Board logo

Il Forum di Cicloweb

Non hai fatto il login | Login Pagina principale > Dite la vostra sul ciclismo! > Josè Rujano
Nuovo Thread  Nuova risposta  Nuovo sondaggio
< Ultimo thread   Prossimo thread >  |  Versione stampabile
<<  1    2    3    4  >>
Autore: Oggetto: Josè Rujano

Amministratore




Posts: 5978
Registrato: Aug 2002

  postato il 07/02/2006 alle 02:53
Grande esclusiva di Cicloweb.it!

http://www.cicloweb.it/art493.html


Mario Casaldi ci confeziona questo scoop, nell'ambito di una vicenda che ha ancora molti capitoli davanti a sé. Restate in ascolto!!!

 

[Modificato il 12/09/2006 alle 16:07 by Andrea_Web]


 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6314
Registrato: Jun 2005

  postato il 07/02/2006 alle 07:57
Ma guarda se uno deve mettere uno scoop così alle 2 e passa di notte.
Intervista come al solito ottima, mentre, la questione Rujano è bella incasinata.
Queste situazioni non sono tanto simpatiche.
Una parte da la colpa all'altra, ma, a me sembra che in questo caso la colpa è collettiva e non di un singolo attore.
Vediamo come va a finire.

 

____________________
"MEGLIO NON ESSERE RICONOSCIUTO PER STRADA CHE ESSERLO ALL'OBITORIO.
IL CASCO SALVA LA VITA, LA CHIOMA VA BENE PER LA FOTO SULLA TOMBA"!!!


Articolo 27 della costituzione Italiana

La responsabilità penale è personale.
L'IMPUTATO NON E' CONSIDERATO COLPEVOLE SINO ALLA CONDANNA DEFINITIVA.
Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato.
Non è ammessa la pena di morte.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Giuseppe Saronni




Posts: 685
Registrato: Sep 2005

  postato il 07/02/2006 alle 08:16
Mi chiedo perchè Rujano abbia allora firmato un contratto di 5 mesi con Savio.
Il vecchio contratto era scaduto, Rujano aveva dato lustro al suo team arrivando sul podio del Giro d'Italia, primo sudamericano a riuscire nell'impresa.
Poteva a quel punto firmare subito per la Quickstep, non penso che il team belga avrebbe avuto problemi a prenderlo subito in squadra (e forse neanche Bramati a fargli posto e a mettersi da gennaio a fare il DS).
I belgi avrebbero avuto un corridore favorito in un Giro da scalatori come mai si era visto.

Cosa pensava di ottenere Savio?
Se un corridore sa che in un anno prenderà 15000 € per il Giro da un team, e magari 150000 € per fare il Tour e la seconda metà di stagione, qualcuno mi spiega con chi si impegnerà di più?
Magari al Tour sarà totalmente sfavorito, ma almeno lotterà nelle tappe di montagna. Al Giro ci andrà per preparare il Tour? Bene, allora la Gazzetta ci penserà due volte prima di invitarlo.

In sostanza: se la situazione è come si deduce dalle interviste, la colpa è di entrambi e per stessa ammissione dei protagonisti.
Savio ha voluto fare un "papocchio", dal quale dubito che guadagnerà quello che sperava: avrà, se lo avrà, un corridore a mezzo servizio al Giro, attorno al quale aveva creato una buona squadra.
Se non lo avrà, forse la Gazzetta non inviterà neanche la sua squadra e per lui questo potrebbe anche significare la fine di una sponsorizzazione che dura da più di 10 anni.
Rujano è stato ingenuo: perchè prolungare il contratto con un DS con cui hai avuto problemi, quando sei ricercatissimo?
Il suo procuratore ancora di più, con l'aggravante di essere più vecchio e navigato del suo assistito.

Speriamo in bene, soprattutto per il ragazzo che non merita di sprecare una stagione come un Cassano qualsiasi.
Faccia pace con Savio, onori il Giro, e poi... nemici come prima e ognuno a casa sua!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 9090
Registrato: Nov 2005

  postato il 07/02/2006 alle 08:25
E' un vero peccato soprattutto per il ragazzo, non merita di perdere una stagione così!!!!!!

 

____________________
EROE DEL GAVIA

A 2 Km dalla vetta mi sono detto "Vai Marco o salti tu o salta lui...E' saltato lui.
Marco Pantani.Montecampione 1998

27/28/29 giugno 2008...son stato pure randonneur

!platonicamente innamorato di admin!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Gastone Nencini




Posts: 492
Registrato: Feb 2003

  postato il 07/02/2006 alle 09:05
a me sono piaciute sopratutto le domande incalzanti che mettevano in luce con quanta facilità è attualmente possibile diventare un procuratore nel ciclismo. Visto che sono nel mondo del fantaciclismo da una vita ... domani mi faccio la partita iva e mi si aprirà davanti una grande carriera! ... bello scoop BRAVO MARIO

 

____________________
PALMARES:
http://www.cycle-racing.com/winners/Rebellin.htm
http://it.wikipedia.org/wiki/Davide_Rebellin

email (scritta tutta al contrario) ti.orebil@zp.suicul

ti avverto! ... ti aspetterò solo per altri 111 anni ... poi me ne vado

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 3150
Registrato: Jun 2005

  postato il 07/02/2006 alle 09:11
Ottimo servizio, certo che l'assenza di rujano è un vero peccato...
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2863
Registrato: Oct 2005

  postato il 07/02/2006 alle 09:12
Molto interessante.

Una vicenda che, va detto, segna un punto a favore delle rigidità (ma anche garanzie) della logica Pro Tour.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Tour




Posts: 204
Registrato: Apr 2005

  postato il 07/02/2006 alle 09:35
Savio penso che dal punto di vista giuridico non ha fatto passi falsi. Certo in alcuni casi non è stato molto leale, ma dal punto di vista legale non può essere accusato sotto nessun caso.

Rujano invece si. Ha un contratto di ancora 5 mesi e si rifiuta di adempiere agli obblighi che esso stabilisce nei confronti della colombia selle italia.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Moreno Argentin




Posts: 372
Registrato: Oct 2004

  postato il 07/02/2006 alle 09:38
Ho letto l'intervista. Non poteva essere più chiara. Il solito imbecille che rovina un campione! I procuratori sono devastanti sopratutto quando rappresentano atleti poveri. I soldi in più che guadagnerà quest'anno Rujano li perderà con gli interessi nei prossimi. Questo giro era fatto per Rujano, per esaltare le sue caratteritiche, per stimolarlo a sfide ancora maggiori nei prossimi anni una volta raggiunta la sufficente maturità tecnico-tattica. E invece andrà al tour dove non ci sono salite dure, dove non sopravviverà ai 50 all'ora dei primi dieci giorni e finirà nel dimenticatoio QuickStep a favore del passista belga di turno per poi finire a correre le corsette di contorno tipo vuelta algarve e\o giro del Portogallo (con finale scontato di rapida demoralizzazione e sparizione dal giro professionistico).
Complimenti al procuratore del quale apprezzo la profonda preparazione e il campo assistiti (o sarebbe meglio dire campo.. bolliti). Un talento perduto nemmeno per colpa esclusivamente sua. Che disgusto!!!

 
Edit Post Reply With Quote

Moderatore




Posts: 21608
Registrato: Oct 2004

  postato il 07/02/2006 alle 09:58
Originariamente inviato da cassius

Mi chiedo perchè Rujano abbia allora firmato un contratto di 5 mesi con Savio.
Il vecchio contratto era scaduto, Rujano aveva dato lustro al suo team arrivando sul podio del Giro d'Italia, primo sudamericano a riuscire nell'impresa.
Poteva a quel punto firmare subito per la Quickstep, non penso che il team belga avrebbe avuto problemi a prenderlo subito in squadra (e forse neanche Bramati a fargli posto e a mettersi da gennaio a fare il DS).
I belgi avrebbero avuto un corridore favorito in un Giro da scalatori come mai si era visto.


Cassius, da ciò che ho capito e che si capisce Rujano firmò nel 2004 un contratto al minimo sindacale fino al 2007.
A fine Giro, invece di dargli la liberatoria, Savio accettò un adeguamento del contratto e un nuovo termine di scadenza accordato a maggio 2006.

Credo che Rujano abbia firmato il nuovo contratto per liberarsi non nel 2007 ma a giugno 2006, come accadrà.

Speriamo in bene, soprattutto per il ragazzo che non merita di sprecare una stagione come un Cassano qualsiasi.
Faccia pace con Savio, onori il Giro, e poi... nemici come prima e ognuno a casa sua!


Questo è quello che ci auguriamo tutti, credo.

Originariamente inviato da lallo

Complimenti al procuratore del quale apprezzo la profonda preparazione e il campo assistiti (o sarebbe meglio dire campo.. bolliti).


lallo, io starei attento ad usare certi epiteti (anche verso il procuratore), perché se dai del "bollito" a corridori come Carrara e Szczawinski, nonché giovani di belle speranze come Bailetti, Bertuola, Uran, Ochoa, Marzoli S., Marzano e Di Nucci, sei tu a non farci bella figura...

 

[Modificato il 07/02/2006 alle 16:12 by Monsieur 40%]

____________________
Mario Casaldi - Cicloweb.it

CICLISTI
Si sta come
d'autunno
sugli alberi
le foglie

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 1502
Registrato: May 2004

  postato il 07/02/2006 alle 10:07
Bah! Savio aveva fatto firmare il contratto fino al maggio 2006 a Rujano giusto per farsi invitare al Giro e magari provare anche a vincerlo.. credo che se Rujano non lo correrà la squadra di Savio non verrà invitata e non avrebbe senso a questo punto tenerlo.. Se la rottura è così evidente credo che sarebbe giusto cercare una soluzione alternativa, come farlo passare subito alla Quick Step per permettergli di programmare la stagione nel modo più opportuno...

Cmq complimenti a Mario: ecco cosa dovevi fare ieri che non avevi tempo per fcm!! Bravo bravo...

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Tour




Posts: 204
Registrato: Apr 2005

  postato il 07/02/2006 alle 10:15
per me la colombia verrà invitata lo stesso. ha un ottima rosa quest'anno, rispetto all'anno scorso quando nessuno si sarebbe immaginato le magie di Parra e Rujano. Fù preferita infatti a squadre, secondo me, più forti come Naturino e Acqua e Sapone.
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 5156
Registrato: Apr 2005

  postato il 07/02/2006 alle 10:29
E così al Giro, dopo Heras, non ci sarà nemmeno Rujano.
Quindi Ullrich deve intensificare la preparazione, altrimenti siamo alle solite.

 

____________________
nino58

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Jaques Anquetil




Posts: 991
Registrato: Jan 2005

  postato il 07/02/2006 alle 10:45
E' un peccato non vedere Rujano al Giro con questo percorso.
Non credo che la Colombia venga invitata senza Rujano alla partenza.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3579
Registrato: May 2005

  postato il 07/02/2006 alle 10:53
Ottima intervista... complimenti a Marione per lo sgubb !

In quanto a Rujano, dall'intervista mi sorgono alcune osservazioni:

1)il suo terzo posto al Giro lo scorso anno va forse ancora di più evidenziato, dal momento che non è facile per nessuno gareggiare in condizioni di "guerra totale": correre in un ambiente così teso sarà stato sicuramente uno svantaggio per il venezuelano.

2)indipendentemente dall'esito della vicenda, lo stesso Rujano dichiara di partecipare al Giro 2006 come preparazione al successivo Tour: mi domando cosa vada a fare al Tour dal momento che, tra un tracciato abbastanza piatto e medie elevatissime, avrà più di una difficoltà. Tanto più che è alla prima esperienza alla Boucle... lo capirei solo se dietro questa scelta ci fossero interessi di sponsor che privilegino il Tour piuttosto che il Giro.
3)naturalmente bisognerebbe sentire anche la campana di Savio (vai Mario, è tutto tuo! ), certo è che dal quadro che ne fa Acquadro (scusate il giokino di parole ) il DS della Selle-Italia non n e esce affatto bene: e sì che era considerato uno dei migliori mecenati dell'attuale mondo del ciclismo!

4)a sto punto la corsa rosa perde un possibile protagonista ( e probabilmente la Selle-Italia non verrà invitata), e da appassionato di ciclismo ciò non può che dispiacermi.

 

____________________
Lo stupido sa molto, l'intelligente sa poco, il saggio non sa nulla... MA EL MONA EL SA TUTO!!! (copyright sconosciuto)

ADOTTA ANCHE TU UNA AMY WINEHOUSE!!! Mangia poco, non sporca... e aspira tutta la polvere che hai in casa!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Tour




Posts: 292
Registrato: Jul 2005

  postato il 07/02/2006 alle 10:53
Ribadisco quanto detto in altro thread ("protagonisti al Giro"):
per Rujano non venire al Giro e' la scelta piu' sbagliata che possa fare.
Quest'anno non c'e' altra gara che gli si addica tanto, e come hanno
detto molti, al Tour con ogni probabilita' sara' solo una comparsa anonima.

In quanto sta accadendo, la sinergia di forze negative: un giovane
inebriato dalla improvvisa popolarita', un procuratore che gioca al rialzo
senza preoccuparsi di guardare oltre l'immediato, un team manager che
gioca al ribasso fidando sulla poca esperienza altrui.

Purtroppo, non mi stupisco della scarsa lungimiranza degli uni e degli
altri. Mi stupisce di piu' - e comunque solo in parte - Rujano:
se fossi in lui, non avrei dubbio su quale e' il mio
terreno di battaglia, ed al Giro ci andrei assolutamente e comunque - altro che
il Tour. Possibile che la passione e la voglia di vincere vengano
travalicate, in un corridore di 23 anni, da soldi e voglie di ripicche?
(Risposta: si' ).

Ognuno dei tre attori in gioco ha ancora la possibilita' di fare il "beau geste", per il bene di Rujano - e anche per il movimento ciclistico e per il Giro.
Ma in questioni di divorzio, purtroppo, il fair play e la ragionevolezza
vanno spesso a farsi benedire. Che sia da sperare in un intervento di
Zomegnan (che qualche leva la avrebbe)?



 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Freddy Maertens




Posts: 873
Registrato: Jan 2006

  postato il 07/02/2006 alle 11:07
Un corridore che rischia di bruciarsi ed un Team che rischia di perdere la manifestazione piu importante del suo calendario.
Per non cedere di un millimetro da entrambe le parti, direi che è un buon risultato.

La colpa qui non è "di uno" o "dell'altro", ma palesemente di entrambi.

Se si fosse arrivati ad un compromesso, Rujano avrebbe corso il Giro 2006 con ambizioni di classifica e magari ottenendo qualche risultato (onestamente, l'anno scorso è stato lasciato libero di fare la lepre... lo diceva qualche tempo fa anche Simoni... quest'anno sarebbe stato diverso...), per poi passare in QuickStep con la benedizione di Savio, la cui squadra avrebbe sfruttato l'immagine e la fama di un corridore che ha lanciato, e Rujano avrebbe potuto correre la Vuelta (perchè al Tour è inutile che ci vada) mirando a fare bene.

Non c'è stato l'accordo, ne lo si è realmente cercato da ambo le parti, ed il risultato è che Savio non verrà probabilmente invitato al Giro (Con la Ceramiche Panaria in forma come sembra, l'unica speranza di Savio potrebbe essere questo José Serpa...), e Rujano che non correrà metà stagione, con tutto quello che segue in fatto di preparazione. Una stagione praticamente bruciata, perchè il Tour non lo può vedere protagonista se non in qualche tappa (dai... siamo seri...) e arriverà alla Vuelta con pochi chilometri "in gruppo" nelle gambe.

Sono perplesso...

 

____________________
Web: http://www.free-os.it/blog/ Status:

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Moderatore




Posts: 21608
Registrato: Oct 2004

  postato il 07/02/2006 alle 11:09
Allora, per completezza d'informazione.

Le parole "precedenti" di Savio, da cui è scaturita la risposta di Acquadro, sono virgolettate prima della risposta dello stesso team-manager e sono state prese da Cyclingnews.com.

Rujano e il Giro 2006?
Questo è ciò che dice Acquadro: «...Proprio José, poi, al ritorno da questo incontro mi chiamò e mi chiese di mettermi in contatto con il suo team manager per dirgli che non avrebbe mai corso il Giro d'Italia, e non che avrebbe preparato il Tour de France con la corsa rosa. José non ha mai chiesto a Savio una cosa simile, e se Rujano avesse preso il via al Giro l'avrebbe corso per vincerlo, non per preparare un'altra corsa...»
http://www.cicloweb.it/art493.html

Rujano e il Tour?
Questo è quanto diceva Rujano, intervistato durante il Giro d'Italia 2005 (era il secondo giorno di riposo): «...Tra un paio d'anni vorrei essere pronto per andare al Tour de France da protagonista. Io mi alleno in Venezuela al mio paese, dove ci sono salite anche lunghissime che da 600 metri di altitudine ti portano a 4000 metri. E poi c'è il caldo, come a luglio in Francia, mentre magari in Italia da qualche parte si trova ancora la neve, che io un po' soffro. Ma proverò ad andare al Tour dopo aver vinto il Giro d'Italia, e chissà che io non ci riesca quest'anno».
http://www.cicloweb.it/art344.html

 

____________________
Mario Casaldi - Cicloweb.it

CICLISTI
Si sta come
d'autunno
sugli alberi
le foglie

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Octave Lapize




Posts: 466
Registrato: Dec 2005

  postato il 07/02/2006 alle 11:18
Non ho ancora letto l'intervisa ma mi propongo di farlo non appena ho un po' di tempo, comunque penso che sia davvero un peccato non vedere Rujano al Giro.
Da un'intervista che ho letto il mese scorso su BS Rujano sembrava molto agguerrito e la sua partecipazione al Giro avrebbe sicuramente dato maggiore competitività, e aggiungerei anche un tocco di spettacolarità nelle tappe di montagna (e quest'anno ce ne sono di salite da fare!).

Maggiori commenti dopo la lettura dell'articolo di Mario.

 

____________________
"...poi Dio creò la biciletta perché l'uomo ne facesse strumento di fatica e di esaltazione nell'ardito itinerario della vita ..." (monumento al Ghisallo)


L’orizzonte era fatto di monti
che guardavano in fondo la valle.
S'ergevano austeri e inviolati
al cuore d'un credo
provato dal non lontano
ricordo d'una immane prova di vita.... (L'Angelo della Montagna - Morris)

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Tour




Posts: 292
Registrato: Jul 2005

  postato il 07/02/2006 alle 11:25
Originariamente inviato da alt-os

[...]
Non c'è stato l'accordo, ne lo si è realmente cercato da ambo le parti, ed il risultato è che Savio non verrà probabilmente invitato al Giro (Con la Ceramiche Panaria in forma come sembra, l'unica speranza di Savio potrebbe essere questo José Serpa...) [...]



Chissa'. In realta' la Selle Italia potrebbe venir invitata ugualmente
(fra l'altro leggo ora che Serpa ha dato il bis al Langkawi, sulle
Genting Highlands). Ed in tal caso, un Savio che fosse coerente con il
suo cognome potrebbe mollare Rujano alla QuickStep (e magari strapperebbe
una penale), sicche' sarebbero tutti abbastanza contenti - anche
noi spettatori, e credo Zomegnan.
Fra l'altro, al Giro, la Quick-Step chi ha per la classifica?
Ok, Bettini le prime tappe, ma dopo?


 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Moderatore




Posts: 21608
Registrato: Oct 2004

  postato il 07/02/2006 alle 11:28
Originariamente inviato da Pg

[...]Fra l'altro, al Giro, la Quick-Step chi ha per la classifica?
Ok, Bettini le prime tappe, ma dopo?



In realtà hanno preso anche Garate.

 

____________________
Mario Casaldi - Cicloweb.it

CICLISTI
Si sta come
d'autunno
sugli alberi
le foglie

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 5156
Registrato: Apr 2005

  postato il 07/02/2006 alle 11:32
E Garate al Tour sarebbe meno inadatto di Rujano, che potrebbe correre senza assilli.

 

____________________
nino58

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Moderatore




Posts: 21608
Registrato: Oct 2004

  postato il 07/02/2006 alle 11:40
Originariamente inviato da nino58

E Garate al Tour sarebbe meno inadatto di Rujano, che potrebbe correre senza assilli.


Questi sono discorsi confutabili, e comunque tecnici all'interno di un team come la Quick Step.
Io rispondevo soltanto a Pg che si chiedeva quali altri corridori della squadra belga potessero fare classifica in un GT.

 

____________________
Mario Casaldi - Cicloweb.it

CICLISTI
Si sta come
d'autunno
sugli alberi
le foglie

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Moreno Argentin




Posts: 372
Registrato: Oct 2004

  postato il 07/02/2006 alle 11:42
Alla QuickStep del giro non frega niente anzi!! se Lefevre può metterla in quel posto a Zomegnan state sicuri che lo farà...anzi evidentemente l'ha già fatto!! L'unico che ci smena è Rujano che va dove tirano i pochi soldi attuali che gli vengono sventolati davanti senza scommettere su se stesso e sui moltissimi che si sarebbe potuto assicurare con un grande giro.
PS: In tutto questo non vedo dove stiano le colpe di Savio.Lo aveva sotto contratto, gli ha assicurato il remunerativo passaggio in altro team a metà stagione assicurandogli la possibilità di correre da protagonista la corsa che lo avrebbe definitivamente consacrato (roba da correre gratis..) e cosa ne ha ricavato? Contestazioni su premi e diritti d'immagine cioè su pochi soldi visto il breve periodo del contratto in essere!
PS: Non sono parente di Savio ma certe cose mi disgustano!!

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2301
Registrato: Dec 2003

  postato il 07/02/2006 alle 12:45
Una vicenda intricata... io non so chi abbia ragione o torto... ognuno tira acqua al suo mulino ma la verità sta sempre nel mezzo...

Finalmente viene fuori che Savio non è quel sant'uomo nè quel benefattore che certa stampa (ad esempio BS) ha sempre inspiegabilmente lodato...

Ma anche questa storia dei procuratori... all'inizio scimiottavano quelli del calcio, ora sono proprio uguali... degli aguzzini che si propongono come risolutori dei problemi dell'atleta e invece sono solo sanguisughe che a volte (è il caso di Rujano) rischiano di comprometterti la carriera.
E poi se ciucci il 10% ad un calciatore ignorante e viziato, quello rimane sempre un miliardario... se li ciucci ad un ciclista inizia ad essere un problema... se li ciucci ad un ciclista con il minimo sindacale sei un avvoltoio o peggio ancora.

 

____________________
Il mio blog: http://passodellacisa.blogspot.com
La mia squadra ciclistica:http://altalunigiana04.comyr.com

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Moderatore




Posts: 21608
Registrato: Oct 2004

  postato il 07/02/2006 alle 12:48
Originariamente inviato da lucius

a me sono piaciute sopratutto le domande incalzanti che mettevano in luce con quanta facilità è attualmente possibile diventare un procuratore nel ciclismo. [...]


Volevo far notare che la tanto nominata "Coverciano del ciclismo" servirà a non diventare ugualmente in maniera tanto facile Team-Manager di una squadra di ciclismo.

L'approssimazione ed il pressapochismo di tante istituzioni che riguardano il ciclismo, dai team-manager ai procuratori, a quella associazioni corridori che non so che peso abbia all'interno dell'UCI (nulla, dico io, visto che nella querelle tra Organizzatore e Unione Ciclistica i diritti e gli interessi dei corridori sono messi sempre in ultimo piano), sono il male da estirpare con più fretta all'interno delle due ruote a pedali.

Anche prima del doping: perché il doping si combatte con la cultura.

 

____________________
Mario Casaldi - Cicloweb.it

CICLISTI
Si sta come
d'autunno
sugli alberi
le foglie

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 2258
Registrato: Feb 2005

  postato il 07/02/2006 alle 13:22
Originariamente inviato da Frank VDB

Ma anche questa storia dei procuratori... all'inizio scimiottavano quelli del calcio, ora sono proprio uguali... degli aguzzini che si propongono come risolutori dei problemi dell'atleta e invece sono solo sanguisughe che a volte (è il caso di Rujano) rischiano di comprometterti la carriera.
E poi se ciucci il 10% ad un calciatore ignorante e viziato, quello rimane sempre un miliardario... se li ciucci ad un ciclista inizia ad essere un problema... se li ciucci ad un ciclista con il minimo sindacale sei un avvoltoio o peggio ancora.

Per fortuna non sono proprio tutti tutti così...

 

____________________
"Se hai la fortuna clamorosa di diventare un cronista di ciclismo, non puoi fare a meno di essere coinvolto, trascinato in una passione infinita, irrinunciabile, che ti segna per sempre" - Pietro Cabras

"C'è una salita? Vai su, arriva in cima, e vedrai che sarai sempre vincitore" - Giordano Cottur

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Giuseppe Saronni




Posts: 685
Registrato: Jun 2005

  postato il 07/02/2006 alle 13:22
Innanzitutto, se è vero che l'ingaggio annuale di Rujano è di 30000 euro, c'è bisogno di costituire evidentemente un forte sindacato anche nel ciclismo. Già 30000 euro, sono una miseria per il più scarso ciclista del mondo, considerata la fatica che si fa in bici, ma se a prenderli è Rujano, pur considerando che la Selle Italia è una squadra piccola, è evidente che la valutazione è sottostimata. Certo, avrebbe dovuto confermarsi, ma dopo quello che ha fatto nello scorso Giro, era normale una richiesta al rialzo.
Piuttosto, la formula di correre metà anno in una squadra, per poi cambiarla, mi sembrava molto bizzarra, ed è probabile che la Quick Step, abbia imposto a Rujano di non spremersi al Giro, o di cercare deliberatamente una rottura con Savio, chiedendogli un adeguamento troppo oneroso. Visto il percorso del Giro 2006, a perderci sarà sicuramente lo spettacolo, se davvero mancherà Rujano, ma anche quest'ultimo, che perderebbe una grande occasione per confermarsi.
A Savio, probabilmente, importa meno, anche perchè lui ogni anno scova qualche Andino di valore, vedi pure questo Sterpa che vince in Malesia.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Giuseppe Saronni




Posts: 685
Registrato: Sep 2005

  postato il 07/02/2006 alle 13:27
Andiamoci piano a dire che Savio è un avvoltoio...
Ricordiamoci che molti corridori (non solo sudamericani) sono emersi anche grazie alla sua abilità di talent scout, ivi compreso Rujano!
Il DS della Selle Italia non voleva lasciarsi sfuggire così un campioncino appena scoperto, e ha tirato troppo la corda.
In questo momento ma soprattutto per le future sponsorizzazioni e partecipazioni al Giro rischia di trovarsi in braghe di tela, ma chi rischia di più è Rujano.
Se non fa il Giro fa la fine di quel marito che si tagliò i c..... per dare un dispiacere alla moglie.
Non siamo nel calcio, dove c'è sempre un Real disposto ad aspettare il Cassano di turno: nel ciclismo gli atleti, specie se giovani, vengono anche dimenticati.
Se nella Quickstep avesse dei problemi, i belgi non credo saranno disposti ad aspettarlo: se andrà al Giro e farà bene, si farà un nome e avrà anche maggiore potere contrattuale in futuro (una cosa è andare in una squadra con un Giro in saccoccia, o almeno 2 anni di ottime prestazioni, e un conto è andarci come atleta in cerca di rilancio!).
Dall'intervista su BS, il venezuelano non sembra disposto a seguire le orme del concittadino Leonardo Sierra (primi anni 90), che appena trovò un buon ingaggio si sedette sugli allori e finì per ritirarsi a 27 anni: allora faccia il Giro, si faccia onore perchè una corsa così adatta a lui non capiterà spesso in futuro.
Savio gli ha creato uno squadrone, rispetto ai mezzi che aveva.
Nel ciclismo, se sei giovane, non conta quanto stai guadagnando: contano i risultati che fai, perchè quelli ti assicureranno i soldi in futuro.

Come si diventa procuratore di ciclismo?
«Basta avere una Partita Iva, ci si iscrive come agente intermediario e si può iniziare a lavorare. Non c'è un "Albo dei Procuratori", perciò la procedura è molto semplice. Alla fine del 2005 si è parlato anche di questo, in una riunione federale, e probabilmente verrà istituito e creato un tesserino che abiliterà il procuratore alla professione. Il passo più importante, però, è accaparrarsi la fiducia del corridore, perché adesso ci sono procuratori che esercitano pur gestendo gli interessi di due corridori soltanto».


Senza parole. Ci vuole veramente la Coverciano del ciclismo, a patto che poi non si transiga sui patentini (non come succede nel calcio).
Non è possibile che al procuratore non sia chiesta almeno, che so, una laurea in economia o giurisprudenza, o che uno possa fare il DS senza formazione specifica.
Un giovane che entra nel ciclismo professionistico deve potersi affidare a un procuratore serio, che conosca il mestiere e la legislazione in materia di contratti per evitare questi pastrocchi; uno sponsor che vuole entrare nel ciclismo deve potersi rivolgere a DS seri e preparati.
Se no un domani farò anch'io il procuratore: con una laurea in ingegneria si può già fare il Ministro della Giustizia, cosa vuoi che sia gestire qualche contratto

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Tour




Posts: 171
Registrato: Dec 2004

  postato il 07/02/2006 alle 13:28
Ciao a tutti! Complimenti Mario!
Non sò come sarà la regolazione italiana del diritto del lavoro, ma a Spagna tutti i lavoratori hanno un dirrito basico: quello di dimitire o smettere nel lavoro con la conseucente clausula che si deve pagare al club per i danni provocati. Ma questo penale non si paga come "incumplimiento" sennò come una indemnizazione per danni una volta che il lavoratore ha smesso. Se la penale è troppo alta( diciamo che Rujano ha firmato una penale di 10 millioni di euro), allora il Giudice deve valorare una nuova penale perche quella c`si alta è 100% invalida.

Saluti e scusate il mio italiano.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Freddy Maertens




Posts: 873
Registrato: Jan 2006

  postato il 07/02/2006 alle 13:38
Attenzione: qui stiamo parlando come se Rujano, andando al Giro, l'avrebbe già vinto. Con questo non voglio dire che non lo può vincere, ma che altri corridori potrebbero non voler star fermi a guardarlo scalare il Plan de Corones, ma tentare di mettergli i bastoni tra le ruote.

La situazione che si sta creando (si è creata?) sarà una brutta macchina sia su Savio che su Rujano (che sul suo procuratore), e non so quanto sia gradita alla stessa QuickStep... Rujano si è forse montato la testa, Savio ha avuto le braccine un po corte, ma in questo modo ci rimettono entrambi, e molto piu di quanto non ci avrebbero rimesso piegando la testa entrambi.

Deve essere un esempio negativo per tutti, per come _NON_ si gestisce una situazione di crisi.

(tutto questo, ovviamente, IMHO)

 

____________________
Web: http://www.free-os.it/blog/ Status:

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Agosto 2009
Utente del mese Gennaio 2010




Posts: 2761
Registrato: Dec 2004

  postato il 07/02/2006 alle 13:55
«...ma la prova del contrario è che Rujano non parlava con il suo team manager, prima di quell'occasione (Vuelta a Tachira, 7-20/01), da più di tre mesi;»


Balla numero 1 --> BiciSport di Gennaio, pagina 53. Terza foto dall'alto... "Intervista con Savio per la Radio". Presumo che Vicennati sia stato lì in Dicembre...

«...José si incontrò con Savio, ed in cui gli disse che avrebbe corso il Giro; ma Rujano è un ragazzo di 23 anni, e per una "vecchia volpe" come Savio non sarà stato difficile strappargli una promessa.»


Balla numero 2 --> Lo ha dichiarato a dozzine di testate nazionali e non (BS??) ed io stesso l'ho sentito intervistato per radio durante la Vuelta Tachira. Due sono le cose: 1) o Rujano è scemo; o 2) il suo manager ne racconta di cotte e di crude.

«Proprio allora ci fu la più grossa conflittualità riscontrata tra le due parti, visto che José aveva già accumulato 80/90 giorni di corsa dato che era da gennaio in competizione. Già a fine Giro si sapeva che non avrebbe corso il Giro di Colombia e di Venezuela; ma da parte della società si provò a montare "il caso Rujano", quando invece non c'era nessun caso, visto che la dirigenza della Selle Italia già conosceva le nostre intenzioni;»


Questa è grossa... molto grossa! Ho stampato proprio ieri un'intervista fatta assieme al suo AMICO giornalista Ivan Alirio Ramirez. Lui (e non Savio che non era presente) dice che avrebbe corso: Andes 2005, Vuelta Venezuela, Vuelta Colombia e Clasico Banfoandes con l'obbiettivo di conquistare la classifica continentale UCI. Come la mettiamo? 80/90 gg di gara? Tachira, Malesia, Trentino, Giro... e siamo a meno di 50. E poi?

Tralascio tutto il discorso sul ruolo del procuratore... parlando invece del contratto al minimo salariale quando si passa professionisti. Succede ovunque così... e come ben sappiamo accade anche di peggio. Non vedo nulla di cui scandalizzarsi (anche perchè Botero nei primi anni con la Kelme prendeva MOOLTO ma MOOLTO meno). In conclusione, lo dico in franchezza, non credo assolutamente nella buonafede del signor Acquadro.

Saluti
Nicolò

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Moderatore




Posts: 3235
Registrato: Sep 2005

  postato il 07/02/2006 alle 14:07
il sig Acquadro secondo me sta cercando la gallina dalle uova d'oro, vuole farsi un bel pò di soldini a discapito di Rujano convincedo josè che è ancora inesperto a fare cose che non stanno nè in cielo ne in terra, sicuramente anche Savio ha la sua dose di colpa ma non gliene faccio un torto se si comporta cosi il budget della squadra è molto limitato e il procuratore ci gioca sventolando cifre sapendo che tanto a giugno va alla quick step, queste storie nel mondo dei dilettanti sono all'ordine del giorno questa fa scalpore perche è una rujano è un ciclista conosciuto

 

____________________
Se si è ritirato Bewolcic si possono ritirare tutti...


Gianni



 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2258
Registrato: Feb 2005

  postato il 07/02/2006 alle 14:07
Se posso dire la mia, mi sembra che si stiano dando le colpe a vicenda quando il problema vero sta proprio nella testardaggine di entrambi (Acquadro e Savio). Sarebbe interessante sapere cosa direbbe proprio Rujano in merito (anche se non credo che rilascerebbe nessun commento). Peccato. Peccato per Rujano, e per il Giro che perderà un sicuro protagonista.

Per quanto riguarda il discorso procuratori, aggiungo solo questo: se da un lato è vero che sarebbero necessarie delle credenziali più serie (laurea, corsi professionali, un albo, eccetera) è anche vero che servono delle doti e delle capacità d'intuizione e buon fiuto degli affari (e non solo in termini di soldi, ma anche di situazioni migliori per i propri assistiti) che madre natura ha distribuito in maniera molto poco generosa....

 

____________________
"Se hai la fortuna clamorosa di diventare un cronista di ciclismo, non puoi fare a meno di essere coinvolto, trascinato in una passione infinita, irrinunciabile, che ti segna per sempre" - Pietro Cabras

"C'è una salita? Vai su, arriva in cima, e vedrai che sarai sempre vincitore" - Giordano Cottur

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Agosto 2009
Utente del mese Gennaio 2010




Posts: 2761
Registrato: Dec 2004

  postato il 07/02/2006 alle 14:14
Ma scusate... qualcuno potrebbe spiegarmi meglio in cosa consiste la "testardaggine" di Savio? Io cmq ormai ho la NETTISSIMA impressione che dietro ci sia qualcos'altro.
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 1825
Registrato: Jan 2005

  postato il 07/02/2006 alle 14:26
Secondo me Rujano sbaglia di grosso a fare queste "scenate", almeno per le ragioni che sappiamo!! Un corridore VERO è onorato di andare al Giro come protagonista, quasi ci andrebbe senza essere pagato, lui che fa? se la tira e fa queste scenate? Non è che si sia esaltato un po troppo?
E poi non puo resistere 4-5 mesi? Tanto poi va in una grossa sqaudra!!!

 

____________________
Il sito di Superandyweb

CAMPIONI IN CARICA

Team Raff
monsieur soixante
Dejanira
SuperSkunk
Pitoro
Zello Bike
Vigor cicling team
Silvia Team
Mercatone1
Pitoro
dmau
Ceramiche_Cauz
Superskunk

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Moderatore




Posts: 21608
Registrato: Oct 2004

  postato il 07/02/2006 alle 14:36
Originariamente inviato da faxnico

«...José si incontrò con Savio, ed in cui gli disse che avrebbe corso il Giro; ma Rujano è un ragazzo di 23 anni, e per una "vecchia volpe" come Savio non sarà stato difficile strappargli una promessa.»


Balla numero 2 --> Lo ha dichiarato a dozzine di testate nazionali e non (BS??) ed io stesso l'ho sentito intervistato per radio durante la Vuelta Tachira. Due sono le cose: 1) o Rujano è scemo; o 2) il suo manager ne racconta di cotte e di crude.


Fax, però credo che questa non sia una balla. Acquadro ha detto che Rujano confermò a Savio la sua presenza al Giro durante la Vuelta a Táchira, però poi chiamò il suo manager (Acquadro, appunto) e gli chiese di contattare Savio e dirgli che non lo avrebbe fatto.

Quindi, tra la 1 e la 2, è vera l'ipotesi 3: Rujano ha cambiato idea (oppure l'idea era la stessa, ma all'inizio aveva assecondato Savio)

«Proprio allora ci fu la più grossa conflittualità riscontrata tra le due parti, visto che José aveva già accumulato 80/90 giorni di corsa dato che era da gennaio in competizione. Già a fine Giro si sapeva che non avrebbe corso il Giro di Colombia e di Venezuela; ma da parte della società si provò a montare "il caso Rujano", quando invece non c'era nessun caso, visto che la dirigenza della Selle Italia già conosceva le nostre intenzioni;»


Questa è grossa... molto grossa! Ho stampato proprio ieri un'intervista fatta assieme al suo AMICO giornalista Ivan Alirio Ramirez. Lui (e non Savio che non era presente) dice che avrebbe corso: Andes 2005, Vuelta Venezuela, Vuelta Colombia e Clasico Banfoandes con l'obbiettivo di conquistare la classifica continentale UCI. Come la mettiamo? 80/90 gg di gara? Tachira, Malesia, Trentino, Giro... e siamo a meno di 50. E poi?


Lo diceva anche a noi di Cicloweb.it... http://www.cicloweb.it/art344.html

 

____________________
Mario Casaldi - Cicloweb.it

CICLISTI
Si sta come
d'autunno
sugli alberi
le foglie

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Agosto 2009
Utente del mese Gennaio 2010




Posts: 2761
Registrato: Dec 2004

  postato il 07/02/2006 alle 14:41
C'è qualcuno che se fosse stato nei panni di Savio avrebbe concesso la liberatoria al corridore prima del Giro rinunciando così ad una montagna di pubblicità e di interessamenti di sponsor? Io non capisco proprio... quello che ha fatto non era dovuto né legalmente (c'era un contratto) né moralmente. Il compromesso raggiunto mi è sembrato responsabile e rispettoso delle ambizioni sportive del ragazzo. Dov'è stato testardo Savio? Con questo non voglio dire assolutamente che sia un santo, anzi! Ci sarebbe da parlare per ore sullo stato attuale della federazione ciclistica colombiana...
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Moreno Argentin




Posts: 372
Registrato: Oct 2004

  postato il 07/02/2006 alle 14:44
Originariamente inviato da faxnico

C'è qualcuno che se fosse stato nei panni di Savio avrebbe concesso la liberatoria al corridore prima del Giro rinunciando così ad una montagna di pubblicità e di interessamenti di sponsor? Io non capisco proprio... quello che ha fatto non era dovuto né legalmente (c'era un contratto) né moralmente. Il compromesso raggiunto mi è sembrato responsabile e rispettoso delle ambizioni sportive del ragazzo. Dov'è stato testardo Savio? Con questo non voglio dire assolutamente che sia un santo, anzi! Ci sarebbe da parlare per ore sullo stato attuale della federazione ciclistica colombiana...


Quoto in toto!!

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Tour




Posts: 171
Registrato: Dec 2004

  postato il 07/02/2006 alle 14:51
Per essempio, al calcio serve passare un essame delle Federazione nazionali di diritto per diventare "Agente FIFA". La eccezione sono la famiglia del atleta e tutti quelli che possono lavorare nei suoei paesi come avvocati.
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Agosto 2009
Utente del mese Gennaio 2010




Posts: 2761
Registrato: Dec 2004

  postato il 07/02/2006 alle 15:00
Originariamente inviato da Monsieur 40%

Originariamente inviato da faxnico

«...José si incontrò con Savio, ed in cui gli disse che avrebbe corso il Giro; ma Rujano è un ragazzo di 23 anni, e per una "vecchia volpe" come Savio non sarà stato difficile strappargli una promessa.»


Balla numero 2 --> Lo ha dichiarato a dozzine di testate nazionali e non (BS??) ed io stesso l'ho sentito intervistato per radio durante la Vuelta Tachira. Due sono le cose: 1) o Rujano è scemo; o 2) il suo manager ne racconta di cotte e di crude.


Fax, però credo che questa non sia una balla. Acquadro ha detto che Rujano confermò a Savio la sua presenza al Giro durante la Vuelta a Táchira, però poi chiamò il suo manager (Acquadro, appunto) e gli chiese di contattare Savio e dirgli che non lo avrebbe fatto.

Quindi, tra la 1 e la 2, è vera l'ipotesi 3: Rujano ha cambiato idea (oppure l'idea era la stessa, ma all'inizio aveva assecondato Savio)


Se è vera l'ipotesi 3 (anche se io non ci credo assolutamente visto che dopo aver letto tutte quelle fesserie mi stò convincendo che fosse tutto pianificato) allora la domanda sorge spontanea: è accettabile che un ciclista professionista che ha sottoscritto legalmente un contratto fino al 31/05/06 si comporti in questo modo? La risposta ovviamente è NO e aggiungo che se questo atteggiamento irresponsabile corrispondesse a realtà la QuickStep avrebbe da preoccuparsene non poco (mentre la Selle Italia si troverebbe costretta alla sospensione dello stipendio ed a portare il caso in tribunale). Ma ciò mi sembra francamente impossibile visto che il sig. Acquadro lavora in stretta collaborazione con Lefevre e dal Belgio non si percepisce alcun malumore per tali comportamenti...

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Moderatore




Posts: 21608
Registrato: Oct 2004

  postato il 07/02/2006 alle 15:04
Fax, noi infatti abbiamo letto di Savio, ed ora leggiamo di Acquadro.

Se Savio - come credo - vorrà replicare, non necessariamente su Cicloweb.it, ci mancherebbe, noi leggeremo con altrettanta attenzione la sua contro-replica e l'eventuale rimando del sig. Acquadro.

La situazione è delicata, e sarebbe davvero bello contribuire a far fuoriuscire la verità da questa vicenda.

 

____________________
Mario Casaldi - Cicloweb.it

CICLISTI
Si sta come
d'autunno
sugli alberi
le foglie

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Moderatore




Posts: 3308
Registrato: Aug 2005

  postato il 07/02/2006 alle 15:23
L'intervista e' stata molto interessante e spero che la vicenda si risolva nel modo migliore possibile per tutti.Spero che Rujano non paghi lo scotto di questo de della popolarita',come gia' detto da qualcuno e' difficile che al Tour possa fare classifica anche per le altissime medie della prima settimana,se fossi in lui proverei almeno a lottare per la maglia a pois,in fondo da' sempre molta visibilita',poi vedremo se effettivamente vuol fare la Vuelta per essere competitivo.Quanto alla Selle Italia al Giro ovviamente ad oggi non c'e' niente di certo sulla sua partecipazione ma ricordiamoci che lo scorso anno fu invitata pur avendo meno punti di qualche squadra rimasta esclusa poiche' e' un team che riesce sempre a movimentare la corsa;quindi se anche non verra' Rujano(grosso peccato per il Giro di quest'anno)sono convinto che Savio approfittera' della corsa rosa per mettere in mostra al grande pubblico Jose' Serpa e Walter Pedraza,inoltre puo' contare di alteti esperti come Belli e Missaglia e che addirittura,per quanto poche possano essere le occasioni per i velocisti,dispone anche di uomini per la volata come Loddo e Furlan.
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Claudio Chiappucci




Posts: 336
Registrato: Jan 2006

  postato il 07/02/2006 alle 15:37
Vedrete che alla fino Rujano il giro lo farà: non conviene a nessuno che resti a casa a vederlo dalla poltrona. Sono convinto che fino a poche settimane prima dell'inizio della corsa rosa se ne parlerà ancora, ma sono altrettanto sicuro che tutto si risolverà (con le buone o con le cattive..)

 

____________________


"La grinta non si può comprare: o ce l'hai o non ce l'hai. Puoi avere il tecnico migliore, lo stipendio più alto e tutti gli stimoli di questo mondo, ma quando sei al limite della fatica sono solo le tue doti ad aiutarti" Marco Pantani

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Gino Bartali




Posts: 1312
Registrato: Feb 2005

  postato il 07/02/2006 alle 15:43
e sì che era considerato uno dei migliori mecenati dell'attuale mondo del ciclismo!

é da tanto tempo che nell'ambiente su Savio se ne dicono di cotte e di crude.Un gran venditore di se stesso direi...però non addosserei tutte le colpe di questa vicenda sulle sue spalle.

Una situazione intricata,ovviamente dobbiamo ancora semtire la controparte e soptrattutto il diretto interessato,però a quanto pare sembra che il tutto sia scaturito da 3 dinamiche:
1)il difficile rapporto con savio alla selle italia(posso capirlo)
2)l'ingenuità di rujano(posso capirla)
3)i soldi

Quest'ultimo punto lo capisco meno,anche se tutti i torti questo procuratore non ne ha,ad un corridore che arriva terzo al giro e fa quello che ha fatto non puoi dare 15000 euro o poco più per corrre fino a maggio,è illogico...moralmente ingiusto.
Un buon ds si sarebbe fatto in quattro per trovare il giusto compenso al prorio campione.

Parte della colpa però penso sia da ritrovare anche nel procuratore che sicuramente avrà trovato ogni espediente e avrà usato di sicuro mezzi non prorio consoni per alzare la posta e prendersi una bella fetta dei guadagni.

Questo è il mondo in cui viviamo...

 

____________________
DAvide

"Cause tramps like us,baby we were born to run" (Bruce Springsteen)

C.S.N.P.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote
<<  1    2    3    4  >> Nuovo Thread  Nuova risposta   Nuovo sondaggio
 
Powered by Lux sulla base di XMB
Lux Forum vers. 1.6
1.8127189