrebbe essere una tappa da leggenda, superba con lo sterrato del colle delle finestre e le sue rampe durissime e impossibili, una tappa capace di rovesciare le sorti di una corsa anche quando questa potesse sembrare già decisa.
Forse sbaglierò, ma i distacchi potrebbero essere abissali.
Si preannuncia come una tappa bellissima, splendidae e crudele, ed è vero, come scrive Pirata, che sarebbe stato giusto assegnare al Delle Finestre la cima "Pantani", spero provvedano al cambiamento.

20° Albese con Cassano - Milano: nel ricordo del compianto campione olimpico.
E’ la tappa più breve del Giro, è la sfilata in passerella del vincitore, è la settima tappa apertamente propizia ai velocisti.

Riassumendo direi che ci sono sette tappe destinate ai velocisti (con la leggera incognita della tappa di Ravenna), sette tappe capaci di smuovere l’alta classifica (due crono più cinque di alta montagna) e ben sei tappe il cui ruolo dipenderà dalla lettura che sapranno darne i corridori, senza dimenticare che l’anno scorso Cunego ha ben dimostrato quanto possano essere importanti gli abbuoni ottenuti anche in tappe non impossibili (quale era Pontremoli).

Chiudo accodandomi ai dovuti complimenti ed agli ancora più dovuti ringraziamenti a Cascata del Toce, con le tue indiscrezioni puntuali e attendibilissime hai potenziato a dismisura la vitalità e la bellezza del forum.
Ciao e grazie ancora!

 
Edit Post Reply With Quote

Elite




Posts: 20
Registrato: Jan 2005

  postato il 24/01/2005 alle 10:55
Aranciata_bottecchia complimenti per l'analisi,praticamente perfetta di tutte le tappe.
Sulla tappa di Varazze ti posso dire qualcosa essendo ligure: il Bric berton e' una quarantina di km da Varazze,ma l'andamento dipendera' molto dal percorso successivo: se scendono dritti su Albisola per poi proseguire lungo la costa,in quei 40 km non c'e' piu nessuna difficolta'anche se il percorso e' piuttosto tortuoso. Viceversa se fanno il percorso del 2002 ci sono uno o due strappi di un paio di km,ma piuttosto duri vicino all'arrivo. Probabile che arrivi una fuga in entrambi i casi,ma nel secondo direi che e' praticamente sicuro.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 5547
Registrato: Nov 2004

  postato il 24/01/2005 alle 12:33
Scusa Newcastle...le tappe che hai postato sono state certamente storiche e passate giustamente alla storia del Giro ma....Torriani cosa c'entra??? L'ultimo Giro che Torriani ha tracciato da solo è stato quello del 1987. Nel 1988 lo disegnò con Moser e Castellano, quest'ultimo divenne direttore responsabile dal 1989. Dal 1990 i tracciati del Giro vennero decisi proprio da Castellano che fino al 1993 ebbe solo una consulenza da Torriani , ormai anziano ed ammalato e da Moser. Dunque le tappe che hai postato sono esclusivamente sacco della zucca di Carmine Castellano.

 

____________________
www.vcoazzurratv.it
...- --- .-.. .-
.--. ..- .--. .. .-.. .-.. .-
...- --- .-.. .- !!!!

LA CAROVANA VA..CONFINI NON NE HA..E TUTTE LE DISTANZE ANNULLERA'!!
"..Dinnanzi a me non fuor cose create se non etterne.. Ed io in etterno duro!!
Lasciate ogni speranza voi ch'entrate...!!!

"C'è Bugno in testaaaa!!! è Bugnoooo!!! ed è campione del mondo Bugno su Jalabert!!!"

"...ma ti sollevero' tutte le volte che cadrai
e raccogliero' i tuoi fiori che per strada perderai
e seguiro' il tuo volo senza interferire mai
perche' quello che voglio e' stare insieme a te
senza catene stare insieme a te"...

"Cascata ha un pregio non da poco. ama il ciclismo e però lo riesce a guardare con l'occhio dello scienziato. informatissimo, sa sceglire personaggi sempre di levatira superiore, pur non "scadendo" nello scontato.
un bravo di cuore.
(post di Ilic JanJansen, nel Thread "Un ricordo: Pedro Delgado, il capitano di Indurain")

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 24/01/2005 alle 13:45
volevo integrare l'ottima analisi di aranciata sulle tappe del giro in due arrivi,in teoria per velocisti,ma che cercando di riprodurre i percorsi sul touring,a patto che il chilometraggio totale venga confermato,potrebbero risevare piacevoli sorprese,o quantomeno molto probabilmente si riveleranno tappe piu'movimentate del previsto!
la tappa di frosinone,se come sembra sicuro si arriva da sud e dalla strada di ceprano prevede negli ultimi 5km un paio di strappetti di circa un km.,uno dei quali dovrebe portare all'arrivo,a patto che esso sia nel centro della citta...roba quindi per zabel e bettini,piu'che petacchi e cipollini!
e soprattutto nella tappa che parte dall bellissima cittadina di viterbo(e dal mio lazio quindi)che dovrebbe prevedere le scalate alle dolci colline di montefiascone,gradoli,pitigliano,manciano(7-8km al5%)ed appunto scansano,che dopo una lunga discesa prevede nn piu'di 20km di pianura prima della arrivo a marina di grosseto e visti i molti saliscendi che i velocisti avranno nelle gambe la volata e'tutt'altro che scontata...a tutto vantaggio dell'incertezza e quindi dello spettacolo!!!

 

____________________
Giuseppe Matranga

www.cicloweb.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Moderatore




Posts: 2848
Registrato: Nov 2004

  postato il 24/01/2005 alle 14:00
Nella tappa di Varazze affronteranno il Berton e il Giovo e vedo bene una fuga da lontano come nel 2002, stavolta senza l'attacco in discesa di savoldelli (visto quello che l'aspetta nei tre giorni successivi!). Inoltre volevo aggiungere che nella prima tappa ci sara' la salita di Mileto (mi pare) abbastanza vicina all'arrivo, sono 3 km piuttosto duri (mi e' stato detto da mio padre che va li spesso per lavoro..). Un ultima cosa sugli abbuoni: Cunego essendo molto veloce puo', come detto da aranciata, rosicchiare molto nelle tappe vallonate, ma secondo voi non sono troppi 20 secondi?
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Bernard Hinault




Posts: 1191
Registrato: Jul 2004

  postato il 24/01/2005 alle 14:55
MA PENSO CHE LE TAPPE DEGLI ANNI 90 ABBIANO AVUTO UN IMPRONTA DI "TORRIANI"....
UNA CONSULENZA DI TORRIANI NON ERA COME QUELLA DI UNA PERSONA QUALUNQUE. PERCIO PENSO CHE CASTELLANO TUTTO QUELLO CHE HA FATTO LO HA IMPARATO DAL GRAN PATRON...
DICIAMO CHE CASTELLANO E' PIU MODERNO, LA SUA LINEA ERA SCOPRIRE SALITE NUOVE CHE ALLA FINE NON HANNO MAI FATTO PIU DI TANTO LA DIFFERENZA, AL CONTRARIO DEL PIU TRADIZIONALISTA TORRIANI.
LE SALITE TRADIZIONALI, CIOE' LE PIU FAMOSE HANNO SEMPRE FATTO I VERI DISTACCHI...


 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 5547
Registrato: Nov 2004

  postato il 24/01/2005 alle 15:13
Ti posso garantire che il Giro 94 è tutto, ma davvero tutto di Castellano. Torrini purtroppo soffriva già del male che lo avrebbe portato via due anni dopo... Semmai un aiuto a 'Elo' arrivò da Moser...Se poi mio dici che Castellano abbia imparato molto da Torriani quello è normale. Lo ha affiancato dal 1974 e dal 1982 è ststo il suo vice...

 

____________________
www.vcoazzurratv.it
...- --- .-.. .-
.--. ..- .--. .. .-.. .-.. .-
...- --- .-.. .- !!!!

LA CAROVANA VA..CONFINI NON NE HA..E TUTTE LE DISTANZE ANNULLERA'!!
"..Dinnanzi a me non fuor cose create se non etterne.. Ed io in etterno duro!!
Lasciate ogni speranza voi ch'entrate...!!!

"C'è Bugno in testaaaa!!! è Bugnoooo!!! ed è campione del mondo Bugno su Jalabert!!!"

"...ma ti sollevero' tutte le volte che cadrai
e raccogliero' i tuoi fiori che per strada perderai
e seguiro' il tuo volo senza interferire mai
perche' quello che voglio e' stare insieme a te
senza catene stare insieme a te"...

"Cascata ha un pregio non da poco. ama il ciclismo e però lo riesce a guardare con l'occhio dello scienziato. informatissimo, sa sceglire personaggi sempre di levatira superiore, pur non "scadendo" nello scontato.
un bravo di cuore.
(post di Ilic JanJansen, nel Thread "Un ricordo: Pedro Delgado, il capitano di Indurain")

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage
<<  1    2  >> Nuovo Thread  Nuova risposta   Nuovo sondaggio
 
Powered by Lux sulla base di XMB
Lux Forum vers. 1.6
2.1779420