Board logo

Il Forum di Cicloweb

Non hai fatto il login | Login Pagina principale > Dite la vostra sul ciclismo! > Valverde
Nuovo Thread  Nuova risposta  Nuovo sondaggio
< Ultimo thread   Prossimo thread >  |  Versione stampabile
Autore: Oggetto: Valverde

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 20/10/2004 alle 00:33
Forse era Guglielmo ad aver scritto che Valverde non sà ancora se sia un corridore da corse a tappe o da classiche, ma chiunque fosse ad averlo scritto aveva ragione.
Dopo due mondiali ad altissimo livello si può tranquillamente sostenere che sarebbe ben tagliato per tutte le classiche che abbiano un minimo di altimetria variabile; tempo addietro si era parlato di un contatto rabobank e credo che affiancare Freire sarebbe stata la scelta ottimale (ma lo dico col senno di poi chiaramente).
Stasera su todociclismo ho letto invece di un pre-accordo tra la illes balears e il manager di Valverde, ovvero il contratto è pronto e manca la firma.
Evidentemente Alejandro vuole cimentarsi nel tour de france come uomo da classifica prima di cambiare sentiero, ma l'approdo in casa rabobank non gli avrebbe precluso questa strada, semplicemente gli avrebbe offerto maggiori possibilità di impegnarsi su tutti i terreni, ma Valverde ritiene che la illes balears, ex-banesto, sia la scelta migliore perchè evidentemente egli si sente ancora uomo da corsa a tappe.

 

____________________
Davide

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 20/10/2004 alle 02:06
finalmente l'ha capito echavarry che mancebo nn e'nulla di piu'di un'ottimo piazzato!!!
diciamo che valverde ha tutta l'eta'per provare anche x un paio d'anni a far classifica in una grande corsa a tappe diversa dalla vuelta e credo che se nn sentira'la mancanza della kelme...potrar far molto bene!per caratteristiche lo vedo tagliato per il tour e le sue salite piu'pedalabili visto che si difende benissimo anche a cronometro,oltre che vabbe'il corridore forse piu'adatto a dominare le classiche del futuro!!!
e poi se nn riuscira'a confermarsi al di fuori della spagna,cosa che cmq anche dopo l'ottimo mondiale nn credo avvenga(anzi lo vedo protagonista nei prossimi anni),l'attendono sempre le "tolleranti" corse di casa che proprio la scelta delle iles-baleares gli permetteranno di puntarci forte...

 

____________________
Giuseppe Matranga

www.cicloweb.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 2475
Registrato: Sep 2004

  postato il 20/10/2004 alle 08:40
ho gia' detto come la penso su Valverde:per me somiglia molto a Jalabert,rispetto al francese va meno forte a cronometro e ha un pochino piu' di resistenza,ma non abbastanza per arrivare tra i primissimi nelle tappe di grande montagna alla Vuelta,guardate qua(il risultato e' fatto comprendendo solo gli uomini di classifica,lasciando perdere eventuali fughe):

Morella(186 km,una salita non dura di 13 km e uno strappo finale di 3 km):3°
Alto de Aitana(162 km ma 6 gpm di cui 3 di 2° categoria e la salita finale di 13 km):6°
Xorret de Cati'174 km,4 gpm di cui 1 di 2° categoria e l'ultima salita durissima ma di 4 km):2°
Calar Alto(145 km,tre salite lunghe e dure,l'ultima di 21 km):4°
Sierra Nevada(29 km,cronoscalata):2°
La Covatilla(170 km,due salite di prima categoria piu' quella finale di 18 km):12°
Navacerrada(178 km,3 salite di 1° categoria dure ma non lunghissime,dai 7 ai 9 km,e l'ascesa finale di 7 km):5°

in conclusione le tappe in cui Valverde e' andato meglio sono la cronoscalata e quelle di Morella e Xorret de Cati',tappe in cui serve esplosivita',e si e' difeso bene anche a Navacerrada,tappa in cui le salite erano dure ma abbastanza brevi.in tappe come quelle di Covatilla,con un'ascesa finale di 18 km,o anche di Aitana e Calar Alto,dove piu' dell'esplosivita' e' necessario avere resistenza,lui ha avuto delle difficolta'.cio' puo' anche significare che per lui il Giro con salite piu' dure ma piu' brevi sia piu' adatto del Tour,credo che Valverde in una tappa come quella di La Plagne vinta da Boogerd avrebbe problemi

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Ottavio Bottecchia




Posts: 548
Registrato: Jul 2004

  postato il 20/10/2004 alle 09:51
Deve migliorare nella resistenza non solo nelle tappe ma anche nell'ultima settimana. Ha perso la Vuelta(e il podio) proprio negli ultimi giorni della Vuelta

 

____________________
http://www.bloggers.it/bici



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Ottavio Bottecchia




Posts: 548
Registrato: Mar 2004

  postato il 20/10/2004 alle 10:36
anche a me ricorda molto jalabert. anche jaja a 24 anni non era così forte a cronometro, era velocissimo ed andava forte in salita, pur non essendo uno scalatore puro. col pro tour non dovrebbe aver problemi a fare le classiche con la baleares, ma forse non avrebbe una squadra adeguata a supportarlo. comunque speriamo firmi al più presto x una squadra o un'altra, xckè questa è una telenovela che va avanti da mesi da mesi e non se ne può più.

 

____________________
Via i dopati dal ciclismo.

Non è che mi sono staccato, è che il gruppo è andato in fuga!


 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 20/10/2004 alle 12:26
dipende come la si vuol vedere,se ci pensi guglielmo la pandera nel 2003,calar alto,l'aitana e la covatilla sono stati gli arrivi in salita piu'duri,con le pendenze piu'ostiche stile giro e vuelta ed anche questo e'un fatto incontrovertibile!
doiciamo che forse paga sia l'eccessiva lungehezza di una salita(diciamo piu'di 10km.)che le pendenze superiori al 10-12% se piu'lunghe di 2-3 km.come xorret de cati e morella!
pero'personalmente credo che se paghi l'eccessiva lunghezza ti puoi cmq difendere se ti trovi davanti ad un muro nn riesci piu'ad andare avanti(tipo sul mortirolo o sullo zoncolan) e vai in crisi nera,ecco perche'vedo il tour a lui piu'adatto!

 

____________________
Giuseppe Matranga

www.cicloweb.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 2475
Registrato: Sep 2004

  postato il 20/10/2004 alle 14:22
infatti io sto parlando della lunghezza delle salite,non delle pendenze,non credo che sia un problema invece di terza settimana visto che l'anno scorso proprio nella terza settimana supero' Galdeano e Beltran
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 20/10/2004 alle 14:29
eh ma le salite da te citate hanno anche grandi pendenze!
mi spiego,lui e'fortissimo sulle salitelle,anche se molto dure,di 5-6km.,dove come tu dici conta molto l'esplosivita' nelle gambe!
nel terreno restante e'piu'portato a difendersi,ora io lo vedo piu'competitivo,anche se pur sempre in difesa, in una salita come il tourmalet,la madeleine o l'izoard(molto lunghe,dure ma regolari)che sullo zoncolan,il mortirolo etc.dove credo prenderebe nn poche scoppole!
e poi ha dimostrato di esser ottimo anche a cronometro,quindi il tour lo vedo piu'per le caratteristiche!

 

[Modificato il 20/10/2004 alle 14:37 by Pirata x sempre]

____________________
Giuseppe Matranga

www.cicloweb.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Alfredo Binda




Posts: 1101
Registrato: May 2004

  postato il 21/10/2004 alle 01:01
Devo a distanza di qualche mese rendere il giusto onore ad Aranciata Bottecchia che smorzava un po' i nostri (fra cui i miei) entusiasmi per Valverde. E' vero ribadisco che Valverde resta per me una bellissima promessa e al mondiale non lo abbiamo visto sul podio perchè ha lavorato per Freire. Onestamente alla Vuelta mi aspettavo almeno e come minimo la riconferma del podio e ciò non è avvenuto. Se sommiamo a questo la delusione olimpica effettivamente se non si può parlare per lui di stagione deludente certo non si può negare che al talento spagnolo sia mancat quel salto di qualità che ci aspettavamo. Identico discorso vale per Popovych.
Ora il nostro Cunego l'anno precedente partiva molto indietro rispetto a Valverde a a Popovych in termini di aspettative e risultati, ma questo 2004 ha completamente ribaltato le carte. Nel ciclismo i piazzamenti contano solo in prospettiva futura perchè la carriera di un corridore si misura esclusivamente dal peso delle sue VITTORIE: per questo Cunego nel suo plamares porta 2 grandi vittorie (Giro e Lombardia) mentre gli altri due registrano uno 0.
Io personalmente credo ancora in Valverde, e tutti ci aspettiamo molto anche da Popo dopo il passaggio alla discovery channel, però si deve tenere conto che le gerarchie fra gli emergenti sono cambiate.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 21/10/2004 alle 01:22
A proposito di Popovych devo dire che mi hanno un po' spaventato le parole di Loccia in merito alla palazzago vellutex, sua squadra da dilettante, tirata in ballo parlando di Giairo Ermeti, che sarebbe un corridore bluff nonostante le vittorie del titolo italiano e del piccolo lombardia, proprio perchè corridore di questa squadra (che ha già vinto 4 titoli mondiali u23 negli ultimi anni ma nessuno dei suoi ragazzi ha ancora sfondato nel professionismo).
Lo stesso Ermeti si accasa alla miche, probabilmente la più piccola squadra professionistica italiana.
Spero davvero che Popovych non faccia la fine di Petrov.

Su Valverde: chiaramente anche per me era e rimane una bella realtà con fortissime prospettive di miglioramento, semplicemente ritenevo la vuelta una corsa bugiarda e assolutamente inattendibile come strumento di misura del valore di un corridore.
Senza dubbio per Alejandro sono molto più significative le belle prestazioni nei due mondiali.

 

[Modificato il 21/10/2004 alle 01:26 by aranciata_bottecchia]

____________________
Davide

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Roger De Vlaeminck




Posts: 640
Registrato: Sep 2004

  postato il 21/10/2004 alle 17:36
Valverde è un fuoriclasse.L'unica cosa che gli manca è appunto la resistenza sulle lunghe salite.Infatti non è uno scalatore puro ma è il corridore più completo di tutto il panorama ciclistico insieme a Cunego.Damiano è nettamente più forte in salita mentre anche se veloce non può certamente competere con Alejandro allo sprint dato che lo spagnolo vince anche volate di gruppo e può battere qualsiasi velocista che non si chiami Alessandro Petacchi.
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Elite




Posts: 28
Registrato: Oct 2004

  postato il 21/10/2004 alle 19:29
Su Valverde concordo con chi lo vede adatto al Tour: salite poco ripide, e molto cronometro; in uno scontro con Cunego vincerebbe in Francia, ma perderebbe in Italia e in Spagna: la Vuelta di quest'anno non fa testo e tutti sappiamo perchè. Ma va forte anche nelle classiche; diciamo che è una sorta di Cunego2 meno forte in salita ma più rapido a cronometro; allo sprint vince Valverde: Cunego vince gli arrivi ristretti, lo spagnolo anche quelli di gruppo...
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Alfredo Binda




Posts: 1101
Registrato: May 2004

  postato il 21/10/2004 alle 21:39
Interessanti le osservazioni di Guglielmo Tell su Valverde; A questo punto valverde diventerebbe un corridore più da classiche come la liegi e il mondiale...credo che, considerato che ha anche un indubbio spunto veloce, il suo futuro potrebbe essere più da uomo da brevi strappi che da lunghi colli più adatti a scalatori. Vedremo come maturerà il ragazzo
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 02/01/2005 alle 13:31
il nuovo fenomeno spagnolo ha dichiarato che l'obiettivo principale della prossima stagione e'il tour de france,nel quale crede potra'far davvero bene!
cerchera'cmq di curare le classiche di primavera e se nn quest'anno,nella sua carriera vorra'a tutti i costi vincere una vuelta,che,purtroppo per noi,gli da molti piu'stimoli del giro d'italia!

 

____________________
Giuseppe Matranga

www.cicloweb.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Luglio 2009




Posts: 4217
Registrato: Oct 2003

  postato il 04/01/2005 alle 00:53
Il talento c'è, il virtuosismo anche, l'ambizione può persino apparire eccessiva.
Lo avrei preferito in Belgio, come si pronosticava in estate e lì avremmo visto in poco tempo i suoi veri valori.
Il ciclismo spagnolo degli ultimi anni, è pieno di corridori anche giovanissimi, quasi tutti figli della Kelme, formidabili in patria e poi comparse nei sodalizi stranieri. Freire a parte, ovviamente, ma il campione del mondo è un caso unico, aldilà di qualsiasi schema...
Valverde ha dimostrato qualcosa di diverso, ma rimane un interrogativo, non già per i medi livelli, ovvero sul terreno che lo può portare alla conquista di qualche classica (che sono già alla sua attuale portata), ma a quello tutto particolare dei grandi giri. Andare bene a cronometro non significa automaticamente avere possibilità di vincere la “Grande Crono”, pardon la Grande Boucle, perché, nonostante Leblanc, in questa corsa vi sono comunque delle salite, certo meno aspre di quelle del Giro, ma pur sempre lunghe di quel tanto da rappresentare per Valverde un'incognita. Non deve nemmeno esaltare il comunque ottimo comportamento del giovane spagnolo alla Vuelta, perché sono troppi gli iberici che in casa loro sembran marziani o sulla strada per diventarlo, poi....
Credo che non vi sia nessun corridore al mondo, fra quelli di una certa consistenza potenziale e dimostrata, su cui sia necessario attendere per capire......
Può apparire irrispettoso verso ciò che Valverde ha dimostrato (soprattutto al mondiale di questo anno), ma di fronte a questo corridore può starci di tutto: la grandezza che incide la storia, ma anche la delusione che s’accoda ad una ormai lunga fila di connazionali. Di fronte a lui, mi sento incapace di pronosticare, cosa che non mi capitò con Gonzales, verso il quale non m’abbandonai mai (nemmeno su quella Vuelta vinta di fatto sul terribile Angliru) a giudizi di evidente grandezza. Anzi, quando Ferron portò Aitor alla sua corte....fui convinto che l’affare l’aveva fatto, in tutti i sensi, Santoni.....
Vedremo dunque dove arriverà il venticinquenne (ad aprile) Alejandro Valverde, ma il fatto che sia rimasto in Spagna.....uhm.... mi crea ancor più curiosità nell’attesa di vedere i suoi effettivi epigoni.
Il paragone con Cunego?
Bèh, è come confrontare su due piedi, in maniera totalmente empirica, il certo con l’incerto. Non dimentichiamo mai che la grandezza di un atleta sta molto, ma molto, nella testa. Damiano quando non è in forma sa arrangiarsi ed arriva, vedi il mondiale (dove comunque è giunto nel gruppetto della maglia iridata). Aggiungerei il Lombardia, e non ho timori ad affermare che solo lui poteva vincere quella corsa pur essendo a non più del 70%. Altro aspetto su cui spesso si sorvola, ma è di grandi significati: Cunego ha vinto in primavera, s’è affermato in un grande Giro, ed ha trionfato nell’ultima corsa importante della stagione. Proviamo a fare confronti con chiunque negli ultimi venti anni, setacciando gli albi d’oro….e ne scopriremo delle belle. Tanto più se guardiamo la carta d’identità del ragazzino veronese. Valverde ha fatto cilecca alle Olimpiadi che pure aveva preparato, ha vinto fino ad oggi delle gare di secondo piano, ha fatto vedere dei lampi di grandissimo potenziale, ma ha pure un anno in più di Damiano.....

Morris

 

[Modificato il 04/01/2005 alle 01:39 by Morris]


 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 04/01/2005 alle 01:42
come ho scritto un po'dappertutto nel forum in estate,nn posso che essere d'accordo con te morris,veramente alejandro a parte due ottime prove iridate nn ha fatto nulla fuori dalla spagna...e'spaventoso il fatto che vedendo il suo curriculum,ormai triennale,impreziosito da decine di vittorie ed ancor piu'piazzamenti,la sua miglior prova fuori dalla penisola iberica,campionati del mondo a parte,sia un 38esimo posto,staccatissimo,al giro di lombardia2003!
e'vero lui e'forse il corridore che lascia la maggior incertezza,visti i numeri straordinari che fa intravedere in patria e che il doping puo'spiegare solo in parte,ma questo zero nella casella piazzamenti nelle restanti prove europpe,anche e soprattutto le piu'importanti,comincia ad essere motivo di riflessione...confermata dal suo passaggio all'iles baleares,ancora in spagna,ma che magari gia'dalle prossime classiche in primavera'(ed anche al tour)potra'riempire e con esso applaudire la consacrazione di un giovane talento,ad un campione di grande classe!

 

____________________
Giuseppe Matranga

www.cicloweb.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Luglio 2009




Posts: 4217
Registrato: Oct 2003

  postato il 04/01/2005 alle 02:18
In Spagna, vecchia dimora e "palestra" di un certo Sire, ho visto tal Valeron, lentone per antonomasia, correre il cerchio di centrocampo in 2"4, ed il suo club, il Deportivo La Coruna, farsi polpette del Milan, ben aldilà del 4-0 finale. Ho visto dei 38enni o 36enni fare mirabilie sul ritmo e la continuità. Ho visto una Kelme che per anni ha prodotto campionicini in quantità industriale, e nell'atletica dei mezzofondisti in grado di graffiare le caviglie ai grandi colored che vivono sugli altipiani e si allenano inseguendo gli struzzi.
Poi ci sono certe dichiarazioni, quella di Manzano su tutte, che mi fanno pensare....ben oltre gli orrizzonti di ciò che posso intuire....

Eppure, è una terra che si fa amare, dove la focosità sportiva, spesso si sublima nella maturità e nel gusto dell'applauso e nell'esaltazione dei bravi di qualsiasi colore o nazionalità.
In Spagna, Marco era più amato che in Italia e lo dico perchè l'ho toccato con mano. Se anzichè nato a Cesenatico, fosse venuto al mondo a Barcellona o Valencia, sarebbe ancora vivo e, dell'ingombrante presenza di Sua Altezza, non vi sarebbe nemmeno l'ombra. Marco-spagnolo, avrebbe disintegrato il Tour '99, facendo la seconda doppietta, ed uccidendo sul nascere le velleità di Colui che vinse quella Grande Boucle, nonchè la Sua relativa corte di richiami di potenti automobili rosse.

La Spagna è un paese che mi piace davvero, ma anche per prova diretta, so che è inattendibile in troppi campi sportivi..... anche grazie a certe facilità in quel che ben sappiamo....

Valverde potrebbe essere un misto fra Indurain e Freire, ma potrebbe pure fare la fine di Sevilla, Canada....ecc.
Alle Olimpiadi, lo davo sicuro a medaglia, poi abbiamo visto come ha ceduto di schianto. Ho tra l'altro l'impressione che sia uno che fa leggere agli avversari la sua condizione, attraverso la smorfia del volto. Mah......
In ogni caso, è un talento....ma di talenti inespressi è piena la storia dello sport.
Hanno fallito fenomeni più grandi (e non di poco) come Venturelli e Vandenbrouke, magari il vincente.... sarà proprio Valverde...

Ciao Giuseppe!

Morris

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 04/01/2005 alle 02:35
e'verissimo,ma noi siamo un popolo del tutto particlare,tendenzialmente masochistico,e con i miei occhi,a barcellona,ho visto il popolo spagnolo piu gioioso,caldo,ma soprattutto piu'sereno(almeno all'apparenza di una settimana di vacanza)....certo che,seppur quel giorno ho tifato deportivo come raramente ho fatto nella mia vita,perche'proprio nn mi andava giu'che l'onnipotente e presente imprenditore italiano fosse protagonista contemporaneamente sia in europa che in italia,appagando le sue tendenze spesso megalomani,vedere il 38enne mauro silva esser ancora diga di centrocampo come dieci anni prima,luque piu'veloce di cafu'e come dici tu valeron,agile e scattante come mai visto prima(e neanche dopo..)mi ha veramente fatto schifo,ricordandomi molto proprio il juve-real di cui parlato su un'altro tuo thread riguardo al calcio....e a dirla tutta anche il monaco di,guardacaso,didier deschamps proprio contro il real ma anche contro il chelsea e piu'in generale in quasi tutti gli straordinari secondi tempi della sua squadra nella scorsa champions...credo kallon nn potesse trovare squadra a lui piu'adatta

 

____________________
Giuseppe Matranga

www.cicloweb.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 05/01/2005 alle 00:17
Benchè provenga dal vivaio alchemico della Kelme, io scommetterei apertamente sul talento di Valverde.
Come il nostro amico spagnolo Teka ritengo anche io che sia portato dalla natura verso le classiche, ma purtroppo è indirizzato dalla cultura verso le corse a tappe (è l’unico motivo credibile per il quale abbia rifiutato le proposte quickstep e rabobank).
Purtroppo (per lui) a mio avviso corre il rischio di sprecare tanto tempo.
Ma in questa stagione burrascosa, nella quale la squadra spagnola si è vista rifiutare la partecipazione al Giro e al Tour, Alejandro ci ha messo pure del suo, come testimonia l’elenco delle vittorie:
1 vittoria nel Challenge di Maiorca
2 tappe al giro di Valencia
1 tappa al giro dei Paesi Baschi
1 Gp primavera Amorebetia
3 tappe al giro di Castiglia
3 tappe al giro di Burgos
1 tappa alla vuelta a Espana

Sembrerebbe il palmarès di Max Van Heeswijk (se non ci fossero le vittorie nella classifica finale a Valencia, Murcia e Burgos).
Quindi le ipotesi che si possono fare sono due, ovvero che il corridore sia stato gestito male dal suo dierttore sportivo e non è stato capace di mostrare personalità sufficiente per reagire, oppure che il corridore sia stato lasciato allo sbando e abbia dimostrato di avere ancora bisogno di validi maestri, come è giusto che sia.
Perchè dico ciò? Perchè saltando Giro e Tour altro non gli restava che preparare maniacalmente le corse più importanti del calendario spagnolo, ossia il Giro dei Paesi Baschi e il Catalogna (vittoria finale mancata in entrambe le corse), quindi la classica di San Sebastian (dove un 61° posto è difficile da spiegare con la sola sfortuna), quindi la Vuelta, dove il pur valido quarto posto è tuttavia un passo indietro rispetto all’annata precedente.
Insomma, il talento c’è sicuramente, sul carattere e sulla fermezza d’animo sarei un po’ più scettico.
Potrebbe fare benissimo sin dall’anno prossimo, ma sarei disposto ad accettare benevolmente anche un’altra annata a vuoto, perchè secondo me ha bisogno di tantissima esperienza e di una valida guida, che magari sappia indirizzarlo verso le corse di un giorno (dove, e sono d’accordo con Teka, potrebbe non avere rivali talmente è completo come corridore): Echavarri è l’uomo giusto? Mmmm...
Fermo restando che per me l’anno prossimo potrebbe vincere la Vuelta, un po’ meno dura del solito e soprattutto accorciata a quindici-sedici tappe effettive più appendice.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 05/01/2005 alle 02:54
credo che cmq quest'anno provera'a primeggiare alle classiche del nord,anche perche'senno'sarebbe un suicidio tecnico,ho letto che infatti avrebbe dichiarato che fra qualche anno si dedichera'totalmente alle classiche,dove crede si possa vincere anche in eta'piu'avanzata(son abbastanza d'accordo),magari dopo aver portato a casa un grande giro,senno'pazienza....ed in quel caso un anno di prova al tour a discapito delle restanti corse in linea estive ed autunnali,gli si puo'tollerare!

e poi l'abbiamo entrambi messo vittorioso alla vuelta...nonostante neanche si sappia se ci partecipera',tocca sperare che ancora per questa stagione curi ancora le grandi corse a tappe

 

____________________
Giuseppe Matranga

www.cicloweb.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Raymond Poulidor




Posts: 356
Registrato: Dec 2004

  postato il 05/01/2005 alle 09:32
Non so perchè ma Valverde mi ricorda moltissimo il primo Bugno, quello pre-Sanremo. Seppur diverso nel carattere il suo limpido talento mi ricorda proprio quello del monzese... la pedalata vellutata, la volata superba, la buona prestazione a cronometro, l'incertezza del rendimento in salita.
Se potessi consigliare Valverde lo indirizzerei sulle grandi classiche e sul Tour con l'ambizione di vincere le tappe più belle.
Fermo restando i dubbi (leciti) di Morris.

 

____________________
Ale

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage
Nuovo Thread  Nuova risposta   Nuovo sondaggio
 
Powered by Lux sulla base di XMB
Lux Forum vers. 1.6
1.6148779