Board logo

Il Forum di Cicloweb

Non hai fatto il login | Login Pagina principale > Dite la vostra sul ciclismo! > La Roubaix riempie gli ospedali
Nuovo Thread  Nuova risposta  Nuovo sondaggio
< Ultimo thread   Prossimo thread >  |  Versione stampabile
Autore: Oggetto: La Roubaix riempie gli ospedali

Livello Fausto Coppi




Posts: 1825
Registrato: Jan 2005

  postato il 13/04/2005 alle 13:46
La regina delle classiche la Parigi-Roubaix ogni anno procura delle vittime, ecco perchè i corridori che hanno altri programmi per la stagione la evitano. Quest'anno le vittime principali sono le seguenti:

Peter Van Petegem (soffre anche di un'elongazione all'inguine destro)
Ludo Dierckxsens (lesione dei legamenti dell'anca destra)
Allan Davis (frattura della clavicola)
Leif Hoste (frattura dello sterno)
Victor Hugo Pena (trauma vertebrale)

Questo è un bollettino normale di questa gara, è per questo che chi la porta a termine è un super eroe

 

____________________
Il sito di Superandyweb

CAMPIONI IN CARICA

Team Raff
monsieur soixante
Dejanira
SuperSkunk
Pitoro
Zello Bike
Vigor cicling team
Silvia Team
Mercatone1
Pitoro
dmau
Ceramiche_Cauz
Superskunk

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 13/04/2005 alle 13:53
....e per questo Emiliano fa bene a ricordare che trattasi dell'ultima,splendida,follia del ciclismo!!!

....e chi nn la corre beh,peggio per lui....


 

[Modificato il 13/04/2005 alle 14:05 by Pirata x sempre]

____________________
Giuseppe Matranga

www.cicloweb.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Liegi-Bastogne-Liegi




Posts: 110
Registrato: Feb 2005

  postato il 13/04/2005 alle 14:04
secondo me per come è fatto il ciclismo moderno dove ci sono tantissimi corridori che possono vincere ogni tipo di corsa,quelli che hanno non hanno preso parte a questa gara(in previsioni di altre gare) non possono essere criticati.
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 1825
Registrato: Jan 2005

  postato il 13/04/2005 alle 14:19
Inviterei tutti a segnalare qui, in base alle notizie che avete, altri corridori momentaneamente fuori dalle corse per problemi di salute.

Fabrizio Guidi (frattura il radio cadendo alla Gand-Wevelgem)

 

____________________
Il sito di Superandyweb

CAMPIONI IN CARICA

Team Raff
monsieur soixante
Dejanira
SuperSkunk
Pitoro
Zello Bike
Vigor cicling team
Silvia Team
Mercatone1
Pitoro
dmau
Ceramiche_Cauz
Superskunk

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Non registrato



  postato il 13/04/2005 alle 14:21
So che Allan Davis oggi ha preso il via della Vuelta a Aragon, quindi magari credo che parlare di "frattura della clavicola" sia eccessivo, se il via in Spagna fosse confermato...

...o corre come Hamilton nel Tour 2003?!


 
Edit Post Reply With Quote

Livello Raymond Poulidor




Posts: 356
Registrato: Dec 2004

  postato il 13/04/2005 alle 15:06
Scusate, vado contro corrente. Secondo me un campione deve proporsi sempre negli appuntamenti importanti. Ripeto, la Roubaix può essere l'eccezione che conferma la regola ma oggi i grandi protagonisti tendono a snobbare i grandi avvenimenti a discapito di corse in preparazione ad altri grandi avvenimenti. Io mi scandalizzo quando Boogerd non partecipa alla Sanremo perchè non è alla sua portata o quando Mayo vola al Delfinato e non partecipa al Giro. Così critico i nostri Basso e Cunego. Dovevano partecipare alla Sanremo, dovevano partecipare al Fiandre. E poi cosa significa che una corsa non è alla portata di un campione...
Ma ci stiamo ammattendo anche noi tifosi? Con questa mentalità Chiappucci non avrebbe mai vinto la Sanremo, Bugno mai avrebbe vinto il Fiandre e Jalabert mai la Vuelta.
Non smettiamo mai di essere critici e di punzecchiare i campioni. Vorrei tanto vedere Basso e Cunego lottare sul Cauberg sabato per l'Amstel. Ma loro staranno certamente preparandosi per il Giro.

 

____________________
Ale

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Alfredo Binda




Posts: 1101
Registrato: May 2004

  postato il 13/04/2005 alle 16:12
Concordo con l'ultimo post: odio il ciclismo a compartimenti stagni. Personalmente le imprese che mi piacciono di più sono quelle ottenute su terreno avverso. Se avessi visto Zabel sui muri della fiandre in un gruppo di 4 o 5 persone, probabilmente mi sarei messo a gridare dalla gioia, così come quando Cipollini vinse la Gand andando in fuga, o come Virenque vinse la Parigi Tours "alla Tafi". Ricordo che Argentin ha rischiato di vincere un Giro d'Italia, così come ho ancora impressa nelle mente un tappone alpino del giro di 10-12 anni fa con Abdujaparov in fuga assieme agli uomini di alta classifica. Per dirlo con linguaggio filosofico l'essenza del ciclisnmo sta nel tutto, nell'intero, nell'unità come Coppi, Merckx ed Hinault ci hanno insegnato con le loro gesta. Tutti questi atleti hanno vinto il mondiale, il giro, il tour e la roubaix: non è un caso!

 

____________________
"Un uomo solo è al comando; la sua maglia è bianco-celeste; il suo nome è Fausto Coppi", Mario Ferretti, Radiocronista Rai

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Tour




Posts: 241
Registrato: Mar 2005

  postato il 13/04/2005 alle 16:16
Se sono di questa entità gli infortuni alla Roubaix credo proprio che per il buon Ludo Diercksens la carriera sia davvero finita. O vorrà ripartire ancora a 40 anni?
 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Non registrato



  postato il 13/04/2005 alle 16:17
Basso è dato partente nell'Amstel Gold Race, almeno nel sito ufficiale della corsa...
 
Edit Post Reply With Quote

Livello Alfredo Binda




Posts: 1101
Registrato: May 2004

  postato il 13/04/2005 alle 16:25
Vorrei inoltre difendere la grandezza della Roubaix con qualche dato, dimostrando che chi la snobba ha torto marcio.
Se prendete lo speciale della Gazzetta dello sport sulle grandi classiche notate che viene stilata una classifica dei plurivittoriosi delle grandi classiche, un po' come feci qualche mese fa su questo forum (la differenza è che io consideravo i monumenti, mentre la gazzetta considera tutte le classiche del pro tour escluso il gp di plouay). Questa differenza esprime tanto meglio quanto voglio dimostrare sul sito:

http://www.gazzetta.it/Speciali/Grandi-Classiche/statistiche.shtml

come si può notare tutti i primi 9 di questa classifica di plurivittoriosi hanno vinto la Parigi Roubaix. Nessun'altra classica è stata vinta da tutti i primi 9 della classifica! Il primo dei grandi (il decimo della lista) a non avere vinto la Roubaix è Argentin che ha vinto in compenso il Fiandre. La seconda grande classica che può vantare successi dei primi del ranking è la Milano Sanremo che, infatti, in termini di blasone e nobiltà è seconda soltanto alla regina delle classiche.
Come possiamo vedere nemmeno il campionato del mondo vanta risultati paragonabili alla Roubaix perchè due grandissimi come Kelly e De Vleaminck non l'hanno vinto (De Vleaminck per la verità ha vinto il mondiale ciclocross), mentre tutti questi e altri grandissimi hanno vinto la Roubaix.
Non è quindi vero che i grandi fuggono dalla Roubaix. Gli eccezionali cacciatori di classiche che costituiscono la top ten della classifica della gazzetta, con la sola eccezione di Argentin che guarda caso è proprio decimo, hanno vinto la Roubaix.
Partendo quindi dal presupposto che non sia solo una corsa a dare grandezza ad un corridore (mi piacerebbe che Armstrong leggesse queste righe...), ma che siano anche i corridori a fare grande il blasone di una corsa risulta evidente che i cacciatori di classiche più grandi abbiano tutti vinto la Roubaix (mentre non tutti hanno vinto la Liegi o il Lombardia o il Fiandre o la Sanremo o il Mondiale).
Signori dopo questo non c'è nulla da dire: La Parigi Roubaix è più che mai la vera regina delle corse d'un giorno e chi la snobba ha torto!

 

____________________
"Un uomo solo è al comando; la sua maglia è bianco-celeste; il suo nome è Fausto Coppi", Mario Ferretti, Radiocronista Rai

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 1825
Registrato: Jan 2005

  postato il 13/04/2005 alle 16:32
Retifico e mi scuso per quanto scritto sul Allan Davis, la mia fonte lo dava malconcio, ma oggi è arrivato secondo dietro a Petacchi, per cui in gran forma
Meglio così!!!

 

____________________
Il sito di Superandyweb

CAMPIONI IN CARICA

Team Raff
monsieur soixante
Dejanira
SuperSkunk
Pitoro
Zello Bike
Vigor cicling team
Silvia Team
Mercatone1
Pitoro
dmau
Ceramiche_Cauz
Superskunk

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Tour




Posts: 185
Registrato: Nov 2002

  postato il 13/04/2005 alle 16:50
pure io avevo letto dell'icidente di Allan Davis (lo stesso di Van Petegem), e oggi te lo vedo secondo al giro d'Aragona...

Non penso che possano averlo scambiato con il fratello Scott che corre nella Tenax.

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Tour




Posts: 218
Registrato: Feb 2005

  postato il 14/04/2005 alle 09:30
Ma è x questo che è grandiosa mitica romantica esaltante folle, la Roubaix!!!
...Come dice un amico ciclista..."l'ultima corsa proletariaaaa!!!"

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani




Posts: 1409
Registrato: Nov 2004

  postato il 15/04/2005 alle 18:43
Originariamente inviato da Emiliano

Vorrei inoltre difendere la grandezza della Roubaix con qualche dato, dimostrando che chi la snobba ha torto marcio.
Se prendete lo speciale della Gazzetta dello sport sulle grandi classiche notate che viene stilata una classifica dei plurivittoriosi delle grandi classiche, un po' come feci qualche mese fa su questo forum (la differenza è che io consideravo i monumenti, mentre la gazzetta considera tutte le classiche del pro tour escluso il gp di plouay). Questa differenza esprime tanto meglio quanto voglio dimostrare sul sito:

http://www.gazzetta.it/Speciali/Grandi-Classiche/statistiche.shtml

come si può notare tutti i primi 9 di questa classifica di plurivittoriosi hanno vinto la Parigi Roubaix. Nessun'altra classica è stata vinta da tutti i primi 9 della classifica! Il primo dei grandi (il decimo della lista) a non avere vinto la Roubaix è Argentin che ha vinto in compenso il Fiandre. La seconda grande classica che può vantare successi dei primi del ranking è la Milano Sanremo che, infatti, in termini di blasone e nobiltà è seconda soltanto alla regina delle classiche.
Come possiamo vedere nemmeno il campionato del mondo vanta risultati paragonabili alla Roubaix perchè due grandissimi come Kelly e De Vleaminck non l'hanno vinto (De Vleaminck per la verità ha vinto il mondiale ciclocross), mentre tutti questi e altri grandissimi hanno vinto la Roubaix.
Non è quindi vero che i grandi fuggono dalla Roubaix. Gli eccezionali cacciatori di classiche che costituiscono la top ten della classifica della gazzetta, con la sola eccezione di Argentin che guarda caso è proprio decimo, hanno vinto la Roubaix.
Partendo quindi dal presupposto che non sia solo una corsa a dare grandezza ad un corridore (mi piacerebbe che Armstrong leggesse queste righe...), ma che siano anche i corridori a fare grande il blasone di una corsa risulta evidente che i cacciatori di classiche più grandi abbiano tutti vinto la Roubaix (mentre non tutti hanno vinto la Liegi o il Lombardia o il Fiandre o la Sanremo o il Mondiale).
Signori dopo questo non c'è nulla da dire: La Parigi Roubaix è più che mai la vera regina delle corse d'un giorno e chi la snobba ha torto!


Ciao Emiliano,

lasciami dire che la tua argomentazione in favore della Roubaix tiene ad un filo. Un filo, d'altronde, che ha un nome e un cognome: Henri Suter. Ora, non voglio dir male di questo Suter, di cui, in tutta sincerità, non conosco le gesta. Ma mi sembra chiaro che Suter "usurpa" la sua posizione nel top ten. In effetti c'é grazie a 6 vittorie nel Campionato di Zurigo, una corsa a cui solo negli ultimi anni é stata attribuita una certa importanza.

Lasciami quindi togliere Suter dalla lista e rifare la tua analisi. Intanto nel top ten entra Gino Bartali, con un sicuro guadagno in fatto di prestigio. La situazione della varie classiche cambia un po': troviamo ex-aequo la Sanremo (vittorie mancate di Museeuw e Argentin), la Roubaix (Argentin e Bartali) e il Lombardia (Raas e Museeuw).
Per cercare di trovare un vincitore a questa volata tra le classiche, possiamo includere il successivo pluri-vittorioso: si tratta di Costante Girardengo, vincitore di Sanremo e Lombardia, ma non della Roubaix. Roubaix traccata di una lunghezza dunque, ma ancora niente vincitrice...
Aggiungiamo il successivo: Bernard Hinault, vincitore di Roubaix e Lombardia, ma non della Sanremo. Quindi: Roubaix in recupero, ma Lombardia vincitore dello sprint! Suvvia, forse é un caso... Proviamo ad aggiungerne ancora uno, chissà che non le ritroviamo ancora insiome... Michele Bartoli, vincitore del Lombardia, ma con 0 vittorie a Sanremo e Roubaix.

E no, non c'é dubbio: la regina delle classiche é il Lombardia!!! Battuta allo sprint si classifica al secondo posto la Sanremo, terza la Roubaix.
Ohibò, "il" Lombardia? Non é che siamo in presenza di un re piuttosto che di una regina?

Miracoli dello sciovinismo e della propaganda dei Francesi! Che fanno dire ad alcuni che un Giro vale poco più di una tappa del Tour e a (tanti) altri che una Roubaix vale più di una Sanremo o di un Lombardia!
Così come ci fanno credere che non si possa bere un buon vino o mangiare un buon formaggio che non venga dalla terra di Francia, che gli Champs Elisées sono "la plus belle avenue du monde", che Virenque é stato il più grande scalatore di tutti i tempi, ecc., ecc...

Per dirla come la direbbero loro (i Francesi) non bisogna lasciarsi "rouler dans la farine"!

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Alfredo Binda




Posts: 1101
Registrato: May 2004

  postato il 15/04/2005 alle 21:16
Caro Felice, accolgo il parere autorevole di una persone come te che ho sempre molto stimato in questo forum. Ovviamente il mio post aveva un tono volutamente estremo. Se accolgo tutte le tue considerazione emergerebbe un nuovo "re", vale a dire il Lombardia; mi verrebbe da dire: che male c'è? Trattasi infatti di una corsa fantastica!
La sostanza del ragionamento è cmq che la Roubaix viene staccata di poche lunghezze e ciò dimostra che non è stata solo una corsa per specialisti, ma dovrebbe essere onorata in modo maggiore anche da altri corridori.
Possiamo giocare come vogliamo con i numeri, perchè nel ciclismo ovviamente i numeri aiutano a capire la realtà, ma non sono la verità. Io ho giocato con i numeri della gazzetta e tu hai giocato, individuando il punto debole del ranking.
Per il resto che dire?
Principalmente due cose:
1) il campionato di Zurigo è stata una grande corsa dal passato molto più prestigioso di quanto si possa credere. Non si tratta di un classico di S.Sebastiano, perchè Bartali l'ha corsa e l'ha vinta (una se non addirittura due volte) nel dopoguerra, quando raramente i nostri corridori di punta disputavano la Liegi.
2) E' veramente segno di pedanteria cercare di discriminare una roubaix da un lombardia in termini di prestigio, ma, permettetemi di dire, se chiedete ad una persona minimamente esperta di ciclismo quale è la corsa in linea con un qualcosa in più, obbligandola ad indicare un nome soltanto, credo che i pareri si divideranno fra Roubaix e Mondiale! La Roubaix è corsa atipica, è corsa romantica e di altri tempi. I settori di pavè sono l'unica cosa che ricollega il mondo antico con quello del ciclismo moderno. E' l'anello di congiunzione che tiene più di ogni altra cosa un filo di continuità del passato. E noi sappiamo che non c'è sport che più si ispiri alla tradizione del ciclismo.
Certo, sono pronto ad ammettere che la Roubaux sia la più ingiusta delle corse, perchè non sempre premia il migliore e non è per tutti: i grandi scalatori ne sono tagliati fuori a priori. Ma 1 miliardo di telespettatori forse non li mobilita nemmeno il Tour. Vuol dire che forse il fasicno della Pascale ed il blasone di una corsa che in parte è rimasta davvero uguale a quella di 100 anni fa rende attuale un detto latino:
"semel in anno licet insanire"

P.S. Caro Felice, ovviamente parte di questo post non era solo per risponderti (perchè credo che siamo d'accordo su tutto e perchè tu contestavi gentilmente solo l'uso di quei numeri della classifica gazzetta), ma anche per elogiare la regina delle classiche.

 

____________________
"Un uomo solo è al comando; la sua maglia è bianco-celeste; il suo nome è Fausto Coppi", Mario Ferretti, Radiocronista Rai

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani




Posts: 1409
Registrato: Nov 2004

  postato il 16/04/2005 alle 16:47
Ciao Emiliano,

discuto sempre con grande piacere con te, tanto più che ci capita spesso di difendere tesi diverse e questo porta inevitabilmente ad affinare e a precisare le argomentazioni, rendendo la discussione (almeno a mio parere) più interessante.
Nel tuo post dici molte cose che condivido. Lo riprendo quindi non certo per controbattere, ma solo per aggiungere qualche commento.

Originariamente inviato da Emiliano

Caro Felice, accolgo il parere autorevole di una persone come te che ho sempre molto stimato in questo forum. Ovviamente il mio post aveva un tono volutamente estremo. Se accolgo tutte le tue considerazione emergerebbe un nuovo "re", vale a dire il Lombardia; mi verrebbe da dire: che male c'è? Trattasi infatti di una corsa fantastica!


Perfettamente d'accordo!! Anzi credo che se noi Italiani avessimo la capacità di marketing che hanno i Francesi, il Lombardia sarebbe ben più considerato di quello che é.


Originariamente inviato da Emiliano
La sostanza del ragionamento è cmq che la Roubaix viene staccata di poche lunghezze e ciò dimostra che non è stata solo una corsa per specialisti, ma dovrebbe essere onorata in modo maggiore anche da altri corridori.


Gli assenti hanno sempre torto, non c'é niente da dire. Comunque ritornerò su questo argomento un po' più in basso.

Originariamente inviato da Emiliano
Possiamo giocare come vogliamo con i numeri, perchè nel ciclismo ovviamente i numeri aiutano a capire la realtà, ma non sono la verità. Io ho giocato con i numeri della gazzetta e tu hai giocato, individuando il punto debole del ranking.
Per il resto che dire?
Principalmente due cose:
1) il campionato di Zurigo è stata una grande corsa dal passato molto più prestigioso di quanto si possa credere. Non si tratta di un classico di S.Sebastiano, perchè Bartali l'ha corsa e l'ha vinta (una se non addirittura due volte) nel dopoguerra, quando raramente i nostri corridori di punta disputavano la Liegi.


E' vero. Lungi da me il disprezzare il Campionato di Zurigo. Però, pur non avendo gli Albi d'oro sotto mano, sono praticamente sicuro che diverse altre corse che non rientrano nella lista ne hanno uno almeno equivalente, se non superiore, a quello del Campionato di Zurigo. Magari già il Giro dell'Appennino, tanto per citare una corsa che é attualmente in discussione nel Forum. D'altronde Merckx lo Zurigo non l'ha mai vinto e questo é un fatto che si commenta da solo.

Originariamente inviato da Emiliano
2) E' veramente segno di pedanteria cercare di discriminare una roubaix da un lombardia in termini di prestigio, ma, permettetemi di dire, se chiedete ad una persona minimamente esperta di ciclismo quale è la corsa in linea con un qualcosa in più, obbligandola ad indicare un nome soltanto, credo che i pareri si divideranno fra Roubaix e Mondiale! La Roubaix è corsa atipica, è corsa romantica e di altri tempi. I settori di pavè sono l'unica cosa che ricollega il mondo antico con quello del ciclismo moderno. E' l'anello di congiunzione che tiene più di ogni altra cosa un filo di continuità del passato. E noi sappiamo che non c'è sport che più si ispiri alla tradizione del ciclismo.


Capisco perfettamente questo punto di vista. Certo che alla Roubaix, specie col maltempo, si sente il profumo del ciclismo di altri tempi, e questo affascina. Però anche al Fiandre é un po' così e in più ci sono i muri. Come ho scritto nel thread col sondaggio da te proposto, dovendo fare del pavé, forse il percorso del Fiandre é più bello. Comunque, é una questione di gusti...

Originariamente inviato da Emiliano
Certo, sono pronto ad ammettere che la Roubaux sia la più ingiusta delle corse, perchè non sempre premia il migliore e non è per tutti: i grandi scalatori ne sono tagliati fuori a priori.


E sì, non é una corsa molto "democratica". E qui bisogna forse spezzare una lancia in favore degli assenti, quelli "che hanno sempre torto". E sì, perché d'accordo che l'importante é partecipare, ma loro sono dei professionisti e devono ottimizzare i risultati. La stagione é lunga e dura, se uno ha zero possibilità di fare bene, comunque si prepari, semplicemente a causa della conformazione fisica, é forse meglio che alla Roubaix non ci vada. Tanto più che magari rischia pure di lasciarci qualche osso...

Originariamente inviato da Emiliano
Ma 1 miliardo di telespettatori forse non li mobilita nemmeno il Tour. Vuol dire che forse il fasicno della Pascale ed il blasone di una corsa che in parte è rimasta davvero uguale a quella di 100 anni fa rende attuale un detto latino:
"semel in anno licet insanire"


Beh, qui si applica quanto ho scritto nell'altro thread. Per forza gli spettatori del Lombardia o della Sanremo sono meno. Qui in Francia non le hanno mica trasmesse!

Originariamente inviato da Emiliano
P.S. Caro Felice, ovviamente parte di questo post non era solo per risponderti (perchè credo che siamo d'accordo su tutto e perchè tu contestavi gentilmente solo l'uso di quei numeri della classifica gazzetta), ma anche per elogiare la regina delle classiche.


Un carissimo saluto

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Marco Pantani




Posts: 1409
Registrato: Nov 2004

  postato il 17/04/2005 alle 12:18
Scusa Emiliano,

nel mio post di ieri avevo dimenticato un dettaglio.

Originariamente inviato da Emiliano

Ma 1 miliardo di telespettatori forse non li mobilita nemmeno il Tour.


Questa cifra di 1 miliardo da che sorgente la hai tratta e, soprattutto, cosa vuol dire? Si tratta forse della somma delle popolazioni dei paesi che hanno trasmesso la Roubaix in TV? Anche in questo caso mi sembra sovrastimata, ma non sarebbe completamente irragionevole.

Se però parli di telespettatori veri, ovvero di gente che si é seduta in poltrana per guardare la Roubaix in TV, allora devi dividere quella cifra almeno per 100 per ottenere un numero ragionevole.

Ciao!

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 17/04/2005 alle 12:34
...credo di poterti rispondere io,carissimo Felice,rifacendomi alle parole dette da Bulbarelli(e capisco che cio'potrebbe nn bastare... ),ma soprattutto confermate da Cassani nell'ultima telecronaca dell'eroica corse Francese!

CIAO

 

____________________
Giuseppe Matranga

www.cicloweb.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Marco Pantani




Posts: 1409
Registrato: Nov 2004

  postato il 17/04/2005 alle 12:46
Originariamente inviato da Pirata x sempre

...credo di poterti rispondere io,carissimo Felice,rifacendomi alle parole dette da Bulbarelli(e capisco che cio'potrebbe nn bastare... ),ma soprattutto confermate da Cassani nell'ultima telecronaca dell'eroica corse Francese!

CIAO


Mi stuzzichi la curiosità caro Pirata_Giuseppe. Cosa hanno detto? Io la Roubaix l'ho vista alla televisione francese...

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Alfredo Binda




Posts: 1101
Registrato: May 2004

  postato il 17/04/2005 alle 13:11
Caro Felice,
Pirata ti ha già risposto sul miliardo di telespettatori.
Al caro Felice: riprendo questa mia frase dell'ultimo post
"E' veramente segno di pedanteria cercare di discriminare una roubaix da un lombardia in termini di prestigio, ma, permettetemi di dire, se chiedete ad una persona minimamente esperta di ciclismo quale è la corsa in linea con un qualcosa in più, obbligandola ad indicare un nome soltanto, credo che i pareri si divideranno fra Roubaix e Mondiale!"

E' proprio il nostro dialogo che mi ha suggerito di aprire poi il thread con sondaggio sulla classica più prestigiosa. Penso che i risultati confermino la fama dell'inferno del Nord.
Detto questo, il sondaggio è fatto su piccoli numeri e non è rappresentativo e, come sempre, rappresenta un gioco.
Ti saluto con affetto!
Alla prossima!

 

____________________
"Un uomo solo è al comando; la sua maglia è bianco-celeste; il suo nome è Fausto Coppi", Mario Ferretti, Radiocronista Rai

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 17/04/2005 alle 16:56
Originariamente inviato da Felice

Originariamente inviato da Pirata x sempre

...credo di poterti rispondere io,carissimo Felice,rifacendomi alle parole dette da Bulbarelli(e capisco che cio'potrebbe nn bastare... ),ma soprattutto confermate da Cassani nell'ultima telecronaca dell'eroica corse Francese!

CIAO


Mi stuzzichi la curiosità caro Pirata_Giuseppe. Cosa hanno detto? Io la Roubaix l'ho vista alla televisione francese...



poco o niente al riguardo,la inserivano in un discorso generale meritatamenteincensatorio verso la Roubaix,mi sembra aggiungendo che solo il Tour ed il Mondiale fossero le altre manifestazioni ciclistiche con un ritorno di pubblico simile!

ciao

 

____________________
Giuseppe Matranga

www.cicloweb.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Marco Pantani




Posts: 1409
Registrato: Nov 2004

  postato il 18/04/2005 alle 19:11
Originariamente inviato da Pirata x sempre

Originariamente inviato da Felice

Originariamente inviato da Pirata x sempre

...credo di poterti rispondere io,carissimo Felice,rifacendomi alle parole dette da Bulbarelli(e capisco che cio'potrebbe nn bastare... ),ma soprattutto confermate da Cassani nell'ultima telecronaca dell'eroica corse Francese!

CIAO


Mi stuzzichi la curiosità caro Pirata_Giuseppe. Cosa hanno detto? Io la Roubaix l'ho vista alla televisione francese...



poco o niente al riguardo,la inserivano in un discorso generale meritatamenteincensatorio verso la Roubaix,mi sembra aggiungendo che solo il Tour ed il Mondiale fossero le altre manifestazioni ciclistiche con un ritorno di pubblico simile!

ciao


A dire il vero, mi incuriosiva questa storia del miliardo di telespettatori. Davvero Bulbarelli ha detto una così palese assurdità?

1 miliardo... Ovvero, da Pekino a Nuova Delhi, da Tokio a Singapore, da Oslo a Città del Capo, da Washington a Buones Aires, da Bogotà a Lagos, ovunque insomma, una buona fetta della popolazione si é seduta davanti al televisore, compressi i lattanti e i vecchi affetti dall'Alzheimer?

Se invece intendeva la somma delle popolazioni dei paesi che avevano acquistato i diritti televisivi, beh, tra il dire che in Italia trasmettono la Roubaix in telesivione e il dire che tutti gli Italiani la stanno guardando, ce ne corre...

 
Edit Post Reply With Quote

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 18/04/2005 alle 21:06
beh in effetti credo che,come spesso succede,si parlasse di ascoltatori potenziali...anche se l'aggiungere che tale corsa e'tra le tre piu'seguite del panorama ciclistico mondiale vuol dire che qualche dato in loro possesso l'avranno!

io di certo no....

 

____________________
Giuseppe Matranga

www.cicloweb.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 1825
Registrato: Jan 2005

  postato il 21/04/2005 alle 12:53
Ogni gara puo portare degli imprevisti, anche quelle meno pericolose come la Freccia Vallone di ieri...

"MILANO - Una caduta bestiale nel corso della Freccia Vallone di ieri, obbligherà, per le fratture riportate, il tedesco Rolf Aldag della T-Mobile e Michele Gobbi della Domina Vacanze, a restare a risposo per parecchie settimane.
Il tedesco si è rotto il radio, oltre a riportare tagli ed escoriazioni varie, per Gobbi invece le conseguenze sono state decisamente peggiori, essendosi fratturato il femore."


 

____________________
Il sito di Superandyweb

CAMPIONI IN CARICA

Team Raff
monsieur soixante
Dejanira
SuperSkunk
Pitoro
Zello Bike
Vigor cicling team
Silvia Team
Mercatone1
Pitoro
dmau
Ceramiche_Cauz
Superskunk

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage

Livello Fausto Coppi




Posts: 3567
Registrato: Jul 2004

  postato il 21/04/2005 alle 14:49
in bocca la lupo di pronta guarigione ad entrambi....

 

____________________
Giuseppe Matranga

www.cicloweb.it

 
E-Mail User Edit Post Reply With Quote Visit User's Homepage
Nuovo Thread  Nuova risposta   Nuovo sondaggio
 
Powered by Lux sulla base di XMB
Lux Forum vers. 1.6
1.7434871