Board logo

Il Forum di Cicloweb

Non hai fatto il login | Login Pagina principale > Dite la vostra sul ciclismo! > Pedalare in sicurezza
Nuovo Thread  Nuova risposta  Nuovo sondaggio
< Ultimo thread   Prossimo thread >  |  Versione stampabile
<<  1    2  >>
Autore: Oggetto: Pedalare in sicurezza

Livello Ottavio Bottecchia




Posts: 559
Registrato: Jul 2005

  postato il 13/10/2005 alle 23:01
Dopo i numerosi lutti sulle strade in questo 2005, che hanno coinvolto sia amatori che dilettanti e professionisti in allenamento o in gara, avevo promesso di aprire un thread sul tema della sicurezza.

Non vorrei sembrare presuntuoso: non credo di essere il più esperto in materia. Anzi, so bene che su questo forum ci sono persone che hanno accumulato molti più km di esperienza rispetto al sottoscritto. Proprio per questo mi piacerebbe che questo thread divenisse una sorta di laboratorio all’interno del quale ciascuno di noi inserisse i propri suggerimenti a chi – magari - ha minore esperienza sulle strade.

Ecco così, alla rinfusa, alcuni consigli che mi permetto di indirizzare a quanti si avviano (o si sono da poco avviati) all’attività ciclistica. Comincio con quattro, cinque idee. Il resto fatelo voi.

1) – Quando vi trovate a pedalare vicino a una fila di macchine parcheggiate, cercate di tenere sempre una distanza tra voi e le auto, al fine di evitare urti in caso di apertura improvvisa di una portiera;

2) – In ogni caso quando siete vicini alle auto cercate di tenere sotto controllo, con la coda dell’occhio attraverso i vetri l’eventuale presenza di persone all’interno degli abitacoli. Se scorgete movimenti o sagome dentro le vetture avrete individuato potenziali pericoli come partenze improvvise del mezzo o – come sopra – l’apertura delle portiere.

3) – Non rimanete mai vicinissimi al ciglio della strada. Questa condotta ci da la sensazione di essere fuori dalla portata delle auto. Invece, a parer mio, lasciando la corsia completamente sgombra, in pratica, si “autorizzano” gli automobilisti a non rallentare, perché dicono: “Tanto ci passo” e quindi vi esponete a rischi maggiori. E’ bene – secondo la mia esperienza – tenere un metro un metro e ½ circa tra noi e il guard rail, proprio per costringere, quasi, le auto ad allargare la traiettoria per sorpassarci. E, ove nell’altra corsia ci siano altri veicoli, a rallentare. Non solo: quando sentiamo le auto avvicinarsi gradualmente possiamo – via via che arrivano – riguadagnare il guard rail. In questo modo le auto avranno allargato la traiettoria e in più noi ci saremo allontanati dal pericolo.

4) – Quando pedaliamo su strade poco trafficate, specialmente se la velocità è sostenuta (nel mio caso, quindi non c’è pericolo ) è bene, ogni tanto, girare la testa lateralmente non tanto per vedere con la coda dell’occhio se sopraggiungono degli autoveicoli, quanto perché questo ci consente di sentirli dato che se si procede fronte alla strada l’aria riduce notevolmente la nostra percezione dei rumori.

5) – Attenzione quando bevete! Sono caduto poche volte, per fortuna, ma in ben due circostanze mi è successo mentre mi dissetavo con la borraccia. Quello è un momento in cui si è particolarmente “vulnerabili”, perché il manubrio è tenuto con una mano sola, perché mentre si beve spesso si tolgono gli occhi dalla strada e... basta una buca, un tombino e si finisce a pelle di leone.

Ne avrei altre, ma... forza ragazzi tocca a voi.

Ciao

Alex

 

____________________
Fu nel 1982 che capii. Odio le armi, ma la fucilata - quel giorno - mi fece innamorare.

 
Edit Post Reply With Quote

Moderatore
Utente del mese Gennaio 2009




Posts: 3948
Registrato: Apr 2005

  postato il 14/10/2005 alle 00:13
bravo Grimpeur un'altro ottimo thread

provo ad aggiungere:
- se siete in gruppo mantenete l`andatura in colonna e non affiancati.
Dove non passano macchine al massimo 2 affiancati, cosi`da far presto
a "sganciarsi". Parlare in bici e`un po` come lavarsi
le mani al bagno: si puo` far prima o dopo, MAI durante

-mettete sempre il casco, e tenetelo anche in salita!

-le cuffiette stanno a casa!

 

[Modificato il 14/10/2005 alle 00:17 by pedalando]

____________________

"Non esistono montagne impossibili, esistono uomini che non sono capaci di salirle", Cesare Maestri

"Non chiederci la parola che mondi possa aprirti, si` qualche storta sillaba e secca come un ramo...
codesto solo oggi possiamo dirti: cio` che non siamo, cio` che non vogliamo.", Eugenio Montale.

 
Edit Post Reply With Quote

Moderatore
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 6025
Registrato: Oct 2005

  postato il 14/10/2005 alle 00:31
mi raccomando, evitiamo di usare il cellulare mentre pedaliamo, sulle strade non è raro vedere gente in bici che parla a telefono!!!
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Giro delle Fiandre




Posts: 100
Registrato: Oct 2005

  postato il 14/10/2005 alle 09:19
Ecco le mie:
- Fissate e sistemate i portaborraccia e le sacchette per le camere d'aria, in modo che le asperità del terreno non ne provochino la caduta.
-Non pulite gli occhiali mentre pedalate.

 

____________________
"Nessuno può governare gli altri se prima non sa governare se stesso" (Confucio)
Ciaooooo a tuttiiiii
Massimiliano

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Mondiali




Posts: 133
Registrato: Aug 2005

  postato il 14/10/2005 alle 09:39
Gia l'ha scritto pedalando, e lo ribadisco, sempre il CASCO, io l'ho sempre usato e lo uso in ogni uscita, anche d'estate, oramai sono cosi leggeri e con tante prese d'aria che non me ne accorgo neanche d'averlo.
E per chi pedala nelle ore serali, consiglio faretti, lucine e abbigliamento rifrangente.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Hugo Koblet




Posts: 413
Registrato: Aug 2005

  postato il 14/10/2005 alle 09:51
Dico anche la mia.
Mi sono trovato a volte in gruppetto di una decina di persone inesperte a pedalare.
I gruppi che escono la domenica fanno spesso delle garette tra di loro.
Più di una volta mi sono staccato perchè presi da sentimento agonistico dimenticano completamente il codice della strada.
Così se il semaforo diventa giallo qualche secondo prima, il gruppetto difficilmente si ferma e lo sorpassa con il rosso già attivo da qualche secondo, questo atteggiamento è pericolosissimo.
Altra situazione molto critica è buttarsi dopo una lunga salita nella meritata discesa, si dimentica molto spesso che il traffico è libero e sopratutto le moto in salita si divertono a tagliare le curve, attenti quindi a non farlo anche voi.
Il casco io lo uso a fatica ma farei bene a portarlo sempre con me.

Altro consiglio quando ci avviciniamo ad una rotonda su una statale molto spesso noi siamo nella tratta che deve dare precedenza, il problema nasce quando il classico pirl.a si diverte a fare la rotonda veloce.
Un metodo da me usato è quello di cercare gli occhi del "pilota" e fischiare (tipo richiamo pecore) in modo da farmi notare.

Mettete abbigliamento molto colorato.

 

____________________

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Sean Kelly




Posts: 601
Registrato: Oct 2004

  postato il 14/10/2005 alle 10:38
Durante le uscite di gruppo non è INDISPENSABILE limare le ruote di chi ti sta davanti e, invece, chi sta in testa al gruppo deve cercare di avere un'andatura il + possibile regolare, in particolare frenando e riaccelerando con una certa gradualità in prossimità delle curve.
Se facciamo parte di gruppi molto numerosi, dividiamoci in + gruppetti, anche poco distanti tra loro, per facilitare il sorpasso ed evitare di obbligare i guidatori meno esperti a manovre azzardate.(facciamo vedere che siamo MIGLIORI di loro!)

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Sean Kelly




Posts: 601
Registrato: Oct 2004

  postato il 14/10/2005 alle 10:47
In + sul casco, come ho ribadito in un altro thread, oltre all'invito a portarlo SEMPRE, direi anche DIVIETO ASSOLUTO di partecipare a qualsiasi manifestazione ufficiale(mi riferisco in particolare a certi raduni....) se non si osserva l'obbligo di indossarlo.
(una piccola parte di ciclisti usa ancora solo bandane, berrette ecc. e basta...).

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Giro del Lazio




Posts: 64
Registrato: Oct 2005

  postato il 14/10/2005 alle 11:20
Originariamente inviato da 55x11grimpeur

3) – Non rimanete mai vicinissimi al ciglio della strada. Questa condotta ci da la sensazione di essere fuori dalla portata delle auto. Invece, a parer mio, lasciando la corsia completamente sgombra, in pratica, si “autorizzano” gli automobilisti a non rallentare, perché dicono: “Tanto ci passo” e quindi vi esponete a rischi maggiori. E’ bene – secondo la mia esperienza – tenere un metro un metro e ½ circa tra noi e il guard rail, proprio per costringere, quasi, le auto ad allargare la traiettoria per sorpassarci. E, ove nell’altra corsia ci siano altri veicoli, a rallentare. Non solo: quando sentiamo le auto avvicinarsi gradualmente possiamo – via via che arrivano – riguadagnare il guard rail. In questo modo le auto avranno allargato la traiettoria e in più noi ci saremo allontanati dal pericolo.


D'accordissimo, sono anni che lo raccomando!!!

 

____________________
Solo con i fuori soglia si migliora (Danilo Killer Di Luca)

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Ottavio Bottecchia




Posts: 559
Registrato: Jul 2005

  postato il 14/10/2005 alle 11:26
Marc, Pedalando, Mbuffon, DS, Woodstock 76, Ironmike, Celapossorifare oltre ad esprimere sincero sconcerto per il nick di "celapossorifare", autentico scioglilingua vi ringrazio.

Vedi Ironmike a noi sembran cose scontate, ma non è così per tutti. Certo su questo sito ci sono quasi solo esperti però... certe raccomandazioni non fanno mai male credo.

Ciao

 

____________________
Fu nel 1982 che capii. Odio le armi, ma la fucilata - quel giorno - mi fece innamorare.

 
Edit Post Reply With Quote

Moderatore
Utente del mese Gennaio 2009




Posts: 3948
Registrato: Apr 2005

  postato il 14/10/2005 alle 17:18
Giusto,
consigliare la prudenza non e' mai un'offesa.

 

____________________

"Non esistono montagne impossibili, esistono uomini che non sono capaci di salirle", Cesare Maestri

"Non chiederci la parola che mondi possa aprirti, si` qualche storta sillaba e secca come un ramo...
codesto solo oggi possiamo dirti: cio` che non siamo, cio` che non vogliamo.", Eugenio Montale.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Federico Bahamontes




Posts: 390
Registrato: Oct 2005

  postato il 14/10/2005 alle 17:28
Una cosa non scontata è stare attenti quando ci si alza sui pedali e dietro c'è qualcuno alla nostra ruota. Chiaramente questo qualcuno deve avere l'accortezza di non limare troppo la ruota; però secondo me non è una cattiva idea spostarsi leggermente di lato prima di alzarsi sui pedali in modo da evitare che, con la decelerazione, chi ci segue si avvicini pericolosamente alla nostra ruota.
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3711
Registrato: Apr 2006

  postato il 21/05/2006 alle 22:28
Direi anche che nelle vicinanze di incroci o rotonde se siete in gruppo è meglio sganciarsi leggermente dalla ruota di chi vi sta davanti, in caso di frenate improvvise potreste finirgli addosso (a me è successo, ero davanti e non è stato piacevole, per fortuna sono rimasto in piedi)

 

____________________

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2301
Registrato: Dec 2003

  postato il 29/05/2006 alle 12:27
Guardate cosa è successo alla mia squadra, me compreso.

I FATTI
Il 19 maggio partiamo in bici alla volta di Biassa (Spezia) per vedere il Giro d'Italia. Siamo in 8. A sud di Aulla ci affianca e supera una macchina dei CC, si ferma in una piazzola e ci intima l'alt. Dicono che eravamo in doppia fila, in troppi, ostacolavamo il traffico. Multa per tutti. Fuori i documenti. Nessuno tranne uno li ha. Ora, come multare una persona sola dicendogli di avere fatto doppia fila? L'alternativa è chiamare una camionetta e portare in caserma per identificarli 8 ciclisti e i loro 8 mezzi di trasporto. Il brigadiere si accorge della situazione grottesca e non sa come venirne fuori, sebbene nessuno di noi protesti. Potevamo anche farlo, perchè se uno si sfila dalla testa del treno per andare dietro, non puoi dire che non sta in fila. Complice la strada stretta, basta anche poco per bloccare il traffico, ma con questo il nostro gruppo cerca sempre di comportarsi con educazione e rispetto della legge. Accettiamo la reprimenda (anche se tanto le macchine sfrecciavano ben oltre i limiti di velocità...) fino a quando l'appuntato ci dice che siamo pure in infrazione perchè non abbiamo fanalini, catarinfrangenti, campanello e parafanghi... E qui mi arrabbio io: siamo tesserati ad una federazione e quindi ci stiamo allenando, abbiamo una deroga al codice... del resto i professionisti si allenano con una bici con il campanello?
Alla fine, dopo lunga discussione, ci lasciano andare...

POCHI GIORNI DOPO...
Sul giornale locale LA NAZIONE appare un articolo sul fatto... qualcuno da dietro ci ha scattato una foto a nostra insaputa, in barba alla privacy, e la redazione ci fa su un articolo denigratorio su di noi. Notare bene che le divise sono tutte uguali e riconoscibili, con grosso danno per la società e gli sponsor. Non solo, ma apposta per questo potevano anche sentirci per avere la nostra versione dei fatti.
Contattiamo la redazione. Non ci vogliono dire chi ci ha "rubato" (è il termine giusto) la foto, ci dice di avere fatto l'articolo chiamando la caserma dei CC, e che comunque noi siamo tutti indisciplinati e che meritiamo questo e altro.
Insomma, un pò si cerca di denigrare gli utenti deboli della strada, un pò si cerca di riempire le pagine locali quando si è a corto di fatti importanti, e la frittata è fatta...

A questo punto abbiamo deciso di dire la nostra sulla stampa locale.

LA NOSTRA LETTERA ALLA STAMPA

LA CRIMINALIZZAZIONE DEI CICLISTI NON RISOLVE I PROBLEMI DELLE NOSTRE STRADE

Martedì 23 maggio, un quotidiano locale ha riportato in cronaca della Lunigiana l’episodio di un gruppo di cicloamatori fermati da una pattuglia dell’Arma, che ha contestato loro l’infrazione di alcune norme del codice della strada senza poi procedere a sanzionarli. L’articolo – corredato da una foto scattata all’insaputa dei ciclisti stessi, tutti con la divisa della nostra società sportiva – ci ha lasciato indignati. Il registro non era quello di una normale cronaca, ma era intriso di una malcelata soddisfazione per la reprimenda nei confronti degli odiati ciclisti, rei di intasare le strade con i loro grupponi di indisciplinati vagabondi.
La ricostruzione dei fatti poi, altera completamente la realtà. Si dice che “I militari hanno suonato per chiedere il rispetto del codice della strada […]. Forse hanno fatto finta di niente, forse hanno risposto con qualche gestaccio senza neppure voltarsi. Fatto sta che ... sono stati sfortunati. I militari hanno azionato la sirena e li hanno costretti a fermarsi". Smentiamo che i militari abbiano suonato (non è col clacson che si chiede il rispetto delle leggi!), che abbiano azionato la sirena, tantomeno che siano stati ricoperti di gestacci. Chi ha fornito allo zelante cronista questa ricostruzione? Sebbene le divise avrebbero permesso di rintracciare facilmente la società, nessuno ha chiesto la nostra versione dei fatti, sbattendoci sul giornale come “maleducati”. Ci sono aggettivi precisi per definire questo tipo di giornalismo, ma sorvoliamo: da certa stampa non si può pretendere più di tanto. Ci preme piuttosto sottolineare due aspetti importanti.
Primo. I cicloamatori sono in generale cittadini educati e civili. Certo, anche tra di loro vi possono essere persone irrispettose della legge e dell’educazione, che noi condanniamo fermamente. Non accettiamo però che la nostra società e i nostri sponsor debbano, tramite la foto, “pagare per tutti”, unici colpevoli di un mondo, quello del ciclismo amatoriale locale, ampio e variegato.
Secondo. Non accettiamo la criminalizzazione e l’accanimento con la quale si dipinge la presenza in strada dei ciclisti. Il codice della strada impone diritti e doveri a tutti. Invece, per il nostro cronista e per diversi automobilisti della sua stessa risma, sembra scritto solo per tutelare loro stessi, mentre i ciclisti subiscono soprusi con cui si riempiono le cronache solo quando ci scappa la disgrazia.
La congestione delle strade non è dovuta solo alla nostra presenza, ma ad un traffico veicolare in crescita verso il quale non si adotta alcuna politica correttiva. Se al nostro cronista d’assalto sta a cuore il problema delle strade, perché non scrive un pezzo sulle gare di velocità tra moto sulla salita della Cisa? Perché non denuncia il degrado di molte strade dove buche e vegetazione la fanno da padroni (e poi ci si chiede perché i ciclisti non stanno a bordo strada…)? Ma si sa, scrivendo certe cose si rischia di fare arrabbiare qualcuno “in alto” e allora per quei cronisti, pavidamente, è molto più comodo prendersela con chi sulla strada è l’utente più debole. Chiamatela, se volete, “informazione”.
[Il direttivo dell’Unione Ciclistica Alta Lunigiana ‘04]

 

____________________
Il mio blog: http://passodellacisa.blogspot.com
La mia squadra ciclistica:http://altalunigiana04.comyr.com

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Luison Bobet




Posts: 774
Registrato: Jan 2005

  postato il 29/05/2006 alle 12:39
Che brutta disavventura Frank..
MA avevato creato effettivamente coda o no? (e' una curiosità mia, non che da questa risposta si capisca dov'è la ragione e dove sta il torto..)

Mi viene nervoso al posto vostro a sapere di quell'articolo sul giornale... è una situazione che neanche lontanamente immaginavo nei miei pensieri..

Sono per l'uso del buon senso...certi carabinieri quando non l'applicano e cadono nella meticolosa applicazione del codice diventano molto irritanti..

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2301
Registrato: Dec 2003

  postato il 29/05/2006 alle 12:49
Ma guarda,
lì la statale è tortuosa e basta solo che uno si sfili che crea un bel tappo. Ci sta quindi che a noi sia andata così e che dietro avevamo i CC e li abbiamo fatti innervosire. Ma di solito noi non facciamo le doppie file. Ed è irritante che i carabinieri ti trattino come un delinquente. Oltretutto ci hanno fatto notare che "eravamo in troppi", insomma dovevamo andare via uno per volta per non creare intasamenti. A me andrebbe bene se la regola valesse anche per auto e camion...

Ma è stata la diffamazione a mezzo stampa che ci ha veramente mandati in bestia. Titoli come "ciclisti maleducati" o balle tipo che li abbiamo insultati o che loro abbiano dovuto azionare la sirena, come se con noi corresse Provenzano, ti fanno troppo incaz.zare.

 

____________________
Il mio blog: http://passodellacisa.blogspot.com
La mia squadra ciclistica:http://altalunigiana04.comyr.com

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 29/05/2006 alle 12:59
Complimenti a LA NAZIONE, proprio un giornale coi fiocchi...
Assolutamente condivisibile la replica della vostra Società.

 

____________________
Davide

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Luison Bobet




Posts: 774
Registrato: Jan 2005

  postato il 29/05/2006 alle 13:04
Parafrasando il Vernacoliere: La Razione (di caxxate quotidiane)
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2797
Registrato: Apr 2005

  postato il 29/05/2006 alle 17:44
E' inutile commentare, basta il nome della testata: La Nazione.
Almeno un tempo serviva per avvolgere il pesce, ora neanche più a quello.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Federico Bahamontes




Posts: 392
Registrato: Feb 2005

  postato il 29/05/2006 alle 18:26
La sicurezza da queste parti rischia di diventare un lusso da queste parti nei prossimi anni... Già ieri sera, almeno 7-8 km dei 45 totali li ho fatti... dietro ruota per usare un eufemismo

Per quel che posso mi sto impegnando a utilizzare meno la macchina (se non altro è una macchina in meno in circolazione hihihih )

Scherzi a parte... ci si deve ridimensionare e come al solito per cambiare le cose la cosa migliore è partire da noi. E' stancante, certo: è più comodo uscire dal lavoro e sedersi in macchina piuttosto che correre per non perdere le coincidenze... ma in fondo ci si guadagna in salute e la pressione non si alza... Io lo sto facendo e oltre a questi vantaggi... beh, si risparmia pure economicamente :-D

Prima condizione per la sicurezza: meno macchine sulle strade!! Per il resto... basta usare il cervello!

 

____________________


Crono-Campione-Nazionale 2005 US ACLI

Attenzione!! Vieni a trovarmi su

http://www.cycling-checco.tk

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Freddy Maertens




Posts: 873
Registrato: Jan 2006

  postato il 29/05/2006 alle 20:05
Frank, una bella denuncia per violazione della privacy non gliela può togliere nessuno... Portali in tribunale, poi vedi come fanno in fretta a mettere mano al portafogli e alla penna per le scuse...

 

____________________
Web: http://www.free-os.it/blog/ Status:

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 2301
Registrato: Dec 2003

  postato il 30/05/2006 alle 09:14
Originariamente inviato da alt-os

Frank, una bella denuncia per violazione della privacy non gliela può togliere nessuno... Portali in tribunale, poi vedi come fanno in fretta a mettere mano al portafogli e alla penna per le scuse...


Ci abbiamo pensato... ma se spendiamo soldi per avvocati ci giochiamo quei pochi per la cena sociale di fine anno e per le altre attività. Per cui ci accontentiamo di sputtanarli un pò.

 

____________________
Il mio blog: http://passodellacisa.blogspot.com
La mia squadra ciclistica:http://altalunigiana04.comyr.com

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 1563
Registrato: Nov 2005

  postato il 30/05/2006 alle 12:23
Frank la tua disavventura è incredibile, e purtroppo può capitare a tutti noi. Io non ho ben chiaro una cosa, in qualsiasi momento un vigile "troppo" zelante può multarti per mancanza di campanello, fari etc etc?? Il tesserino ti evita questo tipo di inconveniente? Ti ringrazio anticipatamente per la risposta ed hai anche tutta la mia solidarietà di clcloturista (per quello che può servire).

 

____________________
FANTACICLISMO CICLOWEB: il più forte.
Fantarivale storico (stimato e rispettato): Salvatore77
Gran CKC Staffoli 2010: Maglia Nera

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Freddy Maertens




Posts: 873
Registrato: Jan 2006

  postato il 30/05/2006 alle 12:27
Originariamente inviato da Frank VDB

Originariamente inviato da alt-os

Frank, una bella denuncia per violazione della privacy non gliela può togliere nessuno... Portali in tribunale, poi vedi come fanno in fretta a mettere mano al portafogli e alla penna per le scuse...


Ci abbiamo pensato... ma se spendiamo soldi per avvocati ci giochiamo quei pochi per la cena sociale di fine anno e per le altre attività. Per cui ci accontentiamo di sputtanarli un pò.


Mica serve un avvocato. Tu comincia a sporgere denuncia ai carabinieri per diffamazione e violazione della privacy, scrivi al garante, e manda in copia a loro. Poi quando arriva il processo (sempre che ci arrivino) vedrete se proseguire o meno...

 

____________________
Web: http://www.free-os.it/blog/ Status:

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Herman Van Springel




Posts: 452
Registrato: Jul 2005

  postato il 30/05/2006 alle 14:07
credo che essere tesserati non metta al riparo da multe se si trova il tale che + che zelante definirei somaro. Non ne sono sicuro ma credo che se si impunta la multa te la appioppa anche se io in 28 anni di bici uno del genere mai lo ho incontrato ...anche se qualche anno fa mi pare che pure due prof furono mulati in modo analogo
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Giro del Lazio




Posts: 64
Registrato: May 2006

  postato il 30/05/2006 alle 14:11
parlando di multe impossibili, sentii dire che un tale fu multato e si trovò scalati i punti dalla sua patente, dopo essere stato visto attraversare un incrocio in bicicletta a semaforo rosso.

 

____________________
VAI GRANDE CAMPIONE!!!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2301
Registrato: Dec 2003

  postato il 30/05/2006 alle 14:18
Originariamente inviato da girardengo

parlando di multe impossibili, sentii dire che un tale fu multato e si trovò scalati i punti dalla sua patente, dopo essere stato visto attraversare un incrocio in bicicletta a semaforo rosso.



Confermo. Sentii anch'io questa storia. Allucinante.

Circa la dotazione della bici: deve avere fanali, catarinfrangenti, campanello. Io però sapevo (da un Cicloturismo degli anni '90) che il ciclista affiliato a Federazione o enti della Consulta, va in deroga a ciò poichè è in allenamento con un mezzo speciale. Però bisogna esibire il cartellino.
Non so se i cambiamenti al codice della strada degli ultimi anni hanno modificato le cose.

So per certo che da parte delle forze dell'ordine ci si deve aspettare un pò di flessibilità. Invece ti senti dire "eravate in troppi"! Come se invece le macchine fossero poche!

 

____________________
Il mio blog: http://passodellacisa.blogspot.com
La mia squadra ciclistica:http://altalunigiana04.comyr.com

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 8805
Registrato: Dec 2004

  postato il 30/05/2006 alle 14:24
Scusa, vorrebbe dire che io, non affiliato a nessuna società, se fermato dai vigili mentre giro in MTB da solo, posso venire multato perchè non ho campanello e catarifrangente?

 

____________________
http://www.nicolascattolin.com
Chi non indossa il casco non ha nulla nella testa che valga la pena proteggere.
If you don't have the balls to brake late then that is your problem. L.H. to K.R.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 9090
Registrato: Nov 2005

  postato il 30/05/2006 alle 14:41
Originariamente inviato da Andrea_Web

Scusa, vorrebbe dire che io, non affiliato a nessuna società, se fermato dai vigili mentre giro in MTB da solo, posso venire multato perchè non ho campanello e catarifrangente?


FANTASTICO!!!!! ci mancherebbe solo questa!!!!!! ehhh, l'italia, gente con decine e decine di processi che vanno in prescrizione e non gli si fa niente, e poveri ciclisti che vanno in giro in bici con la possibilità di essere multati perchè non hanno il catarinfrangente!!!!

 

____________________
EROE DEL GAVIA

A 2 Km dalla vetta mi sono detto "Vai Marco o salti tu o salta lui...E' saltato lui.
Marco Pantani.Montecampione 1998

27/28/29 giugno 2008...son stato pure randonneur

!platonicamente innamorato di admin!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2301
Registrato: Dec 2003

  postato il 30/05/2006 alle 15:06
Originariamente inviato da Andrea_Web

Scusa, vorrebbe dire che io, non affiliato a nessuna società, se fermato dai vigili mentre giro in MTB da solo, posso venire multato perchè non ho campanello e catarifrangente?


Esatto!
Tieni presente che nel comune di Treviso (visto in un servizio TV) fioccano fior di multe per questo.
In Belgio, dove ho abitato, la polizia fa addirittura i posti di blocco serali per verificare che le bici abbiano tutta la dotazione. E fioccano multe di 135 euro se sei senza fanale o se è spento. Ti controllano anche il numero di telaio per vedere che non sia rubata. Io fui fermato una volta ed era tutto ok. Tutto ciò viene fatto per l'incolumità del ciclista nel traffico urbano. Ma lassà nessuno mai fui fermato - seppure incontrai la gendarmeria spesso - quando con casco e divisa mi allenavo con la specialissima lungo le strade provinciali!!!
Insomma, c'è una bella differenza.

 

____________________
Il mio blog: http://passodellacisa.blogspot.com
La mia squadra ciclistica:http://altalunigiana04.comyr.com

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 8805
Registrato: Dec 2004

  postato il 30/05/2006 alle 15:17
Se fermato e multato di giorno c'è una deroga che mi consente di dare una craniata in fronte al vigile vero?

 

____________________
http://www.nicolascattolin.com
Chi non indossa il casco non ha nulla nella testa che valga la pena proteggere.
If you don't have the balls to brake late then that is your problem. L.H. to K.R.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 9090
Registrato: Nov 2005

  postato il 30/05/2006 alle 15:29
CRANIATA CONCESSA!!!!!

 

____________________
EROE DEL GAVIA

A 2 Km dalla vetta mi sono detto "Vai Marco o salti tu o salta lui...E' saltato lui.
Marco Pantani.Montecampione 1998

27/28/29 giugno 2008...son stato pure randonneur

!platonicamente innamorato di admin!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Giro del Lazio




Posts: 64
Registrato: May 2006

  postato il 30/05/2006 alle 15:45
Al di là di ogni battuta è vero che può essere utile portare le luci anche di giorno: non vi è mai capitato di trovarvi a passare sotto gallerie poco illuminate? Lo zelo del vigile forse non è così eccessivo. E' un po' troppo la multa magari... ma dipende dalle situazioni, magari non c'erano gallerie per km ed erano le 6 di mattina in giorno d'estate... allora sì che è eccessivo...

 

____________________
VAI GRANDE CAMPIONE!!!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Federico Bahamontes




Posts: 392
Registrato: Jan 2006

  postato il 30/05/2006 alle 16:08
se si circola in bici privi di campanello e luci si puo' essere multati. non c'entra niente il fatto di essere tesserati o no, non esiste nessuna deroga. L'unica cosa ammessa dal codice della strada sono le gare, in cui si può girare privi dei dispositivi, oppure in luoghi chiusi al traffico tipo parco o velodromo..lo so è una c*****a ma è cosi

 

____________________

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Tour




Posts: 257
Registrato: Nov 2004

  postato il 30/05/2006 alle 16:28




12/05/2006 Caso Nardi: vigili urbani e Federciclo su posizioni opposte
Per il comando dei vigili urbani del Comune di Vidor che ha multato di 21 euro il 18enne Filippo Nardi travolto da uno scuolabus perché la sua bici da crono era sprovvista di campanello e fanalino (violazione dell‚articolo 68), i ciclisti in allenamento sulle nostre strade rischiano tutti di essere pizzicati ad ogni pedalata: «Può accadere in ogni Comune, perché non rispettano il Codice della Strada. L’unica deroga concessa - puntualizza il comandante della Polizia municipale di Vidor Rita Calzavara - è prevista per le competizioni sportive. Chiunque pedali senza ottemperare ai dispositivi di segnalazione acustica o visiva previsti o violando altri articoli è sanzionabile non solo da noi».
Per la Federazione Ciclistica Italiana le cose invece non stanno affatto così: «I ciclisti regolarmente tesserati con un club e che siano in grado di dimostrarlo - ribatte Ivano Corbanese, presidente provinciale della Federiclo -, sono autorizzati a circolare liberamente in allenamento senza fanale e campanello o quant’altro, dal momento che le bici da competizione utilizzate sono state così omologate da Coni e quindi dal Ministero del Turismo e Uci, l’Unione Ciclistica Internazionale, il massimo organismo mondiale. Alcune appendici del manubrio che rendevano la posizione più aerodinamica sono state eliminate perché ritenute pericolose e in grado di causare danni. I nostri affiliati hanno solo l'obbligo di mettere il casco e rispettare scrupolosamente tutti gli altri articoli del Codice della Strada. Quindi devono marciare sempre a destra, ai semafori non possono passare col rosso e procedere in fila indiana. Sono chiaramente fuorilegge quelli che abusivamente si mettono in strada sprovvisti del tesserino che comprovi l’appartenenza alla Federazione. Se escono lo stesso in bici, lo fanno a loro rischio e pericolo. Anche perché risultano sprovvisti di copertura assicurativa contro infortuni e danni a terzi e senza avere sostenuto la visita medica di controllo obbligatoria per il tesseramento».
Non è la prima volta che i ciclisti vengono multati da zelanti tutori dell’ordine pubblico. Periodicamente non è raro imbattersi in contravvenzioni anche per eccesso di velocità.
«In passato alcuni ricorsi presentati al giudice di pace per sanzioni emesse per casi simili a quello di Vidor e non solo, hanno decretato la vittoria dei ciclisti».
Quindi se Nardi dovesse ricorrere la spunterebbe.
«Direi decisamente di sì».
Tanto più che il sinistro in questione si è verificato nel primo pomeriggio, quindi in pieno giorno. Situazione in cui l’utilizzo del fanalino sarebbe servito davvero a poco.
«Può anche essere - riprende il comandante Rita Calzavara -, ciò non toglie che il mezzo era sprovvisto di campanello. Il nostro è stato un atto dovuto, a fronte di rilievi e foto che illustrano l’esatta dinamica. Se al ciclista è stata contestata la violazione dell’articolo 68, all’autista dello scuolabus quello 145 per la mancata precedenza che prevede una multa di 138 euro e la decurtazione di 5 punti dalla patente di guida. Va sottolineato come nelle scuole cerchiano sempre di sensibilizzare gli studenti con l’educazione stradale, ma le condizioni della nostra rete viaria non aiuta a prevenire i sinistri. L’invito ai ciclisti è quello di evitare tratti pericolosi».
Scampato il pericolo, Filippo Nardi, promessa di Vidor della Moro Spercenigo, non l’ha affatto presa bene: «Ci sono rimasto molto male. Non tanto per i 21 euro che pagherò, ma per il principio. Mi sento preso in giro dopo aver rischiato la vita. Sono stato investito mentre andavo dritto per la mia strada. Mi sento miracolato ed i vigili cosa fanno? Mi portano a casa il verbale di contestazione. Campanello e fanalino avrebbero cambiato qualcosa?».
Massimo Bolognini

Fonte: "Tuttobici"

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2301
Registrato: Dec 2003

  postato il 30/05/2006 alle 16:29
Originariamente inviato da urgnanese

se si circola in bici privi di campanello e luci si puo' essere multati. non c'entra niente il fatto di essere tesserati o no, non esiste nessuna deroga. L'unica cosa ammessa dal codice della strada sono le gare, in cui si può girare privi dei dispositivi, oppure in luoghi chiusi al traffico tipo parco o velodromo..lo so è una c*****a ma è cosi


Mi fido dell'aggiornamento ma allora urge un interessamento della federazione, perchè centinaia di migliaia di persone, da Damiano Cunego e Ivan Basso fino all'ultimo pippone come me sono fuori legge. Robe da Italia, non c'è che dire.

 

____________________
Il mio blog: http://passodellacisa.blogspot.com
La mia squadra ciclistica:http://altalunigiana04.comyr.com

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Giro del Lazio




Posts: 64
Registrato: May 2006

  postato il 30/05/2006 alle 16:39
In questo caso non penso si tratti di Italia o di Francia. Non mi sembra che Armstrong e compagnia abbiano mai portato il catarifrangente.

 

____________________
VAI GRANDE CAMPIONE!!!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Herman Van Springel




Posts: 452
Registrato: Jul 2005

  postato il 30/05/2006 alle 16:47
è meglio non dire niente se no ti fanno mettere luce parafanchi e campanello....preferisco affidarmi al buon senso...che io sappia quando ti multano per quello è perchè ti fermano che sei in doppia fila e magari vuoi aver ragione al che si incavolano e ti multano altrimenti non credo lo facciano.....comunque in TV l'altro giorno mi pare d'aver sentito di un sindaco di una città che addirittura faceva sequestrare le bici senza chiaro e campanello....certo se uno circola di notte ovvio che il chiaro deve averlo ma ripeto che con il buon senso non dovrebbero esserci problemi
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Moderatore
Utente del mese Gennaio 2009




Posts: 3948
Registrato: Apr 2005

  postato il 30/05/2006 alle 17:01
Ora ho capito perche' i delinquenti la fanno franca.
E' colpa di noi ciclisti che teniamo occupati i tutori
dell'ordine a proteggerci da noi stessi.

 

____________________

"Non esistono montagne impossibili, esistono uomini che non sono capaci di salirle", Cesare Maestri

"Non chiederci la parola che mondi possa aprirti, si` qualche storta sillaba e secca come un ramo...
codesto solo oggi possiamo dirti: cio` che non siamo, cio` che non vogliamo.", Eugenio Montale.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Federico Bahamontes




Posts: 392
Registrato: Jan 2006

  postato il 30/05/2006 alle 17:14
Originariamente inviato da BJH*

è meglio non dire niente se no ti fanno mettere luce parafanchi e campanello....preferisco affidarmi al buon senso...che io sappia quando ti multano per quello è perchè ti fermano che sei in doppia fila e magari vuoi aver ragione al che si incavolano e ti multano altrimenti non credo lo facciano.....comunque in TV l'altro giorno mi pare d'aver sentito di un sindaco di una città che addirittura faceva sequestrare le bici senza chiaro e campanello....certo se uno circola di notte ovvio che il chiaro deve averlo ma ripeto che con il buon senso non dovrebbero esserci problemi

naturalmente non si è mai sentito ke un ciclista in allenamento da solo sia stato fermato ad un posto di blocco..ma in Italia tutto può succedere!..il Sindaco della città a cui facevi riferimento è Treviso, il tipo non è nuovo a certe uscite..

 

____________________

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 8805
Registrato: Dec 2004

  postato il 30/05/2006 alle 17:17
Originariamente inviato da urgnanese

Originariamente inviato da BJH*

è meglio non dire niente se no ti fanno mettere luce parafanchi e campanello....preferisco affidarmi al buon senso...che io sappia quando ti multano per quello è perchè ti fermano che sei in doppia fila e magari vuoi aver ragione al che si incavolano e ti multano altrimenti non credo lo facciano.....comunque in TV l'altro giorno mi pare d'aver sentito di un sindaco di una città che addirittura faceva sequestrare le bici senza chiaro e campanello....certo se uno circola di notte ovvio che il chiaro deve averlo ma ripeto che con il buon senso non dovrebbero esserci problemi

naturalmente non si è mai sentito ke un ciclista in allenamento da solo sia stato fermato ad un posto di blocco..ma in Italia tutto può succedere!..il Sindaco della città a cui facevi riferimento è Treviso, il tipo non è nuovo a certe uscite..


Nemmeno il precedente...

 

____________________
http://www.nicolascattolin.com
Chi non indossa il casco non ha nulla nella testa che valga la pena proteggere.
If you don't have the balls to brake late then that is your problem. L.H. to K.R.

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 2258
Registrato: Feb 2005

  postato il 30/05/2006 alle 18:14
Originariamente inviato da girardengo

parlando di multe impossibili, sentii dire che un tale fu multato e si trovò scalati i punti dalla sua patente, dopo essere stato visto attraversare un incrocio in bicicletta a semaforo rosso.


era forse di Torino?

 

____________________
"Se hai la fortuna clamorosa di diventare un cronista di ciclismo, non puoi fare a meno di essere coinvolto, trascinato in una passione infinita, irrinunciabile, che ti segna per sempre" - Pietro Cabras

"C'è una salita? Vai su, arriva in cima, e vedrai che sarai sempre vincitore" - Giordano Cottur

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Member





Posts: -1
Registrato: Aug 2006

  postato il 30/05/2006 alle 18:18
Allora...se ho ben capito...
CATARIFRANGENTE e CAMPANELLO OBBLIGATORI dal codice della strada??

No perchè vado su strada dal 1989, e ho avuto la fortuna di non
beccare alcun vigile scassaballs.
Non ho ne l'uno nè l'altro , nè sulla bici da corsa nè sulla MTB.
La lucetta (solo posteriore) comunque ce l'ho.
Al lago di C.Gandolfo, vicino dove abito c'è una cavolo di galleria.
E' illuminata, ma DA ANNI, al centro , è completamente buia.
Trattasi di pochi metri, ma durano un'eternità.
Dopo essermi trovato alcune volte a fare SPRINT da solo (come uno scemo)
per sbrigarmi ad uscire dalla "zona d'ombra", mi decisi a comprare la
lucetta che provvedo ad accendere prima di entrare e spengo subito dopo l'uscita dal tunnel.
Non uscendo mai in bici di sera,
mi serve solo per sta cavolo di galleria.

E SOPRATUTTO, me la sono iventata IO, oppure c'è una regola del codice
della strada che VIETA al veicolo lento (bici, motorino) di superare
un veicolo più veloce (es. AUTOMOBILE)
(a meno che questo non sia fermo) ??
Datemi lumi...please

 

____________________

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2258
Registrato: Feb 2005

  postato il 30/05/2006 alle 22:41
Originariamente inviato da Knightlake98

E SOPRATUTTO, me la sono iventata IO, oppure c'è una regola del codice
della strada che VIETA al veicolo lento (bici, motorino) di superare
un veicolo più veloce (es. AUTOMOBILE)
(a meno che questo non sia fermo) ??
Datemi lumi...please

Questa mi pare di averla sentita anch'io...

 

____________________
"Se hai la fortuna clamorosa di diventare un cronista di ciclismo, non puoi fare a meno di essere coinvolto, trascinato in una passione infinita, irrinunciabile, che ti segna per sempre" - Pietro Cabras

"C'è una salita? Vai su, arriva in cima, e vedrai che sarai sempre vincitore" - Giordano Cottur

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Giro del Lazio




Posts: 64
Registrato: May 2006

  postato il 31/05/2006 alle 02:57
Originariamente inviato da Vuelta Espana


era forse di Torino?


non ricordo di dove era... Tradizionalmente si dice che, almeno in macchina, i napoletani passino sempre col rosso. non so se per i ciclisti funziona allo stesso modo. ma forse lì nemmeno fanno la multa i vigili perché si usa così

 

____________________
VAI GRANDE CAMPIONE!!!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote
<<  1    2  >> Nuovo Thread  Nuova risposta   Nuovo sondaggio
 
Powered by Lux sulla base di XMB
Lux Forum vers. 1.6
2.2049689