Board logo

Il Forum di Cicloweb

Non hai fatto il login | Login Pagina principale > Dite la vostra sul ciclismo! > Giro, 19a tappa: SAVIGLIANO - SESTRIERE
Nuovo Thread  Nuova risposta  Nuovo sondaggio
< Ultimo thread   Prossimo thread >  |  Versione stampabile
Autore: Oggetto: Giro, 19a tappa: SAVIGLIANO - SESTRIERE

Livello Fausto Coppi




Posts: 1502
Registrato: May 2004

  postato il 27/05/2005 alle 18:30
Pensavo lo aveste già aperto, ma visto che non lo ha ancora fatto nessuno, lo faccio io...

Comunque questa è la tappa chiave del Giro: domani sapremo chi è il vincitore del Giro 2005. Le possibilità perchè un attacco vada a buon fine ci sono tutte. Il Colle delle Finestre sarà la salita chiave, ma attenzione, perchè non sarà solo quello il punto chiave! La salita che porta al Sestriere è pedalabile, è vero; però se si arriva senza benzina alla salita finale si possono perdere parecchi secondi, anche minuti. Infatti se non si riesce a fare velocità, chi è davanti potrebbe guadagnare. Io penso che potrebbe essere una buona idea per Rujano o Simoni partire sul finestre, rischiando anche di scoppiare, perchè per vincere il Giro bisogna rischiare. Comunque sono convinto che le dichiarazioni di Simoni dopo la tappa di oggi siano solo pretattica: non ci credo neanche un po' che intenda aspettare di vedere cosa succede e tentare solo nell'ultima salita. Penso che proverà qualcosa anche Rujano. Chi invece starà sempre incollato a Savoldelli, sperando che salti qyualcun'altro è Di Luca...

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Milano-Sanremo




Posts: 120
Registrato: May 2005

  postato il 27/05/2005 alle 19:06
Ma il vincitore del giro prende 85 punti per la classifica pro tour e gli altri punteggi quali sono? Di Luca in ambito classifica potrebbe avvantaggiarsi un bel pò su Boonen

Cmq domani spero che Simoni e Rujano rendano la tappa spettacolare senza aspettare l'ultima salita

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Tour




Posts: 229
Registrato: Apr 2005

  postato il 28/05/2005 alle 16:28
ma i davitamon-lotto, oggi, da chi hanno preso lo stipendio?
spiace x di luca. crampi?
cmq. bella tappa

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Milano-Sanremo




Posts: 120
Registrato: May 2005

  postato il 28/05/2005 alle 17:40
Si Di Luca i crampi
Sull colle delle finestre è stato devastante mentre a Rujano interessava solo la tappa... A savoldelli gli ha detto bene

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 5156
Registrato: Apr 2005

  postato il 28/05/2005 alle 18:03
Oggi tutto stupendo.
Ognuno ha fatto quello che doveva fare.Nessuno ha sbagliato tattica.
L'unica cosa che, anch'io, non ho capito è chi dovevano rincorrere i Davitamon Lotto.
Sono orgoglioso per Di Luca.
Mi ha preoccupato il modo con cui sono usciti di scena oggi Basso e Cunego, soprattutto in prospettiva Tour.

 

____________________
nino58

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 5092
Registrato: Apr 2004

  postato il 28/05/2005 alle 18:09
Se non si asfaltava la discesa sarebbe cambiato qualcosa?
Tra l'altro, se si batteva bene il fondo come quello della salita, non penso ci sarebbero stati pericoli.

 

____________________
Mauro Facoltosi
www.ilciclismo.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 28/05/2005 alle 18:12
Per Morris: più che un paio di birre ti devo una birreria

 

____________________
Davide

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Giro di Romandia




Posts: 50
Registrato: Apr 2005

  postato il 28/05/2005 alle 18:31
Una tappa meravigliosa, una giornata di grande ciclismo, grande spettacolo su una salita, il Colle delle Finestre, che con quegli ultimi chilometri in sterrato ci ha riportato indietro nel tempo al ciclismo dei pionieri.
Per quel che riguarda l'analisi tecnica della tappa, è andata più o meno come mi aspettavo. Simoni, Rujano e uno straordinario Di Luca hanno attaccato sul Colle delle Finestre. Savoldelli, grazie alla sua solita straordinaria visione tattica della corsa, ha deciso si salire con il proprio passo. In cima alla salita Savoldelli aveva 2'23" di ritardo dai battistrada. Un distacco forse superiore alle attese, ma per riuscire a dargli quel distacco gl altri hanno poi pagato pesantemente nel finale.
A Di Luca sono venuti i crampi, Simoni ha ceduto negli ultimi chilometri.
L'unico che ha tenuto duro fino all'arrivo è stato Rujano, ma anche lui aveva perso molto nel tratto in discesa e in pianura.
Savoldelli ancora una volta ha difeso alla grande la sua maglia rosa, certo ha ricevuto un notevole aiuto dagli uomini Lotto Ven Huffel e Ardila (ma nel ciclismo le alleanze trasversali ci sono sempre state e sempre ci saranno), ma ha dimostrato secondo me di meritare la vittoria fnale correndo sempre con un intelligenza tattica da grande campione.
Basso secondo me oggi era già appagato, ha già vinto le ultime due tappe e probabilmente oggi sono venute a mancare le motivazioni.
Più grave la prova sottotono di Cunego, che avrebbe dovuto spalleggiare Simoni ma che quando la corsa è esplosa è uscito subito di scena.
In conclusione, va fatto comunque un applauso a tutti i grandi protagonisti di questa splendida tappa.

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Tour




Posts: 229
Registrato: Apr 2005

  postato il 28/05/2005 alle 18:43
gia´, in effetti cunego..appariva demotivato..o stava solo recuperando attivamente in vista del tour..
cmq. questa gestione lampre al giro non mi e´ proprio piaciuta..cunego come gregario (seppur di lusso)..ho avuto l´ impressione che sia stato un pochino bruciato..ma xche´ non si e´ staccato da simoni? solo x motivi contrattuali? con una squadra diversa e (soprattutto) un ambiente diverso, avrebbe potuto, a mio avviso, fare di piu´...

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 28/05/2005 alle 18:45
Tappa bellissima, delusione profonda per la vittoria di Savoldelli.
Nulla di personale, semplicemente mi girano i marroni ogni qualvolta il cronometro decide la vittoria.
Bravissimo il falco, lui mi piace, la sua vittoria per niente.

 

____________________
Davide

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 28/05/2005 alle 18:46
Mi unisco agli applausi verso Di Luca, ha definitivamente convinto anche il sottoscritto, è diventato un campione a tutto tondo.

 

____________________
Davide

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 28/05/2005 alle 18:56
Ho sofferto come un eretico sulla graticola, e una volta di più maledico il cronometro.
Paolo Savoldelli è inferiore a Simoni sulle salite, ma ha potuto difendersi grazie all’aiuto di un paio di avventurieri incontrati lungo la strada, l’handicap è ridotto.
Gilberto Simoni è inferiore a Savoldelli contro il cronometro, e non ha modo di difendersi, non trova due gonzi che in cambio di una nuova macchinetta alti-trainer gli danno una mano, no, è solo, l’handicap è intero.
Sono disgustato.
Sì, proprio cosìm lasciatemene fare una questione di gusto.
Evviva Simoni, evviva Di Luca, eh sì, và, evviva Rujano.
Ci sono cose che hanno lo stesso colore, il marrone per esempio, e a me piace il cioccolato, ad altri piace la cacca.
Buon appetito.

 

____________________
Davide

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 1635
Registrato: Apr 2005

  postato il 28/05/2005 alle 19:11
caro aranciata...stavolta non condivido.
Un giro per s calatori. Colle delle finestre, Stelvio, duran. il resto....Non una crono piatta. se uno scalatore non vince un giro così, non so cosa avrebbe dovuto vincere.
Savoldelli senza squadra , senza gregari in montagna sìè salvatyo. Avesse perduto, il giro sarebbe stato deciso da una caduta in pianura, non dalle crono.
Savoldelli ha meritato, Simoni ha perso con l'onore delle armi, ma dimostrando di essere logoro. Il simoni di 3 anni fa , avrebbe strabattuto il falco su un percorso così.
ciao!!

 

____________________
pedala che fa bene.....

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani




Posts: 1409
Registrato: Nov 2004

  postato il 28/05/2005 alle 19:47
Originariamente inviato da aranciata_bottecchia

Paolo Savoldelli è inferiore a Simoni sulle salite, ma ha potuto difendersi grazie all’aiuto di un paio di avventurieri incontrati lungo la strada, l’handicap è ridotto.
Gilberto Simoni è inferiore a Savoldelli contro il cronometro, e non ha modo di difendersi, non trova due gonzi che in cambio di una nuova macchinetta alti-trainer gli danno una mano, no, è solo, l’handicap è intero.


... e ambedue in salita sono inferiori a Rujano. Al quale é sicuramente mancata un po' di esperienza e certamente anche di conoscenza del terreno, altrimenti avrebbe sicuramente messo d'accordo tutti! Il mio bravissimo più sentito al piccolo venezuelano!

Quanto a Simoni, sì alla lunga ha finito per essere più forte di Savoldelli in salita. Ma solo alla lunga, visto che da Savoldelli é stato staccato in salita due volte. Oggi Gibo ha fatto una bellissima tappa, ha messo tutto quello che aveva nella battaglia. Ma il Giro Simoni non lo ha perso oggi, lo ha perso il giorno dello Stelvio...

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Tirreno-Adriatico




Posts: 58
Registrato: May 2005

  postato il 28/05/2005 alle 20:54
Aranciata...che delusione!!Sei addirittura disgustato da uno dei più bei giri degli ultimi anni!E' stato un giro veramente bello,al cardiopalma fino all'ultimo momento.Cosa c'è che non va?le cronometro?Proprio lì, dove il corridore é da solo con la sua fatica,dove non esistono tattiche di squadra,strategie varie,alleanze,lì conta solo la gamba.In questo giro savoldelli é andato forte su tutti i terreni.La tappa di Livigno Simoni é riuscito a portargli via solo 20 secondi.Encomiabile il comportamento di un atleta di quella stazza in salita.In un giro così duro un vero scalatore avrebbe dato dei gran minuti a tutti,compreso Savoldelli,riparandosi per le cronometro.Seguo il ciclismo da tanti anni ,e un giro così bello,incerto e battagliato,lo vorrei vedere tutti gli anni.Mi spiace solo per Basso,avrebbe contribuito a renderlo ancora più bello,anche se qualcosa cmq ci ha regalato.Che malinconia nei prossimi giorni.Mi guarderò qualche registrazioneAranciata,mi hai deluso,sii più obiettivo.
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Campionato di Zurigo




Posts: 68
Registrato: Apr 2005

  postato il 28/05/2005 alle 21:46
D'accordo con motocycling;anzi, aggiungo che i chilometri a cronometro in teoria erano un po' pochi per poter bilanciare la mole delle tappe montane di questo giro; una corsa a tappe deve essere completa ed equilibrata e deve essere vinta da un corridore sufficientemente completo.
Sono pareri personali ovviamente, ma a me non piace la cacca...
Aggiungo semplicemente un complimento a tutti i corridori che hanno animato questo bellissimo giro.

PS:Rujano...è già il mio idolo...quanto mi piacciono quelle orecchie a sventola...mi ricordano qualcuno...

 

____________________
Caught in the afterlife
I've gone too far
When sorrow sang softly and sweet
The air was filled with tears
Full of sadness and grief
When sorrow sang softly and sweet

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 1771
Registrato: Jan 2005

  postato il 28/05/2005 alle 22:25
bellissima tappa...
lo sterrato non mi pareva poi così terribile resta il fatto che la costante del giro è che quelli più forti debbano essere messi fuori gioco da incidenti esterni alla corsa(gastroenterite per basso, crampo maligno per di luca oggi)
Paolo Savoldelli,il cui unico difetto è la squadra...,ha meritato questa vittoria non dimentichiamo che oltre alle crono a zoldo è rimasto con ivan basso e ad ortisei ha attaccato in prima persona deve ringraziare si i davitamon-lotto(un favore così grosso alla squuadra di san lance armstrong fa sempre comodo soprattutto se al tour ci sarà una squadra competitiva...)da questo punto di vista anche lo scorso anno cunego su presolana e vivione ha sfruttato il lavoro degli altri se no chissà cosa sarebbe successo quindi non capisco l'accanimento di qualcuno contro i belgi.Il falco comunque,scusate la schiettezza, deve ringraziare soprattutto la diarrea di ivan basso nettamente superiore a tutti gli altri.
Simoni si è dimostrato ancora una volta con condizioni fisiche piuttosto precarie o forse gli manca qualcosa contro certi avversari viste anche le espeienze al tour? Al duran attacca e perde secondi,idem ad ortisei,replica sul foscagno e oggi.Solo l'attacco sul tenda a buon fine è troppo poco.
Di Luca è stato semplicemente incredibile
Rujano è un eccellente scalatore ma mi pareva un po "rubata"una sua vittoria non lo vedo affatto come uomo di classifica spero mi smentisca in fututo xke ha grandi numeri.

 

____________________
http://www.controcopertina.it

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 28/05/2005 alle 22:34
caro aranciata...stavolta non condivido.
Un giro per s calatori. Colle delle finestre, Stelvio, duran. il resto....Non una crono piatta. se uno scalatore non vince un giro così, non so cosa avrebbe dovuto vincere.
Savoldelli senza squadra , senza gregari in montagna sìè salvatyo. Avesse perduto, il giro sarebbe stato deciso da una caduta in pianura, non dalle crono.
Savoldelli ha meritato, Simoni ha perso con l'onore delle armi, ma dimostrando di essere logoro. Il simoni di 3 anni fa , avrebbe strabattuto il falco su un percorso così.


No no no caro JanJan, ricordi la questione abbuoni? Ne hai fatto una questione di gusto tu, ne faccio una questione di gusto io, tutto qui, di che ti crucci, non sei nella posizione per poterlo fare direi.
Pan per focaccia.
Ho espresso un’opinione tecnica, mi pare che chi si deve difendere in salita può trovare aiuti con maggiore facilità, chi si deve difendere a cronometro è impietosamente indifeso.
Tra le altre cose, sicuramente unico in tutto il forum, ho sempre espresso l’opinione che, in uno sport ibrido come il ciclismo, la cronosquadre ha maggiore ragione di esistere rispetto alla cronometro individuale.
Questioni di gusti, no?
Se i primi tre della leggendaria tappa di oggi fossero saliti tutti insieme sul podio, io mi sarei messo a piangere come un bambino per la contentezza.
Evviva il cioccolato.

Caro Felice, se fai la tara ai miei eccessi saprai benissimo che sono al 100% d’accordo con te.

Motocycling, penso che in circolazione non ci sia uno scalatore come Rujano, eppure non mi pare che abbia vinto il Giro.
Ti invito però a riflettere sugli sviluppi del ciclismo a cronometro e più in generale sulle prestazioni aerobiche dei passisti negli ultimi venti anni, e allora guarderai forse alle mie conclusioni con minore delusione.
Semplicemente a me non piace quel ciclismo che ha bisogno necessariamente di un Pantani per smerdare i cronoman, mi piacerebbe un po’ più di equità, che ci vuoi fare.
Nulla di personale contro Savoldelli, le regole sono queste e lui ha vinto secondo le regole.
Al bando le cronometro, più pavè, più sterrati, meno asfalto.
Evviva il cioccolato, gli Armstrong, i Savoldelli, gli Hamilton, gli Hondo e i Santi Perez cuccateveli voi.
Ciao

 

____________________
Davide

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Gianni Bugno




Posts: 588
Registrato: Mar 2005

  postato il 28/05/2005 alle 22:40
Non condivido neppure io il giudizio tagliente di Aranciata...
Simoni non ha fatto che lamentarsi ed e' sembrato veramente cattivo solo sul foscagno..piagnone!
Rojano ha fatto il suo ben supportato da Savio, che e' un Tecnico coi controfiocchi..bravo!
De Luca grandissimo..ma ha esagerato oggi e ci ha rimesso..un po' pollo..

Savoldelli e' stato il piu' furbo oggi e il piu' forte in tutto il resto del giro, cosi' come sapeva essere furbo Merckx.

Giro grandissimo e Savoldelli meritatissimo vincitore!


Mi resta solo una domanda..MA cosa danno da bere e da fumare a Sgarbozza?

 

____________________
"Quel naso triste come una salita
Quegli occhi allegri da italiano in gita!"

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 1635
Registrato: Apr 2005

  postato il 28/05/2005 alle 23:20
Caro Aranciata, sul fatto che siano questioni di gusto, concordo.
Ma credo di essere obbiettivo nel definire questo giro adatto soprattutto agli scalatori.
e se lo vince, con merito, uno che scalatore non è, un motivo ci sarà...per me il principale è che gli scalatori hanno deluso. Simoni perchè ormai logoro (a mio avviso...), Basso perchè è stato male (e siamo sicuri che se fosse stato in classifica avrebbe digerito il colle delle finestre? Da suo tifoso, dubito....vedremo...), Rujano perchè caduto nella cronometro di Firenze e condotto avanti con l'obbiettivo esclusivo della maglia verde....quante energie sprecate!!
quindi...Giro per scalatori, senza scalatori .
ma è un'opinione......

 

____________________
pedala che fa bene.....

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 28/05/2005 alle 23:30
1° Rujano
2° Simoni a 2' e 20"
3° Savoldelli a 5' e 11"
4° Di Luca a 5' e 30"

Questa la risultanza della classifica se venissero scorporate le due cronometro.
Non mi interessa come risultato finale, perchè la corsa in assenza del cronometro avrebbe avuto un indirizzo tattico differente, che avrebbe prodotto un esito differente.
Rimpiango dunque ciò che non ho potuto vedere partendo da questa base di valori, prima ancora che lamentarmi di quel che ho visto, meraviglioso
solamente sul piano estetico.
Ciao JanJan

 

____________________
Davide

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Tirreno-Adriatico




Posts: 58
Registrato: May 2005

  postato il 28/05/2005 alle 23:38
Se mio nonno aveva le ruote era una carriola!
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 28/05/2005 alle 23:41
La carriola ha una ruota sola, quindi tuo nonno, se avesse avuto le ruote, avrebbe dovuto essere qualcos'altro.
Vedo che hai esaurito gli argomenti.
Buona notte.

 

____________________
Davide

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 1635
Registrato: Apr 2005

  postato il 29/05/2005 alle 00:05
Notte aranciata.....
Penso di sapere il perchè della tua avversione alle cronometro, e non posso dare torto ai tuoi pensieri. Ma il cronometro è parte integrante di un grande giro...senza gli eccessi del Tour, mi pare che in questo giro, il passistone non fosse avvantaggiato. Cronometro vallonate, non particolarmente lunghe.
Poi so che qui si va sull'opinione e non voglio certo pensare di essere impeccabile nelle valutazioni.
Oggi ho visto una tappa emozionante. Non bella. Simoni è troppo limitato fisicamente per essere bello....maio un attacco deciso, mai un gesto perentorio.
Si è lamentato, ma ha consegnatyo lui il giro a Savoldelli...Sullo stelvio, con Rujano in fuga, lui ha fatto il ritmo, facendo il gregario di Savoldelli ed andando a limitare i danni per il falco dal piccolo venezuelano. per poi oggi chiedere che altri facessero quell'attacco che a lui serviva. Insomma.....Simoni ha perso il giro, lo ha fatto perdere a Rujano, lo ha fatto vincere ad un Savoldelli senza assolutamente squadra. Incredibile.
Falco furbo ed esperto, Simoni no.
Discovery channel che vince un giro senza neanche averci tirato.
Mah......
Insisto.....giro per scalatori, ma scalatori per un verso o l'altro inferiori alle attese (tranne il folletto venezuelano...ma chi ci credeva? Savio no......)
Notte ed a domani !

 

____________________
pedala che fa bene.....

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 29/05/2005 alle 00:09
Ciao Jan, sono costretto (volentieri) a riconoscere che nel tuo ultimo post non c'è una sola riga fuori posto, sono d'accordo.
Poi sono sotto l'influsso malefico della "trombatura del tifoso", e domani sarò costretto a ritrattare alcuni dettagli.
Tappa emozionante come poche comunque, assieme alla Roubaix e alla Liegi direi il meglio del ciclismo visto quest'anno.
Buona notte.

 

____________________
Davide

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Luglio 2009




Posts: 4217
Registrato: Oct 2003

  postato il 29/05/2005 alle 02:23
Savoldelli
Il Giro lo ha vinto con merito, perché è quello che ha sbagliato di meno e poi…… tanto di cappello per averlo rivinto dopo sfortune d’ogni genere e senza il becco d’una squadra. La Discovery, oltre al peso che gioca sul ciclismo….. per avere il Santo, ha pure un grande fondoschiena…
Che il Falco fosse in condizione s’è visto subito e se non è crollato come tanti, lo deve soprattutto alla sua intelligenza. Un inchino!

Simoni
Prima dello start, lo davo per favorito, perché pensavo potesse incunearsi con vantaggio nel duello annunciato fra Basso e Cunego. I due poi sono saltati, il Giro ha evidenziato tre nuove ed “impazzite” variabili come Savoldelli, Di Luca e Rujano e lui è rimasto lì, ma non aveva le gambe d’un tempo. La sua volontà ferrea, com’era prevedibile, non è bastata. E’ caduto più che in piedi e merita un grande applauso, dichiarazioni a parte, ma questo si sapeva….

Rujano
Ne ho già parlato in apposito thread: è il vincitore morale e potenziale. Non nascondiamocelo, è stato il più forte del lotto e tutti, nessuno escluso, sarebbero saltati se avessero speso quel che ha speso lui, in 20 giorni!
Chapeau!

Di Luca
Prima di questo 2005, lo consideravo un sopravvalutato. Dopo la primavera ero già convinto d’essermi sbagliato. Il Giro l’ha consacrato campione completo. Ieri sul Finestre è stato magistrale e non poteva certo sapere, vista l’inesperienza a questi livelli, che la sua condotta in salita, ma soprattutto in discesa, poteva prestarsi ad un crampo. Può vincere una prossima edizione del Giro….. Rujano permettendo....

Basso
Un signore che corre in bicicletta e di grande potenziale. La sfortuna del malanno l’ha pagata due volte. Sullo Stelvio, perché era in corso il disturbo e ieri, perché era nella logica un calo dopo gli sforzi comunque affrettati per l’uno due del Tenda e della cronometro. Dubito comunque che il Finestre sia una salita per lui digeribile. Spero aumenti un tantino di condizione per il Tour. Le salite d’oltralpe ed il caldo gli si addicono, ed avrà una squadrone a disposizione….

Cunego
Quando dicevo che non aveva gambe e che non avrebbe mai vinto questo Giro anche cancellando la tappa del Duran, rischiavo di passare per uno che si faceva suggestionare dal ruolo che era andato a recitare all’interno della Lampre. Purtroppo per lui era vero, eccome! Dove sia finito il Damiano del 2004 lo possono sapere solo in Lampre. Sono stati fatti degli errori nella sua preparazione e s’è cercato di commettere la solita idiozia di voler far diventare cronoman uno che non lo sarà mai. Anche sulla gestione interna, sull’uso tattico del veronese quando è uscito di classifica, nonché sulle tappe di avvicinamento al Giro, avrei da ridire. Non mancheranno le occasioni. Purtroppo dubito che possa riprendersi per correre il Tour da protagonista per la “gialla”. Spero proprio di sbagliarmi.

Garate
Senza infamia e senza lode. Un tipo che è lì, ma ti chiedi sempre quanto valga realmente e poi….non vince mai.

Honchar
Le gambe e gli anni calano e crescono proporzionalmente. Lo si vedeva, anche se in una corsa ad eliminazione come questa, la sua regolarità poteva anche far capolino. Ieri però, le sue lacune sono uscite tutte…

Karpets
Un Giro positivo, ma non è uno da podio per i grandi tour. E’ però il classico tipo che in mano al Maserati, potrebbe diventare quello che non è.

Caucchioli
Ha trent’anni, ed un buon corridore, ma si adatta meglio alla tipologia di corsa del Tour. In questo Giro, non era comunque al top della condizione.

Bruseghin
Per me un gran bel corridore a prescindere. Dovessi comporre una squadra professionistica, sarebbe una delle primissime scelte e…… quanto vorrei vincesse una corsa!

Sella
Un passo all’indietro rispetto al 2004, anche se va detto che non è giunto al Giro nelle migliori condizioni. Uno da rivedere, soprattutto per capire se potrà essere un futuro corridore da podio, oppure un cacciatore di tappe dal percorso con salite secche e corte.

Cioni
Mi ha deluso, lo confesso. E’ stata la mia previsione più sbagliata di questo Giro. Rimane un gran bel corridore, ma difficilmente conquisterà un podio nelle grandi corse a tappe. Ovviamente spero di essere smentito.

Scarponi
Una delusione. Competitivo per due settimane come sempre…Ho il timore che si sia troppo spremuto da dilettante ad inseguire Popovich, un altro che …..può miracolarsi solo col Santo… Lo dico sempre che le vittorie da Under sono più sconfitte che successi: montano la testa e non contano niente. Per vedere la consistenza di un corridore ci sono mille modi, quello della conta dei successi è il più bugiardo.

Van Huffel e Fothen
Due giovani (specie il tedesco) che si sono messi in luce. Preferisco il belga che mi sembra più virtuoso, mentre il tedesco è più regolare. Due nomi da seguire.

Morris

 

[Modificato il 29/05/2005 alle 02:29 by Morris]

____________________
"Non discutere con gli stupidi, perchè scenderesti al loro livello e ti batterebbero per la loro esperienza".

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Luglio 2009




Posts: 4217
Registrato: Oct 2003

  postato il 29/05/2005 alle 02:26
Originariamente inviato da aranciata_bottecchia

Per Morris: più che un paio di birre ti devo una birreria



Ci rimetteremo in gioco al Tour, stavolta con l'intento di svuotare una birreria, per la crisi del Santo.....

 

____________________
"Non discutere con gli stupidi, perchè scenderesti al loro livello e ti batterebbero per la loro esperienza".

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 2475
Registrato: Sep 2004

  postato il 29/05/2005 alle 06:11
dunque ha vinto Savoldelli,anche perche' e' stato piu' fortunato di Simoni,che non ha avuto l'apporto di Di Luca,grandissimo anche oggi,nel finale,poi avrebbe potuto vincere se nel finale avesse tenuto il passo di Rujano ma il venezuelano andava veramente fortissimo,e credo che dopo la tappa di ieri Gianni Savio non convochera' piu' Ardila in nazionale visto il grandissimo apporto a Savoldelli.va detto che i compagni di squadra di Simoni e Rujano sono mancati,ovvero Cunego e Parra che non hanno dato alcun aiuto ai loro capitani non perche' non volessero ma perche' non ne avevano,molto meglio ha fatto Illiano che e' stato quello a provocare il distacco della maglia rosa all'inizio della salita.comunque parlando in generale secondo me Karpets ha fatto molto bene e puo' si' puntare al podio ai grandi Giri,come ho detto il suo difetto e' nella tattica di gara,se oggi non avesse tentato di seguire Simoni e Di Luca e fosse rimasto con Savoldelli avrebbe fatto molto meglio anche se comunque sarebbe finito 7° ugualmente.Sella ha fatto un buon Giro,arrivando 10° contro il 12° posto dell'anno scorso,e quest'anno il livello era piu' alto,nelle tappe piemontesi non aveva la stessa condizione delle Dolomiti e allora ha cambiato tattica,staccandosi all'inizio delle salite e poi recuperando nel finale,non dimentichiamo che il vicentino ha avuto problemi fisici che gli hanno impedito un normale avvicinamento al Giro.tra i giovani i due piu' costanti sono stati effettivamente Van Huffel e Fothen,ma ce ne sono stati altri due che si sono segnalati ovvero Caruso e lo sfortunato Pozzovivo,mentre Christensen e in parte Dekker hanno deluso,ma hanno tutta la carriera davanti a se'.
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi
Utente del mese Marzo 2009
Utente del mese Giugno 2010




Posts: 4706
Registrato: Apr 2005

  postato il 29/05/2005 alle 06:31
Io oltre a far i complimenti x Savoldelli e Di Luca ed essere triste xkè Gibo nn è riuscito a vincere il Giro manderei a quel paese Van Huffel Ardila e Rujano:

 

____________________
"Qui devi spingere con le tue gambe vecio" Davide Cassani a Gilberto Simoni alla ricognizione di Plan De Corones

"Signori non c'è ne sono più" Gilberto Simoni ad Aprica 2006

Il mio nome è Roberto che fa rima (guarda un pò che caso) con Gilberto

30 maggio 2007 ultima vittoria al giro sullo Zoncolan. 30 Maggio 2010 la fine di un lungo sogno duranto 15 anni fatto di tante gioie e tante delusioni, grazie di tutto Gibo!



 
Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Marco Pantani




Posts: 1409
Registrato: Nov 2004

  postato il 29/05/2005 alle 07:57
Originariamente inviato da Guglielmo Tell

dunque ha vinto Savoldelli,anche perche' e' stato piu' fortunato di Simoni,che non ha avuto l'apporto di Di Luca,grandissimo anche oggi,nel finale


Bisogna sfatare questo punto di vista, che non é corretto. Simoni l'apporto di Di Luca l'ha avuto, eccome. Senza Di Luca non sarebbe mai arrivato in cima al Finestre con 2 e 20 di vantaggio su Savoldelli! E mentre Simoni era al traino della moto Di Luca sullo sterrato del Finestre, il povero Savoldelli era praticamente solo dietro a cercare di limitare i danni.
Poi, in fondo alla discesa, le cose si sono invertite, é anche giusto no?

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani




Posts: 1409
Registrato: Nov 2004

  postato il 29/05/2005 alle 08:01
Jan,

sottoscrivo il tuo ultimo post, che riflette bene anche il mio pensiero.

Ciao!

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 29/05/2005 alle 11:48
Bisogna sfatare questo punto di vista, che non é corretto. Simoni l'apporto di Di Luca l'ha avuto, eccome. Senza Di Luca non sarebbe mai arrivato in cima al Finestre con 2 e 20 di vantaggio su Savoldelli! E mentre Simoni era al traino della moto Di Luca sullo sterrato del Finestre, il povero Savoldelli era praticamente solo dietro a cercare di limitare i danni.
Poi, in fondo alla discesa, le cose si sono invertite, é anche giusto no?


Sia ringraziato il Cielo, ogni tanto sono in disaccordo anche con Felice e sono d’accordo con Guglielmo.
No, Simoni non è stato per nulla avvantaggiato dal forcing esuberante di Di Luca, perchè bisogna guardare al risultato complessivo e non al parziale.
Gilberto ha pure fatto notare a Danilo che stavano andando su ad una velocità eccessiva, Danilo gli ha risposto di stare tranquillo perchè si sentiva benissimo, e ovviamente per diplomazia qualche cambio Simoni lo ha pure dovuto dare.
Da quella prova di forza Di Luca ne ha ricavato i crampi e gli stessi Simoni e Rujano non hanno guadagnato un solo secondo sulla salita finale.
Bisogna rischiare di perdere per vincere, e Di Luca ha voluto tutto e subito, imparando qualcosa che gli sarà preziosissima l’anno prossimo, se avrà davvero intenzione di tentare la scalata al gradino più alto del podio.
Se fossero scollinati sul finestre con venti secondi in meno, probabilmente ne avrebbero guadagnati una trentina sul Sestrière.

 

____________________
Davide

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 6922
Registrato: Jul 2004

  postato il 29/05/2005 alle 11:48
Per Morris: sono tifoso di una precisa visione del ciclismo, e certe cose non mi piacciono, non ce la faccio proprio ad inchinarmi davanti a Savoldelli, indipendentemente dal fatto che i suoi avversari si sono comportati come il Milan con il Liverpool.
Condivido lettera per lettera tutto il resto.

 

____________________
Davide

 
Edit Post Reply With Quote
Nuovo Thread  Nuova risposta   Nuovo sondaggio
 
Powered by Lux sulla base di XMB
Lux Forum vers. 1.6
1.7859709