Board logo

Il Forum di Cicloweb

Non hai fatto il login | Login Pagina principale > Dite la vostra sul ciclismo! > Bici Sport
Nuovo Thread  Nuova risposta  Nuovo sondaggio
< Ultimo thread   Prossimo thread >  |  Versione stampabile
<<  12    13    14    15    16    17    18  >>
Autore: Oggetto: Bici Sport

Livello Marco Pantani
Utente del mese Febbraio 2009
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 2093
Registrato: Sep 2004

  postato il 03/02/2010 alle 19:44
Anche a me non piace Nibali. E anche a me piacciono, irrimediabilmente, quei ciclisti che sanno accendere le corse e le emozioni della gente.
Pantani, appunto.
Ombre, di ombre, di ombre ,di ombre della luce sono quei ciclisti alla Di Luca e alla Riccò che a me, come ciclisti, piacciono.
Su Riccò ho però parecchi dubbi chr non mi va di palesare perché io Riccò non lo conosco, ho delle sensazioni che non mi piacciono per niente e che me lo stanno rendendo antipatico parecchio. Però come ciclista è tra quelli che, senza rimedio, mi piacciono.
Non mi piace Nibali, non mi piacciono quelli che esibiscono il doping free e poi, magari, vanno da medici chiacchierati o sono costretti a querelare ( se ha querelato) Fanini che lo vede in Engandina.
Però mi piace leggere " le ragioni degli altri". Mi piace l'intervista a Nibali di Falcioni perché mi mette in ascolto delle ragioni di Nibali che non mi piace.
E anche a me non piace Beppe Conti, superficiale, confuso, poco coraggioso quando ha rievocato l'ora di Moser ( e di Conconi). E poi ancora non mi riesce di capire che pensi di Campiglio.

 

[Modificato il 03/02/2010 alle 19:52 by Donchisciotte]

____________________
Verità e giustizia per Marco Pantani: una battaglia di civiltà.

Arcana loggia per il ripristino della civiltà dell'ordalia.

IO NON L'HO VOTATO.

IO CORRO DOPATO COME TUTTI.

"E' tutto alla conoscenza di tutti" Marco Pantani,1997 ( tempi non sospetti),parlando di doping in un'intervista televisiva con Gianni Minà.

Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping.

Hypocrisy free.

CAREFUL WITH THAT AXE, EUGENIO.



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Marco Pantani
Utente del mese Febbraio 2009
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 2093
Registrato: Sep 2004

  postato il 04/02/2010 alle 16:21
Per esempio, leggo sul sito di Tuttobici ( giornale che leggo il mese dopo sul sito, ma giusto qualche articolo), che nel numero di Tuttobici di febbraio Pantani è ricordato. Un pittore, leggo, ne ricostruisce la storia.
Chiaramente non è nemmeno lontanamente paragonabile , sulla vicenda Pantani, quanto ha fatto BS e quanto ha fatto Tuttobici ( ricordo , purtroppo,un famoso articolo di Gatti...), però, evidentemente, a febbraio pensano di metterlo, il ricordo. Pensano che sia giusto parlarne.

 

____________________
Verità e giustizia per Marco Pantani: una battaglia di civiltà.

Arcana loggia per il ripristino della civiltà dell'ordalia.

IO NON L'HO VOTATO.

IO CORRO DOPATO COME TUTTI.

"E' tutto alla conoscenza di tutti" Marco Pantani,1997 ( tempi non sospetti),parlando di doping in un'intervista televisiva con Gianni Minà.

Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping.

Hypocrisy free.

CAREFUL WITH THAT AXE, EUGENIO.



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Moreno Argentin




Posts: 369
Registrato: Sep 2005

  postato il 04/02/2010 alle 16:35
Su questo tema del ricordo di Pantani per i 40 anni sono un po' indeciso. La verità, dal mio punto di vista, è che bisognerebbe ricordare Marco nei giorni della Vuelta a Murcia, pensando a quando andava e vinceva gli arrivi in salita. Poi prima della Sanremo, rievocando gli scatti sul Poggio. Poi andrebbe ricordato al Giro, al Giro dei dilettanti e al Tour... Insomma, la vedo un po' ridondante. Preferisco un bel servizio quando capita, che non l'impostazione un po' burocratica della ricorrenza a tutti i costi.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2950
Registrato: Dec 2004

  postato il 05/02/2010 alle 17:36
Mi è arrivato ieri bicisport (ma voi come fate ad averlo cosi' presto ?)
L'articolo piu' bello è quello di Rino Negri (facile , visto chi l'ha scritto) sul record dell'ora di Merckx
Ricostruito in maniera perfetta

Prendo una parte

Rino Negri : " Quanto vi è costata la spedizione ? "
Albani (Ds di Merckx) : " Sui cinque Milioni "
Lucien Acou (Suocero di Merckx , ex pro) : " E tutto per una medaglietta che ricevera' dall'UCI "
Merckx : " Ma quanti sono a poter contar su una medaglietta come questa ? "

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Herman Van Springel




Posts: 445
Registrato: Jun 2006

  postato il 05/02/2010 alle 19:54
Sapete con che numero mensile esce il libricino "Super Carnet", dove ci sono i roster di tutte le formazioni per la stagione 2010?
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Moderatore




Posts: 21608
Registrato: Oct 2004

  postato il 05/02/2010 alle 20:03
Originariamente inviato da Bazzia

Sapete con che numero mensile esce il libricino "Super Carnet", dove ci sono i roster di tutte le formazioni per la stagione 2010?


Sicuramente marzo.

 

____________________
Mario Casaldi - Cicloweb.it

CICLISTI
Si sta come
d'autunno
sugli alberi
le foglie

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Marco Pantani
Utente del mese Febbraio 2009
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 2093
Registrato: Sep 2004

  postato il 06/02/2010 alle 12:07
Sì, Forzainter, l'articolo di Negri è bello, ma non dei migliori dei suoi ( di quelli che ricordo, forse perché il record dell'ora, almeno per me, di epico ha poco), ma certamente è ricostruito benissimo anche per quanto riguarda la scelta, di quegli anni, di tentarlo in altura.
Penso anche, però, che quelli erano tempi in cui scrivere articoli era più semplice ( certo, a partire da una capacità di farlo).
Ieri sera a cena parlavamo di un servizio sentito alla radio, la differenza fra la Olivetti lettera 22 e l'ultimo modello di telefonino, computer ipood ecc.
L'Olivetti lettera 22 cambiò un'epoca, chi la possedeva (come noi) sentiva di avere qualcosa di epocale, una di quelle cose che accadono raramente in un'epoca, chi ha l'ultimo modello di computer portatile o di telefonino sa di avere solo un effimero, caduco picco di modernità fra il penultimo modello e il prossimo che sarà fra pochi giorni.
Ecco, Negri scriveva di Merckx, di una Olivetti lettera 22, che scatenava l'interesse persino di Pasolini, che provocava ricerca di metafore e voli pindarici di grandissimi intellettuali ( e io tifavo Gimondi, sigh!), adesso ci sono ciclisti usa e getta, vanno e vengono fra mediocrita personali e mattanze. E' dura tirarne fuori un'epica o anche un articolo interessante.

Quanto al ricordo dei morti, vero quanto dice Grilloparlante ma tutti noi sappiamo che un compleanno, un anniversario della morte, per i morti che fanno parte delle nostre vite, sono ricordi e sentimenti non retorici, che vengono spontanei.
I 40 anni di Pantani sono uno di quei giorni che suscitano pensieri e rimpianti, come sarebbe stato il Panta quarantenne ( io nei
miei pensieri ci tolgo sempre Campiglio, da quello non si sarebbe ripreso mai)... mi sarebbe piaciuto leggere un articolo importante su Bs .

 

[Modificato il 06/02/2010 alle 12:31 by Donchisciotte]

____________________
Verità e giustizia per Marco Pantani: una battaglia di civiltà.

Arcana loggia per il ripristino della civiltà dell'ordalia.

IO NON L'HO VOTATO.

IO CORRO DOPATO COME TUTTI.

"E' tutto alla conoscenza di tutti" Marco Pantani,1997 ( tempi non sospetti),parlando di doping in un'intervista televisiva con Gianni Minà.

Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping.

Hypocrisy free.

CAREFUL WITH THAT AXE, EUGENIO.



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 2950
Registrato: Dec 2004

  postato il 06/02/2010 alle 16:14
Originariamente inviato da Donchisciotte

Sì, Forzainter, l'articolo di Negri è bello, ma non dei migliori dei suoi ( di quelli che ricordo, forse perché il record dell'ora, almeno per me, di epico ha poco), ma certamente è ricostruito benissimo anche per quanto riguarda la scelta, di quegli anni, di tentarlo in altura.
Penso anche, però, che quelli erano tempi in cui scrivere articoli era più semplice ( certo, a partire da una capacità di farlo).
Ieri sera a cena parlavamo di un servizio sentito alla radio, la differenza fra la Olivetti lettera 22 e l'ultimo modello di telefonino, computer ipood ecc.
L'Olivetti lettera 22 cambiò un'epoca, chi la possedeva (come noi) sentiva di avere qualcosa di epocale, una di quelle cose che accadono raramente in un'epoca, chi ha l'ultimo modello di computer portatile o di telefonino sa di avere solo un effimero, caduco picco di modernità fra il penultimo modello e il prossimo che sarà fra pochi giorni.
Ecco, Negri scriveva di Merckx, di una Olivetti lettera 22, che scatenava l'interesse persino di Pasolini, che provocava ricerca di metafore e voli pindarici di grandissimi intellettuali ( e io tifavo Gimondi, sigh!), adesso ci sono ciclisti usa e getta, vanno e vengono fra mediocrita personali e mattanze. E' dura tirarne fuori un'epica o anche un articolo interessante.


Esatto
Solo che io il ciclismo l'ho sempre seguito proprio per l'epicità delle imprese , delle corse e dei suoi personaggi.
Qua di epico non c'e' piu' nulla.

Qualcosa di buono su Bicisport di sto mese c'e' , grazie ai precedenti articoli di Vicennati qualcosa si è mosso in Sicilia , da 5 gare juniores a 24!

Ps. Scrivi veramente bene

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Learco Guerra




Posts: 918
Registrato: May 2005

  postato il 21/02/2010 alle 21:39
molto divertente l'intervista di tal Filippo Lorenzon a Stefano Garzelli, dove l'autore dice a Garzelli che lui e Freire hanno "per certi versi caratteristiche simili" e che al Giro d'Italia in lui potrebbe "trovare un alleato per attaccare"
infatti i due hanno vinto esattamente lo stesso tipo di corse...

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Moreno Argentin




Posts: 369
Registrato: Sep 2005

  postato il 24/02/2010 alle 12:06
Non sono d'accordo sul fatto che non ci sia più nulla di epico, neanche un po'. Anzi, in un contesto sociale come questo in cui il più duro è comunque un rammollito, vedere ragazzi di vent'anni che scalano le montagne anche sotto la neve porta con sé qualcosa di meravigliosamente anacronistico.
E' un'epica diversa, occorre saperla cogliere. E' l'epica dei cinque secondi che riscrivono la storia. Non i cinque secondi del distacco, ma i cinque secondi in cui il campione decide di attaccare, oppure vede la difficoltà del rivale. E' la capacità di dilatare il breve, quasi guardandolo al rallentatore, infilandosi dentro i pensieri di chi, proprio a causa della tecnologia, non ha più lo spazio temporale per vivere le proprie azioni secondo lo schema dell'epica antica.
Ci fossero strade bianche, bici in acciaio, i rapporti degli anni 50, vedresti le stesse scene che un tempo erano in bianco e nero. Pensa l'epica dello Zoncolan avendo al massimo il 39/20. Li vedo già. I primi che vanno e poi dietro un lento arrancare, fatto di piedi a terra e andature a zig e zag. Vedresti che distacchi...
L'epica ha cambiato vestito, ma è sempre l'esaltazione del gesto dell'uomo nel momento in cui sconfigge o progetta di sconfiggere il rivale. Non c'era epica nella foto di Contador da solo e con lo sguardo basso sulla mappa alla partenza della tappa di Verbier al Tour? Non c'era epica nell'ultimo sguardo di Pozzato alla schiena di Boonen che sparisce nel Carrefour de l'Arbre, mentre lui è bloccato dalle cadute? Non c'è epica anche nel colpo di reni di Cavendish a Sanremo, ripensando alle volate in pista quando la strada era poco più di un sogno?
Lo sport è e sarà sempre epica. Certo, poi certe volte ci resti male. Ma nemmeno Ulisse era un santo, eppure il mito è sempre restato tale. L'epica si nutre della somma di gesti epici. Riccò non ha fatto epica perché è durato poco. Pantani ha fatto epica perché ogni giorno era uno spettacolo.
Se poi mi dici che i giornali di oggi non sanno coglierla, allora mi trovi d'accordo. Se pensi che Rino Negri scriveva sula Gazzetta dei gesti di Coppi, cosa direbbe oggi di corse raccontate come bollettini? Perché forse oggi pensano che sia necessario essere super sintetici. Perché cercano il gossip, mica l'impresa. E perché magari è più facile dire che l'epica è sparita che ammettere di non saperla vedere.

 

[Modificato il 24/02/2010 alle 12:26 by grilloparlante]


 
Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani
Utente del mese Febbraio 2009
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 2093
Registrato: Sep 2004

  postato il 24/02/2010 alle 12:51
Infatti, a costo di risultare noiosa e ripetitiva, ribadisco che il problema è la capacità di cogliere l’épos e saperlo narrare.
Soprattutto quando, come oggi, l’épos si nasconde nella tecnologia,nella poca intensità dei protagonisti, nella mattanza, nell’anacronismo, nelle strade levigate ( o quasi).
Ho detto che è facile vedere l'epica della olivetti 22, quella è già epica da sola, più difficile nell'epoca dell'usa e getta.
Massimo Cacciari, appassionato di ciclismo, diceva, quando gli facevano commentare il Tour di Pantani, che il ciclismo è lo sport che ha maggiormente bisogno di grandi narratori.
Purtroppo nel delirio tafazziano del ciclismo c’è anche questo: i grandi narratori, già pochi perché esserlo non è frequente, sono schiacciati anche numericamente dai torquemada,dalle penne ( o tastiere) veloci, dalle penne insipienti che ridurrebbero pure Pantani allo spessore di una piadina.
Del resto se nel thread su Cycling pro si dice ( in sostanza) che il bene del ciclismo è sputtanarlo, sarà anche il bene del ciclismo l’avanzare inarrestabile di banali esecutori di esercizi mediocri di italiano scritto e il rarefarsi dei grandi narratori? Io non lo capisco questo bene del ciclismo, saranno limiti miei?
Grilloparlante cita Ulisse, beh, non ci fosse stato Omero ( chiunque egli fosse), sarebbe stato solo un guerriero, baro (dopato, vinceva perché Atena lo faceva vincere), cattivo padre e cattivo marito e pure feroce vendicatore di quei Proci che non è che avessero chissà che colpe.
E’ lo sguardo sapiente di Omero a trasformarlo nell’eroe che rappresenta come nessun altro l’uomo.
E persino gli dei volevano essere raccontati, sembrando loro misera la loro splendida vita senza i poeti a raccontarla.
Ma il bene del ciclismo pare sia lo sputtanamento e la banalità e l’insipienza di chi racconta. Continuiamo così, facciamoci del male…

 

____________________
Verità e giustizia per Marco Pantani: una battaglia di civiltà.

Arcana loggia per il ripristino della civiltà dell'ordalia.

IO NON L'HO VOTATO.

IO CORRO DOPATO COME TUTTI.

"E' tutto alla conoscenza di tutti" Marco Pantani,1997 ( tempi non sospetti),parlando di doping in un'intervista televisiva con Gianni Minà.

Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping.

Hypocrisy free.

CAREFUL WITH THAT AXE, EUGENIO.



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Greg Lemond
Utente del mese Gennaio 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 5660
Registrato: Mar 2005

  postato il 24/02/2010 alle 14:10
Originariamente inviato da Donchisciotte

Grilloparlante cita Ulisse, beh, non ci fosse stato Omero ( chiunque egli fosse), sarebbe stato solo un guerriero, baro (dopato, vinceva perché Atena lo faceva vincere), cattivo padre e cattivo marito e pure feroce vendicatore di quei Proci che non è che avessero chissà che colpe.
E’ lo sguardo sapiente di Omero a trasformarlo nell’eroe che rappresenta come nessun altro l’uomo.
E persino gli dei volevano essere raccontati, sembrando loro misera la loro splendida vita senza i poeti a raccontarla.
Ma il bene del ciclismo pare sia lo sputtanamento e la banalità e l’insipienza di chi racconta. Continuiamo così, facciamoci del male…


Niente da dire, se non a te e a Grillo Parlante. (In quest'ulmico caso non mi sembra che valga il detto "in nomen omen"

 

____________________
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente. Dopo 12 anni di carriera io so quello che devo fare e non voglio che una mia vittoria venga messa in dubbio dalla fantasia delle analisi".

(Jacques Anquetil, 4 maggio 1966, intervista a L'Équipe)

Non riesco a comprendere perché Morris non sia assunto da nessuna rete telvisiva come opinionista

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 1825
Registrato: Jan 2005

  postato il 26/02/2010 alle 08:07
E' gia in edicola BS di Marzo col Carnet???

 

____________________
Il sito di Superandyweb

CAMPIONI IN CARICA

Team Raff
monsieur soixante
Dejanira
SuperSkunk
Pitoro
Zello Bike
Vigor cicling team
Silvia Team
Mercatone1
Pitoro
dmau
Ceramiche_Cauz
Superskunk

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Luison Bobet




Posts: 786
Registrato: Jan 2006

  postato il 26/02/2010 alle 10:07
No, in edicola ancora non c'è, ma sul sito www.compagniaeditoriale.it è già pubblicata l'anticipazione relativa a questo numero.
La copertina è dedicata al Ballero com'è giusto che sia: mi pare ancora impossibile che non ci sia più, non dimenticherò mai il pugno allo stomaco che ho sentito leggendo quella notizia, la mattina di quella domenica.
Dalla consultazione del sommario posso dire che ho notato articoli che reputo senz'altro interessanti, per cui attendo già con impazienza. Quello che mi ha colpito di più è un articolo dedicato a Simoni che, in assenza di risultati da ormai qualche anno, 'apre lo scrigno dei ricordi' e parla di tutto, da Pantani a Cunego etc etc con 'nessuna paura di apparire antipatico'.... oddìo, non è che lo appare, lo è.
Sono curioso di vedere se tira fuori qualche altra perla dal suo cilindro, magari in ricordo del Panta....
Vedremo. Quello che, in assoluto, mi sento di dire, è che ho sempre apprezzato gli atleti che sanno farsi da parte quando ancora sono competitivi, prima cioè di diventare patetici: il Gibo, purtroppo, non c'è riuscito.

 

____________________
L'opzione antifascista resistenziale è l'unica via maestra.
Ovunque. (nino58)

Club anti Schleck, iscritto n. 1.

Verità e giustizia per Marco Pantani

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani
Utente del mese Febbraio 2009
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 2093
Registrato: Sep 2004

  postato il 26/02/2010 alle 15:52
Chi l'ha letto mi ha anticipato che c'è da incavolarsi parecchio su quello che dice Simoni a proposito di Cascata del Toce...

 

____________________
Verità e giustizia per Marco Pantani: una battaglia di civiltà.

Arcana loggia per il ripristino della civiltà dell'ordalia.

IO NON L'HO VOTATO.

IO CORRO DOPATO COME TUTTI.

"E' tutto alla conoscenza di tutti" Marco Pantani,1997 ( tempi non sospetti),parlando di doping in un'intervista televisiva con Gianni Minà.

Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping.

Hypocrisy free.

CAREFUL WITH THAT AXE, EUGENIO.



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Miguel Indurain




Posts: 675
Registrato: Jan 2009

  postato il 26/02/2010 alle 17:32
Originariamente inviato da Donchisciotte

Chi l'ha letto mi ha anticipato che c'è da incavolarsi parecchio su quello che dice Simoni a proposito di Cascata del Toce...


Ancora con quella storia?
Ma se Simoni voleva levarsi qualche sassolino per quell'episodio lo aveva già fatto abbondantemente in passato.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2797
Registrato: Apr 2005

  postato il 26/02/2010 alle 18:06
Originariamente inviato da superandyweb

E' gia in edicola BS di Marzo col Carnet???


Si.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Luison Bobet




Posts: 786
Registrato: Jan 2006

  postato il 28/02/2010 alle 08:34
Finalmente Bs è arrivato. L’intervista a Simoni offre spunti interessanti, ad esempio quando parla di Sanremo 2001 e spiega di aver conosciuto quel giorno il vero Cipollini (non fu l’unico…). L’impressione generale, però, è quella di una persona rancorosa, che pensa di avere il mondo contro. Nomina Sella, che gli sta sulle scatole perché gli ha soffiato la tappa di Tirano, nomina ovviamente Basso confermando di non volerci avere a che fare, prende le ovvie distanze da Riccò, il tutto unito da un filo logico che, alla fine, lo fa emergere come uno che si sente vittima di mille ingiustizie. Certo, mai banale alla 'ex principino', quello no.
Riguardo al Giro 2003 ed alla famosa tappa di Cascate del Toce, a mio avviso conferma di soffrire di un certo complesso di inferiorità nei confronti del Panta: dopo aver infatti confermato che provava una certa invidia per quello che lui aveva saputo fare, arriva all’incredibile teoria che per lui vincere alle Cascate fu la vendetta (lui parla di togliersi ‘sassolini dalla scarpa’) per quella volta che, al Giro ’99, Marco vinse a Pampeago anche se lui ci teneva a vincere e l’aveva pure detto.
Allora, visto che son passati 11 anni e la mia memoria si sta ‘ingolfando’ con l’età che avanza, ho preso il mano lo speciale di Bs sul Giro ’99: non ricordo che Simoni fosse in fuga e Pantani l’avesse ripreso (invece ricordo benissimo quando lo superò verso Oropa: sembrava fermo…) e difatti risulta che Pantani era davanti, ci furono un po’ di scatti e, quando fu Heras a partire dopo i meno 4, Marco scattò ed arrivo davanti a Simoni, che quindi stava con lui nel gruppo di testa, di ben 1’08”!!
Ben diverso, invece, da quel gesto che parve persino esagerato nel chiudere sul Panta, con una facilità che parse nascere dalla volontà di umiliare il rivale. Che però era al 50% delle sue possibilità, forse…
Va detto che:
a) Marco non avrebbe mai accettato un regalo, tantomeno da Simoni: lui voleva capire se poteva tornare quello di un tempo, ma il vero Pantani ha sempre vinto con le sue gambe, senza alcun ‘favore’ da parte di altri;
b) a differenza sua, Marco non aveva mai detto di voler vincere ad Oropa, se l’avesse detto non sarebbe certo stato in chiave ‘fatemi vincere per favore’… non ricordo dove, ma ho letto che uno dei suoi gregari (mi pare Conti) al Giro 2003, gli disse che poteva chiedere il via libera a Simoni: il Panta lo guardò storto e poi gli chiese se era matto…
c) Verissimo che anche il Gibo, nel ’99, era in piena difficoltà in seguito alla morte ravvicinata del fratello e del padre causa cancro, non sapeva neppure se continuare a correre, ma la situazione del Pantani 2003 era delicatissima, come poi s’è visto.
Anni fa ero convinto che, se avesse vinto quella tappa, Marco ce l’avrebbe fatta: poi mi son convinto del contrario, se l’avessero lasciato vincere l’avrebbe presa più come un’umiliazione, che come una vittoria. Avesse vinto invece la volata alla Coppi e Bartali, allora sì…..
Insomma, non ritengo che sia colpa di Simoni se poi è andata a finire male, ma non capisco questa sua protervia nel rinnovare ilo suo rancore verso una persona che non c’è più.
Poi Vicennati, sempre mitico, non gli lascia fare il ‘monologo’, ma lo incalza con qualche domanda scomoda, come quando gli ricorda che i suoi problemini li ha avuti anche lui…. Ed allora il Gibo sbotta e dice che non si può sempre riguardare indietro, bisogna partire da zero e chi vien beccato va radiato. Troppo comodo, ora, a fine carriera…..

PS: interessante anche l’articolo di Vicennati sul momento delicato della Flaminia e, in particolare, su quello di Enrico Rossi fratello di Vania. Non so se avete avuto modo di seguire il dibattito nato su tuttobiciweb.it, ma il corridore, tramite il proprio legale, nega di aver rilasciato un’intervista a lui (probabilmente a causa di qualche frase un pò pesante su Riccò), il tutto nato da un'intervento pubblicato sul suo sito dal gestore, che se ne è assunto la responsabilità. Come ho già scritto su tuttobici, sono certo che Vicennati non ha inventato nulla, ci metto la mano sul fuoco: semmai saranno altri che inventano interviste…

 

____________________
L'opzione antifascista resistenziale è l'unica via maestra.
Ovunque. (nino58)

Club anti Schleck, iscritto n. 1.

Verità e giustizia per Marco Pantani

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 4189
Registrato: Jan 2007

  postato il 28/02/2010 alle 12:13
sfogliando il nuovo numero ho notato due errori piuttosto marchiani.

uno nel carnet, quando si fa riferimento a sicard come "non basco", visto che una provincia dei paesi baschi è in francia, ed è quella da cui viene il corridore (e proprio su qualche numero fa di bs c'era un servizio dove sicard parlava anche del suo essere basco).

nella rivista invece si dice che a petacchi è stata revocata la parigi-tours e le tappe della vuelta 2007 in seguito alla squalifica, ma non è vero.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani
Utente del mese Febbraio 2009
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 2093
Registrato: Sep 2004

  postato il 28/02/2010 alle 20:03
Cerco di essere sintetica ( impossibile per me, difetto grave lo so da sola).
1) Avevo letto del comunicato dell’avvocato di Enrico Rossi e, ovviamente, come Luca, non ho mai dubitato che Vicennati scrivesse cose vere. L’articolo sulla Ceramica Flaminia è interessante sopratuto per il clima che mostra all’interno della squadra e che, forse, spiega parecchie cose. Una squadra intera appesa alle decisioni che saranno prese dall’arbitrio di organizzatori despoti.
Riccò, con tutte le perplessità che desta, ha scontato la squalifica, perché non dovrebbe andare al Giro e, soprattutto, perché non dovrebbe andarci la squadra? Poi ci si sorprende che gli sponsor se ne vadano? Colpa del doping, dicono, ma se poi regna l’assenza di regole ( e questo sottolinea l’articolo) chi rischia soldi per poi vedersi messo fuori dal Giro per l’arbitrio di un organizzatore?
Così, mettendo insieme questa vicenda e l’articolo di qualche giorno fa di Marco Grassi, mi sono convinta che Riccò è quello che è, però è anche vero che, forse, Riccò ( e, per conseguenza, Rossi) è sotto dominio di persone che Grassi ha identificato nel suo articolo, che , con il miraggio del Giro ( che Riccò e la Flaminia hanno tutto il diritto di correre), gli stanno facendo fare più cavolate di quelle che farebbe da solo e magari anche il comunicato dell’avvocato che smentisce le parole di Rossi rientra in questo gioco ( tafazziano).
2) Simoni. C’è un punto su cui non sono d’accordo con te, Luca.
Simoni DOVEVA, di sua iniziativa, per un imperativo morale, non solo non inseguirlo lui ma, come maglia rosa, fare in modo che non lo inseguissero gli altri.
Non per fare un regalo al povero derelitto Pantani, la situazione non è paragonabile a quella del 1999. Non si fa vincere una tappa ( a parte che era impossibile come hai rilevato, giustamente, tu) a uno perché è triste per motivi, anche gravi, personali o familiari.
Ma Pantani stava pagando da quattro anni le colpe di tutto lo sport italiano. Non ci si ricorda che nel 1998 Simoni incorse nello stesso incidente di Pantani ( solo senza i dubbi e i sospetti che circondano Campiglio)?
A Simoni non è successo nulla, non lo hanno inseguito sette procure, non lo hanno ricoperto di m.., nessuno ha scritto “ traditore” o mozzarella di bufala o campione fra virgolette. Nessuno ha messo in dubbio le sue vittorie precedenti e seguenti. Come non è successo niente a Chiappucci, di recente insignito di un’alta onorificenza.
Pantani stava pagando anche per lui, era crollato perché lo stavano immolando per colpe che andavano molto al di là di lui. Simoni doveva capire quando è il momento di rendere un omaggio. Di pensare che a pantani si doveva qualcosa. Non lo ha capito allora, va bene, capisco che il suo continuo ritornarci sopra esprime un piccolo tormento, ma non può sparare scemenze e darsi ragioni assurde dicendo che era una vendetta per il 1999. Proprio non può.
Sì, ha ragione su Cipollini, non ha ragione nel sentirsi perseguitato,fu beccato positivo e la regola ( che non vale per Cannavaro) è la presunzione di colpevolezza, poi gli hanno creduto sulla storia della caramella e fu riabilitato. E’ vero che nessuno fece niente per non farlo cacciare dal giro prima delle controanalisi, ma mi pare che lui faccia l’elogio del “ farsi i fatti propri tanto i ciclisti fanno schifo, guarda che figuraccia a Milano, prima lo sciopero e poi tutti in ginocchio”.
Gli altri hanno aderito al potere che lo voleva fuori, furbescamente era sempre un avversario in meno, che ha fatto Simoni per cambiare questa mentalità? Niente, allora zitto.
Non sono d’accordo su una cosa con Vicennati: il Giro del 2001 andava fermato a Sanremo.
3) L’articolo sul funerale di Ballerini, scritto da Sergio Neri. Scritto bene ma molto freddo, fra passato e futuro ( il dopo Ballerini) l’elaborazione del lutto, il dolore del presente dove stanno? E poi, patetico quel continuo mettere in ballo il figlio assurto al memorabile ruolo di ultimo giornalista a parlare con Ballerini, che pure se fosse vero non c’entrava nulla. Non è che uno diventa bravo se continuamente citato, elogiato ( nelle lettere al direttore su Schleck),premiato . Tutto questo dovrebbe essere conseguenza della bravura dimostrata, non il tentativo di crearla.
4) E siccome non voglio ripetere sempre le stesse cose sulla scrittura del giovane Neri, mi limito a chiedermi: ma come si sbuccia una banana? Nell’articolo su Ballan ( un reportage da Los Angeles….) per ben due volte si osserva che la si sbuccia accuratamente.
A parte me, che, nevroticamente, mi lavo le mani dopo averla sbucciata, ma chi è che al mondo la sbuccia “alla carlona”? e perché dovrebbe essere scritta due volte, come fosse una bizzarria, ladi scena sbucciare la banana accuratamente ( che c'entra l'avverbio?)?
Infine, il picolo Neri dovrebbe capire che non si può scrivere,senza far rabbrividire chi legge, dopo aver citato l’ammiraglia, che Cadel Evans è “seduto sul cofano della stessa” per non ripetere ammiraglia, bisogna inventarsi qualcosa, non è una lettera burocratica, piccolo Neri, è un articolo, un reportage addirittura.
C’è l’italiano dei burocrati e quello che dovrebbe seguire almeno l’ombra dell'ombra dei grandi reportage giornalistici.
Che ci volete fare? Ho insegnato e la matita rossa e blu mi è rimasta attaccata e anche l’amore per l’italiano e il saper scrivere.
P.S.: Dimenticavo: c'è un via vai sul Teide...

E il Mito, pare, c'era, con i corridori che segue, con quelli che si uniscono per un giorno.
E Corsetti pare aspetti da tempo, dalla procura Coni, l'elenco dei medici sospetti...
E la Liquigas che va là però chiama i giornalisti a testimoniare, mah...
Intanto c'è un via vai, l'anno scorso, quest'anno...

 

[Modificato il 28/02/2010 alle 20:18 by Donchisciotte]

____________________
Verità e giustizia per Marco Pantani: una battaglia di civiltà.

Arcana loggia per il ripristino della civiltà dell'ordalia.

IO NON L'HO VOTATO.

IO CORRO DOPATO COME TUTTI.

"E' tutto alla conoscenza di tutti" Marco Pantani,1997 ( tempi non sospetti),parlando di doping in un'intervista televisiva con Gianni Minà.

Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping.

Hypocrisy free.

CAREFUL WITH THAT AXE, EUGENIO.



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 3025
Registrato: Feb 2006

  postato il 28/02/2010 alle 20:43
Originariamente inviato da Donchisciotte


2) Simoni. C’è un punto su cui non sono d’accordo con te, Luca.
Simoni DOVEVA, di sua iniziativa, per un imperativo morale, non solo non inseguirlo lui ma, come maglia rosa, fare in modo che non lo inseguissero gli altri.
Non per fare un regalo al povero derelitto Pantani, la situazione non è paragonabile a quella del 1999. Non si fa vincere una tappa ( a parte che era impossibile come hai rilevato, giustamente, tu) a uno perché è triste per motivi, anche gravi, personali o familiari.
Ma Pantani stava pagando da quattro anni le colpe di tutto lo sport italiano. Non ci si ricorda che nel 1998 Simoni incorse nello stesso incidente di Pantani ( solo senza i dubbi e i sospetti che circondano Campiglio)?
A Simoni non è successo nulla, non lo hanno inseguito sette procure, non lo hanno ricoperto di m.., nessuno ha scritto “ traditore” o mozzarella di bufala o campione fra virgolette. Nessuno ha messo in dubbio le sue vittorie precedenti e seguenti. Come non è successo niente a Chiappucci, di recente insignito di un’alta onorificenza.
Pantani stava pagando anche per lui, era crollato perché lo stavano immolando per colpe che andavano molto al di là di lui. Simoni doveva capire quando è il momento di rendere un omaggio. Di pensare che a pantani si doveva qualcosa. Non lo ha capito allora, va bene, capisco che il suo continuo ritornarci sopra esprime un piccolo tormento, ma non può sparare scemenze e darsi ragioni assurde dicendo che era una vendetta per il 1999. Proprio non può.


Trasecolo quando leggo queste cose, risponderò con una delle migliori discussioni lette su cicloweb, seppur breve.
Chiedo scusa a claudio e davide per approfittarmi di loro, specificando che il primo post di Claudio è a mio avviso perfetto non solo in generale, ma soprattutto come risposta a quanto detto da donchisciotte, e la faccio mia.
Quando ce vò ce vò.

http://www.cicloweb.it/forum/viewthread.php?tid=1869

 

____________________
Gaudium magnum. E'tornato! (cit. Frank VDB)

Anti-Zerbinegnan club - Iscritto n°1

Anti Armstrong n°2

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2863
Registrato: Oct 2005

  postato il 28/02/2010 alle 20:56
Originariamente inviato da Donchisciotte
4) E siccome non voglio ripetere sempre le stesse cose sulla scrittura del giovane Neri, mi limito a chiedermi: ma come si sbuccia una banana? Nell’articolo su Ballan ( un reportage da Los Angeles….) per ben due volte si osserva che la si sbuccia accuratamente.
A parte me, che, nevroticamente, mi lavo le mani dopo averla sbucciata, ma chi è che al mondo la sbuccia “alla carlona”?


Su Neri jr sono più o meno sempre d'accordo con donchi e con chi critica l'inaccettabile elevata quantità e scarsa qualità dei suoi articoli su BS.
Ma sul "bananagate" mi sento di difenderlo: "accuratamente" è chiaro e indispensabile, e sta per "togliendo i filini e il pirolino". Quando ce vò ce vò (cit.)

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Luison Bobet




Posts: 786
Registrato: Jan 2006

  postato il 28/02/2010 alle 22:10
Originariamente inviato da Donchisciotte

2) Simoni. C’è un punto su cui non sono d’accordo con te, Luca.
Simoni DOVEVA, di sua iniziativa, per un imperativo morale, non solo non inseguirlo lui ma, come maglia rosa, fare in modo che non lo inseguissero gli altri.


Non intendevo dire che ha fatto bene a chiudere il buco e riprendere Pantani: semmai non toccava proprio a lui, che era in maglia rosa. Dico solo che, seppur quel giorno fu persino esagerata la sparata che fece per riprenderlo come per dirgli 'guarda qua, il padrone sono io', non ritengo sia stata quella la goccia che ha fatto traboccare il vaso, nella situazione in cui si trovava Marco.
In realtà, anche Frigo ed altri collaborarono ed aiutarono a chiudere il buco, ma nella dinamica della corsa questo può accadere. Non doveva accadere per i motivi che tu stessa citi, ma da un lato c'è la risposta istintiva dell'agonista allo scatto di un rivale, dall'altro credo che quel giorno a troppa gente non stesse bene che vincesse il Panta: secondo me, quando l'ha visto scattare Simoni ha deciso di vincere. Ricordo che alla fine dedicò quella vittoria a sè stesso per quello che gli avevano fatto passare l'anno prima (cacciata dal Giro per le 'caramelle' della zia), per cui quel suo sentirsi vittima del mondo proprio non ci sta.
Però son convinto che Marco volesse da quel Giro un responso: capire se poteva tornare come prima o no. Avrebbe capito chiaramente se gli altri lo avessero lasciato andare e non l'avrebbe apprezzato, credo. Tenendo conto delle sue condizioni, fu un gran Giro, ma lui non sapeva che farsene dei piazzamenti.
Poi è verissimo che il fatto che Simoni continui a rivangare quell'argomento dimostra, come dici tu, che un certo tormento nell'animo c'è.... ma si metta il cuore in pace oppure trovi un'altra scusa: a Pampeago Marco partì ai meno 3 e diede circa 25 secondi a km a lui ed ancor di più agli altri, per lasciarlo vincere avrebbe dovuto farsi violenza.
Su Sanremo 2001 sono d'accordo con te: se il Giro fosse finito là, credo che avremmo un ciclismo molto migliore e, soprattutto, avremmo rivisto il vecchio Pirata lanciare spesso la sua bandana. Ma chiedere unità ai ciclisti è davvero dura, vedi anche gli avvenimenti di oggi a Lugano.....

PS: anche a me ha dato fastidio il tono dell'articolo di Neri sr su Ballerini: ok, è morto, addio Franco, ma la vita va avanti, chi lo sostituirà? E poi quella frase sui futuri 'beccati' che saranno ancor più odiosi.... per quanto mi riguarda, una mancanza di sensibilità non indifferente, mi dispiace davvero moltissimo.

 

[Modificato il 28/02/2010 alle 22:17 by luke]

____________________
L'opzione antifascista resistenziale è l'unica via maestra.
Ovunque. (nino58)

Club anti Schleck, iscritto n. 1.

Verità e giustizia per Marco Pantani

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani
Utente del mese Febbraio 2009
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 2093
Registrato: Sep 2004

  postato il 28/02/2010 alle 22:42
Originariamente inviato da luke

Poi è verissimo che il fatto che Simoni continui a rivangare quell'argomento dimostra, come dici tu, che un certo tormento nell'animo c'è.... ma si metta il cuore in pace oppure trovi un'altra scusa:


Ecco, è esattamente così. Non l'ha fatto , basta, taccia o inventi altro.
Carrefour, mi sembrava che fosse chiaro che intendevo dire che quella vicenda non c'entra nulla con " il far vincere le corse agli altri", non c'entra merckx, non c'entra nulla.
O Simoni lo capiva l'eccezionalità della situazione o non lo capiva. Non l'ha capito, bene, non è certo morto per questo Marco, i suoi colleghi hanno perso un'occasione di fargli capire che avevano capito che gioco si stesse giocando con lui, va bene. Ma non ne parli più, non stia a mischiare le carte con le vendette che lui doveva prendersi ( inesistenti, non aveva subito alcuna ingiustizia).
Poi lui non parla di carica agonistica incontenibile che lo ha preso in quel momento, parla di vendetta, che è diverso, mi pare.

Profroubaix,sono contenta che il giudizio su Luca Neri ci metta d'accordo, sul "bananagate" :anch'io sbuccio le banane nel modo che dici tu, ma non è che vada ribadito due volte in un reportage ( così si chiama l'articolo nell'occhiello di presentazione). Ha sbucciato una banana non ha compiuto un miracolo strabiliante. certo adesso ogni volta che sbuccio una banana, come sempre nel modo che tu descrivi, rimpiangerò che non ci sia Luca Neri a parlarne sul giornale.

 

[Modificato il 28/02/2010 alle 23:04 by Donchisciotte]

____________________
Verità e giustizia per Marco Pantani: una battaglia di civiltà.

Arcana loggia per il ripristino della civiltà dell'ordalia.

IO NON L'HO VOTATO.

IO CORRO DOPATO COME TUTTI.

"E' tutto alla conoscenza di tutti" Marco Pantani,1997 ( tempi non sospetti),parlando di doping in un'intervista televisiva con Gianni Minà.

Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping.

Hypocrisy free.

CAREFUL WITH THAT AXE, EUGENIO.



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Parigi-Nizza




Posts: 47
Registrato: Feb 2009

  postato il 01/03/2010 alle 07:38
Il tema è... appassionante. Mio nonno aveva un banco di frutta e verdura al mercato e io sono quasi vegetariano, qundi vorrei dire che ACCURATAMENTE si sbucciano una mela o una patata, ovvero senza lasciare pezzetti di buccia e senza sprecare polpa. Una banana si sbuccia e basta, cosi come si apre un pacchetto di patatine. Il dibattito sulla rivista bicisport oscilla tra antiquariato (intepretazioni inutili su la tappa del Toce, ma chi se ne frega) e disquisizioni linguistiche su come scrive un semi analfabeta!!!!!!
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani
Utente del mese Febbraio 2009
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 2093
Registrato: Sep 2004

  postato il 01/03/2010 alle 09:01
Chissenefrega vale per te, è un giudizio tuo, non è universale, Fanta 1959.
L'attualità senza storia e senza legami con il passato, senza comprensione del passato è carta straccia, usa e getta. E la storia di Pantani è più attuale che mai, malgrado il cinismo del tuo chissenefrega.

 

____________________
Verità e giustizia per Marco Pantani: una battaglia di civiltà.

Arcana loggia per il ripristino della civiltà dell'ordalia.

IO NON L'HO VOTATO.

IO CORRO DOPATO COME TUTTI.

"E' tutto alla conoscenza di tutti" Marco Pantani,1997 ( tempi non sospetti),parlando di doping in un'intervista televisiva con Gianni Minà.

Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping.

Hypocrisy free.

CAREFUL WITH THAT AXE, EUGENIO.



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Luison Bobet




Posts: 786
Registrato: Jan 2006

  postato il 01/03/2010 alle 09:12
Originariamente inviato da Donchisciotte

Chissenefrega vale per te, è un giudizio tuo, non è universale, Fanta 1959.
L'attualità senza storia e senza legami con il passato, senza comprensione del passato è carta straccia, usa e getta. E la storia di Pantani è più attuale che mai, malgrado il cinismo del tuo chissenefrega.


Straquoto!! Il fatto che la vicenda sia ancora attuale, lo dimostra proprio il vecchio Simoni, che ne parla ancora come se fosse ieri nel volersi giustificare, ma con un certo sottofondo di (probabile) rimpianto. Per noi Pantaniani quella vicenda sarà sempre attuale.

 

____________________
L'opzione antifascista resistenziale è l'unica via maestra.
Ovunque. (nino58)

Club anti Schleck, iscritto n. 1.

Verità e giustizia per Marco Pantani

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Parigi-Nizza




Posts: 47
Registrato: Feb 2009

  postato il 01/03/2010 alle 09:29
Nessuno mette in discussione LA STORIA, Don(na). Solo che LA STORIA è una cosa seria, un po' diversa dai soliti rimunginamenti sui soliti temi. Se cerchi notizie su quella tappa su questo forum e su altri, trovi cento volte le stesse cose e spesso con le stesse persone che ripetono le proprie posizioni: da anni e anni. Con rispetto, io dico basta. LA STORIA si basa su FONTI attendibili e rispetta le persone che NON CI SONO PIU' e non possono difendersi e dire la loro.
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Parigi-Nizza




Posts: 47
Registrato: Feb 2009

  postato il 01/03/2010 alle 09:31
Peraltro, DON, ti ricordo che TUTTI i giudizi sono individuali, compreso il mio e il tuo. Chi dà giudizi universali è un megalomane!
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani
Utente del mese Febbraio 2009
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 2093
Registrato: Sep 2004

  postato il 01/03/2010 alle 09:57
Guarda, oggi è proprio giornata in cui sono tignosa più di sempre.
Non è che se si parla di storia del ciclismo occorrono sempre fonti inoppugnabili, non troveremo mai la stele di Rosetta che ci consenta di avere una fonte sulla vicenda di Cascata del Toce. A parte che tutta la storia dell’umanità è ininterrotta, faticosa interpretazione dei fatti, mai certezza assoluta sui fatti.
La storia di Pantani passa anche attraverso Cascata del Toce e se sono legittime tutte le interpretazioni è chiaro che, come dice Luca, è già interessante che Simoni continui a parlarne.
Se ti stancano le continue interpretazioni dei fatti ( da varie fonti, certo: libri, giornali, forum), scusami, ma vuol, dire che ti annoia la storia ( almeno quella di pantani).
Quanto al fatto che non si possa parlare di storia delle persone morte, allora non si può parlare di tutta la storia umana, mica Napoleone o Giulio cesare possono difendersi o dire la loro.
I giudizi sono sempre individuali, sì, ma se qualcuno su un forum sta discutendo di una cosa che a te annoia e si entra a gamba tesa per dire chissenefrega, è un po’ scorretto no?

 

____________________
Verità e giustizia per Marco Pantani: una battaglia di civiltà.

Arcana loggia per il ripristino della civiltà dell'ordalia.

IO NON L'HO VOTATO.

IO CORRO DOPATO COME TUTTI.

"E' tutto alla conoscenza di tutti" Marco Pantani,1997 ( tempi non sospetti),parlando di doping in un'intervista televisiva con Gianni Minà.

Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping.

Hypocrisy free.

CAREFUL WITH THAT AXE, EUGENIO.



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Octave Lapize




Posts: 475
Registrato: Oct 2007

  postato il 01/03/2010 alle 10:10

Neri jr questo mese si salva con l'articolo su Ballan, tutto sommato senza strafalcioni. Unico appunto, scrive di "star sistem" e di "red davils": inglese volutamente maccheronico oppure proprio non padroneggia la lingua?
Propendo per la seconda e mi chiedo allora come ha fatto a fare il servizio su Schleck a pesca. Forse abbiamo capito come mai tutti gli intervistati stranieri di Neri Jr passano per bambini di cinque anni. A dire il vero lo fa anche con gli italiani, sarà la forza dell'abitudine.


 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Parigi-Nizza




Posts: 47
Registrato: Feb 2009

  postato il 01/03/2010 alle 10:15
Nessuna gamba tesa, Don e nessuna intenzione di farti intignosire per carità. Magari mi sono espresso male io, che sono partito dalle banane finendo con la STORIA, che rispetto molto. Solo che io sono stufo di tutti questi discorsi a circuito chiuso sulla storia del ciclismo, su giornali scadenti, dove parlano sempre le stesse persone spesso un po' inacidite dall'età, tipo il pur simpatico Gibo. Amo il ciclismo, ho amato moltissimo Pantani e se devo ricordare quel giorno e tanti altri suoi giorni accendo il vidoregistratore e azzero l'audio. Con rispetto per tutti e tutto.
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3025
Registrato: Feb 2006

  postato il 01/03/2010 alle 13:32
Originariamente inviato da Donchisciotte

Carrefour, mi sembrava che fosse chiaro che intendevo dire che quella vicenda non c'entra nulla con " il far vincere le corse agli altri", non c'entra merckx, non c'entra nulla.
O Simoni lo capiva l'eccezionalità della situazione o non lo capiva.


Sì ma il quid è sempre quello: e se avesse capito l'eccezionalità della situazione, avrebbe dovuto lasciarlo andare?

Ma scherziamo?

 

____________________
Gaudium magnum. E'tornato! (cit. Frank VDB)

Anti-Zerbinegnan club - Iscritto n°1

Anti Armstrong n°2

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Parigi-Nizza




Posts: 47
Registrato: Feb 2009

  postato il 01/03/2010 alle 14:42
Nell'articolo su BALLAN, degno di nota anche un "CELEBRETIES" nei titoli al posto di "celebrities", a meno che non sia un fine richiamo allo spanish/english dei californiani di confine!
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani
Utente del mese Febbraio 2009
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 2093
Registrato: Sep 2004

  postato il 01/03/2010 alle 15:03
Carrefour, mi pare ci sia una certa difficoltà a capirsi fra me e te, dipende sicuro da me.
Sì, io penso che se Simoni avesse capito, doveva farlo vincere, a prescindere dal fatto che Pantani, se lo avesse saputo, ci sarebbe stato malissimo. Era un riconoscimento, unilaterale e non richiesto.
Del resto non è che non accada nel ciclismo che si faccia vincere un altro ( lo fece Pantani con Guerini, Hinault con Bernaudeau sullo Stelvio ecc.), non è uno scandalo e a cascata del Toce c’era una situazione unica.

Fanta 1959: se bastasse vedere un dvd o una cassetta , allora potrebbero chiudere forum, giornali, libri, processi alla tappa. Basta vedere la tappa, stop. Ma non è così in nessuna situazione, il racconto, l’interpretazione è necessaria quanto il fatto.
Però, Fanta, vedi che ti diverti pure tu a trovare gli strafalcioni? Lo dicevo ieri a un amico: peccato che io non capisca niente di tecnica ciclistica, altrimenti trovavo critiche da fare anche là per il piccolo Neri. E aggiungo: peccato che io non sappia l’inglese.
Che ci vuoi fare, il mio motto è: un lavoro per tutti ma poi deve contare il merito.

 

____________________
Verità e giustizia per Marco Pantani: una battaglia di civiltà.

Arcana loggia per il ripristino della civiltà dell'ordalia.

IO NON L'HO VOTATO.

IO CORRO DOPATO COME TUTTI.

"E' tutto alla conoscenza di tutti" Marco Pantani,1997 ( tempi non sospetti),parlando di doping in un'intervista televisiva con Gianni Minà.

Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping.

Hypocrisy free.

CAREFUL WITH THAT AXE, EUGENIO.



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Miguel Indurain




Posts: 675
Registrato: Jan 2009

  postato il 01/03/2010 alle 15:49
A me la questione sembra trita e non attuale semplicemente perché Simoni aveva già tirato fuori la cosa, in termini molto espliciti e analoghi a questi, in passato. Se tira fuori altro, bene. Altrimenti se ne faccia una ragione, perché Pantani non potrà mai reagire a queste provocazioni.

Poi se un giornalista ha ancora voglia di chiedere questa cosa a SImoni faccia pure, e fa bene Simoni a rispondere, ma con tutte le cose che succedono a questo mondo mi fa strano leggere ancora di quell'episodio.


Originariamente inviato da Donchisciotte

il mio motto è: un lavoro per tutti ma poi deve contare il merito.



Perché "ma", le due cose sono in antitesi?

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3025
Registrato: Feb 2006

  postato il 01/03/2010 alle 18:45
Originariamente inviato da Donchisciotte

Carrefour, mi pare ci sia una certa difficoltà a capirsi fra me e te, dipende sicuro da me.
Sì, io penso che se Simoni avesse capito, doveva farlo vincere, a prescindere dal fatto che Pantani, se lo avesse saputo, ci sarebbe stato malissimo. Era un riconoscimento, unilaterale e non richiesto.
Del resto non è che non accada nel ciclismo che si faccia vincere un altro ( lo fece Pantani con Guerini, Hinault con Bernaudeau sullo Stelvio ecc.), non è uno scandalo e a cascata del Toce c’era una situazione unica.



Qui non è questione di capirsi, qui è questione di essere sportivi, è diversa.

Simoni fa la sua corsa, punto. Che poi non gli servisse a nulla andarlo a prendere, che alla base di questa grinta ci fosse un malcelato senso di inferiorità è ben intuibile. Però è stata la strada (in tutto quel giro d'italia) a decretare che in quella circostanza Simoni fosse ben superiore a Pantani, per cui non mi sembra che ci sia nulla da eccepire nel comportamento di Simoni. Esattamente come il Pantani di Oropa: non era assolutamente necessario sladinarli tutti, eppure quello fu il responso della strada, ineccepibile e concreto.

Dici che Pantani ci sarebbe rimasto male a ricevere un "regalo", come sul Ventoux. Giusto, dico io. E allora lasciamo che sia la strada a emettere sentenze inequivocabili, e lasciamo che i Simoni possano gestire queste situazioni, compresi i limiti, umanissimi, dell'invidia.

Del resto gli esempi che porti sono assolutamente fuori luogo: sono alleanze che nascono per interessi comuni, se Guerini non avesse tirato un metro di sicuro Pantani avrebbe fatto la volata per vincere.

Con questo metro di giudizio tu saresti stata tra quelli che fischiavano Garzelli perchè sprinta con Menchov sottraendo secondi a Di Luca: a casa mia si chiama comportamento antisportivo, poi vedi tu se Pantani merita una deroga. Per me no, nemmeno lui.

 

____________________
Gaudium magnum. E'tornato! (cit. Frank VDB)

Anti-Zerbinegnan club - Iscritto n°1

Anti Armstrong n°2

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani
Utente del mese Febbraio 2009
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 2093
Registrato: Sep 2004

  postato il 01/03/2010 alle 19:06
Decisamente non ci capiamo Carrefour, non sarei stata con quelli che fischiavano Garzelli ( questo sì esempio che non c'entra niente)
, i miei esempi volevano solo ricordare episodi in cui "l'incontenibile carica agonistica" ha trovato mediazioni razionali diverse ( la ricompensa per un aiuto, la tradizione ciclistica " a me la maglia a te la tappa", la riconoscenza verso un gregario).
Esattamente come, secondo me, doveva avvenire in quel caso, da parte del gruppo e, in particolare di Simoni ( riconosciamo che stai pagando caramente per tutti noi, unilateralmente riconosciamo che nella tua sofferenza c'è ualcosa di noi). Lo stesso Frigo, che poi è sparito dai media specialmente quando il giudice francese ha riconosciuto l'esistenza di un sistema doping e non gli ha dato una pena esemplare, ha parlato con molta acutezza, a suo tempo, di questo fatto, proprio su BS. Riconoscendo che, purtroppo, prevalse l'irrazionalità dell'invidia verso Pantani invece del riconoscimento di quello che Pantani stava vivendo come " segno" di tutti gli altri.
Però visto, carrefour, che parliamo proprio due lingue diverse, cosa che comincio a sospettare, non essendo la prima volta, non dipenda da me, chiudo qua la questione con te, non mi pare feconda.

Maino: un argomento, se l'interlocutore cambia continuamente idea ( come fa Simoni che ne ha espresse circa cento fino a oggi su questo), è attuale, questo, in particolare, dimostra come lo stesso Simoni ci pensi ancora parecchio anche se sempre nell'ottica della sua visione rancorosa della vita.
"Ma" voleva dire che un lavoro devono avercelo tutti ma poi, per fare carriera o per lavori che richiedono particolari competenze, talenti e sapienza, deve contare il merito.

 

[Modificato il 01/03/2010 alle 19:30 by Donchisciotte]

____________________
Verità e giustizia per Marco Pantani: una battaglia di civiltà.

Arcana loggia per il ripristino della civiltà dell'ordalia.

IO NON L'HO VOTATO.

IO CORRO DOPATO COME TUTTI.

"E' tutto alla conoscenza di tutti" Marco Pantani,1997 ( tempi non sospetti),parlando di doping in un'intervista televisiva con Gianni Minà.

Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping.

Hypocrisy free.

CAREFUL WITH THAT AXE, EUGENIO.



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 3025
Registrato: Feb 2006

  postato il 01/03/2010 alle 19:11
Originariamente inviato da Donchisciotte

Simoni DOVEVA, di sua iniziativa, per un imperativo morale, non solo non inseguirlo lui ma, come maglia rosa, fare in modo che non lo inseguissero gli altri.

 

____________________
Gaudium magnum. E'tornato! (cit. Frank VDB)

Anti-Zerbinegnan club - Iscritto n°1

Anti Armstrong n°2

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Miguel Indurain




Posts: 675
Registrato: Jan 2009

  postato il 02/03/2010 alle 14:19
Originariamente inviato da Donchisciotte


Maino: un argomento, se l'interlocutore cambia continuamente idea ( come fa Simoni che ne ha espresse circa cento fino a oggi su questo), è attuale, questo, in particolare, dimostra come lo stesso Simoni ci pensi ancora parecchio anche se sempre nell'ottica della sua visione rancorosa della vita.
"Ma" voleva dire che un lavoro devono avercelo tutti ma poi, per fare carriera o per lavori che richiedono particolari competenze, talenti e sapienza, deve contare il merito.


Sul primo punto aspetto di leggere BS che non è ancora arrivato dal mio edicolante.
Comunque la versione che ho intercettato sul forum è analoga a quella che avevo già sentito, e non ricordo versioni di Simoni molto diverse da quella rancorosa. Ma simoni non lo seguo assiduamente... mi sarò perso in passato altre sue uscite.

Sul secondo punto, mi faceva sorridere il MA perché le due cose sono conseguenti (lavoro per tutti e merito) non in opposizione.
Sotto le società amministrate sono state pensate in opposizione, e lo sono poi divenute (infatti storicamente la disoccupazione affligge in misura maggiore lo stato sociale che quello minimo-fa eccezione la Germania post unitaria, ma era un periodo particolare e probabilmente quella Prussia-Germania non era un vero e proprio stato sociale.)

Lavoro e merito sono stati pensati in opposizione -col "ma" in mezzo- in quei decenni in cui ce l'hanno contata su che il merito non esiste e ciò che cambia la storia è l'accesso ai mezzi di produzione.
Gli strafalcioni dei "figli di papà" che vengono documentati in questo thread sono l'ennesima dimostrazione che il merito esiste, che c'entra (e non è in opposizione) col lavoro, e che i mezzi di produzione senza la stoffa non servono poi a molto...

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Luglio 2009




Posts: 1607
Registrato: Mar 2005

  postato il 02/03/2010 alle 16:26
è troppo semplice ogni volta che si dice una cappella dire: chiudiamo qua la questione.
mi fermo qui perchè rischierei il ban.
dimenticavo: w lama

 

____________________
I'm ipocrisy free

Io sto con Silvio che è
un gran furbacchione e con
la bellissima Oriana che ha
il coraggio di dire ciò che
tutti pensano ma nessuno dice
(si vocifera che la casalinga
di Voghera impallidisca
al suo cospetto).

---------------------------
Anti-Zerbinegnan club - Iscritto n°2

Anti Armstrong n°3
--------------------
Solo chi non ha paura di morire di mille ferite riuscirà a disarcionare l'imperatore

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani
Utente del mese Febbraio 2009
Utente del mese Agosto 2009




Posts: 2093
Registrato: Sep 2004

  postato il 02/03/2010 alle 16:46
Hai ragione pacho caro. Dovevamo continuare a rissare per altri 200 anni con uno che non capisce quello che dice l'altra ( presente padre zOSIMA che si inchina a Dimitri Karamazov, questo il gesto che doveva fare Simoni, ma scusa sono letture troppo borghesi per te).
E poi sbavare dicendo l'un l'altro: servi, dei servi, dei servi dei servi, e mentre noi rissiamo e sbaviamo fra noi scissionisti dell'atomo il caro Silvio governa per altri 200 anni.
Sì, sarebbe stato bello, indubbiamente, ma io sono una signora borghese ormai cinquantenne e la chiudo.
W Lama? Ragazzino, io nel 1977, all'Università di Roma La Sapienza, lo fischiavo Lama!

 

____________________
Verità e giustizia per Marco Pantani: una battaglia di civiltà.

Arcana loggia per il ripristino della civiltà dell'ordalia.

IO NON L'HO VOTATO.

IO CORRO DOPATO COME TUTTI.

"E' tutto alla conoscenza di tutti" Marco Pantani,1997 ( tempi non sospetti),parlando di doping in un'intervista televisiva con Gianni Minà.

Non sono a favore del doping. Sono semplicemente contro l'antidoping.

Hypocrisy free.

CAREFUL WITH THAT AXE, EUGENIO.



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 2312
Registrato: Oct 2007

  postato il 02/03/2010 alle 17:08
Originariamente inviato da Donchisciotte


Non mi piace Nibali, non mi piacciono quelli che esibiscono il doping free e poi, magari, vanno da medici chiacchierati o sono costretti a querelare ( se ha querelato) Fanini che lo vede in Engandina.


Ok, non ti piace Nibali, ma per correttezza avresti dovuto scrivere qualcosa di piu' chiaro, anzicchè queste frasi confuse che gettano ombre...

La vicenda è chiara: Fanini ha fatto delle Affermazioni, e che Nibali ha fatto seguire una querela. Non ci sono state altre dichiarazioni di Fanini sulla Vicenda di cui sopra, e soprattutto non ha portato prove riguardo quanto affermato nella canicola del post ferragosto....
La tua frase e fumosa, (di proposito?) per instillare dubbi contro il corridore Vincenzo Nibali! La tua frase è tremenda...

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Luglio 2009




Posts: 1607
Registrato: Mar 2005

  postato il 02/03/2010 alle 17:31
capperi, da autonomazza a burocrate provinciale cgil il passo è breve.
su borghesotta, le lezioncine di "quanto eravamo fichi" risparmiacele dai.
w guglielmo direttamente dal tibet.

ps: le letture borghesi le faccio forzatamente e controvoglia. però poi ci piscio sopra e/o le critico, non le assimilo come un papagallino aristocratico.

 

____________________
I'm ipocrisy free

Io sto con Silvio che è
un gran furbacchione e con
la bellissima Oriana che ha
il coraggio di dire ciò che
tutti pensano ma nessuno dice
(si vocifera che la casalinga
di Voghera impallidisca
al suo cospetto).

---------------------------
Anti-Zerbinegnan club - Iscritto n°2

Anti Armstrong n°3
--------------------
Solo chi non ha paura di morire di mille ferite riuscirà a disarcionare l'imperatore

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3025
Registrato: Feb 2006

  postato il 02/03/2010 alle 18:59
Originariamente inviato da Donchisciotte

Dovevamo continuare a rissare per altri 200 anni con uno che non capisce quello che dice l'altra ( presente padre zOSIMA che si inchina a Dimitri Karamazov, questo il gesto che doveva fare Simoni, ma scusa sono letture troppo borghesi per te).


Il problema è proprio che ho capito benissimo ciò che vuoi dire: se c'è in mezzo Pantani, a mare la sportività. Per te forse, non certo per gli appassionati con un minimo di etica sportiva.

 

____________________
Gaudium magnum. E'tornato! (cit. Frank VDB)

Anti-Zerbinegnan club - Iscritto n°1

Anti Armstrong n°2

 
Edit Post Reply With Quote
<<  12    13    14    15    16    17    18  >> Nuovo Thread  Nuova risposta   Nuovo sondaggio
 
Powered by Lux sulla base di XMB
Lux Forum vers. 1.6
2.4818871