Board logo

Il Forum di Cicloweb

Non hai fatto il login | Login Pagina principale > Dite la vostra sul ciclismo! > Bici Sport
Nuovo Thread  Nuova risposta  Nuovo sondaggio
< Ultimo thread   Prossimo thread >  |  Versione stampabile
<<  15    16    17    18  >>
Autore: Oggetto: Bici Sport

Livello Fausto Coppi




Posts: 2337
Registrato: Jan 2007

  postato il 09/06/2010 alle 22:30
Originariamente inviato da miky70

, a parte quella notazione su Di Luca, Basso e Figueras, forse non tutelati.

cioè?

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani
Utente del mese Febbraio 2009
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 2093
Registrato: Sep 2004

  postato il 10/06/2010 alle 10:14
De gustibus non disputandum est, cara Michi.

Io l’articolo sulla storia di Basso l’ho letto ieri e mi è sembrato molto interessante, la ricostruzione della storia fra lui e Simoni, per esempio, in questa versione non la conoscevo ( o non me la ricordavo, magari tu essendo una tifosa attiva di Basso la sapevi già o te la ricordavi)
Adesso non ho qua il giornale ( si è capito che bisognerebbe portarselo dietro per stare dietro all’esegesi in corso) per cui non cito alcuni spunti trovati anche per le tappe del Grappa e dello Zoncolan perché ho capito che la memoria mi fa difetto visto che l’altro giorno, con un amico, ho citato un fatto letto su Bs dicendo che stava nelle lettere e invece stava nell’articolo di Sergio Neri.
Comunque, ecco, la versione dei fatti fra Basso e Simoni mi ha colpito,, la distribuzione del pane e dei pesci che spesso si verifica nel ciclismo ( il campione che distribuisce favori e non prende tutto in una attenta strategia delle alleanze) ha vari aspetti, evidentemente.
E’ singolare come spesso Simoni ci si tovi e, a questo proposito, quando ho tempo avrei qualcosa da dire anche sull’intervista a Simoni fatta da Marco Grassi, nella parte di Cascata del Toce.
Quanto allo speciale e al giornale, nel giornale ci sono gli approfondimenti, nello speciale ci sono splendide foto,anche curiose o particolari, e curiosità, commenti, brevi flash che ripercorrono le tappe.
Su questo penso che sia una scelta editoriale, d’altronde tutte quelle foto occuperebbero il giorale, devono per forza dividere ( almeno penso, non so se ci siano altre soluzioni possibili).
Invece una cosa che non ho capito è che ieri mi ha mandato un’ e mail uno del vecchio forum di Pantani e mi ha detto , fra le altre cose, se sapevo di una guida cicloturistica allegata a BS. Ma mi ca c’è.

 

____________________
Verità e giustizia per Marco Pantani: una battaglia di civiltà.

Arcana loggia per il ripristino della civiltà dell'ordalia.

IO NON L'HO VOTATO.

IO CORRO DOPATO COME TUTTI.

"E' tutto alla conoscenza di tutti" Marco Pantani,1997 ( tempi non sospetti),parlando di doping in un'intervista televisiva con Gianni Minà.

Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping.

Hypocrisy free.

CAREFUL WITH THAT AXE, EUGENIO.



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Moreno Argentin




Posts: 369
Registrato: Sep 2005

  postato il 10/06/2010 alle 10:18
Credo Micky si riferisca al ricordo dei mondiali di Lisbona e ad una foto in cui Basso, Di Luca e Figueras, gli astri nascenti di allora, erano seduti su un lettino a bordo piscina. C'è un passaggio sul fatto che quei talenti non furono tutelati come avrebbero meritato.
Però, Micky, è una vita che Bicisport fa lo speciale sul Giro e poi anche quello sul Tour, mica è una novità.
Anche io trovo che i pezzi sul Giro comunque siano un po' troppo compressi. Forse se ne venisse eliminato qualcuno che sa di superfluo, ci sarebbero più pagine per gli altri. Con tutto il rispetto, io avrei fatto volentieri a meno di Janssen, Cribiori e Gimondi.
Poi leggevo della mail ricevuta da Donchisciotte sulla guida turistica. Se guardi qualche thread più giù c'è un intervento di Vicennati sul tema (http://forum.cicloweb.it/viewthread.php?tid=9191) e la guida è allegata a Cicloturismo.

 

[Modificato il 10/06/2010 alle 10:23 by grilloparlante]


 
Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani
Utente del mese Febbraio 2009
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 2093
Registrato: Sep 2004

  postato il 10/06/2010 alle 12:17
Grazie Grilloparlante, non l'avevo vista e così posso correggere l'informazione sbagliata che ho dato ( cioè che non era vero).
La regalerò a un mio amico prof di storia che fa il cicloturista d'estate.
E se troviamo errori ( io solo nella parte città d'arte), faccio peggio di lemond ( a pag. 2 riga 14 ecc.)
Vero, comunque: meno articoli e più lunghi sarebbe meglio.

 

____________________
Verità e giustizia per Marco Pantani: una battaglia di civiltà.

Arcana loggia per il ripristino della civiltà dell'ordalia.

IO NON L'HO VOTATO.

IO CORRO DOPATO COME TUTTI.

"E' tutto alla conoscenza di tutti" Marco Pantani,1997 ( tempi non sospetti),parlando di doping in un'intervista televisiva con Gianni Minà.

Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping.

Hypocrisy free.

CAREFUL WITH THAT AXE, EUGENIO.



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Greg Lemond




Posts: 839
Registrato: Dec 2009

  postato il 10/06/2010 alle 13:15
Originariamente inviato da Donchisciotte
la ricostruzione della storia fra lui e Simoni, per esempio, in questa versione non la conoscevo ( o non me la ricordavo, magari tu essendo una tifosa attiva di Basso la sapevi già o te la ricordavi)


a questo punto hai messo curiosita'.
non riesci a mandarne un piccolo riassunto per i non lettori di BS?
(dopo anni di abbonamento l'ho abbandonato e non intendo ritornare sui miei passi...)

 

____________________
Fantaciclismo 2010: Tre Giorni di La Panne, Gand - Wevelgem, Scheldeprijs - GP Escaut, GP Larciano, Amgen Tour of California, Tour de Suisse, Tour de France: 2 giorni in maglia gialla, 3 tappe (Bruxelles - Spa, Bourg de Peage - Mende, Revel - Ax 3 Domaines), decimo posto finale ... e Campione del Mondo!...

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Marco Pantani
Utente del mese Febbraio 2009
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 2093
Registrato: Sep 2004

  postato il 10/06/2010 alle 15:23
OK, ma quando torno a casa e recupero il giornale, non vorrei scrivere una parola sbalgliata e scatenare la guerra dei 30 anni. Sono parecchio distratta in questi giorni.
Vista, per ora appena sfogliata, la guida cicloturistica,, interessante, ci sono davvero tantissimi posti, dati e siti internet.
In Anatolia ci andrei volentieri ( ma io no in bici, non demordo).
C'è anche un viaggetto sul Teide che mi fa venire in mente un altro cicloamatore...
Su Ct noto che il piccolo Neri è titolare di una rubrica di posta, nella scia dei grandi: da Scalfari, a Serra a Luca Neri... mala tempora currunt?

 

____________________
Verità e giustizia per Marco Pantani: una battaglia di civiltà.

Arcana loggia per il ripristino della civiltà dell'ordalia.

IO NON L'HO VOTATO.

IO CORRO DOPATO COME TUTTI.

"E' tutto alla conoscenza di tutti" Marco Pantani,1997 ( tempi non sospetti),parlando di doping in un'intervista televisiva con Gianni Minà.

Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping.

Hypocrisy free.

CAREFUL WITH THAT AXE, EUGENIO.



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 4674
Registrato: Jun 2006

  postato il 10/06/2010 alle 19:34
L'articolo che riguarda la litigata tra Basso e Simoni ad Aprica, è dovuta a 2 questioni una correlata all'altra:
Più volte la CSC aveva regalato tappe in quel Giro e lo staff si era stancato di non vedere arrivare i premi, così si è rivoltato e quel giorno Ivan doveva vincere.
Probabilmente agitato per la questione OP che stava montando, Ivan non ha saputo gestire lucidamente il momento e quando Riis ha detto che Simoni, se voleva la vittoria doveva almeno pagare i premi, è scoppiata la polemica, perchè probabilmente c'era qualcosa promesso in precedenza e Simoni ha trovato lo spazio per inserire quelle accuse e rovinare la festa. Basso avrebbe potuto tirare fuori i soldi di tasca propria, ma non era nelle condizioni di prendere iniziative personali. Troppo pressato dalla situazione.

 

____________________
Michela
"Stiamo Insieme, Vinciamo Insieme - Ivan Basso"


Vita in te ci credo le nebbie si diradano e oramai ti vedo non è stato facile uscire da un passato che mi ha lavato l'anima fino quasi a renderla un po' sdrucita. Anche gli angeli capita a volte sai si sporcano ma la sofferenza tocca il limite e cosi cancella tutto e rinasce un fiore sopra un fatto brutto



http://www.adidax.com/
resisterai 5 minuti senza sport?

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Marco Pantani
Utente del mese Febbraio 2009
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 2093
Registrato: Sep 2004

  postato il 06/07/2010 alle 01:58
Eh no! Compro come al solito BS e come al solito inizio dalle lettere ( e per stasera non vado avanti).
Mi fa piacere trovare un lettore che protesta perché non si parla di Pantani ( neanche a febbraio), ma dopo arriva, puntuale, l'incavolatura ( ma pure da ridere).
Un lettore se la prende con Riccò reo di aver detto che, secondo lui, non è vero che Nibali abbia saputo pochi giorni prima del Giro di parteciparvi, si allenava da almeno due settimane perché sapeva ( con la squadra) di Pedllizotti.
Il Direttore risponde che forse Riccò non ha torto, che forse non si allenava proprio duramente ma, comunque, si allenava, che forse lo sapeva già da qualche settimana. E annuncia ch adesso indagherà, chiederà a Amadio " vorremmo sapere la verità vera su quella vigilia di Nibali a ridosso del Giro d'Italia. Per filo e per segno come sono andate le cose fra lui e Nibali". MA COME??????

Noi lettori di BS non lo sappiamo già come sono andate le cose per filo e per segno? Non abbiamo letto, parola per parola, fruscii del telefono compresi, il dialogo preciso fra Nibali e il suo DS con cui si annunciava di pellizotti e della parecipazione al Giro?
Il babbo non lo sa che il figliolo era con le cuffie, temerariamente e coraggiosamente ha sfidato la futura legge sulle intercettazioni e ha riportato per filo e per segno, appunto, come sono andate le cose? Arancini compresi?
E adesso lo dobbiamo chiedere a Amadio come è andata? e forse ha ragione Riccò? Allora Luca Neri che ha scritto? Che ha sentito?
mannaggia, il figlio c'aveva detto tutto e adesso il babbo ci dice che forse non è vero e la verità vera la cerca lui.E i lettori che hanno letto? Una fiction? Come diceva Filomena Marturano? I figli... so' figli!

 

____________________
Verità e giustizia per Marco Pantani: una battaglia di civiltà.

Arcana loggia per il ripristino della civiltà dell'ordalia.

IO NON L'HO VOTATO.

IO CORRO DOPATO COME TUTTI.

"E' tutto alla conoscenza di tutti" Marco Pantani,1997 ( tempi non sospetti),parlando di doping in un'intervista televisiva con Gianni Minà.

Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping.

Hypocrisy free.

CAREFUL WITH THAT AXE, EUGENIO.



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Luison Bobet




Posts: 774
Registrato: Jan 2005

  postato il 06/07/2010 alle 09:21
Ho pensato la stessa cosa quando ho letto del dubbio insinuato da Senior sulla verita di
Nibali!
Ma hai visto che oltre telefonate ora intercettano anche le mail (quella di Armstrong a Popovich)? (Dai scherzo, magari quella e' vera.. )

Invece una grossa contraddizione che ho trovato e' stata questa:
Sulle pagine delle notizie brevi c'era scritto che finalemte il dottor Lazzaro e' stato sospeso dopo aver praticato ozonoterapia alla nuotatrice..fuori i mascalzoni!!

MA COME???Proprio Bs, dalle cui pagine Falai ha pontificato per 2 anni consigliando a chiunque avesse qualsiasi problema l'ozonoterapia!!

 

____________________
I miei siti di riferimento:
http://www.cyclingnews.com
http://www.cicloweb.it
http://www.ciclismoafondo.es
http://www.videociclismo.altervista.org

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Parigi-Nizza




Posts: 46
Registrato: Jan 2006

  postato il 06/07/2010 alle 10:34
Ho acquistato BS da giorni, e come sempre più spesso mi accade, sono giorni che giace senza che io lo abbia ancora sfogliato.
Di questa storia ho saputo grazie a questo thread.
Sono andato, spinto da curiosità, a leggermi la lettera in questione.
Cosa volete che dica?
Da piegarsi dalle risate!
Il direttore dice che chiederà ad Amadio "la verità vera".
Ma come, e la telefonata raccontata da Luca Neri?
Il capolavoro di giornalismo?
Il non plus ultra delle informazioni di prima mano?
Non sarà che adesso si ricadrà nel dubbio amletico.... sarà vero o non sarà vero?
Sto ancora aspettando la risposta di Sergio Neri sull'intervista a Nocentini dello scorso Tour e adesso c'è già nuova legna da ardere.
Anche quella storia era a firma Luca Neri.
Non sarà che il direttore di BS, stanco di ripetere la proposta della "Coverciano del ciclismo", che credo abbia tirato fuori la prima volta quando "..... la regina d'Inghilterra era Pelè....." (mondiale 1966) si sia concentrato su altro?
Ma si, avrà pensato, non fanno il centro tecnico del ciclismo?
Non mi ascoltano?
Ingrati!
Penserò io a cominciare la necessaria riforma del ciclismo, e comincerò dal giornalismo, che è il mio settore di pertinenza.
Farò un bel centro di addestramento che formerà grandi giornalisti, gente che se non succede niente la fa succedere senza tante storie.
Inviati che vanno talmente a caccia di scoop da poterseli creare anche da soli.
Et voilà, notizie dal produttore al consumatore!
Filiera corta, nel caso di BS praticamente a gestione familiare.
Cotto e mangiato!
Grazie a tanto impegno, i talenti veri emergono.
C'è gente che in un solo anno ha sfornato tre capolavori, da Nocentini a Nibali passando per Ballan.
Sono solo un po' deluso però da altri giornalisti di BS, continuano imperterriti a raccontare solo cose che succedono realmente.
Così sono capaci tutti.
Sveglia ragazzi!
Bisogna essere reattivi, io personalmente se fossi il direttore manderei chi non si dimostra all'altezza ad un corso intensivo.
Ma si, sei mesi di "il parere di Cribiori" e poi vedrai se non migliorano tutti.....

 

[Modificato il 06/07/2010 alle 10:56 by TEX]


 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2797
Registrato: Apr 2005

  postato il 06/07/2010 alle 10:50
Ragazzi/e,
la spiegazione è molto semplice: il papà non legge gli articoli del figlio!
Lo fa per una ragione molto chiara, se li leggesse dovrebbe licenziarlo!

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani
Utente del mese Febbraio 2009
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 2093
Registrato: Sep 2004

  postato il 07/07/2010 alle 09:52
Tex, come al solito cattivissimo e brillante, quando ti leggo veramente mi metti di buonumore.
Comunque, ci è ricascato, hai ragione Leo. La mail di Armstrong a Popovych ,lui che la legge allungando i piedi sul tavolo, poggiando l’aranciata, fissando la parete, poi si fa tutta una serie di ragionamenti per decidere a chi telefonare, e Junior, evidentemente, è là, osserva, scrive, è sempre al posto giusto.
Poi i ciclisti quando parlano con lui usano sempre ‘ sto linguaggio da ragazzino bravo, diligente, un po’ datato. Possibile?
Ma non potrebbe usare il discorso indiretto? Quello libero indiretto mi pare troppo, là serve essere scrittori, ma quello indiretto è alla portata di tutti. C’è bisogno di questa grandine di dialoghi inutili e romanzat, decisamente improbabili? Tre colonne per descrivere la lettura di una e mail?
Boh, certe volte mi dico che non è possibile, mi pare un accorgimento elementare, scrivere un dialogo è una prova perfida per uno scrittore, lui può farne a meno ma temo che , come sempre, il linguaggio nasconda un’insipienza più profonda , altrimenti non si spiega.
Comunque ci sono anche articoli interessanti, quello sulle bici a motore, una breve intervista a un medico del Giro bio sui controlli sul doping genetico e poi un articolo bello davvero su Basso, quasi un monologo denso, urgente. Basso non lo tifo al Tour perché io sono pantaniana per sempre e sono pochi 12 anni per un altro italiano che vince il Tour, ma Basso è una persona veramente non banale, uno che sa vivere ma che lo fa anche con molta capacità di analisi e molta dignità.
P.s: ; Non tifo Basso al Tour ma Contador ( tifo lui) mi pare che abbia fatto due passetti falsi, al prologo e ieri staccato anche dal gruppetto del grande Vino che l'aveva aiutato. Due indizi non fanno ancora una prova ovviamente.

 

____________________
Verità e giustizia per Marco Pantani: una battaglia di civiltà.

Arcana loggia per il ripristino della civiltà dell'ordalia.

IO NON L'HO VOTATO.

IO CORRO DOPATO COME TUTTI.

"E' tutto alla conoscenza di tutti" Marco Pantani,1997 ( tempi non sospetti),parlando di doping in un'intervista televisiva con Gianni Minà.

Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping.

Hypocrisy free.

CAREFUL WITH THAT AXE, EUGENIO.



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 2797
Registrato: Apr 2005

  postato il 07/07/2010 alle 11:37
Originariamente inviato da Donchisciotte

Basso non lo tifo al Tour perché io sono pantaniana per sempre e sono pochi 12 anni per un altro italiano che vince il Tour,


Scusa Donchi,
quanti anni dovremmo ancora "espiare" prima di poter tifare un italiano al Tour?!?!!?!?
Io spero che Basso, Nibali o qualche altro italiano vinca al Tour al più presto possibile.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani
Utente del mese Febbraio 2009
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 2093
Registrato: Sep 2004

  postato il 07/07/2010 alle 13:07
Dunque, tra Gimondi e Pantani ne sono passati 33, diciamo allora 34, 12 ne sono passati ne mancano 22.
Ma questa è una fisima mia,altri tifosi di Pantani non ce l'hanno e va bene che vinca un italiano ,per loro.
Il mondo è vario, nella varietà ci sto pure io e le mie fisime.

 

____________________
Verità e giustizia per Marco Pantani: una battaglia di civiltà.

Arcana loggia per il ripristino della civiltà dell'ordalia.

IO NON L'HO VOTATO.

IO CORRO DOPATO COME TUTTI.

"E' tutto alla conoscenza di tutti" Marco Pantani,1997 ( tempi non sospetti),parlando di doping in un'intervista televisiva con Gianni Minà.

Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping.

Hypocrisy free.

CAREFUL WITH THAT AXE, EUGENIO.



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 2797
Registrato: Apr 2005

  postato il 07/07/2010 alle 15:57
Originariamente inviato da Donchisciotte

Dunque, tra Gimondi e Pantani ne sono passati 33, diciamo allora 34, 12 ne sono passati ne mancano 22.
Ma questa è una fisima mia,altri tifosi di Pantani non ce l'hanno e va bene che vinca un italiano ,per loro.
Il mondo è vario, nella varietà ci sto pure io e le mie fisime.


Mi arrendo....

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Moreno Argentin




Posts: 369
Registrato: Sep 2005

  postato il 10/07/2010 alle 08:26
Sposto il tiro, ma sempre là restiamo. Mi pare che sul Bs ci sia in corso anche una metamorfosi per quanto riguarda le foto. Non vorrei dire una cretinata, ma ci lavorano meno. Esempio ne sono per me l'articolo da Nocentini e lo Speciale Giro di Basso, come anche quello del 2009.
Chi ricorda quei servizi a casa con le foto che ci lasciavano intuire tanto della vita dei corridori? Io che son vecchio ricordo che erano la parte più ghiotta. Ora invece vedo tanti corridori in posa. Ho detto Nocentini perché è in posa nella prima pagina e poi alla fine con la moglie. Ma noi cosa riceviamo da quelle foto? Sembra Diva e Donna, quando poi per fare la didascalia basta scrivere "Rinaldo Nocentini e sua moglie" perché altro la foto non dice.
Lo Speciale invece sono due anni che sulla copertina non c'è il fotografo storico di Bs, Biondi, ma un altro. Le foto sono uguali e un po' piatte. Belle quelle di corsa, ma le altre stanno scadendo.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani
Utente del mese Febbraio 2009
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 2093
Registrato: Sep 2004

  postato il 03/08/2010 alle 11:50
Sono assolutamente da leggere gli articoli sulla vicenda di Spa (solo non userei il termine " sindacalismo", Cancellara perseguiva obiettivi strettamente " di parte" mascherandoli con l'interesse generale del gruppo), quello su Armstrong ( dove, secondo me, c'è un omaggio a Tex , cioè a quelli che prima lo chiamavano l'Amerikano e dopo Morzine lo chiamano Lance), quello su Evans ( anche se a me non piace Evans e manco al cielo piace , evidentemente),quello della probabile, logica alleanza contro Contador.
Veramente interessanti questi articoli, in attesa di leggere questo capolavoro della presentazione dello speciale ( lo speciale qua ancora non è uscito ma sul forum di Pantani si è detto di questo articolo).

Ma come non citare l'articolo sulla vicenda Contador/ Schleck e lo " sgarbo" di Contador, un capolavoro di completezza dell'informazione?
La De Stefano ha tracciato il solco, Luca Neri fa una serrata analisi dei fatti, chiamando a testimoni: papà Schlech che offre birra ai meccanici impegnati a lavorare sulla bici di Andy ( non sarà per questo che poi ' sta bici...) e, intanto, con serenità e imparzialità, definisce Contador praticamente un bandito bugiardo. Secondo testimone: il cuoco danese di Andy che lo consola del terribile sgarbo con una profumatissima ratatouille e una profumatissima torta di mele ricetta originale danese ( non ci sono altri aggettivi in italiano per definire un buon cibo, solo profumatissimo, che volete? è un problema di insufficienza dell'italiano mica di chi scrive).
Poi parla Andy. Questo per tre pagine. E la difesa?C'è: un trafilettino con Lombardi che dice che Contador ha ragione.
Adesso sì che l'informazione è completa.
Poi si strabuzzano gli occhi davanti a una lettera insinuante di uno che dice di saperla lunga su Pellizotti e Neri senior non solo la pubblica ma invita il lettore a dire tutto. Boh...
Mi è anche piaciuta la recensione al libro di Bulbarelli ( che non è firmata), esprime con eleganza i dubbi sul libro ma anche il fatto che un certo fatto ( inattendibilità dei controlli e comportamento del potere ciclistico " come avrebbe dovuto essere" e come è per altri sport, ) sembra proprio molto verosimile... Troppo verosimile.
Infine l'annuncio che la De Stefano sta scrivendo un libro... pare sulla Dama Bianca di Coppi. Avrei preferito un libro sul topino Remy che fa la ratatouille profumatissima, sì, insomma, il cuoco di Andy.
Libro , magari, di Anton Ego ( che, però, alla fine, fa una splendida autocritica, chissà...).

 

____________________
Verità e giustizia per Marco Pantani: una battaglia di civiltà.

Arcana loggia per il ripristino della civiltà dell'ordalia.

IO NON L'HO VOTATO.

IO CORRO DOPATO COME TUTTI.

"E' tutto alla conoscenza di tutti" Marco Pantani,1997 ( tempi non sospetti),parlando di doping in un'intervista televisiva con Gianni Minà.

Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping.

Hypocrisy free.

CAREFUL WITH THAT AXE, EUGENIO.



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 2312
Registrato: Oct 2007

  postato il 03/08/2010 alle 12:47
Ho letto i sommari di Bicisport e di Cicloturismo su internet.
Non vedo di comprarli, mi interessano le interviste a Vincenzo Nibali, voglio
vederlo vincere alla Vuelta e mi piacerebbe vederlo vincere anche al prox Giro.



 
Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani
Utente del mese Febbraio 2009
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 2093
Registrato: Sep 2004

  postato il 06/08/2010 alle 20:54
Ho letto sullo speciale dedicato al Tour l'articolo di apertura.
Ohhhhh! Finalmente un articolo che non rimanda ogni spiegazione al doping e all'assenza di doping.
Quello che veramente apprezzo, a parte la capacità di riassumere un Tour con profondità, analisi, accuratezza, visione di insieme e sintesi a parte questo ( che è già tanto) apprezzo moltissimo che le spiegazioni delle cose siano tecniche, ciclistiche,
Che non si dica continuamente: va forte? è dopato. va più piano? si dopa di meno o per niente. Le fughe da lontano? Le fanno i dopati. E che palle!
Invece questo articolo parla, finalmente, di spiegazioni reali. Le fughe da lontano ci sono sempre state ( guarda caso molto meno al tempo del doping ematico) adesso non esistono quasi più,mi convince la spiegazione dell'articolo.
E poi c'è tutto, da Contador a Andy, a Armstrong a Basso, al buonismo, a tutto viene data una risposta, analisi, persino l'ipotesi futura di sapere davvero perché Contador è andato più piano ( che mi sembra un quesito importante del Tour).
E poi i giovani,Petacchi, il non ritiro di Basso e quello di Pantani.i tifosi da microfono e quelli a piedi, tutti analizzati con ragione. Mi sta bene pure che quei dieci secondi erano, alla fine importanti e se Vino ha scelto di aiutarlo , doveva farlo fino in fondo ( come ha fatto) e, quindi, Contador non doveva far vincere manco lui.
Dico solo che Hinault la tappa dello Stelvio la regalò a Bernaudeau e poteva staccarlo quando lo riprese, ma, certo, non lottava con i secondi, poteva farlo senza paura di perdere il Giro.
Veramente un ottimo articolo, da giornalista che ama il ciclismo e sa vederne i tanti punti di vista. Per esempio anche spiegare perché Contador avesse quella strana posizione nella tappa a cronometro ( non ho letto niente su altri giornali a proposito).
Poi ci sono le pagelle dove non c'è Vinokourov :sbagliato, uno può benissimo non apprezzare Vinokourov e dargli 2 ma non può ignorare che come gregario di lusso, come vincitore di tappa ( con uno dei migliori, se non il migliore, gesto atletico del Tour) ecc., Vino merita di essere considerato uno dei protagonisti e valutato.
Poi tutti a dire del ciclismo troppo specializzato come sintomo di doping, beh, lui corre dal Trentino, ha fatto due GT sempre da protagonista, allora?

 

____________________
Verità e giustizia per Marco Pantani: una battaglia di civiltà.

Arcana loggia per il ripristino della civiltà dell'ordalia.

IO NON L'HO VOTATO.

IO CORRO DOPATO COME TUTTI.

"E' tutto alla conoscenza di tutti" Marco Pantani,1997 ( tempi non sospetti),parlando di doping in un'intervista televisiva con Gianni Minà.

Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping.

Hypocrisy free.

CAREFUL WITH THAT AXE, EUGENIO.



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Esordiente




Posts: 3
Registrato: Oct 2009

  postato il 07/08/2010 alle 12:03
Tocca dire che questi post con cui il "bulimico" Don Chisciotte "elogia" l'amico e vicino di casa Vicennati (senza citarlo, notare la finesse...) sono quasi più stucchevoli degli editoriali o delle lettere in cui Neri padre elogia "il nostro bravisismo inviato Luca Neri". Che tristezza ragazzi.
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 07/08/2010 alle 12:34
Originariamente inviato da ginginni08

Tocca dire che questi post con cui il "bulimico" Don Chisciotte "elogia" l'amico e vicino di casa Vicennati (senza citarlo, notare la finesse...) sono quasi più stucchevoli degli editoriali o delle lettere in cui Neri padre elogia "il nostro bravisismo inviato Luca Neri". Che tristezza ragazzi.


O codesta! Sicché, secondo te, uno (che poi è una signora) è bulimico/poco fine se elogia un articolo senza citare l'autore
Che tristezza sì, ma quale messaggio?

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani
Utente del mese Febbraio 2009
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 2093
Registrato: Sep 2004

  postato il 07/08/2010 alle 12:58
Scusa, adesso ai lettori è proibito commentare quello che leggono?
Vuoi che ti faccia un elenco di giornalisti che mi piacciono per quello che scrivono e che non sono Vicennati ( sì, ammetto che come giornalista Vicennati mi piaccia, )?
Non è che non ne faccio il nome per grande malizia, solo per gioco stilistico ( usiamo una parola grossa).
Te lo faccio, l'elenco: mi piace Mura, Bergonzi, qualche volta anche Sergio Neri ( soprattutto in passato, l'età passa per tutti, è la natura non è Don Chisciotte), Marco Grassi, Mario Casaldi e Elisa Rossi che scrivono qua su Cicloweb.
E ne parlo anche, ma se tu leggi solo questo thread non puoi saperlo.
Poi, in altri campi, Scalfari, Maltese, Serra, Adriano Sofri, Romagnoli, Ceccarelli, Rossanda, De Gregorio e me ne dimentico sicuro qualcuno.
E, pensa, carissimo Gin ginni08, non sono, nessuno di questi, né amici né vicini di casa.
Come del resto non lo è Vicennati che non so nemmeno dove abita figuriamoci se è mio vicino di casa .
Infine non sono bulimica, semmai tendo al contrario. Sono una a cui piace commentare le cose, come milioni di persone al mondo. Solo che parlo di quello che so e basta, non parlo di ciclismo tecnico perché non ne so nulla, io amo il ciclismo come narrazionesulla strada e nei racconti, per cui soprattutto di questo parlo.
E poi, carissimo, scrivere post solo in questo thread per esprimere solo malignità in particolare verso una, come me, che, alla fine, BS se lo compra tutti i mesi dal 1980, questo sì che è un po' triste, non trovi?
Ciao, carissimo Ginginni08, spero di leggere qualcosa di tuo di meno maligno, altrimenti non ti avvelenare la vita con questo thread, in fondo che ti frega dei gusti di una lettrice di BS?.
E se ti dicessi che non sopporto Moccia, Faletti, la moda del noir e la letteratura minimalista, che fai? Ti metti a dire che sono vicina di casa e amica di Milan Kundera?

P.S. E poi, sì, sono una donna, Ginginni08.

 

[Modificato il 07/08/2010 alle 13:48 by Donchisciotte]

____________________
Verità e giustizia per Marco Pantani: una battaglia di civiltà.

Arcana loggia per il ripristino della civiltà dell'ordalia.

IO NON L'HO VOTATO.

IO CORRO DOPATO COME TUTTI.

"E' tutto alla conoscenza di tutti" Marco Pantani,1997 ( tempi non sospetti),parlando di doping in un'intervista televisiva con Gianni Minà.

Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping.

Hypocrisy free.

CAREFUL WITH THAT AXE, EUGENIO.



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 07/08/2010 alle 13:03
Originariamente inviato da Donchisciotte

E se ti dicessi che non sopporto Moccia, Faletti, la moda del noir e la letteratura minimalista, che fai? Ti metti a dire che sono vicina di casa e amica di Milan Kundera?


 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Luison Bobet




Posts: 786
Registrato: Jan 2006

  postato il 07/08/2010 alle 14:18
Ginginni....mi stavo chiedendo che fine avesse fatto questo utente, che è riuscito a mettere assieme la bellezza di due posts da quando s'è registrato, ecco che... buummm, arriva il terzo. Tutti e tre su questo thread e tutti e tre in attacco a chi elogia Vicennati.... chi potrebbe mai essere? Lo possiamo immaginare, ma in fondo chissenefrega della sua identità segreta!
Sorge spontaneo chiedersi come mai questo personaggio soffra così profondamente gli interventi di Donki e non quelli di TEX (basta leggere poco sopra....) o di altri.
E' un difetto elogiare Vicennati? bene, mi aggiungo al club, ma preciso che non è mio amico, dato che non ho mai avuto il piacere di conoscerlo personalmente (ma è come se lo conoscessi, da ciò che uno scrive si capisce con chi si ha a che fare: lui, ad esempio. è un grande prima di tutto come persona) e non è mio vicino di casa, dato che io sono a 600 km circa. Il fatto è che Vicennati, più che un giornalista, è un narratore, uno scrittore, uno che ci mette sentimento, al contrario di altri.
BS sta in piedi grazie a lui, ma mi piacciono anche Neri sr (raramente), Lorenzon, Alberati e la Mazzoli, anche se il Vice è di un'altra categoria. Se mancassero questi, caro ginginni, BS lo lascerei volentieri in edicola.
Per cui, prima di dare della bulimica a Donchisciotte ( che assolutamente non lo è, te l'assicuro ), prova a leggerti qualche pezzo di Neri jr e poi ne riparliamo. Leggiti l'intervista di quest'inverno a Schleck, quella poi dove l'intervistato fornisce la ricetta per la pasta al pomodoro, prova a confrontare l'intervista di Neri jr a Basso con quella di Vicennati a Basso (la prima dopo il rientro dalla squalifica): tanto Enzo approfondisce con delicatezza ma con decisione, tanto l'altro sta in superficie e non affonda.

continua..

 

[Modificato il 07/08/2010 alle 14:20 by luke]

____________________
L'opzione antifascista resistenziale è l'unica via maestra.
Ovunque. (nino58)

Club anti Schleck, iscritto n. 1.

Verità e giustizia per Marco Pantani

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Luison Bobet




Posts: 786
Registrato: Jan 2006

  postato il 07/08/2010 alle 14:19
-parte 2

Vicennati sa narrare, ti fa sentire lì sul posto a goderti la scena, l'altro pare svolga il compitino. E' una colpa, quella di Neri jr? No, ma la differenza tra i due è così netta che nulla può cambiare lo stato delle cose. Te lo dice uno che legge BS dal '77, anche se solo dal '93 con assiduità.
Credo non farai alcuna fatica a leggere quegli articoli di Neri, magari li ricordi....
Sullo speciale di BS riferito all'ultimo Tour, le pagelle sono affidate a Neri jr: infatti, rimpiango di averlo acquistato solo per quelle pagine... come può un giornalista dare lo stesso voto a Contador (che ha vinto nonostante non fosse al meglio ma senza mai rischiare granchè) e Schleck (che ha lanciato proclami al vento e, nonstante sia fortissimo, ancora non sa usare il cambio)? Schleck non meritava più di sette... avrà grandi gambe, ma poco coraggio. Come spiegare questo 9 ad entrambi? Forse galeotta fu una partita di pesca?
Come si fa a dare 5 a Basso definendolo 'grossa delusione, ma è stato un leone'? Se è stato un leone meriterà almeno 6 (visto che ha corso pure con la febbre), se è stato una delusione forse 4 è troppo. Ed il 6 a Cunego... basta qualche fuga, spendendo maree di energie per poi perdere le volate ristrette? Poi c'è il 4 a Sastre, che per lo meno ha provato ad animare la corsa con quella fuga disperata.
Il 3 s Spa è ridicolo. Se vogliamo, la sceneggiata di Spa è tutta di Cancellara, che con quel suo intervento da prepotente ha stravolto la corsa... il 3 va a Cancellara, che invece manca dalle pagelle....
E poi, dulcis in fundo, manca perfino il voto a Vinokourov!!! Ok, può piacere o meno, ma è stato protagonosta, ha lavorato per Contador, ha vinto una tappa.... non merita il voto? Se così fosse, significa capire ben poco di ciclismo e di corse...
La ciliegina finale: c'è il voto a Quinziato: 4, 'Non si è mai visto (ma è stato male)'..... c'era davvero bisogno di dare il voto a Manuel?
Io invece darei il voto a Vicennati, anzi il giudizio: ECCELLENTE, ' senza di lui BS sarebbe ben poca cosa'.
Neri jr, invece, DELUDENTE ' Non si abbatta, esistono anche altri lavori'.

 

____________________
L'opzione antifascista resistenziale è l'unica via maestra.
Ovunque. (nino58)

Club anti Schleck, iscritto n. 1.

Verità e giustizia per Marco Pantani

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Greg Lemond




Posts: 839
Registrato: Dec 2009

  postato il 07/08/2010 alle 15:38
Originariamente inviato da Donchisciotte
Per esempio anche spiegare perché Contador avesse quella strana posizione nella tappa a cronometro ( non ho letto niente su altri giornali a proposito).


e che spiegazione fornisce? non era un guaio meccanico?

 

____________________
Fantaciclismo 2010: Tre Giorni di La Panne, Gand - Wevelgem, Scheldeprijs - GP Escaut, GP Larciano, Amgen Tour of California, Tour de Suisse, Tour de France: 2 giorni in maglia gialla, 3 tappe (Bruxelles - Spa, Bourg de Peage - Mende, Revel - Ax 3 Domaines), decimo posto finale ... e Campione del Mondo!...

 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Luison Bobet




Posts: 786
Registrato: Jan 2006

  postato il 07/08/2010 alle 18:09
che spiegazione fornisce? non era un guaio meccanico?


No, semplicemente sulla sella della bici da crono pare non fosse presente la striscia di velcro, per cui era costretto a tirarsi continuamente indietro sulla sella. Questo ha comportato senz'altro un maggiore affaticamento, oltre che la perdita di almeno 1 sec al chilometro. Ciao

 

[Modificato il 07/08/2010 alle 18:12 by luke]

____________________
L'opzione antifascista resistenziale è l'unica via maestra.
Ovunque. (nino58)

Club anti Schleck, iscritto n. 1.

Verità e giustizia per Marco Pantani

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani
Utente del mese Febbraio 2009
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 2093
Registrato: Sep 2004

  postato il 04/09/2010 alle 11:00
Reduce da una lenta, pigra lettura di Bicisport e da un veloce e quasi annoiato giro sui vari siti di informazione ciclistica, rimango con qualche dubbio in testa.
Uno è l’articolo su Cunego di Luca Neri su Bicisport, c’è qualcosa che mi lascia perplessa, che non riconosco ( nell’articolo, non in Cunego), ci ho pensato un po’ ma non so venirne a capo, non lo so.
Poi c’è l’articolo della De Stefano. Intitolato : Io,io,io,io (no, non è intitolato così, ma il vero titolo è questo).
Mi chiedo perché sia stato scritto. Che ci dice di nuovo, la De Stefano non scrive bene ( va bene, è giornalista televisiva, di parola parlata), scrive dell’argomento preferito: Andy e Contador, per ribadire quello che ha detto per giorni interi in Rai. Andy è amato dai tifosi, bello e solare, Contador non lo amano ecc. ecc.
Era necessario scrivere questo lungo articolo per dire che la gente ama l’attacco e la battaglia,ma se Contador non si ferma, per l’ennesima volta dopo Spa, ad attendere Andy è bugiardo, sleale ecc?
Leggo una lettura interna al ciclismo dei fatti del ciclismo: il buonismo e la voglia di agonismo, i problemi di Contador e quelli di Cavendish, il ragazzo che vince sulla Fauniera e pensa a Pantani, i caratteri di Nibali e Basso, il mondiale di Gimondi ( che bel ricordo!), tra alti e bassi, articoli buoni e articoli medi o brutti, leggo qualcosa di ciclismo.
Poi leggo su sport pro l’ennesimo elogio alla rivista Cycling pro perché pubblica i grafici del passaporto biologico di Caucchioli, De Bonis e dice che quelli di Pellizotti sono simili.
Non faccio paragoni fra riviste perché non leggo Cycling pro perché non lo trovo in edicola , rilevo il ripetersi degli elogi su sport pro.
E dico che il ciclismo ha una grande forza e un grandissimo fascino, nessuno sport sarebbe sopravvissuto a anni di lettura di questo tipo delle proprie gare e dei propri atleti.
Nessuno sport sarebbe sopravvissuto a anni di formula di Di Prampero, grafici per mostrare quanto sono dopati, sarcasmi e sospetti a ogni brillante impresa,telecronache con ore dedidacate al doping di atleti che stai vedendo correre, dati ematici pubblicati sui siti dei campioni. Ecc. Uno sport può sopravvivere agli ultras violenti, ai gol oscurati dalla pubblicità, a scandali economici, a scandali sugli arbitri se arginati a una o poche squadre,a morti molteplici e forse non riconducibili a un’unica causa, non può sopravvivere alla univoca lettura di sé e dei suoi campioni come precipitato del doping con alluvione di dati e grafici.
Il ciclismo sopravvive, la gente va sulle strade e segue ancora le telecronache, sia pure magari meno di anni fa, non solo lo zoccolo duro degli appassionati praticanti. E’ questo il miracolo.

 

____________________
Verità e giustizia per Marco Pantani: una battaglia di civiltà.

Arcana loggia per il ripristino della civiltà dell'ordalia.

IO NON L'HO VOTATO.

IO CORRO DOPATO COME TUTTI.

"E' tutto alla conoscenza di tutti" Marco Pantani,1997 ( tempi non sospetti),parlando di doping in un'intervista televisiva con Gianni Minà.

Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping.

Hypocrisy free.

CAREFUL WITH THAT AXE, EUGENIO.



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Luison Bobet




Posts: 786
Registrato: Jan 2006

  postato il 04/09/2010 alle 14:12
Cara Donchi, il numero nuovo di Bs l'ho sfogliato di corsa, dovrò rileggerlo con più calma. Apprezzo comunque la posizione di BS contro la melassa-fair play, bellissima l'intervista di Lo Schiavo a Magni. Il numero mi pare molto succulento, poi ti farò sapere. Per quanto riguarda lo spazio dato alla Destefano, in un primo momento mi sono infastidito, poi ho dovuto ricredermi: devo ringraziare BS in quanto, in questa occasione, rende un grosso servizio a noi appassionati di ciclismo, specie a chi non sa cosa pensare davanti alla vicenda Contador-Schleck-Cancellara. Come? Semplice, chiunque legga l'articolo della signora capirà una volta per tutte che differenza passa tra chi ama lo sport e ne possiede la cultura e chi, nonostante sia addetta ai lavori, parla a scopo personale ed in difesa dei personaggi per cui tifa.
Schleck, senza la porcata di Spa, non sarebbe arrivato neppure sul podio: si metta il cuore in pace, se Contador sta anche solo all' 80% lo bastona come vuole.

 

____________________
L'opzione antifascista resistenziale è l'unica via maestra.
Ovunque. (nino58)

Club anti Schleck, iscritto n. 1.

Verità e giustizia per Marco Pantani

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani
Utente del mese Febbraio 2009
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 2093
Registrato: Sep 2004

  postato il 01/10/2010 alle 21:09
Segnalo, per lettori raffinati, uno splendido regalo che Vicennati ha fatto al forum di Marco Pantani.
Per il numero di ottobre di BS , Vicennati ha seguito la Vuelta e, fra altri articoli, ha fatto un articolo su Mosquera ( ovviamente prima delle ultime novità).
Sul forum si è discusso di questo articolo e Vicennati l'ha rivisto alla luce dei nuovi fatti. La storia triste di un perdente.
http://www.pantani.it/public/forum/viewtopic.php?f=4&t=54&start=90

 

____________________
Verità e giustizia per Marco Pantani: una battaglia di civiltà.

Arcana loggia per il ripristino della civiltà dell'ordalia.

IO NON L'HO VOTATO.

IO CORRO DOPATO COME TUTTI.

"E' tutto alla conoscenza di tutti" Marco Pantani,1997 ( tempi non sospetti),parlando di doping in un'intervista televisiva con Gianni Minà.

Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping.

Hypocrisy free.

CAREFUL WITH THAT AXE, EUGENIO.



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Luison Bobet




Posts: 774
Registrato: Jan 2005

  postato il 07/10/2010 alle 11:03
Originariamente inviato da Donchisciotte

Segnalo, per lettori raffinati, uno splendido regalo che Vicennati ha fatto al forum di Marco Pantani.
Per il numero di ottobre di BS , Vicennati ha seguito la Vuelta e, fra altri articoli, ha fatto un articolo su Mosquera ( ovviamente prima delle ultime novità).
Sul forum si è discusso di questo articolo e Vicennati l'ha rivisto alla luce dei nuovi fatti. La storia triste di un perdente.
http://www.pantani.it/public/forum/viewtopic.php?f=4&t=54&start=90


Grazie mille per il link a questo thread!
La classe non e' acqua!

 

____________________
I miei siti di riferimento:
http://www.cyclingnews.com
http://www.cicloweb.it
http://www.ciclismoafondo.es
http://www.videociclismo.altervista.org

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2797
Registrato: Apr 2005

  postato il 07/10/2010 alle 11:06
Su BS di ottobre, c'è l'ennesima versione del caso Pellizzotti-Liquigas-Nibali-Giro: la Liquigas avrebbe saputo della probabile sospensione di Pellizzotti ad inizio aprile, ma non avrebbe detto nulla a Nibali fino a quando la notizia è diventata ufficiale.......
 
Edit Post Reply With Quote

Juniores




Posts: 6
Registrato: Jan 2007

  postato il 12/10/2010 alle 16:37
Questa è la versione Liquigas, che in qualche modo si sposa con tutte le altre. Nibali era arrivato alle classiche imballato per il tanto lavoro aerobico e di forza fatto sul Teide. Il ritmo pazzesco del Belgio gli ha dato la velocità giusta e al Giro era nelle stesse condizioni di quelli che lo avevano preparato consapevolmente.
Il non dichiarare pubblicamente che Pellizotti non avrebbe corso è stato legato al fatto che il divieto vero e proprio si è avuto soltanto alla fine. Liquigas e Pellizotti sapevano dell'irregolarità del passaporto biologico, ma nessun divieto era ancora scattato. Franco era in Belgio nel nostro stesso albergo (quello di Piva) e sembrava davvero tranquillo. Poi ha corso a Larciano il primo maggio piazzandosi mi pare quarto: non c'era motivo fino a quel punto per credere che non avrebbe fatto il Giro. Per cautela, tuttavia, ad aprile Amadio aveva già allertato Slongo, che nel periodo indicato era sul Teide proprio con Nibali, Kreuziger, Pellizotti e Basso: i primi due a lavorare per il Belgio, gli altri due per il Giro.
Il patatrac è successo tutto infatti nella settimana fra il primo e l'8 maggio, quando il Giro è partito dall'Olanda: Nibali al Giro è diventato ufficiale il 6 maggio, ma Vincenzo era pronto, eccome. Aveva solo un po' mollato, ma aveva le gambe giuste...

 

[Modificato il 12/10/2010 alle 16:40 by enzo.vice]


 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2312
Registrato: Oct 2007

  postato il 12/10/2010 alle 17:26
Originariamente inviato da enzo.vice

Questa è la versione Liquigas, che in qualche modo si sposa con tutte le altre. Nibali era arrivato alle classiche imballato per il tanto lavoro aerobico e di forza fatto sul Teide. Il ritmo pazzesco del Belgio gli ha dato la velocità giusta e al Giro era nelle stesse condizioni di quelli che lo avevano preparato consapevolmente.
Il non dichiarare pubblicamente che Pellizotti non avrebbe corso è stato legato al fatto che il divieto vero e proprio si è avuto soltanto alla fine. Liquigas e Pellizotti sapevano dell'irregolarità del passaporto biologico, ma nessun divieto era ancora scattato. Franco era in Belgio nel nostro stesso albergo (quello di Piva) e sembrava davvero tranquillo. Poi ha corso a Larciano il primo maggio piazzandosi mi pare quarto: non c'era motivo fino a quel punto per credere che non avrebbe fatto il Giro. Per cautela, tuttavia, ad aprile Amadio aveva già allertato Slongo, che nel periodo indicato era sul Teide proprio con Nibali, Kreuziger, Pellizotti e Basso: i primi due a lavorare per il Belgio, gli altri due per il Giro.
Il patatrac è successo tutto infatti nella settimana fra il primo e l'8 maggio, quando il Giro è partito dall'Olanda: Nibali al Giro è diventato ufficiale il 6 maggio, ma Vincenzo era pronto, eccome. Aveva solo un po' mollato, ma aveva le gambe giuste...


ottimo intervento chiarificatore grazie Enzo Vicennati.

sono un lettore di bicisport e credo sia la migliore rivista di ciclismo professionistico, leggo anche cicloturismo saltuariamente, ma dovrebbero dare piu' spazio alle granfondo importanti non presenti nel calendario del prestigio, ad esempio l'anno scorso ho gradito molto i resoconti della GF Fausto Coppi , spero che quest'anno sia nuovamente inserita tra le priorità pur non essendo nel prestigio.
E poi consiglio piu' spazio alle GF emergenti del sud ed al cicloescursionismo amatoriale aldifuori delle gare.

 

____________________
VAI VINCENZO NIBALI!
Torri Dimettiti!

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani
Utente del mese Febbraio 2009
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 2093
Registrato: Sep 2004

  postato il 28/11/2010 alle 17:54
Erano mesi! Mesi che non leggevo un BS così, così vicino a quello che ha rappresentato nella stampa ciclistica in Italia, così vicino alla sua storia.Finalmente, l’anima autentica di Bicisport è tornata fuori. Con un reportage veramente bello dal Messico ( che, mi pare di capire, continuerà nei prossimi numeri perché, per esempio, l’intervista a Basso non c’è, eppure di Basso si parla nel servizio).
Quando ho sfogliato la rivista pensavo che l’articolo centrale sarebbe stato quello su Vinokourov e, infatti, è così ma, in realtà, è il momento centrale di un reportage che, veramente, è un piccolo romanzo ( piccolo nel senso di romanzo breve), sul Messico, sul ciclismo, sui ciclisti che parlano di sé, sull’intensità del ciclismo nonostante il doping, l’appiattimento e la mattanza dei campioni. (segue)

 

____________________
Verità e giustizia per Marco Pantani: una battaglia di civiltà.

Arcana loggia per il ripristino della civiltà dell'ordalia.

IO NON L'HO VOTATO.

IO CORRO DOPATO COME TUTTI.

"E' tutto alla conoscenza di tutti" Marco Pantani,1997 ( tempi non sospetti),parlando di doping in un'intervista televisiva con Gianni Minà.

Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping.

Hypocrisy free.

CAREFUL WITH THAT AXE, EUGENIO.



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Marco Pantani
Utente del mese Febbraio 2009
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 2093
Registrato: Sep 2004

  postato il 28/11/2010 alle 17:55
( segue)E’ chiaro che il punto più luminoso sia Vinokourov ma quello che conta è l’intero, è il racconto, è la narrazione.
Tanto che come scrittura in sé, capacità narrativa, intreccio dei piani narrativi l’articolo migliore è la cronaca della corsa messicana: vivacissima, brillante, leggera, vorticosa nel passare dallo sguardo sulla corsa allo sguardo sulla gente, le cose intorno, l’attualità ( i poliziotti per via degli attentati, il narcotraffico) e la storia ( i ciclisti europei come i conquistadores). Il tutto accompagnato da foto che rispecchiano questo andamento: la corsa e quello che sta intorno.
Veramente uno stile alla Màrquez, riuscitissimo.
Persino Basso diventa spiritoso quando immagina la fine che il vincitore, Vinokourov, farà fare al premio ricevuto: un cagnolino chiwawa che nessuno saprebbe dove mettere ( veramente orrendo dalla foto).
Poi c’è l’intervista a Vino. Che dire? Un grandissimo, un hombre vertical. Chiaro che Vicennati gli chieda di Pantani e lui, che non può seguirlo nella complessità, nella grandezza umana, trova Marco nella cosa che gli è più simile: il coraggio, mai sentirsi battuti, nemmeno da Armstrong.
E poi dà la sua visione del ciclismo: la fame, la fatica, il coraggio, l’attacco come visione del mondo, l’avventura. Questo insegnerà ai giovani dell’Astana e dice una cosa giustissima e pantaniana: fra uguali, a fare la differenza è il coraggio, affrontare la salita non per lasciarsela dietro ma per vincere, sempre, mai partire battuti.
Altro momento topico è su Di Luca che parla per avere lo sconto. Vino è spietato come pochi al mondo,il ciclista è solo, i patti sono chiari: solo quando fai una scemenza, solo quando devi pagare, stop
Mi potete squalificare, è la legge, ma lo spettacolo d’arte varia del ciclista che se ne va piangendo non ve lo do.
Reportage bellissimo, belle foto, bella la maglietta di Vinokourov.
Ecco, una corsa minore, una vacanza esotica di ciclisti è diventata un momento veramente alto di narrazione ( dal piano narrativo della cronaca, a quello dell’intervista, a quello della riflessione, del commento, della storia, dello sguardo che vaga, sempre a livelli altissimi), di giornalismo, di cultura.
Questo deve essere, anche, Bicisport, perché la cronaca e basta ormai si legge ovunque, in tempo reale.
Il colonnello Buendia sarebbe solo un rivoluzionario sfigato senza Marquez , la Bovary una borghese mediocre e ambiziosa senza Flaubert, Ulisse un baro senza Omero.
Il ciclismo ha bisogno di grandi narratori e un mensile è, appunto, anche approfondimento, narrazione, punto di vista insolito.
Ovviamento capisco che il peana che ho fatto io di Vinokourov darà fastidio a qualcuno, ma, come sempre,rivendico il diritto a declinare il ciclismo in vari modi sia come concezione del ciclismo sia nel non considerare il dopato un mostro da ricoprire solo di merda.
C'è più saggezza in Vinokourov che in tanti altri. La follia la fece nel 2007, una follia non suggerita da preparatori, penso, proprio una selavatichezza kazaka.
P.S: Se la corsa è diventata una lotta fra i locali e i conquistadores europei, chiaro, io sarei stata con i locali, ma loro stessi hanno riconosciuto che un vincitore kazako non è un conquistadores.

 

____________________
Verità e giustizia per Marco Pantani: una battaglia di civiltà.

Arcana loggia per il ripristino della civiltà dell'ordalia.

IO NON L'HO VOTATO.

IO CORRO DOPATO COME TUTTI.

"E' tutto alla conoscenza di tutti" Marco Pantani,1997 ( tempi non sospetti),parlando di doping in un'intervista televisiva con Gianni Minà.

Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping.

Hypocrisy free.

CAREFUL WITH THAT AXE, EUGENIO.



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage
<<  15    16    17    18  >> Nuovo Thread  Nuova risposta   Nuovo sondaggio
 
Powered by Lux sulla base di XMB
Lux Forum vers. 1.6
1.9809139