Board logo

Il Forum di Cicloweb

Non hai fatto il login | Login Pagina principale > Dite la vostra sul ciclismo! > Carmine Castellano
Nuovo Thread  Nuova risposta  Nuovo sondaggio
< Ultimo thread   Prossimo thread >  |  Versione stampabile
Autore: Oggetto: Carmine Castellano

Livello Fausto Coppi




Posts: 5547
Registrato: Nov 2004

  postato il 26/11/2004 alle 13:29
Ragazzi, apro questo topic perchè ho notato che spesso l'Avvocato Castellano, che ha retto il giro per anni, viene spesso vituperato come un esordiente... Io credo che, nonostante spesso sia stato criticabile, non abbia poi guidato il Giro come un povero idiota... Anzi, credo che dal 1990 ad oggi la corsa rosa sia cresciuta molto, se vogliamo gli è mancato il salto di qualità...poi attenzione Zomegnan a destra, Zomegnan a sinistra...vero, ottima scelta ma attenzione: Angelo sarà il politico del gruppo...le corse le disegna Mauro Vegni!!!
Fatemi sapere che ne pensate; questo Elo Castellano lo crocifiggiamo o lo salviamo???

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 26/11/2004 alle 13:49
proprio non riesco a salvare colui che dirigeva la corsa nel quale e'stata tolta,in modo bieco ed infame,la dignita'e poi purtroppo anche la vita,al piu'grande campione che l'italia a colori abbia mai visto sul grande schermo oltre che sulle strade nazionali e non..sepoi a questo aggiungiamo percorsi spesso approssimatvi e sicuramente di un livello tecnico ce nn rispcchia la ricchezza di percorsi che l'italia offre...no proprio non ce la faccio a salvarlo!

basta vedere vegni,che gia'collaboratore di castellano,una volta a lui slegatosi ha gia'tracciato percorsi a dir poco appassionanti...

p.s.credo che tu sapresti rivelarci i famoso arrivo in salita della prima settimana,l'unico che manca alle nostre conoscenze e ragionamenti....
se puoi e se ti va...

 

____________________
Giuseppe Matranga

www.cicloweb.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 26/11/2004 alle 16:10
Ciao CascataToce, bisogna semplicemente capire di quale periodo dell'era Castellano si và parlando.
Sino ad una data particolare del 1999 io non trovo proprio niente da obbiettare, mi sembra che il giro avesse offerto tracciati equilibrati e protagonisti stranieri degni del tour de france (Indurain, Rominger, Zulle, Jalabert).
Dopo qualcosa si è rotto.
Soprattutto dal punto di vista "politico" il Castellano non si è rivelato all'altezza del compito che il destino aveva posto a gravare sulle sue spalle.
Cosa avrebbe dovuto fare? mollare, passare la mano, perchè davanti a difficoltà insormontabili il buon amministratore deve lasciare spazio all'artista capace di inventare il coup de theatre necessario per ribaltare una situazione destinata allo sfascio.
Carabinieri nelle stanze d'albergo, le celebrità straniere a casa loro, le tv internazionali che rinunciano a comprare i diritti televisivi.
Non basta organizzare circuiti a ripetizione attorno ai municipii che foraggiano la rcs, è necessario salvare il giro da un declino in atto da anni ma mai così veloce.
Credo che a nessuno sia sfuggito che, dopo la tragica morte del Pirata, quest'anno si sarebbe potuta verificare una disfatta completa se non fosse comparso sulle scene il Bocia di cerro veronese.
Allora mi si permetta di dire che proprio per il suo ruolo "politico" Zomegnan è importantissimo, due tre o dieci volte più di Mauro Vegni, perchè di organizzatori eccellenti nel ciclismo italiano se ne possono trovare molti di valore (pensate a gare come il giro dell'emilia o il giro del trentino), ma di manager competenti e con esperienza nel settore, no.
Chiaramente il sottoscritto a malapena sà chi sia Zomegnan, semplicemente esprime il bisogno di un appassionato di vedere la corsa rosa affidata a mani più capaci, che sappiano offrirle un valore aggiunto e che non si lìmitino a sfruttare un prestigio tradizionale oramai palesemente spremuto ed esausto.
Allora lo salviamo il Castellano? Io dico che la rcs avrebbe già dovuto sostituirlo almeno tre anni fà (sempre che non fossero in atto contratti capestro assai vincolanti, perchè si sà che gli avvocati sono maestri in materia).

ps Chi volesse sapere qualcosa di più su Mauro Vegni consulti il post scritto da Morris nel thread "in giro dalla calabria".

 
Edit Post Reply With Quote

Professionista




Posts: 44
Registrato: Sep 2004

  postato il 26/11/2004 alle 16:16
la nascita dello schermo a colori mi pare risalga al 75 quindi chi c'era a visto dei gimondi,bitossi e qual altro poi è stata l'era dei moser e saronni anni e anni ad altissimi livelli seguiti da un certo argentin -ottimo palmares- dopo di che se vogliamo è toccato a bugno e xchè no anche a bartoli tutta gente che ha vinto nell'arco di tutti gli anni che hanno gareggiato ma non mi sembra che nessuno di questi sia stato mandato a casa dal giro evidentemente fai riferimento a colui che nel suo palmares può vantare il 98, bè se uno ha vinto solo in un anno della sua carriera permettimi non credo sia stato il + grande dell'italia a colori . ps. forse ne ha fatto di tutti i colori!!!
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 26/11/2004 alle 16:31
guarda e'una tua opinione personalissima,fatto sta che e'l'unico italiano insieme a coppi ad aver fatto la mitica doppietta giro-tour!

premesso che i colori al massimo possono riguardare moser(con tutte le ombre che si porta dietro..)e saronni,di certo nn gimondi,che dal'75 in poi nn e'che abbia vinto un granche',la tua polemica e'piuttosto sterile perche'e'inutile venire a dirti che infortuni e torti vari gli hanno permesso di fare solamente due anni completi il'94 ed il '98 ed i risultati testimoniano la sua immensa grandezza,ma soprattutto che abbia emozionato la quasi totalita'degli appassionati di ciclismo,facendone nascere migliaia di altri,con un intensita'che avuto pari solo nel ricordo di coppi e bartali...il resto sono solo chiacchere piu'o meno futili...

e'giusto che tu abbia una tua opinione sul fenomeno quale marco e'stato ma e'altresi importante che tu sia capace di capire e soprattutto di avere l'onesta'di ammettere che e'un pensiero di una strettissima minoranza e quindi poco piu'che irrilevante...quando si fanno discorsi generali e'normale che ci siano delle eccezioni,tu sei una di queste,ma stai sicuro che mai come in questo caso siete terribilmente in pochi...basta leggere i giudizi dati da tutti,ex-ciclisti,giornalisti,appassionati,tifosi e nn quando si parla di un impareggiabile campione quale marco e'stato...

ciao

 

[Modificato il 26/11/2004 alle 16:42 by Pirata x sempre]

____________________
Giuseppe Matranga

www.cicloweb.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 5547
Registrato: Nov 2004

  postato il 26/11/2004 alle 16:42
Per Pirata: A che percorsi di Vegni ti riferisci, guarda che il Giro 2005 è praticamente tutto di Castellano... Sul primo arrivo in salita mi informo ma credo che la prima parte del giro sia abbastanza piatta... comunque ti dirò al piu presto.
 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 26/11/2004 alle 16:51
nn essendo informato quanto te nn e'che possa dire poi tanto sulla paternita'del percorso,pero'sapevo che la tappa di lienz,la cronoscalata del bondone erano idee di castellano e che ad esse si sono sostituite le tappe della valdonzana col terriblie duran ed il tappone di ortisei con quella splendida,durissima,cavalcata...insomma gia'questa differenza nn sarebbe poco!!!

ma il discorso e piu'ampio ed e'stato come sempre ben centrato ed evidenziato da aranciata bottecchia,il castellano fino al'99 ha fatto percorsi di qualita'a cui si e'spesso abbinata un'ottima partecipazione dei big stranieri,ma macchiarsi di quell'incredibile atto masochista di madonna di campiglio con seguente perdita oltre che di un campionissimo italiano come il pirata ma anche di tantissimi campioni stranieri spaventati,che poi nn ha neanche tentato di riavvicinare con percorsi degni della storia secolare di questa corsa e di patron come torriani..direi proprio che castellano nn puo'esser salvato!!!

 

____________________
Giuseppe Matranga

www.cicloweb.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 5547
Registrato: Nov 2004

  postato il 26/11/2004 alle 16:59
Io credo che davanti ai regolamenti internazionali anche Castellano o chi per lui potesse fare poco davanti al fatto compiuto. L'esito dell'esame era quello...neppure Torriani, Goddet o Leblanc avrebbero potuto opporsi.. Madonna di Campiglio è stato solo l'inizio ma il dramma lo hanno creato le persecuzioni a volte inutili delle procure che hanno indagato. Bisogna dare atto a Castellano ed ai suoi di aver guidato un Giro che dal 99 a qualche edizione fa era un appuntamento fisso per blitz e sequestri... Forse ci stava un poco piu di carattere. Credo cher "l'alleggerimento" dei tracciati sia dovuto anche ad evitare dopamenti vari...
 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Sean Kelly




Posts: 601
Registrato: Oct 2004

  postato il 26/11/2004 alle 17:05
Pirata, non beccare alle provocazioni del Leoncino..., che è un maestro!
Dire che Marco ha ottenuto risultati solo nel '98 dice già tutto.......

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 26/11/2004 alle 17:25
Nel '76 Bottecchia andava all'asilo, si cantava a squarciagola "arriva Gimondi cogli occhi rotondi la testa quadrata la bici scassata".

Bugno commentando il proprio spot pubblicitario per una marca di videogiochi: "ho proprio una faccia da SEGA".

Forza Piratissimo!
Leoncino sei daltonico!

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Sean Kelly




Posts: 601
Registrato: Oct 2004

  postato il 26/11/2004 alle 17:30
In aggiunta al mio post precedente,a proposito del palmares di Marco, trovo giusto aggiungere anche i risultati tra i dilettanti.
Cito a memoria, quindi potrei sbagliarmi, ma mi sembra 3°, 2° e 1° al giro dilettanti nei tre anni prima del passaggio tra i prof(se ho scritto una qualcosa di inesatto è perchè ad una certa età........)

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Amministratore




Posts: 5978
Registrato: Aug 2002

  postato il 26/11/2004 alle 21:28
Qui in redazione ancora ci chiediamo che cosa avrebbe dovuto fare Castellano il 5 giugno del '99, e che cosa negli anni seguenti per respingere le puntuali visite dei Nas.
E siamo poi sicuri che Zomegnan, senza ProTour, sarebbe riuscito a portare gli squadroni esteri al Giro, una volta che l'Uci ha spostato la Vuelta a settembre?

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 26/11/2004 alle 23:12
Carissimi Amici della redazione, se Castellano era ed è un "semplice" organizzatore di tappe, grande esperto di logistica degli accampamenti ciclistici, allora non gli si può rimproverare nulla.
Era questo Castellano?
Ditemelo voi.
Probabilmente le responsabilità dell' IMMOBILISMO post '99 andranno spartite con altre figure del management del giro/rcs, non lo metto in dubbio, per esempio non ho idea di chi trattasse con gli acquirenti televisivi, per esempio non ho idea di chi dovesse sviluppare il marketing dei "prodotti-evento" della rcs, per esempio non ho idea di chi, con le spalle coperte dalla potenza della rcs, avrebbe dovuto cercare di sviluppare sinergie con la federazione ciclistica italiana allo scopo di promuovere a livello mondiale l'importanza del ciclismo italiano e delle sue corse.
Sono banale? allora perchè Zomegnan ha dichiarato che il suo mandato è la trasformazione degli eventi rcs in una azienda capace di rendere?
Può essere che abbiate ragione se il compito di Castellano fosse sempre stato quello di contattare le municipalità di Lissone, Maddaloni e simili: allora non avrebbe mai potuto fare niente.
Errore mio che facevo dell'avvocato un plenipotenziario in stile J.M.Leblanc, ma allora si tratta semplicemente di traslare le accuse, non di cambiarle.
Vi giro dunque la frittata: che cosa hanno fatto Castellano e la rcs (doverosamente corresponsabile) per trarre fuori dalla palude post '99 il giro d'italia?
Hanno continuato a fare quello che facevano prima, ovvero in termini di reazione e innovazione: NIENTE.

Amici della redazione, badate bene che il pro-tour potrebbe portare al giro non gli squadroni ma gli "avanzi" degli squadroni.
I protagonisti di oggi si convincono esclusivamente a suon di dobloni d'oro.
Capite dove voglio arrivare? Il giro oggi è meno vendibile che in passato, siamo d'accordo no?
Dunque mi aspetto che l'avvento di Zomegnan sia un ravvedimento tardivo e non un semplice cambio della guardia per motivi di anzianità.

Attenzione: in questo discorso non ho imputato a nessuno fantomatiche complicità in ipotetici complotti, non ho tirato in ballo eventuali carenze sotto il profilo della competitività dei percorsi, non ho scritto che Castellano avrebbe dovuto contattare i servizi segreti per fermare le azioni dei nas.

Salutoni cordiali alla redazione, siete una combriccola formidabile.

 
Edit Post Reply With Quote

Professionista




Posts: 44
Registrato: Sep 2004

  postato il 27/11/2004 alle 07:49
vorrei ricordare che gimondi nel 76 ha vinto il giro d' italia , bugno è stato 2 volte campione del mondo ,mentre x il vostro idolo contate anche i piazzamenti a questo punto mettiamoci anche le macchine distrurre e i platani abbattuti cosi il palmares del pantani è davvero completo .è davvero una forza della natura!
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Tour




Posts: 257
Registrato: Nov 2004

  postato il 27/11/2004 alle 08:48
Gimondi vinse un Giro nel '76, contro un De Muynck che era stato abbandonato da tutta la squadra (De Vlaeminck e De Witte tre giorni prima della fine del Giro), nella cronometro finale per solo 19" e due anni dopo Gimondi lo prese con sè per sdebitarsi. Per quanto riguarda Pantani la sua carriera è stata costellata da grandi infortuni e soprattutto il Tour che avrebbe potuto vincere più volte presentava sempre oltre 150 km a cronometro dove il grande Indurain (ma perchè dopo che si era stabilito il limite di ematocrito a 50 si è subito ritirato dall'attività?)aveva buon gioco. Per quanto riguarda platani e roba varia, se vai a ben vedere, tutto ciò è successo dopo il 2000 e tutti sappiamo in che tunnel si era messo. Comunque Leoncino come si dice da noi " non so se lo sei o se lo fai"
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Moreno Argentin




Posts: 372
Registrato: Oct 2004

  postato il 27/11/2004 alle 10:53
Per favore non provocatemi!!
Indurain ritirato 'appena posto il limite del 50%'???
Indurain faceva due giri all'anno regolarmente ad altissimo livello -assieme al solo Pantani- (cosa che oggi non fa più ASSOLUTAMENTE nessuno) e questo è il sintomo principale d'una moderata assunzione di doping (altrimenti rischi e fuorigiri dell'organismo sono matematici)

Si ritirò quando si accorse che stranamante faticava a staccare Zabel nei tapponi pirenaici mentre uno come Riis (brocco pure nella Gewiss iperbombata dell'anno precedente) volava portandosi dietro un altro indemoniato di nome Ullrich...e tutto il resto della squadra.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 27/11/2004 alle 12:07
Alcune osservazioni

1) Per Leoncino: questo era un thread su Castellano, perchè non proponi un tuo rocchetto dove esprimerai tutte le tue perplessità sulla statura e sulla fama immeritata di Pantani?
Su Bugno: sono stato un suo tifoso e l'ho difeso anche quando gli sono state imputate le famose e indifendibili amnesie, ma che avesse una faccia da SEGA fù proprio una sua battuta, in qualità di testimonial della consolle per videogiochi sega-megadrive.
Su Gimondi: la scorsa settimana, in una patetica comparsata a bikeshow, disse di essersi pentito del comportamento che teneva in francia e in belgio, quando agli emigrati italiani che andavano a chiedere un autografo egli spesso rispondeva in malo modo oppure voltava ad essi le spalle per ignorarli: complimenti, più di trent'anni per capire di essere un po' XXXXXXX non sono poi così tanti.

2) Per Gibo, che stimo tantissimo: penso che le osservazioni di Lallo siano ineccepibili.
A differenza dell'innominabile direi che Indurain rientra assolutamente nella norma.
Nel suo quinquennio dorato si cimentò in tantissime competizioni, e per tre anni anche al giro d'italia: tanto di cappello.
Le sue vittorie, oltre che alla forza personale, furono dovute anche al solito servilismo del tour verso il cronometro (grazie al cronometro, che annulla l'intelligenza del corridore, e che a "parità di doping" avvantaggia i passisti, il tour risulta essere una corsa molto molto programmabile: tra le altre cose i cronokilometri nel 1996 furono circa 100, contro i 170-200 del quinquennio 91-95).
Chiaramente condivido al 100% le tue osservazioni sulle sfortune del Pirata.
Ciao

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Moreno Argentin




Posts: 372
Registrato: Oct 2004

  postato il 27/11/2004 alle 14:58
Comunque Indurain andava fortissimo (e sottolineo fortissimo) anche in salita ove solo Pantani (il più grande scalatore di tutti i tempi) riuscì a staccarlo (a parte gli indemoniati di Gewiss e TeleKom).
Rammento ancora il suo numero all'inseguimento del pirata sul Mortirolo nel 94!!

 
Edit Post Reply With Quote

Amministratore




Posts: 5978
Registrato: Aug 2002

  postato il 27/11/2004 alle 16:25
E infatti, Aranciata, non entravamo nel merito dell'operato di Castellano, se non in relazione al 5 giugno '99 e alle visite dei Nas. Su tutto il resto è anche normale discutere e avere le proprie idee; ma per quei casi non si capisce perché l'avvocato sia stato messo in croce.
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 27/11/2004 alle 16:26
...peccato che poi l'ha pagato con gli interessi sul santa cristina,oltre 3min. in 6-7km...

cmq anch'io considero indurain un grandissimo campione,assolutamente completo,un fuoriclasse nella testa ancor prima che nelle gambe,degnissimo plurivincitore di grandi giri,e soprattutto un grn signore...pero'e'altresi vero che nn sono in pochi a dire che nn gli e'dispiaciuto ritirarsi l'anno dell'introduzione del limite dell'ematocrito a 50...

 

____________________
Giuseppe Matranga

www.cicloweb.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 27/11/2004 alle 19:14
Ciao Admin, stando così le cose non c'è conflitto sulle nostre opinioni riguardanti l'avvocato.
Per una volta, e dicasi una, non sono troppo d'accordo con il mitico PirataXsempre, perchè se anche si potesse parlare di complotto (nè lo affermo nè lo escludo) non mi sembra proprio che ci siano i presupposti per accusare Castellano più di altre personalità.
Soprattutto, qualora avesse avuto il mezzo e l'opportunità per incastrare il Pirata, non riesco a scorgerne il movente.
Pantani avrebbe forse potuto infastidire Leblanc, avrebbe potuto infastidire qualche poltrona dell'UCI, avrebbe potuto infastidire la parte più invidiosa tra i suoi colleghi-avversari, ma Castellano proprio no, anche perchè dopo lo stesso Marco è stato proprio il giro d'italia la "persona" più danneggiata dalla vicenda, in termini d'immagine e quindi economici.



 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 28/11/2004 alle 17:45
allora forse nn mi son ben spiegato:io nn dico che castellano e'stato complice del complotto,ci mancherebbe,ma dico,forse perche'nn ne so abbastanza,che da fuori sembra nn aver voluto far nulla per evitare di annegare nel vortice doping ed evitare quello scandalo compiuto nei confronti di marco che come giustamente dite voi prima di tutto lo ha danneggiato in termini d'immagine e di conseguenza in termini economici,il che sarebbe un autentico att masochista nel quale nn credo,pero'mi spiego meglio:se come dice velo(o lombardi nn ricordo bene)che marco fosse trovato il positivo si sapeva gia'la sera prima questo vorrebbe dire che tutto cio'era gia'stato deciso,bene io che ho la fortuna di avere il piu'forte corridore al mondo,di mia nazionalita'e ad onorare ed avvalorare la mia corsa come pochi altri italiani hanno fatto nella storia del ciclismo nel momento in cui vedo certe"stranezze"intorno a lui(e nn credo nn gli saranno arrivate ben prima del controllo mattutino)faccio di tutto per proteggerlo e nn esporlo a subire questa gratuita umiliazione...vado nn so da squinzi,da ceruti,da chi credo possa entrarci qualcosa o cmq sappia della bomba che sta per esplodere..ora io nn so se questo castellano l'ha fatto so pero'che dai tracciati fatti dal 2000 in poi vi e'un abisso al confronto di quelli della seconda meta'degli anni novanta(penso al '94,'95,'97,'99)dove marco,infortuni e iatture varie,partiva sulla carta come protagonista,insomma abbinare all'eccessivo alleggerimento di questi tracciati un'implicito desiderio(magari imposto dalla gazzetta...)di scaricare marco puo'esser una chiave di lettura,nn credete?

 

____________________
Giuseppe Matranga

www.cicloweb.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 28/11/2004 alle 20:13
Ciao Pirata, effettivamente le tue ultime precisazioni fanno riflettere e mi sembra inevitabile che ciascuno, in cuor suo, debba schierarsi da una parte o dall'altra.
Ci devo pensare, mi hai messo nell'orecchio una pulce che sembra un ippopotamo.
Ma forse è meglio che non ne parliamo, potrebbero esserci bordate ben più pericolose di quelle sparate contro quel pupazzo dell'innominabile.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Tour




Posts: 257
Registrato: Nov 2004

  postato il 28/11/2004 alle 20:42
Non vi sembra le le disgrazie di Pantani con la "rosea" siano iniziate quando il Pirata ha citato per danni l'organizzazione, per l'incidente avvenuto alla Milano -Torino, per più di otto miliardi di vecchie lire?. Come hanno fatto uscire dall'ospedale delle Molinette le cartelle cliniche di Pantani dove si metteva in risalto il suo ematocrito oltre il 50%, dove la "rosea" ne faceva una colpa dell'incidente? Che la faccenda di Campiglio sia stata una ripicca nei suoi confronti per la richiesta di danni?. Da quel momento sono nate le inchieste contro Pantani dapprima da Guariniello e poi dal Pretore di Trento
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 28/11/2004 alle 22:26
I soldi fanno ballare l'orso, e se quello che scrivi corrispondesse a realtà, carissimo Gibo, si tratterebbe di un indizio pesantissimo.
Ne sapete di più? e sapete anche com'è andata a finire questa richiesta di risarcimento?

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Tour




Posts: 257
Registrato: Nov 2004

  postato il 28/11/2004 alle 22:39
Carissimo Aranciata per quanto riguarda la richiesta danni è tutto vero, per quanto riguarda la risoluzione è tutto in alto mare in quanto sai quelli che sono i tempi della giustizia italiana. Ma quello che è molto strano, e non sono chiacchere come anche tu avrai letto sui giornali, da chi sono state date alla stampa le cartelle cliniche su Pantani (legge sulla Privacy)e su queste chi ci ha speculato sopra?. Comunque spero che qualcuno confermi ciò ho detto riguardo la richiesta danni di Pantani
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 29/11/2004 alle 00:49
Senza rifiutarla ero comunque stato sempre un po' scettico sulla teoria del complotto.
Le indiscrezioni lette quà e là, Ceruti, Squinzi, io non rischio la salute etc etc, pur avendo un minimo di fondamento ipoteticamente credibile, mi sembravano deboli, troppo deboli.
La prospettiva che mi suggerisci è potente e capace di scardinare parecchi dubbi, potrebbe essere il movente che mi mancava, senza dimenticare che le ipotesi precedenti, considerate deboli, contribuirebbero a costruire un contesto favorevole ad una alleanza molto larga contro il nemico comune, nemico umiliato e distrutto.
Potrebbe essere la chiave di volta senza la quale crolla tutta l'impalcatura delle ipotesi.

 
Edit Post Reply With Quote

Amministratore




Posts: 5978
Registrato: Aug 2002

  postato il 29/11/2004 alle 08:07
Sì, la richiesta ci fu.

Quanto ai Giri diventati più facili (per es.: meno chilometri nei tapponi di montagna), ci fu una precisa scelta in questo senso per combattere il doping, per rendere meno necessario il ricorso a pratiche illecite allo scopo di recuperare da massacranti fatiche. Non è ravvisabile, in ciò, una volontà di mettere i bastoni fra le ruote a Pantani, anche perché, ricordiamolo, dal 2000 in poi il Giro non vide più il Pirata di prima, e quindi disegnare una corsa rosa più dura avrebbe semmai ostacolato Marco, e non aiutato.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Moreno Argentin




Posts: 372
Registrato: Oct 2004

  postato il 29/11/2004 alle 09:38
Un complotto della gazzetta contro Pantani?????????

Ma se vendevano il doppio delle copie col Pirata! Non scherziamo!!


 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 29/11/2004 alle 11:36
beh allora cambiano molte cose e sicuramente almeno da parte mia l'opinione sull'ex patron della corsa rosa,ma anche purtroppo il fatto che evidentemente il suo potere rispetto ad altri(la gazzetta..),era veramente piu'rappresentativo che effettivo!!!

sulle rivelazioni fatte da gibo,veramente nn ci avevo pensato per un semplice motivo:nn sapevo che la richiesta di danni per l'assurdo incidente alla milano-torino fosse stata fatta dopo quel famoso 5giugno'99!sapere oggi che e'stata fatta prima,ed abbinare l'accanimento della procura di torino e l'incredibile acquisizione di cartelle cliniche private a questi fatti e'a dir poco ragionevole...resto cmq dell'idea che sia stato piu'una concausa di situazioni che una singola,anche se sicuramente otto miliardi sono anche da soli un motivo piu'che valido..!

 

[Modificato il 29/11/2004 alle 11:47 by Pirata x sempre]

____________________
Giuseppe Matranga

www.cicloweb.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Sean Kelly




Posts: 601
Registrato: Oct 2004

  postato il 29/11/2004 alle 17:40
Per Gibo su Leoncino.... lo fa! lo fa!
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 30/11/2004 alle 12:02
ho appena letto una cosa a dir poco allucinante e significativa della pluasibilita'di cio'che gibo ci ha ricordato riguardo alla causa con il comune su un risarcimento danni per il gravissimo incidente subito alla milano-torino,ebbene il tribunale sapete quando ha sancito che si doveva pagare ben dieci milardi al pirata...il nove giugno del'99???
e di certo nn e'che una settimanella prima nn si potesse conoscere le indiscrezioni sulla sentenza...
e guardacaso pochi giorni dopo sono arrivate le cartelle cliniche del pirata nelle mani di guariniello...mah che strano!!!
tutte coincidenze eh...

pr nn parlare poi che una volta spostatosi a forli'il processo per richiesta della difesa ma soprattutto anche dell'accusa(pm.russo)in quanto il fatto,o meglio l'ipotesi tutta da verificare(e poi sconfessata dai risultati sul midollo spinale,troppo tardi pero'..)di assunzione di epo,nn costituiava reato per le leggi di allora,doveva considerarsi concluso ed invece addirittura il g.i.p.lo ha rinviato a giudizio con l'imputazione coatta,salvo poi incartarsi in quanto aveva usato una normativa appena scritta...

CHE TRISTEZZA!!!

 

____________________
Giuseppe Matranga

www.cicloweb.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Marco Pantani




Posts: 1409
Registrato: Nov 2004

  postato il 01/12/2004 alle 13:30
Originariamente inviato da Gibo

Gimondi vinse un Giro nel '76, contro un De Muynck che era stato abbandonato da tutta la squadra (De Vlaeminck e De Witte tre giorni prima della fine del Giro), nella cronometro finale per solo 19" e due anni dopo Gimondi lo prese con sè per sdebitarsi.


Posso sbagliarmi, ma fra i partecipanti al Giro '76 c'era anche un certo Eddy Merckx, il quale e' finito nella lista dei battuti. Il Giro '76 rappresenta quindi il giusto premio ad un campione (Gimondi appunto) che si e' battuto per anni con grandissimo coraggio e tanta tenacia contro un avversario dal valore immenso, provando a batterlo sempre e non riuscendoci (quasi) mai.

Direi che il Giro del '76 dovrebbe essere ricordato soprattutto per questo, indipendentemente dal distacco che ci puo' essere stato tra primo e secondo.

PS 1: si dira' che Merckx stava invecchiando e che non era piu' quello dei tempi belli. Ma Gimondi era piu' vecchio di Merckx, quindi...

PS 2: nel '76, Gimondi aveva 34 anni. A quell'epoca, i vari compioni, giunti a quell'eta', andavano, o erano sul punto di andare, in pensione. Quindi e' perfettamente normale che un quasi-pensionato avesse qualche difficolta' a tenere a bada gli astri nascenti del nuovo ciclismo. Il fatto che ai giorni nostri, certi campioni siano ben piu' forti a 34 anni che a 24, beh, questo fa parte delle "stranezze" del ciclismo odierno...

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 01/12/2004 alle 13:52
beh che merckz fosse gia'molto piu'logoro del grande felice e'sicuramente un fatto,certo pero'questo e'una nota di merito per un gimondi che addirittura si era presentato(alla grande)al ciclismo internazionale almeno un anno prima di eddy,con quell'indimenticabile tour del'65!!!

sul discorso dell'innalzamento dell'eta'media dei vincitori di giri-tour,grandi classiche etc,io credo ci siano un paio di ragioni:
la prima e'da identificare nella fin troppo eccessiva specializzazione e programmazione di sempre meno obiettvi in una stagione,basta ricordare che nel primo dopoguerra,con molte meno corse del ciclismo degli anni settanta ed ottanta i campioni di allora erano addirittura piu'longevi di quelli di oggi!
beh il secondo lo comprendiamo tutti,purtroppo...

 

____________________
Giuseppe Matranga

www.cicloweb.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage
Nuovo Thread  Nuova risposta   Nuovo sondaggio
 
Powered by Lux sulla base di XMB
Lux Forum vers. 1.6
2.2258301