Board logo

Il Forum di Cicloweb

Non hai fatto il login | Login Pagina principale > Dite la vostra sul ciclismo! > Ciclisti che cadono
Nuovo Thread  Nuova risposta  Nuovo sondaggio
< Ultimo thread   Prossimo thread >  |  Versione stampabile
Autore: Oggetto: Ciclisti che cadono

Livello Fausto Coppi




Posts: 2863
Registrato: Oct 2005

  postato il 11/03/2006 alle 18:26
Ciao a tutti.

La caduta di Bettini mi fa tornare in mente una vecchia questione: secondo voi, ci sono corridori che tendono a cadere più spesso di altri?
E chi sono quelli che cadono? E quelli che non cadono?

Si cade per varie ragioni: perchè si sta male in bici, perchè si è nel posto sbagliato del gruppo, per sfortuna, scarsa lucidità, etc. etc. etc.

Eppure ho l'impressione che alcuni corridori cadano più spesso di altri, indipendentemente sia dalla bravura in assoluto sia (almeno in parte) dalla loro tecnica ciclistica.

Bettini, ad esempio, mi sembra un po' troppo spesso cadere o avere incidenti vari. Argentin, mi pare di ricordare, era un po' così. Indurain non cadeva mai (come diceva Cassani, "aveva le antenne"). Fra i velocisti, Cipollini (anche al netto delle sceneggiate di quando doveva ritirarsi dal Tour) cadeva più di Petacchi o Zabel. Sono mie impressioni o c'è un fondo di verità in questa ipotesi?

 

[Modificato il 11/03/2006 alle 18:44 by ProfRoubaix]


 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Gastone Nencini




Posts: 492
Registrato: Feb 2003

  postato il 11/03/2006 alle 18:56
sono daccordo sul fatto che alcuni ciclisti cadono più frequentemente e quindi non è tutto frutto di casualità ... e poi c'è il caso dei fortissimi discesisti. Due nomi su tutti, Savoldelli e Celestino. Indubbiamente sono tra i migliori al mondo per tecnica e coraggio ma il loro numero di cadute mi sembra superiore alla media. E' evidente che l'abilità non basta ... non si sfugge alla legge che dice che chi rischia di più ... cade di più ...CIAO

 

____________________
PALMARES:
http://www.cycle-racing.com/winners/Rebellin.htm
http://it.wikipedia.org/wiki/Davide_Rebellin

email (scritta tutta al contrario) ti.orebil@zp.suicul

ti avverto! ... ti aspetterò solo per altri 111 anni ... poi me ne vado

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 2490
Registrato: Dec 2004

  postato il 11/03/2006 alle 19:24
qualche anno fa si faceva un gran dire di Verbrugghe che praticamente era distratto all ennesima potenza ed era quasi sempre per terra, cadde anche al Giro 2000 se non sbaglio, mentre vestiva la maglia rosa....comunque presumo che la maggior parte delle cadute siano date dalla stanchezza, da sviste, e da tutti quei fattori che possono scaturire dal nervosismo della corsa......In più le condizioni della strada aggiungono pericoli ai pericoli...

 

____________________
http://ilmiociclismo.blog.excite.it

"La vita e la morte.La pace e la guerra.La repubblica e la monarchia.Infine Bartali e Coppi e la progressiva identificazione di un popolo, che ripartiva da zero, in una coppia di campioni."Leo Turrini

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Gastone Nencini




Posts: 497
Registrato: Aug 2005

  postato il 11/03/2006 alle 19:31
secondo me esistono corridori che magari tentano di fare un movimento da veri equilibristi e non ci riescono, poi anche quelli che non riescono a stare vicini ad altri corridori!!!

 

____________________
Demetrio Vilardi

sta firma la devo cambiare

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Gino Bartali




Posts: 1332
Registrato: Mar 2005

  postato il 11/03/2006 alle 19:34
Vi ricordate quante cadute hanno fatto Zulle o il venezuelano Sierra?

 

____________________
http://www.stefanobertolotti.com

Il tempo del commentatore onniscente è finito. C'è sempre un lettore - spesso, un migliaio di lettori - che su un dato argomento ne sa più di noi. Dargli spazio e ascoltarlo non è demagogia, nè sfruttamento. E' buon senso. (Beppe Severgnini)

Sono come un ginecologo: lavoro dove gli altri si divertono

Non è importante quello che si scrive ma quello che leggono gli altri

Ci sono tre tipi di giornalisti: quelli che si sorprendono delle cose che succedono, quelli che aspettano che le cose succedano e quelli che fanno succedere le cose

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Tour




Posts: 150
Registrato: Jul 2005

  postato il 11/03/2006 alle 19:48
certamente c' è chi cade più spesso e ki meno ma una cosa è certa, non esiste ciclista che non sia mai finito a terra. se anke uno fosse un fenomeno se ti cade uno davanti (vedi Bettini ieri) non ci puoi fare nulla..fa parte del gioco, purtroppo
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 1502
Registrato: May 2004

  postato il 12/03/2006 alle 02:13
Originariamente inviato da Drein

certamente c' è chi cade più spesso e ki meno ma una cosa è certa, non esiste ciclista che non sia mai finito a terra. se anke uno fosse un fenomeno se ti cade uno davanti (vedi Bettini ieri) non ci puoi fare nulla..fa parte del gioco, purtroppo


Mi hanno sempre detto: "finchè non cadi non sarai mai un vero ciclista!" Probabilmente non sono un vero ciclista... e probabilmente non lo sarò mai, visto che in discesa vado più piano che in salita per la fifa di cadere... cmq sia finora non sono mai caduto... e ora mi metto subito una manina lì sulle balle!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 5156
Registrato: Apr 2005

  postato il 12/03/2006 alle 09:58
Poi ci sono quelli che cadono in salita nell'ultima tappa di montagna del Tour e trovano gli sceriffi ( campioni olimpici a cronometro e sappiamo come )che fermano gli altri.
Si fermò qualcuno quando ad Oropa saltò la catena ?

 

____________________
nino58

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani




Posts: 1449
Registrato: Jan 2005

  postato il 12/03/2006 alle 11:07
Originariamente inviato da Zillo

Originariamente inviato da Drein

certamente c' è chi cade più spesso e ki meno ma una cosa è certa, non esiste ciclista che non sia mai finito a terra. se anke uno fosse un fenomeno se ti cade uno davanti (vedi Bettini ieri) non ci puoi fare nulla..fa parte del gioco, purtroppo


Mi hanno sempre detto: "finchè non cadi non sarai mai un vero ciclista!" Probabilmente non sono un vero ciclista... e probabilmente non lo sarò mai, visto che in discesa vado più piano che in salita per la fifa di cadere... cmq sia finora non sono mai caduto... e ora mi metto subito una manina lì sulle balle!


Mio marito, un ds, dice la stessa cosa, ma ora che ha deciso nostra figlia di correre sembra che ha cambiato idea!!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Moderatore




Posts: 21608
Registrato: Oct 2004

  postato il 12/03/2006 alle 11:33
Originariamente inviato da nino58

Poi ci sono quelli che cadono in salita nell'ultima tappa di montagna del Tour e trovano gli sceriffi ( campioni olimpici a cronometro e sappiamo come )che fermano gli altri.
Si fermò qualcuno quando ad Oropa saltò la catena ?


Ad onor del vero, lì quel qualcuno fu fatto cadere (involontariamente, da un appassionato a bordo strada, ma andò così).

Comunque ricordo Ruslan Ivanov, mi pare, che nella tappa con arrivo a Paglieta nella Tirreno 2003 (vinse Bettini su Astarloa) cadde proprio in salita; e se non sbaglio, Sella nello scorso Giro (o era il 2004?) ci andò vicino.

 

____________________
Mario Casaldi - Cicloweb.it

CICLISTI
Si sta come
d'autunno
sugli alberi
le foglie

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 5156
Registrato: Apr 2005

  postato il 12/03/2006 alle 11:37
Anche Piepoli al Giro ( sulla Rosina, mi pare ).

 

____________________
nino58

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Moderatore
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 6025
Registrato: Oct 2005

  postato il 12/03/2006 alle 12:31
Secondo me alcuni corridori sono più propensi alle cadute anche perchè forse non sono messi bene in bici ed hanno una posizione squilibrata.
altri invece cadono per semplice distrazione o semplicemente perchè in discesa non hanno il "pelo"

 

____________________
Vorrei morire in bici, in un giorno di sole, dopo aver scalato una di quelle montagne che sembrano protendersi verso il cielo, mi adagerei sull'erba fresca senza rimpianti, attendendo con serenità il compiersi del mio tempo. Non importa se sarà ...oggi o tra cent'anni, avrò in ogni caso trovato il mio giorno perfetto.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 2258
Registrato: Feb 2005

  postato il 12/03/2006 alle 12:52
Originariamente inviato da W00DST0CK76
altri invece cadono per semplice distrazione o semplicemente perchè in discesa non hanno il "pelo"

E basta con sto pelo, mica vi favorisce in discesa!

Cmq io ricordo a un Giro d'Italia di qualche anno fa un Kelme che cadde in un tornante in salita...mi fece impressione perchè per cadere in salita doveva filare bello forte...in ogni caso non si fece nulla e ripartì subito. Era una delle prime tappe, ma purtroppo non ricordo di più...

 

____________________
"Se hai la fortuna clamorosa di diventare un cronista di ciclismo, non puoi fare a meno di essere coinvolto, trascinato in una passione infinita, irrinunciabile, che ti segna per sempre" - Pietro Cabras

"C'è una salita? Vai su, arriva in cima, e vedrai che sarai sempre vincitore" - Giordano Cottur

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Moderatore
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 6025
Registrato: Oct 2005

  postato il 12/03/2006 alle 12:56
Non parlavo di pelo sulle gambe, ma "pelo sullo stomaco" quello si che serve in discesa

Ricordo che Zuelle era particolarmente soggetto alle cadute in discesa, soprattutto quando pioveva e gli si appannavano gli occhiali. In una tappa al giro del 1998 c'erano in fuga lui, Tonkov e Pantani e nella discesa bagnata caddero sia lo svizzero che il Pirata.

 

____________________
Vorrei morire in bici, in un giorno di sole, dopo aver scalato una di quelle montagne che sembrano protendersi verso il cielo, mi adagerei sull'erba fresca senza rimpianti, attendendo con serenità il compiersi del mio tempo. Non importa se sarà ...oggi o tra cent'anni, avrò in ogni caso trovato il mio giorno perfetto.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Luglio 2009




Posts: 4217
Registrato: Oct 2003

  postato il 12/03/2006 alle 13:31
Le cadute fanno parte del mestiere e talune sono inevitabili, per congiunzione di circostanze. E’ vero comunque che ci sono corridori più facili all’errore che crea il presupposto per finire a terra. Spesso è dovuto a difetti della vista, non necessariamente miopia, oppure a problemi di coordinazione non corretti in gioventù, attraverso una maggiore frequentazione di esercizi e/o pratica di altre discipline e/o poca disponibilità verso l’intero arco delle variabili del ciclismo, in primis la pista.
Ricordo un ciclista del medesimo paese di Marco, buon allievo e buon juniores, ma con un modo di stare in bicicletta considerato come una bellissima ricerca di posizione aerodinamica, quando, in realtà, nascondeva ben altro. Sembrava “collo lungo” Wilmo Francioni, per come si stendeva sul cannone e allungava il collo ben oltre il segmento perpendicolare del manubrio. Non ero dunque fra quelli che lo consideravano “bello da vedere”. Le sue frequenti cadute, mi fecero capire che non avevo preso un granchio. Una sera, nella palestra di un mio amico allenatore, lo vidi e l’avvicinai. “Sei mai andato dall’oculista? – gli dissi con irriverente decisione. Lui divenne rosso come un peperone e mi rispose che sapeva di essere leggermente miope, ma che non lo considerava un disturbo tale da obbligarlo alle lenti. A quel punto, gli chiesi se mi seguiva nell’ambulatorio medico dell’impianto che fungeva da ufficio del mio amico, al quale avevo in precedenza preannunciato quella visita di verifica. Sottoponemmo così il giovane corridore ad un’improvvisata prova della vista e non ci fu difficile capire, pur non essendo entrambi dei medici oculisti, che al ragazzo mancavano non meno di tre gradi per occhio. Successivamente, il giovane fu visitato da un professionista vero, che gli sanzionò….l’evidenza: 3,50 gradi in meno all’occhio destro e 4 a quello sinistro. Il corridore passò alle lenti a contatto e non cadde più, ma una discopatia (forse dovuta anche a quella che era stata per anni la sua posizione in bicicletta), lo spinse ad abbandonare anzitempo l’agonismo.

 

____________________
"Non discutere con gli stupidi, perchè scenderesti al loro livello e ti batterebbero per la loro esperienza".

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 1635
Registrato: Apr 2005

  postato il 12/03/2006 alle 13:47
Deficit visivi, deficit vestibolari, capacità di concentrazione, lentezza di riflessi, sfortuna.... non mi viene in mente altro....
Ah, strade dissestate o sdrucciolevoli.
cadere fa parte del mestiere. E farsi male è nel range della fortuna.
Negli spèirnt, anche la correttezza degli avversari. Stare in piedi in una volata vicino ad Abdujaparov non era semplice....
Ciao.

 

____________________
pedala che fa bene.....

 
Edit Post Reply With Quote

Moderatore
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 6025
Registrato: Oct 2005

  postato il 12/03/2006 alle 21:33
A me è capitato qualche anno fa di avere dei problemi alla schiena causati da un incidente stradale, in quel periodo avevo molte difficoltà in discesa quando dovevo curvare, il mio equilibrio non era perfetto e così facevo le curve "quadrate" rischiando spesso di cadere, ora ho risolto questo problema anche se la discesa rimane il mio tallone d'achille!

 

____________________
Vorrei morire in bici, in un giorno di sole, dopo aver scalato una di quelle montagne che sembrano protendersi verso il cielo, mi adagerei sull'erba fresca senza rimpianti, attendendo con serenità il compiersi del mio tempo. Non importa se sarà ...oggi o tra cent'anni, avrò in ogni caso trovato il mio giorno perfetto.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 2797
Registrato: Apr 2005

  postato il 12/03/2006 alle 22:36
Una delle spiegazioni della maggiore tendenza a cadere è secondo me l'età in cui si è iniziato a correre in bici.
I corridori che hanno iniziato ad andare in bici tardi normalmente sono molto scarsi quanto a capacità di guida e hanno difficoltà a stare in gruppo, nelle volate ed in discesa.
Penso ai due svizzeri Zulle e Rominger che hanno iniziato tardi e in discesa erano pessimi (per Zulle c'era anche la questione della miopia, o meglio della sia difficoltà a portare le lenti a contatto che lo obbligava a portare gli occhiali).
I corridori che hanno iniziato fin da bambini si trovano molto più a loro agio in bici.

Non mi ricordo di aver mai visto Indurain per terra.
Mi ricordo semmai due episodi riguardanti il navarro: uno quando perse un pedale in una curva della discesa del Ventoux e si riprese subito e un'altro in una Liegi-Bastogne-Liegi quando il ciclista che lo precedeva gli cadde davanti dopo una curva (pioveva), e Miguelon non mise neanche il piede a terra e proseguì come se niente fosse.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2258
Registrato: Feb 2005

  postato il 12/03/2006 alle 23:20
Non oso di certo assurgermi a esperta della materia, ma mi trovo d'accordo con Ottavio quando dice che l'età in cui si è iniziato ad andare in bici è molto importante. Come tutte le cose che si imparano da piccoli, vengono interiorizzate tanto meglio quanto prima vengono apprese. Per fare un esempio personale, ho iniziato ad andare in bici a 21 anni, e infatti sono molto timorosa quando pedalo vicino ad altre persone, quando devo fare rifilini alle macchine, o quando vado in discesa. Posso vedere lo stesso con la gente che impara a sciare da grande: non avrà mai lo stesso pizzico di "spericolatezza" che hanno quelli che sono stati messi sugli sci da piccoli.

 

____________________
"Se hai la fortuna clamorosa di diventare un cronista di ciclismo, non puoi fare a meno di essere coinvolto, trascinato in una passione infinita, irrinunciabile, che ti segna per sempre" - Pietro Cabras

"C'è una salita? Vai su, arriva in cima, e vedrai che sarai sempre vincitore" - Giordano Cottur

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 9090
Registrato: Nov 2005

  postato il 13/03/2006 alle 09:39
Può dipendere da tantissime cose......
età in cui si è iniziato ad andare in bici
spericolatezza personale
problemi di vista
saper stare o no in gruppo

cmq credo anche io che sia una relazione diretta tra chi cade di+ o di meno

Porca miseria...è proprio vero, Indurain aveva le antenne!!!!!!!!

 

____________________
EROE DEL GAVIA

A 2 Km dalla vetta mi sono detto "Vai Marco o salti tu o salta lui...E' saltato lui.
Marco Pantani.Montecampione 1998

27/28/29 giugno 2008...son stato pure randonneur

!platonicamente innamorato di admin!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Moderatore




Posts: 2848
Registrato: Nov 2004

  postato il 13/03/2006 alle 12:06
Di record di cadute in una tappa singola, oltre a Rasmussen al Tour, mi ricordo Blanco in una tappa in linea alla Vuelta che cadde 3 volte nel giro di pochi km...
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Elite




Posts: 22
Registrato: Mar 2006

  postato il 14/03/2006 alle 11:27
Una buona palestra x evitare cadute sarebbe avvicinarsi già dalle categorie giovananili alla pratica della pista....e la mia piccola/grande squadra...ne ha tratto già molto "mestiere".
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote
Nuovo Thread  Nuova risposta   Nuovo sondaggio
 
Powered by Lux sulla base di XMB
Lux Forum vers. 1.6
1.6488490