Board logo

Il Forum di Cicloweb

Non hai fatto il login | Login Pagina principale > Dite la vostra sul ciclismo! > chi dominerà i tour del dopo-armstrong?
Sondaggio: chi dominerà i tour del dopo-armstrong?
Damiano Cunego 9 (13.43%)
Ivan Basso 5 (7.46%)
Alejandro Valverde 1 (1.49%)
Patrick Sinkewitz 0 (0%)
Vladimir Karpets 0 (0%)
Iban Mayo 0 (0%)
Yaroslav Popovych 5 (7.46%)
Michael Rogers 0 (0%)
Fabian Cancellara 42 (62.69%)
Denis Menchov 1 (1.49%)
Filippo Pozzato 0 (0%)
Thomas Dekker 1 (1.49%)
Thomas Lovkvist 0 (0%)
Altri 3 (4.48%)
|-*||-*| (0%)
Visualizza sondaggio


Nuovo Thread  Nuova risposta  Nuovo sondaggio
< Ultimo thread   Prossimo thread >  |  Versione stampabile
<<  1    2  >>
Autore: Oggetto: chi dominerà i tour del dopo-armstrong?

Livello Ottavio Bottecchia




Posts: 548
Registrato: Mar 2004

  postato il 20/08/2004 alle 16:55
conoscete gli ultimi 2? sono ventenni di grandissimo talento (secondo me). se votate "altri" mi piacerebbe sapere chi avete in mente!
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 20/08/2004 alle 18:52
Io non saprei proprio, del resto chi nel '99 avrebbe detto che il tour sarebbe stato dominato da uno come Armstrong, fino ad allora una specie di Fondriest in tono minore?
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Alfredo Binda




Posts: 1134
Registrato: Nov 2003

  postato il 20/08/2004 alle 20:32
Lovkvist non lo conosco bene, ma Dekker mi sembra un ottimo corridore, anche se non so come va in salita (l'ho notato solo perchè a crono va fortissimo)
comunque penso che il futuro vincitore di Tour sia Damiano Cunego, anche se per il 2005 vedo meglio Basso, secondo me è troppo presto per Cunego

ps Erik Dekker e Thomas Dekker sono parenti?

 

____________________

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Ottavio Bottecchia




Posts: 548
Registrato: Mar 2004

  postato il 20/08/2004 alle 20:56
no, non sono parenti
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 20/08/2004 alle 21:53
Comunque per dominare il tour, inutile girarci intorno, bisogna essere forti a cronometro.
Perche i km contro l'orologio sono tanti, perchè c'è una cronosquadre determinante, perchè le prime asperrità non arrivano mai prima della 10° giornata, perchè spesso le salite sono lunghissime ma decisamente più pedalabili che al giro, da rouleurs più che per grimpeurs.
Allora, benchè i corridori che ci piacciono di più sono Cunego e Valverde, è più facile pronosticare un certo successo per gente tipo Basso o Popovych, senza stupirsi se addirittura emergeranno cronomen come Rogers o McGee.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Alfredo Binda




Posts: 1134
Registrato: Nov 2003

  postato il 20/08/2004 alle 23:36
ma Cunego ha enormi margini di miglioramento a cronometro, e anche Valverde. anche pantani fino al 1997 prendeva minuti su minuti a cronometro, e pur essendo il più forte in salita è stato battuto da Indurain e da Ullrich: il suo trionfo nel 1998 è dovuto per buona parte al suo miglioramento contro le lancette

 

____________________

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 20/08/2004 alle 23:43
Per lubat: verissimo e auspicabile, però sarai d'accordo anche tu se dico che Popovych migliorerà in montagna più di quanto Cunego migliorerà a cronometro.
Pantani era un fuoriclasse, ma credi che anche senza quel che è accaduto avrebbe potuto dominare il tour de france? per come è impostata la corsa francese ne dubito seriamente, forse ne avrebbe vinto ancora uno o al massimo due (e stiamo parlando di un mito).

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Alfredo Binda




Posts: 1101
Registrato: May 2004

  postato il 20/08/2004 alle 23:43
Impossibile avanzare previsioni: Chi si sarebbe aspettato Indurain nel 1991 (avremmo tutti detto Bugno se si doveva dire un nome nuovo)? Chi mai avrebbe detto Armstrong nel 1999 (avremmo pensato tutti alla prosecuzione di un duello Ullrich Pantani)?
Per ora direi Cunego, ma a crono non sarà mai un Lemond, oppure direi Valverde o Mayo. Forse Cancellara e Popovych sono più favoriti, in particolare il secondo, perchè Cancellara in salita non ha fatto vedere un granchè ancora e forse non andrà oltre qualche Roubaix e qualche mondiale a crono (e con questo non voglio disprezzare).
Potrebbe però anche esplodere qualche giovane imprevisto.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Alfredo Binda




Posts: 1101
Registrato: May 2004

  postato il 20/08/2004 alle 23:46
Ah escluderei Basso. Il massimo che posso concedergli è di vincere un tour fra un paio di anni come fece Riis durante una sorta di interregno fra la fine dell'era Armstrong e la maturità della generazione dei Cunego. Però per vincere un tour deve ASSOLUTAMENTE CAMBIARE MENTALITA' se no difficile che vada oltre qualche podio.
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 20/08/2004 alle 23:49
Su Basso non sono d'accordo, la sua mentalità è proprio quella da tour de france tipo Indurain, ma il fatto è che deve assolutamente migliorare a cronometro, per poi difendersi in montagna, altrimenti un corridore del suo tipo è spacciato.
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Alfredo Binda




Posts: 1134
Registrato: Nov 2003

  postato il 20/08/2004 alle 23:54
è questo il punto: la mentalità di Basso sarebbe quella giusta per un corridore come Popovych ad esempio, ma uno come lui che non è un cronoman e che non credo possa arrivare a vincere crono nei grandi giri, deve assolutamente imparare ad attaccare in salita, se non vuole accontentarsi di posti d'onore

 

____________________

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 20/08/2004 alle 23:55
Però è più facile cambiare l'impostazione atletica che non la mentalità.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Alfredo Binda




Posts: 1101
Registrato: May 2004

  postato il 21/08/2004 alle 00:16
E' vero e ricordo due esempi illustri.
Esempio di cambio della impostazione atletica: Laurent Jalabert
Esempio di cambio di impostazione mentale mai riuscito: Gianni Bugno, che è stato il corridore più completo e più forte che abbia mai visto. con una testa diversa avrebbe vinto 5 titoli mondiali (1990, 1991, 1992, 1993, 1995) e senza l'incidente della caffeina avrebbe fatto suo forse quello del 1994 e con una impostazione tattica diversa a Lugano forse se la sarebbe giocata anche nel 1996. Forse sono stato drastico fino al paradosso però certamente qualche iride in più se la sarebbe portata a casa, invece di ostinarsi a provare a vincere il tour. Si doveva specializzare nelle classiche. Nemmeno Ferretti è riuscito a convertirlo.
Vorrei sentire qualche spunto su Bugno da parte vostra

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 21/08/2004 alle 01:10
Per Emiliano:pienamente d'accordo su Bugno. Peraltro il papà di Bugno, quando era piccolo durante la II guerra mondiale, finì con molti altri sfollati nella casa del mio bisnonno, nelle campagne trevigiane, quindi benchè nato in svizzera e poi milanesizzato, Gianni è un membro onorario dell'immensa Armata Veneta.
Tra l'altro quando abitava vicino a Robecco sul naviglio era una sorta di pellegrinaggio passare in bicicletta da quelle parti.
Non ho potuto essere un superfanatico di Pantani perchè il mio cuore di appassionato lo aveva già rubato Bugno.
Tu metti Kelly al secondo posto dietro a Hinault nel dopo Merckx.
E' solo un gioco, comunque ti propongo la mia top-ten degli ultimi 25 anni:
1° Hinault
2° Moser
3° Pantani
4° Indurain
5° Bugno
6° Kelly
7° Saronni
8° Cipollini
9° Fignon
10°Roche (con riserva)

Il secondo posto avrebbe potuto essere agevolmente possesso di Bugno, se le cose fossero andate come dici tu.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 21/08/2004 alle 01:16
Tornando al paragone Basso-Indurain, vorrei ricordare a lubat alcuni fatti:
Miguel solo due volte ha tagliato per primo il traguardo in una tappa del tour de france, ovvero nella tappa dell'aubisque del 1989 e in quella del tourmalet nel 1990, mai negli anni in cui ha vinto il tour.
Nelle cronometro prima del 1991 c'è un terzo posto nel 1989, poi in quelle del 1990 un 2°, un 3° e un 4° posto.
Basso è abbastanza vicino, quest'anno ha fatto un 6° e un 8° posto nelle crono.
Nel 1991 Indurain afrontava il tour da ventisettenne, proprio come farà Ivan l'anno prossimo.
Da qui a dire che Basso è il nuovo Indurain ce ne passa, ma qualche aspetto in comune non sembra anche a te che ci sia?

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Alfredo Binda




Posts: 1101
Registrato: May 2004

  postato il 21/08/2004 alle 16:53
Ecco la mia top-ten del dopo Armstrong:
1. Hinault (questo è piuttosto sicuro)
2. Kelly (questo è un mio pallino)
3. Moser (questo è un omaggioa d un corridore davvero completo nel senso che ha vinto il Giro, la Roubaix, il mondiale, è stato un grande pistard nell'inseguimento e grande anche con quel memorabile record dell'ora)
4. Lemond (corridore che avrebbe tolto qualche tour ad Indurain senza l'incidente di caccia. Forse senza l'incidente sarebbe lui il numero 2)
5. Pantani (anche se ha vinto meno dei suoi compagni di questa classifica difficile non ricordare che in salita era divino)
6. Museeuw (per quello che ha fatto nel finale di carriera nonostante i gravissimi incidenti e per come ha interpretato le classiche del pavè, dove è stato in assoluto il più grande e per come vinse quel mondiale a lugano, in assoluto il corridore che più mi ha emozionato)
7. Indurain, non era entusiasmante ma come dice Rino Negri è un "uomo nato per correre contro il tempo" e avrebbe meritato più di tutti di vincere il mondiale del 1995 per quello che fece vedere. Solo 2 cose potevano fermarlo, un Bugno sicuro di se (lo avrebbe battuto in volata) e la fuga di un compagno di squadra (Olano) che sta ad Indurain come Knavene stava a Museeuw nella Roubaix del 2001. Un commento su Indurain: un gran signore.
8. Bugno (è il campione del mondo per eccellenza)
9. Armstrong (troppo limitato il suo campo d'azione)
10. Saronni (grande la sua vittoria mondiale)

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Alfredo Binda




Posts: 1101
Registrato: May 2004

  postato il 21/08/2004 alle 16:54
volevo dire top ten del dopo merckx...sorry
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 25/08/2004 alle 18:46
volevo ricordare a lubat che nel'98 al giro marco prese 3min.e mezzo in 40km.da zulle con l'umiliazione di essere doppiato dalla rosa per poi massacrarlo in montagna;al tour fu quint'ultimo nel prologo prese4min.e mezzo nella prima crono da jan e poteva prenderne anche 5 alla seconda vincendo uguale il tour e realizzando la memorabile doppietta!!!insomma nn e'che i miglioramenti,cmq evidenti,a cronometro furono determinanti per entrare nella leggenda......
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 25/08/2004 alle 19:55
volendo giocare anch'io,nonostante i miei 21 anni e 10 di passione ciclistica,dal dopo merckz direi:

10.CHIAPPUCCI :per il suo modo assolutamente imprevedibile di leggere la corsa ed il suo coraggio
9.MUSEEUW :inimitabile campione nelle classiche del nord,capace di un palmares straordinario nonostante i mille infortuni
8.MOSER :degno di una classifica molto piu'importante per i suoi inimitabili risultati tecnici ma diffido da un corridore che distrugge un record dell'ora a 38anni..(e SARONNI perche'degno avversario capace di vincere volate di gruppo,classiche e grandi giri)
7.BUGNO :il corridore piu'completo mai visto(cassette a parte) ma che,concordo con voi,nn abbinava a gambe fenomenali altrettanta mentalita'vincente
6.FIGNON :grandissimo scalatore capace di battere hinault nei suoi anni migliori
5.ARMSTRONG :ferrari a parte...cmq sempre al top nella corsa piu'importante del ciclismo su strada,dopo un'inizio da grande corridore di corse in linea
4.LEMOND :il piu'talentuoso corridore del ciclismo moderno tanto che spesso mi chiedo se lo si puo'considerare piu'cronomen o scalatore ed e'l'unico a cui mi riesce difficile dare una risposta netta
3. INDURAIN :cosa si puo'dire dell'ultimo campione capace di fare doppiette storiche giro tour(pirata a parte),un vincente nel suo modo di correre,sembra un'eresia ma x me e'cosi perche' nella sua carriera ha attaccato raramente ma sempre nei momenti importanti ed ottenendo il risultato voluto(liegi,la plagne'95 per esempio),un computer sfortunato solo nell'incontrare il devastante virus pantani
2.PANTANI :primo senz'altro per emozioni provocate,nei cuori di chi ama la bicicletta all'insu',di chi nn vuole annoiarsi per decine di km.e soprattutto di chi sogna che un ciclista possa,nel suo terreno,realizzare i sogni piu'proibiti e impossibili!!un mito,il piu'grande
1.HINAULT :il merckz del ciclismo moderno,il piu'completo,colui che dava l'impressione poter vincere tutte le corse che lo vedevano al via!se binda e'l'invincibile,coppi la leggenda,merckz la potenza,indurain la regolarita',pantani la salita,bhe'hinault e'la classe sui pedali per eccellenza!!se marco e'stato il piu'grande lui di certo e'stato il piu'forte ciclista degli ultimi30anni!



p.s.considero i velocisti categoria a parte perche'senno re leone merita di certo un posto nella storia!

 

[Modificato il 25/08/2004 alle 20:05 by Pirata x sempre]


 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Alfredo Binda




Posts: 1134
Registrato: Nov 2003

  postato il 26/08/2004 alle 09:18
Originariamente inviato da Pirata x sempre

volevo ricordare a lubat che nel'98 al giro marco prese 3min.e mezzo in 40km.da zulle con l'umiliazione di essere doppiato dalla rosa per poi massacrarlo in montagna;al tour fu quint'ultimo nel prologo prese4min.e mezzo nella prima crono da jan e poteva prenderne anche 5 alla seconda vincendo uguale il tour e realizzando la memorabile doppietta!!!insomma nn e'che i miglioramenti,cmq evidenti,a cronometro furono determinanti per entrare nella leggenda......

si ma all'ultima crono del giro ha perso 30sec da Honchar con +o- lo stesso tempo di Tonkov e all'ultima crono del Tour è stato battuto solamente da Ullrich e Julich (terzo anche alla crono di Ancona al giro99)

 

____________________

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 26/08/2004 alle 12:24
si ma infatti sul giro si puo'anche dire che la performance sulla crono di lugano e'stata importante,ma montceau-les-mines al tour nn lo e'assolutamente stata basta ricordarti che il pirata ci e'arrivato con 5min52sec.su ullrich!ma quello che voglio dire che marco era uno dei poochissimi,per nn dire l'unico,che era cosi forte in salita che paradossalmente nn aveva bisogno di migliorare a cronometro;pensa al pantani al giro'99,ad ancona poteva anche prendere5min.da jaja ed essere dominatore in rosa ugualmente,ed io penso che con i suoi scatti brucianti che prima o poi mandavano in bambola tutti che lui aveva capito che doveva basare le sue vittorie,anche nel2000,nonostante una forma precaria ed un grande lance con un obiettivo un po'piu'realistico(ma sicuramente meno affascinante)del podio invece che l'impresa della vittoria il giorno di morzine avrebbe dato sul joux-plane almeno5-6min.ad armstrong ormai in crisi per aver risposto ai ripetuti scatti di marco sulle alpi(basti pensare che gliene diedero piu'di tre virenque ed heras)e sarebbe stato nei primi tre nonostante accusava piu'di10min.dopo i pirenei!e'in salita che se al top faceva cosi il vuoto per garantirsi l'obiettivo previsto ed essere tranquillo nelle crono di fine giro-tour!detto questo e'evidente che anche contro il tempo fosse migliorato molto
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Alfredo Binda




Posts: 1101
Registrato: May 2004

  postato il 27/08/2004 alle 01:49
Caro pirata due commenti per i tuoi post precedenti:
1) per la classifica: è un po' diversa dalla mia, ma mi piacciono molto le giustificazioni del tuo ranking. Emerge comunque che questo forum con tutti i suoi contributi consacra (e giustamente oserei dire) Hinault come il più grande corridore degli ultimi 30 anni, è un forum che apprezza Moser e non trascura gli uomini delle grandi classiche. Secondo me è un sintomo di grande equilibrio nei giudizi.
2) sul Pantani che non aveva bisogno di migliorare a cronometro sono pienamente d'accordo. Non è un atteggiamento generalizzabile a tutti i corridori (in generale non lo è difatti), ma Pantani era talmente forte in salita che non era conveniente pensare di cambiare qualcosa in quel meccanismo perfetto: sarebbe stato non solo un delitto di immagine verso un corridore così meraviglioso, ma anche una scelta sbagliata sul piano tattioco. Perchè rischiare di compromettere qualcosa nelle sue magiche scalate per fargli perddere 6 minuti invece che 7 nelle cronometro?
Per lui vale più di altri quello che diceva Biagio Cavanna, massaggiatore di Coppi; non ricordo le parole esatte ma diceva che un corridore dove potenziare i suoi punti di forza piuttosto che colmare le sue lacune, uno scalatore doveva cercare di fare bene lo scalatore, un velocista doveva cercare di migliorare nelle volate, un cronomen doveva migliorare sul passo. Pantani non è stato mai un ibrido, ma un grande, immenso scalatore. I suoi non erano scatti che finivano dopo pochi chilometri, ma cambi di ritmo più simili a lunghe progressioni che poi restavano costani per parecchi chilometri.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 27/08/2004 alle 20:23
Quello di Cavanna é un distillato di saggezza. Di fatto credo che a Martinelli non passerà mai per la testa di forzare Cunego nelle crono oltre i normali margini di miglioramento. Viceversa credo che Basso in montagna abbia presentato il suo livello massimo di prestazione, la sola opportunità che ha di crescere di livello é migliorare a cronometro, dove magari non ha ancora scoperto che proprio le corse contro il tempo potrebbero essere uno dei suoi punti di forza.
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 27/08/2004 alle 21:02
basso nn so quanto pesa ma nn penso arrivi ai70kg.e sai nn e'facile migliorare a cronometro,e'rarissimo che con quel fisico esca un gran cronomen tanto meno che si formi a27anni,armstrong(e ferrari..)e'un caso particolare e cmq arriva ai72kg.,forse giusto hamilton che ha un fisico simile ma e'un eccezione!penso sia piu'plausibile credere che possa essere un ciclista completo ma nn eccelso in nessuna specialita'!concordo con te sul fatto che in salita se nn e'al limite quasi,e penso possa puntare a limare un'altro minuto da lance nelle maxi-crono(1.30-2min.in50-60km.)piazzadosi stabilmente nei primi 5 al tour,meglio a quelle di giro e vuelta,insomma lo vedo un garzelli un po'piu'forte ma cmq molto simile,certo meno veloce in volata e,anche se e'difficile,meno"attaccante"di uno stefano che mi ha positivamente impressionato sulle dolomiti dell'ultimo giro dove,raggiunto tardi il top della forma,si e'sudato e guadagnato una tappa,la piu'bella,con grande coraggio e determinazione;ecco se basso trovera'piu'coraggio vedo per lui tanti podi nei grandi giri ma penso al massimo potra'vincere un giro e difficilmente un tour!a pensarci bene il paragone con garzelli sembra calzargli molto(ripeto forse un po'piu'forte di gambe,ma meno di testa),voi che ne pensate?

 

[Modificato il 27/08/2004 alle 21:10 by Pirata x sempre]


 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 29/08/2004 alle 23:40
Penso che l'accostamento ci possa stare, anche se chiaramente Stefano é un corridore di cui si conosce lo standard, Ivan invece può avere dei margini di miglioramento perchè ha quasi 5 anni meno di Garzelli.
Di sicuro Ivan sino ad ora si é rivelato molto più ambizioso di Stefano, rinunciando ai soldi di Armstrong per fare gregariato, sfidando la scarsa fiducia che Ferretti gli ha dimostrato, buttandosi con orgoglio nell'avventura tosco-danese con l'obbiettivo principe di sfondare al tour.
Stefano invece mi ha dato l'impressione che, dopo il giro vinto all'ombra di Pantani, non abbia più creduto nelle proprie potenzialità, in qualche modo accontentandosi.
Spero che Stefano vinca ancora un giro e che Ivan faccia anche meglio.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2475
Registrato: Sep 2004

  postato il 01/09/2004 alle 15:13
gli ultimi due non li conosco,Rogers e Cancellara sono soprattutto dei cronomen quindi non credo,stesso discorso per Pozzato che e' uomo da classiche,Popovych rischia di rimanere un incompiuto,Menchov e Karpets al massimo potrebbero vincerne uno di Tour ma non di piu',Valverde non ho capito bene ancora se sia corridore da classiche o da corse a tappe,capiremo qualcosa di piu' alla Vuelta,Sinkewitz non entusiasma,Basso e Mayo potrebbero vincere nei prossimi due anni ma poi sara' piu' difficile,resta Cunego che lui si' ha tutte le doti per imporsi nella Grande Boucle,e' vero che va piano a cronometro ma questo valeva anche per Pantani.Quanto a Garzelli certamente e' piu' vincente di Basso.

 

[Modificato il 01/09/2004 alle 15:17 by Guglielmo Tell]


 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 01/09/2004 alle 19:35
nn so perche',ma col passaggio di popovich alla discovery diventa lui il favorito per il dopo armstrong soprattutto al tour,nn fosse altro per i percorsi che fanno!certo con un tracciato equilibrato nn vedo molti avversari per il nostro damiano...
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 01/09/2004 alle 20:02
Per Guglielmo Tell: innanzi tutto benvenuto.
Poi: non vedo alcuna logica nell'affermare che Rogers e Cancellara essendo cronomen non possano evolversi in corridori da corse a tappe.
Su Popovych direi che tra i dilettanti ha fatto l'errore di allenarsi come un professionista, arrivando a non percepire più i propri margini di miglioramente poichè già spingeva al massimo: é ottimo per lui che vada a scuola da Armstrong.
Da cosa capisci che Menchov e Karpets potrebbero vincere un tour? dal giro dei paesi baschi o da una maglia bianca? Suvvia...
Sinkewitz é uno dei giovani più promettenti.
Perchè Garzelli é più vincente di Basso?
Se conti le vittorie bisogna aspettare 5 anni.
Se consideri la mentalità sei fuori pista: il vincente è quel corridore che è consapevole dei mezzi che ha disposizione e ne ottimizza al massimo il rendimento (l'esempio più illustre di perdente é Chiappucci, quello di vincente è Indurain).
Non fare confusione tra attaccante e vincente.
A me Garzelli, che comunque adoro, non sembra questo gran vincente, mentre Ivan ha davanti tutta una carriera per dimostrare di che pasta é fatto.
Valverde: uomo da classiche? per un secondo posto al mondiale? quindi é uomo da classiche anche Paulinho?
Via, Valverde è uomo da corse a tappe che deve spiegarci ancora quale sia il suo vero valore (presumibilmente molto alto, presumibilmente...).


 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2475
Registrato: Sep 2004

  postato il 01/09/2004 alle 22:19
su Rogers ci si aspettava un salto di qualita' gia' quest'anno al Tour e invece ha fatto il compitino e nulla piu',mentre per quanto riguarda Cancellara mi sembra un corridore molto simile a McGee che e' riuscito ad arrivare nei primi 10 al Giro ma difficilmente potra' fare meglio.Menchov e Karpets vanno forte sia a cronometro che in salita,il primo e' stato sfortunato al Tour di quest'anno mentre il secondo difetta nella resistenza ma possono ancora migliorare,quanto a Basso corre tatticamente malissimo e ha vinto se non sbaglio una corsa negli ultimi tre anni per un regalo di Armstrong,mentre Garzelli ha almeno uno spunto veloce che gli permette di vincere certe corse.Su Valverde infine c'e' da dire che a parte il secondo posto di Hamilton ha dimostrato di essere vincente solo in Spagna,aspetterei questa Vuelta prima di definirlo corridore da corse a tappe,anche Rebellin sembrava che lo fosse all'inizio

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 01/09/2004 alle 22:26
Sei esagerato nelle sentenze.
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 02/09/2004 alle 16:05
Guglielmo Tell, mi piacerebbe che tu motivassi meglio le tue affermazioni, circostanziandole adeguatamente, altrimenti anziché un dialogo partorisci un monologo, ovvero io ho le mie opinioni, tu le tue, gli altri le loro e tutto é finito, invece é bello discutere.
Per esempio, come ti é saltata in mente l'idea balzana che Karpets vincerà il tour perché va forte in salita e a cronometro? ma va? allora Kloeden quanti tour de france monopolizzerà, visto che a crono e in salita và più di Karpets?
Dai, un po' di impegno, questo é un forum sul ciclismo e non sul calcio, qui non c'é fanatismo ma solo voglia di confrontarsi.
Ciao

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2475
Registrato: Sep 2004

  postato il 02/09/2004 alle 19:55
e' presto detto:Kloden va forte in salita e a cronometro ma non sembra avere margini di miglioramento rispetto al 2003,Karpets invece li ha e poi ho detto che di Tour puo' vincerne uno,non 7,quanto poi a Rogers e Cancellara non ricordo ultimamente di cronomen divenuti poi corridori in grado di vincere una corsa a tappe,l'ultimo e' stato Berzin ma e' durato uno o due anni e poi e' sparito
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Classica San Sebastian




Posts: 72
Registrato: Jul 2004

  postato il 02/09/2004 alle 20:10
Originariamente inviato da lubat

Lovkvist non lo conosco bene, ma Dekker mi sembra un ottimo corridore, anche se non so come va in salita (l'ho notato solo perchè a crono va fortissimo)
comunque penso che il futuro vincitore di Tour sia Damiano Cunego, anche se per il 2005 vedo meglio Basso, secondo me è troppo presto per Cunego


Son d'accordo con te che probabilmente l'anno prossimo sarà presto per Cunego (che sarà sicuramente il futuro del Tour), ma Basso dubito che vinca l'anno prossimo, se lo facesse vorrebbe dire che gli avversari saranno peggio di quest'anno.
Valverde potrebbe essere un altro candidato per il futuro.

 

____________________
Damiano Cunego Blog

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 03/09/2004 alle 12:47
certo che questo thomas dekker ha scavato un solco tra lui ed il secondo nel maxi-prologo del tour de l'avenir...dall'ordine d'arrivo si vede che a crono e'di un'altro livello,e'piu'il distacco inflitto al secondo che quello tra quest'ultimo ed il decimo,una crono volata ad oltre 50km.orari,sembra pronto per scenari piu'prestigiosi,penso ne sentiremo parlare presto...!

 

[Modificato il 03/09/2004 alle 12:50 by Pirata x sempre]


 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 03/09/2004 alle 12:51
Attento che Guglielmo Tell non legga il tuo post, ti dirà che i cronomen non possono vincere le corse a tappe.
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 03/09/2004 alle 13:29
dimenticandosi dei vari indurain,rominger,zulle,ma soprattutto in quanto veniva in salita puntualmente staccato dai fenomeni bahamontes,gaul,poulidor...del grande Anquetil!

p.s. dai forse e'un po'rigido nell'esprimere le sue opinioni,ma il bello di questo forum e'che nel rispetto della dialettica,e'giusto e bello che parlino tutti!!!

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 03/09/2004 alle 15:26
Hai ragione, ci mancherebbe, più gente si aggrega al forum e più ci trovo gusto.
Però in questo cosa c'é un Guglielmo Tell che ti lascia intuire che segue con passione e buon intuito il ciclismo e dispiace che anziché cercare il dialogo si metta a fare Nostradamus, altro che l'arcere svizzero.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Ottavio Bottecchia




Posts: 548
Registrato: Mar 2004

  postato il 03/09/2004 alle 20:50
t.dekker ha dominato quel prologo, ma il dato più interessante è che è 3-4 anni più giovane di quelli che ha stracciato (e a quell'età tre anni sono tanti)!!!
comunque è andato bene anche lovkvist (stessa età). vedrete che diventeranno fortissimi entrambi

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2475
Registrato: Sep 2004

  postato il 04/09/2004 alle 13:40
se Gonchar tanto per fare un nome non riesce a vincere un grande giro non vedo come possano riuscirci Rogers e Cancellara che in salita vanno piu' piano dell'ucraino,il primo non ha grandi margini di miglioramento,il secondo si' ma non ce lo vedo stabilmente nei primi 10 nelle tappe di montagna;nelle ultime corse a tappe c'e' stata un'equa ripartizione tra successi di cronomen e scalatori,ma i veri cronomen che hanno vinto corse a tappe sono Indurain,Berzin,Ullrich e Aitor Gonzalez,dal momento che Armstrong,Rominger e Zulle(ma anche l'Ullrich del 1997)facevano la differenza anche in salita,ma ci sono stati anche i successi di Riis, Pantani,Heras,Simoni,Cunego che cronomen assolutamente non sono,salvo in parte il primo.in altre parole se uno va in salita ma non va a cronometro puo' vincere comunque una corsa a tappe,mentre il contrario non e' possibile;infine saro' anche nostradamus ma del resto e' il sondaggio che dice ''chi dominera' il Tour nei prossimi anni?'' invitando cosi' a fare previsioni
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 04/09/2004 alle 14:05
pero'converrai con me che il ciclismo nn e'una scienza matematica,ti faccio qualche esempio,avresti detto che l'armstrong dei primi anni di carriera,forte si nelle corse di un giorno ma sempre in grandissima difficolta'nei grandi giri(proprio il tour in particolare)e dal carattere litigioso e sbruffone sarebbe diventato,dopo aver passato un tumore,dove ha rischiato la vita,il ciclista plurivittorioso al tour di tutti i tempi,cominciando a vincere a 28anni?potresti rispondermi con ferrari ed in gran parte giustificare tale cambiamento...ma cosa diresti di un indurain che presentatosi gia' quattro volte al tour aveva collezionato solo un ritiro,un centesimo,un cinquantesimo ed un ottavo(?)posto,era difficile ipotizzare un'exploit di quel tipo a 27anni compiuti,piu'normale individuarlo come un passistone buono come gregario di delgado...o di un rijs vincitore di un tour a 30anni dopo aver collezionato al massimo un quinto posto,o per giungere ai giorni nostri lo sbalorditivo miglioramento di mcgee capace in 3 anni di passare dall'ultimo,e dico ultimo posto all'ottavo in una grande competizione come il giro!e'proprio quest'imprevedibilita'che rende il ciclismo piu'bello ed affascinante,chi avrebbe mai fatto il nome di paulinho come unico corridore capace di rispondere agli scatti del fenomeno bettini?poi certo se si chiede di fare previsioni uno le fa esprimendo le proprie idee,tra l'altro su rogers e cancellara(anche se li uno spiraglio lo lascerei...vedi mcgee)sono anche d'accordo con te,pero'il ciclismo e'sempre li pronto a contraddire anche il piu' grande appassionato ed intenditore,senno'nn sarebbe sport cosi'fantastico!!!

 

[Modificato il 04/09/2004 alle 14:12 by Pirata x sempre]


 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 04/09/2004 alle 14:07
Per Guglielmo Tell: mi fà piacere che un po' aggiusti il tiro, del resto ciascuno ha le proprie opinioni e io le rispetto, ma se gli altri mi danno motivazioni adeguate io posso anche cambiare le mie idee, diversamente a che serve un forum?
Condivido che Gregorio ha intitolato male il sondaggio, é fuori luogo parlare di futuri dominatori per alcuni corridori ancora tutti de scoprire come Dekker, ad esempio.
Sarebbe stato più ragionevole parlare di "promesse" per il ciclismo a tappe.
Su Rogers io condivido in parte i tuoi dubbi, ma il nuovo ciclismo spesso ci propone corridori che raggiungono la maturazione psichica solo verso i 28 o 29 anni, quindi aspetterei a calare una pietra tombale sull'australiano.
Su Cancellara, del 1981 se non sbaglio, direi che neanche lui sa se può competere in una corsa a tappe, dovrebbe affrontare una preparazione specifica che vada oltre la ricerca del cronoprologo o una possibile tappa, poi provarci con convinzione e capire se sia meglio lasciar perdere; ad ora affermare che non può avere successo é azzardato tanto quanto predirgli un sicuro avvenire nelle classifiche dei grandi giri.
Poi non credo che Basso sia così malvagio tatticamente, è cosa diversa dire che ha un modo di correre che non ci piace, ma se ti và racconta pure in quale o quali occasioni Ivan ti ha dato questa impressione.
Su Pozzato anche io penso che sia fuori luogo inserirlo in questo sondaggio, almeno per quel che sinora ci ha mostrato, comunque é giovanissimo e ogni sviluppo è plausibile, anche che magari un domani si scopra competitivo per vincere un giro (ne dubito anch'io, sia chiaro).
Se invece dovessi parlare di promesse non mantenute avrei inserito Chavanel, da almeno quattro anni é una cartuccia che fa cilecca accontentandosi di trofei minori; l'anno venturo sarà in cofidis, presumibilmente l'ultima spiaggia.

 

[Modificato il 04/09/2004 alle 14:09 by aranciata_bottecchia]


 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 04/09/2004 alle 14:13
Ciao Pirata, il mio post ricalca in parte alcuni argomenti del tuo, ma ti assicuro che l'ho scritto in contemporanea, non c'é plagio
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 04/09/2004 alle 14:17
sarebbe da portare tutto in tribunale,mi sembra evidente che tu in 2min.hai letto il mio post ed hai preso spunto scrivendone uno altrettanto grande....da guinnes,manco a scuola copiavo cosi'velocemente...
scherzi a parte lo so bene che spesso abbiamo idee simili nel modo di analizzare i ciclisti ed il ciclismo...

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 2475
Registrato: Sep 2004

  postato il 04/09/2004 alle 17:42
vediamo un po'.
INDURAIN:era comunque un corridore che aveva vinto il Tour de l'Avenir e ha fatto progressi graduali anno per anno come capita alla maggior parte dei corridori(non pero' a Merckx e Hinault che vincevano da giovanissimi)
RIIS:era anche arrivato terzo al Tour del 1995,quindi la sua vittoria e' stata una sorpresa solo in parte
MCGEE:e' vero,al Giro di quest'anno ha impressionato,ma dubito possa migliorare ancora e poi uno con le sue doti se e' arrivato ultimo al Giro 2000 e' perche' molto probabilmente stava male
PAULINHO:questa e' una sorpresa assoluta,ma si parla di un corridore che era completamente sconosciuto,come dunque il suo potenziale,mentre Rogers e Cancellara sappiamo gia' quello che possono dare almeno oggi
BASSO:tanto per fare un esempio,perche' a San Sebastian ne' l'anno scorso ne' quest'anno ha attaccato?e al Tour perche' non ha attaccato a Grand Bornard quando Kloden era in difficolta'?ha fatto uno scattino all'inizio della salita con Sastre e si e' fermato li'.anche a La Mongie non e' stato lui ad attaccare,prima ha risposto a Kloden e Mancebo e poi ad Armstrong

queste sono le mie opinioni,non mi sembra di aver danneggiato qualcuno,ci sono altri forum che trattano di ciclismo e i toni sono spesso sarcastici se non addirittura volgari




 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 04/09/2004 alle 18:18
Per Guglielmo Tell: beh, sul tenore del linguaggio del forum una volta admin mi ha bacchettato e devo dire che ha ragione, spero che se mai si introducessero mele marce vengano scacciate.
Quanto a Ivan, ha raccontato che già da prima dell'alpe d'huez non aveva più birra in corpo, non percepiva più le sensazioni positive ricevute nelle prime due settimane di gara, quindi se proprio vogliamo essere critici si può dire che il varesino si é rivelato pavido sulla mongie, il solo momento in cui avrebbe potuto cercar di soffiare una manciata di secondi a King Lance e ai rivali, dopodichè le critiche vanno tenute al guinzaglio essendo il podio troppo importante per una squadra come la csc che deve raccogliere consensi per ammorbidire gli sponsor, impegnati nel finanziamento della partecipazione all'enigmatico pro-tour, comportante qualche milionata di euro tra l'iscrizione e l'allestimento di una squadra in grado di partecipare a tutte le competizioni obbligatorie.
Perché Riis avrebbe dovuto lasciargli correre il rischio di mandare a quel paese il podio? meglio un uovo oggi o una gallina domani?
Del resto, se ci pensi, il modo di correre di Basso é ampiamente tutelato dall'organizzazione del tour de france.
Un ultima cosa: mi chiedi perché Basso non ha attaccato a san sebastian, in verità io mi chiedo che ci vada a fare a san sebastian, ma poi mi accorgo che invece é giusto che partecipi, fà del bene al ciclismo, fà del bene a se stesso visto che la sua maturazione si é rivelata lenta.
Se ti chiedessi di volare sbattendo le braccia come ali, tu ci riusciresti? io dico che non sapresti volare, é la mia opinione e rispettala, ma ti dico anche che non si può chiedere a Basso quegli scatti brucianti, indispensabili per fare il vuoto, che una natura avara gli ha negato.
Poi se tu vuoi rinfacciare a Ivan di essere intelligente fà pure, io lo considero un ragazzo consapevole dei propri limiti e molto attento a non fregarsi da solo.

ps scrivo in questo forum da poco più di un mese, ci sono "penne" che stimo come Emiliano e Pirata, altri come lubat col quale sono spesso in disaccordo ma che apprezzo per la passione e che spero torni a farsi vivo, come del resto Ettore, ci sono Gregorio e Srekal che mi piacerebbe scrivessero un po' di più, c'é acmb che dovrebbe proporre qualche sondaggio in meno ma che mette entusiasmo per la voglia di ciclismo che esprime, poi altri che ora non ricordo, ma comunque ti assicuro che qui c'é una bella atmosfera e spero che tu divenga un abitudinario di questo sito, anche se hai idee diverse dalle mie, fatto veramente ininfluente, o addirittura positivo.

 
Edit Post Reply With Quote
<<  1    2  >> Nuovo Thread  Nuova risposta   Nuovo sondaggio
 
Powered by Lux sulla base di XMB
Lux Forum vers. 1.6
1.9885569